Jump to content
Sign in to follow this  
Lyra Stark

Sanremo 2018

Recommended Posts

Ma infatti , però è molto più facile etichettare la gente che guarda Sanremo ( che per me è liberissima di farlo per i motivi che vuole ) che per definizione fa parte della parte peggiore del paese ....ma che lo dico a fare? :( :idea:

E dire che un gioco è un gioco e come si etichetta chi non sa giocare e stare al gioco?

 

 

Share this post


Link to post
Share on other sites

Mi è tornata in mente questa canzone di Edoardo Bennato e va benissimo per sanremo.

 

Share this post


Link to post
Share on other sites

C'è da dire che a Sanremo sono passate anche canzoni più pesanti delle solite canzonette d'amore: qualcuno ha provato a fare della musica più sentita. 

Share this post


Link to post
Share on other sites

@ziowalter1973

Ecco vedi? Grande Bennato che ad un certo punto canta 

Ma che ci volete fare

non vi sembrerò normale

ma è l'istinto che mi fa volare!

non c'è gioco ne finzione

perché l'unica illusione

è quella della realtà, della ragione!

però a quelli in malafede

sempre a caccia delle streghe

dico: no! non è una cosa seria!

 

E così e se vi pare

ma lasciatemi sfogare

non mettetemi alle strette

e con quanto fiato ho in gola

vi urlerò: non c'è paura!

ma che politica, che cultura,

sono solo canzonette!

non mettetemi alle strette

sono

sono

sono solo canzonette!

 

Sono solo canzonette! 

 

Si può dire che questa è una canzone che fa uno sberleffo ai radical chic con il ditino alzato ,rigorosamente il mignolo ovvio ,mentre sorseggiano Il tè delle cinque(mentre il volgo volgare tracanna birra,orribile dictu!)

https://it.wikipedia.org/wiki/Radical_chic

e che guardano la plebe incolta dall’alto in basso ,personaggi che la priverebbero del diritto di voto ....

ma facciamoci 4 risate e giochiamoci sopra :sono solo canzonette :lol:  

Share this post


Link to post
Share on other sites
4 minutes fa, Lady Monica dice:

C'è da dire che a Sanremo sono passate anche canzoni più pesanti delle solite canzonette d'amore: qualcuno ha provato a fare della musica più sentita. 

Infatti molte canzoni di Sanremo sono adesso dei classici della canzone italiana ed internazionale :) 

Share this post


Link to post
Share on other sites
2 minutes fa, Lady Monica dice:

C'è da dire che a Sanremo sono passate anche canzoni più pesanti delle solite canzonette d'amore: qualcuno ha provato a fare della musica più sentita. 

È vero: c'è questo e quello. 

Io per esempio ho apprezzato tanto Chiamami ancora amore di Vecchioni, davvero una signora canzone, semplice, eppure in grado di dire tante cose e con bellissimo messaggio positivo.

Al contrario grande pollice verso per la Mannoia dell'anno scorso, inutilmente pomposa e artefatta. Un gran peccato perché ha fatto canzoni molto migliori di questa.

Poi per carità c'è anche molto ciarpame, esempio massimo del quale rimarrà Pupo con Emanuele Filiberto. Ma forse questo rientra più nella categoria cattivo gusto ^^"

Share this post


Link to post
Share on other sites

Mi spieghi perchè chi non guarda Sanremo deve essere etichettato come Radical Chic e chi lo guarda come bravo e genuino? Non capisco perchè sta contrapposizione per ogni cosa: c'è a chi piace e a chi no, non vedo il motivo di alzare barricate.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Guarda che Bennato canta questa canzone ed io a Bennato facevo riferimento , io per mia natura non catalogo nessuno ,sarebbe poco sagace diciamo così ...

ps neanche io guardo Sanremo se è per questo ma do una occhiata ai giornali e ai dati auditel e non mi perdo la serata finale almeno fino ad una certa ora 

Ma qui credo si sia lanciato una sorta di gioco ...

Share this post


Link to post
Share on other sites
6 hours fa, Lady Monica dice:

Quest'anno non sarà diverso: non lo guarderò nè lo ascolterò perchè non mi pare che i Gialappi facciano qualcosa. 

Per non dimenticare Situation!

 

Purtroppo è da anni che, per un motivo o per l'altro, manca il consueto appuntamento di Rai Dire Sanremo. Per me il festival era soprattutto quello e ogni anno mi rammarico delle tante occasioni perse, nel senso che ci sono state robe che sarebbero proprio state perfette per il commento della Gialappa's.

 

Dal Sanremo di quest'anno mi aspetto più noia del solito, visto il direttore artistico e i nomi di alcuni dei "superospiti" che avrei anche lasciato a casa (tipo Antonacci) :ehmmm:

 

Share this post


Link to post
Share on other sites

Sono d'accordo. Manca proprio la parte "non prendiamoci troppo sul serio" - anche se con la Raffaele era difficile ^^ - mi pare ci fosse il dopo festival con Savino ma era a ore tardissime. Anche per questo speravo di compensare qui ^^

Per quest'anno ho il tuo stesso presentimento... male che vada si può sempre cambiare canale! Anche se di solito c'è poca concorrenza.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Be', personalmente non riuscirei mai a guardare Sanremo (ma considerate che guardo pochissimo la tv: è anche questione di tempi. Io ho bisogno di cose che vadano veloci, che cambino in fretta, senza tempi morti... Per esempio, mi trovo meglio a leggere un quotidiano che a guardare un tg). Però, aspettate a darmi della intellettual-chic che se la tira: perchè l'anno scorso ho "scoperto" l'Eurofestival, che è kitsh purissimo... e ho passato due ore di sincero divertimento, come non mi capitava da una vita con uno spettacolo canoro stra-popolare. Erano cose spesso superate -nel senso che c'era un sacco di roba degli anni '80 riciclata per nuova, tanto le nuove generazioni gli '80 se li sono persi, quindi è facile fregarle :) - ma molto varie, anche perchè ogni nazione aveva uno stile diverso. Con contaminazioni assurde e curiosissime: una bulgara vestita come un spice girl che cantava uno yodel insimeme ad un rapper dell'Est, dei moldavi -che ho trovato gradevolissimi- che facevano una cosa sche suppongo sia ska (? poi magari prendo una cantonata) con una voce un po' raggae...
(Vi metto il link casomai foste curiosi, ma senza anteprima, così non appesantisco il post)
https://www.youtube.com/watch?v=SWaQdHoCvYk
E vi assicuro che è l'apoteosi, il trionfo, la celebrazione suprema del pacchiano; eppure, tranne due o tre canzoni proprio super-tradizionali-orecchiabili-banalissime, mi era piaciuto un sacco :) E quindi spezzo una lancia a suo favore (e non penso di essere OT, perchè credo che all'Eurofestival vadano il vincitore di Sanremo e cose analoghe)

 

Share this post


Link to post
Share on other sites

Ah ma l’Eurofestival è l’apoteosi del trash ,roba che Sanremo è spettacolo per dilettanti

Chi non vede Sanremo ha tutto il diritto di farlo,neanche io per esempio mi sorbisco le 4 serate (sono 4 vero?) 

Diverso è chi non lo vede e lo critica per partito preso 

Share this post


Link to post
Share on other sites

Penso di aver visto l' eurofestival per sbaglio l' anno scorso per la prima volta.. Mi è rimasto in mente sto bulgaro (?) che si arruffianava il voto online o cose simili.. Sono programmi da non vedere.. ;):D

 

Share this post


Link to post
Share on other sites

Come da non vedere!! :stralol: io mi ci diverto un sacco! L'Eurofestival l'ho scoperto 2 (o 3?) anni fa: bellissimo! 

Sanremo però è molto più ingessato e si prende molto più sul serio. Poi dipende anche dalle edizioni. 

Per dire a me è piaciuta un po' più del solito quella di Morandi dove Luca e Paolo facevano in pratica i gialappi in tempo reale.

Questa vedremo come andrà...

Share this post


Link to post
Share on other sites

Canzoni di qualità, a Sanremo, penso che ben pochi abbiano avuto il coraggio di portarle. Con qualche rara eccezione, che aveva risvegliato il pubblico come una scossa elettrica sveglia un dormiente (tempo fa parlavamo di Vecchio, di Renato Zero, e della botta di autentica emozione che era stata per il pubblico in sala, che aveva capito cosa significasse trovarsi di fronte, tra tanti nanetti da giardino, un artista vero, un monumento vivente). Però ve ne segnalo una, di grandissima classe e qualità, che molti di voi forse sono troppo giovani per conoscerla. Piccola Orchestra Avion Travel (il solista, istrionico e ipnotico nell'espressività e nel modo di tenere il palcoscenico, pur rimanendo contenutissimo e controllato , è Beppe Servillo, fratello dell'attore Toni Servillo: due grandi talenti in una famiglia). Un gruppo che adoro (come avevo fatto a dimenticarli, per la Challenge?)
In questa canzone erano riusciti a creare qualcosa di orecchiabile e "digeribile" anche dal grande pubblico, pur rimanendo perfettamente coerenti al loro stile.
Posso linkarla? Dai...
Per chi non conosce questo (ormai ex) gruppo (per inciso: se vi piace il genere, scopriteli: avrete una bellissima sorpresa)
 

 

Share this post


Link to post
Share on other sites

Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Guest
Reply to this topic...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

Sign in to follow this  

×
×
  • Create New...