Jump to content
Sign in to follow this  
Lady Monica

Sfida Letteraria 2018

Recommended Posts

20- Un libro della domenica: Buscafusco: Santi e Fattucchiere

37416820.jpg

Durante i lavori di ristrutturazione della chiesetta romanica di un piccolo centro del Monferrato, ignoti sottraggono dall'edificio le reliquie di un santo medievale. I sospetti si appuntano sulla comunità neopagana che è attiva nella zona. E vedendosi assediati da giornalisti e forze dell'ordine, e accusati di un crimine che non hanno commesso, i neopagani assoldano un investigatore privato sui generis, affinché recuperi le reliquie e consegni alla giustizia i veri colpevoli. 
Ma è molto più complicato di così. 
Una parte di poliziesco, una parte di folk horror, una parte di hard boiled, una spruzzata di umorismo, una scorza d'arancio. (goodreads)

 

E' proprio una cosa che leggi in massimo due ore, non di più. E' carino dai, nato da un crowfounding, è una piacevole lettura per un pomeriggio. Veramente da sotto l'ombrellone

 

Voto: 7/10

 

21-  Un libro che hanno letto tutti tranne te: Il racconto dell’ancella

https://img.ibs.it/images/9788868337421_0_0_0_75.jpg

In un mondo devastato dalle radiazioni atomiche, gli Stati Uniti sono divenuti uno Stato totalitario, basato sul controllo del corpo femminile. Difred, la donna che appartiene a Fred, ha solo un compito nella neonata Repubblica di Galaad: garantire una discendenza alla élite dominante. Il regime monoteocratico di questa società del futuro, infatti, è fondato sullo sfruttamento delle cosiddette ancelle, le uniche donne che dopo la catastrofe sono ancora in grado di procreare. Ma anche lo Stato più repressivo non riesce a schiacciare i desideri e da questo dipenderà la possibilità e, forse, il successo di una ribellione.(IBS)

 

Alla fine mi è rimasto l'amaro in bocca. Mi aspettavo un finale più chiuso e non quello che c'è. Non volendo spoilerare non dico niente, ma veramente sono rimasta malissimo. Mi sono sentita defraudata dopo una lettura comunque interessante. Non piacevole, perchè la distopia è veramente brutta. 

 

Voto: 6,5-7/10

Share this post


Link to post
Share on other sites

22-  Una storia d’amore a lieto fine: La piccola Bottega del Te

51E4TxlwFML._SX318_BO1,204,203,200_.jpg

Ellie Hall ha un solo desiderio: dimenticare la vita di città e dedicarsi con amore alla piccola bottega del tè di Claverham Castle, per realizzare il suo sogno di bambina. Niente più noiosi calcoli al computer, finalmente: nelle sue giornate ci saranno solo tazze fumanti accompagnate da torte e biscottini, e amabili chiacchiere con i clienti. Tutto questo è però guastato dallo scorbutico Lord Henry, proprietario del castello, contrario ad aprire le porte della propria dimora ai visitatori. Ma Ellie non ha alcuna intenzione di perdere ciò per cui ha tanto lottato e così, cupcake dopo cupcake, con la sua bottega conquista il cuore degli abitanti, e i suoi dolci diventano l'attrattiva principale del posto. Ora tutto quello che manca nella vita di Ellie è un pizzico di romanticismo: sarà forse Joe, lo scontroso amministratore della tenuta, a donarle un po' di inaspettata dolcezza? (IBS)

 

Approfittando della Challange e del prezzo stracciato su Amazon per il Kindle, ho recuperato questo romanzo. 

Mi viene da dire "Meh, si carino, ma..." Ma poteva essere scritto meglio, ma poteva essere un po' più realistico, ma poteva etc etc etc. Insomma ci sono tanti piccoli difetti che minano la lettura, nonostante ammetto abbia fatto le 3 di mattina a leggerlo, quindi comunque coinvolge. Il fatto è che mi sembra tutto molto affrettato e tutto troppo perfetto. 

 

Voto: 6/10

Share this post


Link to post
Share on other sites

23- Un libro con protagonista un adolescente: - Ragazze di Campagna

 

ragazze-di-campagna-edna-o-brien-libro.j

 

La timida e romantica Caithleen sogna l'amore, mentre la sua amica Babà, sfrontata e disinibita, è ansiosa di vivere liberamente ogni esperienza che la vita può regalare a una giovane donna. Quando l'orizzonte del loro piccolo villaggio, nella cattolicissima campagna irlandese, si fa troppo angusto, decidono di lasciare il collegio di suore in cui vivono per scappare nella grande città, in cerca d'amore ed emozioni. Nonostante siano fermamente decise a sfidare insieme il mondo, le loro vite prenderanno però vie del tutto inaspettate e ciascuna dovrà imparare a scegliere da sola il proprio destino. (IBS)

 

Molto bello. Scorrevolissimo, facile da leggere e molto malinconico. Mi piacerebbe poter trovare il secondo volume della trilogia per vedere come va avanti la vita di Caithleen che si interrompe forse proprio sul più bello. Comunque Edna O'Brien entra tra le autrici di cui mi interessa leggere ancora. E ringrazio Rai 5 per avermela fatta conoscere. 

 

Voto: 8,5/10

Share this post


Link to post
Share on other sites

24- Un libro ambientato in estate – Il sentiero degli alberi di limone

51yvjzcyjzl-_ac_us218_.jpg?w=696

Ci sono tanti modi per dire "amore". Un viaggio in una piccola isola greca per ripercorrere la storia della propria famiglia e scoprire tutte le sfumature dell'amore Anna non aveva mai neppure pensato alla possibilità che il matrimonio con Max potesse naufragare, fino al giorno in cui ha scoperto che lui l'ha tradita. Troppo sconvolta per un confronto, decide di seguire il padre, recentemente rimasto vedovo, in un viaggio nella piccola isola dell'Egeo dove è nato. Una volta arrivata sull'isola, la cordialità dei familiari e la bellezza del mare la travolgono, facendole riassaporare il fascino delle proprie origini che per tutta la vita aveva trascurato. Ma una scoperta casuale all'interno di un vecchio baule rivelerà ad Anna segreti di famiglia tenuti nascosti per oltre sessant'anni, un fiume di eventi dimenticati avvenuti durante la seconda guerra mondiale. Di fronte alle verità sepolte di famiglia, le vite di padre e figlia si capovolgeranno, e Anna comincerà a capire che, se vuole scendere a patti con il presente, deve innanzitutto comprendere il passato...(IBS)

 

Ehhhhh NI. L'idea di storie di famiglia, di ricordi e simili mi aveva intrigato molto e per questo l'ho presso. Diciamo che è scritto male: il tutto è un continuo spiegone, in certi punti passano mesi senza una descrizione dello stato d'animo, certi dialoghi molto banali. Storia bella, scrittura pessima

 

Voto: 5,5/10

 

 

25- Un libro illustrato pubblicato nel 2018: Macerie prime II

https://images-na.ssl-images-amazon.com/images/I/91T8GK%2BHP%2BL.jpg

 

Nasce il figlio di Cinghiale. Gli amici si riavvicinano. Niente è più come prima. Sei mesi dopo l'uscita di «Macerie prime», Zerocalcare torna con il capitolo conclusivo della sua storia più emblematica e contemporanea. Il senso di precarietà sociale del suo cast sembra assoluto, i rapporti amicali si lacerano, le tenebre avanzano. Piccoli pezzi di ciascuno vengono perduti, rubati, cambiano gli equilibri. E l'armadillo è sempre latitante. Se una soluzione esiste, in cosa consisterà? (IBS)

 

Zerocalcare è come la lingua: batte dove il dente duole. Finisce la serie, ma quello che mi piace di più è che non c'è un totale Happy Ending, ma le loro vite continuano normalmente in un mondo che mette mille mila paletti a quelli della nostra generazione. E' una serie che mi ha coinvolto molto e che consiglio a tutti. Penso pure che a breve la rileggerò. 

 

Voto volume: 9,5

Voto serie: 10/10

Share this post


Link to post
Share on other sites

26- Un libro scritto da un premio Nobel: Cecità

images?q=tbn:ANd9GcQ5bLCgxZPHs4ZVGv-Q_vh

In un tempo e un luogo non precisati, all'improvviso l'intera popolazione diventa cieca per un'inspiegabile epidemia. Chi è colpito da questo male si trova come avvolto in una nube lattiginosa e non ci vede più. Le reazioni psicologiche degli anonimi protagonisti sono devastanti, con un'esplosione di terrore e violenza, e gli effetti di questa misteriosa patologia sulla convivenza sociale risulteranno drammatici. I primi colpiti dal male vengono infatti rinchiusi in un ex manicomio per la paura del contagio e l'insensibilità altrui, e qui si manifesta tutto l'orrore di cui l'uomo sa essere capace. Nel suo racconto fantastico, Saramago disegna la grande metafora di un'umanità bestiale e feroce, incapace di vedere e distinguere le cose su una base di razionalità, artefice di abbrutimento, violenza, degradazione. Ne deriva un romanzo di valenza universale sull'indifferenza e l'egoismo, sul potere e la sopraffazione, sulla guerra di tutti contro tutti, una dura denuncia del buio della ragione, con un catartico spiraglio di luce e salvezza. (IBS)

 

Devo dire che è stato difficile finirlo, ma non tanto per la scrittura, comunque abbastanza arzigogolata, ma proprio per la storia. La bassezza umana che non si ferma neanche di fronte ad una catastrofe generalizzata, la depravazione e il putridume che l'uomo riesce a far uscire. 

C'è da dire, però, che più obiettivamente, una cosa così estremizzata sarebbe impossibile, perchè fin dalle prime pagine c'è una mancanza di organizzazione sensata per qualsiasi stato civile. Comunque è una lettura che tutto sommato consiglio di fare. 

Voto: 8,5/10
 

 

 

Share this post


Link to post
Share on other sites

27 Un libro con non più di 100 pagine: La ragazza dagli occhi di carta

Un uomo vaga sul ciglio di una strada in montagna, i suoi abiti sono sporchi di sangue, nel suo zaino viene trovata una mano mozzata con un anello e la foto di un volto di ragazza con due ellissi di carta sugli occhi. Teresa Battaglia, commissario di polizia a Udine, si butta anima e corpo sul caso. Ma sono troppe le cose che non quadrano: un uomo in stato confusionale da cui non riescono a sapere nulla e lo spettro della pazzia in un caso di omicidio. E se, invece, la ragazza non fosse ancora morta e ci fosse tempo per salvarla? Ma il tempo, a Teresa, divorata dal diabete e da una malattia che le rosicchia giorno dopo giorno frammenti sempre più ampi di memoria, è l'unica cosa che manca. (IBS)

 

Per essere così breve è stata una lettura molto carina. L'ho presa perchè ambientata ad Udine e dintorni. Molto carina la protagonista principale: potrei interessarmi anche se arrivasse il romanzo. 

 

Voto: 7/10

 

28 Un libro sul razzismo: Orfani Bianchi

Mirta è una giovane donna moldava trapiantata a Roma in cerca di lavoro. Alle spalle si è lasciata un mondo di miseria e sofferenza, e soprattutto Ilie, il suo bambino, tutto quello che ha di bello e le dà sostegno in questa vita di nuovi sacrifici e umiliazioni. Per primo Nunzio poi la signora Mazzanti, "che si era spenta una notte di dicembre, sotto Natale, ma la famiglia non aveva rinunciato all'albero ai regali e al panettone", poi Olivia e adesso Eleonora. Tutte persone vinte dall'esistenza e dagli anni, spesso abbandonate dai loro stessi familiari. Ad accudirle c'è lei, Mirta, che non le conosce ma le accompagna alla morte condividendo con loro un'intimità fatta di cure e piccole attenzioni quotidiane.  (IBS)

 

Che mazzata. E' un libro veramente doloroso, perchè comunque anche se condensate in poche pagine, c'è tutto quello che è l'Italia in questo periodo. E non c'è nemmeno un barlume di speranza. 

 

Voto 8/10

 

29 Un libro che avrei dovuto leggere nel 2017: Guida Galattica per gli autostoppisti

Lontano, nei dimenticati spazi non segnati nelle carte geografiche dell'estremo limite della Spirale Ovest della Galassia, c'è un piccolo e insignificante sole giallo. A orbitargli intorno, alla distanza di centoquarantanove milioni di chilometri, si trova un minuscolo, trascurabilissimo pianeta azzurro-verde, le cui forme di vita, discendenti dalle scimmie, sono così incredibilmente primitive da credere ancora che gli orologi da polso digitali siano un'ottima invenzione. Quel pianeta sta per essere distrutto, per lasciare il posto a una gigantesca circonvallazione iperspaziale... (IBS)

 

No. Mi spiace perchè me l'hanno consigliato in tanti, ma proprio no. La prima parte era ancora ancora affrontabile, ma poi il delirio. E' un continuo non senso, termini buttati li, personaggi uno più scemo dell'altro. Nonono. Non sono riuscita ad andare oltre la metà. 

 

Voto: NC/10

Share this post


Link to post
Share on other sites

30- Un libro legato alla età classica – La disgrazia della Domus Curzia

 

41-s6BGHaZL._SX322_BO1,204,203,200_.jpg

 

Tutto ha inizio una sera, durante una cena nella villa dei nobili Valeri. Un messaggero inatteso porta una convocazione per il Pretore Quinto Valerio Probo, membro del Senato e Magistrato civile alle dipendenze dell’Optimus Princeps Marco Ulpio Traiano. Il protagonista verrà convinto ad indagare su un caso dall’apparenza semplice: un furto di gioielli avvenuto ai danni del vizioso Senatore Gaio Curzio Lusore e di sua moglie, Claudia Pulcra, splendida e “terribile” nipote del Cesare Traiano. L’indagine si trasformerà invece in un’ardua sfida per il tenace investigatore e il suo giovane assistente, Eliodoro di Corinto. Misteriosi omicidi e sottili intrighi all’ombra di alcuni potenti personaggi della curia capitolina, dei quali si occuperà perfino il temuto Prefetto del Pretorio, Tiberio Claudio Liviano. Una corsa contro il tempo volta a soddisfare una semplice richiesta da parte dell’Imperatore: una conclusione rapida dell’inchiesta, che dovrà terminare necessariamente prima della nomina del nuovo governatore della ricca provincia romana di Lusitania (Amazon)

 

Uhmmm Ni. Diciamo che il sarebbe stato meglio con un po' di pagine in meno. spesso l'autore si perde in ripetizioni e parti prolisse un po' inutili. A parte questo, però, molto bella l'ambientazione e molti interessanti le ricerche, o comunque, si intuisce che prima della scrittura Gianluca sisti si è studiato per bene il mondo romano. sul vervante giallo c'è un po' da lavorare: ho capito l'assassino a circa metà libro. 

 

Voto: 6,5/10

Share this post


Link to post
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now
Sign in to follow this  

×