Jump to content
Sign in to follow this  
Sir Barristan Selmy

Ma Game of Thrones è davvero una serie valida?

Recommended Posts

39 minutes fa, ryer dice:

Ragazzi, però non bisogna travisare quello che uno scrive. Nessuno ha detto che abbia fatto quel percorso con l'intento di uccidere il NK, ma solo che il percorso che ha fatto non sia così incompatibile con il farle uccidere, in quel contesto, il NK (una volta deciso che non sarebba stato Jon, cioè la scelta apparentemente ovvia).

 

Soprattutto, lo dicevo perchè son stati tirato in ballo alternative a mio avviso assurde, dicendo che sarebbero state meglio di Arya. Davvero se l'avessero fatto uccidere da Jaime  non ci saremmo lamentati tanto quanto, se non di più? Mi permetto di dubitarne  :unsure:

 

Ma dai, Jaime l'ho citato con intento ironico. Beric un po' meno: è vero che è un personaggio molto marginale, ma è stato resuscitato così tante volte da Rhllor con uno scopo che mi sarei aspettato un ruolo maggiore nella battaglia. Non necessariamente di gran campione che sconfigge il boss finale, ma qualcosina in più sicuramente sì.

Share this post


Link to post
Share on other sites
11 hours fa, JasonStark dice:

Perchè no? Non è forse vero che Arya non ha mai provato ad affrontare le sue paure? Non ha passato la sua vita a scappare? N

Si ma gli Estranie non c'entrano nulla XD

 

10 hours fa, ryer dice:

Nessuno ha detto che abbia fatto quel percorso con l'intento di uccidere il NK, ma solo che il percorso che ha fatto non sia così incompatibile con il farle uccidere, in quel contesto, il NK (una volta deciso che non sarebba stato Jon, cioè la scelta apparentemente ovvia).

Su questo non ci giurerei....

 

Detto questo il percorso di Arya è finalizzato a farla diventare un assassina, non una supereroina.

 

11 hours fa, Feanor_Turambar dice:

e quando torna a Westeros ha in testa solo la vendetta contro Cersei,

Ma neanche quello, bastano due parole di Frittella a farle girare i tacchi ed andare a GI XD 

Share this post


Link to post
Share on other sites

 

18 hours fa, ryer dice:

 

Dai sinceramente... non credo prorpio che una cosa del genere sarebbe stata accolta bene dagli spettatori (e a ragione, direi). Arya è pur sempre uno dei personaggi maggiori e pur non essendo la scelta "logica", resta comunque più sensata e giustificabile.

 

^

11 hours fa, Feanor_Turambar dice:

 

Ma dai, Jaime l'ho citato con intento ironico. Beric un po' meno: è vero che è un personaggio molto marginale, ma è stato resuscitato così tante volte da Rhllor con uno scopo che mi sarei aspettato un ruolo maggiore nella battaglia. Non necessariamente di gran campione che sconfigge il boss finale, ma qualcosina in più sicuramente sì.

 

Beh, in fin dei conti se andiamo a cercare in giro per il forum di "teorie" su Jaime Azor Ahai ce ne sono, come ci sono molti che lo vedevano come 1000° comandante dei GdN o vari altri scenari, tutti più o meno variamente credibili e che quantomeno si sforzavano (con risultati lo ammetto a volte imbarazzanti) di partire dagli indizi e dagli accenni presenti in ASOIAF.

 

Questo al di là di ogni polemica per dire che di soluzioni "alternative allo scontatissimo:trooper: Jon" ce n'erano, e alcune avrebbero potuto anche essere "spacciate" per coerenti, molto più che non quella di Arya la cui storyline con la lunga notte c'entra, sì (è pur sempre una Stark cresciuta con le storie della vecchia Nan), ma molto relativamente.

 

17 hours fa, Feanor_Turambar dice:

Vuoi vedere che Arya assassina del NK è stata inserita solo come "contentino" per il grande pubblico prima dell'epocale delusione dell'altra eroina che diventa cattiva? :figo:

 

...ecco, stai a vedere che il criterio con cui hanno deciso è stato proprio questo sopra, e non quello della "coerenza"...

Share this post


Link to post
Share on other sites

Il senso della messa da parte di Jon secondo me non vuole essere una semplice ricerca de colpo di scena ad ogni costo, o perlomeno non lo sarà nei libri (se il finale sarà lo stesso, chiaramente). Perché vuole essere un grande marameo alle profezie e a tutto ciò che vi ruota  attorno. In questo senso la morte di Melisandre calza a pennello. Vuole essere l’ennesima dimostrazione di come le volontà degli dei e il fato siano imperscrutabili. Di come tutte le pippe mentali di Rhaegar, altro personaggio quasi mitologico della storia, descritto da più parti come un santo, fossero tutte fantasie. Di come non esista nessuno predestinato, ma di come ognuno sia forgiatore del proprio destino.

Share this post


Link to post
Share on other sites
%d/%m/%Y %i:%s, JasonStark dice:

Il senso della messa da parte di Jon secondo me non vuole essere una semplice ricerca de colpo di scena ad ogni costo, o perlomeno non lo sarà nei libri (se il finale sarà lo stesso, chiaramente). Perché vuole essere un grande marameo alle profezie e a tutto ciò che vi ruota  attorno.

 

Ma su questo posso anche essere d'accordo, e mi aspetto di vedere ben sviluppata la questione nei libri anche per vedere bene dove vuole andare a parare la "poetica" e la filosofia di Martin su dei, destino e ammennicoli vari.

Ci sta che Rhaegar abbia preso un mega abbaglio, che abbia voluto giustificare la passione per Lyanna con qualche dovere metafisico, etc. Ci sta anche che le profezie vengano disattese e soprattutto maleinterpretate, come d'altronde si vede spesso anche nei libri.

 

Continua però a non piacermi la "soluzione Arya".

 

Anche perché, dal mio punto di vista di amante del fantasy (io a una spiegazione pseudoscientifica di loop temporali preferirò sempre una spiegazione magica/paranormale, ma questa è proprio solo una questione di gusti personali!) le profezie nei libri hanno mostrato di esistere e di mostrare fatti realmente accaduti (la visione della casa degli eterni con le nozze rosse), quindi che siano solo leggende non mi sembra uno sviluppo corretto.

Più corretto come ho detto è una loro "malainterpretazione".

E allora (magari) ci stà che Melisandre si sia sbagliata, e che si siano sbagliati anche i lettori fan di Jon, e Azor Ahai sia qualcun altro, ma a cose fatte però quel qualcuno dovrà essere logicamente inseribile nelle profezie, malinterpretate ma non casuali o inventate...

Questo sempre "secondo me", ovviamente. :yeah:

Share this post


Link to post
Share on other sites
36 minutes fa, Quattro_Calzini dice:

Ma Rhaegar nella Serie agisce in base a profezie?

No, in base a.....

 

Non si sa visto che le sue motivazioni non vengono mai esplorate.

Share this post


Link to post
Share on other sites

peccato non abbiano mostrato il torneo di harrenhal almeno per far vedere qualcosa su rhaegar e lyanna visto che l'argomento 3 teste e profezie varie non l'hanno inserito nella serie!

 

è vero che ci sono teorie anche su jaime come AA, ma il NK è presente solo in GOT e un jaime sarebbe stato poco credibile come avversario, per lui i nemici "semplici" sono il massimo contro cui puo competere....

Share this post


Link to post
Share on other sites
3 hours fa, JasonStark dice:

Il senso della messa da parte di Jon secondo me non vuole essere una semplice ricerca de colpo di scena ad ogni costo, o perlomeno non lo sarà nei libri (se il finale sarà lo stesso, chiaramente). Perché vuole essere un grande marameo alle profezie e a tutto ciò che vi ruota  attorno. In questo senso la morte di Melisandre calza a pennello. Vuole essere l’ennesima dimostrazione di come le volontà degli dei e il fato siano imperscrutabili. Di come tutte le pippe mentali di Rhaegar, altro personaggio quasi mitologico della storia, descritto da più parti come un santo, fossero tutte fantasie. Di come non esista nessuno predestinato, ma di come ognuno sia forgiatore del proprio destino.

Il problema é che la scelta di Arya é stata giustificata proprio da una profezia. Inoltre Melisandre afferma che Beric é stato resuscitato per ben sei volte dal Signore della Luce per salvare Arya in modo che lei uccidesse il Night King. Quindi nel mondo di GOT esistono le profezie, esistono gli dei ed esistono i predestinati, solo che la predestinata é Arya e non Jon. Poi se si considera Arya una predestinata piú originale e meno scontata di Jon é un altro discorso, ma sempre di predestinazione, di profezie e di resurrezioni stiamo parlando.

Share this post


Link to post
Share on other sites
17 hours fa, Feanor_Turambar dice:

 

Ma dai, Jaime l'ho citato con intento ironico. Beric un po' meno: è vero che è un personaggio molto marginale, ma è stato resuscitato così tante volte da Rhllor con uno scopo che mi sarei aspettato un ruolo maggiore nella battaglia. Non necessariamente di gran campione che sconfigge il boss finale, ma qualcosina in più sicuramente sì.

Sì lo so, è che non capisco questo accanimento secodno me esagerato (parlo in generale eh, non di te) contro la scelta di Arya, pur capendo il malcontento di chi avrebbe voluto vedere Jon un po' più protagonista nella trama degli Estranei.

 

@King Glice

7 hours fa, King Glice dice:

Detto questo il percorso di Arya è finalizzato a farla diventare un assassina, non una supereroina.

 

Ma il punto è questo... il percorso di Arya è finalizzato a capire che si sbagliava ovvero non era destinata a diventare un'assassina come pensava. Quella era la sua idea iniziale, non il suo vero scopo e questo per me è proprio il fascino maggiore della sua storia :)

Share this post


Link to post
Share on other sites
3 hours fa, Figlia dell' estate dice:

Il problema é che la scelta di Arya é stata giustificata proprio da una profezia. Inoltre Melisandre afferma che Beric é stato resuscitato per ben sei volte dal Signore della Luce per salvare Arya in modo che lei uccidesse il Night King. Quindi nel mondo di GOT esistono le profezie, esistono gli dei ed esistono i predestinati, solo che la predestinata é Arya e non Jon. Poi se si considera Arya una predestinata piú originale e meno scontata di Jon é un altro discorso, ma sempre di predestinazione, di profezie e di resurrezioni stiamo parlando.

 

Concordo. Il discorso avrebbe senso se D&D avessero dimostrato l'insensatezza di qualsiasi profezia, ma usare Jon per smontare il cliché dell'eroe fantasy e contemporaneamente fare di Arya una prescelta al quadrato, con tanto di tizio annesso che è stato riportato in vita tot volte per salvarle la vita al momento opportuno, è un po' contraddittorio.

Share this post


Link to post
Share on other sites
Il 17/7/2019 at 21:18, Feanor_Turambar dice:

 

Arya intraprende l'addestramento da Faceless Men per motivi che con gli Estranei non hanno niente a che fare, non si parla mai di profezie e quando torna a Westeros ha in testa solo la vendetta contro Cersei, ma nella S8 di colpo diventa la prescelta al quadrato.

L'idea che io mi sono fatta è che LEI ritenesse di intraprendere l'addestramento per motivazioni personali, ma che il motivo per cui è stata "arruolata" dai Faceless non fosse quello. Nella serie è abbastanza ovvio che Jaqen fa leva sul suo desiderio di vendetta personale per convincerla ma dei suoi personali rancori non gli importa più di tanto: quando è pronta la lascia andare ed è chiaramente soddisfatto della riuscita del suo progetto, che noi non sappiamo ancora qual è ma lui sì. E non direi che sia una scelta fatta all'ultimo momento, se è vero che gli showrunners l'hanno deciso dalla quinta stagione (e direi che indizi in questo senso ce ne sono parecchi). 

Cosa sia destinata a fare Arya nei libri non ho idea, ma ci scommetterei che anche lì c'è dietro un progetto che va al di là del fornirle gli strumenti per compiere la sua vendetta. A maggior ragione considerando che alla casa del bianco e del nero lei non trova più Jaqen ma l'uomo gentile, il che fa pensare che lei sia accolta per motivazioni che non hanno nulla a che fare con una "simpatia personale". 

Share this post


Link to post
Share on other sites

D&D hanno detto che il colpo di scena di Arya ce l'hanno in mente da tre anni, quindi di certo non dalla quinta stagione che è stata scritta nel 2014. Che poi le azioni di Jaqen si possano leggere retrospettivamente come finalizzate a prepararla all'uccisione del NK è un altro discorso.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Anche il discorso "Jaqen sapeva il ruolo di Arya e quindi tutto il percorso di Arya è finalizzato a questo" fa acqua per due motivi:

 

1) Jaqen incontra Arya per caso visto che stando ai libri (E dunque anche per la serie contando le prime stagioni) è a Westeros per tutt'altri motivi

 

2) Il Jaqen che incontra Arya ad Harrenhal e quello del Tempio sono due personaggi diversi.

 

Poi si, può anche essere che il SV incontrato da Arya a Westeros abbai scritto al gestore del tempio dicendogli "Ti mando una ragazzina promettente che so che per certo che in futuro salverà il mondo, mi raccomando quando la vedi mettiti la maschera del Lorathi chiamato Jaqen che cosi si fiderà di te" ma la troverei decisamente tirata peri capelli.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Guest
Reply to this topic...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

Sign in to follow this  

×
×
  • Create New...