Jump to content
Sign in to follow this  
hacktuhana

Scrivi tu che scrivo anche io

Recommended Posts

Akyan, tu devi scrivere!

Mancano quei tuoi racconti pieni di magia...

Come sto ancora aspettando un altro racconto sul "Randagio"di Aeron Plain.

Etc etc etc

Per fortuna Hack è l'unico con una certa costanza!

Share this post


Link to post
Share on other sites

Seija sei proprio in vena poetica!

 

 

Bravissima! Come sempre.

 

 

 

E si...

 

Akyan e Aeron latitano!

 

Scrivete! :D

Share this post


Link to post
Share on other sites

C'è c'è, quo c'è sempre... e si spaccia per qui col classico qui pro quo.

 

Quo vadis? :)

Share this post


Link to post
Share on other sites

E si...

 

Akyan e Aeron latitano!

 

Scrivete! :D

 

La scuola mi mangia la fantasia... <_<

 

Quando finalmente avrò mandato a quel paese esami e tutto il resto, mi fiondo su questo topic, questo è certo.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Eppur si muove...

Che sia il Randagio o qualcun'altro, devo tornare a scrivere qualcosa, anche modesta, ma qualcosa!

 

Intanto compimenti a Seija per la sua poesia solare, con la giusta vena di nostalgia che piace a me :)

Share this post


Link to post
Share on other sites

Eppur si muove...

Che sia il Randagio o qualcun'altro, devo tornare a scrivere qualcosa, anche modesta, ma qualcosa!

 

Intanto complimenti a Seija per la sua poesia solare, con la giusta vena di nostalgia che piace a me :)

Share this post


Link to post
Share on other sites

Caro diario

 

Caro diario, mi è successa una cosa molto strana.

 

Una sera sono andato a una festa da ballo in un piccolo paese in Val di Susa, e lì ho avuto l’occasione di conoscere una bellissima ragazza con un vestito bianco.

Un autentico colpo di fulmine. Ho passato l'intera serata a danzare con lei e a un certo punto comincia a tremare, le porgo il mio cappotto e glielo sistemo sulle spalle e poi le offro una cioccolata calda per riscaldarsi.

Quando l’orchestra riprende a suonare ci accingiamo a raggiungere la pista da ballo, c’è molta calca, e un ragazzo disgraziatamente urta la mia dama rovesciandole un po' di caffè sulla spalla del cappotto macchiandolo.

Giunge la mezzanotte e la ragazza mi chiede gentilmente se ho qualche problema ad accompagnarla a casa, indicandomi però di abitare nei pressi del cimitero.

Spavaldamente rispondo che non c’è proprio nessun problema per accompagnarla, anzi lo faccio molto volentieri.

Così usciamo dal ballo e ci incamminiamo nelle nebbiose strade di questa borgata, dove non s’incontra anima viva, non c’è nessuno neanche un cane.

Giunti nei pressi del cimitero davanti al cancello la ragazza mi dice di fermarmi, era arrivata a casa.

Quel luogo è inquietante.

In quel buio si vede una lama di luce che esce da una finestra della casa del custode. Tutto ciò è sufficiente per rassicurarmi e a farmi pensare che la ragazza è la figlia o una parente del medesimo.

Prima di lasciarla le chiedo di dirmi il suo nome.

Lei ha un attimo di titubanza, poi mi risponde: «Mi chiamo Monique Rose Terry».

Mi avvicino e cerco di baciarla, ma lei si ritrae e mi dice:

«Voglio ripagarti il favore perché sei stato gentile con me prestandomi il tuo cappotto, vieni a riprenderlo domani mattina», e si volta scomparendo tra le tombe.

L’indomani ritorno al cimitero per cercare Monique.

Busso alla porta del custode e viene ad aprirmi un uomo anziano.

Comincio a spiegargli di aver accompagnato la sera prima fin qui una ragazza con un vestito bianco e un cappotto da uomo macchiato di caffè e che sono ritornato per riprenderlo.

L'uomo mi risponde che nella sua casa non esiste nessuna donna, vive da solo da parecchi anni giacché non c’è più nessuno a voler fare questo mestiere. Lui rimane lì a prendersi cura delle tombe solo per carità cristiana, per non vederle invase dalle erbacce. Poi a un tratto si rammenta che sì, questa mattina su una tomba ha trovato un paltò maschile.

Gli chiedo se gentilmente può farmi vedere il luogo, e lui mi conduce su una maestosa tomba monumentale.

Sulla tomba c’è il mio cappotto, con un biglietto:

"Grazie, ma tornerò a baciarti".

Togo il cappotto e mi compare un nome inciso sulla lapide:

 

Monique Rose Terry

Nata il 30 ottobre 1815

Morta il 24 maggio 1838

Il nome della ragazza che ho conosciuto la sera precedente.

Mi ero innamorato di un fantasma, e se non mi aveva baciato, era solo per ricambiare la mia cavalleria.

Lo spettro mi aveva risparmiato, ma aveva anche lasciato una promessa, che un giorno sarebbe ritornato a pretendere quel fatidico bacio.

 

Caro diario, da allora sto ben lontano dal cimitero di quel paese, e se mi è possibile anche dalla Val di Susa, e non ti nascondo la mia preoccupazione nell’attendere il ritorno di quel bellissimo fantasma in abito bianco.

 

51nw.jpg

Share this post


Link to post
Share on other sites

 

 

Guarda

lontano,

ove l'orizzonte

srotola

i suoi gomitoli

chiari

di sete

orientali

ed il cielo

si spoglia

della luce

del mattino,

ed ascolta.

Scorgi

generazioni

di madri

a caccia

di stelle

per le figlie

stanche

quando

le passioni

iniziano

a brillare

nel dolce

suono

della notte,

ed immagina.

Vedrai

il mio amore

in fiamme

illuminar

la collina

che accarezza

il defluire

dei giorni.

Ti accorgerai

delle mani

che tremano

nello scrivere

il tuo nome

né sarà altrimenti

che un breve

istante

rubato.

 

Perché il vento

non tace

un poco?

Share this post


Link to post
Share on other sites

Poi ti accorgi che le cose a cui avevi pensato le hai dimenticate,

preso da faccende che alla mente non lasciano tempo,

e così agisci.

Forse per qualche attimo realizzi che non sei tu a condurre il tagliaerbe, ma è lui che ti sta guidando.

Forse...

Ecco, in quei ritagli di cervello, si dovrebbe avere la lungimiranza.

Ma poi non serve, c'è un campo da finire, da sistemare,

e poi ancora.

Allora smetti di pensare a certe cose, e segui la macchina.

Curala, assistila, sostienila persino.

C'è un campo da finire.

Ed è certo.

Finirà.

E tu con lui.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Muto è l'attimo

e veloce l'attore

che trascina in curve di rame

le ultime parole del palcoscenico.

Nessuno più dorme

nella desolata assenza

del fiore smarrito

ed in questa notte

incede di un pallido lutto

il tempo incontrollabile.

Vuoto è ormai il giorno,

gli attori assopiti

han posato passi ancor più lontano

da questi occhi quieti

ed un palco lascian silenzioso

di barche fruscianti di mare.

 

Un rammarico di ombre furtive

infiamma le stelle

e l'oscurità non dimentica di aprir le ali.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Forse...

è giunto il tempo che chiuda al cuore i sentimenti.

che se non vuol smettere di far provare quanto sappia pulsare di sangue vivo,

io lo strappi dal petto.

Forse...

Che giorni a venire così non avranno pugni da serrare

e che non si rivolgano al cielo a gridare

perché non c'è disperazione

non c'è emozione a ragionare o a toglierla del tutto.

Forse

se questa è la ricerca per la quiete del proprio sopravvivere

c'è qualcosa che ha l'ardire di continuare a bruciare

nelle vene, infiammando pensieri,

rendendo poi cenere sulla mente a poggiare.

Forse dovrei guardare più spesso la notte

per non vedervi solo abisso fra le stelle.

Ma a guardarne una,

poi,

non vedi più niente.

Prendo il mio petto e lo fermo.

Così brucerà persino il respiro.

e no...

non da questo tipo di fuoco che si può rinascere

che siano le stesse stelle o che ne sia una.

Qualcosa,

consumerà l'esistere senza il sentire del cuore.

E non avrei più niente per viaggiare.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Guest
Reply to this topic...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

Sign in to follow this  

×
×
  • Create New...