Jump to content
Sign in to follow this  
roadvirus

Un topic in bianco e nero

Recommended Posts

Eh bisogna ammettere che il modulo non funziona bene, la Juve potrebbe benissimo fare la difesa a 4, perché Chiellini sulla sinistra gioca bene, e a destra Lichtsteiner nasce proprio terzino destro.

 

a centrocampo si potrebbe giocare a tre, e quindi in attacco pure, con gli esterni che potrebbero perfino mantenere uno schieramento a centrocampo a cinque, i giocatori per fare bene questi ruoli, tra Pogba, Vidal e Marchisio ci sono, ma anche Asamoah avrebbe meno campo da percorrere, e Tevez potrebbe spaziare meglio, un modulo che all'occorrenza ti permette di giocarti il tutto per tutto con tre punte.

 

Certo poi se i giocatori imbeccano la serata storta, non si può sempre vincere... ma magari si sarebbe più attrezzati in Europa.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Solita impressione, non c'è spinta. Si, certo, siamo stati avanti quasi tutta la partita, ma per quanto siamo stati avanti le occasioni create... poco e niente. Comunque, partita noiosa e gioco troppo orizzontale. Ci si muove lenti come elefanti e macchinosi, poi si spera che pirlo metta una palla giusta a campanile per lorente... deludente. Se questa era la squadra che avevano preparato per la champions... è un bene che ne siamo usciti subiti.

 

Piuttosto, in prospettiva per l'anno prossimo e soprattutto per gli anni a venire, ha senso continuare con conte, buffon e pirlo?

Share this post


Link to post
Share on other sites

Non capirò mai perché si continui a puntare su questo modulo. La Juve potrebbe giocare tranquillissimamente con la difesa a 4, poi, per sfruttare gli esterni si usa il 4-4-2, se preferisci il possesso palla fai il 4-3-3 stile barca o quello del Real di questi ultimi mesi che in difesa diventa sempre 4-4-2, oppure il modulo che andava tantissimo gli ultimissimi anni in europa, il 4-2-3-1.

 

Lichtseiner rimane un signor terzino, Chiellini può farlo e così ogbonna (in modo da essere coperti lo stesso dato che nascono centrali) naturalmente un buon acquisto per questo ruolo era già da farsi

 

A centrocampo hai campioni e talenti come Pirlo, Vidal, Marchisio, Pogba tutti buoni per giocare a tre la in mezzo

 

In avanti hai una punta classica come Llorente, un' ottima seconda punta come Tevez, gli altri non saranno ai loro livelli e anche qua va fatto un acquisto, ma Osvaldo, Vucinic, Giovinco....dai non sarà l'attacco migliore e lo sappiamo, ma i giocatori per non fossilizzarti su quel modulo ce li hai eccome.

 

La stagione non può essere negativa visto il terzo scudetto consecutivo, ma l'eliminazione dalla coppa Italia, dalla Champions e dall'Europa League con finale in casa.....è roba pesante, per una squadra costruita per giocarsela almeno nei primi turni ad eliminazione diretta di champions

Share this post


Link to post
Share on other sites
Piuttosto, in prospettiva per l'anno prossimo e soprattutto per gli anni a venire, ha senso continuare con conte, buffon e pirlo?

 

 

Mah...son discorsi diversi...

 

- Conte è l'artefice principale della rinascita, è inutile che ce lo nascondiamo: è un grande motivatore, ha grandissima abnegazione ed è anche ambizioso; è anche preparato, perchè la Juve, quando la condizione fisica l'ha aiutata, ha giocato e gioca un ottimo calcio. Il problema è che la sua idea di gioco rimane incompiuta, perchè per realizzarla alla juve non c'erano i giocatori, e comprarne in quei ruoli si spendono un sacco di soldi: lui vorrebbe attuare una sorta di 4-4-2 "offensivissimo", in cui gli esterni di centrocampo in pratica sono attaccanti aggiunti, i due mediani sono sia di spinta che di contenimento (alla Gerrard) e le punte sono punte di movimento, che all'occorrenza si sacrificano per difendere. Alla Juve è capitato che, causa affari irrinunciabili (dico sul serio, Marotta ha fatto benissimo), un anno gli hanno comprato un regista classico, e un altro anno una prima punta lungagnona.....mentre non sono arrivati nè esterni nè terzini.

Lui si è adattato e ha fatto di necessità virtù,ma non è detto che sia disposto a fare altrettanto anche il prossimo anno, e magari andrà dove, con moneta sonante alla mano, potranno costruirgli la squadra che vuole lui. Non è detto che per noi sia necessariamente un male (anche se io, ora come ora, allenatori in grado di fare meglio che siano anche disponibili e a buon mercato non ne vedo), perchè comunque ha anche i suoi bei difetti......ma è un discorso tutto ipotetico.

 

- Buffon a me pare il problema minore, sinceramente: gioca in un ruolo storicamente "longevo", in cui si arriva tranquillamente ai 40, e dove rimpiazzi forti ce ne sono pochi, e tutti molto costosi (a Udine per Scuffet chiedevano 20 milioni se non erro). Poi c'è il problema che in teoria Gigi sarebbe anche il capitano.

 

- Pirlo....beh, per lui vale il discorso di prima: si trova a giocare in una squadra che l'allenatore vorrebbe far giocare in un altro modo ma che, data la sua presenza, gioca facendo affidamento su di lui. Questo è positivo perchè le qualità di Andrea sono quelle che sono, ma è anche negativo perchè cosi non si sviluppano schemi di gioco alternativi che non prevedano la sua regia.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Ha senso eccome continuare a giocare con Buffon e Pirlo, ed avrebbe senso anche che restasse Conte in panchina, al limite la squadra, va migliorata con acquisti mirati, in ruoli scoperti per un modulo migliore o migliorabile, considerato che anche con la rosa attuale si può giocare in maniera diversa.

Io continuo a vedere una squadra competitiva, che potrebbe puntare ai massimi livelli.

La Juve non è una squadra senza possibilità di migliorare anche ed ancora con innesti di buon valore.

 

D'altra parte togliere Buffon e Pirlo ormai non avrebbe senso economicamente parlando, e sostituirli potrebbe essere difficile e oltremodo dispendioso, quei soldi andrebbero per cui investiti per altri ruoli, tipo un terzino in più, e giocatori di fascia e di movimento in più. non dimentichiamo che ci sono poi ottimi giovani in giro, papabili di vestire la maglia bianconera, da Immobile a Berardi, ad esempio.

 

La squadra ha una mentalità vincente, ma deve comprendere che in europa questa mentalità va attuata in maniera diversa, più aggressiva, anche a costo di rimetterci diversi punti per il campionato, che sta diventando sempre più povero tecnicamente, tra l'altro.

 

Continuo a non condividere che sia stato meglio uscire dalla Champions per giocarsi questa Europa League, che come si vede, non è poi così facile vincere a spasso...

 

essere eliminati dal Bayern l'anno scorso, è stato comunque onorevole, e a furia di giocare le fasi finali della competizione, non fai altro che crescere di livello e potenzialità, oltre che poter avere l'annata giusta come condizione per andare fino in fondo.

 

L'Atletico Madrid sembra essere molto più forte della Juve, eppure conta anche di Tiago e Diego... fallimenti Juve, e di una mentalità aggressiva e vincente, mi piacerebbe sapere chi a inizio stagione avrebbe scommesso tutto sull'Atletico e niente sulla Juventus.

 

La mentalità del sentirsi inferiori non porta mai a niente di buono.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Ovviamente la mia domanda era un pò provocatoria un pò frutto della frustrazione di vedere una squadra che ha dei punti di forza che si stanno trasformando in punti di debolezza.

 

- Partiamo dal fatto che Conte è quel signore da portare sugli scudi per essere riuscito a ritemprare una juve venuta da stagioni disastrate con alle spalle lo spettro della serie B. Ha avuto una bella fetta di merito Marotta, ma non ci giriamo intorno, Conte è un ottimo motivatore e senza di lui questa serie di scudetti ce la sognavamo. Però arriva un certo punto in cui gli allenatori diventano anche grati ai propri giocatori, e a me sembra che ci stiamo incamminando su questa strada. Per l'anno prossimo vorrei vederlo ancora sulla panchina, ma è in grado di dare una sterzata per farci puntare finalmente a un traguardo europeo?

 

- Buffon: Buffon è il portierone da cui ti puoi aspettare tutto ormai. Ti può fare un partitone e ti manda avanti quel turno, poi la partita dopo un tiro scemo lui sta a pensare ad altro la palla entra e siamo fuori comunque. Ricordo Rossi al milan. Non era un fenomeno, ma queste disattenzioni non le aveva e la diga che aveva avanti era più che sufficiente per arrivare a fine gara a rete inviolate. Buffon è capitano, ma è pure ora che troviamo un capitano che gioca e al momento decisivo va a parlare con l'arbitro.

 

- Pirlo: ok, ottima prima stagione. Seconda così così. Terza un disastro. Non per lui, non mi fraintendete. Bellissime punizioni che ci permettono qualche volta di sbloccare una partita ferma. Impegno, tutto quello che volete. Ma lento, lento e macchinoso. In più, grazie alla sua abilità ci siamo beccati un tipo di gioco che cordialmente detesto. Trovo di una noia mortale vedere un'infinità di passaggi orizzontali per poi cercare l'imbucata a campanile che scavalca la difesa per cercare che la punta ci metta la zampata. Per costruire un'azione ci mettiamo un'infinità e oltre. Sotto area non siamo in grado di scardinare la difesa. Insomma, quest'anno abbiamo segnato parecchi gol in campionato, ma in europa abbiamo sempre e dico sempre fatto fatica a fare un gol. Per me così non va, si deve pensare a superare questo gioco, sennò in europa non andremo da nessuna parte.

 

- Capitolo a parte: altri giocatori da rimpiazzare. Tra tutti dico Isla. Non gli ho visto fare una sola partita decente, e ogni volta che veniva sostituito con leichstaner la partita cambiava volto (ovviamente in campionato).

 

Insomma, il mio discorso è questo: il gioco va ridisegnato, Conte è in grado di farlo abbandonando le sue fisime?

 

 

Ps Hack, onestamente l'anno scorso col bayern siamo usciti con profonda vergogna, non a testa alta. Non tanto per il secco 4-0 sulle due partite, ma proprio perché non riuscivamo non dico a penetrare la difesa nemica, ma proprio ad impostare un'ombra di gioco. Diciamo che la champions era proprio fuori dalla nostra portata. La league un pò di fortuna in più e riuscivamo ad andare avanti.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Allora... condivido tutte le considerazioni post-Benfica, ed aggiungo qualcosina. Sia in Champions che il League siamo stati eliminati da squadre tecnicamente inferiori, che non vincerebbero certo il nostro campionato. E con il Real ce la siamo giocata alla pari in entrambe le partite. Questo è un demerito indiscutibile, che non si può spiegare con la condizione fisica, anche se ci siamo accorti tutti che sono due mesi che non andiamo alla solita velocità......

Altra riflessione:è vero che tra le grandi in Europa il 3-5-2 non lo fa nessuno, ma Lich ed Asamoah sono ottimi corridori, però non sanno saltare l'uomo e tecnicamente scarsucci, quando manca il fiato si vede.....

Ultima osservazione. In questa stagione siamo migliorati molto in attacco, ma siamo peggiorati in difesa, la Romaha preso meno reti di noi. Ed il Benfica ha una difesa migliore della nostra, anche se i nomi sono meno famosi e Chiellini e Caceres non mi sono dispiaciuti.

Il problema è l'anno prossimo, non abbiamo più Moggi che vince la champions, vende Vialli e Ravanelli e rinforza la squadra guadagnandoci.....

Share this post


Link to post
Share on other sites

Riguardo l'anno scorso e l'eliminazione col Bayern... per me è stato il sorteggio più sfortunato che poteva capitare, se si pensa come nel turno successivo in semifinale, ma anche in finale, il Bayern abbia triturato in maniera anche peggiore il Barcellona e il Borussia Dortmund(che comunque ha fatto una signora champions).

 

Fare le fasi ad eliminazione diretta della Champions, e arrivare almeno ai quarti, è da considerarsi un buon risultato, la continuità di esserci sempre e comunque prima o poi premia.

 

Certo quest'anno vista com'era andata, si poteva arrivare in finale a Torino nell'Europa League, e anche se per poco... non ci si è riusciti. Alla fine una semifinale di Europa League, purtroppo non vale niente.

 

Aumenta la frustrazione per non vedere risultati appaganti, e di certo si è fatto un passo indietro rispetto all'anno scorso.

 

Resto dell'idea che i giocatori ci sono, ed è ovvio che vada rinforzata la rosa(magari anche impreziosita), e anche migliorato il gioco, che naturalmente non può essere perfetto per tutto l'anno, ma deve necessariamente esprimersi al meglio nei momenti decisivi, che sono ad ottobre/novembre e soprattutto da marzo a fine stagione.

 

Con adeguata preparazione mirata, con un turn over che non indebolisca meccanismi di gioco e qualità, il risultato è alla portata.

 

Conte è bravo, e non ha nemmeno ottenuto esattamente la tipologia di giocatori che voleva per il suo modulo "migliore".

 

Adesso, visto che comunque vincere tre scudetti di fila significa aver ripristinato l'egemonia in Italia, come in anni molto più gloriosi, si dovrebbe puntare ad accontentarlo, a fidarsi del suo progetto, senza disperdere il valore della squadra.

Dovesse fallire... e c'è sempre la possibilità di iniziare un nuovo ciclo, ma almeno con una rosa collaudata e competitiva.

 

Ci vuole anche fiducia, e consapevolezza che in Italia il calcio è maledettamente tattico e difensivista, mentre in Europa si premia lo spettacolo, e lo spettacolo deve andare avanti... allora bisogna recitare una parte diversa, non chiedere(e qui le dichiarazioni di Conte non le condivido), rispetto dall'UEFA.

 

La mentalità deve essere meno recriminatoria e più forte e convinta del proprio potenziale.

 

A volte quest'anno ho avuto la sensazione che si tendesse, seppur con qualche ragione, a "piangere un po' troppo".

 

Sotto questo aspetto bisogna migliorare assolutamente!

Share this post


Link to post
Share on other sites

E' vero, lasciamo che siano i soliti noti a lamentarsi degli arbitri, specialmente quando non ce ne è motivo......

Per quanto riguarda il gioco, l'Inter del triplete non era esattamente una squadra offensiva..... ma quando hai Etò che segna e corre,il miglior snejder di sempre, maicon, Milito che cecchina, ti puoi anche difendere col Barcellona per tutta la partita, prima o poi segni....

Credo che la Juve 2014 sia all'altezza di Chelsea e Atletico Madrid, ma Mourinho e Simeone quest'anno sono stati più bravi di Conte....

con tuttto l'affetto e la riconoscenza che dobbiamo ad un grande tecnico che ha migliorato tutti i giocatori, oltre ad aver supermotivato la squadra

.Mi chiedo anche perchè l'Atletico gioca con gli stessi 13-14 e corre come ad inizio anno, forse abbiamo sbagliato preparazione.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Con calma. Un conto è dore che a livello teorico le rose come forza si equivalgono, ma la Juve 2014 NON può competere mai nella vita con l'Atletico 2014 forse col Chelsea si ancora ancora, seppure.

La Juve in campionato è stata devastante, ma in Europa, direi che il 4.5 \ 5 sarebbe il suo voto quest'anno. Poteva e doveva arrivare più avanti in Champions e poteva e doveva vincere l'Europa League in casa dai.

 

Comte non so con quale coraggio ha lanciato le sue accuse, ma tanto siamo abituati alle sue farneticanti accusatorie. In Italia e questo vale per la gran parte delle squadre, si parla troppo e si fa troppa polemica. Non cambieremo mai e nel mentre pure il portogallo ci sorpassa nel ranking uefa.

e vabbe

 

da nerazzuro che rimpiange i bei tempi andati: sarà vero che l'inter del triplete non era proprio offensiva, eppure ha ben figurato in campionato, ha vinto la coppa Italia, ha vinto la Champions eliminando squadrette come Chelsea, Barcellona e Bayern...milito si è giocato il titolo capocannoniere fino all'ultimo. Il barca lo abbiamo battuto 3-1, il Bayern 2-0, il Milan 4-0...voglio dire, era una squadra abile in contropiede certo, ma dalla trequarti in su qualcosina di buono l'ha fatta.

 

Con questo cosa voglio dire? Che la Juve può permettersi questo schema e questo modo di giocare solo fino a che rimane in Italia, dove imponi il tuo ritmo e puoi fare il bello e il cattivo tempo. Ma in Europa, in Europa non basta. Due soli attaccanti e praticamente cinque difensori? Per far bene entrambe le fasi, i due esterni arrivavano sempre senza fiato....

Share this post


Link to post
Share on other sites

Ragionando a mente fredda, la delusione un po' si è affievolita. A rosicare è ancora sopratutto il fatto di avere avuto la finale li, in casa, con una squadra quasi certamente più scarsa del Benfica. Vabè...

Ragionando pacatamente,questi 3 anni di gestione Conte sono stati ottimi: primo campionato da imbattuti, secondo con la conferma e terzo con l'obiettivo 100 punti; eliminazione col Bayern l'anno scorso, semifinale di europa league quest'anno....insomma io ci vedo un progresso costante e la cosa mi conforta. Se poi è vero ciò che disse il presidente Agnelli, e cioè che il piano societario (una volta avviato il progetto Conte) era di arrivare a vincere lo scudo nei primi 3 anni e di ritornare in europa, mi pare che siamo andati oltre le più rosee aspettative.

 

Il problema è quel che viene ora, nel senso: ormai l'unico salto di qualità possibile a questa Juve è l'affermazione europea, è inutile nasconderlo.....di scudi non sapiamo più che farcene. Solo che per raggiungere tale obiettivo (parlo della coppa quella grossa), alla juve non basterà il prossimo anno: prima è necessario ampliare l'attuale rosa, perchè se si eccettuano Marchisio e Caceres (forse Ogbonna), gli 11 titolari praticamente non hanno riserve, e una squadra che punta ai massimi traguardi continentali deve poter contare su una rosa di titolari di almeno 16-17 giocatori che possano alternarsi tra loro senza che il tasso tecnico della squadra ne risenta; solo in un secondo momento, su questa rosa già formata di 16-17 elementi, si potranno inserire un paio di giocatori di alto profilo, che alzano il tasso tecnico della squadra e decidono non le partite, ma i campionati.

Share this post


Link to post
Share on other sites

L'obiettivo primario della Juve non sarà MAI la coppa europea. La Juve è una squadra, una società, una dirigenza, un allenatore e una rosa costruite, da sempre, per macinare scudetti in Italia. E' nel suo DNA e non è un qualcosa che si può cambiare, specialmente da un anno all'altro. Quindi non aspettatevi scintille in Champions il prossimo anno.

 

E come strategia, lo dico da milanista, è probabilmente la migliore. Perchè intanto lo scudetto te lo porti a casa, poi la coppa in Europa provi a giocartela comunque. In Champions così come in Europa League dai quarti in su la doppia sfida secca ti darà sempre un margine di insicurezza, di "culovich" per capirci. La Juve l'ha persa all'andata, quando alla fine della partita tutti ancora ben speravano ed erano quasi soddisfatti perchè pensavano che comunque potevano vincerla a Torino, quando avrebbero dovuto mangiarsi le mani dopo aver perso giocando meglio fuori casa. Si vedeva che i migliori non erano più in gran forma e difficilmente da una settimana all'altra alle porte di maggio i giocatori ti tornano a correre al cento per cento. Il Benfica ha fatto la sua partita di contenimento, se l'è giocata mezz'ora e poi via di catenaccio e chi vuole dio se lo preghi.. e gli ha detto bene come poteva dirgli male. L'Inter fece la stessa cosa col Barcellona. Non è che se ti ritrovi ad aver vinto l'andata (e l'Inter l'aveva giocata molto meglio del Benfica, tra l'altro) vai a casa dell'altra squadra, che come rosa è migliore, e ti apri come il Mar Rosso davanti a Mosè. Se non fai catenaccio lì quando diavolo devi farlo?

 

Basta ripensare agli ultimi anni di Champions per capire che spesso la vittoria sta nell'episodio singolo, nella botta di sedere assurda, nel gol in fuorigioco, nel catenaccio trapattoniano, in quei dieci minuti in cui il pubblico ti spinge a dare tutto.

 

Ricordiamoci l'arbitraggio di Ovrebo in Chelsea-Barcellona, la scivolata di Terry nel rigore decisivo, la partita perfetta del Milan col Manchester, i sette minuti di follia a Istanbul, la partitaccia giocata ad Atene e vinta praticamente dal solo Inzaghi (ditemi quale altro attaccante MAI ESISTITO avrebbe potuto segnare quei due gol, in quel modo, avanti), i catenacci del Chelsea di due anni fa, il Porto che vince nella Champions più scarsa della storia, SOLSKJAER!! ( <img alt=" />)

Il calcio e quel briciolo di bellezza romantica che gli restano è anche e soprattutto questo. Non certo il tiki taka allappante del Barcellonabayernmonaco.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Il problema non sono questi tre anni passati (sono andati di lusso), il problema sono le prospettive future. La squadra così com'è può giocarsi le ultime cartucce nel prossimo campionato e uscire con disonore da un'altra champions. E l'anno dopo nemmeno quello. Per me va ridisegnata, nel modulo e in alcuni giocatori chiave, ossia quelli che ti impostano il gioco e ti creano spinta.

E' inutile che tieni il controllo palla per oltre il 60% del tempo e non riesci praticamente mai ad entrare in area nemica. Poi il bello che ti lamenti pure che l'altro non ha giocato e ha fatto di tutto per addormentare la gara. Che pretendeva, buttasse tutti gli uomini avanti giusto per farci passare il turno?

 

PS l'anno scorso ai quarti ci siamo arrivati solo dopo un'incredibile colpo di mano contro il celtic... e alla prima occasione di scontro con una squadra degna di tale nome... siamo stati letteralmente macinati.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Poteva perderla settimana scorsa la partita, la Roma; ci saremmo risparmiati una battaglia superflua col Sassuolo e avremmo avuto più benzina in corpo giovedì. <img alt=" />

 

Comunque...... <img alt=" /><img alt=" /><img alt=" /><img alt=" /><img alt=" />

 

Il problema non sono questi tre anni passati (sono andati di lusso), il problema sono le prospettive future. La squadra così com'è può giocarsi le ultime cartucce nel prossimo campionato e uscire con disonore da un'altra champions. E l'anno dopo nemmeno quello. Per me va ridisegnata, nel modulo e in alcuni giocatori chiave, ossia quelli che ti impostano il gioco e ti creano spinta.

 

 

Il grosso limite dell'organico, che secondo me molti sottovalutano, è che il tasso tecnico della Juve è abbastanza basso: parlo di gente che salta l'uomo, dribbla, triangola negli ultimi 30 metri, crea superiorità numerica. Non penso sia un limite di Conte, perchè la Juve del primo anno giocava così, e pure il suo Bari; il limite è proprio nell'organico: a parte Tevez e Pogba ( e Pirlo, ma in un ruolo tutto diverso) la Juve di questi giocatori non ne ha, e deve sopperire con un gioco enormemente dispendioso, fatto di corsa, fisicità e dinamismo. Per competere in europa i giocatori tecnici servono, c'è poco da fare.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Guest
Reply to this topic...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

Sign in to follow this  

×
×
  • Create New...