Jump to content
Sign in to follow this  
osservatore dal nord

I punti deboli della trama di asoiaf

Recommended Posts

Concordo e anzi, ritengo che tra tutti Feast sia il libro che raggiunge vette emozionali meno alte rispetto al predecessore e al successore, ma come scrive bene @Euron GioiagrigiaFeast e Dance danno l'impressione di essere due parti di quello che doveva essere un unicum.

Share this post


Link to post
Share on other sites
4 minutes fa, Lyra Stark dice:

ritengo che tra tutti Feast sia il libro che raggiunge vette emozionali meno alte rispetto al predecessore e al successore

 

Questo anche a causa dei personaggi usati. E' chiaro che Arianne, Cersei e Aeron stuzzicano meno di Jon Snow, Tyrion e Dany (almeno nella maggior parte dei lettori)

Share this post


Link to post
Share on other sites

In Feast, che proprio in questi giorni sto rileggendo molto velocemente, manca una componente per me fondamentale: il pathos.  

Share this post


Link to post
Share on other sites
6 hours fa, Euron Gioiagrigia dice:

@JonSnow;

 

Stavolta non sono d'accordo, Feast è confusionario e prolisso almeno quanto Dance. I capitoli di Areo Hotah e Brienne sono stati duri da digerire.

 

Ma forse è il punto di vista ad essere sbagliato, è chiaro che Martin ha pensato Feast e Dance come un un unico libro, infatti per la prima metà di Dance le due trame corrono in parallelo

 

Credo sia anche una questione di preferenze, alla fin fine. Io ad esempio non sono tra quelli che ha riscontrato in Brienne un Pov pesante. Chiaramente non è nemmeno leggero, ovvio, data la complessità della stessa. Però non mi ha causato più di tanti problemi. Lo stesso vale anche per il fatto che distanziarsi un attimo dai Pov più centrali abbia offerto diversificazione e varietà. Su Areo, però, devo concordare. 

Su Dance ho invece preso atto di un senso di vuoto che nei precedenti non era presente. 

Share this post


Link to post
Share on other sites
Il 4/1/2018 at 20:52, Stella di Valyria dice:

Su Arianne: non dico che avrebbe dovuto fare quello, ma dire al padre che si sentiva sprecata ed avrebbe voluto avere un ruolo nelle vicende dinastiche, non sarebbe stato così difficile. E con un chiarimento, avrebbe appunto evitato quel patetico tentativo di colpo di stato fai-da-te.

 

 

Però secondo me nel contesto non mi sembra uno sviluppo peregrino... provo a spiegarmi meglio.

 

Fondamentale, quando ci viene presentata Dorne, si ha un principe sornione e molto protettivo verso il suo popolo, restio all'azione e scarsamente propenso al rischio.  Le serpi invece, con loro Arianne, sono diametralmente opposte: emotive, umorali, impulsive. In particolare Arianne è passionale, con uno spiccato sentimentalismo... propensa al rischio. Ha una relazione clandestina, amicizie più "moderne" rispetto a quelle viste nel resto di westeros. Nel mentre Doran si è espresso chiaramente contro qualsiasi interventismo. Arianne si trova tra due fuochi.. l'amore per le cugine e quello per il padre.. vuoi per come è stata allevata, per i sentimenti in direzioni differente, secondo me si fa trascinare in quel piano, piano raffazzonato, perché ideato da persone che non sono questo gran crogiolo di strategia ed intelligenza. Ci sta tutto che il piano sia andato a rotoli. Io, Arianne che va dal padre a lamentarsi dei suoi diritti, non ce l'avrei mai vista. E anche fosse, non penso che Doran si sarebbe smosso e che le avrebbe rivelato il suo piano a lungo meditato. 

 

Ciò che invece mi pare assurdo è Quentyn. Doran si scopre essere uno stratega che a differenza di un Tywin non mira al potere della sua famiglia a tutti i costi senza preoccuparsi dei metodi impiegati, ha a cuore il benessere del suo popolo, che mantiene le apparenze e soprattutto a pazienza. Ora, io mi chiedo come è possibile che una mente così fine abbia ideato un piano così raffazzonato e soprattutto rischioso, assolutamente in contrasto col suo carattere.

 

Il colpo di stato di Arianne secondo me è quello che è perché Martin ha voluto fosse così è secondo me è perfettamente coerente. 

La parabola di Quentyn per me è una forzatura.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Davvero vi percepisci un senso di vuoto? Posso chiederti in base a cosa?

Da parte mia ho avuto l'impressione che Dance tirasse le fila delle questioni principali molto più rispetto al temporeggiare e divagare di Feast.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Per conto mio il difetto principale di ADWD, che da questo punto di vista trovo decisamente peggiore di AFFC, è che Martin si è dimenticato di scrivere il finale :unsure:

 

Per il resto, i due libri sono stati scritti in parte insieme, erano inizialmente destinati ad essere un libro unico e condividono gli stessi difetti: troppi punti di vista con pochi capitoli a testa, capitoli troppo lunghi, eccessiva tendenza a volerci mostrare rutto e a non far accadere eventi off-screen, come invece accadeva nei libri precedenti.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Diciamo che un finale, a effetto, c'è. Piú di uno anzi, con snodi anche notevoli per la storyline di alcuni personaggi. Il problema è non avere il libro che viene dopo. Così che non possiamo dire se si tratta di un buon espediente oppure no.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Mah, più che un finale vero e proprio direi che ci sono cliffhanger al termine di ogni linea narrativa :unsure:

Se ti riferisci a Jon capisco il tuo punto di vista, però quel finale (che così sospeso non mi convince comunque) avrebbe avuto più senso se attorno ci fossero stati dei finali degni di questo nome; e invece niente battaglia del ghiaccio né battaglia del fuoco, Aegon in mezzo al guado, Tyrion e Victarion arrivati QUASI a Meereen...

Il tutto peggiorato dalla sensazione che non sia stata una scelta spontanea ma solo nata da esigenze editoriali (pubblicare qualcosa purchessia nel 2011, quando cominciava la serie tv).

Share this post


Link to post
Share on other sites
20 hours fa, Koorlick dice:

Mah, più che un finale vero e proprio direi che ci sono cliffhanger al termine di ogni linea narrativa :unsure:

Se ti riferisci a Jon capisco il tuo punto di vista, però quel finale (che così sospeso non mi convince comunque) avrebbe avuto più senso se attorno ci fossero stati dei finali degni di questo nome; e invece niente battaglia del ghiaccio né battaglia del fuoco, Aegon in mezzo al guado, Tyrion e Victarion arrivati QUASI a Meereen...

Il tutto peggiorato dalla sensazione che non sia stata una scelta spontanea ma solo nata da esigenze editoriali (pubblicare qualcosa purchessia nel 2011, quando cominciava la serie tv).

D'accordo, ma allora si puó anche dire che il finale ci sarà solo alla fine. Neanche negli altri libri abbiamo finali ma al massimo un livellamento di certe situazioni (e neanche troppo), in Dance il cliffanger è invece molto piú impattante. 

Comunque nel senso generale del tuo discorso mi trovi d'accordo. Neanche a me è piaciuto il finale tutto aperto, ma è chiaramente una scelta che non ha tutti caratteri negativi, poi il gusto personale è un altro discorso e come ho scritto tante volte non mi ha entusiasmato per niente. Come ho giá detto, però, personalmente credo che il nostro punto di vista sarebbe stato diverso se nel frattempo avessimo avuto la possibilità di leggere il seguito e non vederci spoilerate le cose tramite la serie, in modo da poter cogliere maggiormente il disegno generale. Così però non è. Da parte mia, comunque, Dance ha più pregi che difetti e senso di compiutezza che non Feast. 

Share this post


Link to post
Share on other sites
10 hours fa, MezzoUomo dice:

Più lo rileggo più ADWD mi appare uno scempio imbarazzante.

 

Imbarazzante è forse un termine troppo estremo. Di sicuro l'ho sempre visto come l'anello debole dell'opera Martiniana. Se non altro per trame confusionarie, qualche buco qua e là, una moltitudine di perdite di tempo e il fatto che si percepisca fin troppo come l'autore non abbia avuto in qualche caso le idee chiare. Ma, almeno in ambito puramente introspettivo, ci sono delle piccole gemme. 

 

Comunque altro punto debole/piccola forzatura: Arya e i tre nomi di Jaqen, in pratica si poteva porre fine alla Guerra. 

Share this post


Link to post
Share on other sites

Il fatto è che secondo me noi lo interpretiamo come qualcosa di conclusivo perché è l'ultimo romanzo che abbiamo a disposizione, ma magari nelle idee di Martin è solo una tappa di una strada molto lunga. È un apripista a una serie di situazioni che concateneranno eventi che porteranno alla conclusione in mezzo alla fuffa, chiaro, e qui concordo con @JonSnow; la sensazione che si meni il can per l'aia è molto forte in certi casi, ma era una cosa già iniziata con Feast.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Non so se tu abbia letto la saga in lingua originale. Se sì, al di là della trama (su quale personalmente mi soffermo fino ad un certo punto) non può sfuggire il crollo verticale qualitativo, si salvano giusto una dozzina di capitoli. Per dire, quelli di Tyrion sulla nave fanno sanguinare gli occhi per quanto sono scritti male.

Share this post


Link to post
Share on other sites
10 hours fa, MezzoUomo dice:

Più lo rileggo più ADWD mi appare uno scempio imbarazzante.

Bisogna leggerlo un paio di volte per digerirlo bene e sorvolare su alcuni svarioni(comunque evidenti). Anche a me all'inizio aveva dato la stessa impressione, quella di un'opera pasticciata, confusionaria, dove emergeva prepotentemente lo stallo della mente creativa del suo autore. 

Share this post


Link to post
Share on other sites

Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Guest
Reply to this topic...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

Sign in to follow this  

×
×
  • Create New...