Jump to content
Sign in to follow this  
Nynaeve

La Liberazione di Vanessa e Greta

Recommended Posts

Che strappino un sorriso o meno è una questione di gusti personali, ma non ritenere quei titoli satirici mi sembra un po' esagerato.. quale persona penserebbe seriamente che siano state rapite da una nonna le due ragazze? O che possano prostituirsi a 12 milioni di persone? Il problema non è chi le crea, il problema è chi prende sul serio i titoli di queste pagine e queste cose le pensa realmente (non mi sto riferendo a voi che le criticate, mi sto riferendo chi poi queste frasi le tira orgogliosamente fuori nei "discorsi da bar").

Perchè le pagine di per se colpiscono proprio un vizio: quello dell'italiano medio a generalizzare e a giudicare alla cieca le situazioni. Che poi la cosa non sia sempre recepita è un altro discorso su cui sono (tristemente) d'accordo.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Ci sono 4 link, due di humour-satira popolare e due appartengono ad un'altra categoria, trovo curioso che su 3 commenti la retorica cade sulla nonna o il Burger King. Dare della prostituta o insinuare cose come il famoso tweet non é satira ma rientra in qualcos'altro, qualcosa che non si giustifica pensando << Dato che il mestiere più antico del mondo é praticato da donne (sfruttate nel 90% dei casi) se voglio insultare G&V pratico insulti sessisti: é normale, cos'altro potevo dire a due 20enni rapire 5 mesi in Siria? La colpa é del lettore che prende insulti sessisti troppo seriamente...>>

 

Se il mio vicino insulta mia sorella e mette su FB una sua foto con scritto 50 B. 100 C. mio padre va in questura, scatta la denuncia e non credo che il Maresciallo direbbe "Signor Antonio e se la faccia una risata!" con tanto di pacca sulla spalla; Metamorfo sintetizza questo concetto in una frase, chi vuol capire capisca...

 

La satira dovrebbe quantomeno provare a strappare il sorriso, e alcuni di quei titoli non mi pare abbiano quell'obiettivo.

 

Inoltre, la satira dovrebbe colpire principalmente vizi, ideologie, potenze e potenti. Non so se l'accanimento personalizzato su due comuni ragazzette si possa definire satira, ma io fatico a vederla come tale.

Share this post


Link to post
Share on other sites

 

Ci sono 4 link, due di humour-satira popolare e due appartengono ad un'altra categoria, trovo curioso che su 3 commenti la retorica cade sulla nonna o il Burger King.

 

"EDIT: la pic de 50b 100c bisogna anche vedere da dove arriva, l'intento potrebbe benissimo essere quello di sottolineare l'assurdità di chi inneggia (seriamente, e quindi non le pagine di fb) alla prostituzione delle due ragazze dei fantomatici 12 milioni (mi riferisco alla piaga sociale citata da me più sopra)"

 

" O che possano prostituirsi a 12 milioni di persone?"

 

Abbiamo capito che la pensiamo diversamente (sul sessismo, perchè è di questo che stiamo parlando da due pagine), e nessuno dei due sembra voler retrocedere sulle proprie posizioni, mi perdonerai se non rispondo più, visto che il topic si sta limitando a "ho ragione io" "no, ho ragione io".

Share this post


Link to post
Share on other sites

La satira dovrebbe quantomeno provare a strappare il sorriso, e alcuni di quei titoli non mi pare abbiano quell'obiettivo.

 

Inoltre, la satira dovrebbe colpire principalmente vizi, ideologie, potenze e potenti. Non so se l'accanimento personalizzato su due comuni ragazzette si possa definire satira, ma io fatico a vederla come tale.

 

Perbenismo.

Ok parliamo non di satira ma di umorismo. Insomma il Black Humour dove lo metti? Delitto contro la pietas dei defunti?

E le pagine di Facebook che sfottono pesantemente i truzzi? insomma, per quello che alla fine è un modo di vestire.

E le pagine che prendono in giro chi è stato friendzoned?

Nonciclopedia su Sarah scazzi?

Le barzellette razziste?

Le canzoni rap? e quelle di Caparezza?

 

Finché queste cose vengono fatte e interpretate come umorismo, che è ciò che sono, non credo ci possano essere problemi. Il problema come ho già detto si pone quando la cosa viene presa sul serio: sia in un senso che nell'altro.

 

È che mi piace pensare che abbiamo raggiunto un sufficiente livello di civiltà da essere in grado ALMENO di tollerare queste cose.

 

L'unico limite che posso ammettere è una barriera tra pubblico e privato: ad esempio il vicino di Nynaeve non potrebbe essere punito se avesse solo preso in giro la sorella con i suoi amici. Lo è perché ha portato nel pubblico una controversia privata.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Scusate la doppia risposta, questo è parte di un post di un tizio il cui blog si chiama si chiama QUIT THE DONER che incidentalmente leggevo ed esprime benissimo come la penso! Perciò dovevo riportarla qui:

 

<<Anni fa Daniele Luttazzi aveva scritto sul suo blog che alcune delle gag di Family Guy erano fascistoidi, dove per fascistoide si intende la comicità schierata dalla parte del più forte e che quindi si accanisce sulla vittima. Una posizione non del tutto priva di appeal che però si scontra con alcuni problemi fondamentali, il primo e più banale è che se si esclude Crozza che rampogna un deputato a Ballarò non è sempre facile capire chi è il più «forte» in una determinata situazione (a Ballarò ovviamente è Crozza). Il secondo e più importante è che il metro politico del rapporto di forza, se applicato unilateralmente, è un metodo riduttivo di intendere la comicità umana. Come diceva Saul Alinksy «il fatto che certuni siano poveri o discriminati, non li rende necessariamente dotati di alcuna speciale qualità di giustizia, nobiltà, carità o compassione» e questo è un dato di fatto che ad esempio esula dalla mera logica del potere. Al tempo stesso un pregiudizio morale è una forma di censura tutto sommato abbastanza ingrata verso il nostro inconscio, che non merita niente del genere vivendo in un mondo che già gli nega parecchie cose, tipo il dominio unilaterale delluniverso o mangiare senza ingrassare.

 

Una parte di noi è e sarà sempre malvagia, la comicità deve dedicarsi anche a essa, conscia del fatto che fra persone adulte in Paesi civilizzati dovremmo essere tutti in grado di gestire il nostro disagio della civiltà e distinguere fra una battuta e una chiamata alle armi, un po perché normalmente siamo in grado di distinguere fra le nostre capacità di volo sopra un canyon e quelle di Beep Beep, e un po perché è nel conscio che alberga il senso morale, ma non la nostra risata.>>

 

Quit the doner, gente. Google ce l'avete.

Share this post


Link to post
Share on other sites
È la prima volta, e credo anche l'ultima, che commento un post su questo ramo del forum. Non prendetevela se sembro arrogante o altro, però in materia penso di saperne un "pochino" più di voi. Leggendo la conversazione, mi sembra che il 90% dei messaggi sia stato scritto da persone che fino a ieri hanno vissuto nel "Bosco dei 100 Acri" o che, comunque, hanno un parere completamente distorto dai media e dall'opinione pubblica. Gira che ti rigira, quelli che maggiormente ci hanno preso con l'argomento sono Hugor Hill e il tipo, non ricordo il nome, che asseriva che con 12 milioni si possono acquistare innumerevoli AK47.
Poi, fatemi la cortesia, non usate il termine "Marò", come fanno i giornalisti italici, che in gergo indica dei normalissimi marinai, per indicare i due fucilieri di marina che sono truppe anfibie. Grazie.
Spero che nessuno si sia offeso.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Ci mancava la bufala a cui un sacco di italiani hanno abboccato come pesci lessi.
In queste ora sta girando questa foto con tanto di commenti pieni di sdegno e blablareggio populista
Pbzzs7B.jpg


Peccato che si tratti di una combattente curda, la fonte ---> qua
Oltre ad essere una "prostituta amante di musulmani grassona" la Vanessa ha improvvisamente il dono dell'ubiquità.

Share this post


Link to post
Share on other sites

La cosa che più mi ha fatto rotolare dalle risate sono i tanti commenti che ho letto "ma si vede subito che è fotoscioppata, è chiaramente la mano di un uomo!!11!1"

:stralol: :stralol: :stralol:

Share this post


Link to post
Share on other sites

Beh, però non si può dire non sia una volontaria :indica:

Share this post


Link to post
Share on other sites

Ce sono o ce fanno ?

Share this post


Link to post
Share on other sites

Repubblica (e il Fuffinton Post suo corollario) hanno prima pubblicato un articolo non autorizzato, poi hanno pubblicato la secca smentita della famiglia, poi la replica della Farnesina e quindi le varie reazioni salviniane.

 

Insomma, si sono guadagnati la pagnotta in perfetto stile "giornalismo italiano oggi".

 

Pensiamo che solo vent'anni fa c'erano ancora Montanelli e Biagi, mi viene la pelle d'oca.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Ipotesi A)

- giornalista che non aveva niente di meglio che inventare la non notizia

 

Ipotesi B)

CASA X

>> Papà, voglio tornare in Siria!

>> Brava figlia mia, sono orgoglioso di te... aspè, alla farnesina mi avevano detto di avvertirli nel caso...

FARNESINA

>> Risponde la farnesina... ah, è lei, si mi dica ... tuu tuu tuu

>> E' svenuto, cosa è successo, ah, ma fai sul serio? Questa ce la vendiamo ai giornali, una bomba, a si, dopo chiama pure un'ambulanza, ancora non si riprende...

Di NUOVO CASA X

>> Mah, che tipi strani!

 

Fate voi :)

Share this post


Link to post
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now
Sign in to follow this  

×
×
  • Create New...