Lady Monica

Sfida Letteraria 2017

42 posts in this topic

Come ogni anno rinnovo la sfida letteraria per noi barrieristi. Quest'anno mi sono affidata ad un gruppo su FB, Inkbooks Reading Challenge (https://www.facebook.com/groups/1024020521042882/?fref=ts) e vi invito anche ad iscrivervi: qui leggono veramente forte e si possono trovare spunti interessanti per nuove letture.

 

15356680_1453055198053141_80720757816274

 

In bocca al lupo e leggete leggete leggete!!!

 

p.s. appena torno a casa cerco di sistemare la lista in modo che si veda.

 

EDIT: Ecco la lista in formato a4 http://inkbooks.altervista.org/wp-content/uploads/2016/12/Inkbooks-reading-challenge-2017-page00011.jpg

2

Share this post


Link to post
Share on other sites

Io inizio.

1- Libro di un autore francese

508_luomo-dei-cerchi-azzurri-1411643018.

Da quattro mesi i marciapiedi di Parigi riservano una sorpresa apparentemente innocua: grandi cerchi blu tracciati con il gesso, e al centro una serie di oggetti stravaganti: un trombone, una pinzetta, un vasetto di yogurt, una candela... I giornalisti indagano per sfamare l'interesse dei lettori e gli psicologi si dividono tra chi grida al maniaco, e chi ipotizza la burla. Adamsberg, però, non trova nulla di divertente nell'escalation dei cerchi: la sua fine psicologia di conoscitore del male gli lascia intuire che dietro l'apparente stramberia si nasconde qualcosa di morboso. E ben presto i fatti gli danno ragione: un'altra alba e un altro cerchio su un marciapiede, ma stavolta, al centro esatto, un corpo di donna. Parte così una corsa contro il tempo per fermare un assassino del quale si ignora letteralmente tutto.

E' il secondo libro che leggo di Vargas e per la seconda volta, non mi piace. Il caso sembra quasi uno sfondo per descrivere i personaggi e i loro discorsi metafisici e psicologici. L'ho voluto finire solo perchè era corto, ma credo che non leggerò più niente di suo.

Voto:5/10

2- Un libro da leggere in un giorno

6487771.jpg

Sulle orme di Agatha Christie, in occasione dei suoi primi dieci anni di carriera, Camilla Läckberg ha dato vita a una serie di racconti che, tema a lei caro, indagano le complesse dinamiche familiari, combinando scene d'intimità domestica all'inquietudine di oscuri segreti del passato.

 

Raccolta carina di racconti di una delle mie scrittrici preferite: si legge facilmente, in attesa di qualcosa di più corposo

 

Voto: 7/10

1

Share this post


Link to post
Share on other sites

Ci riprovo anche quest'anno: la volta scorsa non ho finito per..mezzo XD

0

Share this post


Link to post
Share on other sites

Non so se parteciperò attivamente a questa sfida, ma il mio primo libro dell'anno è stato Gli anni della leggerezza, di Elizabeth Jane Howard, primo libro della saga dei Cazalet, che potrebbe contare come libro ambientato in Inghilterra.

 

Primo di un ciclo di 5 libri, è la storia di una ampia e ramificata famiglia di ricchi commercianti di legname nella Londra (e campagna circostante) di fine anni '30.

Non accadono grandi eventi, ma il racconto si dipana tra gli avvenimenti e le relazioni della vita quotidiana di una moltitudine di adulti, ragazzi e bambini in particolare nel corso delle estati del 1937 e 1938, passate tutti insieme nella residenza di campagna dei nonni.

 

Bello!

Direi 8/10, a salire.

1

Share this post


Link to post
Share on other sites

Non so nemmeno io se partecipare alla sfida quest'anno...decideró prossimamente, ma sono già alla presa con Ana Karenina.

 

inviato tramite corvo da Tapatalk

1

Share this post


Link to post
Share on other sites

Il secondo: un libro da leggere in un giorno. Malvaldi, Il telefono senza fili.

Piacevole da leggere, ma trama un po' tirata e ambientazione sempre uguale a se stessa. Insomma, ne vale la pena per passare poche ore spensierate, ma niente di eccezionale.

Diciamo 6/10 (ma sapevo esattamente cosa aspettarmi ;) )

0

Share this post


Link to post
Share on other sites

3- Libro che mi è stato donato

 

6049-3.jpg

La storia di un cittadino smarrito nei labirinti del capitale. Un thriller ambientato nel mondo delle banche, che racconta la sconcertante fragilità del sistema finanziario. «Nei romanzi di Suter sempre prevalgono l’ironia, il fascino, una indiscutibile eleganza. Probabilmente uno dei migliori autori contemporanei>> (dal sito di Selerio)

 

Poteva essere meglio: interessanti le basi, soprattutto per chi ne sa poco di economia bancaria. Peccato che poi si sgonfi come un palloncino nel finale: nelle ultime pagine il patos scende in verticale. Peccato.

 

Voto: 6/10

0

Share this post


Link to post
Share on other sites

1. Un libro che mi é stato consigliato

2. Un romanzo di un genere che solitamente non leggo Le Notti di Salem di Stephen King

3. Un libro con titolo in inglese

4. Un libro pagato meno di 3 euro

5. Un libro proposto da uno/una youtuber

6. Un testo teatrale

7. Un libro di un autore col mio stesso nome

8. Un romanzo ambientato in Inghilterra

9. Un libro d'arte

10. Un libro che mi é stato donato

11. Un thriller

12. Un libro con un titolo di almeno 5 parole Le Sfide di Apollo - L'Oracolo Nascosto di Rick Riordan

13. Un libro che mi serve per lavoro

14. Un libro new age

15. Un libro di un autore greco/latino

16. Un libro usato

17. Un libro acquistato anni fa e non ancora letto

18. Una storia LBGT

19. Un libro non superiore a 200 pagine

20. Un libro con un paesaggio in copertina

21. Un libro con un colore nel titolo

22. Un libro di un autore/autrice che amo

23. Un libro da vacanza

24. Un libro fuori catalogo

25. Una raccolta di fiabe/favole

26. Un libro di uno scrittore francese

27. Un'opera di Jane Austen

28. Un "tomo" Ana Karenina - Lev Tolstoj

29. Un libro a tema Halloween

30. Un libro che parla di libri

31. Un libro introspettivo

32. Un libro su un personaggio storico

33. Un libro di fantascienza

34. Un'opera di Pirandello

35. Un libro da leggere in un giorno

36. Un libro con uno o piú numeri nel titolo

37. Un libro ambientato in inverno

38. Un libro proposto da Inkbooks

39. Un audiolibro

40. Un libro ambientato in America L'accademia dei vampiri di Richelle Mead

41. Un libro d'avventura

42. Un libro che parla del volo

43. Un libro con il nome di un pianeta nel titolo

44. Un romanzo rosa

45. Un libro ambientato in diversi periodi storici

46. Un libro illustrato

47. Un libro che avrei dovuto leggere a scuola

48. Un libro che ha ispirato un cartone animato/film d'animazione

0

Share this post


Link to post
Share on other sites

Un "tomo" - Ana Karenina di Tolstoj

 

Non penso di dover spieagre la trama, ma dico solo che ha dei capitoli davvero interessanti! Non sono molti, ma ci sono.

In ogni caso non credo avró piú il coraggio di leggere qualcosa di Tolstoj in questa vita :ehmmm:

1

Share this post


Link to post
Share on other sites

Non sapevo se partecipare o no visto che la mia lista di letture è infinita (già dall'anno scorso - sigh!) e spesso non si adatta alle categorie, ma alla fine ho deciso di andare "a istinto" e inserire qui i titoli che trovano corrispondenza con la sfida :) Parto con:

 

 

LA TRAMA
Pietro è un ragazzino di città, solitario e un po' scontroso. La madre lavora in un consultorio di periferia, e farsi carico degli altri è il suo talento. Il padre è un chimico, un uomo ombroso e affascinante, che torna a casa ogni sera dal lavoro carico di rabbia. I genitori di Pietro sono uniti da una passione comune, fondativa: in montagna si sono conosciuti, innamorati, si sono addirittura sposati ai piedi delle Tre Cime di Lavaredo. La montagna li ha uniti da sempre, anche nella tragedia, e l'orizzonte lineare di Milano li riempie ora di rimpianto e nostalgia. Quando scoprono il paesino di Grana, ai piedi del Monte Rosa, sentono di aver trovato il posto giusto: Pietro trascorrerà tutte le estati in quel luogo «chiuso a monte da creste grigio ferro e a valle da una rupe che ne ostacola l'accesso» ma attraversato da un torrente che lo incanta dal primo momento. E lì, ad aspettarlo, c'è Bruno, capelli biondo canapa e collo bruciato dal sole: ha la sua stessa età ma invece di essere in vacanza si occupa del pascolo delle vacche. Iniziano così estati di esplorazioni e scoperte, tra le case abbandonate, il mulino e i sentieri più aspri. Sono anche gli anni in cui Pietro inizia a camminare con suo padre, «la cosa più simile a un'educazione che abbia ricevuto da lui». Perché la montagna è un sapere, un vero e proprio modo di respirare, e sarà il suo lascito più vero: «Eccola lì, la mia eredità: una parete di roccia, neve, un mucchio di sassi squadrati, un pino». Un'eredità che dopo tanti anni lo riavvicinerà a Bruno. (da Goodreads)

 

IL COMMENTO
Di questo libro mi ha colpito lo stile: asciutto, brullo, quasi aspro, come le montagne che circondano Grana. L’arco narrativo è di quasi quarant’anni e ci permette di seguire l’evoluzione di Pietro e dei suoi rapporti con gli altri personaggi, in particolare con il padre Giovanni, amato ma spesso poco compreso, e con Bruno, forse il suo unico vero amico, che non può vivere lontano dalle sue montagne.
Definirlo romanzo di formazione sarebbe limitativo: non lo è esattamente, e non lo è soltanto, ma è anche un romanzo sui rapporti umani, sulla ricerca del proprio posto nel mondo (così chiara per alcuni e così confusa per altri), e sulle contraddizioni di un paese dove a distanza di pochi chilometri convivono città industrializzate e iper popolate e piccoli borghi quasi disabitati che sembrano usciti da un altro secolo.

 

CONSIGLIATO A CHI
A chi cerca un libro che faccia riflettere, da leggere con calma, ma capace di tenerti attaccato alle pagine pur senza una trama scoppiettante o colpi dei scena a ogni capitolo.

 

LA FRASE
“[...] guidando pensai che tutte le montagne in qualche modo si somigliano, eppure non c'era niente, lì, a ricordarmi di me o di qualcuno a cui avevo voluto bene, ed era questo a fare la differenza. Il modo in cui un luogo custodiva la tua storia. Come riuscivi a rileggerla ogni volta che ci tornavi. Poteva esisterne solo una, di montagna così, nella vita, e in confronto a quella tutte le altre non erano che cime minori, perfino se si trattava dell'Himalaya."

2

Share this post


Link to post
Share on other sites

Un "tomo" - Ana Karenina di Tolstoj

 

Non penso di dover spieagre la trama, ma dico solo che ha dei capitoli davvero interessanti! Non sono molti, ma ci sono.

In ogni caso non credo avró piú il coraggio di leggere qualcosa di Tolstoj in questa vita :ehmmm:

 

Ok avevo una mezza intenzione di leggerlo, ma dopo questo commento mi sa che lo salterò piedi pari.

0

Share this post


Link to post
Share on other sites

4- Un libro illustrato

222px-Kobane_Calling.jpg

Tre viaggi nel corso di un anno. Turchia, Iraq, Siria, per documentare la vita della resistenza curda in una delle zone calde meno spiegate dai media mainstream. Zerocalcare realizza un lungo racconto, a tratti intimo, a tratti corale, nel quale l'esistenza degli abitanti del Rojava (una regione il cui nome non si sente mai ai telegiornali) emerge come un baluardo di estrema speranza per tutta l'umanità.

E' una delle cose più belle che abbia letto. Zerocalcare ha l'incredibile capacità di mescolare ironia e serietà in un volume da pelle d'oca, che fa pensare e fa venire un magone incredibile. E' un qualcosa che tutti dovrebbero leggere per cercare di capire, o almeno vedere, l'altra parte di un conflitto che l'Occidente vede solo con gli occhi dei media, spesso non molto obiettivi. Fatevi un favore: LEGGETELO.

 

Voto: 10/10

1

Share this post


Link to post
Share on other sites

Appuntamento irrinunciabile quello della Sfida Letteraria ! :)

 

1. UN LIBRO CHE MI È STATO DONATO.

" Pastorale americana" di Philip Roth

 

Si tratta di un romanzo strutturalmente complesso, che inizia in prima persona per cedere gradualmente la scena a Seymour Levov, meglio conosciuto come lo Svedese, l'incarnazione del sogno americano e mito dei ricordi giovanili dell'io narrante.

Le lunghe digressioni, che fanno luce sul periodo storico e sul background socio-culturale in cui si muovono i protagonisti, se da un lato appesantiscono un po'la narrazione, dall'altro trasmettono tutta l'ispirazione dello scrittore per la storia che narra, nonché la capacità di districarsi mirabilmente negli intrecci narrativi.

La storia di Roth è, come sempre nella sua prosa, l'intreccio inestricabile delle vicende umane, in qualche modo piccole, con la Storia vera e propria.

Lo stile è elevato, vengono spesso usati termini ebraici (spiegati a pie'pagina), e i periodi sono lunghi, i dialoghi invece sono spesso brevi.

È certamente un libro prolisso, ma da leggere assolutamente.

 

2. UN THRILLER

"Il cacciatore silenzioso" di Lars Kepler

 

Più di 600 pagine di tensione e suspense che s'intrecciano in una trama ricca anche d'azione, oltre che di mistero.

Questa volta il compito di Joona Linna e Saga Bauer è quella di individuare "il cacciatore silenzioso. I due protagonisti sono interessanti e accattivanti anche psicologicamente e sorprendenti in molte delle loro azioni e decisioni.

I coniugi, noti come Lars Kepler, regalano un nuovo avvincente thriller dalla misteriosa trama, complessa ed intricata, impossibile da prevedere fino all'inaspettato finale.

 

3. UN LIBRO DI UN AUTORE CHE AMO.

"Buchi nella sabbia" di Marco Malvaldi

 

Pisa, settembre 1900. Per festeggiare l'arrivo del nuovo re d'Italia, Vittorio Emanuele III, viene deliberato di dare in suo onore, nel teatro della città, la nuova opera del maestro Giacomo Puccini. Purtroppo, l'opera in questione è "Tosca",melodramma dai forti contenuti politici, che dileggia il potere costituito. A seguire l'evento, che rischia di accendere gli animi viene mandato da Roma come corrispondente Ernesto Ragazzoni, dal bicchiere facile, il quale farà amicizia con i vari membri della compagnia, con alcuni simpatici cavatori carrarini e, soprattutto con gli osti della zona, nell'attesa della prima rappresentazione.

Essendo un giallo, com'è prevedibile, anche al culmine della rappresentazione teatrale, ci scappa il morto, tra una cerchia colorita e variegata di attori, più o meno improbabili.

Si tratta di un ottimo giallo che si legge scorrevolmente e divertendosi. La descrizione dei personaggi è credibilissima e la descrizione della lirica ai primi del Novecento è particolarmente meticolosa, avvalorata e comprovata, con citazioni e notizie disseminate lungo il racconto.

È un libro spassosissimo, grazie all'ottima tecnica narrativa dove le scene si susseguono veloci come in una commedia brillante dai toni farseschi.

Lo stile di Malvaldi è come sempre intelligente e brioso, ma sapientemente magistrale nel saper rendere visivamente quello che racconta, confrontando la realtà storica con quella contemporanea.

2

Share this post


Link to post
Share on other sites

Un libro ambientato in America Le sfide di Apollo - L'Oracolo Nascosto di Rick Riordan

 

t6p26h.jpg

 

 

É il primo libro della pentalogia "Le Sfide di Apollo", la terza petalogia della saga di Percy Jackson (Dopo "Gli Dei Dell'Olimpo" e "Gli Eroi Dell'Olimpo").

Il dio Apollo viene punito da Zeus e trasformato in un sedicenne mortale e sulla Terra deve superare delle sfide, per dimostrare di essere degno di riavere la sua immortalitá.

 

Ho cominciato il primissimo libro nei primi anni di liceo e ora, anche se é letteratura per ragazzini, non riesco a smettere di leggere di questi eroi :) Molto di quello che so di mitologia, é grazie a questi libri.

Lo consiglio a tutti coloro a cui piace la mitologia e che non disprezzano una letteratura molto leggera.

1

Share this post


Link to post
Share on other sites

5- Libro di un autore che amo

micro-215x300.png

Honolulu, Hawaii. In un buio stabile di periferia, ufficio di un piccolo avvocato del luogo, regna il silenzio. Tutto sembra in ordine. Se non fosse per tre cadaveri stesi sul pavimento. Sul loro corpo non ci sono segni di lotta, solo dei piccolissimi ma profondi e letali tagli. L'unico indizio trovato sul luogo del delitto è un minuscolo robot, quasi invisibile all'occhio umano, dotato di lame affilatissime. La polizia brancola nel buio. Quello che tutti ignorano è che la Nanigen Micro-Technologies, una società che si occupa di microtecnologie mediche, nella foresta hawaiana nasconde una base segreta, dove mette alla prova apparecchiature finora ignote alla comunità scientifica. (IBS)

 

Sicuramente un libro consigliato a chi non ha problemi con gli insetti, perchè alcune descrizioni sono un po'... approfondite. Rispetto ad altri libri recenti di Crichton non è male. La parte scientifica è sempre ottima, ma si cade un po' sul lato puramente storico. La trama è traballante e anche i personaggi sembrano un po' stereotipati. C'è però da dire che Crichton è morto prima di terminarlo, quindi credo che qualcosa manchi anche a causa di questo fatto.

 

Voto:7/10

0

Share this post


Link to post
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!


Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.


Sign In Now