Jump to content
Sign in to follow this  
Cdp Stark

Grand Prix on the wall 2016

Recommended Posts

Se leggi il Regolamento, ai punti 9 e 10, troverai le regole per la gestione delle immagini. Se dai un'occhiata, già che ci sei, anche al punto 8 troverai chiarimenti anche sulla gestione dei post.

 

Ad ogni modo per rispondere direttamente alla tua domanda; è inutile fare 3 post consecutivi su uno stesso argomento. Raggruppi tutto ciò che vuoi dire in un unico post e metti il link alle immagini, se vuoi postarne, così sei sicura di rientrare nei parametri.

Share this post


Link to post
Share on other sites

My two cents:

 

per me é la Red Bull ad avere un problema di attitudine, non Max Verstappen. Seguo le cronache del GP in tedesco, ed é stato duramente condannato anche in quella sede.

Questo ragazzo, talentuoso sta soffrendo un po' la sindrome di Balotelli, testa-calda, superstar da troppo giovane. Si sente dire da tutte le parti quanto guida bene (Bernie Ecclestone incluso), e la sua scuderia non fa altro che ripetergli di guidare duro e di non ascoltare gli altri.

Questo atteggiamento di prepotenza (e Christian Horner ne é il principale fautore) ha già rovinato un giovane talento, Kvyat, che guarda caso, anche lui era un professionista a silurare le Ferrari. Spero che il circus della Formula 1 non perseveri a favorire un comportamento arrogante, e a mio avviso poco sportivo come quello tenuto dalla scuderia austriaca, e a penalizzare invece i modi da gentiluomo di Maurizio Arrivabene, team chef stimato tantissimo anche in Germania. Altrimenti davvero il tutto si trasforma in una baracconata, che neanche i peggiori livelli del Wrestling ci arrivano.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Riporto da Autosprint.

Per chi ha voglia di leggerlo.

 

http://autosprint.corrieredellosport.it/news/formula1/2016/11/02-552386/f1_messico_su_vettel_e_ricciardo_i_commissari_hanno_toppato/

 

 

F1 Messico: su Vettel e Ricciardo i commissari hanno toppato

Spieghiamo perché il comportamento degli ufficiali di gara dimostra che la Fia non ha capito nulla sulla pericolosità delle manovre "alla Verstappen"

 

A grande richiesta (passateci l’incipit ad effetto) affrontiamo dettagliatamente l’episodio di gara avutosi in Messico fra Sebastian Vettel e Daniel Ricciardo che ha portato alla penalizzazione del tedesco (10 secondi e 2 punti licenza) dopo un weekend controverso. Lo faremo con un discorso “punto per punto” come già fatto in occasione dell’articolo sui tagli pista di Hamilton e Verstappen, sperando perdonerete la prolissità che però serve a sviscerare tutti i dettagli della questione. Per dimostrare come stavolta i commissari abbiano sì applicato alla lettera il regolamento “aggiornato” dopo le lamentele dei piloti, ma che proprio per questo motivo hanno dimostrato che l’autorità sportiva in generale non ha capito “una mazza” (il riferimento è ovviamente al baseball…) sui motivi per cui le difese in staccata “alla Verstappen” sono pericolose. E questo va ben al di là di qualsiasi ragionamento tipo “Vettel avrebbe meritato il terzo posto”, beninteso.

 

Perché certe manovre sono pericolose - La premessa doverosa è quella di analizzare i motivi per cui le manovre “alla Verstappen” (ormai le chiamano così) sono pericolose, come del resto abbiamo già scritto in altre occasioni. Vi sono vari punti anche abbastanza precisi nell’analizzare queste manovre che sono state stigmatizzate dagli altri piloti (non solo quelli che le avevano subìte, e questo dovrebbe far riflettere) in più di un’occasione.
Punto 1: Max procede sulla traiettoria rettilinea normale e solo al momento della staccata va a deviare. Punto 2: più precisamente, lo fa esattamente nel momento in cui il pilota che lo segue esce di scia per attaccare (non sempre in staccata). Punto 3: di fatto Max agisce quando all’altro pilota resta ben poco margine, per non dire nullo, per altre manovre che non siano quasi disperate, tanto da poter dire che gli taglia letteralmente la strada. Punto 4: in aggiunta a questo, in molti casi Max ha chiuso completamente lo spazio nella direzione in cui l’altro pilota aveva deciso di attaccare. Punto 5: l’altro pilota è stato preso in completo contropiede, arrivando ad essere costretto a frenare (quando succedeva in pieno rettilineo) o a buttarsi di lato, arrivando spesso o a mancare la curva, o a danneggiare la macchina. Nel complesso, insomma, una manovra che comporta dei rischi soprattutto quando avviene a inizio frenata.

 

Perché Max conferma la sua bravura - Analizzando con completezza i fatti che hanno portato i colleghi a lamentarsi - in pratica tutte le varie scaramucce con Raikkonen, Rosberg e Hamilton - va detto che in tutto ciò si conferma comunque una maestria eccezionale dell’olandese. La deviazione viene effettuata con precisione chirurgica: né un decimo troppo presto, che vanificherebbe la difesa, né un decimo troppo tardi, che potrebbe portare al patatrack. In più non si può negare una certa (parziale) corresponsabilità di chi segue: da qualche tempo, infatti, è praticata l’abitudine di uscire di scia all’ultimissimo istante, per sfruttarla fino in fondo, quando invece una volta si usciva prudenzialmente un poco prima. È anche per questo che ai piloti attaccanti resta un margine esiguo di reazione quando Verstappen si difende. Restano comunque vere tutte le considerazioni sul fatto che “finora è andata bene”, ma mancava poco: vuoi perché sono manovre potenzialmente rischiosissime se effettuate in piena velocità e soprattutto proprio al momento della staccata, vuoi perché finora le “vittime” erano comunque piloti esperti che hanno evitato il peggio (ma con altri non è detto sia così facile), vuoi perché si stava già assistendo a tentativi di imitazione.

 

Regolamentazione poco esaustiva - Per tutti questi motivi e per le reiterate lamentele dei piloti ai vari briefing (dopotutto, che manovre potenzialmente così pericolose non venissero nemmeno investigate, era sconcertante) si è deciso che i richiami “amichevoli” come quelli fatti in precedenza da Charlie Whiting e da Emanuele Pirro non erano più sufficienti. E si è agito in modo regolamentare. Attenzione: non è stato promulgato un nuovo specifico articolo del regolamento, bensì si è fatto riferimento a quelli già esistenti (per la precisione gli artt. 27.5 e 27.8) con Whiting che ad Austin ha rilasciato una nota in cui si metteva nero su bianco che “qualsiasi cambio di direzione in frenata che costringa un altro pilota ad azioni evasive viene dunque considerato potenzialmente pericoloso con conseguente segnalazione ai commissari”. Oltre a qualsiasi considerazione su come mai non si fosse agito in tal senso fin dall’inizio in Ungheria (visto che i regolamenti c’erano già) va posto l’accento sul fatto che a determinare l’azione dei commissari siano giusto due punti fra tutti quelli che abbiamo considerato in precedenza, delle “manovre alla Verstappen”. Il che può anche andare bene finché permette agli ufficiali di gara di agire con criterio in caso di situazioni davvero pericolose, ma non quando si agisce “con il paraocchi” come nel caso di Vettel. Spieghiamo a seguire quest’ultima affermazione.

 

Manovra da campioni, ma penalizzata - L’episodio analizzato dai commissari è quello che ha visto protagonisti Sebastian Vettel e Daniel Ricciardo nelle fasi finali del GP del Messico, quando arrivando alla staccata della curva 4 l’australiano è entrato deciso, il tedesco si è difeso altrettanto decisamente, ma pur con le ruote fumanti che strisciavano tra loro non è successo nulla di devastante ed entrambi hanno proseguito la gara: è questo che fa la differenza fra i veri campioni e chi invece attacca o si difende alla “sperindio”. Dunque una fase esaltante e da rimarcare “ai posteri”, in cui Vettel ha mantenuto la quarta posizione, diventata terza quando Verstappen è stato penalizzato di 5 secondi (per un altro episodio) e poi infine commutata in quinta quando proprio per questo fatto descritto Vettel ha subìto la penalizzazione di 10 secondi. È stata appunto applicata per la prima volta (e paradossalmente proprio ad uno dei piloti più accesi nel richiederla) la norma descritta nel paragrafo precedente. Peccato che sia stata applicata proprio in un caso che in realtà ha pochissimo a che vedere con le “manovre alla Verstappen”, dimostrando così nei fatti che non si era capito nulla della pericolosità intrinseca di quellee manovre e dei motivi per cui i piloti si lamentavano. Vediamo il perché in un parallelo punto-per-punto.

 

Le tante differenze tra Verstappen e Vettel - Procediamo come precedentemente. Punto 1: Seb effettivamente compie una deviazione in staccata, ma a differenza di Max non ha tenuto una traiettoria rettilinea per poi deviare all’ultimo, ma proprio l’opposto: dopo aver tenuto la sinistra nel rettilineo per coprirsi da Ricciardo, si porta verso destra per affrontare la curva (lo si nota bene dal camera-car dell’australiano) e al momento della staccata semplicemente rimette dritta la macchina. È questa la “deviazione” incriminata, che però serve a fare la frenata praticamente dritto, come si vede bene dalle inquadrature frontali e dall’alto. Una bella differenza. Punto 2: la deviazione di Vettel non è effettuata in risposta ad una manovra di attacco di Ricciardo, che infatti non fa altro che proseguire dritto per affondare la staccata nello spazio che si apre di fronte a lui. Ben diverso da un taglio di strada, no? Punto 3: a Daniel appunto non è stato fatto nulla per impedire la manovra d’attacco, e di conseguenza perde qualsiasi significato parlare di “mancanza di spazio o tempo per reagire”, in quanto non ha dovuto mettere in atto nessuna reazione. Punto 4: Seb ha lasciato tutto lo spazio che serviva, quasi mezza pista di larghezza, tanto che Daniel è sempre stato dentro con mezza macchina e non è stato chiuso più del dovuto nemmeno quando ha mancato la corda. Punto 5: Ricciardo forse non si aspettava una difesa così agguerrita e ne ha approfittato per lamentarsi proprio alla ricerca della sanzione, ma comunque non ha dovuto effettuare alcuna manovra che non fosse il proseguire l’attacco fino alla fine, quando Vettel ha potuto avvantaggiarsi di essere a sinistra nella controcurva 5 (quindi all’interno) restando così davanti (e non certo perché abbia buttato fuori la Red Bull o altro).

 

Una sanzione motivata con menzogne - Per tutto quanto detto prima, la manovra di Vettel non doveva essere sanzionata come se fosse stata una “Verstappata”. Invece non solo i commissari del Messico hanno applicato il regolamento con il paraocchi attaccandosi alla “deviazione” (unico elemento in comune e previsto dalla nota, ma fino ad un certo punto) ma per giustificare la sanzione hanno scritto delle falsità, e questo è ancor meno accettabile. Infatti nella motivazione (decisione dei commissari n.38) sono stati evidenziati tre criteri che hanno portato alla penalizzazione. Primo: “guida potenzialmente pericolosa”, e questo può essere opinabile ma concediamo il beneficio della soggettività, per ora. Secondo: ”cambio di direzione anormale”, e abbiamo spiegato come la deviazione sia stata fatta solo per raddrizzare la frenata e comunque senza ostacolare direttamente l’avversario, quindi c’è da discutere. Terzo: “l’avversario ha dovuto compiere un’azione evasiva”. Ebbene, qui non ci siamo proprio e siamo di fronte a una menzogna vera e propria: quale sarebbe mai l’azione evasiva di Ricciardo? Quando mai ha dovuto compiere un significativo cambio di posizione o traiettoria, oppure effettuare altre azioni oltre a quella di frenare tardi per attaccare (e questa è stata una sua scelta che non è stata impedita). Certo, stando attento a “piallare” la Ferrari senza saltarci addosso, ma questo vale in tantissimi altri casi (e “casualmente” con Verstappen non si era mai arrivati a ciò). È questa puntualizzazione dei commissari a far preoccupare, anche perché “note alla mano” (rileggete quella di Whiting) è ciò che giustifica e tiene in piedi tutto il resto. Cioè, è l’azione evasiva (che non c’è) a far catalogare come pericolosa la manovra, eccetera eccetera. Insomma, se la penalizzazione a Vettel è stata data in seguito ad un fattore inesistente, il minimo che si possa fare è considerarla ingiusta (in ciò siamo d'accordo con Arrivabene) e questo a prescindere da qualsiasi simpatia personale, da “ferrarismi” vari o da semplici valutazioni meritocratiche sulla gara messicana del tedesco. O no?

 

 

Share this post


Link to post
Share on other sites

Ciao a tutti!

vi posto il riassuntone degli ultimi eventi, a due gare dalla fine dei giochi.

Vi preannuncio che gli eventi dopogara del MEssico hanno condizionato molto i risultati qui su Gp on the Wall ...

CLASSIFICA PUNTI:

 

 

2016_19_MEX_classifica_g.png

 

 

 

CHAMPION OF THE CHAMPIONS:

 

 

2016_19_MEX_CC.png

 

 

 

La vetta sembra ormai al sicuro, mentre per il podio c'è una volata di gruppo, tutto può succedere!

Nella classifica per singole vittorie il sottoscritto porta avanti l'offensiva al nick con le 3 dita ...

 

 

PS

Idriel forse ha 3 punti in meno sul totale per un errore di calcolo... nel caso aggiorno poi.

Share this post


Link to post
Share on other sites

manca poco e a me mancano totalmente doti divinatorie (e fortuna), tanto vale che mi butti in un pronostico alla cieca ...

 

Rosberg

Hamilton

Ricciardo

Raikkonen

Verstappen

 

R1 Perez

R2 Vettel

Share this post


Link to post
Share on other sites

Vado con un pronostico pazzo, tanto ormai XD

 

1. Verstappen.

2. Hamilton.

3. Alonso.

4. Raikkonen.

5. Perez.

 

R1. Button.

R2. Massa.

Share this post


Link to post
Share on other sites

1)Hamilton

2)Rosberg

3)Raikkonen

4)Vettel

5)Ricciardo

R1 Verstappen

R2 Perez

Share this post


Link to post
Share on other sites

1 Hamilton

2 Rosberg

3 Raikkonen

4 Vettel

5 Verstappen

 

R1 Ricciardo

R2 Alonso

Share this post


Link to post
Share on other sites

1) Rosberg

2) Hamilton

3) Kimi

4) Verstappen

5) Vettel

 

R1) Ricciardo

R2) Alonso

Share this post


Link to post
Share on other sites

1) Hamilton

2) Rosberg

3) verstappen

4) Vettel

5) Ricciardo

R1) raikkonen

R2) perez

Share this post


Link to post
Share on other sites

 

1 Hamilton

2 Rosberg

3 Raikkonen

4 Verstappen

5 Vettel

 

R1 Ricciardo

R2 Grosjean

Share this post


Link to post
Share on other sites

1. Hamilton
2. Rosberg
3. Vettel
4. Raikkonen
5. Verstappen

R1. Ricciardo
R2. Hulkenberg

Share this post


Link to post
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now
Sign in to follow this  

×
×
  • Create New...