Jump to content
Sign in to follow this  
Quattro_Calzini

La narrazione di Brandon e la fiaba

Recommended Posts

Beh, già da subito possiamo dire che Osha ha la funzione di indirizzare l'attenzione di Bran verso il pericolo che si cela a nord.

 

Sia pure per un periodo molto breve (possiamo dire che viene poi sostituita nel ruolo dai Reed) ha per Bran il ruolo di mentore/aiutante.

Per il lettore ha invece il compito di ricordarci che tutta la gigantesca storia delle guerre a sud non deve far dimenticare che gli Estranei avranno qualcosa di importante da dire, a maggior ragione tenendo conto del fatto che Martin prepara l'avanzata di questi ultimi in modo molto lento, al punto che nel primo libro bisogna aspettare Othor e Jafer Flowers ben oltre metà tomo per vedere un effetto anche solo indiretto della loro presenza (il prologo serve a introdurli e quindi non lo conto).

Share this post


Link to post
Share on other sites

Salto un po’ di capitoli per arrivare a quelli dove sono presenti più Funzioni

http://wiki.labarriera.net/index.php/ACOK28

in questo capitolo Jojen Reed interroga Bran sulle sue abilità e si avvicina al ruolo di MANDANTE in seguito farà notare che Bran non ha ancora sufficiente abilità con il suo dono esplicitando la MANCANZA

 

http://wiki.labarriera.net/index.php/ACOK35

capitolo nel quale Reek viene condotto al Grande Inverno, FUNZIONI :

INVESTIGAZIONE: da parte di  Reek ( In realtà Ramsay ) ?

 

http://wiki.labarriera.net/index.php/ACOK46

In questo capitolo Theon Greyjoy conquista Grande Inverno. Volendo giocare un po’ con lo schema di Propp potrei ipotizzare per Theon il ruolo di FALSO EROE: in alcune fiabe popolari il falso ero è il fratello maggiore dell’eroe che dopo aver fallito la missione cercherà di ottenere il Premio con l’inganno. Theon si proclama principe di Grande Inverno e in seguito ammetterà il suo tormentato desiderio di essere uno Stark . Si tratta di una reinterpretazione originale da parte dell’autore che ci racconterà la vicenda proprio dal suo punto di vista e lo renderà vittima dell’antagonista, sorte che normalmente tocca all’eroe FUNZIONI:

PRETESE INFONDATE:

RAGGIRO: Theon accetta l’auto di Ramsay e di Osha (che si prepara a diventare mediatrice come suggerito da Lord Beric )

 

http://wiki.labarriera.net/index.php/ACOK50

I fratelli Stark e Reed sono fuggiti dal castello FUNZIONI:

CONNIVENZA: Theon accetta i suggerimenti di Ramsay

Share this post


Link to post
Share on other sites

Mi piace molto la tua interpretazione di Theon e il ruolo di falso eroe. A ben vedere è proprio l'immagine che ha di sé stesso. Non ci avevo mai fatto caso ma la tua lettura è molto interessante!

Share this post


Link to post
Share on other sites

continuo la vicenda con le osservazioni che avete fatto

http://wiki.labarriera.net/index.php/ACOK66

Ramsay elimina a tradimento le forze di Rodrik Cassel  e cattura Theon FUNZIONI:

DANNEGGIAMENTO : Grande Inverno è data alle fiammee, la pace e la sicurezza del nord è solo un ricordo.

 

http://wiki.labarriera.net/index.php/ACOK69

Bran e company sono sopravvissuti nascondendosi nelle cripte, Il terzo occhio di Bran si è aperto, può entrare in estate quando vuole e in una occasione sotto forma di albero incontra  Jon/Spettro  al passo Skirling FUNZIONI:

MEDIAZIONE : Il Maestro Luwin  e Osha si dividono il ruolo di Mediatore informando Bran di cosa è accaduto e dei rischi che ancora corre

PARTENZA : Bran è compagni si dirigono a Nord per incontrare il misterioso Corvo con tre occhi

Durante una sosta Meera ci racconta la storia del Cavaliere dell’albero che ride, Bran afferma che il finale è sbagliato poiché il cavaliere non ha sposato la ragazza lupo, alla storia manca la Funzione MATRIMONIO/PREMIO .

 

TRASFERIMENTO: Bran arriva finalmente a destinazione dopo aver vissuto vicende simili ai racconti della Vecchia Nan :

La torre della regina e il suo accesso nascosto

Il forte della notte e le sue suggestioni ( tra Hansel e Gretel e Non aprite quella porta)

Il freddo micidiale e i Morti Viventi

 

Per ora o finito ma ci sono ancora punti su qui riflettere: Quali Funzioni ho dimenticato? Quali vedremo in futuro e quali possiamo escludere?

Possiamo ipotizzare una scelta consapevole dell’autore nel seguire almeno parzialmente lo schema di Propp o sono solo coincidenze?

 

Non c’e solo Bran ! se volete applicare lo schema di Propp ad alti personaggi leggo volentieri le vostri considerazioni.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Beh, il problema di fondo è che le funzioni di Propp sono sufficientemente ampie e generiche da poter essere usate anche senza farvi esplicito riferimento.

 

Detto questo, è vero che la storia di Bran è quella che maggiormente richiama la struttura della fiaba, ed è anche vero che Martin gioca - e questo sì, direi che lo fa consapevolmente - con questa struttura in modo spesso amaro e derisorio, a partire dalla figura del protagonista della storyline che non conduce ma che deve essere fisicamente condotto.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Dopo qualche ricerca sono riuscito finalmente a trovare una fiaba popolare dove è evidente lo schema di Propp. Si intitola Il principe Ivan, dell'uccello di fuoco e del lupo grigio. Nella fiaba non è facilmente distinguibile il Donatore, ma sono presenti i Falsi Eroi.

http://www.paroledautore.net/fiabe/mondo/uccellofuoco-lupogrigio.htm

 

Qui invece c’è un interessante articolo sulla fiaba in generale

https://museodellemaschere.org/2017/01/06/la-fiaba-popolare/

 

Riporto questo passaggio particolarmente suggestivo:

La conclusione che Propp raggiunge attraverso un lungo esame analitico è che per la maggior parte gli elementi costitutivi delle fiabe debbano farsi risalire a riti e miti “primitivi” (del regime del clan), e più specialmente al “ciclo d’iniziazione” e alle “rappresentazioni della morte”.

Le fiabe popolari, soprattutto quelle di magia, sono quindi il ricordo di una antica cerimonia chiamata rito d’iniziazione che veniva celebrata presso le comunità primitive.

Durante questo rito veniva festeggiato in modo solenne il passaggio dei ragazzi dall’infanzia all’età adulta. Essi venivano sottoposti a numerose prove con le quali dovevano dimostrare di saper affrontare da soli le avversità dell’ambiente e di essere pertanto maturi per iniziare a far parte della comunità degli adulti.

Dopo le prove, i ragazzi e le ragazze, come in una rappresentazione teatrale guidata spesso da uno stregone, dovevano “morire” per celebrare la morte dell’infanzia. Questa loro morte temporanea veniva di solito provocata con sostanze stupefacenti e al risveglio i giovani venivano considerati adulti.

 

Col passare del tempo il rito d’iniziazione non si celebrò più e ne rimase solamente il ricordo, ma gli anziani continuavano a ripeterlo nei loro racconti.

Il racconto degli anziani venne tramandato per secoli e secoli, con trasformazioni continue, anche quando il ricordo del rito si era perso del tutto e nacque così la fiaba.

Nella fantasia di chi tramandava i racconti i giovani, sottoposti al rito, sono diventati i protagonisti delle fiabe, gli stregoni sono diventati i personaggi che fanno paura come gli orchi, le streghe, i mostri, i lupi e le armi, che ricevevano i ragazzi, sono diventate i doni magici che i protagonisti delle fiabe ricevono dagli aiutanti che incontrano.

Ricorda qualcosa?

Share this post


Link to post
Share on other sites

Mi ero impegnato a riprendere la discussione in caso di nuovi sviluppi. E devo dire che la Serie mi è venuta incontro, nonostante i limiti di scrittura. Dovuti forse alla necessità di risparmiare materiale per Prequel e Spin-off.

Quindi:

SPOILER GOT Stagione 6 stagione 7 e 8

Spoiler

La vicenda di Bran prosegue in modo decisamente Proppiano

Abbiamo come minimo:

TRASFIGURAZIONE: Bran ottiene i poteri del corvo a tre occhi. Il RITORNO alla sua comunità. Volendo nella vicenda di DitoCorto, possiamo intravvedere lo SMASCHERAMENTO.

Ci sono anche riferimenti alla morte, metaforica, di Bran nella caverna del Corvo a tre occhi. (Nelle fiabe popolari di magia il protagonista finisce talvolta ucciso dall’antagonista o dal falso eroe e in seguito salvato dall’aiutante. Come simbolo del passaggio all’età adulta secondo gli studi di Propp)

Non manca la LOTTA con l’antagonista e conseguente VITTORIA, il fatto che sia Arya a colpire Il Re della Notte, è solo una variazione sul tema. Segue la RIMOZIONE ossia il ripristino del bene prezioso.

Infine Bran diventa Re. In un certo senso si è beccato il premio. niente MATRIMONIO ma poco cambia. Un finale praticamente classico come Propp comanda. Eppure qualcosa manca in questa storia. Forse sono solo i limiti della scrittura, ma Bran sembra un personaggio funzionale elevato per circostanze. Lo sconvolgimento dello schema di Propp che speravo si è verificato nel modo che meno mi aspettavo (il che va bene). c’è quasi tutto, manca solo una cosa: L’Eroe  

 

Share this post


Link to post
Share on other sites

Il suo arco ricorda molto anche una figura delle leggende gallesi Brandon il benedetto, che a sua volta ha rimandi canonici.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Guest
Reply to this topic...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

Sign in to follow this  

×
×
  • Create New...