Jump to content
Sign in to follow this  
Lady Monica

Le 5 bizzarrie

Recommended Posts

Ma che è sto topic?? Il raduno degli estranei anonimi?? :D:D

Ciaone polaretti!! :D

D957.jpg

Share this post


Link to post
Share on other sites

Qui va a finire che scoprirai che gli Estranei sono già tra noi.
E sono tutti in questo forum.
E ora vado, perchè ho un neonato da trasform... ehm, devo lavare i piatti.

(Leggendo il post sopra, ho riso come una scema da sola davanti al monitor. Il primo sorriso della giornata, grazie :)  )

 

Share this post


Link to post
Share on other sites

polaretti-fruit-5pz.png?itok=qqFYdEIf

Questi sono i polaretti e forse li fanno ancora. Il soprannome l' ho preso dai video di barbascura. ;)

Share this post


Link to post
Share on other sites

Anche io ne ho qualcuna:

 

-Sono teratofobico fin da bambino: ho la fobia delle malformazioni fisiche. Se mi capita di vedere, anche solo per una istante, una persona con questo tipo di problemi, anche solo in foto, l'immagine mi si appiccica alla mente a vita. Tanto che se vedo frutta difettosa (tipo le fragole abnormi o le ciliege "siamesi"), non solo non le riesco a mangiare, ma neppure a prendere in mano. E quando mia moglie aspettava la nostra seconda figlia (la prima soffre di una piccola malformazione) ho trascorso 9 mesi a fare incubi di ogni tipo.

 

-Sono un pessimo organizzatore. E non dico scarso: proprio un disastro. Non riesco ad organizzare nulla: né la festa di compleanno dei miei figli, né i bagagli per il mare, né i documenti per l'acquisto della nuova casa, né niente.

Fortunatamente ho una moglie che difetta di immaginazione, ma in quanto all'organizzazione é un fenomeno e riesce a tenere traccia di tutto (come faccia, per me é un mistero).

 

-Ho una vivida immaginazione: sono sempre lí a fantasticare su tante cose: racconti che vorrei scrivere, disegni che vorrei fare, board games che vorrei creare, programmi che vorrei implementare, canzoni che vorrei suonare. Mi rendo conto peró che, piú passa il tempo, meno trovo interessante il "mondo vero" che alle volte mi pare piú come una fastidiosa interruzione tra un daydreaming e l'altro. Tante cose che alle persone che mi stanno intorno sembrano importanti, non generano su di me alcun interesse, e alle volte devo fare attenzione a nasconderlo un pó per non sembrare "strano" o "st***zo".

 

Al momento, altre non me ne vengono in mente. Eventualmente integro :ehmmm:

Share this post


Link to post
Share on other sites

Cose bizzarre... vediamo...

 

1) non uso gabinetti pubblici. Ho una vera e propria fobia al punto da avere degli incubi specifici a riguardo. Per arrivare ad usare anche solo il bagno di un ristorante (che è il massimo come gabinetto pubblico che potrei mai considerare) devo essere arrivata al limite. A causa di questa mia fobia ho sviluppato un controllo degli sfinteri da guiness dei primati ed una capacità di resistenza senza bere liquidi livello cammello.

 

2) allineo le cose: non sono una maniaca dell'ordine, ma non so resistere ad un barattolo storto in una fila di barattoli dritti, ad una pila disallineata... il problema è che il raptus non mi spinge solo a girare il vasetto di maionese per allinearlo ed orientarlo come gli altri uguali a lui e sulla sua fila. Una volta mi sono ritrovata in libreria con una pila di 8 volumi in mano.

 

3) dormo quasi sempre sul lato destro del letto. Questa non me la so spiegare. E' proprio una scelta sistematica ed istintiva.

 

4) ho il terrore di imbarcare la valigia.. Ho sviluppato strategie specifiche per evitare che questo accada anche quando - diciamolo! - le misure del bagaglio sono ok, ma nel peso non ci sto assolutamente. :ehmmm:

 

5) guardo sotto il letto prima di dormire. E' una cosa che mi è rimasta dopo aver visto "Il Sesto Senso" dove ad un certo punto c'è la bimba sotto il letto e spunta un braccio... ho smesso da quando sotto il letto ho il contenitore.

 

6) controllo n mila volte se ho chiuso il gas, la porta di casa, la porta dell'auto. Sono capace di tornare indietro appositamente. E' una fobia specifica dal punto di vista psicologico. Non ricordo come si chiama.

 

7) guardo nelle case della gente. Non è che uso il cannocchiale o robe così. Tuttavia, se la tenda è aperta sbircio dall'esterno mentre passo in automobile, sono sul pullman o a piedi. E' più forte di me. Sono curiosa di vedere l'arredamento, immaginare la vita delle persone che ci vivono. 

 

Non me ne vengono altre (o forse ci sono cose che non considero bizzarre). Dovessero venirmene in mente altre, al più, anche io integro. ;) 

 

 

Share this post


Link to post
Share on other sites
Il 29/1/2018 at 14:30, Fiacca dice:

 5 cose bizzarre mi sa sono poche per me ( infatti spesso vengo definita "un disagio"). 
 

 Confermo :D

 

Sulle mie ci penso ora :)

Share this post


Link to post
Share on other sites

Aggiungo la mia fobia di aver dimenticato aperta la macchina.. E' un' operazione meccanica e la macchina è sempre chiusa ma 10 metri dopo averla fatta devo tornare indietro a controllare. Penso sia un retaggio della paranoia che mi ha messo mio padre quando ho preso la aptente.. :D 

Share this post


Link to post
Share on other sites

Quella del "ma ho chiuso il gas, la porta, ecc..." è una fobia comune a molti.

Io quando avevo l'edicola, sistematicamente tornavo indietro o comunque rifacevo il giro delle serrandine di ogni vetrina(ne avevo diverse anche di esterne a sè dal chiosco), per controllare se eran tutte chiuse, e spesso nonostante la rassicurazione di chi fosse presente al momento della chiusura.

Non è diversa la cosa adesso e anzi chiedo anche a mia moglie se ha chiuso la macchina, questo e quell'altro, riuscendo a insinuarle il dubbio, così che possa andare a controllare(io eh... non ci mando lei) XD

 

Share this post


Link to post
Share on other sites
11 hours fa, Maya dice:

Cose bizzarre... vediamo...

 

2) allineo le cose: non sono una maniaca dell'ordine, ma non so resistere ad un barattolo storto in una fila di barattoli dritti, ad una pila disallineata... il problema è che il raptus non mi spinge solo a girare il vasetto di maionese per allinearlo ed orientarlo come gli altri uguali a lui e sulla sua fila. Una volta mi sono ritrovata in libreria con una pila di 8 volumi in mano.

 

So cosa significa ed è soffocante già alla vista. Probabilmente si soffre di un eccessivo senso estetico, ma, alla fin fine, trovo proprio difficile sopportare un qualcosa fuori dal proprio schema naturale. E' disturbante per i sensi e non si può fare a meno di correggerlo e porlo laddove dovrebbe, in maniera perfettamente congrua ai simili. Fortunatamente questo meccanismo mi si riflette solo sugli oggetti e non sulle persone, laddove la diversità altrui e il loro essere fuori dall'ordinario non mi causano alcun fastidio. 

Share this post


Link to post
Share on other sites
11 hours fa, Maya dice:

 

1) non uso gabinetti pubblici. Ho una vera e propria fobia al punto da avere degli incubi specifici a riguardo. Per arrivare ad usare anche solo il bagno di un ristorante (che è il massimo come gabinetto pubblico che potrei mai considerare) devo essere arrivata al limite. A causa di questa mia fobia ho sviluppato un controllo degli sfinteri da guiness dei primati ed una capacità di resistenza senza bere liquidi livello cammello.

 

Stesse capacità che ho sviluppato anch'io per poter girare in tranquillità. :stralol:

Share this post


Link to post
Share on other sites

Il bagno migliore fuori casa propria è quello appena lavato la mattina :D La cosa che mi urta i nervi è entrare in un locale carino, alla moda, zona centrale, andare al bagno e ritrovarmi in un ce**o angusto e sporco.. :shock:

Share this post


Link to post
Share on other sites

Oh, il controllo del gas, a chi lo dite! Oltre a tornare indietro a controllare se l'ho chiuso -quando magari sono già in ascensore; quindi significa: aspetta di arrivare al piano terra, torna su al sesto, apri la porta, disinserisci l'antifurto, vai a vedere il gas, ri-inserisci antifurto, ri-chiudi la porta- a quel punto spesso mi viene il dubbio "ma avrò poi guardato bene?". E quindi... ripeto il tutto.
Notare che in tutta la vita non ho MAI lasciato il gas aperto. Quindi questa è una fissa (o nevrosi?) bella e buona.
Idem con la paura di non aver chiuso la porta di casa.

Share this post


Link to post
Share on other sites

E non parliamo dei bagni dove lavoro... Siamo un centinaio, ce ne sono due; quindi immaginate le condizioni, sporattutto a fine giornata. E comunque, anche quando sono puliti, nessuno mi toglie di testa che le maniglie non vengono mai lavate. O, se vengono lavate, questo verrà fatto con lo stesso straccio che ha pulito... tutto il resto.
Quindi tocco le maniglie solo armata di fazzolettini; idem per il pulsante dello sciacquone. Quando poi il fazzolettino mi cade -e quindi tocca terra. In un bagno pubblico. Aaaagggghhhh! Impensabile prenderlo di nuovo- in genere premo il pulsante dell'acqua con un piede (mal di schiena permettendo, sono abbastanza agile e snodata). E qualche volta riesco anche ad aprire la porta allo stesso modo.

Share this post


Link to post
Share on other sites
2 hours fa, JonSnow; dice:

 

So cosa significa ed è soffocante già alla vista. Probabilmente si soffre di un eccessivo senso estetico, ma, alla fin fine, trovo proprio difficile sopportare un qualcosa fuori dal proprio schema naturale. E' disturbante per i sensi e non si può fare a meno di correggerlo e porlo laddove dovrebbe, in maniera perfettamente congrua ai simili. Fortunatamente questo meccanismo mi si riflette solo sugli oggetti e non sulle persone, laddove la diversità altrui e il loro essere fuori dall'ordinario non mi causano alcun fastidio. 

E questo è segno di intelligenza vera, voglio dire che gli altri,i diversi,quelli che la pensano diversamente e/o che si comportano diversamente  ,non vanno pesati in base a propri e soggettivi parametri di valutazione e non vanno ghettizzati per proprie fisime  mentali , soggettive e umorali.

Del resto far parte di un gregge non credo sia uno status dei migliori anche perché impedisce di pensare in proprio,e di fare proprie autonome valutazioni

Perché non si dovrebbe accettare una persona con diversa conformazione mentale?Salvo poi stigmatizzare  e condannare certi atteggiamenti nella storia..... 

E del resto la diversità in natura è un valore eccezionale e condiziona moltissime cose ,per esempio lo stato di salute, mentale in primis

Ma questo è un discorso molto complesso....

Share this post


Link to post
Share on other sites

Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Guest
Reply to this topic...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

Sign in to follow this  

×
×
  • Create New...