Jump to content

M5S odissea nello spazio


Recommended Posts

D'altronde citando quanto leggo in altri thread pare che il loro consenso non cali ma addirittura stia aumentando...

Il fatto è che io non vorrei essere costretta a emigrare perché questi fanno danni incommensurabili. E no, la solita scusa che tanto li fanno anche gli altri non mi sta bene. Un conto sono i soliti danni, ma questi apporterebbero da un lato cambi radicali e dall'altro sono totalmente incapaci, una combinazione pericolosa se associata a una materia importante e delicata come la guida di un paese.

Link to post
Share on other sites
  • Replies 406
  • Created
  • Last Reply

Top Posters In This Topic

Lo abbiamo già visto con Roma: la stasi, il nulla. La risposta a qualunque problema è che la colpa è dei politici di prima o che non ci sono i soldi e/o che deve sganciarli e pensarci lo stato, lo stesso che viene contestato. Penso che qualora si arrivasse al governo nazionale per coerenza la colpa diventerebbe della UE.

Link to post
Share on other sites

Boh io tra il solito vecchi(ssim)o Berlusconi appoggiato dai soliti fascio-leghisti o nuovi movimenti-sette comandati da figure come Grillo e Casaleggio che fanno di razzismo, complottismo, anti vaccinismo, anti europeismo, linguaggio ignorante, insultante e violento i loro cavalli di battaglia...mi terrei tutta la vita governi pd dei vari Renzi e Gentiloni. 
Ma del resto la strategia della "vera" sinistra è sempre quella: scindersi sempre di più come i virus e creare migliaia di microscopici partiti comunisti indistinguibili l'uno dall'altro che cambiano continuamente nome e forma

Link to post
Share on other sites

Bhe il PD non è sinistra, suvvia. 

Certo, se devo decidere il meno peggio tra Renzi, Silvio e Grillo, mi turo il naso e voto Renzi. Comunque non lo voterò, quindi non sarà un problema mio. 

Più che altro vorrei vedere il partito del No a prescindere, fare qualcosa. 

Link to post
Share on other sites

Ma il fatto è che oggi non credo abbia più senso parlare di cosa è strettamente di destra e cosa di sinistra. Ormai si tratta di categorie fluide cosi come le suddivisioni novecentesche appaiono ormai fuori tempo. Hanno ancora senso i poster col Che e le lotte operaie? Forse queste ultime ne avrebbero anche, ma di certo non saranno i comunisti e sindacalisti col Rolex a tutelare i loro interessi. Quella che era la classe operaia oggi è rappresentata in massima parte dagli immigrati stranieri. E vogliamo parlare dei precari? Questa simpatica categoria che nessuno si calcola ma ormai rappresenta la nuova classe lavorativa? Ormai l'Italia è fatta di precari, pensionati e lavoratori anziani  o stranieri e non mi sembra che quella che dovrebbe essere veramente la sinistra lo abbia capito. Del resto gente come Civati o Speranza (solo per citare i giovani) del precariato cosa ne può sapere? I veri uomini della sinistra sono parimenti scollati dalla realtà quanto quelli della destra,  solo che almeno questi ultimi non si trincerano dietro ideali per farsi passare per qualcosa che non sono.

 

Il partito del no a prescindere per sua natura NON può fare qualcosa. Non si può costruire se si rifiuta qualsiasi cosa, spesso a prescindere. E non è neanche pensabile di fare tabula rasa di tutto e ripartire da zero, soprattutto con la situazione posta in mano a persone incompetenti che non sanno che pesci pigliare. È come demolire un palazzo storico dalle fondamenta e far edificare un nuovo edificio a qualcuno che ha come esperienza solo le costruzioni della lego. Non proprio una garanzia.

Che fine ha fatto la tanto citata meritocrazia? 

Link to post
Share on other sites

Il problema è che la gente, una larga fetta, quantomeno, a ragionare ancora in termini di destra e sinistra. E la politica, che ormai non sa più cosa inventarsi per tenere in piedi il sistema che le dà da mangiare, ben si guarda dal cercare di creare o anche solo di pensare a dei percorsi alternativi, meno idelogici e più pragmatici, per uscire da uno stallo che ormai ci tiene fermi da più di vent'anni, e che ha sabotato, se non apertamente impedito, tutta una serie di passi avanti in una marea di settori. Siamo ancora qui, abbiamo ormai bruciato due generazioni di italiani nati in un Paese fermo e che si dividono in due categorie, quelli che possono/riescono ad andarse e quelli ai quali purtroppo tocca, per una ragione od un'altra, restare ed accontentarsi del poco che c'è.

 

I 5Stelle sono contro il "sistema", parola della quale ormai hanno abusato al punto da farle perdere qualsiasi significato, solo a chiacchiere, in realtà questa paralisi è una manna per un partito, come il loro, nato solo ed unicamente come forza di protesta, e basta. Andando avanti mi convinco sempre più che i 5 Stelle servano o a dar da mangiare ad un comico che inizia ad accusare l'età e non ha più voglia o energia di fare il guru itinerante come tra gli anni '90 e 2000, oppure, cosa assai più grave, servano ad incanalare la rabbia della gente ed impedire che da questa possa nascere un progetto politico davvero coerente e davvero intenzionato a cambiare qualcosa. Buffoni o sabotatori.

Altre spiegazioni non riesco a darmele...

Link to post
Share on other sites

A dire il vero credo che una parte dei Cinque Stelle racchiuda anche una bella fetta fascista, come ci insegna Di Battista (alla faccia del nuovo e della rottura col passato). E a quelli che giustamente si indignano e protestano contro Salvini chiedo se vogliono davvero farsi rappresentare da persone così che non mi sembrano molto meglio, forse anche un po' peggio. 

Link to post
Share on other sites

Oh, ma c'è di tutto, dentro.

Si parte dal Grande Ortottero, che una volta urlava "l'italiano medio appena può evade" e a sentire interviste di suoi ex colleghi o collaboratori, si capisce che parlava per esperienza personale, e che dopo il mini-endorsement a CasaPound se ne uscì con "l'antifascismo non mi compete", e che poi cercò di riemdiare dicendo che la sua famiglia era antifascista (che è un pò come se mi accusassero di svaligiare appartamenti e mi difendessi dicendo che mio nonno era carabiniere...); c'era Casaleggio I, elettore e aspirante candidato con Forza Italia... Di Maio e Di Battista che sono figli di due ex MSI, la Lombardi che appena eletta fece un discorso su quanto si stava meglio quando c'era il Duce, suscitando un vespaio di polemiche che le fecero incassare la solidarietà di Forza Nuova, prima delle elezioni intervistarono un candidato grillino in Sardegna, mi pare, che equiparava le unioni tra persone dello stesso sesso alla zoofilia... Insomma, sono anche loro un bel circo.

Link to post
Share on other sites

Dentro i 5 stelle c' è tutto e il contrario di tutto ma loro stanno insieme per fare casino perchè sono perfettamente antidemocratici. Chi pensa è buttato fuori senza tanti complimenti. Alla fine in questi 4 anni di legislatura hanno sempre dimostrato di non essere in grado di far passare le proprie proposte di legge in modo democratico.

Link to post
Share on other sites

Se si vogliono fare ragionamenti del tipo "cos'è la destra, cos'è la sinistra" allora molto banalmente, l'accoglienza ai migranti, le unioni civili, lo ius soli (sul quale da giurista, mi limito a dire che è stata fatta una delle retoriche più indegne possibili) le prime 3 che mi vengono in mente, sono tutte iniziative promosse da li. 

Altrimenti a cercare la "vera sinistra" si fa la fine descritta da Guzzanti in quel video, diventando gli alleati migliori della destra. Con tanti ringraziamenti ai vari D'alema, Bersani, Speranza &Co.

 

 

Lo stallo degli ultimi 20+ anni, deriva dal non aver cambiato il motore della nostra auto che già a monte era non performante (impedendo efficacia e efficienza di governo..weimar!) e poi è diventato obsoleto (con la fine del bipolarismo della guerra fredda appunto), tant'è che dopo altri 25 anni abbiamo bocciato un tentativo di riforma e ancora stiamo a discutere chi è più a destra o più a sinistra

 

Fortunatamente ci sono sempre più vincoli UE a impedirci di essere del tutto inadeguati nell'autogestirci

 

Poi oh intendiamoci c'è chi sta peggio, vedi cos'hanno combinato inglesi e americani, anche se mandassimo le Fake News a Palazzo Chigi

Link to post
Share on other sites

La differenza tra destra e sinistra c' è e si vede tra i partiti ma anche (cit) dentro i partiti. Chi parla di superamento di destra sinistra è un parolaio che normalmente non ha voti.. :D I 5 stelle sono un miscuglio delle due prendendone gli aspetti peggiori..

Link to post
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now

×
×
  • Create New...