Jump to content
Sign in to follow this  
Maya

Vaccini: sì o no?

Recommended Posts

https://www.corriere.it/cronache/18_luglio_04/zaytsev-vaccina-figlia-pubblica-post-facebook-insulti-no-vax-2c0d984e-7fa8-11e8-8b30-21507ef7c055.shtml

Ma siamo in un paese normale?O meglio CIVILE o no?

Oltretutto Zaytsev e’ un grandissimo della nostra pallavolo ed avrà pure diritto di esprimere un suo parere 

Share this post


Link to post
Share on other sites

Beh, si parla apertamente di "rimodulazione" della legge Lorenzin con il ritorno a soli quattro vaccini obbligatori - tra cui non ci sarà il morbillo, tra l'altro - già dal prossimo CDM. :( 

Share this post


Link to post
Share on other sites

Non vorrei fare del superficialissimo e bieco populismo, ma chi ha più o meno tra i 35 ed i 40 anni, si ricorderà sicuramente come anche noi venivamo vaccinati, direttamente a scuola (vedi turbercolina) oppure in determinati periodi quando ci spedivano in massa dal medico condotto dell'ASL, che allora si chiamava ancora USL; allora nessuno si lamentava, nessuno inneggiava a teorie alternative più o meno credibili e nessuno metteva in discussione la finalità ultima di tali vaccini....

Non vedo il perché di tutti questi problemi "moderni"; i vaccini ci sono sempre stati (da che sono stati inventati, ovvio!)......e grazie a dio che ci sono! E sono una protezione per sé e per gli altri...ma è così difficile da capire?

Share this post


Link to post
Share on other sites

Io, che di anni ne ho molti di più, ho memoria di cosa hanno fatto certe epidemie in Italia.

Comunque, @Darklady, manca il buonsenso. Le persone preferisco credere a psedo studi che sono stati ripetutamente smentiti e che (è stato spiegato in tutte le lingue - non è una metafora) per errore sono stati pubblicati piuttosto che adeguarsi alle regole comuni. E' un modo per manifestare la propria unicità e la propria diversità. Peccato che a farne le spese siano i figli degli altri.

Share this post


Link to post
Share on other sites

 

E soprattutto ne fanno le spese i bambini immunodepressi ( per malattie genetiche o per chemioterapia) ,quelli cioè più fragili e anche gli anziani in una certa misura (la vaccinazione su larga scala  per lo pneumococco dei grandi untori e cioè i bambini li protegge da polmoniti potenzialmente mortali da pneumococco), tramite l'immunità di gregge .

Davvero spaventa leggere  l'intolleranza di certa gente che (s) parla senza sapere cianciando pure di biechi interessi in ballo.Questo piccolo ma fastidioso gregge ,solo perchè ha letto qualche panzana su internet o ha ascoltato qualcuno che straparla senza avere dati incontestabili alla mano, crede di possedere il verbo e si diletta ad offendere chi certamente ne sa più di loro per il semplice fatto che ha studiato,a differenza di loro ovvio.

Certa gente non sa che peraltro di antibiotici efficaci ce ne sono sempre meno causa abuso e relative resistenze e che di nuovi antibiotici non se ne parla al momento anche per gli altissimi costi della ricerca che peraltro fanno industrie private.

Come vogliono curare i loro figli?Con lo sciamano per caso o con terapie non validate da precise linee guida?Esiste una forma di mengite fulminante in cui si muore in poche ore, ma che lo dico al fare!

E purtroppo un ministro del governo ciancia di vaccini inutili pur non sapendo nulla davvero in tema...ma in che mondo viviamo?:angry: 

Share this post


Link to post
Share on other sites

Al vaglio del parlamento australiano c'è una legge che prevede multe per i genitori che non vaccinano i figli. Le multe dovrebbero essere strutturate a cadenza mensile, in pratica per ogni mese di ritardo che fai rispetto al calendario paghi.

 

Negli USA per la prima volta da circa 30 anni si è verificato un caso di morbillo, a Portland in Oregon, e la notizia è rimbalzata su tutti i giornali e telegiornali a livello nazionale.

 

Dopo che diversi turisti britannici sono stati contagiati dal morbillo a seguito di soggiorno in Italia, il Times ha fatto un durissimo articolo contro il nostro Paese e le sue politiche in materia, con prevedibili effetti sul turismo.

 

 

E in tutto questo in Italia dal 01/01/2017 ci sono stati circa 6-7 mila casi di morbillo, di cui circa la metà ha necessitato ospedalizzazione, e con 8 (OTTO) esiti fatali.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Ed ora se ne saltano fuori con "l'autocertificazione"........>_>......

Share this post


Link to post
Share on other sites

Il ministro della Salute Giulia Grillo getta acqua sul fuoco circa le accuse lanciate contro l'Italia  in GB: "la copertura vaccinale contro il morbillo raggiunge in media in Italia il 92%*. In merito all'allarme lanciato in Gran Bretagna, parleremo con le autorità inglesi", ha spiegato in conferenza stampa, sottolineando che "l'alto livello di coperture vaccinali resta l'obiettivo da mantenere ai fini del raggiungimento dell'immunità di gregge".

In realtà sale la  copertura ma metà delle Regioni sono sotto sotto la soglia

La maggior parte delle regioni, 11 su 21, raggiunge l'obiettivo di immunizzare almeno il 95% dei nuovi nati con il vaccino esavalente, ovvero quello che protegge contro malattie gravissime come polio, difterite e tetano. Ma la copertura a livello nazionale resta leggermente al di sotto di questa soglia. Crescono complessivamente ancora di piu' le vaccinazioni contro il morbillo, di oltre il 4%, ma solo una regione, il Lazio, supera il 95% di bimbi immunizzati. Sono i dati, aggiornati a dicembre 2017, relativi ai primi 6 mesi dopo l'entrata in vigore della legge sull'obbligo vaccinale.

Si registra dunque un sensibile aumento per tutti i vaccini, sia per quelli obbligatori che non. In particolare la copertura contro la polio e' aumentata del +1,21% rispetto al 2016 e si attesta al 94,5% a livello nazionale. Ma la meta' delle regioni resta sotto la soglia di sicurezza del 95% di immunizzati, ovvero la soglia minima per proteggere dalla malattia anche chi il vaccino non puo' farlo per motivi di salute o di eta'. A trainare verso il basso sono aree tradizionalmente 'scettiche' come Bolzano, ma anche Friuli Venezia Giulia e Sicilia.

Secondo i nuovi dati, la prima dose di vaccino contro il morbillo vede una crescita delle coperture del 4,42% rispetto all'anno precedente, una sola regione che supera il 95%, il Lazio, e altre due che vi si avvicinano, ovvero Piemonte e Umbria, con rispettivamente il 94,7% e 94,5. Trainate dal generale aumento delle vaccinazioni obbligatorie, crescono a livello nazionale anche le coperture nei confronti delle vaccinazioni non obbligatorie, come quella contro lo pneumococco e il meningococco C, con rispettivamente +2 e +2,5% circa. Secondo l'attuale legge sull'obbligo vaccinale per la frequenza scolastica, sono 10 le vaccinazioni obbligatorie: antipolio, antidifterica, antitetanica, antipertosse, anti-Haemophilus influenzae tipo B, antimorbillo, antirosolia, antiparotite, antivaricella, antiepatite B.

 

*E tutto il merito è da ascrivere alle campagne meritorie (si fa per dire) scatente anche da loro (sic!) che si accontentano dell'autocertificazione senza fare cultura sull'importanza delle vaccinazioni anche come atto solidale  e questo senza citare la disinformazione fatta per anni.Senza parole ecco

Oltretutto la ministro  non è informata «La soglia di sicurezza per la copertura vaccinale» afferma Ricciardi (direttorre dellIstituto superiore della Sanità«è del 95%. In alcune Regioni, ma solo in alcune, è stata raggiunta per quanto riguarda l'esavalente. La media nazionale però è del 94%. Per il morbillo siamo a meno del 92%. Quindi per nessuna malattia è stata raggiunta la soglia di sicurezza, a livello nazionale». Con l'ultima legge, aggiunge Ricciardi, sono stati fatti grandi passi avanti e «la copertura è aumentata del 4,5%. È tanto ma non è abbastanza. La situazione non è sotto controllo, anzi la situazione è pericolosa». «Dall'inizio del 2017» dice ancora il presidente dell'Istituto Superiore di Sanità «abbiamo avuto 7 mila casi di morbillo e ci sono stati otto morti tra cui diversi bimbi. La situazione è grave e» avverte infine Ricciardi «quando si attenua l'attenzione le conseguenze non sono carte bollate in Tribunale, ma persone che muoiono e spesso sono bambini».

 

 

Share this post


Link to post
Share on other sites
Il ‎04‎/‎07‎/‎2018 at 19:28, Iceandfire dice:

https://www.corriere.it/cronache/18_luglio_04/zaytsev-vaccina-figlia-pubblica-post-facebook-insulti-no-vax-2c0d984e-7fa8-11e8-8b30-21507ef7c055.shtml

Ma siamo in un paese normale?O meglio CIVILE o no?

Oltretutto Zaytsev e’ un grandissimo della nostra pallavolo ed avrà pure diritto di esprimere un suo parere 

 

Per quelli che se la prendono con Zaytsev dico: Attenti alle Lavatrici volanti

 

http://www.todaysport.it/2016/08/20/ivan-zaytsev-e-lironia-dei-social-dalle-lavatrici-ai-bombardieri-e-mila-e-shiro_50358/

 

Share this post


Link to post
Share on other sites

Ho letto solo la prima pagina di questa discussione e forse mi inserisco a sproposito. Dico soltanto che quale madre di un figlio che ha avuto una importante reazione avversa al vaccino del morbillo sono assolutamente contraria all'obbligo vaccinale. Le reazioni avverse esistono e viverle sulla pelle dei propri figli è la cosa peggiore del mondo. Tu li vaccini per proteggerli e in realtà gli rovini la salute.

Aggiungo anche che quando tali reazioni avverse si verificano, i medici non ti prendono in considerazione, negando l'evidenza. Tu rimani da sola col problema che non sai più come gestire. Ti dicono che tuo figlio ha chissà quale malattia rara e ti consigliano di imbottirlo di cortisone, antistaminici e altri farmaci assolutamente gradevoli per un bambino di nemmeno un anno. Ragazzi, non parlatemi di vaccini per favore, forse hanno avuto il loro perchè ai tempi del vaiolo, ma adesso....  con tutto l'interesse a negare le evidenze di effetti collaterali... no grazie, mi ammalo e poi mi curo, molto meglio!

Share this post


Link to post
Share on other sites

Infatti puoi avere uno shock anafilattico da farmaci o altri problemi legati a reazioni a farmaci o contrarre una sepsi meningoccica fulminante .A parte il fatto che molti vaccini sono contro i virus e a parte il fatto che se hai contatto in gravidanza con la rosolia e non sei vaccinata rischi di avere un figlio con rosolia congenita tanto per dire .

Ancora sei libera  di scegliere a tuo rischio e pericolo ma non di danneggiare gli altri (i contatti ) che magari per una infezione meningococcica di un singolo dovranno essere sottoposti a terapia antibiotica di profilassi e le terapia antibiotiche poste in essere per patologie evitabili fanno male ,per esempio pare incrementino le patologie allergiche che non sono uno scherzo credo .

E intanto le resistenze agli antibiotici aumentano in misura notevole per cui non è detto che il non vaccinato possa curarsi e taccio di malattie virali come il morbillo che possono essere letali specie se contratte da un immunodepresso che non può essere vaccinato e che può morire in nome di una libertà di scelta che però non dovrebbe entrare in collisione con i diritti dei più deboli .

Comunque ecco gli ultimi dati circa gli effetti collaterali dei vaccini 

http://www.quotidianosanita.it/allegati/allegato7961965.pdf

Ecco io ci darei uno sguardo tanto per essere davvero informata 

Riporto in ogni caso le conclusioni del documento 


La maggior parte delle reazioni segnalate nel 2017 sono state definite non gravi (circa l'80%). Le segnalazioni di sospette reazioni avverse considerate gravi sono più rare, più frequentemente a carattere transitorio, con risoluzione completa dell’evento segnalato e non correlabili alla vaccinazione imputata sulla base dei criteri standardizzati di valutazione del nesso di causalità. Dai risultati complessivi delle analisi condotte per tipologia di vaccino nel 2017 non è emersa al momento nessuna possibile associazione fra sospetti rischi aggiuntivi e vaccini e quindi, nessuna problematica che possa destare allarme sulla sicurezza dei vaccini. L’approfondimento dei casi a livello della singola segnalazione e l’andamento generale non suggeriscono, infatti, la presenza di rischi aggiuntivi a quelli noti che possano modificare il rapporto beneficio/rischio dei vaccini utilizzati. Con la pubblicazione del presente Rapporto, si conferma l’impegno alla trasparenza dell’AIFA, una delle poche agenzie regolatorie nazionali a pubblicare un rapporto periodico di sicurezza dei vaccini, in collaborazione con il Ministero della Salute, l’Istituto Superiore e le Regioni e a rendere disponibile i dati relativi alle sospette reazioni avverse a farmaci e vaccini in Italia, attraverso un sistema di accesso presente sul portale istituzionale (sistema RAM).

Share this post


Link to post
Share on other sites

Nessuna persona favorevole ai vaccini sostiene che non esistano reazioni avverse ai vaccini, lo stesso dott. Burioni pochi giorni fa ne ha fatto tema di un suo post su fb, ma al contrario la quasi totalità degli anti vax sostengono che le malattie per cui si vaccinano i bambini non sono pericolose e ci si cura senza problemi. L’mpr da reazioni allergiche/encefaliti in una somministrazione su milione mentre il morbillo da encefaliti in un caso su duemila o la morte in un caso su tremila. Direi che non c’e paragone. Il caso su un milione c’e e non lo si può negare ma pur con questo numero che ti ronza in testa di continuo a nostro figlio abbiamo fatto fare senza esitazione tutti i vaccini disponibili obbligatori e facoltativi, gratuiti e a pagamento.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Ci aggiungo una cosa 

Per esempio il vaccino antipolio con virus vivo attenuato dava effetti collaterali importanti in  1/1.000.000

Quando si è avuto un controllo della poliomielite da noi si è passati al virus ucciso iniettivo che è compreso nell’esavalente attualmente praticato .

Se la polio scomparirà (ma ancora non è scomparsa ) allora questo vaccino non si farà più come accaduto per il vaccino contro il vaiolo .

Per la serie si calcola sempre un rapporto rischio /beneficio nell’approvare un vaccino 

 

 

Share this post


Link to post
Share on other sites

Sono un medico e confermo che si valutano rischi e benefici (Evidence Based Medicine - medicina basata sull'evidenza).

E' molto più probabile contrarre la malattia in maniera "grave" che avere un evento avverso importante da vaccino (vedi ad esempio la citazione sulla vaccinazione antipoliomelitica).

Il discorso "mi ammalo e mi curo" non sta in piedi, nel senso che non devi essere sfortunato, altrimenti, come detto da qualcuno prima, ti viene una sepsi da meningococco e tanti saluti.

A un corso sui vaccini, un medico Igienista ha mostrato una foto fatta a Napoli i primi anni 70, durante una manifestazione relativa all'epidemia di colera: erano visibili fior di cartelli con cui i manifestanti chiedevano allo Stato la vaccinazione....

Adesso che abbiamo la pancia piena ci lamentiamo del brodo grasso....

 

Per chi ha avuto il figlio con la reazione avversa: prima di somministrare il vaccino nessuno lo avrebbe potuto sapere; più in generale i bambini corrono più rischi a non vaccinarsi che a farlo. Se tutti si vaccinano, i rari bimbi che hanno le reazioni avverse gravi non si vaccineranno in seguito e beneficeranno dell'immunità di gregge, come per gli immunocompromessi.

 

Per quello che riguarda le spese sanitarie: dire che paghiamo le tasse, quindi abbiamo già pagato per le cure sanitarie è completamente sbagliato: se tutti fanno questo ragionamento e non fanno prevenzione (non ci sono solo i vaccini, pesano molto ma molto di più le malattie cardiovascolari....), i conti dello stato saltano, e di brutto anche... Le risorse sono "finite", non nel senso che non ci sono più, ma che sono limitate, e devono essere gestite al meglio. Se posso evitare una malattia, ho risparmiato senza fare tagli alla sanità.

Vi assicuro che per chi è malato (non chi prende una malattia intercorrente, ma chi ha malattie croniche, compresa la sola ipertensione arteriosa) sarebbe stato molto meglio non esserlo stato.......

 

Per chi non "crede" alla scienza ufficiale (non è materia di fede, ma per certe persone purtroppo è così), posso dire:

la Previdenza dei paesi avanzati sta saltando ed è sempre meno sostenibile, perché la popolazione vive più a lungo;

la mortalità infantile è bassissima (i vaccini sono uno dei presidi), vedi link ISTAT : https://www.istat.it/it/archivio/109861

 

 

Share this post


Link to post
Share on other sites

Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Guest
Reply to this topic...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

Sign in to follow this  

×
×
  • Create New...