Jump to content
Sign in to follow this  
_ladybolton

16 Personalities - Il test della personalità

Recommended Posts

Buonasera festeggianti Barrieristi! 

Siete curiosi di sapere se siete analisti, diplomatici, esploratori o sentinelle? O, giustamente, non avete la benchè minima idea di cosa io stia parlando? 

Allora è giunto il momento di scoprirlo!

Ecco a voi un simpatico test per scoprire l'archetipo della vostra personalità! Ci vogliono circa una decina di minuti ma alla fine potreste trovare anche piacevoli sorprese in tema ASOIAF... 

Bando alle ciance, vi conduco direttamente al link del test:  Link del test!

 

 

Per maggiori informazioni invece, riguardanti il test in generale potrete benissimo consultare questo link

Ovviamente una volta scoperto condividete il vostro profilo in questo topic, vediamo quanti mediatori, imprenditori o argomentatori nasconde questo forum! 

Share this post


Link to post
Share on other sites

Io lo feci tempo fa ed uscii architetto! Categoria abbastanza rara e su cui per alcuni tratti (ma non tutti) mi ci rivedo!

Architetto - INTJ-A / INTJ-T

PERSONALITÀ “ARCHITETTO”

(INTJ-A / INTJ-T)

Si è da soli al vertice e si è uno dei tipi di personalità più rare e strategicamente più capaci, e questo gli Architetti lo sanno fin troppo bene. Gli Architetti rappresentano solo il due per cento della popolazione, e le donne di questo tipo di personalità sono particolarmente rare, costituendo appena lo 0,8% della popolazione – è spesso una sfida per loro trovare persone di mentalità simile in grado di tenere il passo con il loro intellettualismo implacabile e le manovre simile al gioco degli scacchi. Le persone con il tipo di personalità dell’Architetto sono fantasiose eppure decise, ambiziose eppure private, incredibilmente curiose, ma che non sprecano la propria energia.

NULLA PUÒ ARRESTARE IL GIUSTO ATTEGGIAMENTO DAL RAGGIUNGERE IL PROPRIO OBIETTIVO

Con una sete naturale di conoscenza che si manifesta fin dai primi anni di vita, da bambini agli Architetti viene spesso affibbiato il titolo di "topo di biblioteca". Sebbene ciò possa essere inteso come insulto dai coetanei, loro probabilmente vi si identificano e ne sono addirittura fieri, godendo enormemente e profondamente delle proprie conoscenze. Gli Architetti amano anche condividere ciò che sanno, sicuri della loro padronanza degli argomenti prescelti, ma queste personalità preferiscono progettare ed eseguire un piano geniale nel proprio campo, invece di condividere opinioni su distrazioni “non interessanti”, quali i pettegolezzi.

Non hai diritto alla tua opinione. Hai diritto alla tua opinione informata. Nessuno ha il diritto di essere ignorante.

Harlan Ellison

Paradosso per molti osservatori, gli Architetti sono in grado di vivere con contraddizioni evidenti che ciononostante hanno perfettamente senso – almeno da un punto di vista puramente razionale. Ad esempio, gli Architetti sono contemporaneamente gli idealisti più sognanti e i cinici più amari, un conflitto apparentemente impossibile. Ma questo perché le persone con il tipo di personalità dell’Architetto tendono a credere che con fatica, intelligenza e considerazione, nulla sia impossibile, mentre allo stesso tempo, credono che le persone siano troppo pigre, miopi o egoiste per raggiungere effettivamente tali fantastici risultati. Eppure quella visione cinica della realtà è improbabile che arresti un Architetto interessato dal raggiungimento di un risultato che ritiene rilevante.

 

NELLE QUESTIONI DI PRINCIPIO, ERGITI COME UNA ROCCIA

Gli Architetti irradiano fiducia in se stessi e un alone di mistero, e le loro osservazioni penetranti, idee originali e logica formidabile consente loro di promuovere il cambiamento con la pura forza di volontà e la forza della personalità. A volte può sembrare che gli Architetti siano inclini alla decostruire e ricostruire ogni idea e sistema con cui entrano in contatto, impiegando un senso di perfezionismo e persino di morale in questo lavoro. Chi non ha il talento per stare al passo con i processi degli Architetti, o peggio ancora, non ne vede il punto, rischia di perdere immediatamente e permanentemente il loro rispetto.

Regole, limitazioni e tradizioni sono un anatema per il tipo di personalità dell’Architetto: tutto dovrebbe essere aperto alla discussione e alla rivalutazione, e se vedono un modo, gli Architetti spesso agiscono unilateralmente per mettere in atto i propri metodi e idee tecnicamente superiori, a volte insensibili, e quasi sempre poco ortodossi.

Ciò non deve essere frainteso come impulsività: gli Architetti si sforzano di rimanere razionali, a prescindere da quanto attraente possa essere l’obiettivo finale, e ogni idea, che sia generata internamente o intrisa di mondo esterno, deve superare lo spietato e onnipresente filtro del “Ma questo funzionerà?”. Questo meccanismo viene applicato sempre, a tutte le cose e a tutte le persone, ed è qui che spesso i tipi di personalità dell’Architetto incorrono in problemi.

SI RIFLETTE DI PIÙ QUANDO SI VIAGGIA DA SOLI

Gli Architetti sono brillanti e fiduciosi nei corpi di conoscenza che hanno avuto il tempo di comprendere, ma purtroppo il contratto sociale non è probabilmente uno di tali argomenti. Bugie innocenti e chiacchiere sono già abbastanza ardue per un tipo di personalità che brama verità e profondità, ma gli Architetti possono giungere al punto di vedere molte convenzioni sociali come decisamente stupide. Ironia della sorte, spesso per loro è meglio rimanere dove si sentono a loro agio – lontano dai riflettori – dove la fiducia naturale prevalente negli Architetti quando lavorano in ciò che è loro familiare può servire come faro personale, attirando persone, romanticamente o in altro modo, di temperamento e interessi simili.

Gli Architetti sono definiti dalla loro tendenza a muoversi nella vita come se si trattasse di un’enorme scacchiera, dove i pezzi si spostano costantemente con considerazione e intelligenza, valutando sempre nuove tattiche, strategie e piani di emergenza, superando costantemente i propri pari al fine di mantenere il controllo della situazione, massimizzando al contempo la propria libertà di movimento. Non si intende suggerire che gli Architetti agiscano senza coscienza, ma per molti altri tipi, il disgusto degli Architetti ad agire in base alle emozioni può far sembrare che sia così e spiega perché molti cattivi immaginari (ed eroi incompresi) siano modellati su questo tipo di personalità.

 

Un personaggio di GOT architetto è niente popodimeno che Petyr Baelish :figo:

Poi troviamo anche Walter White (:wub:) ed altri! 

Share this post


Link to post
Share on other sites
Fatto anch'io, a quanto pare sono un...
Il tuo tipo di personalità è:
“Mediatore”
(INFP-T)
 
Le personalità del Mediatore sono idealiste convinte, sempre alla ricerca di un accenno di buono anche nelle persone e negli eventi peggiori, di modi per rendere le cose migliori. Sebbene possano essere percepiti come calmi, riservati o persino timidi, i Mediatori hanno una fiamma e una passione interiori che possono davvero risplendere. Comprendente solo il 4% della popolazione, è purtroppo elevato il rischio che il tipo di personalità del Mediatore si senta incompreso: tuttavia, quando scopre persone con mentalità simile con cui trascorrere il proprio tempo, l’armonia che prova sarà fonte di gioia e ispirazione.
I Mediatori sono guidati dai propri principi, invece che dalla logica, l’entusiasmo o la praticità. Al momento di decidere come andare avanti, i Mediatori cercheranno onore, bellezza, morale e la virtù: sono guidati dalla purezza del loro intento, non da premi e punizioni. Le persone che condividono il tipo di personalità del Mediatore sono orgogliose di questa qualità, e giustamente, ma non tutti comprendono il potere che risiede dietro questi sentimenti e ciò può portare all’isolamento.

Non è tutto oro quel che luccica; non tutti coloro che vagano sono perduti; i vecchi che sono forti non appassiscono; le radici profonde non sono raggiunte dal gelo.

J. R. R. Tolkien

Sappiamo ciò che siamo, ma non sappiamo ciò che potremmo essere

Al loro meglio, queste qualità consentono alle persone con il tipo di personalità del Mediatore di comunicare con gli altri in modo profondo, parlando facilmente con metafore e parabole, e comprendendo e creando simboli atti a condividere le proprie idee. La forza di questo stile di comunicazione intuitiva si presta bene a opere creative, e non è una sorpresa che molti famosi Mediatori siano poeti, scrittori e attori. Comprendere se stessi e il proprio posto nel mondo è importante per le personalità del Mediatore, ed esse esplorano queste idee proiettando se stesse nel loro lavoro.

 

I Mediatori hanno talento nell’esprimere se stessi, rivelando la loro bellezza e i loro segreti attraverso metafore e personaggi di fantasia.
 

La capacità dei Mediatori con il linguaggio non si ferma con la loro lingua madre anzi, sono considerati dotati quando si tratta di apprendere una seconda (o terza!) lingua. Il loro dono nella comunicazione si presta bene anche per il desiderio che hanno di armonia e ciò li aiuta ad andare avanti quando scoprono la propria vocazione.

Ascoltare molte persone, ma parlate con poche

Tuttavia, diversamente dai tipi di personalità più sociali, i Mediatori concentrano la propria attenzione solo su alcune persone, una sola degna causa: se diffusi troppo sottilmente, esauriscono la propria energia e possono persino demoralizzarsi ed essere sopraffatti da tutto il male del mondo che non riescono a combattere. Si tratta di uno spettacolo triste per gli amici dei Mediatori, che dipendono dalla loro rosea prospettiva.

Se non fanno attenzione, i Mediatori possono perdersi nella loro ricerca del bene e trascurare le attività quotidiane che la vita richiede. I Mediatori spesso si perdono in pensieri profondi, godendo della contemplazione ipotetica e filosofica più di ogni altro tipo di personalità. Lasciate a se stesse, le personalità del Mediatore potrebbero perdere il contatto, ritirandosi in “modalità eremita” e ciò può richiedere agli amici o ai partner una grande energia per riportarle al mondo reale.

Per fortuna, come i fiori in primavera, l’affetto, la creatività, l’altruismo e l’idealismo del Mediatore torneranno sempre, premiando lui e coloro a cui tiene magari non con la logica e l’utilità, bensì con una visione del mondo che ispira compassione, gentilezza e bellezza ovunque vada.

 

I Mediatori che potreste conoscere

  • William Shakespeare
  • J.R.R. Tolkien
  • Bjork
  • Johnny Depp
  • Julia Roberts
  • Lisa Kudrow
  • Tom Hiddleston
  • Alicia Keys
  • Frodo Baggins de Il Signore degli Anelli
  • Anna di Anna dai Capelli Rossi
  • Fox Mulder di X-Files
  • Amelie Poulain di Il Fantastico Mondo di Amelie
  • Arwen de Il Signore degli Anelli
  • Sybil Branson di Downton Abbey (ma perchè?!? <_< Non l'ho mai sopportata... :ehmmm:)
  • Lance Sweets di Bones
  • Konstantin Levin di Anna Karenina

 

Beh, test simpatico, emerge un profilo nel quale mi rivedo abbastanza, diciamo un 80%, o qualcosina di meno...

Share this post


Link to post
Share on other sites

https://www.16personalities.com/it/personalita-infp

 

È uscito fuori “MEDIATORE”.  Con queste percentuali:

 

93% introverso / 7% estroverso

72% intuitivo / 28% realistico

55% focalizzato sui principi / 45% focalizzato sulla logica

53% focalizzato sulla ricerca / 47% focalizzato sulla pianificazione

95% prudente / 5% determinato

 

E questa bella citazione del Signore degli Anelli; più precisamente un pezzo di una poesia di Bilbo Baggins su Aragorn :

 

Non è tutto oro quel che luccica; non tutti coloro che vagano sono perduti; i vecchi che sono forti non appassiscono; le radici profonde non sono raggiunte dal gelo.

 

Secondo quanto dice la descrizione, a questa categoria apparterrebbe il 4% della popolazione.

In gran parte mi ci rivedo. Anche se non mi sarei mai definito così tanto “intuitivo”.

Sulla divisione 50 e 50 tra “principi” e “logica”, direi che forse ci hanno azzeccato.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Mediatore pure io.

Mi ritrovo abbastanza, a parte la netta prevalenza dei principi sulla logica :unsure:

Share this post


Link to post
Share on other sites

A me è uscito questo, Sostenitore:
https://www.16personalities.com/it/personalita-infj
 

Non mi ritrovo in tutto (idealsita e sognatrice, sicuramente; ma altruista temo di non esserlo: sono troppo persa dietro i miei castelli in aria per "ricordarmi" di mettere in pratica qualcosa. E se a un amico succede qualcosa di brutto sono capace di starci male e pensarci per giorni... però magari con tutto questo non mi passa neanche per la testa di chiamarlo o parlargli: senso pratico, meno di zero); Però c'è una parte in cui mi ritrovo al 100%:

 

"I Sostenitori trovano facile creare collegamenti con gli altri e hanno un talento per il linguaggio sensibile e caloroso, parlano in termini umani invece che con la pura logica e i fatti. Ha senso che amici e colleghi li considerino personalità relativamente sociali, tuttavia sarebbe opportuno ricordassero che i Sostenitori hanno bisogno di momenti di solitudine per rilassarsi e ricaricarsi e di non allarmarsi troppo quando si ritirano improvvisamente. I Sostenitori hanno grande cura dei sentimenti altrui e si aspettano che il favore sia restituito – a volte ciò significa dare loro lo spazio di cui hanno bisogno per alcuni giorni.

(...)  La passione delle loro convinzioni è in grado di portarli oltre il punto di rottura e se il loro zelo sfugge di mano, possono trovarsi esausti, in cattiva salute e stressati. Ciò diventa particolarmente evidente quando i Sostenitori si trovano ad affrontare conflitti e critiche – la loro sensibilità li costringe a fare tutto il possibile per eludere questi attacchi apparentemente personali, ma quando le circostanze sono inevitabili, possono reagire in modi altamente irrazionali e inutili."


Che dire? In questa parte mi riconosco alla grande. Pur di evitare conflitti, mi faccio mettere i piedi in testa alla grandissima (salvo starci da cani, dentro, perchè in realtà sono una persona che reagirebbe eccome. Avete presente i bambini molto impulsivi e reattivi, a cui è stato insegnato, anche con metodi non proprio dolci, a frenare le proprie reazioni, ma non a  eliminarle? Solo a non lasciarle trapelare all'esterno, mentre all'interno continuano a ribollire, senza più il conforto di uno sfogo? ecco.)
E la frase in corsivo è più o meno quello che mi sta succedendo in questo periodo (mi stresso tantissimo per qualsiasi cosa mi frulli per la mente, che mi convinca molto o, più semplicemente, mi preoccupi, finchè "crollo". E il crollo, per me, si manifesta con l'insonnia. Ma estrema, da non riuscire più a chiudere occhio la notte (neanche con sonniferi) per tempo indeterminato. Già successo due volte nella vita, e vi assicuro che trovarsi a supplicare un medico "mi faccia dormire una notte, o mi ricoveri e mi ficchi una flebo in vena pur di farmi chiudere gli occhi otto ore perchè non posso reggere un altro giorno così" è terribile.
E la seconda volta è stata... adesso. Cioè, dieci giorni fa. E ora sto lottando con i denti per trovare una soluzione.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Beh, hai tutta la mia solidarietà, Stella.

Da circa 5 anni soffro di acufene permanente, una delle conseguenze "immediate", chiamiamole così, è stata proprio l'insonnia, per quasi cinque mesi, che non so come altro definire se non infernali...

Share this post


Link to post
Share on other sites

Beh, a parte l'eccessiva sensibilità ai grandi mali del mondo, io mi ci ritrovo abbastanza, ma mi trovo anche in qualche tratto del Sostenitore... boh! :ehmmm:

Share this post


Link to post
Share on other sites

Se vi consola mia moglie è venuta fuori Avventuriero... solo che la sua personalità non c'entra proprio niente :unsure:

Share this post


Link to post
Share on other sites

I test della personalità online sono più belli per l'improbabilità dei risultati che danno, certe volte, che per il loro azzeccarci. :blink:

 

 

Share this post


Link to post
Share on other sites

Mediatore...

a quanto vedo esiste un mondo di mediatori, almeno dopo le prime percentuali derivanti dai risultati di chi ha risposto, 

ora siccome nella spiegazione c'è scritto: Comprendente solo il 4% della popolazione

temo che abbiamo già scoperto tutti i mediatori in circolazione XD

 

Per cui i prossimi che dovessero uscire mediatori avranno fatto male il test.

 

Che pure io non avevo ben capito da quali palle dovevo dirigermi :D

 

Share this post


Link to post
Share on other sites

A me è uscito Mediatore per ben tre volte, anche dopo aver provato a variare, anche se non di molto, le mie risposte.

 

Sicchè nel mio caso dev'essere proprio attendibile. :stralol:

Share this post


Link to post
Share on other sites

Io sono uscita come una kattivona astuta, esattamente come i più amano dipingermi :figo:

... e spiega perché molti cattivi immaginari (ed eroi incompresi) siano modellati su questo tipo di personalità.

 

:figo:

Share this post


Link to post
Share on other sites
IL TUO TIPO DI PERSONALITÀ È:
“COMANDANTE”
(ENTJ-A)

Il vostro tempo è limitato, quindi non sprecatelo vivendo la vita di qualcun altro. Non fatevi intrappolare dai dogmi – ossia vivere con i risultati del pensiero di altre persone. Non lasciate che il rumore delle opinioni altrui offuschi la vostra voce interiore. E, cosa più importante, abbiate il coraggio di seguire il vostro cuore e intuito. Loro in qualche modo sanno già che cosa volete realmente diventare. Tutto il resto è secondario.

Steve Jobs

I Comandanti sono leader nati. Le persone con questo tipo di personalità incarnano le doti di carisma e confidenza e proiettano un’autorità che trascinare le folle dietro un obiettivo comune. Ma a differenza della loro controparte più sensibile dei Protagonisti, i Comandanti sono caratterizzati da un livello di razionalità spesso spietato, usando il loro comando, determinazione e menti acute per raggiungere qualsiasi fine abbiano stabilito per se stessi. Probabilmente è meglio che costituiscano solo il tre per cento della popolazione, per non sopraffare i tipi di personalità più timidi e sensibili che compongono gran parte del resto del mondo – tuttavia, abbiamo Comandanti da ringraziare per molte delle imprese e istituzioni che diamo per scontate ogni giorno.

LA FELICITÀ SI TROVA NELLA GIOIA DEL CONSEGUIMENTO

Se c’è una cosa che i Comandanti amano è una bella sfida, grande o piccola, e loro ritengono fermamente che, dato sufficiente tempo e abbastanza risorse, potranno raggiungere qualsiasi obiettivo. Questa qualità rende le persone con il tipo di personalità del Comandante imprenditori brillanti, e la loro capacità di pensare in modo strategico e mantenere una concentrazione costante in ciascuna fase dei loro progetti, con determinazione e precisione, li rende potenti uomini d’affari. Questa determinazione è spesso una profezia che si auto avvera, poiché i Comandanti spingono i propri obiettivi con pura forza di volontà, laddove altri potrebbero rinunciare e passare oltre, e le loro abilità sociali gli consentono di spingere tutti gli altri insieme a loro, ottenendo nel processo risultati spettacolari.

Al tavolo delle trattative, che si tratti di in un ambiente aziendale o dell’acquisto di un’auto, i Comandanti sono dominanti, implacabile e inflessibili. Questo non perché siano senza cuore o malvagi di per sé – piuttosto è perché le personalità del Comandante apprezzano genuinamente la sfida, la battaglia di ingegni, il botta e risposta proveniente da questo ambiente, e se l’altra parte non riesce a tenere il passo, non c’è motivo per i Comandanti di cedere sul proprio dogma principale di vittoria finale.

Il pensiero di fondo che attraversa la mente del Comandante potrebbe essere qualcosa del tipo “Non mi importa se mi chiami un insensibile b******o , fintanto che rimango un b******o efficiente”.

Se c’è qualcuno che i Comandanti rispettano, è qualcuno in grado di resistere a loro intellettualmente, capace di agire con una precisione e una qualità pari alla loro. Le personalità del Comandante hanno una particolare abilità nel riconoscere i talenti degli altri, e ciò aiuta sia nel compito di team-building (dal momento che nessuno, non importa quanto brillante, può fare tutto da solo), sia per evitare che i Comandanti mostrino troppa arroganza e condiscendenza. Tuttavia, possiedono anche una particolare abilità nell’esporre le mancanze degli altri con un grado di insensibilità agghiacciante, ed è a questo punto che i Comandanti iniziano davvero a trovare difficoltà.

COLTIVARE LA SCIENZA DELLE RELAZIONI UMANE

L’espressione emotiva non è il punto di forza di qualsiasi tipo di personalità del gruppo Ruolo di analista, ma a causa della loro natura sociale, la distanza dei Comandanti dalle proprie emozioni è soprattutto pubblica, e percepita direttamente da una fascia molto più ampia di persone. Soprattutto in un ambiente professionale, i Comandanti schiacciano semplicemente le sensibilità di coloro che vedono come inefficienti, incompetenti o pigri. Per le persone con il tipo di personalità del Comandante, le manifestazioni emotive sono manifestazioni di debolezza, ed è facile farsi dei nemici con questo approccio – I Comandanti faranno bene a ricordare che dipendono assolutamente dall’avere un team funzionante e non solo per raggiungere gli obiettivi, ma anche per la propria convalida e feedback, qualcosa cui i Comandanti sono, stranamente, molto sensibili.

I Comandanti sono delle vere potenze, e coltivano un’immagine di estrema esuberanza – e abbastanza spesso lo sono. Le persone con questo tipo di personalità devono ricordare, però, che la loro statura deriva non solo dalle proprie azioni, ma dalle azioni del team che li supporta e che è importante riconoscere i contributi, i talenti e le esigenze, in particolare dal punto di vista emotivo, della propria rete di supporto. Anche se devono adottare una mentalità del tipo “fai finta finché non lo fai”, se le personalità del Comandante sono in grado di combinare una concentrazione sana dal punto di vista emotivo insieme a molti dei loro punti di forza, saranno premiati con relazioni appaganti e profonde e da tutte le vittorie complesse che sapranno gestire.

 

Ho fatto casino col cellulare, scusate.

Comunque: in parte mi ci ritrovo però negli ultimi tempo mi sono un po' ammorbidito, nelle discussioni tendo a far correre di più che in passato (almeno per le cose meno importanti). 

Sul fatto che Lady Bolton uscisse cattiva ed astuta non avevo dubbi!!

Share this post


Link to post
Share on other sites

Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Guest
Reply to this topic...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

Sign in to follow this  

×
×
  • Create New...