Jump to content
Sign in to follow this  
Rainsofcastamare

ADWD Le fonti di G.R.R.Martin

Recommended Posts

8 novembre 1793: Manon Roland, in Place de la Rèvolution a Parigi, condattato a morte tramite decapitazione con ghigliottina, rivolse alla statua rappresentante la Libertà: "O Libertà, quanti crimini vengono commessi nel tuo nome!"

 

Ser Jaime Lannister dice la stessa frase, con "amore" al posto di "libertà", all'inizio del primo libro

Share this post


Link to post
Share on other sites

Nota di moderazione: nel Castello Nero è vietato fare riferimenti alla serie TV senza coprirli con lo spoiler. C'è una sezione apposita dedicata alla serie TV ed è più opportuno che della serie TV si discuta lì; è giusto che chi non vede la serie non subisca spoiler e sarà bene che questo concetto venga ben compreso, soprattutto visto che ci addentriamo sempre di più in territorio inesplorato, con la prossima stagione che supererà i libri.

 

Tornando ai Tudor, sostanzialmente sono i Blackfyre. La pretesa al trono dei Tudor si basava sulla discendenza della madre di Enrico VII dai Beaufort, ramo cadetto bastardo dei Plantageneti.

 

Riassumiamo:

 

Giovanni di Gand, I duca di Lancaster e figlio di re Edoardo III, ha una relazione con Katherine Swynford dalla quale ha 4 figli non legittimati. Successivamente la sposa e i figli vengono legittimati.

 

Situazione simile a Westeros. Aegon IV una relazione con Daena Targaryen, dalla quale ha 4 figli che poi vengono legittimati.

 

L'ultimo discendente dei Blackfyre (nome simile a Beaufort) è proprio Aegon, il quale come Enrico VII vive in una sorta di "esilio" e sta cercando di arrivare al trono attraversando il mare con dei mercenari.

 

Il problema è che Aegon non è Aegon Targaryen, bensì Aegon Mopatis/Blackfyre, fatto che lo rende simile ad altri personaggi della Guerra delle Rose, ovvero Lambert Simnel e Perkin Warbeck, i due falsi pretendenti Yorkisti che si voleva spacciare per uno dei due figli uccisi di Edoardo IV.

 

Martin ha un po' mischiato vari filoni della storia inglese e li ha mischiati anche con altri della storia francese e non solo. Una delle sue più grandi ispirazioni è la saga "Accursed Kings" di Maurice Druon.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Tema interessante :). Mi è piaciuto molto l'accostamento Alessandro Magno\ Daenerys.

 

Non mi sembra sia stato scritto, ma Westeros ricorda molto l'Inghilterra in un particolare periodo dell'Alto Medioevo: L'Eptarchia (dal 400 all' 850 circa). Il Wessex, la Northumbria , la Mercia, l'Anglia Orientale, l'Essex, il Sussex e il Kent (7 regni) si contendevano la supremazia sul territorio. Fu il regno del Wessex (simboleggiato da un drago) a prevalere e ad unificare il territorio inglese.

 

Aggiungerei ai tanti riferimenti che avete già indicato anche: wildfire-----> fuoco greco.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Le città schiaviste come Yunkai, Mereen, Astapor non vi ricordano l'antico egitto? Lo penso sia per il concetto di schiavitù come era vissuto nell'antico Egitto, sia per come hanno trasposto come ambientazione nella serie tv. La grande piramide di Mereen, simbolo di potere ricordano le piramidi dell'antico Egitto, anche se con funzioni diverse ovviamente.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Volendo ricordano anche le città -stato greche, la cui economia si basava anch'essa sulla schiavitù e che erano unità politiche indipendenti tra loro.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Ad un incontro, Martin ha ammesso di amare e di avere avuto ispirazione dal poeta Robert Frost, e di avere famigliarità con la sua poesia Fire and Ice.

 

Testo della poesia:

 

Fire and Ice

 

Some say the world will end in fire,
Some say in ice.
From what I've tasted of desire
I hold with those who favor fire.
But if it had to perish twice,
I think I know enough of hate
To say that for destruction ice
Is also great
And would suffice.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Martin stesso aveva citato, come fonte di ispirazione per le Nozze Rosse, il massacro di Glencoe. E non mi ricordo se la nominasse lui esplicitamente, ma la mattanza ha ricordato a molti anche l'episodio della cosiddetta Black dinner (sempre storia scozzese)

Share this post


Link to post
Share on other sites

Consiglio di comprarvi il numero appena uscito di Focus Storia di Dicembre, molto interessante:

 

5dme1i.jpg

 

 

 

 

http://www.focus.it/mondo-focus/focus-storia-e-speciali/focus-storia/122

Share this post


Link to post
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now
Sign in to follow this  

×
×
  • Create New...