Jump to content

Il comportamento di Davos Seaworth è motivato da...?


Recommended Posts

L'alternativa sarebbe stata rimanere fedeli ai libri e unire Davos a Rickon in qualche modo, ma vista la fine di quest'ultimo, che credo non sopravviverà neanche nei libri, sarebbe stato perlopiù inutile. Il problema non sta nella scelta di ripiegarlo come uomo fidato di Jon, quanto che egli sia totalmente estraneo al proprio passato ed alle convinzioni che lo muovevano. 

Link to post
Share on other sites
  • Replies 140
  • Created
  • Last Reply

Top Posters In This Topic

Io invece avrei preferito che Davos iniziasse a cercare Gendry già dalla stagione 5 - questa ricerca sarebbe servita a dare un filo di coerenza al personaggio , se proprio non si voleva eliminarlo del tutto. In un percorso più sfumato e meno frettoloso avrei pure accettato l'avvicinamento a Jon - ma la metamorfosi in Alfredo, il raptus di passione improvviso per Jon Snow, le battutine alla Alvaro Vitali, e ora pure le abilità multiple (infermiere, portiere, segretario) alla Ms. Doubtfire....basta, spero solo che sparisca presto.

Link to post
Share on other sites
  • 1 month later...
Il 21 agosto 2017 at 21:41, JonSnow; dice:

L'alternativa sarebbe stata rimanere fedeli ai libri e unire Davos a Rickon in qualche modo, ma vista la fine di quest'ultimo, che credo non sopravviverà neanche nei libri, sarebbe stato perlopiù inutile. Il problema non sta nella scelta di ripiegarlo come uomo fidato di Jon, quanto che egli sia totalmente estraneo al proprio passato ed alle convinzioni che lo muovevano. 

Anche io non credo che Rickon soppravviverà nei libri (abbiamo un indizio sul significato del nome del suo metalupo)

Invece nella serie Davos ha via via coperto un ruolo sempre più interessante , ma staremo a vedere

Segnalo questa bella intervista di Liam Cunningham che forse dice e non dice

http://www.linkiesta.it/it/article/2017/10...utto-cio/35702/
Il personaggio che interpreta e' una boccata d'ossigeno in un mondo scuro e violento come quello di GoT
In effetti Davos rappresenta anche la saggezza della gente comune che si arrabbatta per tirare avanti tutti i giorni in modo decente e senza sentire la necessita ,inconscia o meno, di sputarsi allo specchio in entrambi gli occhi un giorno sì e l'altro pure.
Anche lui ha sofferto,ma e' andato avanti ,non peggiorando,non trasformandosi in uno psico killer,ne' in un intrigante velenoso,ne' in un bugiardo adulatore strisciante
Lotta come Jon Aegon che ha scelto di assistere prima ed ha proclamato re poi, per combattere contro le ingiustizie e le malversazioni dei potenti cui il potere ha rubato l'anima E' a conti fatti un uomo comune che non si arrende  ma , che da uomo comune si comporta,  e forse questo ci vogliono dire D&D quando ,in momenti chiave della stagione,gli fanno fare apprezzamenti su Missandei o dare suggerimenti a Jon Aegon da paraninfo  (non a tutti questa caratterizzazione è piaciuta ,forse non è perfettamente riuscita, ma secondo me aveva uno scopo preciso )
Davos mi piace anche perché non piace alla gente che piace ,tradotto a Sansa abituata a vedere i consiglieri strisciare per esempio a Approdo del re o a GI ( ammesso che qui ce ne fossero)
Magari questa caratterizzazione stride con il precedente Davos ma lo rende,ripeto,un essere umano con pregi e debolezze, non un carattere piatto,grigio in una notte oscura.
Mi ha colpito quello che ha detto,nell'intervista che ho su riportato ,su Daenerys,  un indizio o una falsa pista?Lo sapremo nel 2019...

Link to post
Share on other sites

Provo a dare una spiegazione plausibile: è probabile che abbia voluto dare un qualche senso alla vita di Shireen unendosi a Jon per combattere Ramsay. 

Inoltre come ha già detto qualcuno nella serie TV Davos viene mostrato come una persona la cui unica famiglia sembra essere composta dal solo figlio fanatico morto nelle Acque Nere... È vedovo? Suo figlio era un bastardo poi legittimato? 

Quindi ci viene lasciato intendere che dopo la morte del figlio, di Stannis e di Shireen sia rimasto solo e senza scopi se non quello di vendicare la morte del suo re e della principessa.

Una volta vendicati si è unito alla causa di Jon anti-estranei. 

Se così fosse non ci vedrei nulla di male... 

Link to post
Share on other sites

Infatti ,il personaggio di Davos e' stato modificato proprio per fargli rivestire il ruolo di primo cavaliere in pectore e poi effettivo

di Jon , ed il tutto per me e' plausibile anche perché era rimasto,nella serie,come un uomo senza uno scopo nella vita ,e ribadisco ,uomo reale non figurina di ASOIAF

Oltretutto investe anche emotivamente su Jon anche perché sapeva quanto Stannis lo stimasse e apprezzasse anche prima che diventasse Lord Commander ,non vedo perché non avrebbe dovuto mettersi al suo servizio, dato che conosceva la minaccia degli estranei e le affermazioni di Melisandre 

E certo che vendica il suo re dato che fa parte del gruppo che prepara la battaglia dei bastardi 

E in un certo senso vendica pure la morte atroce della piccola Sheeren quando chiede a Jon di emettere una sentenza di morte nei confronti di una donna che,su sua richiesta irrazionale,lo aveva resuscitato 

E la scena del confronto tra Melisandre ,lui e Jon e' scritta e girata molto bene con Liam che esprime tutto il dolore che si portava dentro ,un dolore sordo che era stato sopito durante l'emergenza dello scontro Jon -Ramsay

E' un personaggio profondamente umano,lui stesso si definisce un non eroe dato che  combatte malissimo ,ma e' un dato di fatto che cerca di scegliere la soluzione eticamente migliore in un mondo in cui la parola etica non esiste o e' usata a comando dalla maggior parte dei pretendenti e non al trono di spade 

Link to post
Share on other sites

Mi piace il suo personaggio, ricorda un archetipo di nonno saggio e gentile con i suoi alti bassi. Ormai non aveva più niente e nessuno per combattere e andare avanti, nè il suo re (Stannis) nè la sua famiglia, quindi considerando cosa aveva intorno a lui ha scelto di porsi al fianco di un ragazzo di buon cuore che in fondo vuole solo fare la cosa giusta, pronto a sacrificarsi per il bene altrui, insomma il re che probabilmente ha sempre desiderato servire. Frega niente dell'albina sculata, mi piacerebbe vedere Jon (Aegon) sul trono di spade con Davos come primo cavaliere, ma haimè, temo che il personaggio ci lasci le penne.

Link to post
Share on other sites

Lo temo anche io,però

Spoiler 8 stagione

Spoiler

se la biondina supponente e Jon  Aegon avranno una figlia beh mi immagino che la cresca lui più di Tyrion perchè lo farebbe benissimo ,  anche in omaggio alla sua amata Sheeren

 

Link to post
Share on other sites

L'incoerenza del Davos televisivo non è tanto nello sposare la causa di Jon dopo la morte di Stannis: come avete detto, quella è anzi la conseguenza più logica, vista l'affinità tra Jon e Stannis e la condivisione dell'ideale comune. I nodi malgestiti son stati principalmente due: 1- la poca incisività nell'affrontare Melisandre sulla questione Shireen; 2- la rapidità nell'elaborazione del lutto per il suo re e benefattore, senza uno straccio di ricordo, rimpianto, parole di stima ecc... Problemi essenzialmente di sceneggiatura, mala scrittura, tagli eccessivi, cattiva gestione dell'on-screen dedicato all'evoluzione psicologica dei personaggi e all'esposizione dei loro stati d'animo. A livello di svolgimento della trama, la coerenza narrativa mi pare che, almeno in questo caso, non manchi e che la storyline di Davos segua un percorso abbastanza logico.

Link to post
Share on other sites

Qui siamo nella sezione serie e non e’ vero che Davos non conosce Jon anzi sa pure che non è ben visto dai molti confratelli del GdN, sa che Jon ha rifiutato di essere legittimato da Stannis che ne apprezzava le qualità e sa che è persona che onora i suoi giuramenti e che e’ andato incontro ad una missione rischiosa per salvare i bruti,cui non doveva nulla ,da morte certa e sa che è un leader che non combatte per accrescere il suo potere

@shewolf

mi fa piacere che tu pensi che nel percorso del Davos della serie,che non ha più una famiglia , ci sia coerenza narrativa .

Quanto alle tue altre osservazioni ricordo solo che ogni stagione di GoT era fatta di 10 episodi,la settima addirittura di sette episodi.

In questi episodi bisogna concentrare tante storie e raccogliere i fili del racconto facendo avanzare il tutto ,mentre peraltro Martin e’ inchiodato al 5 tomo

Non credo,mia opinione, che ci sia una cattiva scrittura per il personaggio Davos che certamente non ricalca quello dei libri 

Tu parli di mancato confronto con Melisandre,ma lei ritorna sconvolta al castello Nero e dice solo che tutti sono morti compreso Stannis sconfitto .

Davos cosa le dovrebbe chiedere di piu’ dato che Melisandre non ha per esempio assistito alla morte di Stannis?

Certamente in seguito avrebbe voluto spiegazioni ,ma gli eventi poi sono diventati frenetici e drammatici con la morte di Jon e con Davos e pochi altri che ne difendono il corpo .Poi Melisandre rianima Jon e vorrei proprio vedere Davos che in quel momento o nei momenti successivi rivanga fatti accaduti in modo ineluttabile e definitivo 

Poi non c’e’ stato tempo per ritornare sulla morte di Sheeren perché Davos è dovuto andare con Jon e Sansa a cercare rinforzi per una battaglia disperata 

Ma quando Davos capisce ,trovando le tracce del rogo e il cervo di legno intagliato che ha regalato alla piccola principessa, che qualcosa di terribile è accaduto e ne chiede conto a Melisandre,assistiamo ad una scena drammatica in cui letteralmente esplode tutto il dolore di Davos per una morte inutile e terribile ,avallata peraltro dal suo Re che lui riteneva giusto anche se plagiato dalla strega  rossa .

Non mi sembra che la sceneggiatura sia stata pessima ,anzi Davos come personaggio  ne esce ,per me, in modo positivo,ripeto come un essere umano che sceglie di servire un leader davvero giusto come tale e non perché re magari con una ‘testa piena di demoni’ e cioè di quelli che possono far soffrire ,per la loro ambizione ,familiari e popolo su cui governano .

Link to post
Share on other sites

Il minor tempo a disposizione non giustifica una sceneggiatura peggiore. Da un punto di vista pratico vista anche la complessità di GoT è vero, ma questo non deve spingerci a chiudere gli occhi e lasciar passare certe cose, fra cui appunto Davos e il suo amore platonico nei confronti di Jon che a conti fatti è stato messo su schermo perché gli sceneggiatori non sapevano che farsene del suo personaggio (oltretutto pure abbastanza fan-friendly)

Link to post
Share on other sites

 

Ma nella serie Jon il santissimo ritorna in vita in un modo che non sarà quello dei libri dove forse ci viene suggerito altro

E’ solo o quasi , a parte Edd e pochi altri , tutti GdN avulsi dalla realtà e dai giochi di potere.

D&D hanno ideato per Davos questo ruolo che,per me, è ben realizzato dato che con la morte di Stannis che avviene nella serie ma non nei libri Jon assorbe in un certo senso la figura di Stannis ( per il prosieguo del racconto ) ergo perché Davos non avrebbe dovuto seguirlo e assisterlo?

Come avrebbero dovuto liquidare il cavalier Cipolla che peraltro e’ una delle rarissime persone decenti e pragmatiche della serie ?E anche dei libri dato che non ama superstizione ,magia e annessi e connessi per raggiungere il potere ?

In fin dei conti ASOIAF è essenzialmente una grande metafora sui problemi che la ricerca del potere per il potere scatena e anche la serie sia pure per strade diverse ,che porteranno alla stessa fine , tratta in modo preciso questo tema ,ovviamente con varianti che questo tema sottolineano.

Ovviamente tutto è molto semplificato ma perché si vuole arrivare ad una fine in tempi abbastanza brevi accentrando peraltro molto sui 2 personaggi principali per facilitare la fruizione dello spettacolo e per compiacere i fans che fanno audience e portano soldi alla produzione.

Ergo piaccia o meno certe caratterizzazioni avvengono proprio in una ottica ben precisa e secondo me sono accettabili e nel caso di Davos anche ipotizzabili,certamente non sono assurdamente cervellotiche.

Link to post
Share on other sites

Davos, anche nella serie, è colui che ha aiutayo Stannis per l'omicidio di Renly, ed è lo stesso che dopo Blackwater stava per uccidere Melisandre perché la incolpava della morte del figlio. Non è un personaggio pragmatico, è semplicemente una persona di base buona e ingenua (se non anche ignorante) che sa essere fedele ai suoi padroni e alla sua famiglia. Nella serie si accoda a Jon come prima faceva con Stannis, fin qui il modo in cui agisce è coerente vista la lealtà, ma appunto perché hanno amalgamato la trama rimanente di Stannis nei libri a quella di Jon mancano gli step fondamentali: Davos NON conosce Jon, ne subisce una discreta impressione ma lì finisce, mancano proprio i presupposti che lo spingono a diventarne quasi un seguace.

 

Con Stannis sappiamo benissimo perché: uomo duro ma coerente, lo ha aiutato ad essere più di un semplice pirata e ne ha assecondato i valori. Con Jon si possono scrivere papiri su questo e su quelo, ma alla fine visto che questa serie tv è sempre stata ciò che vediamo e non ciò che cerchiamo di interpetare, semplicemente il rapporto è mozzato quanto le dita di Davos

Link to post
Share on other sites
4 hours fa, King Glice dice:

Insomma...

 

Il Davos  dei libri non si sarebbe mai attaccato come una zecca alla causa di Jon  (che non conosce nemmeno).

 

Avrebbe pensato per prima cosa a mettere al sicuro la famiglia.

Famiglia che nella serie non esiste.

Un uomo solo al mondo, che dopo aver perso l'unico figlio "sfoga" il suo istinto paterno con Shireen prima, Gendry poi, e infine Jon. Il quale, guardacaso, è pure un tipo che il suo amato re Stannis stimava e che presenta diversi punti in comune con lui. Io qui davvero non ci vedo nulla di illogico.

Quello che cozza di più, mi ripeto, è il contrasto tra la passività che dimostra con Melisandre e la personalità che sfodera contro Thorne, il tutto senza neanche un minimo di smarrimento.

 

PS. Naturalmente parlo riferendomi nello specifico a questa parte di storia...tralascio tutte le varie fasi, anche dell'ultima stagione, in cui gli hanno fatto vestire i panni del simpaticone-a-tutti-i-costi, che spesso purtroppo ho trovato fuori luogo, nonostante provi tutta la simpatia del mondo per il personaggio.

Link to post
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now

  • Upcoming Events

  • Member Statistics

    • Total Members
      5,856
    • Most Online
      1,394

    Newest Member
    Skiekai
    Joined
  • Forum Statistics

    • Total Topics
      16,082
    • Total Posts
      742,866
×
×
  • Create New...