Lady Monica

Sfida Letteraria 2017

Recommended Posts

Lady Monica    1,303

33- Un libro con il nome di un pianeta nel titolo

 

41cw0lP0hPL._BO1,204,203,200_.jpg

 

Poche cose mi urtano nella lettura più di grandi aspettative andate in fumo. L'inizio era molto promettente, con una base ottima, ma che andando avanti nelle pagine si perde. Diventa tutto molto incasinato: personaggi che spuntano senza motivo e poco caratterizzati, disquisizioni mentali e filosofiche poco chiare, parti confusionarie. Le ultime 5 pagine sono le migliori perchè sono lineari e sviluppano una storia unica. 

Forse è anche colpa mia, in quanto ho scoperto poi che questo è il seguito di almeno un altro libro e quindi probabilmente alcune cose stavano scritte li, però non è una scusa sufficiente. 

 

voto: 5/10

Share this post


Link to post
Share on other sites
Lady Monica    1,303

34: Un tomo: The dome

 

9788820047665_0_0_314_75.jpg

 

È una tiepida mattina d'autunno a Chester's Mill, nel Maine, una mattina come tante altre. All'improvviso, una specie di cilindro trasparente cala sulla cittadina, tranciando in due tutto quello che si trova lungo il suo perimetro: cose, animali, persone. Come se dal cielo fosse scesa la lama di una ghigliottina invisibile. Gli aerei si schiantano contro la misteriosa, impenetrabile lastra di vetro ed esplodono in mille pezzi, l'intera area - con i suoi duemila abitanti - resta intrappolata all'interno, isolata dal resto del mondo. L'ex marine Dale Barbara, soprannominato Barbie, fa parte dell'intrepido gruppo di cittadini che vuole trovare una via di scampo prima che quella cosa che hanno chiamato la Cupola faccia fare a tutti loro una morte orribile. Al suo fianco, la proprietaria del giornale locale, un paramedico, una consigliera comunale e tre ragazzi coraggiosi. Nessuno all'esterno può aiutarli, la barriera è inaccessibile. Ma un'altra separazione, altrettanto invisibile e letale, si insinua come un gas velenoso nel microcosmo che la Cupola ha isolato: quella fra gli onesti e i malvagi. Tutti loro, buoni e cattivi, dovranno fare i conti con la Cupola stessa, un incubo da cui sembra impossibile salvarsi. Ormai il tempo rimasto è poco, anzi sta proprio finendo, come l'aria...(IBS)

 

L'ho letto su consiglio di Mattia e devo dire che mi è piaciuto molto. Più di mille pagine lette in poco più di 5 giorni: una scrittura veloce e liscia come l'olio, una trama molto ben congeniata e la voglia onnipresente di sapere come va avanti la storia, che fine faranno i personaggi e la speranza che certi di loro muoiano in maniera atroce. La Cupola è solo un aspetto del tutto, è la vicenda umana ad essere più interessante, a vedere come un placido paesino possa diventare un inferno in pochi giorni di mala gestione delle risorse. E' quasi un trattato sociologico che un romanzo.

 

Voto:9

Share this post


Link to post
Share on other sites
Lady Monica    1,303

35- Una storia LBGT: Amori saffici

41Nvp9VobpL._AC_US218_.jpg

 

"Amori saffici", che rappresenta il documento più esplicito a sostegno dell'esistenza di tali società segrete, racconta con stile raffinato le esperienze erotiche di una sedicenne accolta tra le Tribadi della setta Anandryna, composta da donne dotate di un "clitoride diabolico" L'autore consente di sbirciare i riti segreti della setta, a partire da quello di iniziazione, descrivendo con dovizia di particolari le "gesta" delle protagoniste: dalla presidentessa Mademoiselle Raucourt, nota attrice e "seguace di Lesbo" sin dalla fanciullezza, a Madame Gourdan, una celebre mezzana, e a Madame de Furiel, la nobildonna che "acquista" dalla Gourdan la giovane protagonista. Opera vivace e raffinata, grande classico della letteratura erotica, "Amori saffici" è un inno alla bellezza del corpo femminile e ai suoi misteri. (IBS)

 

Meh. L'ho trovato un libercolo molto poco interessante: sicuramente risente dell'età. Non una gran scelta ecco. 

 

Voto: 4,5/10

 

 

Share this post


Link to post
Share on other sites
Lady Monica    1,303

36- Un testo teatrale: La maledizione dell’erede

51GgoOAsWEL._AC_US218_.jpg

 

Faccio difficoltà a capire perchè ci siano state coì tante critiche riguardo a questo spettacolo teatrale. E' vero che non è HP e che la forma teatrale limita l'atmosfera che i romanzi invece riescono a dare ogni volta, ma la storia è bella, i conflitti padre/figlio sono realistici e anche il lieto fine è in pure HP Style. Quindi per me è una lettura piacevolissima. 

 

Voto: 7,5/10

Share this post


Link to post
Share on other sites
Lady Monica    1,303

Ma certo, inizia quando vuoi! Fa sempre piacere avere nuovi partecipanti e magari anche nuove idee per la lettura :wub:

Share this post


Link to post
Share on other sites
Ermengarda    227

Comincio con Un libro da leggere in un giorno.

Ho scelto Il racconto dell'isola sconosciuta di Saramago. *-*

Si legge in qualche ora. Ha la struttura di una sorta di fiaba, ed è molto bello. Perlopiù è una metafora sui desideri e sull'amore.

Saramago ha sempre scritto in modo un po' particolare, quindi la scansione dei dialoghi diventa personale, perchè sono segnati solo da virgole.

Il mio voto è 9,perchè a un certo punto ti affama e vorresti durasse di più. Ma a conti fatti è davvero bello così come è. 

Lo consiglio, perchè anche se non fosse il vostro genere è breve, scorrevole e lascia comunque uno stato d'animo "incantato". 

:wub:

 

Share this post


Link to post
Share on other sites
Lady Monica    1,303

37- Un libro introspettivo: Dita di Dama

 

$_35.JPG

 

Le "dita di dama" sono le dita di Maria, la protagonista: dita curatissime e sottili, con le quali Maria avrebbe voluto fare la dattilografa ma che invece la portano a lavorare in una fabbrica di televisori, dove servono mani sottili come le sue. Romanzo di formazione ambientato nel 1969 "Dita di dama" tratta temi più che mai attuali: Maria simboleggia le ragazze di oggi, le loro paure e le loro preoccupazioni, ma anche la loro forza e la loro voglia di riscatto.(Ibs)

 

E' stata una lettura interessante, anche se in certi momenti un po' complessa, a causa della terminologia prettamente romana che mi faceva perdere qualche riga. Però è un libro interessante di lotta sindacale, oltre che di vita.

 

Voto: 8/10

Share this post


Link to post
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now