Jump to content
Sign in to follow this  
sharingan

TWOW - Capitolo "Mercy"

Recommended Posts

 

Letto! Non è mi piaciuto molto (come del resto tutti i capitoli di Arya, e in particolar modo quelli di AFfC e ADwD), ma si traggono alcune informazioni interessanti. In particolare

 

 

 

Dai riferimenti fatti a una certa "regina" (che, da quel che si legge, "si adirerà" qualora la missione di Ser Swift presso i banchieri di Braavos non avesse successo), si traggono elementi per antevedere un ritorno in sella di Cersei

 

Pro:

1) Il termine "regina", in bocca a uomini Lannister, è probabilmente riferito a lei.

2) Chi se non lei dovrebbe mandare un alfiere dell'Ovest a Braavos (rileggendo l'epilogo di ADwD, si vede che Kevan non ha ancora ordinato la partenza, ha solo detto "potresti dover andare a Braavos")

 

Contro (che invece potrebbero far pensare a Margarey):

1) La missione di Swift potrebbe essere un pretesto per "far fuori" un altro uomo dei Lannister dal Concilio Ristretto.

 

In definitiva, l'opzione Margarey mi sembra meno probabile. Se Cersei avesse perduto il duello, e con Kevan assassinato, penso che Swift sarebbe potuto essere rimosso dal Concilio senza troppi problemi, magari per essere sostituito da Garth il Grosso. Certo, resta possibile che sia stato inviato a trattare anche dopo essere stato privato della carica, ma mi sembra improbabile.

 

 

 

Che ne pensate?

 

Eh che dire potrebbero essere entrambe...

 

E' anche vero che i rapporti tra Cersei e Swyft si sono molto deteriorati dopo l'arresto della regina da parte delle Fede. Furono proprio lord Harys e Pycelle a gestire la crisi politica seguita all'arresto e a richiamare Kevan nella capitale per farne il nuovo lord reggente, e Cersei nei suoi POV dimostra di ricordarsi di questo fin troppo bene. Conoscendola un poco, dubito che affiderebbe una missione così delicata, perchè in cassa i soldi son pochini per davvero, ad un individuo nel quale ormai non ha più alcuna fiducia...

 

 

 

Interessante, non ricordavo di questa ostilità di Cersei verso Swift! Però, visto che nell'epilogo di ADwD egli si mostra ben poco entusiasta di andare a trattare con l'infuriata Iron Bank, resta possibile che sia stata lei, tornata padrona della situazione ad inviarlo. Forse non si fida molto, ma resta un uomo dell'Ovest, in una Approdo del Re che pullula (sempre che non sia cambiato qualcosa) di uomini dei Tyrell

 

Share this post


Link to post
Share on other sites

WOW!

concordo con tutte le osservazioni fatte finora. vorrei soffermarmi su alcuni particolari che mi hanno colpito:

il capitolo inizia con Arya che ricorda un "sogno del lupo" appena fatto, e l'ultima cosa che ricorda è < ... a tree that watched her as she ran. > poi, mentre si avvia verso il teatro, vede dei corvi prendere il volo... sarà che sono fissato, ma secondo me sono degli indizi sulle attività di Bran/BloodRaven.

inoltre, ho davvero apprezzato la chicca di Martin nel finale:

se non sbaglio, Raff Dolcecuore uccise Lommy Maniverdi trafiggendogli la gola dopo che quest'ultimo gli aveva chiesto di trasportarlo perché si era ferito a una gamba e non riusciva più a camminare (credo sia per questo che finì nella lista dell'odio)

E ora, come nella più perfetta delle vendette...

“You’ll need to carry me.”
“Think so?” asked Arya, sweetly.
Raff è morto pronuciando le stesse ultime parole di Lommy, e Arya gli risponde (dolcemente!) con la stessa "battuta" detta da lui in quella occasione.

Share this post


Link to post
Share on other sites

 

WOW!

concordo con tutte le osservazioni fatte finora. vorrei soffermarmi su alcuni particolari che mi hanno colpito:

il capitolo inizia con Arya che ricorda un "sogno del lupo" appena fatto, e l'ultima cosa che ricorda è < ... a tree that watched her as she ran. > poi, mentre si avvia verso il teatro, vede dei corvi prendere il volo... sarà che sono fissato, ma secondo me sono degli indizi sulle attività di Bran/BloodRaven.

inoltre, ho davvero apprezzato la chicca di Martin nel finale:

se non sbaglio, Raff Dolcecuore uccise Lommy Maniverdi trafiggendogli la gola dopo che quest'ultimo gli aveva chiesto di trasportarlo perché si era ferito a una gamba e non riusciva più a camminare (credo sia per questo che finì nella lista dell'odio)

E ora, come nella più perfetta delle vendette...

“You’ll need to carry me.”
“Think so?” asked Arya, sweetly.
Raff è morto pronuciando le stesse ultime parole di Lommy, e Arya gli risponde (dolcemente!) con la stessa "battuta" detta da lui in quella occasione.

 

 

Si, bellissima questa cosa che Arya ridice la stessa frase xD

 

Sull'albero anche io ho pensato a Bran, probabilmente sta tenendo sott'occhio il branco (Nymeria in questo caso)...arrivare con i corvi fino ad Essos mi sembra un pò difficile, ma può anche essere, avrebbe davvero tanto potere però...

Share this post


Link to post
Share on other sites

Martin su questo capitolo dice:

 

I mentioned that this chapter had quite a history. It's true. The first draft was written more than a decade ago. Originally, it was intended to be the opening Arya chapter after the infamous "five year gap," her first appearance in A DANCE WITH DRAGONS as initially conceived. Then it was supposed to be a part of A FEAST FOR CROWS, after I abandoned the five year gap and split the books. Then it was going to be the concluding Arya chapter in A DANCE WITH DRAGONS. But it seemed more like an opening chapter than a closing one, so shortly before ADWD was published my editor and I agreed to remove it from DANCE and shift it over into WINDS. Of course, it has been revised, tightened, polished, and tweaked at every step of the way, so the version on my website has some significant differences from the "five year gap" version.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Molto intrigante l'ipotesi di Aeron Plain sul potere di Bloodraven che potrebbe estendersi fino alle opposte sponde del mare stretto. Non avendo la possibilità di utilizzare gli alberi del cuore, i corvi resterebbero l'unica alternativa per stabilire un contatto o raccogliere info. Per me può essere un'ipotesi più fondata di quanto sembri a prima vista...

Share this post


Link to post
Share on other sites

 

Martin su questo capitolo dice:

 

I mentioned that this chapter had quite a history. It's true. The first draft was written more than a decade ago. Originally, it was intended to be the opening Arya chapter after the infamous "five year gap," her first appearance in A DANCE WITH DRAGONS as initially conceived. Then it was supposed to be a part of A FEAST FOR CROWS, after I abandoned the five year gap and split the books. Then it was going to be the concluding Arya chapter in A DANCE WITH DRAGONS. But it seemed more like an opening chapter than a closing one, so shortly before ADWD was published my editor and I agreed to remove it from DANCE and shift it over into WINDS. Of course, it has been revised, tightened, polished, and tweaked at every step of the way, so the version on my website has some significant differences from the "five year gap" version.

 

 

Accidenti, è un reperto archeologico questo capitolo!

Comunque tutti i torti a Martin non li do...in effetti è proprio come dice Giorgione. Sembra più "an opening chapter than a closing one". E poi era giusto riaprire col botto <img alt=" />

 

E ora, come nella più perfetta delle vendette...

“You’ll need to carry me.”
“Think so?” asked Arya, sweetly.
Raff è morto pronuciando le stesse ultime parole di Lommy, e Arya gli risponde (dolcemente!) con la stessa "battuta" detta da lui in quella occasione.

 

 

Assolutamente geniale! Questa battuta è stata una vera perla, una finezza. Lei non ha mai dimenticato. Chapeau per Arya <img alt=" />

Share this post


Link to post
Share on other sites

Probabilmente sul forum ci sono traduttori migliori di me, ma a quanto pare dovrete accantentarvi. Abbiate pietà...

 

Si svegliò ansimando, senza sapere chi fosse o dove si trovasse.

L’odore di sangue era greve nelle sue narici…o forse era il suo incubo che persisteva?

Aveva sognato nuovamente dei lupi, di corse attraverso scure foreste di pini con un grande branco sulla scia profumata di una preda.

La stanza era debolmente illuminata, grigia e deprimente. Rabbrividendo si mise a sedere sul letto e si passò una mano sulla nuca. Gli ispidi capelli a spazzola si arruffarono contro il suo palmo.

‘devo rasarmi prima che Izembaro se ne accorga. Mercy, sono Mercy, e stanotte sarò stuprata e assassinata’.

Il suo vero nome era Mercedene, Ma Mercy era come tutti l’avevano sempre chiamata…

Eccetto nei sogni. Prese un respiro per calmare l’ululato che aveva nel cuore, cercando di ricordare di cosa avesse sognato, ma la maggior parte del sogno era già svanita. C’era stato del sangue comunque, e la luna piena il alto, e un albero che la osservava mentre correva.

Aveva fissato gli scuri all’indietro di modo che il sole del mattino la svegliasse. Ma non c’era sole al di là della finestra di Mercy, solo un muro di mutevole nebbia grigia. L’aria si era fatta gelida…cosa buona, altrimenti avrebbe potuto dormire tutto il giorno. Come se Mercy potesse dormirsi il proprio stupro.

La pelle d’oca le copriva le gambe. La coperta le si era attorcigliata attorno come un serpente. Si districò da essa, la gettò sul tavolato del pavimento e apiedi scalzi andò alla finestra. Braavos era persa nella nebbia. Poteva vedere l’acqua verde nel piccolo canale sottostante, l’acciottolato di pietra della strada che correva tra gli edifici e due archi del ponte coperto dal muschio…ma l’altro lato svaniva nel grigiore, e degli edifici al di sopra del canale rimanevano solo fioche luci. Udì un ovattato sciacquio allorché una nave serpente emerse da sotto l’arco centrale del ponte.

“che ora è?” chiese Mercy all’uomo che stava sulla coda rialzata del serpente spingendo la barca avanti col remo.

Il barcaiolo guardò avanti, in cerca della sua voce. “Le 4 secondo il ruggito del titano” Le sue parole echeggiarono cavernose contro le verdi acque e le mura degli edifici invisibili.

Non era in ritardo quindi, non ancora, ma non doveva indugiare. Marcy era un anima felice, ed una lavoratrice instancabile, ma raramente era puntuale. Questo non le sarebbe servito stanotte. Gli inviati da Westeros erano attesi al Cancello quella sera e Izembaro non avrebbe accettato scuse, neppure se gliele avesse servite con un dolce sorriso.

La sera prima aveva riempito la sua bacinella nel canale, preferendo l’acqua salmastra alla melmosa e verdastra acqua piovana della cisterna sul retro. Immergendovi un panno di stoffa grezza si lavo da cima a fondo, rimanendo su una gamba per volta per strofinarsi i piedi callosi. Dopodiché aveva preso il rasoio. Una testa rasata aiutava la parrucca a calzare meglio, motteggiava Izembaro.

Si rasò, indossò la biancheria, quindi infilandoselo dalla testa scivolò dentro un informe vestito di lana marrone. Una delle sue calze aveva bisogno di essere rammendata, noto mentre la infilava. Avrebbe chiesto aiuto a Snapper per ripararlo, il suo cucito era così orribile che normalmente la donna che si occupava del guardaroba aveva pietà di lei. Altrimenti avrebbe potuto sgraffignarne un paio migliore dal guardaroba. D’altra parte era un rischio. Izembaro odiava quando i guitti indossavano i suoi costumi per le strade. Eccetto per Wendeyne. Dare all’uccello di Izembaro una piccola succhiatina permetteva ad una ragazza di indossare qualunque costume ella desiderasse. Mercy non era ancora così folle. Daena l’aveva avvertita: “Le ragazze che imboccavano quella strada finivano sulla Nave, dove ogni uomo nella platea sa che può avere ognuna delle adorabili cose che vede sul palco, se solo la sua borsa è gonfia abbastanza”.

I suoi stivali erano un ammasso di vecchio cuoio marrone macchiato di sale e fessurato dal troppo uso, la sua cintura una lunghezza di corda di canapa dipinta di blu. Se la annodò attorno alla vita, appese un pugnale sul fianco destro ed una scarsella al sinistro. Infine si gettò il mantello sulle spalle. Era un vero mantello da guitto, lana viola foderata di rosso, con un cappuccio per tener fuori la pioggia e l’aggiunta di tre tasche segrete. Nascose alcune monete in una di esse, una chiave di ferro in un'altra ed una lama nell’ultima. Una lama vera, non come il coltello da frutta che aveva al fianco, ma non apparteneva a Mercy, non più di quanto le appartenessero gli altri suoi tesori. LA lama da frutta apparteneva a Mercy. Lei era fatta per mangiare frutta, per sorridere e scherzare, per lavorare duramente e fare quello che le veniva detto.

“Mercy, Mercy, Mercy” cantava mentre scendeva le scale di legno verso la strada. La balaustra era piena di schegge, gli scalini ripidi, e c’erano cinque rampe, ma questo era il motivo per cui la stanza era così economica. Questo, e il sorriso di Mercy. Poteva anche essere magra e pelata, ma Mercy aveva un bel sorriso ed una certa grazia. Perfino Izembaro concordava sul fatto che era aggraziata. Non era lontana dal Cancello per il volo di un corvo, ma per la fanciulla con i piedi al posto delle ali la strada era più lunga.

Braavos era una città storta. Le strade erano curve, i viali erano ritorti ed i canali erano i più contorti di tutti. La maggior parte dei giorni preferiva fare la strada lunga, giù dalla via degli straccivendoli e lungo il Porto Esterno, dove si vedeva il mare ed il cielo al di sopra e si aveva una chiara visione della Grande Laguna all’Arsenale fino ai declivi ricoperti dai pini dello Scudo di Sellagoro. I marinai lungo i moli salutavano il suo passaggio, chiamandola dai ponti delle catramose baleniere Ibbenesi e dalle panciute navi dell’ovest. Mercy non capiva sempre le parole. Alle volte sorrideva in risposta e diceva che la potevano trovare al Cancello se avevano i soldi. La strada lunga la conduceva anche ad attraversare il Ponte degli Occhi dove erano scolpite le facce di pietra. Dall’alto della sua volta poteva guardare attraverso agli archi e vedere tutta la città: Le cupole di rame verde della Sala della Verità, le alberature che si alzavano simili ad una foresta dal Porto Viola, le alte torri dei potenti, Il fulmine dorato che si avvitava su se stesso sopra il Palazzo dei Signori del Mare..perfino le spalle bronzee del Titano, al di là delle acque verdi. Ma questo era per i giorni in cui il sole splendeva sopra Braavos. Quando la nebbia era spessa non c’era niente da vedere se non il grigiore, quindi quel giorno Mercy scelse la strada corta per risparmiare un po’ i suoi malridotti stivali. La nebbia pareva aprirsi di fronte a lei per richiudersi al suo passaggio. L’acciottolato era umido e scivoloso sotto ai suoi piedi. Udì un gatto miagolare in maniera lamentosa. Braavos era una buona città per i gatti, ed essi vagabondavano ovunque, specialmente la notte. Al buio tutti i gatti sono grigi. Al buio tutti gli uomini sono assassini.

Non aveva mai visto una nebbia più spessa di quella. Sui canali più ampi,i barcaioli guidavano le loro barche altrove, incapaci di produrre una luce più efficiente del fioco chiarore che proveniva dagli edifici dall’altra parte. Mercy oltrepassò un vecchio uomo con una lanterna che camminava nella direzione opposta ed invidiò la sua luce. Le strade erano così fosche che a stento vedeva dove metteva i piedi. Nella parte più umile della città, le case, i negozi, e i magazzini erano ammassati insieme, tutti appoggiati uno sull’altro come amanti ubriachi, i locali superiori così vicini che avresti potuto con un passo andare da un balcone all’altro. Le strade di sotto divennero tunnel oscuri dove ogni passo eccheggiava. I canali più piccoli erano ancor più un azzardo perché la maggior parte delle case che li costeggiavano aveva approdi privati sull’acqua.

Izembaro amava dare ai Signori del Mare estratti dalla Malinconica Figlia del Mercante, di come “l’ultimo Titano fosse ancora lì, a cavalcioni delle pietrose spalle dei suoi fratelli”. A Mercy però era piaciuta di più la scena in cui il mercante grasso aveva provocato il signore del mare mentre passava al di sotto della sua chiatta viola ed oro. Solo in Braavos accadevano cose del genere, era stato detto, e solo in Braavos Il Signore del Mare ed il marinaio avrebbero riso sguaiatamente alla stessa maniera. Il Cancello era vicino al confine della Città Annegata, nel mezzo tra il Porto Esterno ed il Porto Viola.. Un vecchio magazzino era bruciato lì ed il terreno affondava ogni anno di più, quindi la zona era economica. Al di sopra delle fondamenta di pietra affondate del magazzino Izembaro aveva erettoli suo cavernoso teatro. La Cupola e La Lanterna Blu potevano godersi vicini più alla moda, diceva ai suoi guitti, ma li, nel mezzo tra i porti, a loro non sarebbero mai mancati marinai e sgauldrine per riempire la loro platea. La Nave era vicina, e tutt’ora attirava folla al molo alla quale era ormeggiata da più di venti anni, diceva, ed anche Il Cancello ne avrebbe goduto e prosperato. Il tempo gli aveva dato ragione. Il palco del Cancello si era inclinato, via via che l’edificio si assestava, i loro costumi soccombevano alla muffa ed i serpenti d’acqua nidificavano nelle celle sotterranee ma niente di tutto questo preoccupava i guitti fintanto che la casa era piena.

L’ultimo ponte era fabbricato con corde e tavole grezze e pareva svanire nel nulla, ma era solo l’effetto della nebbia. Mercy l’attraversò, i tacchi che risuonavano sul legno. La nebbia si aprì di fronte a lei come una malsana cortina grigia per rivelareil teatro. Luci giallastre filtravano dalla porta e Mercy udiva voci provenire dall’interno. DI fianco all’entrata, Brusco aveva dipinto il titolo dell’ultimo spettacolo e scritto ‘La Mano Insanguinata’ in grandi lettere rosse. Aveva dipinto anche una mano insanguinata al di sotto di esse, per quelli che non sapevano leggere.

Mercy si fermò a dargli un’occhiata, “ E’ una bella mano” Gli disse. “il pollice è storto” Obiettò lui picchiettandolo col pennello

“Il Re dei Guitti ha chiesto di te”

“Era così buio che ho dormito e dormito” Quando Izembaro aveva inizialmente soprannominato se stesso Re dei Guitti, la compagnia aveva tratto un piacere perverso dal fatto, assaporando l’oltraggio dei rivali della Cupola e della Lanterna Blu. Successivamente però Izembaro aveva cominciato a prendere il titolo troppo seriamente. “Adesso vuole fare solo il Re” aveva riferito Marro roteando gli occhi “e se la commedia non ha un Re lui non intende neppure salire sul palco”

La Mano Insanguinata aveva due re da offrire, quello grasso ed il ragazzo. Izembaro avrebbe fatto quello grasso. Non era una gran parte, ma aveva una bel dialogo mentre giaceva morente, ed uno splendido combattimento con un orso demoniaco prima di quello. Phario Forel l’aveva scritto e lui aveva la penna più sanguinaria di tutta Braavos.

Mercy trovò la compagnia radunata sotto al palco e scivolò nel mezzo tra Daena e Snapper sul retro, sperando che il suo arrivo non venisse notato. Izembaro stava dicendo a tutti che si aspettava che il Cancello fosse pieno zeppo quella sera, a dispetto della nebbia. “i Re di Westeros stanno mandando i loro inviati a rendere il loro omaggio al Re dei Guitti stanotte” disse alla truppa “noi non scontenteremo i nostri compagni monarchi”

“noi?” disse Snapper che cuciva tutti i costumi per i guitti “ce n’è più di uno adesso?”

“Lui è grasso abbastanza da contare per due” sussurrò Bobono. Ogni compagnia di guitti doveva avere un nano. Lui era il loro. Quando vide Mercy le lanciò un’occhiata maligna “oh” disse “Eccola qua! E pronta la piccola fanciulla per il suo stupro?” le disse schioccando le labbra. Snapper gli dette uno scappellotto “sta buono”. Il Re dei guitti ignorò il loro battibecco. Stava ancora parlando e spiegando ai guitti quanto magnifici avrebbero dovuto essere. A parte gli inviati, ci sarebbero stati i carcerieri tra la folla quella sera , così come famose cortigiane. Non intendeva che se ne andassero con una cattiva opinione sul Cancello. “Le cose si metteranno male per ogni uomo che mi deluderà” promise, una minaccia presa a prestito dal discorso che il Principe Garin tenne alla vigilia della battaglia nella Furia dei Signori dei Draghi, la prima commedia Di Phario Forel.

Quando Izembaro ebbe finito di parlare, mancava meno di un’ora all’inizio dello spettacolo ed i guitti facevano a turno ad esser frenetici ed irritabili. Il cancellò risuonò del nome di Mercy.

“Mercy” l’implorò la sua amica Daena “Lady Stork è inciampata ancora sull’orlo del suo abito. Aiutami a ricucirlo”

“Mercy” la chiamò lo straniero “portami l’unguento di sangue, il mio corno si sta ammosciando”

“Mercy” tuonò il grande Izembaro stesso “che ne hai fatto della mia corona ragazzina? Non posso fare la mia entrata senza la corona! Come dovrebbero capire che sono il re?”

“Mercy” squittì il nano Bobono “Mercy c’è qualcosa che non và con le stringhe, l’uccello continua a scapparmi fuori”

Portò la pasta appiccicosa e aggiustò il corno sulla testa dello Straniero. Trovò la corona di Izembaro dove la lasciava sempre e lo aiutò ad appuntarla sulla parrucca, quindi corse a prendere ago e filo cosicché Snapper potesse cucire l’orlo sul retro dell’abito dorato che la regina avrebbe indossato nella scena del matrimonio.

Il ca**o di Bobono fuoriusciva veramente. Era fatto per quello, per lo stupro.”che cosa orribile” pensò Mercy mentre si inginocchiava di fronte al nano per fissarlo. L’uccello era lungo un piede e spesso come un braccio, grande abbastanza da essere visibile dalla balconata più alta. Il pittore però non aveva fatto un gran lavoro col cuoio. La cosa era una roba bianca e rosa con una bulbosa testa color prugna. Mercy lo ricacciò dentro le brache di Bobono e lo allacciò nuovamente. “Mercy” cantò lui mentre lei stringeva “Mercy Mercy, vieni nella mia stanza stanotte e rendimi uomo...”

“farò di te un eunuco se continui a slacciarti solo perché io possa giocherellare col tuo bastone”

“ma noi siam stati fatti per stare insieme, Mercy” insistette Bobono “guarda, siamo anche alti uguali”

“Solo quando sono in ginocchio. Ti ricordi la tua prima battuta?” Erano passate solo un paio di settimane da quando il nano era barcollato ubriaco sul palco ed aveva aperto ‘L’Angoscia dell’Arconte’ con la mostruosa arringa della ‘lussuriosa moglie del mercante’. Izembaro lo avrebbe scuoiato vivo se avesse fatto nuovamente un simile errore, a prescindere da quanto fosse difficile trovare un buon nano.

“Cosa mettiamo in scena Mercy?” Le chiese Bobono innocentemente.

‘Mi sta provocando’, pensò Mercy. Non è ubriaco stanotte, conosce lo spettacolo perfettamente.

“Facciamo ‘La mano Insanguinata’ di Phario in onore degli inviati dei sette regni”

“ora ricordo” Bobono abbassò la voce in un sinistro brontolio “Il dio dalle sette facce si è preso gioco di me” disse “Ha fatto il mio nobile sire di puro oro, e sempre d’oro ha fatto i miei fratelli, maschi e femmine. Ma io sono fatto di una materia più oscura, di ossa, sangue e argilla, mischiate in questa rozza forma che vedi davanti a te. “ detto questo cercò di afferrarle il petto, alla goffa ricerca di un capezzolo “Non hai tette. Come posso stuprare una ragazza senza tette?”

Lei gli prese il naso tra il pollice e l’indice e lo torse “Non riavrai il tuo naso fin quando non mi togli le mani di dosso”

“OWWWW” squitti il nano lasciandola andare.

“A me cresceranno le tette in un anno o due” Mercy si erse come una torre sul piccolo uomo “Ma a te non ricrescerà un altro naso. Pensa a questo prima di toccarmi di nuovo”

Bobono si strofinò il delicato naso. “Non c’è bisogno di esser così timide, ti stuprerò ben presto”

“Non fino al secondo atto”

“Dò sempre una strizzatine alle tette di Wendeyne quando la stupro durante ‘L’Angoscia dell’Arconte’”si lamentò il nano “a lei piace, e piace anche alla platea. Bisogna compiacere la platea!”

Quella era una delle ‘perle di saggezza’ di Izembaro, come gli piaceva definirle. Bisogna compiacere la folla.

“Scommetto che alla platea piacerebbe se strappassi l’uccello del nano e glielo sbattessi sulla testa” replicò Mercy “sarebbe qualcosa che non hanno mai visto prima”.

Bisognava sempre dare alla folla qualcosa che non avesse già visto prima, era un'altra delle perle di saggezza di Izembaro, una di quella per la quale Bobono non aveva una risposta.

“ecco qua, sei a posto” annunciò Mercy “E adesso guarda se ti riesce di tenerlo dentro alle brache fin quando non ti servirà”

Izembaro la stava nuovamente chiamando. Adesso non trovava la sua lancia da orso. Mercy la trovò per lui, quindi aiutò Brusco ad approntare la sua tenuta da orso, controllò i pugnali di scena giusto per essere sicura che nessuno li avesse rimpiazzati con delle lame vere (qualcuno lo aveva fatto a Dorme una volta, ed un guitto era morto) ed infine verso a Lady Stork il piccolo bicchierino di vino che le piaceva farsi prima di ogni spettacolo. “Quando tutti i “Mercy, Mercy, Mercy” cessarono, rubò un momento per dare una sbirciatina fuori nella casa. La platea era piena come non aveva mai visto, e si stavano già divertendo, scherzando, mangiando e bevendo. Vide un venditore ambulante vendere pezzi di formaggio, strapparli con le dita dalla ruota ogni volta che trovava un acquirente. Una donna aveva una borsa di mele rugose, otri di vino passavano di mano in mano, alcune ragazze vendevano baci, ed un marinaio suonava la cornamusa. Il piccolo uomo dagli occhi tristi chiamato Quill stava sul retro, venuto a vedere cosa avrebbe potuto rubare per una delle sue commedie. Era venuto anche Cossomoil Prestigiatore, e al suo braccio c’era Yna, la pu***na con un occhio solo di Porto Felice, ma Mercy non avrebbe dovuto conoscerli, e loro non avrebbero dovuto conoscere Mercy.

Daena riconobbe tra la folla alcuni clienti abituali del Cancello e li indicò, Il tintore Dellono con la faccia bianca e tirata e le mani macchiate di viola, Galeo il salsicciaio, con il suo unto grembiale di cuoio, l’alto Tamarro con il suo ratto domestico sulla spalla. “Sarà bene che Tomarro provveda a non far vedere il ratto a Galeo” l’avvisò Daena “E’ l’unica carne che mette all’interno delle salsicce ho udito”.

Mercy si coprì la bocca e rise.

Anche le balconate erano gremite. Il primo ed il terzo livello erano per mercanti, capitani ed altra gente rispettabile. I bravosiani preferivano il quarto e l’ultimo, dove le sedute costavano meno. Lassù era un tumulto di colori sgargianti, mentre in basso dominavano tonalità più cupe. La seconda balconata era suddivisa cabine private dove i potenti potevano avere comfort e privacy, al riparo dalle volgarità inferiori e superiori. Avevano la miglior visuale del palcoscenico, servi che gli portavano cibo, vino , cuscini e tutto ciò che potessero desiderare. Era raro vedere la balconata piena per più della metà al Cancello, poiché i potenti che si godevano una nottata di guittate erano più inclini a visitare La Cupola o la Lanterna Blu dove l’offerta era considerata più sottile e poetica.

‘Questa notte è diversa’ pensò, senza dubbio a causa degli inviati da Westeros. In una delle cabine private sedevano tre rampolli di Otharys, ognuno accompagnato da una famosa cortigiana: Prestayn sedeva da solo, un uomo così antico da farti chiedere come avesse fatto ad arrivare al suo posto a sedere. Torone e Pranelis dividevano una delle cabine, così come condividevano una scomoda alleanza; La Terza spada ospitava una mezza dozzina di amici.

“Ho contato cinque carcerieri” disse Daena

“Bessaro è così grasso che dovresti contarlo due volte” replicò Mercy ridacchiando. Izembaro aveva il pancione ma al confronto di Bessaro era agile come un salice. Il carceriere era così grasso da necessitare di una seduta speciale, grande tre volte una sedia comune.

“Sono tutti grassi i Reyaans” disse Daena “pance grandi come le loro navi. Avresti dovuto vedere il padre, faceva sembrare quello piccolo. Una volta venne convocato alla Casa della Verità per votare, ma quando mise piede sulla sua chiatta questa affondò.” Poi diede di gomito a Mercy “guarda, la cabina dei Signori del Mare”. I Signori del Mare non avevano mai visitato il Cancello, ma Izembaro gli aveva sempre riservato comunque una cabina, la più larga e opulenta di tutto il teatro. “Quelli devono essere gli inviati da Westeros. Hai mai visto simili abiti su di un vecchio? E guarda, ha portato la Perla Nera!”

L’inviato era esile e calvo, con un divertente ciuffo di barba grigia che gli cresceva dal mento. Il suo mantello era di velluto giallo, così come le sue brache. Il suo farsetto era di un blu così brillante che quasi fece lacrimare gli occhi di Mercy. Sul suo petto, uno scudo era stato ricamato in filo giallo, e al di sopra di esso stava un orgoglioso gallo blu di lapisalazzuli. Una delle sue guardie lo aiutò a sedersi, mentre altre due stavano alle sue spalle sul retro dello spazio a lui riservato. La donna che lo accompagnava non poteva avere più di un terzo dei suoi anni. Era così adorabile che le lampade sembravano più luminose quando lei passava loro vicino. Era vestita in un abito di pallida seta gialla tagliato basso, sorprendente contro il marrone chiaro della sua pelle. I capelli neri erano trattenuti da una reticella di filigrana d’oro, ed una collana anch’essa d’oro le accarezzava la parte superiore dei seni pieni. Mentre guardavano lei si chinò vicino all’inviato e gli sussurrò qualcosa all’orecchio che lo fece ridere.

“La dovrebbero chiamare la Perla Marrone” disse Mercy a Daena. “ E’ più marrone che nera”.

“La prima Perla Nera era nera come una pentola di inchiostro” disse Daena. “Era una regina pirata, figlia dei signori del Mare e di una principessa delle Isole dell’Estate. Uno dei Re dei Draghi da Westeros la prese come sua amante.”

“Mi piacerebbe vedere un drago” disse Mercy malinconicamente “Perché mai l’inviato ha un pollo sul petto?”

Daena ululò. “Mercy ma non sai niente? E’ un sigillo. Nei regni del tramonto i Lord hanno dei sigilli. Alcuni hanno fiori, altri hanno pesci, alcuni orsi ed alci ed altre cose. Vedi, le guardie dell’inviato vestono dei leoni”

Era vero. C’erano quattro guardie. Grosse, uomini duri in cotta di maglia, con pesanti spade dell’ovest rinfoderate ai loro fianchi. I loro mantelli porpora erano bordati da spirali d’oro, e leoni dorati con occhi di granito reggevano il mantello su di ogni spalla. Quando Mercy occhieggiò alle facce al di sotto degli elmi crestati dai leoni, la sua pancia ebbe un brivido.

Gli Dei mi hanno mandato un dono. Le sue dita si strinsero sul braccio di Daena.

“Quella guardia, quella in fondo, dietro la Perla Nera.”

“che ha? Lo conosci?”

“No” Mercy era nata ed era stata allevata in Braavos, come avrebbe potuto conoscere un uomo dell’ovest? Doveva pensare un attimo. “e’ solo…Bhè è carino non credi?” lo era, in un certo qual modo, sebbene i suoi occhi fossero duri.

Daena rabbrividì. “E’ veramente vecchio. Non quanto gli altri ma avrà almeno trent’anni. Ed è di Westeros. Sono dei terribili selvaggi Mercy. E’ meglio stare lontani da individui come quello”.

“stare lontano?” Mercy ridacchiò. Era una ragazzina sghignazzante, era Mercy.

“No. Devo avvicinarmi.” diette una stretta a Daena e disse: “Se Snapper viene a cercarmi, dille che sono uscita un attimo per leggere la parte una altra volta.”

L’aveva fatto poche volte, e solo un pochino. “oh, no, no, no, no” e “No, Oh no, non toccarmi” e “per piacere mio signore, sono ancora vergine” ma questa era la prima volta che Izembaro le dava una parte, quindi era normale aspettarsi che la povera Mercy desiderasse che ogni cosa andasse per il verso giusto.

L’inviato dai sette regni aveva preso due delle sue guardie dentro il sio portico perché stessero dietro a lui e alla Perla Nera, ma gli altri due erano stati posizionati fuori dalla porta ad assicurarsi che nessuno disturbasse. Stavano parlando sommessamente nella lingua comune dei Sette Regni quando lei gli scivolò silenziosamente dietro nello scuro passaggio. Quello non era un linguaggio che Mercy conoscesse.

“Per i sette inferi questo posto è umido” udì la guardia lamentarsi “sono congelato fino al midollo. Dove sono i fottuti alberi di arance? Ho sempre sentito dire che c’erano gli alberi di arance nelle città libere. Limoni e lime. Melograni. Peperoncini piccanti, notti calde, ragazze con le pance nude. Dove sono le ragazze con le pance scoperte, ti chiedo?”

“Giù a Lys, a Myr, e a Vecchia Volantis” replicò l’altra guardia. Era un uomo più vecchio, rugoso e con una grande pancia.

“Andai a Lys con Lord Tywin una volta, quando era la mano di Aerys. Braavos è a nord di Approdo del Re, folle. Non sai leggere una fottuta mappa?”

“Quanto pensi che rimarremo qui?”

“Più a lungo di quanto ti piacerebbe.” Rispose il vecchio. “se ritorna senza l’oro la regina vorrà la sua testa. A parte questo, ho visto sua moglie. Ci sono scale a Castel Granito che lei non può scendere per paura di restare bloccata per quant’è grassa. Chi tornerebbe a tutto questo quando ha già la sua scura regina?”

La guardia affascinante ghignò “Non credi che la dividerebbe con noi dopotutto?”

“Cosa sei, impazzito? Pensi che noti quelli come noi? Fottuto sodomita. Non azzecca nemmeno i nostri nomi la metà delle volte. Forse era differente con Clegane.”

“Ser non era uno da spettacoli di guitti ed allegre sgualdrine. Quando Ser voleva una donna la prendeva, ma alle volte dopo lasciava che l’avessimo anche noi. Non considererei di avere un assaggio della Perla Nera. Pensi che sia rosa in mezzo alle gambe?”

Mercy avrebbe voluto udire di più, ma non c’era più tempo. La Mano Insanguinata stava per cominciare, e Snapper l’avrebbe cercata perché l’aiutasse con i costumi. Izembaro poteva essere il Re dei Guitti, ma Snapper era quella che tutti temevano. Avrebbe avuto sufficiente tempo per la sua bella guardia più tardi.

La Mano Insanguinata cominciava in una tomba. Quando il nano apparve all’improvviso dietro una pietra tombale di legno, la folla cominciò a fare gli scongiuri. Bobono dondolò verso la parte anteriore del palco e sbirciò verso di loro. “Il dio dai sette volti si è preso gioco di me.” Cominciò, ringhiando le parole.“Ha fatto il mio nobile sire di puro oro, e sempre d’oro ha fatto i miei fratelli, maschi e femmine. Ma io sono fatto di una materia più oscura, di ossa, sangue e argilla…”

Allora Marro era apparso dietro li lui, desolato e orribile nella lunga tunica nera dello Straniero. Anche la sua faccia era nera, i suoi denti rossi e luccicanti di sangue, mentre corna di avorio bianco spuntavano fuori dalle sue sopracciglia. Bobono poteva non vederlo, ma le balconate si, e alla fine anche la platea. Il Cancello divenne mortalmente quieto, e Merro venne in avanti silenziosamente.

Così fece Mercy. I costumi erano tutti appesi, e Snapper era occupata a cucire Daena dentro al suo vestito per la scena di corte, quindi l’assenza di Mercy non sarebbe stata notata. Silenziosa come un ombra, scivolò dentro e dietro di nuovo, su fino a dove le guardie stava davanti alla porta della cabina privata. Ferma nell’alcova buia, immobile come pietra, ebbe modo di osservare per bene la sua faccia. Lo studiò attentamente, in modo da essere sicura. Sono troppo giovane per lui? Si chiese. Troppo piatta? Troppo magra? Sperava che non fosse il genere d’uomo che amava i grandi seni sulle ragazze. Bobono aveva avuto ragione sul suo petto.

‘Sarebbe stato meglio se avessi potuto riportarlo al mio posto e averlo tutto per me. Ma verrà con me?’

“Pensi possa essere lui?” stava dicendo quello carino.

“Cosa, gli estranei ti hanno fregato l’ingegno?”

“Perché no? E’ un nano non ti sembra?”

“Il Folletto non era l’unico nano al mondo”.

“Forse no ma, guarda qua, tutti non fanno che ripetere quanto sia astuto, giusto? Quindi forse lui immagina che l’ultimo posto in cui sua sorella avrebbe mai guardato fosse uno spettacolo di guitti dove avrebbe fatto ridere di se stesso. Quindi fa esattamente questo, per menarla per il naso.”

“Ah, tu sei pazzo.”

“Bene, forse io lo seguirò dopo la guittata. Lo troverò per me.” La guardia mise una mano sull’elsa della spada. “se ho ragione, sarò un Lord, e se mi sbaglio, dannazione è solo un nano.” Dette in un verso e rise.

Sul palco Bobono stava mercanteggiando con il sinistro Straniero di Marro. Aveva una voce potente per un uomo così piccolo ed in quel momento la faceva risuonare fino alle travi più alte. “Dammi la coppa.” Disse allo Straniero. “ed io berrò a fondo. E se saprà di oro e sangue di leone, meglio così. Se non posso essere l’eroe, lasciatemi essere il mostro, e che imparino la paura invece dell’amore.”

Mercy mimò l’ultima parte con lui. Era una parte migliore della sua.

‘Mi vorrà, o non mi vorrà’ pensò, quindi lasciamo che la commedia inizi. Recitò una silenziosa preghiera al dio dai mille volti, scivolò fuori dall’alcova e si diresse verso le guardie. Mercy, Mercy, Mercy.

“Miei signori” disse “Parlate Bravosiano? O per favore, ditemi che lo fate!”

Le due guardie si scambiarono uno sguardo “che cosa sta succedendo?” chiese il più vecchio “chi è lei?”

“Uno dei guitti” Disse quello carino. Spinse i suoi bei capelli all’indietro e le sorrise. “scusa dolcezza, non parliamo il tuo gibble-gabble”

‘Tutta apparenza” pensò Mercy ‘Conoscono solo la lingua comune.’

Questo non era bene. Arrenditi o vai avanti. Ma lei non poteva arrendersi. Lo voleva così tanto.

“io conosco la vostra lingua, un pochino”, mentì, con il più dolce sorriso di Mercy. “Voi siete i signori di Westeros , mi hanno detto i miei amici.”

Il vecchio rise. “Signori? Si, siamo noi!”

Mercy guardò in basso verso i suoi piedi, timidamente.

“Izembaro dice di compiacere i Signori” sussurrò. “c’è niente che desiderate? Qualsiasi cosa…”

Le due guardie si scambiarono un'altra occhiata. Quindi quello affascinante le si avvicinò e le toccò il seno.”qualsiasi..?”

“Sei disgustoso” disse l’uomo anziano.

“perché? Se Izembaro vuole essere ospitale sarebbe scortese rifiutare”. Le diede un pizzico al capezzolo attraverso la stoffa del vestito, alla stessa maniera del nano quando gli stava aggiustando l’uccello.

“I guitti sono la cosa più simile alle puttane.”

“Può essere, ma questa è una bambina.”

“Non lo sono.” Mentì Mercy. “sono una fanciulla adesso.”

“Non ancora per molto” disse quello carino. “io sono Lord Rafford, dolcezza, e so quello che voglio. Alza questa gonna adesso e appoggia la schiena contro il muro.”

“Non qui.” Disse Mercy sfregandosi le mani. “Non dove stanno facendo lo spettacolo, potrei urlare e Izembaro darebbe di matto.”

“Dove allora?”

“Conosco un posto.”

Il più vecchio si stava accigliando. “Cos’è credi di poter semplicemente sgattaiolare via? Che succede se Sua Cavalierezza viene a cercarti?”

“Perché dovrebbe? Ha uno spettacolo da guardare. Ed ha la sua pu***na, perché dovrebbe volere la mia? Non ci vorrà molto.”

‘No’, pensò lei, ‘non ci vorrà molto’

Mercy lo prese per la mano, lo condusse sul retro e giù dalle scale e fuori nella notte nebbiosa. “potresti essere un guitto se volessi, “ gli disse lei, mentre lui la spingeva contro il muro del teatro.

“io?” sbuffò la guardia, “Non io ragazzina. Tutte quelle fottute chiacchiere, non ne ricorderei la metà.”

“E’ dura all’inizio,” ammise lei, “Ma dopo un po’ diventa più facile. Potrei insegnarti a recitare una battuta. Potrei.”

Lui l’afferrò per la vita. “io sarò l’insegnante. Ed è tempo della tua prima lezione.” La tirò forte contro di se e la baciò sulle labbra forzando la lingua dentro la sua bocca. Era tutto umido e melmoso. Come un anguilla. Mercy lo lecco con la lingua, quindi si staccò da lui, senza fiato. “Non qui. Qualcuno potrebbe vedere. La mia stanza non è lontana, ma svelto. Devo tornare prima del secondo atto, o mi perderò il mio stupro.”

Lui sogghignò. “Di questo non devi aver paura, ragazzina.”Ma lasciò che lei lo conducesse. Mano nella mano, corsero attraverso la nebbia, sopra ponti e attraverso vicoli e su per cinque rampe di insidiose scale di legno. Quando giunsero ad entrare attraverso alla porta della piccola stanza, la guardia aveva ormai il fiato corto. Mercy accese un’ alta candela, quindi danzò attorno a lui, ridacchiando. “Oh, adesso sei così stanco. Non ricordo quanto sei vecchio, mio signore. Vuoi per caso fare un riposino? Stenditi semplicemente e chiudi gli occhi, ed io ritornerò indietro appena il Folletto avrà finito di stuprarmi.”

“Tu non vai da nessuna parte.” Lui la tirò rudemente contro di se, “Esci da questi stracci, e ti mostrerò quanto sono vecchio.”

“Mercy” disse,”il mio nome è Mercy, puoi dirlo?”

“Mercy,” disse, “Il mio nome è Raff.”

“Lo so.” Lei fece scivolare la mano tra le sue gambe e sentì quanto fosse duro attraverso la pesante stoffa delle brache.

“Le stringhe.” La incitò lui, “Fa la brava bambina e slacciale.”

Ma lei invece strusciò il dito lungo il profilo interno della coscia. A lui sfuggì un grugnito. “Dannazione, attenta laggiù,tu..”

Mercy boccheggiò e si allontanò da lui, la faccia confusa e spaventata. “stai sanguinando.”

“che…” lui guardò in giù “O dei Misericordiosi. Che mi hai fatto piccola tr**a?” la macchia rossa si allargava sulla coscia inzuppando il tessuto pesante.

“niente.” Squittì Mercy, “io non ho mai…oh, c’è così tanto sangue. Fermalo ti prego mi stai spaventando.”

Lui scosse la testa e gettò uno sguardo al suo volto. Quando tentò di far pressione sulla coscia, il sangue fluì attraverso alle sue dita. Correva giù lungo la gamba, fino dentro allo stivale. Non era così piacevole adesso, appariva solamente spaventato.

“un asciugamano” chiese la guardia, “portami una pezza, uno straccio, pigialo forte lì. Dei. Mi sento confuso…” La sua gamba era fradicia di sangue dalla coscia in giù. Quando tentò di appoggiarci sopra, il ginocchio cedette e cadde. “aiutami,” supplicò, mentre il cavallo delle sue brache si arrossava. “madre abbi misericordia. Un guaritore…corri, trova un guaritore e portalo qui. Veloce.”

“Uno c’è, nel canale accanto ma non verrà qui. Devi andare tu da lui. Puoi camminare?”
”Camminare?” le sue dita erano viscide di sangue, “Sei cieca ragazzina? Sto sanguinando come un maiale squartato. Non posso camminare così.”

“Bhè, non so proprio come potresti fare ad arrivare là allora.”

“dovrai portarmi.”

‘Vedi?’ pensò Mercy. ‘Conosci la tua parte allora, esattamente come me’.

“Tu pensi?” chiese dolcemente Arya.

Raff Dolcecuore la guardò intensamente mentre la lunga lama sottile usciva scivolando dalla sua manica. Lei la fece èassare attraverso la sua gola, sotto al mento, indietro e verso l’esterno con un unico movimento fluido. Ne seguì una pioggia rossa, e la luce nei suoi occhi si spense.

“Valar Morghulis,” sussurrò Arya, ma Raff Dolcecuore non la udì.

Tirò su col naso. ‘Avrei dovuto aiutarlo a scendere le scale prima di ucciderlo. Adesso dovrò trascinarlo fuori fino al canale e gettarcelo dentro. Le anguille faranno il resto’.

“Mercy, Mercy, Mercy,” cantò tristemente.

Una folle ragazzina ridacchiante, ma di buon cuore. Le sarebbe mancata, così come le sarebbero mancati Daena, e Snapper e gli altri, perfino Izembaro e Bobono. Questo sarebbe stato un problema per i Signori del Mare e per l’inviato con il pollo sul petto, non aveva dubbi.

Ma ci avrebbe pensato più tardi, comunque. Adesso non c’era tempo. Meglio che si sbrigasse.

Mercy aveva ancora una parte da recitare, la sua prima ed ultima, ed Izembaro avrebbe avuto la sua testa se avesse fatto tardi al suo stupro.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Grazie mille <img alt=" />

 

 

Inviato dal mio iPhone utilizzando Tapatalk

Share this post


Link to post
Share on other sites

Gli voglio un sacco di bene a Martin e lo ringrazio per aver scritto Le Cronache, ma a un certo punto non ho sopportato l'attesa del nuovo libro così mi sono deciso di non leggere i vari capitoli che ha anticipato, non mi volevo fare il mio manuale di capitoli stampati e bruciare ancora di più per l'attesa

stessa ragione per cui sono stato un po latitante qui

ma questo capitolo di Arya mi ha di nuovo stuzzicato e molto ed è pieno di indizzi

una cosa è sembrata chiara, se ne andrà da braavos ma mi domando cosa o come sarà la reazione dei Faceless

anche se comunque me lo voglio rileggere meglio prima di azzardarmi in altri commenti

Share this post


Link to post
Share on other sites

Una cosa che mi ha colpito è che sembra utilizzare i poteri dei faceless per i suoi personali scopi, cosa che sembra vietata dalla confraternita... può mai avere appreso le arti e buttato la tonaca bianca e nera alle ortiche?

Share this post


Link to post
Share on other sites

Una cosa che mi ha colpito è che sembra utilizzare i poteri dei faceless per i suoi personali scopi, cosa che sembra vietata dalla confraternita... può mai avere appreso le arti e buttato la tonaca bianca e nera alle ortiche?

Penso che comunque sia quello il suo obiettivo, e la logica evoluzione del personaggio. Dentro di sè, Arya sa chi è, sa che ha una lista da completare. Apprese le arti, via con la pratica!

 

Vai da Cersei, cara Arya, vai da Cersei <img alt=" />

Share this post


Link to post
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now
Sign in to follow this  

×
×
  • Create New...