Jump to content
Sign in to follow this  
LyannaSnow

Brexit e Unione Europea.

Recommended Posts

Il sindaco di londra Khan ha dichiarato: "I cittadini europei saranno sempre i benvenuti a Londra". :D

Share this post


Link to post
Share on other sites

Infatti, la cosa peggiore è proprio questa! Se le percentuali che ho visto sono esatte, gli over 65 hanno scelto un futuro che gli under 25 non volevano nemmeno un pochino.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Triste e delusa per i risultati, soprattutto perché (secondo i sondaggi) sembra che a scegliere la strada del LEAVE siano stati gli over 50/60, mentre i giovani volevano rimanere dentro.

 

Comunque sono dell'idea che questa scelta farà più male a loro che al resto d'Europa, probabilmente tanti inglesi pensano ancora di essere in epoca Vittoriana con l'Inghilterra a capo del mondo...

Share this post


Link to post
Share on other sites

Ottimo, UK fuori della scatole, era il trojan horse dell'UE.

Tutta la politica estera dell'Inghilterra degli ultimi 700 anni è riassumibile in una singola, breve frase: impedire che sul continenti europeo si formasse un entità statale forte e unitaria. Gli ultimi 30 anni non fanno eccezione.

 

Solo senza UK è possibile realizzare la piena integrazione economica, fiscale e monetaria

Per quella politica si vedrà, un passo alla volta.

 

Notizia fantastica, esultate.

 

Già, anche io in parte la vedo così. Infatti lontano dall'elezione una parte di me sperava che uscissero. Ma più il giorno si avvicinava...

Tuttavia non riesco ad essere ottimista, perchè per quanto l'oggettività dei fatti è questa, mi sto rendendo sempre più conto di quanto invece conti la percezione e la cultura nel determinare la realtà dei fatti stessa. Ad un certo livello, se si pensa abbastanza che 2+2 fa un pesce, beh 2+2 farà effettivamente un pesce (e dei teoremi matematici prima impensabili o ritenuti in passato ridicoli lo dimostreranno).

 

Del resto anche questo voto, con la vittoria del "populismo" (termine di cui pure inizio a sospettare), lo dimostra: se infatti partiamo dall'assunto che PRATICAMENTE TUTTI GLI ESPERTI hanno detto che uscire dall'europa è male, beh tutte le raccomandazioni degli esperti sono state completamente ignorate dalla maggioranza della popolazione.

Gli esperti hanno ragione anche se la maggioranza ha torto? in questo mondo non sempre, quando la percezione e la convenzione piegano la realtà reale, e non percepita, in una sorta di quantistica sociale.

E cosa potrebbe importarsene un cinquantenne o più dei mercati finanziari se la sua pensione è un suo diritto soggettivo? Qui vediamo l'applicazione della regola: non credi che la speculazione ti farà nulla, ed effettivamente è probabile che non ti faccia nulla: oh cielo, ti farà di sicuro qualcosa, ma sei molto più al sicuro di tutti gli altri: lo stato farà i salti mortali (vi è obbligato dalla legge, e il tuo partito populista è il più forte ricordi?) per pagarti una pensione. E se non lo fa, corti costituzionali. Questo resta un caso molto improbabile, ma è un esempio. (esempio estrememente brutto, e mi rassicurerebbe vederlo criticare, ma mi rassicurerebbe molto di più veder criticato il pensiero di fondo, che putroppo credo sia molto più solido).

Il mercato è psicologizzato e nemmeno la possibilità che la gran bretagna ne uscirà alla grande è esclusa (ad esempio, gli inglesi pensano che vanno alla grande, investiranno e andranno alla grande. Gli europei penseranno di essere andati e andare malissimo, non investiranno e andranno malissimo). (di nuovo, applicare la regola di sopra sugli esempi).

 

L'influenza culturale di questo voto è quella sarà più pesante: uno dei big four si è autoescluso, l'ue ha avuto un (altro) colpo durissimo e sarà difficilissimo andare avanti non per quelli che ci credono come me e te e te e te, ma nel convincere gli altri. Le destre nazionali e i partiti di recente formazione, "populisti" o no, riceveranno un aumento di popolarità, e questo significa che la loro parte di ragione aumenterà, socialquantisticamente parlando.

Culturamente questo brexit è pari a qualche grande rivoluzione dell'età liberale.

 

E no, con gli esempi non sono mai stato molto bravo.

Share this post


Link to post
Share on other sites

In questo referendum e in molti altri eventi politici recenti (e prossimi) ci vedo una semplice verità che ai più non piace vedere o di cui è proibito parlarne.
La democrazia non va bene. La democrazia diretta è il male.

 

 

« Molte forme di governo sono state sperimentate e saranno sperimentate in questo mondo di peccato e di dolore. Nessuno ha la pretesa che la democrazia sia perfetta o onnisciente. Infatti, è stato detto che la democrazia è la peggior forma di governo ad eccezione di tutte le altre forme che sono state sperimentate di volta in volta. »
W.Churchill

Share this post


Link to post
Share on other sites

sempre dubitato della materia grigia dei figli di albione...andare dietro a uno come farage?? sul serio? l'ue se cambia registro(ma per davvero)puo quasi quasi uscirne meglio, fare tabula rasa e evitare l'effetto domino, mentre, visto come è dislocato il voto, non so se tra 5-10 anni il regno unito sara ancora effettivamente tale.....

 

e ora anni e anni di contrattazioni, sono curioso di vedere come bruzelles impostera le trattative......

Share this post


Link to post
Share on other sites

Non capisco il clamore: loro dall'Europa sono usciti oggi, noi usciamo lunedì sera. Cosa cambia qualche giorno in più o in meno?

Share this post


Link to post
Share on other sites

Le prime dichiarazioni di Juncker e Shultz sul pugno duro contro il Regno Unito me li stanno facendo rivaulutare, cosa che non avrei mai creduto possibile.

Speriamo non sia una farsa.

 

Saranno comunque fondamentali i prossimi mesi: se la sterlina si svaluta pesantemente, se un paio di banche o di fabbriche (attenzione a Nissan e Toyota) lasciano l'isola, se la Scozia va per conto suo... e soprattutto se la UE ha un sussulto di dignità e si mettere a lavorare veramente per la costruzione di una sorta di unione politica degna di questo nome, il vento populuista si arenerà senza alcun dubbio.

Se al contrario le cose in UK andassero bene, si avrà l'effetto inverso.

 

Sinceramente non credo molto alle profezie autoavveranti di cui si parlava sopra, alla fine uno stabilimento chiuso e 5.000 persone a casa, per dire, lasciano poco spazio alle interpretazioni.

 

 

Per completare il quadro, comunque, vediamo domenica in Spagna.

Share this post


Link to post
Share on other sites

i miei due centesimi senza essermi informato chissà quanto:

 

Non è la prima volta nella storia che qualche grosso giocatore entra o esce da un qualche concordato internazionale, in qualche modo il mondo andrà avanti. Oggi ho sentito di gente che si aspetta l'apocalisse, le guerre mondiali e chissà cos'altro, non sarei così pessimista.

 

Questo è un campanello dall'arme per lUnione, anzi è la campanella dell'ultimo giro forse.

In molti posti (e in modo deciso in Italia) l'Europa non è più percepita tanto come opportunità, ma come vincolo. Ci si sente meno parte della popolazione europea e più burattini della finanza internazionale. C'è crisi di un modello economico arrivato al limite, c'è crisi umanitaria con profughi vari e c'è tanto malpancismo per soluzioni che in quasi 10 anni non sono arrivate.

 

Qaule sarà la risposta dell'Europa a questo schiaffo (diciamo) morale? Probabilmente la risposta sarà: "ancora più Europa!" Resta da capire se questo surplus d'Europa sarà qualcosa che vada incontro all'economia reale ("al popolo") oppure se ci si porrà in modo ostile ("facciamo in modo che sia punito/insostenibile lasciare l'unione, cos'cchè nessun altro potrà farlo") oppure ancora se ci si riguarderà del mondo bancario/finanziario e basta.

 

LA critica che più spesso sento in questi anni è che "L'Europa ormai pensa solo a salvare le banche".

Non credo che questa sia l'Europa dei fondatori, neppure credo sia l'Europa che ci prometteva Prodi al'arrivo dell'Euro. Il sogno europeo mi sembra non sia mai decollato del tutto.

 

Ringrazio la stabilità ricevuta nei decenni fino ad oggi, ma non escludo che giocando male i prossimi turni ci si finirà col ritrovarsi l'Europa spezzettata del tutto.

Share this post


Link to post
Share on other sites

I padri costituenti la sapevano lunga..



Il 20 gennaio 1947 la seconda Sottocommissione della Commissione per la Costituzione approva i seguenti articoli:


Articolo 75 della Costituzione


«Sarà indetto il referendum su una legge approvata dal Parlamento, quando ne facciano richiesta 500.000 elettori o sette Assemblee regionali. Il termine della promulgazione è sospeso se, entro 15 giorni dalla pubblicazione provvisoria della legge approvata, 50.000 elettori o tre Assemblee regionali dichiarino di prendere l'iniziativa del referendum. Il completamento del numero delle firme richieste o delle adesioni delle Assemblee regionali per farsi luogo al referendum, ai sensi del primo comma, deve avvenire entro due mesi dalla stessa data di pubblicazione.


Non potrà essere sottoposto a referendum un disegno di legge per il quale le due Camere, a maggioranza assoluta, abbiano dichiarato il carattere di urgenza».



«Non possono essere oggetto di referendum le leggi di autorizzazione alla ratifica dei trattati internazionali e le leggi di bilancio».


Share this post


Link to post
Share on other sites

Qaule sarà la risposta dell'Europa a questo schiaffo (diciamo) morale? Probabilmente la risposta sarà: "ancora più Europa!" Resta da capire se questo surplus d'Europa sarà qualcosa che vada incontro all'economia reale ("al popolo") oppure se ci si porrà in modo ostile ("facciamo in modo che sia punito/insostenibile lasciare l'unione, cos'cchè nessun altro potrà farlo") oppure ancora se ci si riguarderà del mondo bancario/finanziario e basta.

Io nell'immediato sinceramente mi auguro il pugno durissimo contro l'UK, in modo da stoppare sul nascere ogni velleità centrifuga.

Nel momento in cui la decisione di abbandonare la UE sarà ratificata dal parlamento britannico (sia che si vada a nuove elezioni, sia che si vari un nuovo governo con il parlamento esistente, devono decadere immediatamente tutti gli europarlamentari inglesi, devono essere revocati tutti i mandati ai funzionari UE britannici (e Juncker con mia estrema delusione si è già sfilato su questo), l'inglese deve essere tolto dalle lingue ufficiali UE (se non lo è l'italiano o lo spagnolo, non vedo perché a questo punto debba esserlo una lingua parlata solo in Irlanda e a Malta), la banca centrale inglese deve rititare immediatamente le sue quote dalla BCE.

 

Ah, e poi non mi interessa nulla, bisogna giocare sporco. TV a manetta in stile Rete 4 in tutta Europa a intervistare gente che perde il lavoro o che si è bruciata i risparmi in borsa. :stralol:

 

Poi si inizia a ragionare sul resto.

 

Sinceramente aprire una guerra commerciale con l'UK avrebbe poco senso, esportiamo molto più di quanto importiamo. Però niente mercato comune, e niente trattati agevolati come con Svizzera e Norvegia.

 

L'Inghilterra da dentro la UE ha sempre remato contro l'integrazione. Ora che è fuori e ha perso questo potere è veramente il momento di cogliere l'opportunità di una vera unione continentale... in pratica realizzando il loro peggior incubo.

 

 

 

Ultimo appunto: nessun accordo bilaterale sui calciatori comunitari. Voglio vedere se in Premier inizieranno ad esserci limitazioni sui giocatori tedeschi, francesi, spagnoli, eccetera...

Share this post


Link to post
Share on other sites

 

I padri costituenti la sapevano lunga..

Il 20 gennaio 1947 la seconda Sottocommissione della Commissione per la Costituzione approva i seguenti articoli:

Articolo 75 della Costituzione

«Sarà indetto il referendum su una legge approvata dal Parlamento, quando ne facciano richiesta 500.000 elettori o sette Assemblee regionali. Il termine della promulgazione è sospeso se, entro 15 giorni dalla pubblicazione provvisoria della legge approvata, 50.000 elettori o tre Assemblee regionali dichiarino di prendere l'iniziativa del referendum. Il completamento del numero delle firme richieste o delle adesioni delle Assemblee regionali per farsi luogo al referendum, ai sensi del primo comma, deve avvenire entro due mesi dalla stessa data di pubblicazione.

Non potrà essere sottoposto a referendum un disegno di legge per il quale le due Camere, a maggioranza assoluta, abbiano dichiarato il carattere di urgenza».

«Non possono essere oggetto di referendum le leggi di autorizzazione alla ratifica dei trattati internazionali e le leggi di bilancio».

 

E c'è ancora qualche politico in Italia che sull'onda del più becero comunismo populismo dice "ora dobbiamo andare anche noi Italiani a fare un referendum per uscire dall' UE". >_> Questa è o per ignoranza della stessa costituzione o peggio ancora per assicurarsi il voto del popolino ignorante >_>

Share this post


Link to post
Share on other sites

Salvini comunista ?

Share this post


Link to post
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now
Sign in to follow this  

×
×
  • Create New...