Jump to content
Sign in to follow this  
Aerys_III_Targaryen

La deriva femminista della serie

Recommended Posts

Altro articolo su Wired

 

http://www.wired.it/play/televisione/2016/06/22/game-of-thrones-rivincita-delle-donne/?utm_source=twitter.com&utm_medium=marketing&utm_campaign=wired

 

Di questi articoli non condivido il fatto che non si commenti che figura fanno in contrapposizione i personaggi maschili.

 

Quello che vorrei evidenziare che in questa stagione fanno esaltare solo le figure femminili (sono loro che come vediamo stanno tenendo le redini del gioco); le figure maschili ne escono tutti "sconfitti".

Nelle passate stagioni avevamo Cat, Cersei, Brienne, Dany e Arya che di certo si sono fatte sempre valere. Quindi, ma perché in questa stagione nin si riesce a trovare qualche personaggio maschile? Certo,Tormund, Davos e Ramsay (si purtroppo lui anzi, dalla morte della ragazza si fa più atroce) hanno i loro giusti spazi, ma possiamo paragonare la loro importanza nella storia a quella delle,donne sopra citate? Penso proprio di no.

Share this post


Link to post
Share on other sites

La parte su Cercei dell'articolo di wired fa ridere :ehmmm: Ma chi scrive sta roba ha visto la serie? Come a dire che Ramsay è un ragazzo che fin da giovane ha combattuto contro lo stigma sociale che comporta la sua condizione di bastardo ma con forza e determinazione è riuscito a farsi riconoscere i suoi diritti!

 

Ichikyo: questa stagione abbiamo Jon, Theon, Bran, Sam (e Petyr) che si fanno valere. Certo è vero che è una stagione più incentrata sulle donne, e non è una brutta cosa, solo che si son fatti prendere la mano dal volerle trasformare tutte nello stereotipo della donna guerriera.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Si è palese.

Guardando da un lato pratico si può dire che fare l'occhiolino alle lettrici ha portato fortuna in passato poiché erano quelle che compravano i libri ^^' ?

Poi dal punto di vista delle possibilità narrative penso che le "femmine" abbiano più variabili da sviluppare in una saga mooolto lunga mentre i "maschi" siano, come dire, più prevedibili quindi noiosi almeno in GoT o semplicemente le ragazze siano più belle da vedere sullo schermo.

 

OT: Ma quanto sangue fa' Yara vista da dietro al cospetto di Dany :}

Share this post


Link to post
Share on other sites

@Smilla scusami, ma dalla tua lista escluderei Jon, Theon e Ditocorto.

Jon, per quanto possa essere stato "protagonista" della 9, la guerra la vincono solo esclusivamente grazie Sansa.

Theon é grazie alla sorella che ritrova se stesso (e questo mi é piaciuto, visto che penso che Sansa non sia stata onesta come Yara), però deve venire sempre denigrato per il fatto che riconosce la sorella come una regina migliore. Di Theon che finalmente non è più Reek, non se ne parla mai in positivo. Forse è perché ha tradito Robb e continuerà ad essere denigrato per questo...

E dico, non può essere una sola scena di una puntata a salvare la "decadenza" di un personaggio (la vendetta da LC di Jon o il discorso elettorale per Yara).

 

Ditocorto, per quanto possa essere io stessa felice che si ritrovi a pendere dalle labbra di Sansa (ma ancora per quanto? O meglio che piano nasconde), non si può negare il fatto che la scelta di Diticorto di aiutare Sansa, sembra soprattutto per avere qualcosa di "fisico" in cambio da lei, non ci viene presentato un Ditocorto calcolatore. Anzi, siccome dobbiamo far vedere che Sansa riesce a tenere in pugno Ditocorto, non sottolineiamo il fatto che sia stato proprio lui a volere la caduta degli Stark, che lui brama anche altro.

 

Bran, se non fosse per Meera chissà dove sarebbe. Ma in questo caso il rapporto fra i due mi sembra equilibrato.

Sam non si mostra coraggioso davanti al padre, é Gilly che difende entrambi. Poi vediamo che Sam decide di andarsene portandosi dietro famigliola e spada. Sam é sempre stato questo personaggio; il rapporto con Gilly é sempre stato questo.

 

Quindi per Bran e Sam e rispettivamente per Meera e Gilly l'equilibrio che c'era si è mantenuto.

 

Per gli altri personaggi l'elevazione dei ruoli femminili avviene anche, e sottolineo anche, in virtù di una "denigrazione" dei ruoli maschili ad esse associate.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Mmh però parlando di importanza nella storia secondo me rientrano comunque. Nel senso che è vero che Jon da solo avrebbe perso la guerra, ma comunque era pronto a combattere (e a perdere, e a morire). Lo stesso Theon, ok, è grazie alla sorella che ritrova sé stesso, e continua ad essere denigrato da tutti, però da spettatrice vedo il cambiamento che è avvenuto nel suo carattere. Vedi quando è pronto a sacrificarsi per Sansa.

 

Poi che dire, ci sono serie che funzionano benissimo pur avendo personaggi principali praticamente sempre maschili (Breaking Bad) o femminili (Orange is the new black) per dirne un paio. In entrambi i casi la scelta è più o meno giustificata, però rimane il fatto che i personaggi sono veramente ben scritti.

 

In got invece l'elevazione dei ruoli femminili a volte appare una forzatura, così come la denigrazine di alcuni ruoli maschili.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Jon, per quanto possa essere stato "protagonista" della 9, la guerra la vincono solo esclusivamente grazie Sansa.

 

Grazie a LF vuoi dire. Grazie a Sansa per poco non crepavano tutti.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Quello che vorrei evidenziare che in questa stagione fanno esaltare solo le figure femminili (sono loro che come vediamo stanno tenendo le redini del gioco); le figure maschili ne escono tutti "sconfitti".

 

Sì infatti sta qui il problema. Ci sta voler mettere più in luce le figure femminili, ma non per questo devi distruggere quelle maschili.

 

Jon e Jaime, ad esempio, sono praticamente inutili, ridotti al ruolo di zerbini di Sansa e Cersei.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Una cosa da notare è che si potrebbero alleare queste quattro fazioni:

 

 

Targaryen. Comanda una donna, tra l'altro anche su un esercito di castrati, ed è aiutata da un altro castrato (Varys).

 

Greyjoy. Comanda una donna, appoggiata dal fratello distrutto ed evirato.

 

Tyrell. Comandano due donne, e gli uomini della Casata sono un inetto e un gay.

 

Dorne. Comandano le donne, che hanno ammazzato gli uomini, ritenuti troppo deboli.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Una cosa da notare è che si potrebbero alleare queste quattro fazioni:

 

 

Targaryen. Comanda una donna, tra l'altro anche su un esercito di castrati, ed è aiutata da un altro castrato (Varys).

 

Greyjoy. Comanda una donna, appoggiata dal fratello distrutto ed evirato.

 

Tyrell. Comandano due donne, e gli uomini della Casata sono un inetto e un gay.

 

Dorne. Comandano le donne, che hanno ammazzato gli uomini, ritenuti troppo deboli.

 

 

Targaryen: comanda una donna con 3 draghi, un esercito di mercenari, un esercito di Dothraki, ciò che rimane di un esercito di immacolati ed è consigliata da Varys, Missandei e Tyrion, il cui assenso è stato necessario e richiesto nella stipulazione del patto.

 

Greyjoy: comanda Euron, che ha messo in fuga Yara che è andata a chiedere aiuto oltremare. Theon è stato ridotto così da Ramsey stagioni fa.

 

Tyrell: comanda Olenna Redwyne, come abbiamo imparato dai primi libri di Martin. L'inetto è inetto e "un gay" è il secondo spadaccino del reame dopo Jaime Lannister (secondo diffusa opinione di mezza nobiltà di Westeros)

 

Dorne: coerenza narrativa non pervenuta ma

se gli spoiler fossero veri, il castrato Varys, eunuco, starebbe per sistemare la situazione

. Comunque sottolineo che per Dorne è una cosa normalissima (moltissimi esempi in TWOIAF) e che anche nei libri le serpi avevano tentato una rivolta (fortunatamente fallita).

 

 

 

In aggiunta a ciò:

-Ramsey ha governato fin'ora sul Nord, sconfitto grazie ai cavalieri della valle.

-Walder Frey ha le terre dei fiumi

fino alla 6x10 forse

 

-Ditocorto ha determinato le sorti del Nord e continua a determinare quelle della maggioranza del regno

-Jaime Lannister ha salvato la situazione delle terre dei fiumi

-il Mastino/Beric Dondarrion/Thoros di Myr sono elementi fondamentali della fratellanza senza vessilli, che sembra essere un attore importante della regione

-Qyburn è il fautore del potere di Cersei

-High Sparrow tiene in pugno re e regina, ha messo in fuga la capostipite di casa Tyrell (la superdonna) ed è riuscito a far riarmare il Credo

-Tyrion è consigliere della regina di Meereen

 

 

Ora, facendo un conto:

-le donne forti sono 3

-gli uomini forti sono 8

 

 

 

Che poi, per inciso, gli immacolati sarebbero segno di svilimento maschile? Varys è un debole perchè è stato castrato in giovane età? Loras è omosessuale quindi è un punto alle donne?

 

 

Per carità, quelle scene alla charlie's angels sono terribili, sia chiaro.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Punto primo: ho parlato della possibile alleanza tra 4 specifiche fazioni. Fare la conta donne/uomini forti non è attinente con quanto scritto da me.

 

Punto secondo: nel discorso relativo al rapporto uomini-donne/potere nella storia può essere più di una casualità, o quantomeno una curiosità, il fatto che le donne donne al comando di quelle fazioni siano appoggiate/seguite da uomini non virili in senso fisiologico o psicologico (Varys, Theon, VermeGrigio, Loras, Mace).

Share this post


Link to post
Share on other sites

C'è da dire che queste donne al potere sono all'ombra di altri uomini che le hanno influenzate.

 

Dany all'ombra di Viserys, Ellaria e Serpi all'ombra di Oberyn, Sansa all'ombra di Baelish, e così via

Share this post


Link to post
Share on other sites

Nella sesta sono tutte uscite dalle "ombre" degli uomini che le influenzavano.

Tutte le donne sono evolute e sono diventate abbastanza indipendenti (cosa ottima). Di contro, nella sesta, non c'è nessun uomo che manifesti una propria "indipendenza".

 

Nelle passate stagioni c'era più un equilibrio (certamente pendente più verso gli uomini, visto le violenze che hanno passato le donne). Quest'anno solo le donne.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Innegabile, ma ho come l'impressione che sia più un insieme di conseguenze che altro, anche perché tutti i broken men lentamente danno segni di ripresa o redenzione. Circa

Share this post


Link to post
Share on other sites

Nella sesta sono tutte uscite dalle "ombre" degli uomini che le influenzavano.

Tutte le donne sono evolute e sono diventate abbastanza indipendenti (cosa ottima). Di contro, nella sesta, non c'è nessun uomo che manifesti una propria "indipendenza".

 

Nelle passate stagioni c'era più un equilibrio (certamente pendente più verso gli uomini, visto le violenze che hanno passato le donne). Quest'anno solo le donne.

Euron? Littlefinger? a quali donne sono "sottomessi"?

Share this post


Link to post
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now
Sign in to follow this  

×
×
  • Create New...