Jump to content
Sign in to follow this  
AryaSnow

Joffrey Baratheon

Recommended Posts

{{Personaggio

| Nome = Joffrey

| Cognome = Baratheon

| POV =

| Casata = [[Nobile Casa Baratheon]]<br />

| Titoli = principe, re, re degli Andali, dei Rhoynar e dei Primi Uomini, lord dei Sette Regni

| Nascita = [[a inizio AGOT ha 12 anni]]

| Apparizioni = [[A Game of Thrones]]

| Attore = [[Jack Gleeson]]

| Doppiatore = [[Manuel Meli]]

| Stagioni = [[prima stagione]]

| StemmaF = St_Baratheon

}}


[Joffrey Baratheon]] è ufficialmente il primogenito del re [[Robert Baratheon]] e della regina [[Cersei Lannister]] <ref name="AGOTAC - Lannister">[[AGOTAA - Baratheon]]</ref>, generato in realtà dall'incesto della regina con il fratello Jaime <ref name="AGOT45">. In seguito diventa a sua volta re dei [[sette Regni]] <ref name="AGOT49">.


__TOC__


== Descrizione fisica ==


E’ alto di statura (AGOT04) e fisicamente attraente (AGOT07).

Ha capelli i ricci e biondi, che talvolta porta raccolti in una coda, gli occhi verdi e le labbra carnose (AGOT05).

Porta lo stemma diviso a metà, con il cervo incoronato della casa reale da un lato e il leone dei Lannister dall'altro, dando alla casata di sua madre lo stesso onore che a quella del padre (AGOT07).

E’ solito vestirsi in modo sfarzoso ed elegante (AGOT29). Quando diventa re, inizia a indossare una corona d'oro tempestata di rubini (AGOT57).

Possiede una spada che ha chiamato Dente di Leone, che però finisce gettata nel Tridente da Arya Stark (AGOT15).



== Descrizione psicologica ==


E’ molto orgoglioso del proprio titolo di principe (AGOT07) e ama ribadire la superiorità della propria posizione sociale. Si rivolge spesso agli altri in modo sprezzante e si diverte a trattare con prepotenza i più deboli (AGOT15) Convinto di essere ormai un uomo adulto, pretende di essere trattato come tale (AGOT07). Ritiene che le donne siano tutte deboli (AGOT67).


E’ insensibile verso le disgrazie altrui (AGOT09) e spietato con quelli che considera suoi nemici (AGOT47). Ha anzi una forte propensione per il sadismo, che emerge più chiaramente quando diventa re e inizia a esercitare la propria crudeltà in modo talvolta persino gratuito, disinteressandosi invece alle faccende governative (AGOT67). Non ha il coraggio di ammettere le proprie colpe e preferisce mentire per nasconderle (AGOT16).

Nonostante tutti questi aspetti del suo carattere, per brevi periodi riesce a fingere un atteggiamento galante e cavalleresco (AGOT15).


Prima di diventare re, cerca spesso la protezione di sua madre (AGOT09), ma dopo l’incoronazione inizia ad acquisire più autonomia, prendendo decisioni drastiche contrarie ai desideri di Cersei e diventando difficile da tenere sotto controllo (AGOT65).


Ama andare a caccia e uccidere (AGOT44).


Sa cantare con voce alta e suadente (AGOT15).




== Resoconto biografico ==


Nasce nel 290 da un incesto tra Cersei e Jaime Lannister, che però resta nascosto. Viene quindi considerato ufficialmente un principe, figlio legittimo di Re Robert Baratheon (AGOT45).

Nel 298 viene organizzato un torneo in occasione del suo dodicesimo compleanno. Dopo l’evento Joffrey si mette in viaggio con la famiglia della madre alla volta di Castel Granito, ma ben presto vengono raggiunti da una missiva di Pycelle che comunica la morte del Primo Cavaliere Jon Arryn (AGOT25).

Quando Re Robert Baratheon decide di recarsi a Grande Inverno per proporre a Eddard Stark il posto di Primo Cavaliere, Joffrey lascia Approdo del Re e si dirige verso il Nord insieme alla sua famiglia e alla corte reale. (AGOT02).


Una volta giunto al castello della Casa Stark, in occasione del banchetto organizzato in onore del re, sfila insieme a Sansa Stark guardando la sala grande in modo annoiato e disdegnoso. Cena seduto ai piedi della piattaforma rialzata insieme ai suoi fratelli e di figli legittimi di lord Eddard (AGOT05) e si complimenta con Sansa per la sua bellezza (AGOT07).


Pochi giorni dopo Eddard e Catelyn Stark decidono di accettare la proposta di Robert promettendo Sansa in sposa a Joffrey (AGOT06).


Partecipa agli allenamenti nel cortile di Grande Inverno e si scontra con Robb Stark, ma poi dichiara di essere stufo di duellare con spade di legno e chiede di poter usare armi d’acciaio. Al rifiuto del maestro d’armi Rodrick Cassel, che lo ritiene troppo pericoloso per dei ragazzi così giovani, sbeffeggia Robb accusandolo di essere un bambino, appoggiato da Sandor Clegane e da altri suoi uomini (AGOT07).

Il giorno della caduta di Bran dalla Torre Spezzata, si trova a caccia insieme al re e ad altri uomini (AGOT08).

Durante il come di Bran, fatica a dormire per gli ululati di Estate davanti alla finestra del bambino. Una mattina inizia a lamentarsi dell’animale con Sandor Clegane e approva la sua idea di ucciderlo. Quando Tyrion lo rimprovera per non aver ancora fatto la condoglianze ai genitori di Bran, si rifiuta esprimendo il proprio disinteresse per le condizioni del piccolo Stark. In risposta, lo zio lo schiaffeggia ripetutamente, e Joffrey si trova costretto a sottomettersi al suo volere, minacciando però di raccontare tutto alla propria madre (AGOT09).

Riparte verso sud insieme alla carovana reale, di cui questa volta fanno parte anche Eddard Stark e le sue due figlie (AGOT14)


Un giorno il gruppo si ferma in una locanda vicino al Tridente. In quell’occasione, sollecitato da sua madre, Joffrey difende la propria promessa sposa Sansa, spaventata alla vista di Ilyn Payne, e poi si offre di tenerle compagnia. Le propone di passare la giornata da soli, liberi dalla presenza di Lady e di Sandor Clegane, assicurandole di essere in grado di proteggerla lui stesso con la propria spada Dente di Leone. Insieme cavalcano lontani dal resto del gruppo, visitando caverne e seguendo le tracce di una pantera ombra. Si fermano a pranzare con trota appena pescata e Joffrey offre a Sansa del vino consentendole di berne quanto ne vuole. Dopo il pranzo, canta una canzone per lei e poi le propone di vedere il luogo dove suo padre Robert ha ucciso Rhaegar Targaryen durante la Ribellione di Robert (AGOT15).


Giunti in vicinanza del posto, si imbattono Arya e Mycah, intenti a combattere con dei bastoni di legno. Vedendo la sorella di Sansa colpita alle dita da un colpo sferrato dal garzone del macellaio, si avvicina a lui e lo sfida a duello estraendo Dente di Leone, ignorando le richieste di Arya di lasciarlo in pace. Al rifiuto di Mycah, lo sbeffeggia per la sua posizione sociale e lo accusa di essersi permesso di colpire la sorella della sua promessa sposa. Poi punta Dente di Leone contro il viso del ragazzo, commentando ironicamente di non volergli fare molto male, e inizia a ferirlo alla guancia. All’improvviso Arya interviene in difesa dell’amico e colpisce Joffrey con il proprio bastone, ferendolo alla testa e consentendo così a Mycah di fuggire. Ne segue una lotta, in cui Joffrey contrattacca Arya tirando fendenti con Dente di Leone, urlandole parole oscene e riuscendo presto a metterla in difficoltà. Proprio in quel momento però compare Nymeria, che lo morde al braccio facendogli perdere la presa sulla spada. Dopo aver richiamato la metalupo, Arya afferra Dente di Leone e la punta contro il principe, ma alla sua preghiera di non fargli del male getta la spada nel Tridente. Quando Sansa cerca di assisterlo e si offre di chiamare aiuto, Joffrey le risponde di sbrigarsi con fare aggressivo (AGOT15.


Quattro giorni dopo, durante una sosta al castello di Darry, Arya e Joffrey vengono invitati a raccontare l’accaduto davanti a re Robert. Il principe narra una versione falsata degli eventi, presentando Arya e Mycah come i primi e unici aggressori. Viene poi deriso da Renly per essersi lasciato disarmare da una bambina più piccola di lui. Robert decide di chiudere la faccenda senza incolpare nessuna delle due controparti, ma acconsente alla richiesta di Cersei di far uccidere Lady, cosa che strappa un sorriso a Joffrey (AGOT16).


Durante il resto del viaggio, si riprende in fretta dalla ferita inflittagli da Nymeria (AGOT20).


Ad Approdo del Re assiste al Torneo del Primo Cavaliere e durante il banchetto che si svolge alla fine della prima giornata si siede alla destra di Sansa. La saluta con il baciamano e alle sue domande circa l’esito del torneo risponde che saranno Sandor o Jaime a trionfare. Per tutta la sera si comporta in modo galante, versando vino dell'estate ghiacciato a lei e a Septa Mordane e spiegandole le battute del Ragazzo della Luna. Inoltre le mostra come rompere l’involucro di argilla delle trote e come estrarre le lumache dal guscio, facendole assaggiare il primo boccone. Dopo il litigio tra Cersei e Robert, ordina a Sandor di scortare la ragazza fino ai suoi alloggi (AGOT29).


Pochi mesi dopo partecipa alla battuta di caccia nei Boschi del Re insieme a re Robert e a svariati armigeri (AGOT44). Rientra al castello prima del padre insieme a Sandor Clegane e Ser Balon Swann (AGOT45).

Dopo la morte del padre, Joffrey si affretta a convocare il Concilio Ristretto nella Sala del Trono e ordina di preparare la sua incoronazione, pretendendo che essa avvenga entro quindici giorni e chiedendo ai consiglieri di giurargli fedeltà. Quando Eddard Stark lo accusa di essere un figlio illegittimo, si infuria e lo definisce bugiardo. Poco dopo ordina alle guardie di uccidere il Primo Cavaliere e tutti i suoi uomini, e al massacro compiuto dalle Cappe Dorate (AGOT49).


Poco tempo dopo viene celebrata l’incoronazione di Joffrey (AGOT56).


Il nuovo re presiede alla sua prima corte di giustizia nella Sala del Trono, in cui Maestro Pycelle annuncia punizioni e ricompense per i vari sudditi. Quando viene comunicata la deposizione di Ser Barristan Selmy, Joffrey accusa l’anziano cavaliere di essere troppo vecchio per proteggerlo e ride alla battuta derisoria di Petyr Baelish. Sentendo le parole ostili pronunciate da Ser Barristan prima di allontanarsi, si insospettisce e ordina che venga imprigionato e interrogato. Poi insieme a Cersei offre un posto nella Guardia Reale al Mastino, il quale accetta la carica. Alla fine, quando per Sansa arriva il turno di chiedere clemenza per suo padre Eddard, Joffrey si mostra attento e disposto ad ascoltarla. Si dichiara commosso della sue parole e promette di risparmiare lord Stark se questi ammetterà le proprie colpe (AGOT57).


Tempo dopo, quando Eddard viene portato al cospetto del popolo nella piazza del Grande Tempio di Baelor, ascolta la confessione in cui lord Stark lo riconosce come legittimo Re dei Sette Regni e si dichiara colpevole di tradimento. Dopo che il Sommo Septon giudica l’accusato degno del perdono dei Sette Dei, Joffrey commenta che anche Cersei e Sansa hanno chiesto la clemenza, ma poi, dopo aver rivolto un sorriso alla promessa sposa, si volta verso la folla e conclude che entrambe hanno il cuore molle tipico delle donne. Dichiara quindi che, fino a quando lui sarà il re, il tradimento non resterà mai impunito e condanna Eddard Stark alla decapitazione, che viene eseguita immediatamente (AGOT65).


Fa collocare la testa di Eddard su una picca insieme a quelle di tutte le persone uccise che erano al servizio Casa Stark. Predispone due picche vuote per gli zii Stannis e Renly Baratheon, colpevoli di contestare la sua sovranità. Esprime inoltre il proprio desiderio di marciare in guerra contro Robb Stark e ucciderlo, ma Cersei insiste affinché il figlio rimanga ad Approdo del Re (AGOT67).


Qualche giorno dopo, visita Sansa nelle sue stanze e le ordina di prepararsi per raggiungerlo a corte questo pomeriggio. La ragazza è ancora sconvolta per la morte del padre e cerca di ribellarsi, ma Joffrey ordina a Sandor di tirarla fuori al letto a forza. Alle accuse di Sansa di non aver mantenuto le sue promesse di clemenza, risponde di averlo fatto concedendo a Eddard una morte rapida e poi, quando la ragazza dichiara di odiarlo, comanda a Ser Meryn Trant di colpirla (AGOT67).


Quello stesso giorno, tiene un’altra corte di giustizia nella Sala del Trono. Si annoia davanti a gran parte delle questioni affrontate, ma approfitta di alcune occasioni per esercitare la propria crudeltà: ordina che a un ladro venga mozzata una mano in pubblico, risolve una disputa per dei terreni tra contadini decretando un duello all'ultimo sangue, fa imprigionare una donna che ha confessato il proprio amore per uno dei condannati a morte, punisce menestrello colpevole di aver composto una canzone satirica sulla morte di Robert dicendogli di scegliere tra l’amputazione della lingue o delle dita. Al termine della seduta, incontra Sansa e la invita a passeggiare con lui. La umilia verbalmente, definendola stupida e dicendole di aver intenzione di metterla incinta appena sarà possibile e di farla uccidere se gli darà un figlio altrettanto sciocco. Poi le ordina di salire sulla torre di guardia dove sono disposte le teste sulle picche e la obbliga di guardare quella di suo padre. Deluso dell’imperturbabilità che la ragazza riesce a mostrare, le fa vedere anche la testa di Septa Mordane, definendo anch’essa una traditrice. Le promette poi di regalarle la testa di Robb e, quando Sansa gli risponde che forse sarà suo fratello a ucciderlo, ordina a Ser Meryn di colpirla di nuovo (AGOT67).


== Famiglia e Genealogia =

Genitori: Robert e Cersei (in realtà Jaime e Cersei)

Nonno: Tywin

Fratelli: Tommen e Myrcella

Zii: Tyrion, Jaime


Share this post


Link to post
Share on other sites

Bella lunga, inizio con la parte non biografica.

 

{{Personaggio

| Nome = Joffrey

| Cognome = Baratheon

| Casata = [[Nobile Casa Baratheon]]

| Titoli = Principe, [[Re dei Sette Regni]]

| Nascita = [[286]]

| Apparizioni = [[A Game of Thrones]]

| Attore = [[Jack Gleeson]]

| Doppiatore = [[Manuel Meli]]

| Stagioni = [[Prima stagione]]

| StemmaP = St_Joffrey_Baratheon

| StemmaF = St_Baratheon

}}

 

[[Joffrey Baratheon]] è ufficialmente il primogenito del di [[Re dei Sette Regni|Re]] [[Robert Baratheon]] e della regina sua moglie [[Cersei Lannister]]<ref name="AGOTAA">[[AGOT - Appendici#Appendice A|AGOT - Appendice A]]</ref>, generato in realtà dall'incesto della regina con il fratello [[Jaime Lannister|Jaime]]<ref name="AGOT45">[[AGOT45]]</ref>. Alla morte del padre In seguito diventa a sua volta [[Re dei Sette Regni]].<ref name="AGOT49">[[AGOT49]]</ref>

 

 

__TOC__

 

== Descrizione fisica ==

È alto di statura<ref name="AGOT04">[[AGOT04]]</ref> e fisicamente attraente<ref name="AGOT07">[[AGOT07]]</ref>. Ha capelli i ricci e biondi, che talvolta porta raccolti in una coda, gli occhi verdi e le labbra carnose.<ref name="AGOT05">[[AGOT05]]</ref>

 

Porta lo stemma diviso a metà, con il cervo incoronato della casa reale da un lato e il leone dei [[Nobile Casa Lannister|Lannister]] dall'altro, dando alla casata di sua madre lo stesso onore che a quella del padre.<ref name="AGOT07" />

 

È solito vestirsi in modo sfarzoso ed elegante.<ref name="AGOT29">[[AGOT29]]</ref> Quando diventa re sale al trono, inizia a indossare una corona d'oro tempestata di rubini.

 

Possiede una spada che ha chiamato [[Dente di Leone]], che però finisce gettata nel [[Tridente]] da [[Arya Stark]].<ref name="AGOT15">[[AGOT15]]</ref>

 

== Descrizione psicologica ==

È molto orgoglioso del proprio titolo di principe<ref name="AGOT07" /> e ama ribadire la superiorità della propria posizione sociale. Si rivolge spesso agli altri in modo sprezzante e si diverte a trattare con prepotenza i più deboli.<ref name="AGOT15" /> Convinto di essere ormai un uomo adulto, pretende di essere trattato come tale.<ref name="AGOT07" /> Ritiene che le donne siano tutte deboli (AGOT67).

 

È insensibile verso le disgrazie altrui<ref name="AGOT09">[[AGOT09]]</ref> e spietato con quelli che considera suoi nemici<ref name="AGOT47">[[AGOT47]]</ref>. Ha anzi una forte propensione per il sadismo, che emerge più chiaramente quando diventa re e inizia a esercitare la propria crudeltà in modo talvolta persino gratuito, disinteressandosi invece alle faccende governative.<ref name="AGOT67">[[AGOT67]]</ref> Non ha il coraggio di ammettere le proprie colpe e preferisce mentire per nasconderle (AGOT16). Nonostante tutti questi aspetti del suo carattere Malgrado ciò, per brevi periodi riesce a fingere un atteggiamento atteggiamenti galantei e cavallerescohi.<ref name="AGOT15" /> Non ha il coraggio di ammettere le proprie colpe e preferisce mentire per nasconderle.<ref name="AGOT16" />

 

Ritiene che le donne siano tutte deboli.<ref name="AGOT67" />

 

Prima di diventare re, cerca spesso la protezione di sua madre<ref name="AGOT09" />, ma dopo l'incoronazione inizia ad acquisire più autonomia, prendendo decisioni drastiche contrarie ai desideri di [[Cersei Lannister|Cersei]] e diventando difficile da tenere sotto controllo.<ref name="AGOT65" />

 

Ama andare a caccia e uccidere.<ref name="AGOT44">[[AGOT44]]</ref>

 

Sa cantare con voce alta e suadente.<ref name="AGOT15" />

Per la biografia, pensavo che forse sarebbe opportuno dividerla in due parti, prima e dopo la salita al trono... come potremmo intitolare le due sezioni?

Share this post


Link to post
Share on other sites

Tutto ok.

 

Terrei però il "talvolta" riguardo alla crudeltà di Joffrey, perché c'è da ammettere che non sempre è gratuita (a volte la esercita contro quelli che dal suo punto di vista sono nemici o criminali, quindi sotto certi aspetti non è del tutto gratuita).

Ma è una pignoleria :)

 

La divisione per me è ok.

 

La seconda parte la possiamo intitolare appunto "l'ascesa al trono"

La prima... boh, "Il principe Joffrey"? "La vita da principe"? <img alt=" />

Share this post


Link to post
Share on other sites

{{Personaggio

| Nome = Joffrey

| Cognome = Baratheon

| Casata = [[Nobile Casa Baratheon]]

| Titoli = Principe, [[Re dei Sette Regni]]

| Nascita = [[286]]

| Apparizioni = [[A Game of Thrones]]

| Attore = [[Jack Gleeson]]

| Doppiatore = [[Manuel Meli]]

| Stagioni = [[Prima stagione]]

| StemmaP = St_Joffrey_Baratheon

| StemmaF = St_Baratheon

}}

 

[[Joffrey Baratheon]] è ufficialmente il primogenito di [[Re dei Sette Regni|Re]] [[Robert Baratheon]] e sua moglie [[Cersei Lannister]]<ref name="AGOTAA">[[AGOT - Appendici#Appendice A|AGOT - Appendice A]]</ref>, generato in realtà dall'incesto della regina con il fratello [[Jaime Lannister|Jaime]]<ref name="AGOT45">[[AGOT45]]</ref>. Alla morte del padre diventa a sua volta [[Re dei Sette Regni]].<ref name="AGOT49">[[AGOT49]]</ref>

 

 

__TOC__

 

== Descrizione fisica ==

È alto di statura<ref name="AGOT04">[[AGOT04]]</ref> e fisicamente attraente<ref name="AGOT07">[[AGOT07]]</ref>. Ha capelli i ricci e biondi, che talvolta porta raccolti in una coda, gli occhi verdi e le labbra carnose.<ref name="AGOT05">[[AGOT05]]</ref>

 

Porta lo stemma diviso a metà, con il cervo incoronato della casa reale da un lato e il leone dei [[Nobile Casa Lannister|Lannister]] dall'altro, dando alla casata di sua madre lo stesso onore che a quella del padre.<ref name="AGOT07" />

 

È solito vestirsi in modo sfarzoso ed elegante.<ref name="AGOT29">[[AGOT29]]</ref> Quando sale al trono, inizia a indossare una corona d'oro tempestata di rubini. Fonte?

 

Possiede una spada che ha chiamato [[Dente di Leone]], che però finisce gettata nel [[Tridente]] da [[Arya Stark]].<ref name="AGOT15">[[AGOT15]]</ref>

 

== Descrizione psicologica ==

È molto orgoglioso del proprio titolo di principe<ref name="AGOT07" /> e ama ribadire la superiorità della propria posizione sociale. Si rivolge spesso agli altri in modo sprezzante e si diverte a trattare con prepotenza i più deboli.<ref name="AGOT15" /> Convinto di essere ormai un uomo adulto, pretende di essere trattato come tale.<ref name="AGOT07" />

 

È insensibile verso le disgrazie altrui<ref name="AGOT09">[[AGOT09]]</ref> e spietato con quelli che considera suoi nemici<ref name="AGOT47">[[AGOT47]]</ref>. Ha una forte propensione per il sadismo, che emerge più chiaramente quando diventa re e inizia a esercitare la propria crudeltà in modo spesso gratuito, disinteressandosi invece alle faccende governative.<ref name="AGOT67">[[AGOT67]]</ref> Malgrado ciò, per brevi periodi riesce a fingere atteggiamenti galanti e cavallereschi.<ref name="AGOT15" /> Non ha il coraggio di ammettere le proprie colpe e preferisce mentire per nasconderle.<ref name="AGOT16">[[AGOT16]]</ref>

 

Ritiene che le donne siano tutte deboli.<ref name="AGOT67" />

 

Prima di diventare re cerca spesso la protezione di sua madre<ref name="AGOT09" />, ma dopo l'incoronazione inizia ad acquisire più autonomia, prendendo decisioni drastiche contrarie ai desideri di [[Cersei Lannister|Cersei]] e diventando difficile da tenere sotto controllo.<ref name="AGOT65" />

 

Ama andare a caccia e uccidere.<ref name="AGOT44">[[AGOT44]]</ref>

 

Sa cantare con voce alta e suadente.<ref name="AGOT15" />

 

== Resoconto biografico ==

 

=== Erede al Trono di Spade ===

Nasce nel [[29086]] da un incesto tra [[Cersei Lannister|Cersei]] e [[Jaime Lannister]], che però resta nascosto. Viene quindi considerato ufficialmente un principe, figlio legittimo di [[Re dei Sette Regni|Re]] [[Robert Baratheon]].<ref name="AGOT45" />

 

Nel [[298]] viene organizzato un torneo in occasione del suo dodicesimo compleanno. Dopo l'evento Joffrey si mette in viaggio con la famiglia della madre alla volta di [[Castel Granito]], ma ben presto vengono raggiunti da una missiva di [[Pycelle]] che comunica la morte del [[Primo Cavaliere]] [[Jon Arryn]].<ref name="AGOT25">[[AGOT25]]</ref>

 

Quando [[Re dei Sette Regni|Re]] [[Robert Baratheon|Robert Baratheon]] decide di recarsi a [[Grande Inverno]] per proporre a [[Eddard Stark]] il posto di [[Primo Cavaliere]], Joffrey lascia [[Approdo del Re]] e si dirige verso il [[Nord]] insieme alla sua famiglia e alla corte reale.<ref name="AGOT02">[[AGOT02]]</ref>

 

Una volta giunto al castello della [[Nobile Casa Stark|Casa Stark]], in occasione del banchetto di benvenuto organizzato in onore del re, sfila insieme a [[sansa Stark]] guardando la [[Grande Inverno#Sala Grande|sala]] grande in modo annoiato e disdegnoso. Cena seduto ai piedi della piattaforma rialzata insieme ai suoi fratelli e di e ai figli legittimi di [[Eddard Stark|Lord Eddard]]<ref name="AGOT05" /> e si complimenta con Sansa per la sua bellezza<ref name="AGOT07" />.

 

Pochi giorni dopo [[Eddard Stark|Eddard]] e [[Catelyn Tully|Catelyn Stark]] decidono di accettare la proposta di [[Robert Baratheon|Robert]] promettendo Sansa in sposa a Joffrey di fidanzare [[sansa Stark|Sansa]] con Joffrey.<ref name="AGOT06">[[AGOT06]]</ref>

 

Partecipa agli allenamenti nel [[Grande Inverno#Cortile degli addestramenti|cortile di Grande Inverno]] e si scontra con [[Robb Stark]], ma dopo una pausa evita di rimettersi in gioco in altri allenamenti pretendendo di poter poi dichiara di essere stufo di duellare con spade di legno e chiede di poter usare armi d'acciaio. Al rifiuto del maestro d'armi [[Rodrik Cassel]], che lo ritiene delle vere spade troppo pericolosoe per dei ragazzi così giovani, sbeffeggia [[Robb Stark|Robb]] accusandolo di essere un bambino, appoggiato da Sandor Clegane e da altri suoi uomini e lascia il cortile.<ref name="AGOT07" />

 

Il giorno della caduta di Bran dalla Torre Spezzata, si trova a caccia insieme al re e ad altri uomini Il giorno precedente al previsto ritorno per [[Approdo del Re]] partecipa, assieme al padre ed altri uomini, ad una battuta di caccia.<ref name="AGOT08">[[AGOT08]]</ref> Il rientro nella capitale viene però posticipato a causa della caduta di [[brandon Stark (Bran)|Bran]] dai tetti della [[Grande Inverno#Prima Fortezza|Prima Fortezza]]: il bambino entra in coma e viene vegliato giorno e notte dai genitori. Durante il coma di [[brandon Stark (Bran)|Bran]], fatica a dormire per gli ululati di [[Estate]] davanti alla finestra del bambino. U; una mattina inizia a lamentarsi dell'animale con [[sandor Clegane]] e approva la sua idea di ucciderlo. Quando [[Tyrion Lannister|Tyrion]] lo rimprovera per non aver ancora fatto la condoglianze porto i propri rispetti ai genitori di [[brandon Stark (Bran)|Bran]] per la tragedia capitata al loro figlio, si rifiuta esprimendo il proprio disinteresse per le condizioni del piccolo [[Nobile Casa Stark|Stark]]. In risposta, lo zio lo schiaffeggia ripetutamente, e Joffrey si trova costretto a sottomettersi al suo volere, minacciando però di raccontare tutto alla propria madre.<ref name="AGOT09" /> Alcuni giorni dopo Rriparte verso sud insieme alla carovana reale, di cui questa volta fanno parte anche [[Eddard Stark]] e le sue due figlie.<ref name="AGOT14">[[AGOT14]]</ref>

 

Un giorno il gruppo si ferma in una locanda vicino al [[Tridente]]. In quell'occasione, sollecitato da sua madre, Joffrey difende la propria promessa sposa [[sansa Stark|Sansa]], spaventata dalla vista di [[ilyn Payne]], e poi si offre di tenerle compagnia. Le propone quindidi passare la giornata da soli, liberi dalla presenza di Lady e di Sandor Clegane, assicurandole di essere in grado di proteggerla lui stesso con la propria spada [[Dente di Leone]]. Insieme cavalcano lontani dal resto del gruppo, visitando caverne e seguendo le tracce di una [[Pantere ombra|pantera ombra]]. Si fermano a pranzare con trota appena pescata e Joffrey offre a [[sansa Stark|Sansa]] del vino consentendole di berne quanto ne vuole. Dopo il pranzo, le canta una canzone per lei e poi le propone di vedere il luogo dove suo padre [[Robert Baratheon|Robert]] ha ucciso [[Rhaegar Targaryen]] durante la Ribellione di Robert quindici anni prima.<ref name="AGOT15" />

 

Giunti in vicinanza del posto, si imbattono [[Arya Stark|Arya]] e [[Mycah]], intenti a combattere con dei bastoni di legno. Vedendo la sorella di [[sansa Stark|Sansa]] colpita alle dita da un colpo sferrato dal garzone del macellaio, si avvicina a lui e lo sfida a duello estraendo [[Dente di Leone]], ignorando le richieste di [[Arya Stark|Arya]] di lasciarlo in pace. Al rifiuto di [[Mycah]], lo sbeffeggia per la sua posizione sociale e lo accusa di essersi permesso di colpire la sorella della sua promessa sposa. P; poi punta [[Dente di Leone]] contro il viso del ragazzo, commentando ironicamente di non volergli fare molto male, e inizia a ferirlo alla guancia. All'improvviso [[Arya Stark|Arya]] interviene in difesa dell'amico e colpisce Joffrey con il proprio bastone, ferendolo alla testa e consentendo così a [[Mycah]] di fuggire. Ne segue una lotta, in cui Joffrey contrattacca Arya tirando fendenti con [[Dente di Leone]], urlandole parole oscene e riuscendo presto a metterla in difficoltà. Proprio in quel momento però compare [[Nymeria (Metalupo)|Nymeria]], che lo morde al braccio facendogli perdere la presa sulla spada. Dopo aver richiamato la [[Metalupi|metalupa]], [[Arya Stark|Arya]] afferra [[Dente di Leone]] e la punta contro il principe, ma alla sua preghiera di non fargli del male getta la spada nel [[Tridente]]. Quando [[sansa Stark|Sansa]] cerca di assisterlo e si offre di chiamare aiuto, Joffrey le risponde di sbrigarsi con fare aggressivo.<ref name="AGOT15" />

 

Quattro giorni dopo, durante una sosta al castello di [[Darry (Castello)|Darry]], [[Arya Stark|Arya]] e Joffrey vengono invitati a raccontare l'accaduto davanti a [[Re dei Sette Regni|Re]] [[Robert Baratheon|Robert]]. Il principe narra una versione falsata degli eventi, presentando [[Arya Stark|Arya]] e [[Mycah]] come i primi e unici aggressori. Viene poi deriso da [[Renly Baratheon|Renly]] per essersi lasciato disarmare da una bambina più piccola di lui. [[Robert Baratheon|Robert]] decide di chiudere la faccenda senza incolpare nessuna delle due controparti, ma acconsente alla richiesta di [[Cersei Lannister|Cersei]] di far uccidere [[Lady]], cosa che strappa un sorriso a Joffrey.<ref name="AGOT16" />

 

Durante il resto del viaggio, si riprende in fretta dalla ferita inflittagli da [[Nymeria (Metalupo)|Nymeria]].<ref name="AGOT20">[[AGOT20]]</ref>

 

Ad [[Approdo del Re]] assiste al [[Torneo del Primo Cavaliere]], e durante il banchetto che si svolge alla fine della prima giornata si siede alla destra di [[sansa Stark|Sansa]]. La saluta con il baciamano e alle sue domande circa l'esito del torneo risponde che saranno [[sandor Clegane|Sandor]] o [[Jaime Lannister|Jaime]] a trionfare. Per tutta la sera si comporta in modo galante, versando [[Vino dell'estate|vino dell'estate]] ghiacciato a lei e a [[septe|Septa]] [[Mordane]] e spiegandole le battute del di [[Ragazzo della di Luna]]. Inoltre lLe mostra inoltre come rompere l'involucro di argilla delle trote e come estrarre le lumache dal guscio, facendole assaggiare il primo boccone. Dopo il litigio tra [[Cersei Lannister|Cersei]] e [[Robert Baratheon|Robert]], tuttavia, si incupisce improvvisamente e ordina a [[sandor Clegane|Sandor]] di scortare la ragazza fino ai suoi alloggi.<ref name="AGOT29" />

 

Pochi Alcuni mesi dopo partecipa alla ad una battuta di caccia nei Boschi del Re nel [[bosco del Re]] insieme a [[Re dei Sette Regni|Re]] [[Robert Baratheon|Robert]] e a svariati armigeri.<ref name="AGOT44" /> Rientra al castello prima del padre insieme a [[sandor Clegane]] e [[balon Swann|Ser Balon Swann]].<ref name="AGOT45" />

 

Dopo la morte del padre, Joffrey si affretta a convocare il [[Concilio Ristretto]] nella [[Fortezza Rossa#Sala del Trono|Sala del Trono]] e ordina di preparare la sua incoronazione, pretendendo che essa avvenga entro quindici giorni e chiedendo ai consiglieri di giurargli fedeltà. Quando [[Eddard Stark]] lo accusa di essere un figlio illegittimo, si infuria e lo definisce bugiardo. Poco dopo ordina ordinando alle guardie di uccidere il [[Primo Cavaliere]] e tutti i suoi uomini, e assiste al massacro compiuto dalle [[Guardia Cittadina di Approdo del Re|Cappe Dorate]].<red name="AGOT49">[[AGOT49]]</ref>

 

Poco tempo dopo viene celebrata l'incoronazione di Joffrey, che diventa ufficialmente [[Re dei Sette Regni]].<ref name="AGOT56">[[AGOT56]]</ref>

Share this post


Link to post
Share on other sites

Le propone quindidi passare la giornata da soli

 

Manca uno spazio :-P

 

Dopo il litigio tra [[Cersei Lannister|Cersei]] e [[Robert Baratheon|Robert]], tuttavia, però si incupisce improvvisamente e ordina a [[sandor Clegane|Sandor]] di scortare la ragazza fino ai suoi alloggi.<ref name="AGOT29" />

 

Per il resto ok.

 

Quando torno a casa ti dico la fonte mancante. Non ricordo con certezza se è AGOT49 o AGOT57

 

 

EDIT: la fonte della corona è AGOT57

Share this post


Link to post
Share on other sites

{{Personaggio

| Nome = Joffrey

| Cognome = Baratheon

| Casata = [[Nobile Casa Baratheon]]

| Titoli = Principe, [[Re dei Sette Regni]]

| Nascita = [[286]]

| Apparizioni = [[A Game of Thrones]]

| Attore = [[Jack Gleeson]]

| Doppiatore = [[Manuel Meli]]

| Stagioni = [[Prima stagione]]

| StemmaP = St_Joffrey_Baratheon

| StemmaF = St_Baratheon

}}

 

[[Joffrey Baratheon]] è ufficialmente il primogenito di [[Re dei Sette Regni|Re]] [[Robert Baratheon]] e sua moglie [[Cersei Lannister]]<ref name="AGOTAA">[[AGOT - Appendici#Appendice A|AGOT - Appendice A]]</ref>, generato in realtà dall'incesto della regina con il fratello [[Jaime Lannister|Jaime]]<ref name="AGOT45">[[AGOT45]]</ref>. Alla morte del padre diventa a sua volta [[Re dei Sette Regni]].<ref name="AGOT49">[[AGOT49]]</ref>

 

 

__TOC__

 

== Descrizione fisica ==

È alto di statura<ref name="AGOT04">[[AGOT04]]</ref> e fisicamente attraente<ref name="AGOT07">[[AGOT07]]</ref>. Ha capelli i ricci e biondi, che talvolta porta raccolti in una coda, gli occhi verdi e le labbra carnose.<ref name="AGOT05">[[AGOT05]]</ref>

 

Porta lo stemma diviso a metà, con il cervo incoronato della casa reale da un lato e il leone dei [[Nobile Casa Lannister|Lannister]] dall'altro, dando alla casata di sua madre lo stesso onore che a quella del padre.<ref name="AGOT07" />

 

È solito vestirsi in modo sfarzoso ed elegante.<ref name="AGOT29">[[AGOT29]]</ref> Quando sale al trono inizia a indossare una corona d'oro tempestata di rubini.<ref name="AGOT57">[[AGOT57]]</ref>

 

Possiede una spada che ha chiamato [[Dente di Leone]], che però finisce gettata nel [[Tridente]] da [[Arya Stark]].<ref name="AGOT15">[[AGOT15]]</ref>

 

== Descrizione psicologica ==

È molto orgoglioso del proprio titolo di principe<ref name="AGOT07" /> e ama ribadire la superiorità della propria posizione sociale. Si rivolge spesso agli altri in modo sprezzante e si diverte a trattare con prepotenza i più deboli.<ref name="AGOT15" /> Convinto di essere ormai un uomo adulto, pretende di essere trattato come tale.<ref name="AGOT07" />

 

È insensibile verso le disgrazie altrui<ref name="AGOT09">[[AGOT09]]</ref> e spietato con quelli che considera suoi nemici<ref name="AGOT47">[[AGOT47]]</ref>. Ha una forte propensione per il sadismo, che emerge più chiaramente quando diventa re e inizia a esercitare la propria crudeltà in modo spesso gratuito, disinteressandosi invece alle faccende governative.<ref name="AGOT67">[[AGOT67]]</ref> Malgrado ciò, per brevi periodi riesce a fingere atteggiamenti galanti e cavallereschi.<ref name="AGOT15" /> Non ha il coraggio di ammettere le proprie colpe e preferisce mentire per nasconderle.<ref name="AGOT16">[[AGOT16]]</ref>

 

Ritiene che le donne siano tutte deboli.<ref name="AGOT67" />

 

Prima di diventare re cerca spesso la protezione di sua madre<ref name="AGOT09" />, ma dopo l'incoronazione inizia ad acquisire più autonomia, prendendo decisioni drastiche contrarie ai desideri di [[Cersei Lannister|Cersei]] e diventando difficile da tenere sotto controllo.<ref name="AGOT65" />

 

Ama andare a caccia e uccidere.<ref name="AGOT44">[[AGOT44]]</ref>

 

Sa cantare con voce alta e suadente.<ref name="AGOT15" />

 

== Resoconto biografico ==

 

=== Erede al Trono di Spade ===

Nasce nel [[286]] da un incesto tra [[Cersei Lannister|Cersei]] e [[Jaime Lannister]], che però resta nascosto. Viene quindi considerato ufficialmente un principe, figlio legittimo di [[Re dei Sette Regni|Re]] [[Robert Baratheon]].<ref name="AGOT45" />

 

Nel [[298]] viene organizzato un torneo in occasione del suo dodicesimo compleanno. Dopo l'evento Joffrey si mette in viaggio con la famiglia della madre alla volta di [[Castel Granito]], ma ben presto vengono raggiunti da una missiva di [[Pycelle]] che comunica la morte del [[Primo Cavaliere]] [[Jon Arryn]].<ref name="AGOT25">[[AGOT25]]</ref>

 

Quando [[Re dei Sette Regni|Re]] [[Robert Baratheon|Robert Baratheon]] decide di recarsi a [[Grande Inverno]] per proporre a [[Eddard Stark]] il posto di [[Primo Cavaliere]], Joffrey lascia [[Approdo del Re]] e si dirige verso il [[Nord]] insieme alla sua famiglia e alla corte reale.<ref name="AGOT02">[[AGOT02]]</ref>

 

Una volta giunto al castello della [[Nobile Casa Stark|Casa Stark]], in occasione del banchetto di benvenuto organizzato in onore del re sfila insieme a [[sansa Stark]] guardando la [[Grande Inverno#Sala Grande|sala]] in modo annoiato e disdegnoso. Cena seduto ai piedi della piattaforma rialzata insieme ai suoi fratelli e ai figli legittimi di [[Eddard Stark|Lord Eddard]]<ref name="AGOT05" /> e si complimenta con Sansa per la sua bellezza<ref name="AGOT07" />.

 

Pochi giorni dopo [[Eddard Stark|Eddard]] e [[Catelyn Tully|Catelyn Stark]] decidono di accettare la proposta di [[Robert Baratheon|Robert]] di fidanzare [[sansa Stark|Sansa]] con Joffrey.<ref name="AGOT06">[[AGOT06]]</ref>

 

Partecipa agli allenamenti nel [[Grande Inverno#Cortile degli addestramenti|cortile di Grande Inverno]] e si scontra con [[Robb Stark]], ma dopo una pausa evita di rimettersi in gioco in altri allenamenti pretendendo di poter usare armi d'acciaio. Al rifiuto del maestro d'armi [[Rodrik Cassel]], che ritiene delle vere spade troppo pericolose per dei ragazzi così giovani, sbeffeggia [[Robb Stark|Robb]] accusandolo di essere un bambino e lascia il cortile.<ref name="AGOT07" />

 

Il giorno precedente al previsto ritorno per [[Approdo del Re]] partecipa, assieme al padre ed altri uomini, ad una battuta di caccia.<ref name="AGOT08">[[AGOT08]]</ref> Il rientro nella capitale viene però posticipato a causa della caduta di [[brandon Stark (Bran)|Bran]] dai tetti della [[Grande Inverno#Prima Fortezza|Prima Fortezza]]: il bambino entra in coma e viene vegliato giorno e notte dai genitori. Durante il coma di [[brandon Stark (Bran)|Bran]] fatica a dormire per gli ululati di [[Estate]] davanti alla finestra del bambino; una mattina inizia a lamentarsi dell'animale con [[sandor Clegane]] e approva la sua idea di ucciderlo. Quando [[Tyrion Lannister|Tyrion]] lo rimprovera per non aver ancora porto i propri rispetti ai genitori di [[brandon Stark (Bran)|Bran]] per la tragedia capitata al loro figlio, si rifiuta esprimendo il proprio disinteresse per le condizioni del piccolo [[Nobile Casa Stark|Stark]]. In risposta, lo zio lo schiaffeggia ripetutamente, e Joffrey si trova costretto a sottomettersi al suo volere, minacciando però di raccontare tutto alla madre.<ref name="AGOT09" /> Alcuni giorni dopo riparte verso sud insieme alla carovana reale, di cui questa volta fanno parte anche [[Eddard Stark]] e le sue due figlie.<ref name="AGOT14">[[AGOT14]]</ref>

 

Un giorno il gruppo si ferma in una locanda vicino al [[Tridente]]. In quell'occasione, sollecitato da sua madre, Joffrey difende la propria promessa sposa [[sansa Stark|Sansa]], spaventata dalla vista di [[ilyn Payne]], e poi si offre di tenerle compagnia. Le propone quindi di passare la giornata da soli, assicurandole di essere in grado di proteggerla lui stesso con la propria spada [[Dente di Leone]]. Insieme cavalcano lontani dal resto del gruppo, visitando caverne e seguendo le tracce di una [[Pantere ombra|pantera ombra]]. Si fermano a pranzare con trota appena pescata e Joffrey offre a [[sansa Stark|Sansa]] del vino. Dopo il pranzo le canta una canzone e poi le propone di vedere il luogo dove suo padre [[Robert Baratheon|Robert]] ha ucciso [[Rhaegar Targaryen]] quindici anni prima.<ref name="AGOT15" />

 

Giunti in vicinanza del posto si imbattono [[Arya Stark|Arya]] e [[Mycah]], intenti a combattere con dei bastoni di legno. Vedendo la sorella di [[sansa Stark|Sansa]] colpita alle dita da un colpo sferrato dal garzone del macellaio si avvicina a lui e lo sfida a duello estraendo [[Dente di Leone]], ignorando le richieste di [[Arya Stark|Arya]] di lasciarlo in pace. Al rifiuto di [[Mycah]] lo sbeffeggia per la sua posizione sociale e lo accusa di essersi permesso di colpire la sorella della sua promessa sposa; poi punta [[Dente di Leone]] contro il viso del ragazzo, commentando ironicamente di non volergli fare molto male, e inizia a ferirlo alla guancia. All'improvviso [[Arya Stark|Arya]] interviene in difesa dell'amico e colpisce Joffrey con il proprio bastone, ferendolo alla testa e consentendo così a [[Mycah]] di fuggire. Ne segue una lotta, in cui Joffrey contrattacca tirando fendenti con [[Dente di Leone]], urlandole parole oscene alla bambina e riuscendo presto a metterla in difficoltà. Proprio in quel momento però compare [[Nymeria (Metalupo)|Nymeria]], che lo morde al braccio facendogli perdere la presa sulla spada. Dopo aver richiamato la [[Metalupi|metalupa]], [[Arya Stark|Arya]] afferra [[Dente di Leone]] e la punta contro il principe, ma alla sua preghiera di non fargli del male getta la spada nel [[Tridente]]. Quando [[sansa Stark|Sansa]] cerca di assisterlo e si offre di chiamare aiuto, Joffrey le risponde di sbrigarsi con fare aggressivo.<ref name="AGOT15" />

 

Quattro giorni dopo, durante una sosta al castello di [[Darry (Castello)|Darry]], [[Arya Stark|Arya]] e Joffrey vengono invitati a raccontare l'accaduto davanti a [[Re dei Sette Regni|Re]] [[Robert Baratheon|Robert]]. Il principe narra una versione falsata degli eventi, presentando [[Arya Stark|Arya]] e [[Mycah]] come i primi e unici aggressori. Viene poi deriso da [[Renly Baratheon|Renly]] per essersi lasciato disarmare da una bambina più piccola di lui. [[Robert Baratheon|Robert]] decide di chiudere la faccenda senza incolpare nessuna delle due controparti, ma acconsente alla richiesta di [[Cersei Lannister|Cersei]] di far uccidere [[Lady]], cosa che strappa un sorriso a Joffrey.<ref name="AGOT16" />

 

Durante il resto del viaggio si riprende in fretta dalla ferita inflittagli da [[Nymeria (Metalupo)|Nymeria]].<ref name="AGOT20">[[AGOT20]]</ref>

 

Ad [[Approdo del Re]] assiste al [[Torneo del Primo Cavaliere]], e durante il banchetto che si svolge alla fine della prima giornata si siede alla destra di [[sansa Stark|Sansa]]. La saluta con il baciamano e alle sue domande circa l'esito del torneo risponde che saranno [[sandor Clegane|Sandor]] o [[Jaime Lannister|Jaime]] a trionfare. Per tutta la sera si comporta in modo galante, versando [[Vino dell'estate|vino dell'estate]] ghiacciato a lei e a [[septe|Septa]] [[Mordane]] e spiegandole le battute di [[Ragazzo di Luna]]. Le mostra inoltre come rompere l'involucro di argilla delle trote e come estrarre le lumache dal guscio, facendole assaggiare il primo boccone. Dopo il litigio tra [[Cersei Lannister|Cersei]] e [[Robert Baratheon|Robert]], tuttavia però, si incupisce improvvisamente e ordina a [[sandor Clegane|Sandor]] di scortare la ragazza fino ai suoi alloggi.<ref name="AGOT29" />

 

Alcuni mesi dopo partecipa ad una battuta di caccia nel [[bosco del Re]] insieme a [[Re dei Sette Regni|Re]] [[Robert Baratheon|Robert]] e a svariati armigeri.<ref name="AGOT44" /> Rientra al castello prima del padre insieme a [[sandor Clegane]] e [[balon Swann|Ser Balon Swann]].<ref name="AGOT45" />

 

Dopo la morte del padre Joffrey si affretta a convocare il [[Concilio Ristretto]] nella [[Fortezza Rossa#Sala del Trono|Sala del Trono]] e ordina di preparare la sua incoronazione, pretendendo che essa avvenga entro quindici giorni e chiedendo ai consiglieri di giurargli fedeltà. Quando [[Eddard Stark]] lo accusa di essere un figlio illegittimo, si infuria e lo definisce bugiardo, ordinando alle guardie di uccidere il [[Primo Cavaliere]] e tutti i suoi uomini, e a. Assiste al massacro compiuto dalle [[Guardia Cittadina di Approdo del Re|Cappe Dorate]].<red name="AGOT49">[[AGOT49]]</ref>

 

Poco tempo dopo viene celebrata l'incoronazione di Joffrey, che diventa ufficialmente [[Re dei Sette Regni]].<ref name="AGOT56">[[AGOT56]]</ref>

 

=== Re dei Sette Regni ===

Il nuovo re presiede alla Tiene la sua prima corte di giustizia nella [[Fortezza Rossa#Sala del Trono|Sala del Trono]], in cui incaricando [[Maestri|Maestro]] [[Pycelle]] di annunciare punizioni e ricompense per i vari sudditi. Quando viene comunicata la deposizione di [[barristan Selmy|Ser Barristan Selmy]] dalla [[Guardia Reale]], Joffrey accusa l'anziano cavaliere di essere troppo vecchio per proteggerlo e ride alla battuta derisoria in merito di [[Petyr Baelish]]. Sentendo le parole ostili pronunciate da [[barristan Selmy|Ser Barristan]] prima di allontanarsi, si insospettisce e ordina che venga imprigionato e interrogato. Poi insieme a [[Cersei Lannister|Cersei]] offre un posto nella [[Guardia Reale]] al [[sandor Clegane|Mastino]], il quale accetta la carica. Alla fine, quando per [[sansa Stark|Sansa]] arriva il turno di chiedere clemenza si presenta per invocare il perdono reale per suo padre Eddard, Joffrey si mostra attento e disposto ad ascoltarla. Si dichiara commosso della sue parole e promette di risparmiare clemenza per [[Eddard Stark|Lord Stark]] se questi ammetterà le proprie colpe.<ref name="AGOT57" />

 

Tempo dopo, quando [[Eddard Stark|Eddard]] viene portato al cospetto del popolo nella piazza del [[Grande Tempio di Baelor]], ascolta la confessione in cui [[Eddard Stark|Lord Stark]] lo riconosce come legittimo [[Re dei Sette Regni]] e si dichiara colpevole di tradimento. Dopo che il Sommo l'[[Alto Septon]] giudica l'accusato degno del perdono dei [[sette Dei]], Joffrey commenta che anche [[Cersei Lannister|Cersei]] e [[sansa Stark|Sansa]] hanno chiesto la clemenza, ma poi, dopo aver rivolto un sorriso alla promessa sposa, si volta verso la folla e conclude che entrambe hanno il cuore molle tipico delle donne. Dichiara quindi che, fino a quando lui sarà il re, il tradimento non resterà mai impunito e condanna [[Eddard Stark]] alla decapitazione, che viene eseguita immediatamente.<ref name="AGOT65" />

 

Fa collocare la testa di [[Eddard Stark|Eddard]] su una picca insieme a quelle di tutte le persone uccise che erano al servizio degli [[Nobile Casa Stark|Casa Stark]]. Predispone due picche vuote per gli zii [[stannis Baratheon|Stannis]] e [[Renly Baratheon]], colpevoli di contestare la sua sovranità. Esprime inoltre il proprio desiderio di marciare in guerra contro [[Robb Stark]] e ucciderlo, ma [[Cersei Lannister|Cersei]] insiste affinché il figlio rimanga ad [[Approdo del Re]].<ref name="AGOT67" />

 

Qualche giorno dopo, visita [[sansa Stark|Sansa]] nelle sue stanze e le ordina di prepararsi per raggiungerlo a corte questo nel pomeriggio. La ragazza è ancora sconvolta per la morte del padre e cerca di ribellarsi, ma Joffrey ordina a [[sandor Clegane|Sandor]] di tirarla fuori al letto a forza. Alle accuse di [[sansa Stark|Sansa]] di non aver mantenuto le sue promesse di clemenza, risponde di averlo fatto concedendo a [[Eddard Stark|Eddard]] una morte rapida e poi, quando la ragazza dichiara di odiarlo, comanda a [[Meryn Trant|Ser Meryn Trant]] di colpirla. Quello stesso giorno, tiene un'altra corte di giustizia nella [[Fortezza Rossa#Sala del Trono|Sala del Trono]]. Si annoia davanti a gran parte delle questioni affrontate, ma approfitta di alcune occasioni per esercitare la propria crudeltà: ordina che a un ladro venga mozzata una mano in pubblico, risolve una disputa per dei terreni tra contadini decretando un duello all'ultimo sangue, fa imprigionare una donna che ha confessato il proprio amore per uno dei condannati a morte, punisce menestrello colpevole di aver composto una canzone satirica sulla morte di Robert dicendogli di scegliere tra l'amputazione della lingue o delle dita. Al termine della seduta, incontra Sansa e la invita a passeggiare con lui. La umilia verbalmente, definendola stupida e dicendole di aver intenzione di metterla incinta appena sarà possibile e di farla uccidere se gli darà un figlio altrettanto sciocco. Poi le ordina di salire sulla torre di guardia dove sono disposte le teste sulle picche e la obbliga di guardare quella di suo padre. Deluso dell'imperturbabilità che la ragazza riesce a mostrare, le fa vedere anche la testa di [[septe|Septa]] [[Mordane]], definendo anch'essa una traditrice. Le promette poi di regalarle la testa di [[Robb Stark|Robb]] e, quando [[sansa Stark|Sansa]] gli risponde che forse sarà suo fratello a ucciderlo, ordina a [[Meryn Trant|Ser Meryn]] di colpirla di nuovo.<ref name="AGOT67" />

 

== Famiglia e genealogia ==

 

<table style="border-collapse:collapse;">

{{Genealogia | Quantità = 7 | Arg1 = E | Arg2 = D | Arg3 = A | Arg4 = H | Arg5 = A | Arg6 = B | Arg7 = C | Arg8 = D | Nome3 = [[Tywin Lannister]] | Nome5 = [[Joanna Lanniter]]}}

{{Genealogia | Quantità = 12 | Arg1 = E | Arg2 = D | Arg3 = C | Arg4 = K | Arg5 = L | Arg6 = L | Arg7 = N | Arg8 = L | Arg9 = M | Arg10 = B | Arg11 = C | Arg12 = E}}

{{Genealogia | Quantità = 9 | Arg1 = C | Arg2 = A | Arg3 = G | Arg4 = A | Arg5 = J | Arg6 = A | Arg7 = B | Arg8 = C | Arg9 = D | Nome2 = [[Robert Baratheon]] | Nome4 = [[Cersei Lannister]] | Nome6 = [[Jaime Lannister]]}}

{{Genealogia | Quantità = 16 | Arg1 = E | Arg2 = B | Arg3 = K | Arg4 = L | Arg5 = L | Arg6 = L | Arg7 = L | Arg8 = P | Arg9 = Q | Arg10 = P | Arg11 = L | Arg12 = L | Arg13 = L | Arg14 = M | Arg15 = C | Arg16 = D}}

{{Genealogia | Quantità = 9 | Arg1 = D | Arg2 = C | Arg3 = B | Arg4 = A | Arg5 = C | Arg6 = A | Arg7 = C | Arg8 = A | Arg9 = C | Nome4 = [[Joffrey Baratheon]] | Nome6 = [[Myrcella Baratheon]] | Nome8 = [[Tommen Baratheon]]}}

</table>

 

== Titoli ==

 

{{Successione | Carica = [[Re dei Sette Regni]] | Logo = St_Baratheon | Nome = [[Joffrey Baratheon]] | Durata1 = [[298]]-??? | Predecessore1 = [[Robert Baratheon]] | Successore1 = ???}}

 

 

{{Portale | Argomento1 = Personaggi}}

 

<noinclude>[[Categoria:A Game of Thrones]] [[Categoria:JP]] [[Categoria:Nobile Casa Baratheon]] [[Categoria:Personaggi]] [[Categoria:Re dei Sette Regni]] [[Categoria:Terre della Corona]]</noinclude>

Share this post


Link to post
Share on other sites

però, si incupisce

 

la virgola non ci va <img alt=" />

 

Joffrey accusa l'anziano cavaliere di essere troppo vecchio per proteggerlo e ride alla battuta derisoria in merito di [[Petyr Baelish]

 

Non sono d'accordo con questa aggiunta visto che la battuta di Dito non riguarda l'inadeguatezza di Barristan. E' piuttosto un "ora sei un cavaliere nudo" quando Barristan inizia a togliersi la cose, ma visto che non si tratta della voce di Petyr direi di non specificare troppo.

 

invece lascerei tutte le decisioni crudeli di Joffrey nella seconda corte di giustizia, perché in nessuna pagina questi dettagli sono più adatti che qui, visto che sono azioni svolte da lui.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Il "però" ora come ora è inciso, con una virgola prima ed una dopo. O le togliamo entrambe o le lasciamo entrambe, ma non ne toglierei solo una.

 

Sulla battuta di Petyr sinceramente sono perplesso: messa senza niente come nella forma originale sembra che sia una battuta qualsiasi, sganciata dal contesto "barristaniano". Quindi o la leghiamo in qualche modo all'episodio in corso oppure io eviterei del tutto di parlarne.

 

Infine, sull'elenco delle scene, a me pare un livello di dettaglio eccessivo, visto che già stiamo parlando di una voce non lunga e che sono episodi rilevanti solo a mettere in luce la crudeltà di Joffrey ma di per sé poco significativi a livello di impatti della storia. Comunque sentiamo altre opinioni. :)

Share this post


Link to post
Share on other sites

le toglierei entrambe perché questo genere di incisi li trovo bruttini e inutili <img alt=" />

 

Per la battuta, che ne dici di..

 

Joffrey accusa l'anziano cavaliere di essere troppo vecchio per proteggerlo e ride quando [[Petyr Baelish]] lo prende in giro con una battuta sarcastica.

 

 

Per le decisioni prese io le vorrei mettere perché, anche se non sono rilevanti per la trama generale, dal punto di vista della biografia del singolo personaggio penso che sia importante specificare le decisioni governative che prende, anche perché non ne prende moltissime.

Insomma, è pur sempre un re, ed essere specifici sul suo modo di governare per me ci sta.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Uppo per opinioni sull'ultimo punto. :)

Share this post


Link to post
Share on other sites

Boh, io mi limiterei ad indicare genericamente la crudeltà delle sue decisioni, senza entrare nel dettaglio...

Share this post


Link to post
Share on other sites

{{Personaggio

| Nome = Joffrey

| Cognome = Baratheon

|Soprannomi = Joff

| Casata = [[Nobile Casa Baratheon]]

| Titoli = Principe<br />[[Re dei Sette Regni]]

| Nascita = [[286]]

| Apparizioni = [[A Game of Thrones]] – [[A Clash of Kings]]

| Attore = [[Jack Gleeson]]

| Doppiatore = Manuel Meli

| Stagioni = [[Prima stagione]] – [[Seconda stagione]]

| StemmaP = St_Joffrey_Baratheon

| StemmaF = St_Baratheon

}}

 

[[Joffrey Baratheon]] è ufficialmente il primogenito di [[Re dei Sette Regni|Re]] [[Robert Baratheon]] e sua moglie [[Cersei Lannister]]<ref name="AGOTAA">[[AGOT - Appendici#Appendice A|AGOT - Appendice A]]</ref>, generato in realtà dall'incesto della regina con il fratello [[Jaime Lannister|Jaime]]<ref name="AGOT45">[[AGOT45]]</ref>. Alla morte del padre diventa a sua volta [[Re dei Sette Regni]].<ref name="AGOT49">[[AGOT49]]</ref>

 

 

__TOC__

 

== Descrizione fisica ==

È alto di statura<ref name="AGOT04">[[AGOT04]]</ref> e fisicamente attraente<ref name="AGOT07">[[AGOT07]]</ref>. Ha capelli i ricci e biondi, che talvolta porta raccolti in una coda, gli occhi verdi e le labbra carnose.<ref name="AGOT05">[[AGOT05]]</ref>

 

Porta lo stemma diviso a metà, con il cervo incoronato della casa reale da un lato e il leone dei [[Nobile Casa Lannister|Lannister]] dall'altro, dando alla casata di sua madre lo stesso onore che a quella del padre.<ref name="AGOT07" />

 

È solito vestirsi in modo sfarzoso ed elegante.<ref name="AGOT29">[[AGOT29]]</ref> Quando sale al trono inizia a indossare una corona d'oro tempestata di rubini.<ref name="AGOT57">[[AGOT57]]</ref>

 

Possiede una spada che ha chiamato [[Dente di Leone]], che però finisce gettata nel [[Tridente]] da [[Arya Stark]].<ref name="AGOT15">[[AGOT15]]</ref> In seguito gli viene forgiata una nuova spada, [[Divoratrice di Cuori]]<ref name="ACOK57">[[ACOK57]]</ref>

 

== Descrizione psicologica ==

È molto orgoglioso del proprio titolo di principe<ref name="AGOT07" /> e ama ribadire la superiorità della propria posizione sociale. Si rivolge spesso agli altri in modo sprezzante e si diverte a trattare con prepotenza i più deboli.<ref name="AGOT15" /> Convinto di essere ormai un uomo adulto, pretende di essere trattato come tale.<ref name="AGOT07" /> Non tollera essere contraddetto, specialmente se in pubblico, <ref name="ACOK02">[[ACOK02]]</ref> e tende a portare molto rancore per le umiliazioni subite. <ref name="ACOK52">[[ACOK52]]</ref>

(ho spostato un paragrafo qui per maggiore continuità con la parte sopra)

Prima di diventare re cerca spesso la protezione di sua madre<ref name="AGOT09" />, ma dopo l'incoronazione inizia ad acquisire più autonomia, prendendo decisioni drastiche contrarie ai desideri di [[Cersei Lannister|Cersei]] e diventando difficile da tenere sotto controllo.<ref name="AGOT65">[[AGOT65]]</ref> E’ consapevole che sua madre non gli farebbe mai del male e approfitta della cosa. Interpreta il suo essere sovrano come possibilità di agire arbitrariamente secondo i propri desideri e non presta grande attenzione nemmeno ai suggerimenti dei suoi consiglieri. <ref name="ACOK03">[[ACOK03]]</ref>

 

Non è dotato di particolare acume e non è in grado di rispondere a tono a battute ironiche e sottili allusioni. <ref name="ACOK02" />

 

 

 

È insensibile verso le disgrazie altrui<ref name="AGOT09">[[AGOT09]]</ref> e spietato con quelli che considera suoi nemici<ref name="AGOT47">[[AGOT47]]</ref>. Ha una forte propensione per il sadismo, che emerge più chiaramente quando diventa re e inizia a esercitare la propria crudeltà in modo spesso gratuito, disinteressandosi invece alle faccende governative.<ref name="AGOT67">[[AGOT67]]</ref> Malgrado ciò, per brevi periodi riesce a fingere atteggiamenti galanti e cavallereschi.<ref name="AGOT15" /> Non ha il coraggio di ammettere le proprie colpe e preferisce mentire per nasconderle.<ref name="AGOT16">[[AGOT16]]</ref> Quando è annoiato o irritato, la sua tendenza alla crudeltà diventa più evidente. <ref name="ACOK02" />

 

E’ completamente indifferente al benessere del suo popolo e alle sue richieste durante il periodo di carestia. <ref name="ACOK17">[[ACOK17]]</ref>

 

E’ molto impulsivo. Per un certo tempo, nelle occasioni ufficiali riesce a mantenere un’aria solenne e disciplinata, ma ogni minimo incidente è in grado di farlo crollare, mostrando in pubblico la sua scarsa capacità di autocontrollo.<ref name="ACOK65">[[ACOK65]]</ref>

 

E’ attratto dall’attività militare e dopo lo scoppio della [[Guerra dei Cinque Re]] desidera uccidere in duello i propri nemici [[Robb Stark]] <ref name="ACOK02" /> e [[Stannis Baratheon]], pur non essendo ancora in grado di affrontare personalmente un combattimento.<ref name="ACOK57" />. Gli piace anche vedere la gente duellare fino alla morte.<ref name="ACOK02" />

 

Ritiene che le donne siano tutte deboli.<ref name="AGOT67" />

 

Prima di diventare re cerca spesso la protezione di sua madre<ref name="AGOT09" />, ma dopo l'incoronazione inizia ad acquisire più autonomia, prendendo decisioni drastiche contrarie ai desideri di [[Cersei Lannister|Cersei]] e diventando difficile da tenere sotto controllo.<ref name="AGOT65">[[AGOT65]]</ref>

 

Mostra poco affetto anche verso suo fratello [[Tommen Baratheon|Tommen]], trattandolo con derisione e disinteressandosi della sua salute. <ref name="ACOK02" /> Da piccolo piange quando il padre [[Robert Baratheon|Robert]]  lo prende in braccio <ref name="ACOK52" /> e non si mostra particolarmente addolorato per la sua morte.<ref name="ACOK02" />

 

Ama andare a caccia e uccidere.<ref name="AGOT44">[[AGOT44]]</ref>

 

Sa cantare con voce alta e suadente.<ref name="AGOT15" />

 

== Resoconto biografico ==

 

=== Erede al Trono di Spade ===

Nasce nel [[286]] da un incesto tra [[Cersei Lannister|Cersei]] e [[Jaime Lannister]], che però resta nascosto. Viene quindi considerato ufficialmente un principe, figlio legittimo di [[Re dei Sette Regni|Re]] [[Robert Baratheon]].<ref name="AGOT45" /> Il parto con cui viene alla luce è molto travagliato.<ref name="ACOK52" />

 

Un giorno, quando il fratello [[Tommen Baratheon|Tommen]] adotta un cerbiatto, Joffrey scuoia l’animale per farsi un gilet.<ref name="ACOK49">[[ACOK49]]</ref>

 

Nel [[298]] viene organizzato un [[Torneo di Approdo del Re (Torneo per il dodicesimo compleanno del Principe Joffrey)|torneo]] in occasione del suo dodicesimo compleanno. Dopo l'evento Joffrey si mette in viaggio con la famiglia della madre alla volta di [[Castel Granito]], ma ben presto vengono raggiunti da una missiva di [[Pycelle]] che comunica la morte del [[Primo Cavaliere]] [[Jon Arryn]].<ref name="AGOT25">[[AGOT25]]</ref>

 

Quando [[Re dei Sette Regni|Re]] [[Robert Baratheon|Robert Baratheon]] decide di recarsi a [[Grande Inverno]] per proporre a [[Eddard Stark]] il posto di [[Primo Cavaliere]], Joffrey lascia [[Approdo del Re]] e si dirige verso il [[Nord]] insieme alla sua famiglia e alla corte reale.<ref name="AGOT02">[[AGOT02]]</ref>

 

Una volta giunto al castello della [[Nobile Casa Stark|Casa Stark]], in occasione del banchetto di benvenuto organizzato in onore del re sfila insieme a [[Sansa Stark]] guardando la [[Grande Inverno#La Sala Grande|sala]] in modo annoiato e disdegnoso. Cena seduto ai piedi della piattaforma rialzata insieme ai suoi fratelli e ai figli legittimi di [[Eddard Stark|Lord Eddard]]<ref name="AGOT05" /> e si complimenta con Sansa per la sua bellezza<ref name="AGOT07" />.

 

Pochi giorni dopo [[Eddard Stark|Eddard]] e [[Catelyn Tully|Catelyn Stark]] decidono di accettare la proposta di [[Robert Baratheon|Robert]] di fidanzare [[Sansa Stark|Sansa]] con Joffrey.<ref name="AGOT06">[[AGOT06]]</ref>

 

Partecipa agli allenamenti nel cortile di [[Grande Inverno]] e si scontra con [[Robb Stark]], ma dopo una pausa evita di rimettersi in gioco in altri allenamenti pretendendo di poter usare armi d'acciaio. Al rifiuto del maestro d'armi [[Rodrik Cassel]], che ritiene delle vere spade troppo pericolose per dei ragazzi così giovani, sbeffeggia [[Robb Stark|Robb]] accusandolo di essere un bambino e lascia il cortile.<ref name="AGOT07" />

 

Il giorno precedente al previsto ritorno per [[Approdo del Re]] partecipa, assieme al padre ed altri uomini, ad una battuta di caccia.<ref name="AGOT08">[[AGOT08]]</ref> Il rientro nella capitale viene però posticipato a causa della caduta di [[Brandon Stark (Bran)|Bran]] dai tetti della [[Grande Inverno#La Prima Fortezza|Prima Fortezza]]: il bambino entra in coma e viene vegliato giorno e notte dai genitori. Durante il coma di [[Brandon Stark (Bran)|Bran]] fatica a dormire per gli ululati di [[Estate]] davanti alla finestra del bambino; una mattina inizia a lamentarsi dell'animale con [[Sandor Clegane]] e approva la sua idea di ucciderlo. Quando [[Tyrion Lannister (Folletto)|Tyrion]] lo rimprovera per non aver ancora porto i propri rispetti ai genitori di [[Brandon Stark (Bran)|Bran]] per la tragedia capitata al loro figlio si rifiuta esprimendo il proprio disinteresse per le condizioni del piccolo [[Nobile Casa Stark|Stark]]. In risposta, lo zio lo schiaffeggia ripetutamente, e Joffrey si trova costretto a sottomettersi al suo volere, minacciando però di raccontare tutto alla madre.<ref name="AGOT09" /> Alcuni giorni dopo riparte verso sud insieme alla carovana reale, di cui questa volta fanno parte anche [[Eddard Stark]] e le sue due figlie.<ref name="AGOT14">[[AGOT14]]</ref>

 

Un giorno il gruppo si ferma in una locanda vicino al [[Tridente]]. In quell'occasione, sollecitato da sua madre, Joffrey difende la propria promessa sposa [[Sansa Stark|Sansa]], spaventata dalla vista di [[Ilyn Payne]], e poi si offre di tenerle compagnia. Le propone quindi di passare la giornata da soli, assicurandole di essere in grado di proteggerla lui stesso con la propria spada [[Dente di Leone]]. Insieme cavalcano lontani dal resto del gruppo, visitando caverne e seguendo le tracce di una [[Pantere ombra|pantera ombra]]. Si fermano a pranzare con trota appena pescata e Joffrey offre a [[Sansa Stark|Sansa]] del vino. Dopo il pranzo le canta una canzone e poi le propone di vedere il luogo dove suo padre [[Robert Baratheon|Robert]] ha ucciso [[Rhaegar Targaryen]] quindici anni prima.<ref name="AGOT15" />

 

Giunti in vicinanza del posto si imbattono [[Arya Stark|Arya]] e [[Mycah]], intenti a combattere con dei bastoni di legno. Vedendo la sorella di [[Sansa Stark|Sansa]] colpita alle dita da un colpo sferrato dal garzone del macellaio si avvicina a lui e lo sfida a duello estraendo [[Dente di Leone]], ignorando le richieste di [[Arya Stark|Arya]] di lasciarlo in pace. Al rifiuto di [[Mycah]] lo sbeffeggia per la sua posizione sociale e lo accusa di essersi permesso di colpire la sorella della sua promessa sposa; poi punta [[Dente di Leone]] contro il viso del ragazzo, commentando ironicamente di non volergli fare molto male, e inizia a ferirlo alla guancia. All'improvviso [[Arya Stark|Arya]] interviene in difesa dell'amico e colpisce Joffrey con il proprio bastone, ferendolo alla testa e consentendo così a [[Mycah]] di fuggire. Ne segue una lotta, in cui Joffrey contrattacca tirando fendenti con [[Dente di Leone]], urlando parole oscene alla bambina e riuscendo presto a metterla in difficoltà. Proprio in quel momento però compare [[Nymeria (Metalupo)|Nymeria]], che lo morde al braccio facendogli perdere la presa sulla spada. Dopo aver richiamato la [[Metalupi|metalupa]], [[Arya Stark|Arya]] afferra [[Dente di Leone]] e la punta contro il principe, ma alla sua preghiera di non fargli del male getta la spada nel [[Tridente]]. Quando [[Sansa Stark|Sansa]] cerca di assisterlo e si offre di chiamare aiuto, Joffrey le risponde di sbrigarsi con fare aggressivo.<ref name="AGOT15" />

 

Quattro giorni dopo, durante una sosta al castello di [[Darry (Castello)|Darry]], [[Arya Stark|Arya]] e Joffrey vengono invitati a raccontare l'accaduto davanti a [[Re dei Sette Regni|Re]] [[Robert Baratheon|Robert]]. Il principe narra una versione falsata degli eventi, presentando [[Arya Stark|Arya]] e [[Mycah]] come primi e unici aggressori. Viene poi deriso da [[Renly Baratheon|Renly]] per essersi lasciato disarmare da una bambina più piccola di lui. [[Robert Baratheon|Robert]] decide di chiudere la faccenda senza incolpare nessuna delle due controparti, ma acconsente alla richiesta di [[Cersei Lannister|Cersei]] di far uccidere [[Lady]], cosa che strappa un sorriso a Joffrey.<ref name="AGOT16" />

 

Durante il resto del viaggio si riprende in fretta dalla ferita inflittagli da [[Nymeria (Metalupo)|Nymeria]].<ref name="AGOT20">[[AGOT20]]</ref>

 

Ad [[Approdo del Re]] assiste al [[Torneo di Approdo del Re (Torneo del Primo Cavaliere del 298)|Torneo del Primo Cavaliere]], e durante il [[Torneo di Approdo del Re (Torneo del Primo Cavaliere del 298)#Il banchetto in riva al fiume|banchetto]] che si svolge alla fine della prima giornata si siede alla destra di [[Sansa Stark|Sansa]]. La saluta con il baciamano e alle sue domande circa l'esito del [[Torneo di Approdo del Re (Torneo del Primo Cavaliere del 298)|torneo]] risponde che saranno [[Sandor Clegane|Sandor]] o [[Jaime Lannister|Jaime]] a trionfare. Per tutta la sera si comporta in modo galante, versando [[Vino dell'estate|vino dell'estate]] ghiacciato a lei e a [[Septa]] [[Mordane]] e spiegandole le battute di [[Ragazzo di Luna]]. Le mostra inoltre come rompere l'involucro di argilla delle trote e come estrarre le lumache dal guscio, facendole assaggiare il primo boccone. Dopo il litigio tra [[Cersei Lannister|Cersei]] e [[Robert Baratheon|Robert]] però si incupisce improvvisamente e ordina a [[Sandor Clegane|Sandor]] di scortare la ragazza fino ai suoi alloggi.<ref name="AGOT29" />

 

Alcuni mesi dopo partecipa ad una battuta di caccia nel [[Bosco del Re]] insieme a [[Re dei Sette Regni|Re]] [[Robert Baratheon|Robert]] e a svariati armigeri.<ref name="AGOT44" /> Rientra al castello prima del padre insieme a [[Sandor Clegane]] e [[Balon Swann|Ser Balon Swann]].<ref name="AGOT45" />

 

Dopo la morte del padre Joffrey si affretta a convocare il [[Concilio Ristretto]] nella [[Fortezza Rossa#Sala del Trono|Sala del Trono]] e ordina di preparare la sua incoronazione, pretendendo che essa avvenga entro quindici giorni e chiedendo ai consiglieri di giurargli fedeltà. Quando [[Eddard Stark]] lo accusa di essere un figlio illegittimo, si infuria e lo definisce bugiardo, ordinando alle guardie di uccidere il [[Primo Cavaliere]] e tutti i suoi uomini. Assiste al massacro di soldati compiuto dalle [[Guardia Cittadina di Approdo del Re|Cappe Dorate]] e all’arresto di [[Eddard Stark|Eddard]] .<ref name="AGOT49">[[AGOT49]]</ref>

 

Poco tempo dopo viene celebrata l'incoronazione di Joffrey, che diventa ufficialmente [[Re dei Sette Regni]].<ref name="AGOT56">[[AGOT56]]</ref>

 

=== Re dei Sette Regni ===

Joffrey riceve da [[Cersei Lannister|Cersei]] e dagli altri membri del [[Concilio Ristretto]] il suggerimento di concedere la grazia a [[Eddard Stark!Lord Stark]] e di permettergli di entrare nei [[Guardiani della Notte]], in modo da evitare l’inasprirsi della guerra. Quando il giovane sovrano chiede un capro espiatorio per la morte del padre, [[Varys]] gli consiglia di far ricadere la colpa su [[Barristan Selmy]] per la suo fallimento nel proteggere il re. <ref name="ACOK03" />

 

Tiene la sua prima corte di giustizia nella [[Fortezza Rossa#Sala del Trono|Sala del Trono]], incaricando [[Maestri della Cittadella|Maestro]] [[Pycelle]] di annunciare punizioni e ricompense. Quando viene comunicata la deposizione di [[Barristan Selmy|Ser Barristan Selmy]] dalla [[Guardia Reale]], Joffrey accusa l'anziano cavaliere di essere troppo vecchio per proteggerlo e ride quando [[Petyr Baelish]] lo prende in giro con una battuta sarcastica. Sentendo le parole ostili pronunciate da [[Barristan Selmy|Ser Barristan]] prima di allontanarsi, si insospettisce e ordina che venga imprigionato e interrogato. Poi insieme a [[Cersei Lannister|Cersei]] offre un posto nella [[Guardia Reale]] al [[Sandor Clegane|Mastino]], il quale accetta la carica. Alla fine, quando [[Sansa Stark|Sansa]] si presenta per invocare il perdono reale per suo padre [[Eddard Stark|Eddard]], Joffrey si mostra attento e disposto ad ascoltarla. Si dichiara commosso della sue parole e promette clemenza per [[Eddard Stark|Lord Stark]] se questi ammetterà le proprie colpe.<ref name="AGOT57" />

 

Tempo dopo, quando [[Eddard Stark|Eddard]] viene portato al cospetto del popolo nella piazza del [[Grande Tempio di Baelor]], ascolta la confessione in cui [[Eddard Stark|Lord Stark]] lo riconosce come legittimo [[Re dei Sette Regni]] e si dichiara colpevole di tradimento. Dopo che l'[[Alto Septon]] giudica l'accusato degno del perdono dei [[Sette Dei]] Joffrey commenta che anche [[Cersei Lannister|Cersei]] e [[Sansa Stark|Sansa]] hanno chiesto clemenza, ma poi, dopo aver rivolto un sorriso alla promessa sposa, si volta verso la folla e conclude che entrambe hanno il cuore molle tipico delle donne. Dichiara quindi che, fino a quando lui sarà il re, il tradimento non resterà mai impunito e condanna [[Eddard Stark]] alla decapitazione, che viene eseguita immediatamente.<ref name="AGOT65" />

 

Fa collocare la testa di [[Eddard Stark|Eddard]] su una picca insieme a quelle di tutte le persone uccise che erano al servizio degli [[Nobile Casa Stark|Casa Stark]]. Predispone due picche vuote per gli zii [[Stannis Baratheon|Stannis]] e [[Renly Baratheon]], colpevoli di contestare la sua sovranità. <ref name="AGOT67" /> Ordina che la testa di [[Eddard Stark|Lord Stark]] non venga tolta fino a quando non saranno collocate accanto ad essa anche quelle degli altri nemici. <ref name="ACOK03" /> Esprime inoltre il proprio desiderio di marciare in guerra contro [[Robb Stark]] e ucciderlo, ma [[Cersei Lannister|Cersei]] insiste affinché il figlio rimanga ad [[Approdo del Re]].<ref name="AGOT67" />

 

Qualche giorno dopo visita [[Sansa Stark|Sansa]] nelle sue stanze e le ordina di prepararsi per raggiungerlo a corte nel pomeriggio. La ragazza è ancora sconvolta per la morte del padre e cerca di ribellarsi, ma Joffrey ordina a [[Sandor Clegane|Sandor]] di tirarla fuori al letto a forza. Alle accuse di [[Sansa Stark|Sansa]] di non aver mantenuto le sue promesse di clemenza risponde di averlo fatto concedendo a [[Eddard Stark|Eddard]] una morte rapida e poi, quando la ragazza dichiara di odiarlo, comanda a [[Meryn Trant|Ser Meryn Trant]] di colpirla. Quello stesso giorno tiene un'altra corte di giustizia nella [[Fortezza Rossa#Sala del Trono|Sala del Trono]]. Si annoia davanti a gran parte delle questioni affrontate, ma approfitta di alcune occasioni per esercitare la propria crudeltà. Al termine della seduta incontra Sansa e la invita a passeggiare con lui. La umilia verbalmente, definendola stupida e dicendole di aver intenzione di metterla incinta appena sarà possibile e di farla uccidere se gli darà un figlio altrettanto sciocco. Poi le ordina di salire sulla torre di guardia dove sono disposte le teste sulle picche e la obbliga di guardare quella di suo padre. Deluso dell'imperturbabilità che la ragazza riesce a mostrare, le fa vedere anche la testa di [[Septa]] [[Mordane]], definendo anch'essa una traditrice. Le promette poi di regalarle la testa di [[Robb Stark|Robb]] e, quando [[Sansa Stark|Sansa]] gli risponde che forse sarà suo fratello a ucciderlo, ordina a [[Meryn Trant|Ser Meryn]] di colpirla di nuovo.<ref name="AGOT67" />

 

Fa percuotere [[Sansa Stark|Sansa]] in diverse altre occasioni, affidando questo compito a tutti i cavalieri della [[Guardia Reale]] presenti eccetto [[Sandor Clegane|Il Mastino]]. Si astiene da tali abusi solo in presenza di [[Cersei Lannister|Cersei]]. Quando viene a sapere che [[Robb Stark]] si è proclamato [[Re del Nord]], incarica [[Boros Blount|Ser Boros Blount]] di punire la promessa sposa. <ref name="ACOK02" />

 

== Il giovane tiranno ==

Il giorno del suo tredicesimo compleanno, nella capitale viene indetto un [[torneo|Torneo di Approdo del Re (Torneo per il tredicesimo compleanno del Principe Joffrey)]] per festeggiare l’evento. Sedendo accanto a [[Sansa Stark]], Joffrey le comunica compiaciuto la notizia della morte truculenta di [[Viserys Targaryen (Re Mendicante)|Viserys Targaryen]]. Lo svolgimento del torneo non entusiasma il giovane sovrano, data la mediocrità di molti partecipanti che in numerose occasioni non fanno che coprirsi di ridicolo. Con il trascorrere del tempo, il suo umore peggiora sempre di più, fino ad arrivare al momento in cui lo sfidante [[Dontos Hollars|Ser Dontos Hollard]], presentandosi ubriaco, non riesce nemmeno a montare in sella. Joffrey decide allora di intrattenersi facendo annegare l’uomo in una barile di vino. A quel punto [[Sansa Stark|Sansa]] protesta, dicendo che uccidere un uomo nel giorno del compleanno sia causa di sventura, e quando anche [[Sandor Clegane]] interviene a sostegno di questa tesi Joffrey si lascia persuadere rimandando l’esecuzione al giorno dopo. Infine, sempre su suggerimento della promessa sposa, decide di punire [[Dontos Hollars|Ser Dontos]] spogliandolo del titolo di [[Ser|cavaliere]] invece che con la morte. Vorrebbe poi porre fine al torneo in anticipo, ma alla fine acconsente di far giostrare [[Tommen Baratheon|Tommen]] contro un pupazzo imbottito di paglia, deridendo poi il fratello minore per la caduta da cavallo.<ref name="ACOK02" />

 

Prima che l’esibizione abbia termine, nel cortile della [[Fortezza Rossa]] fa il suo ingresso [[Tyrion Lannister (il Folletto)|Tyrion Lannister]] insieme a [[Bronn]] e ai membri dei [[Clan delle Montagne della Luna]]. <ref name="ACOK02" />  Joffrey accoglie lo zio con freddezza, e reagisce con indifferenza quando questi gli porge le condoglianze per  la morte del padre. Dopo aver incassato alcune battute sarcastiche ed essersi lamentato per l’andamento negativo della guerra, si congeda insieme ai fratelli. <ref name="ACOK02" />

 

Nelle settimane successive, mentre prosegue i suoi preparativi per l’attacco ad [[Approdo del Re]], [[Stannis Baratheon]] fa diffondere in ogni luogo dei [[Sette Regni]] lettere che denunciano l’illegittimità di Joffrey. <ref name="ACOK10">[[ACOK10]]</ref> Nel frattempo, mentre la popolazione è sempre più affamata per via dei blocchi ai rifornimenti provocati dalla guerra, il giovane sovrano trascorre il proprio tempo giocando con una balestra, esercitandosi senza particolare successi a colpire lepri. <ref name="ACOK17"  />  Quando [[Sansa Stark|Sansa]] manifesta la sua soddisfazione nello scoprire che [[Janos Slynt]] è stato mandato alla [[Barriera]], Joffrey si arrabbia e la fa nuovamente picchiare da [[Meryn TRrnt|Ser Meryn Trant]]. <ref name="ACOK18">[[ACOK18]]</ref>

 

La notte in cui i popolani insorgono dopo aver saputo dei preparativi per la festa di nozze di [[Tyrek Lannister]], Joffrey giuda insieme ai cavalieri della [[Guardia Reale]] una sortita fuori dalle mura della [[Fortezza Rossa]]. <ref name="ACOK18" /> In seguito, quando un’altra folla accorre sotto le mura chiedendo cibo, il giovane reagisce tempestandola di frecce, uccidendo quattro persone e invitando i rimanenti a nutrirsi dei cadaveri. Comunque, su insistenza di [[Tyrion Lannister (il Folletto)|Tyrion]], accetta di sospendere qualsiasi festeggiamento fino alla fine della guerra. <ref name="ACOK20">[[ACOK20]]</ref>

 

Quando [[Tyrion Lannister (il Folletto)|Tyrion]] gli procura una nuova balestra, proveniente da [[Myr]] e capace di lanciare tre dardi alla volte, Joffrey si dedica subito a provarla, disertando la corte di giustizia del re e lasciandola così nelle mani del [[Tyrion Lannister (il Folletto)|Folletto]]. <ref name="ACOK25">[[ACOK25]]</ref>

 

Dopo la vittoria nella [[Battaglia di Oxcross]] da parte di [[Robb Stark]], Joffrey sfoga la propria ira su [[Sansa Stark|Sansa]]. Dopo averla convocata al cospetto della corte, la accusa per le azioni di sue fratello e, nonostante la ragazza prenda le distanze dalla propria famiglia, ordina la [[Guardia Reale]] di picchiarla, raccomandando però di evitare di colpirla in viso per non rovinarne l’aspetto. Dopo diverse percosse, comanda a [[Boros Blount|Ser Boros Blount]] di strapparle i vestiti in pubblico. La punizione viene interrotta da [[Tyrion Lannister (il Folletto)|Tyrion]] che lo rimprovera per la mancanza di rispetto verso l’onore della promessa sposa e lo avvisa che con la brutalità non otterrà il consenso dei sudditi. Joffrey gli fa presente che preferisce suscitare timore piuttosto che amore, ma non reagisce quando  [[Tyrion Lannister (il Folletto)|il Folletto]] conduce via [[Sansa Stark|Sansa]], non desiderando che [[Cersei Lannister|Cersei]] venga a conoscenza della faccenda. <ref name="ACOK32">[[ACOK32]]</ref>

 

In ACOK36 il consiglio ristretto ipotizza già di far sposare Joffrey con Margaery, ma non so quando Joffrey viene a conoscenza personalmente della cosa.

 

Il giorno in cui la sorella [[Myrcella Baratheon|Myrcella]] parte per [[Dorne]], Joffrey si reca al porto ad accompagnarla insieme ad una nutrita parte della corte reale. Vedendo [[Tommen Baratheon|Tommen]] piangere nel salutarla, lo rimprovera per la sua debolezza dicendo che i principi non piangono e zittisce [[Sansa Stark|Sansa]] quando questa gli ricorda esempi storici del contrario. Dopo la partenza della flotta, il sovrano ed i suoi cortigiani riprendono la via della [[Fortezza Rossa]], facendosi strada tra la popolazione ormai allo stremo. Ad un certo punto una donna si para davanti al corteo, presentando alla loro vista il corpo esanime di un neonato. Su suggerimento di [[Sansa Stark]], Joffrey getta alcuni [[Monete#Dragoni d'oro|dragoni d'oro]] alla donna, ma lei ignora il gesto e poco dopo qualcuno dalla folla inizia a lanciare dello sterco contro i nobili, beccando in pieno viso il re. Questi, adirato, insiste affinché il colpevole venga catturato, ma ciò accentua ancora di più il clima di tensione, spingendo i popolani ad una vera e propria [[Sommossa del Pane|rivolta]]. Diversi ribelli cercano di afferrare Joffrey, ma lui viene protetto dalla [[Gurdia Reale]] e alla fine riesce a rifugiarsi nella [[Fortezza Rossa]]. Mentre inveisce contro i traditori, [[Tyrion Lannister (il Folletto)|Tyrion]] lo insulta per aver esasperato la situazione e lo aggredisce, per poi essere bloccato da [[Mandon Moore|Ser Mandon Moore]].<ref name="ACOK41">[[ACOK41]]</ref>

 

Dopo la morte di [[Preston Greenfield|Ser Preston Greenfield]] e la destituzione di [[Boros Blount|Ser Boros Bount]], il giovane sovrano celebra la cerimonia di investitura dei nuovi cavalieri della [[Guardia Reale]] di [[Balon Swann|Ser Balon Swann]] e [[Osmund Kettleblack|Ser Osmund Kettleblack]] appoggiando i mantelli bianchi sulle loro spalle. <ref name="ACOK49" />

 

== La grande battaglia ==

In vista della [[Battaglia delle Acque Nere]], per Joffrey viene preparata la migliore e più costosa armatura. [[Tyrion Lannister (il Folletto)|Tyrion]] desidera che, per infondere coraggio, durante la battaglia resti sui bastioni con i soldati, anche se protetto dalle [[Guardia Cittadina di Approdo del Re|Cappe Dorate]]. <ref name="ACOK54">[[ACOK54]]</ref> A Joffrey viene inoltre assegnato il comando delle catapulte [[Tre Puttane]], con cui scagliare gli [[Uomini Cervo]], colpevoli di tradimento a favore di [[Stannis Baratheon]|Stannis]] .<ref name="ACOK57">[[ACOK57]]</ref>

 

Prima della [[Battaglia delle Acque Nere|battaglia]], ha un breve incontro con [[Sansa Stark|Sansa]], in cui le mostra la sua nuova spada [[Divoratrice di Cuori]] e la costringe a baciarla come gesto di benedizione. Le ribadisce inoltre le proprie intenzioni di uccidere [[Stannis Baratheon|Stannis]] e in seguito anche [[Robb Stark]]. <ref name="ACOK57" />

 

Joffrey osserva lo svolgimento del combattimento dalle mura e si lamenta nel vedere numerose navi della flotta avvolta dalle fiamme dell’[[Altofuoco|altofuoco]] insieme a quella nemica. Poi, quando [[Tyrion Lannister (il Folletto)|Tyrion]] impartisce degli ordini sulla rotazione delle [[Tre Puttane]], Joffrey insiste nel prenderne il comando per scagliare gli [[Uomini Cervo]] e [[Tyrion Lannister (il Folletto)|il Folletto]] lo accontenta, permettendogli di dirigersi verso la catapulte insieme alla [[Guardi Reale]]. <ref name="ACOK59">[[ACOK59]]</ref> Successivamente, quando la parte dell’esercito di [[Stannis Baratheon|Stannis]] sopravvissuta all’incendio inizia a dare l’assalto alle porte di [[Approdo del Re]], [[Cersei Lannister|Cersei]] insiste affinché Joffrey venga messo al sicuro nel castello. <ref name="ACOK60">[[ACOK60]]</ref>

 

Alla fine, la [[Battaglia delle Acque Nere|battaglia]] si conclude con la vittoria dei [[Nobile Casa Lannister|Lannister]], che riescono a mantenere il controllo di [[Approdo del Re]] grazie all’intervento di [[Tywin Lannister|Lord Tywin Lannister]] insieme all’esercito dei [[Nobile Casa Tyrell|Tyrell]]]. <ref name="ACOK62">[[ACOK62]]</ref>

 

Seduto sul [[Trono di Spade]], Joffrey celebra la vittoria nella [[Fortezza Rossa#Sala del Trono|Sala dal Trono]] Riceve il nonno [[Tywin Lannister|Tywin]] con tutti gli onori, proclamandolo salvatore della capitale e [[Primo Cavaliere]]. In seguito scende dal trono per ringraziare i [[Nobile Casa Tyrell|Tyrell]]]. Concede a [[Mace Tyrell|Lord Mace Tyrell]] un posto nel [[Concilio Ristretto]] e acconsente alla richiesta di [[Loras Tyrell|Ser Loras]] di entrare nella [[Guardi Reale]]. Quando [[Garlan Tyrell|Ser Garlan]] gli offre la mano della sua giovane sorella [[Margaery Tyrell]], dapprima Joffrey si finge sorpreso e riluttante a rompere il patto di fidanzamento con [[Sansa Stark|Sansa]], ma poi, dopo che [[Cersei Lannister|Cersei]] ha insistito sull’inopportunità di rimanere legato alla figlia di un traditore e l’[[Alto Septon]] ha fatto decadere la sacralità di quella promessa, accetta dichiarandosi finalmente libero di seguire il proprio cuore.<ref name="ACOK65">[[ACOK65]]</ref>

 

Dopo una serie di ricompense di vario genere ad altri alleati che si sono distinti in combattimento o hanno in qualche modo contribuito alla vittoria, per Joffrey, ormai stanco della lunga cerimonia, giunge il turno di ricevere i prigionieri di guerra. A quelli che decidono di giurare fedeltà alla corona o che hanno già cambiato la propria alleanza nel corso della battaglia, viene concesso il perdono reale. Tuttavia alcuni nemici rimangono fedeli fino all’ultimo a [[Stannis Baratheon|Stannis]] e iniziano a insultare e minacciare Joffrey. Adirato, il giovane assesta un pugno sul bracciolo di [[Trono di Spade]], ferendosi con una delle lame, cosa che viene indicata da uno dei dissidenti come segno della sua inadeguatezza al trono. Mentre questi viene subito giustiziato, Joffrey viene assistito da [[Cersei]] e da alcuni [[Maestri|maestri]] e portato via dalla sala.<ref name="ACOK65" />

 

== Famiglia e genealogia ==

 

<table style="border-collapse:collapse;">

{{Genealogia | Quantità = 7 | Arg1 = E | Arg2 = D | Arg3 = A | Arg4 = H | Arg5 = A | Arg6 = B | Arg7 = C | Arg8 = D | Nome3 = [[Tywin Lannister]] | Nome5 = [[Joanna Lannister]]}}

{{Genealogia | Quantità = 12 | Arg1 = E | Arg2 = D | Arg3 = C | Arg4 = K | Arg5 = L | Arg6 = L | Arg7 = N | Arg8 = L | Arg9 = M | Arg10 = B | Arg11 = C | Arg12 = E}}

{{Genealogia | Quantità = 9 | Arg1 = C | Arg2 = A | Arg3 = G | Arg4 = A | Arg5 = J | Arg6 = A | Arg7 = B | Arg8 = C | Arg9 = D | Nome2 = [[Robert Baratheon|Robert I Baratheon]] | Nome4 = [[Cersei Lannister]] | Nome6 = [[Jaime Lannister]]}}

{{Genealogia | Quantità = 16 | Arg1 = E | Arg2 = B | Arg3 = K | Arg4 = L | Arg5 = L | Arg6 = L | Arg7 = L | Arg8 = P | Arg9 = Q | Arg10 = P | Arg11 = L | Arg12 = L | Arg13 = L | Arg14 = M | Arg15 = C | Arg16 = D}}

{{Genealogia | Quantità = 9 | Arg1 = D | Arg2 = C | Arg3 = B | Arg4 = A | Arg5 = C | Arg6 = A | Arg7 = C | Arg8 = A | Arg9 = C | Nome4 = [[Joffrey Baratheon]] | Nome6 = [[Myrcella Baratheon]] | Nome8 = [[Tommen Baratheon]]}}

</table>

 

== Titoli ==

 

{{Successione | Carica = [[Re dei Sette Regni]] | Logo = St_Baratheon | Nome = [[Joffrey Baratheon]] | Durata1 = [[298]]-??? | Predecessore1 = [[Robert Baratheon|Robert I Baratheon]] | Successore1 = ???}}

 

== Note ==

<references />

 

 

{{Portale | Argomento1 = Personaggi}}

 

<noinclude>[[Categoria:JP]] [[Categoria:Guerra dei Cinque Re]] [[Categoria:Nobile Casa Baratheon]] [[Categoria:Personaggi]] [[Categoria:Re dei Sette Regni]] [[Categoria:Terre della Corona]]</noinclude>

Share this post


Link to post
Share on other sites

Prima parte.

 

Cita

{{Personaggio

| Nome = Joffrey

| Cognome = Baratheon

| Soprannomi = Joff

| Casata = [[Nobile Casa Baratheon]]

| Titoli = Principe<br />[[Re dei Sette Regni]]

| Nascita = [[286]]

| Apparizioni = [[A Game of Thrones]] – [[A Clash of Kings]]

| Attore = [[Jack Gleeson]]

| Doppiatore = Manuel Meli

| Stagioni = [[Prima stagione]] – [[Seconda stagione]]

| StemmaP = St_Joffrey_Baratheon

| StemmaF = St_Baratheon

}}

 

[[Joffrey Baratheon]], familiarmente abbreviato in [[Joffrrey Baratheon|Joff]], Abbiamo la fonte in cui viene usato per la prima volta il soprannome? è ufficialmente il primogenito di [[Re dei Sette Regni|Re]] [[Robert Baratheon]] e sua moglie [[Cersei Lannister]]<ref name="AGOTAA">[[AGOT - Appendici#Appendice A|AGOT - Appendice A]]</ref>, generato in realtà dall'incesto della regina con il fratello [[Jaime Lannister|Jaime]]<ref name="AGOT45">[[AGOT45]]</ref>. Alla morte del padre diventa a sua volta [[Re dei Sette Regni]].<ref name="AGOT49">[[AGOT49]]</ref>

 

 

__TOC__

 

== Descrizione fisica ==

È alto di statura<ref name="AGOT04">[[AGOT04]]</ref> e fisicamente attraente<ref name="AGOT07">[[AGOT07]]</ref>. Ha capelli i ricci e biondi, che talvolta porta raccolti in una coda, gli occhi verdi e le labbra carnose.<ref name="AGOT05">[[AGOT05]]</ref>

 

È solito vestirsi in modo sfarzoso ed elegante.<ref name="AGOT29">[[AGOT29]]</ref> Quando sale al trono inizia a indossare una corona d'oro tempestata di rubini.<ref name="AGOT57">[[AGOT57]]</ref>

 

Possiede una spada che ha chiamato [[Dente di Leone]], che però finisce gettata nel [[Tridente]] da [[Arya Stark]].<ref name="AGOT15">[[AGOT15]]</ref> In seguito gli viene forgiata una nuova spada, [[Divoratrice di Cuori]]<ref name="ACOK57">[[ACOK57]]</ref>

 

Il suo stemma personale racchiude gli emblemi delle casate paterna e materna Porta lo stemma diviso a metà, con il cervo incoronato della casa reale da un lato e il leone dei [[Nobile Casa Lannister|Lannister]] dall'altro, riservando quindi a entrambe dando alla casata di sua madre lo stesso onore che a quella del padre.<ref name="AGOT07" />

 

È solito vestirsi in modo sfarzoso ed elegante.<ref name="AGOT29">[[AGOT29]]</ref> Quando sale al trono inizia a indossare una corona d'oro tempestata di rubini.<ref name="AGOT57">[[AGOT57]]</ref>

 

Possiede una spada che ha chiamato [[Dente di Leone]], che però finisce gettata nel [[Tridente]] da [[Arya Stark]].<ref name="AGOT15">[[AGOT15]]</ref> In seguito gli viene forgiata una nuova spada, [[Divoratrice di Cuori]]<ref name="ACOK57">[[ACOK57]]</ref>

 

Share this post


Link to post
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now
Sign in to follow this  

×
×
  • Create New...