Jump to content
Sign in to follow this  
Sara L'Addolorata

Dubbi Enciclopedici

Recommended Posts

OK, attendiamo anche Maya e Koorlick e poi in caso procedo con la lista delle voci impattate e la loro modifica.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Scusate il ritardo.

 

Secondo me non stiamo esattamente parlando di disambiguazione, o almeno io differenzierei i due concetti.

In sintesi, abbiamo delle voci omonime; per districarsi, creiamo una pagina di disambiguazione. Però per i link abbiamo bisogno di un suffisso che ci permetta di distinguere le varie voci: il titolo della voce resta quindi, per esempio, Aegon Targaryen per ciascun omonimo, e tra parentesi mettiamo solo un identificativo che ci permetta di distinguerli.

 

Messa così, a me sembra abbastanza irrilevante che tipo di suffisso mettiamo. Paradossalmente si potrebbe anche chiamarli Aegon Targaryen (1), Aegon Targaryen (2) e così via, senza utilizzare quindi per nulla i soprannomi e sapendo che in caso di omonimia uno si andrebbe a vedere la pagina di disambiguazione.

L'unico motivo per preferire invece l'utilizzo dei soprannomi imho è la facilità di ricerca per gli utenti, che così potrebbero bypassare la pagina di disambiguazione; ma allora io privilegerei appunto l'immediatezza della ricerca, e da questo punto di vista ripetere il nome imho non serve a niente in nessun caso :)

 

Detto questo e tornando all'inizio del ragionamento, per me la questione è sostanzialmente irrilevante, quindi se pensate sia meglio un altro criterio non mi oppongo :)

Share this post


Link to post
Share on other sites

Al di là della disambiguazione, il problema si pone anche per come scrivere il soprannome nel box destro.

 

Se poi per la disambiguazione vogliamo andare "a naso" senza far troppo caso alla correttezza e alla coerenza... boh, ok. Basta che si sia consapevoli che la scelta corretta sarebbe un'altra e la si faccia almeno nel box destro e in altri casi in cui bisognerà mettere il soprannome preciso.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Beh, la questione del box laterale è un'altra cosa, imho :)

Share this post


Link to post
Share on other sites

In effetti non c'è necessità che il campo "soprannome" del box laterale e il titolo della voce coincidano (ovviamente parlando sempre dei personaggi che disambiguiamo attraverso il soprannome).

Share this post


Link to post
Share on other sites

In generale, direi che la priorità è che qualunque scelta facciamo favorisca al massimo gli utenti nella ricerca, come suggerisce Koorlick. Onestamente, per me, questo è il criterio numero uno sempre, per seguire il quale io non mi farei troppi scrupoli ad eventualmente bypassare logiche di uniformità e coerenza. Detto questo, trovare una soluzione che non dia la sensazione che ogni volta sia stata fatta una scelta del tutto arbitraria è comunque importante. Se per salvare capra e cavoli dobbiamo ripetere il nome proprio laddove questo sia parte del soprannome, non vedo il problema. Non è il massimo, ma il miglior compromesso possibile.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Come ho già accennato, a me preme solo che ci chiariamo sul fatto che stiamo parlando di due cose diverse: un conto è il soprannome indicato nel box laterale, un altro conto è la disambiguazione, intesa come cosa mettere tra parentesi per distinguere i link di più omonimi.

 

Nel primo caso, è ovvio che si debba riflettere prioritariamente su quale sia il soprannome corretto e completo, e quindi è ragionevole che, se riteniamo che il soprannome completo sia "Brandon il Costruttore", così scriviamo nel box.

 

Nel secondo caso, invece, a mio avviso non siamo affatto obbligati ad inserire il soprannome, ma potremmo inserire un qualsiasi elemento distintivo. D'altro canto, ci capitano pure casi di omonimi alcuni dei quali non hanno affatto un soprannome, e siamo costretti ad usare altri criteri (per esempio il titolo, oppure il rapporto di parentela).

In questa prospettiva, se volessimo ripartire da zero, potrebbe avere un senso cercare di stabilire un criterio univoco per distinguere gli omonimi. Devo dire che secondo me il criterio più pulito sarebbe quello di indicarli con un numerale (Brandon Stark (1), Brandon Stark (2)), magari distinguendoli sulla base della loro prima apparizione nei libri, in modo da essere anche oggettivi. Però visto che siamo un'enciclopedia e che ci interessa anche la fruizione, probabilmente il criterio migliore sarebbe quello che unisce due elementi: da un lato, un'espressione che faccia immediatamente capire di chi si parla; dall'altro, l'espressione più breve possibile, per evitare di digitare troppi caratteri ogni volta che dobbiamo inserire un link.

In questo senso, probabilmente il criterio da me preferito sarebbe quello di mettere il soprannome senza ripetere il nome (semplicemente perché non serve), valido per TUTTI i casi, a prescindere dunque da qualsiasi disamina su quale sia il soprannome "corretto".

 

Detto questo, visto che invece non siamo all'inizio del lavoro ma già in una fase avanzata, mi chiedo se abbia senso mettersi a modificare tutti i link, che vuol dire cambiare una serie indefinita di elementi interni alla wiki ma anche di elementi esterni (i link dal forum, per esempio, o peggio ancora i link da altri siti!).

Share this post


Link to post
Share on other sites

Le precisazioni di Francesco fan riflettere.

Non mi era venuto in mente subito che, cambiando nome degli omonimi, cambierebbero anche i link.. per un lavoro lineare e preciso penso che sí, possa aver senso, anche se forse sarebbe un gran bel lavoro :ehm:

 

Quindi Francesco tu metteresti solo il soprannome nel link e nel box laterale il soprannome completo?

Share this post


Link to post
Share on other sites

Se ricerchiamo la soluzione ideale, probabilmente farei così.

Però ho sempre il dubbio che non valga la pena cambiare i link: nel qual caso, ovviamente, terrei fermo tutto quanto fatto finora ed eventualmente cercherei un criterio standard per il futuro :)

Share this post


Link to post
Share on other sites

Allora, quali sono i criteri per la disambiguazione è una cosa di cui abbiamo discusso a lungo qui. I soprannomi sono anche abbastanza in alto nella nostra lista dei criteri da usare per le disambiguazioni, ad esempio vengono prima dei titoli, delle organizzazioni e dei rapporti di parentela.

 

Quindi non tutti i personaggi con soprannome nel box laterale lo avranno anche nel titolo della voce, ma parecchi sì.

 

Soprannome nel box e soprannome nel titolo sono separati logicamente, non hanno lo stesso senso e la stessa funzionalità e non devono rispondere allo stesso criterio.

Il soprannome del box deve dare un'informazione enciclopedica e deve rispondere quindi a criteri di massima precisione.

Il soprannome nel titolo della pagina deve servire a orientarsi tra le voci con lo stesso nome e deve rispondere a criteri di chiarezza e fruibilità.

 

Di seguito elenco tutti i personaggi che oggi hanno il soprannome nel titolo della voce.

 

Aemon Targaryen (Cavaliere del Drago)
Aerion Targaryen (Brightflame)
Baelor Targaryen (Lancia Spezzata)
Brandon Stark (Bran)
Brandon Stark (il Costruttore)
Brandon Stark (il Navigatore)
Brandon Stark (l'Incendiario)
Brandon Stark (Lupo selvaggio)
Daenerys Targaryen (Nata dalla Tempesta)
Daeron Targaryen (il Beone)
Garth (Manoverde)
Jon Umber (Grande Jon)
Jon Umber (Piccolo Jon)
Leo Tyrell (Lungaspina)
Mallor (Mallor di Dorne)
Tyrion Lannister (Folletto)
Viserys Targaryen (Re Mendicante)
Walder (Hodor)
Walder (Walder di Woodmere)
Walder Frey (Grande Walder)
Walder Frey (il Ritardatario)
Walder Frey (Piccolo Walder)
Noi ad oggi abbiamo messo il nome nei soprannomi in questi casi:
- locuzioni geografiche (Walder di Woodmare, Mallor di Dorne)
- dove il resto del soprannome è un semplice aggettivo (Grande Jon, Piccolo Jon)
Non lo abbiamo invece messo:
- negli appellativi (il Ritardatario, il Costruttore, eccetera)
- dove il soprannome è un qualificatore ma non un aggettivo (Folletto, Lungaspina, Manoverde, Lancia Spezzata, Brightflame, eccetera)
- dove il soprannome è una deformazione del nome o proprio un altro nome (Bran, Hodor)
Secondo me possiamo tenere questa struttura, che tutto sommato è abbastanza sensata.
Teniamo conto che tra help di ricerca e pagine di disambiguazione il lettore è comunque abbastanza guidato.
Quindi il caso successivo che inizieremmo a linkare nella voce di Roose Bolton di prossimo aggiornamento diventerebbe Walda Frey (la Grassa). :)

Share this post


Link to post
Share on other sites
Noi ad oggi abbiamo messo il nome nei soprannomi in questi casi:
- locuzioni geografiche (Walder di Woodmare, Mallor di Dorne)
- dove il resto del soprannome è un semplice aggettivo (Grande Jon, Piccolo Jon)
Non lo abbiamo invece messo:
- negli appellativi (il Ritardatario, il Costruttore, eccetera)
- dove il soprannome è un qualificatore ma non un aggettivo (Folletto, Lungaspina, Manoverde, Lancia Spezzata, Brightflame, eccetera)
- dove il soprannome è una deformazione del nome o proprio un altro nome (Bran, Hodor)
Secondo me possiamo tenere questa struttura, che tutto sommato è abbastanza sensata.
Teniamo conto che tra help di ricerca e pagine di disambiguazione il lettore è comunque abbastanza guidato.

 

 

 

Per me lo abbiamo seguito questi criteri semplicemente ci suonava meglio :unsure:

Direi che possiamo continuare così allora...

Share this post


Link to post
Share on other sites

Probabile... però almeno ora lo formalizziamo e questa regola di dovrà fare da guida anche in futuro, ove possibile. Aggiorno il primo post in merito. :)

Share this post


Link to post
Share on other sites

Riprendiamo un attimo il tema smokeberry, abbandonato qui?

 

Sappiamo per certo che:

- il termine non esiste nel mondo reale, quindi parliamo di una specie di pianta inventata da Martin.

- sappiamo che cresce come "vines" (AGOT25), che come traduzione principale su Wordreference ha "pianta rampicante" e come traduzione secondaria "vite"

- sappiamo che dai suoi frutti si ricava del vino (AGOT54, ADWD05)

- sappiamo che GOT Ascent, un gioco approvato da Martin, la disegna in questo modo

 

Da queste informazioni secondo me stiamo parlando di un vitigno selvatico. Non mi risultano altri rampicanti da si possa produrre vino (non un generico distillato alcolico, ma proprio vino).

 

Ora la domanda è: quale può essere una traduzione decente?

Secondo me non possiamo attenerci al letterale "bacca di fumo" o "bacca fumosa": sappiamo che è qualcosa di più e di diverso.

Sarebbe come tradurre "strawberry" con "bacca di paglia" sapendo che si tratta di una fragola.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Ma... una traduzione ufficiale di Altieri non c'è?

Share this post


Link to post
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now
Sign in to follow this  

×
×
  • Create New...