Jump to content
Sign in to follow this  
***Silk***

TWOIAF - BR. Brynden Rivers. BloodRaven.

Recommended Posts

Mod mode on

Ragazzi, adesso state andando OT, i prossimi saranno cancellati, come da regolamento.

Stateci attenti, please.

Mod mode off

Share this post


Link to post
Share on other sites

È chiaro che Connington sia convinto che Aegon sia il vero Aegon, non è di certo parte del complotto di Varys. Per maggiori approfondimenti copio questo mio vecchio post a supporto della teoria Aegon Blackfyre 

Spoiler

1. Che "Young Griff" sia Aegon lo sappiamo solo perchè ce lo dicono Varys e Illyrio, per il resto zero prove. Il ragazzo viene consegnato a Connington solo quando ha 5-6 anni, sappiamo che ha l'aspetto valyriano ma nulla più.


2. Illyrio mostra di provare affetto per Aegon, diverse volte. Non solo vediamo anche un'immagine della defunta moglie di Illyrio, Serra, e notiamo che ha tratti simil-valyriani. Da qui si arriva alla conclusione che Aegon sia in realtà il figlio di Illyrio.

3. Dopotutto questo spiegherebbe il motivo per il quale Illyrio vuole mettere Aegon sul trono. Non fosse così non si capirebbe per quale motivo un ricco mercante dell'est dovrebbe impegnarsi in una rischiosissima guerra in un altro continente per mettere sul trono un personaggio che per lui non significa nulla.

4. Una teoria di questo tipo implica anche Varys abbia un legame di qualche tipo con Illyrio ed Aegon. Forse potrebbe essere lo zio di Aegon, ovvero il fratello di Serra.

5. In ADWD veniamo a conoscenza che la Compagnia Dorata, gruppo mercenario che non ha mai rotto un contratto in tutta la sua storia, decide proprio di farlo per portare Aegon sul trono. Perchè lo fa? Illyrio da una risposta curiosa: "Certi contratti sono firmati con l'inchiostro, altri sono firmati col sangue". Una frase illuminante: la Compagnia Dorata è stata fondata da Aegor "Bittersteel" Rivers, il Targaryen bastardo che decise di supportare il ramo Blackfyre nella pretesa al trono di Spade e che, una volta sconfitto, decise appunto di creare una compagnia di mercenari, compagnia che nel corso degli anni ha sempre sostenuto militarmente i Blackfyre nel loro tentativo di conquistare il trono. Ecco quindi che si capirebbe perchè anche in questo caso, la Compagnia Dorata sostiene Aegon, perchè lui non è un Targaryen ma un Blackfyre.

6. Illyrio dice anche che la linea maschile dei Blackfyre si è estinta, ma non fa cenno a una linea femminile. Ma se Aegon è l'ultimo discendente maschio Blackfyre, allora si potrebbe supporre che sua madre (ovvero Serra, la moglie di Illyrio) lo fosse e che i suoi diritti al trono siano quindi passati al figlio.

7. Fin dall'inizio noi abbiamo l'impressione che Varys e Illyrio siano dei lealisti Targ e che cerchino di far salire al trono Dany e/o Viserys. Ma stando ai fatti non si curano minimamente di questi due e anzi li mettono alla mercè di un barbaro dothraki, sul quale non si può certo scommettere. Invece Aegon viene tenuto in molta più cura, gli viene fornita un'educazione adeguata, figure simili a quelle che istruiscono i principi, etc... E' quindi chiaro che l'asset, l'unico asset di Varys e Illyrio è Aegon e non i fratelli Targ. 

8. Dopotutto nella storia passata di Varys non sembrano esserci particolari simpatie verso i Targ, anzi. Per quanto ne sappiamo ha anche contribuito a far nascere i sospetti del re folle verso il figlio Rhaegar che sicuramente voleva spodestarlo. 

9. Due persone straniere, senza particolari motivi di simpatia verso i Targ e con buone posizioni economiche-sociali, che tentano un qualcosa di così grosso, possono farlo per due soli motivi: legami di sangue o vendetta, oppure tutte e due le cose. Una storia che combacia perfettamente con la vicenda dei Blackfyre.

10. Anche l'atteggiamento di Varys verso i Martell appare strano. Se Aegon è per davvero il figlio di Rhaegar, allora sarebbe stato logico informare i Martell che con Aegon sarebbero imparentati tramite la madre Elia. Ma Varys non lo fa. Perchè? Forse perchè questi potrebbero facilmente svelare l'imbroglio (magari possono riconoscere Aegon da qualche particolare).

11. Il prete rosso Moqorro parla a Tyrion di varie visioni di draghi e tra questi ce ne sono anche di "falsi". Chi può essere il falso drago? Aegon sembra la risposta più probabile. Ma Dany nella Casa degli Eterni aveva anche avuto una visione in cui vedeva un "drago di pezza" e la stessa Dany spiegava che i draghi di pezza venivano usati dai guitti nei loro spettacoli teatrali; ma anche il ADWD viene nominato il "drago del guitto" in una profezia di Quaithe e tutti questi elementi fanno presupporre che il drago di pezza indichi nei fatti un "falso drago", così come viene indicato nella profezia di Moqorro. Anche in questo caso il falso drago più probabile è Aegon.

 

 

Detto questo, in tutti gli anni a venire si è disinteressato della questione targ-blackfyre, non ha fatto nulla durante la rivolta di Robert e non sembra nemmeno rimasto in contatto con maestro Aemon. Quello che è certo è che ha attenzionato Bran fin da subito e possiamo essere ragionevolmente certi che conosca le origini di Jon. Il corvo di Mormont stesso presenta analogie con le visioni di quello triocchiuto visto in sogno da Bran. Non è quindi peregrino immaginare che BR si metamorfizzi nel corvo di Mormont per tenere sott'occhio Jon. 

 

Riguardo all'identificazione di Melisandre con la figlia di BR, a cui non credo molto, c'è però da ricordare che entrambi sono in grado di usare il potere di celare persone dietro incantesimi. Melly lo fa con Mance, BR lo fa con sé stesso nel terzo racconto di D&E. Potrebbe ovviamente essere un caso. 

Share this post


Link to post
Share on other sites

Post molto interessante sharingan. Probabilmente a BR servono un sostituto e un campione per il nord mentre di quello che succede al sud poco gl' importa. Sarebbe interessante leggere su chi ha messo gli occhi BR prima di concentrarsi su jon e bran. 

 

Share this post


Link to post
Share on other sites
%d/%m/%Y %i:%s, sharingan dice:

 

  Nascondi Contenuto


7. Fin dall'inizio noi abbiamo l'impressione che Varys e Illyrio siano dei lealisti Targ e che cerchino di far salire al trono Dany e/o Viserys. Ma stando ai fatti non si curano minimamente di questi due e anzi li mettono alla mercè di un barbaro dothraki, sul quale non si può certo scommettere. Invece Aegon viene tenuto in molta più cura, gli viene fornita un'educazione adeguata, figure simili a quelle che istruiscono i principi, etc... E' quindi chiaro che l'asset, l'unico asset di Varys e Illyrio è Aegon e non i fratelli Targ. 
 

 

 Non è quindi peregrino immaginare che BR si metamorfizzi nel corvo di Mormont per tenere sott'occhio Jon.


Bè, addirittura vedendolo e guardandolo negli occhi lo chiama per tre volte "King!"

In quanto al punto 7 sotto spoiler (ma posso parlarne in chiaro, vero? Si riferisce ad ASOIAF), verissimo: pensandoci, dato che Illyrio sembra conoscere molto bene i Dotraki e le loro usanze, "rifilare" i due giovani Targaryen a loro sembra davvero un modo per sbarazzarsene e renderli innocui, almeno per un bel po'. Non solo per come i Dot intentdono il concetto di "patto" o "scambio"  (con loro non puoi esigere la tua parte, devi attendere se e quando avranno voglia di concedertela) ma soprattutto per un dettaglio non esattamente piccolo: il Trono di Spade si trova al di là del mare... e i Dotraki sono formidabili combattenti di terra, ma odiano e temono il mare. E, salvo poi il colpo di scena imprevedibile (il fratello viene tolto di mezzo, Drogo -fatto che penso Illyro non avrebbe mai immaginato- si innamora davvero di Danaerys, vede attentare alla sua vita e desidera vendetta), non si sognerebbero mai di attraversarlo. Quindi sì, anche per me Illyrio si è sbarazzato dei due Targ pretendenti al trono, rifilando loro un bidone colossale. E se, più avanti, arrivato il momento (e l'età adatta, soprattutto) ne tira fuori un terzo (e non lo affida a dei barbari sanguinari ed imprevedibili, ma gli riserva tutt'altra cura) è chiaro per quale parteggi. Come è chiaro che non parteggia per i Targaryen in genere, indistintamente.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Il modo migliore per "sbarazzarsi" di due Targ troppo ingombranti è ucciderli, non consegnarli ad uno dei khal più potenti in circolazione, col rischio che le cose vadano esattamente come finiscono per andare, ossia la nascita di un rapporto sincero tra Dany e Drogo, con quest'ultimo che decide di conquistare l'Occidente in nome del figlio che aspetta dalla moglie. E nel caso in cui il piano di Illyrio preveda

Spoiler

di far sposare Dany ad Aegon così da dargli una parvenza di legittimità, allora la soluzione è anche più semplice, uccidere Viserys e tenere Dany chiusa a chiave e ben sorvegliata fino a tempi maturi.

E' vero che Illyrio è molto ambiguo, come quando dice a Tyrion che

Spoiler

rosso (ossia Targaryen) o nero (ossia Blackfyre), un drago è pur sempre un drago

, tuttavia la cosa mi sembra molto tirata per i capelli.

 

Share this post


Link to post
Share on other sites
Il 16/3/2018 at 15:45, Lord Beric dice:

So che non è molto elegante, ma io partirei un attimo "fuori" dai libri.

 

Il corvo a tre occhi è "nato" con AGOT, e fa quindi parte del blocco di idee originarie di Martin.

La figura di Brynden Rivers invece prende forma quando Martin decide di approfondire il passato di Westeros, diciamo che si "stabilizza" in TSS, quindi dopo la pubblicazione di ASOS. Trovo molto significativo ad esempio il fatto che in AGOT Maestro Aemon, quando racconta del suo arrivo alla Barriera, non menzioni minimamente il fatto che con lui ci fosse un parente, parente che poi divenne Lord Comandante! Indipendentemente dal fatto che potesse non esserci un gran rapporto tra i due, Aemon e Brynden devono aver lavorato fianco a fianco per diverso tempo, uno come Maestro e l'altro come Lord Comandante, ed è quindi peculiare che Aemon non faccia mai menzione di questo. Diciamo che in AGOT tutto questo non era ancora previsto, Brynden Rivers non esisteva.

 

La domanda che questa premessa porta a porre è questa: il fatto che il corvo triocchiuto sia impersonato da Brynden Rivers è fanservice? Oppure fa parte di un piano precongegnato dall'inizio? Ecco, è molto probabile la prima ipotesi. L'albino è un personaggio estremamente evocativo e affascinante, misterioso quanto basta, controverso, un "vincente" nella vita, addentro le arti magiche, ha lo stesso nome di un personaggio amato nei libri come il Pesce Nero (e Martin getta proprio l'amo al lettore in modo esplicito in ADWD facendo dire che il Pesce Nero è probabilmente stato chiamato Brynden in onore di Bloodraven), è apprezzato dai fan... c'è una scomparsa misteriosa in un pattugliamento, perché non tirarlo fuori in quel ruolo?

 

E qui arriviamo al punto che per quanto Martin possa essere bravo a fondere Bloodraven con il corvo, si tratta con ogni probabilità di due personaggi distinti forzatamente fatti confluire nella stessa persona. Non dubito che Martin saprà gestire bene la cosa, ma il corvo, a quanto ne sappiamo, è un "agente" dei Figli della Foresta focalizzato allo scontro contro gli Estranei. Martin può allargarne lo spazio per farlo rientrare almeno in parte nelle vicende politiche westerosiane, ma sinceramente sono convinto che se anche fosse non avrà una parte rilevante in merito.

 

Mi sono presa del tempo perché ricordavo di aver incrociato durante questo anno di rilettura (quindi AGOT e ACOK) dei riferimenti all'epiteto di BR in alcune parti del testo riferite ai boschi degli dei.

È possibile che mi stia arrampicando sugli specchi, ma mi è piaciuto questo punto di vista, quindi vale la pena ragionarci. 

 

In ACOK 18, Sansa II:

There was something wild about a godswood; even here, in the heart of the castle at the heart of the city, you could feel the old gods watching with a thousand unseen eyes.

 

Questa scelta di wording può essere del tutto casuale, anche perché fa riferiemento ai thousand eyes, ma non ai thousand eyes and one che poi ritroviamo sia nei racconti di Dunk&Egg, sia in ADWD quando finalmente Bran lo incontra. Sicuramente, prima dell'incontro col personaggio l'accento è posto soprattutto sui 3 occhi del corvo più che sui mille e uno di Brynden. Ma potrebbe anche essere una scelta fatta per dare un unico riconoscibile epiteto a questa entità fino al momento dell'incontro.

Per quanto riguarda la filologia Martiniana, sicuramente sei più esperto te di me, e se compariamo l'evoluzione del corvo a 3 occhi con la preparazione dell'entrata in scena di Aegon - che prendo ad esempio avendo già fatto degli incisi relativi a BR a riguardo - si può notare che in AGOT, Martin inizia ad introdurre entrambe le questioni sottilmente con pochi essenziali ripetitivi dettagli volti a fissarsi nella mente del lettore, in attesa di una più ampia trattazione futura.

Aggiungo poi che alcuni personaggi che ritroveremo in TWOIAF, D&E contemporanei di Brynden Rivers sono già presenti in AGOT: la prima volta che Cat incontra Varys viene descritto as hairless as an egg, frase che rimanda allo stesso Egg di D&E; in Eddard V, Pycelle rimanda a Maekar; in Jon VIII, Maester Aemon fa altrettanto, oltre a menzionare anche Aegon/Egg.

Come sono anche presenti altri personaggi risalenti al passato: i 3 conquistatori, Maegor, Aemon the Dragonknight - per citarne alcuni.

Tutti questi indizi potranno non fare una prova, ma lasciano il dubbio di quanto di ciò che è venuto poi fosse già almeno vagamente o embrionalmente presente nella testa di Martin. Certo, il riassunto della trilogia originale non menziona niente di tutto ciò, ma è una sintesi, che già con ACOK subisce le prime modifiche (e.g. Theon che prende il ruolo di Tyrion nella presa di Winterfell). A meno che non abbia trascurato altre dichiarazioni, credo che un dubbio in questo senso possa essere plausibile.

 

Edit: Aggiungo anche che l'assenza di pensieri/parole per Brynden da parte di Maester Aemon può essere dovuta al fatto che questi non sia un POV. Lo conosciamo come personaggio funzionale all'interazione in primis col POV di Jon, in parte con quello di Sam più avanti, e brevemente con quello di Tyrion. Del resto, con lo stesso Jon, Maester Aemon è molto criptico in AGOT (Jon VIII). Il discorso è incentrato sul far capire a Jon che cosa implichi il concetto di onore e giuramento ad un ordine, sui dettagli privati, il maestro è molto riservato e si limita a nominare i parenti che ne permettano l'identificazione:

 

“Three times the gods saw fit to test my vows. Once when I was a boy, once in the fullness of my manhood, and once when I had grown old. By then my strength was fled, my eyes grown dim, yet that last choice was as cruel as the first. My ravens would bring the news from the south, words darker than their wings, the ruin of my House, the death of my kin, disgrace and desolation. What could I have done, old, blind, frail? I was helpless as a suckling babe, yet still it grieved me to sit forgotten as they cut down my brother’s poor grandson, and his son, and even the little children . . . ” Jon was shocked to see the shine of tears in the old man’s eyes. “Who are you?” he asked quietly, almost in dread. A toothless smile quivered on the ancient lips. “Only a maester of the Citadel, bound in service to Castle Black and the Night’s Watch. In my order, we put aside our house names when we take our vows and don the collar.” The old man touched the maester’s chain that hung loosely around his thin, fleshless neck. “My father was Maekar, the First of his Name, and my brother Aegon reigned after him in my stead. My grandfather named me for Prince Aemon the Dragonknight, who was his uncle, or his father, depending on which tale you believe. Aemon, he called me . . . ” “Aemon . . . Targaryen?” Jon could scarcely believe it. “Once,” the old man said. “Once. So you see, Jon, I do know . . . and knowing, I will not tell you stay or go. You must make that choice yourself, and live with it all the rest of your days. As I have.” His voice fell to a whisper. “As I have . . . ”

Share this post


Link to post
Share on other sites

@Menevyn

Sulla questione Aegon/fAegon e il magic team Illyrio-Varys, ha già risposto sharingan. Aggiungo che il magic team non voleva sbarazzarsi di Viserys e Dany, ma voleva usarli originariamente come avanguardia dell'invasione di fAegon, che come presunti erede di Rhaegar sarebbe venuto prima di loro in linea di successione. Avanguardia da lanciare in un momento in cui il regno non fosse stato in mani salde.

Dany era il prezzo da pagare per l'armata Dothraki a supporto di Viserys. Legandola ad un khal non sarebbe stata ben vista né ben accetta dai Lord di Westeros. 

La decisione di Drogo di conquistare i 7 regni nel nome del figlio mi è sempre sembrata pilotata dal magic team: Varys si offre di curare l'avvelenamento di Dany per poter gestire la questione in modo che non muoia e che l'evento dia una smossa a Drogo, visto che a KL le cose si stanno degenerando più velocemente (dialogo Varys-Illyrio nei sotterranei).

Dany acquisisce un valore diverso agli occhi del duo solo nel momento in cui riporta in vita i draghi.

In queste vicende, al momento Brynden, anche volesse non può impattare perché nei libri, il suo potere è legato alla presenza di alberi-diga. Gli alberi-diga sappiamo che sono stati pressoché estirpati a Westeros, eccetto che al Nord e in rarissimi altri spazi. A Essos, non mi ricordo che ce ne siano, ma correggetemi se sbaglio. Stesso ragionamento si può applicare alla Ribellione di Robert. Anche se nella vicenda di Harrenhal, vista la vicinanza al God's Eye, lo zampino potrebbe avercelo messo (forse esagero). Ripensandoci, resta comunque curioso il fatto che non ci sia traccia di un eventuale contatto con Maester Aemon.

 

Su B+S=M, non nascondo che mi piacerebbe, ma l'ipotesi non è ancora solida. B e M sono entrambi albini e sorcerers (per quanto labile sia il termine) e come diceva sharingan sono in grado di compiere incantesimi simili. La parte che identifica Quaithe come Shiera probabilmente è la più debole, o comunque non mi ha ancora conquistato. Poi, Menevyn, hai pure ragione, quando dici che troppi colpi di scena in questo senso rischierebbero di far sembrerare la storia più Beautiful che ASOIAF. XD

 

Ovviamente, il main focus del corvo a 3 occhi mi aspetto che siano gli estranei, ma vista la convergenza nella sua zona di certi personaggi (Jon e Mel) e ciò che si aspetta accada a sud (fAegon e Dany?), non credo sia peregrina una trama collaterale legata al passato. Altrimenti perché identificarlo proprio con Brynden Rivers? A parte l'ipotesi fan-service, avrebbe potuto essere chiunque.

Inoltre, è interessato a Bran solo per la questione Estranei o anche per  eventuali altri scopi?

Share this post


Link to post
Share on other sites

L'impressione che ho avuto io è che a Bloodraven interessi soltanto difendere il mondo da una minaccia epocale che potrebbe distruggere ogni forma di vita...... Dopo aver visto qual'è la minaccia, non penso gli interessi alcunché del trono di spade. In realtà l'impressione che ho avuto in generale leggendo i libri, è che il cosiddetto "gioco del trono" sia stato fino ad ora un sistema per mostrare come il mondo, che già in passato vinse contro gli Estranei, si sia autoindebolito al punto da rischiare di essere completamente spazzato via....

Immaginiamo un mondo dove gli Estranei non siano considerati una favoletta per bambini, dove vi siano armi di ossidiana in quantità, dove le varie casate dei sette regni non si siano distrutte tra di loro: cosa potrebbero gli estranei e i non morti contro decine di migliaia di soldati adeguatamente equipaggiati?

Il gioco del trono è secondario, e Bloodraven lo sa benissimo.

E in effetti, la saga comincia con la presentazione della minaccia Estranea e con gli esseri umani che badano solo a distruggersi per brama di potere....

Share this post


Link to post
Share on other sites

Bloodraven è un pg che mi affascina tantissimo, e dopo aver letto TWOIAF mi piace ancora di più; intelligente, acuto e pragmatico è sempre stato dalla parte dei legittimi Targ. Adesso lo vedo come un personaggio fondamentale positivo, che vuole prendere Bran sotto la propria ala per prepararlo allo scontro finale. Credo che prima della propria dipartita definitiva vedrà sconfitti una volta per tutti i Blackfyre e/o rami scartati dei Targ con la morte di Aegon e Varys. 

Share this post


Link to post
Share on other sites

Una cosa che mi è piaciuta del personaggio è che di fatto abbia lo stesso ruolo che aveva in precedenza:

viene descritto come il capo di una "Intelligence" molto efficiente, quando lavorarva per i Targaryen;

per quanto visto fin'ora, il suo ruolo, e quello del futuro Bran, è sempre quello di "Intelligence", solo con sistemi più avanzati (la rete di alberi diga che permette di vedere quantomeno passato e presente come se si fosse al posto dell'albero, sul posto.

Si tratta quindi di una persona già "esperta" del mestiere.

La conoscenza dei movimenti di un esercito nemico che ha Bloodraven e potrà avere Bran e praticamente come avere, al giorno d'oggi, un numero molto elevato di spie, che non sono viste e pertanto scoperte, con una videocamera sempre accesa e collegata in tempo reale.

Si tratta di un sistema di Intelligence che nel mondo reale non si è mai avuto, i satelliti non permettono di ascoltare, le spie sono in numero limitato e non sono presenti, connesse digitalmente con videocamera tipo "Google Glass", e non scopribili.

SI tratta di un vantaggio sia strategico che tattico enorme.... che potrebbe essere quello che sposterà le sorti della guerra.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Per la verità il controllo di bloodraven è analogo a quello di echelon e sistemi successivi. Quello che serve però è un albero diga da cui poter vedere. In got Spoiler serie tv 

Spoiler

Bran ha delle visioni che interpreta in modo sbagliato. 

L'addestramento di bran sarà lungo. 

Share this post


Link to post
Share on other sites
Il 16/3/2018 at 15:45, Lord Beric dice:

So che non è molto elegante, ma io partirei un attimo "fuori" dai libri.

 

Il corvo a tre occhi è "nato" con AGOT, e fa quindi parte del blocco di idee originarie di Martin.

La figura di Brynden Rivers invece prende forma quando Martin decide di approfondire il passato di Westeros, diciamo che si "stabilizza" in TSS, quindi dopo la pubblicazione di ASOS. Trovo molto significativo ad esempio il fatto che in AGOT Maestro Aemon, quando racconta del suo arrivo alla Barriera, non menzioni minimamente il fatto che con lui ci fosse un parente, parente che poi divenne Lord Comandante! Indipendentemente dal fatto che potesse non esserci un gran rapporto tra i due, Aemon e Brynden devono aver lavorato fianco a fianco per diverso tempo, uno come Maestro e l'altro come Lord Comandante, ed è quindi peculiare che Aemon non faccia mai menzione di questo. Diciamo che in AGOT tutto questo non era ancora previsto, Brynden Rivers non esisteva.

 

 

Ho riflettuto a lungo su questo punto: non sono sicura che Brynden Rivers non "esistesse" prima di ASOS o - peggio - che sia un personaggio "fanservice". Piuttosto ipotizzo che prima di ASOS fosse un "personaggio nel cassetto", cioè costruito nell'insieme di vicende che ruotano intorno delle Cronache, ma accantonato. So che spesso succede: un autore mette insieme personaggi ed intere vicende che non trovano spazio nella stesura finale di un libro.Questo spiegherebbe perché Aemon non lo cita nel suo discorso a Jon in AGOT (è in effetti molto inverosimile). Può darsi però che per quella che era l'idea che Martin aveva della sua opera compiuta in quel momento, non era possibile inserire un personaggio complesso come Brynden Rivers senza aprire un'enorme ed in quel punto ingiustificata parentesi e per questo lo abbia soppresso. Successivamente, la sua idea della storia potrebbe aver preso una piega diversa che ha quindi reso magari interessante e magari anche necessario l'inserimento del personaggio. Solo che a quel punto AGOT era già uscito.

 

Solo un'ipotesi... ;) 

 

 

Share this post


Link to post
Share on other sites

No aspetta, io non sto dicendo che sia un personaggio fanservice in sé e per sé. Sto dicendo che ritengo fanservice avergli assegnato il ruolo di corvo a tre occhi.

 

Il ragionamento fatto da ***Silk*** poco sopra, sul passaggio di ACOK18, pecca a mio parere di inversione della cronologia, o per meglio dire presuppone che nella testa di Martin, prima che noi potessimo averne alcuna evidenza, Brynden Rivers fosse già l'albino guercio maestro delle spie con mille occhi al suo servizio.

Questo, a meno che non mi sfuggano specifiche dichiarazioni dell'autore, non lo possiamo sapere.

Se vediamo i fatti, vediamo un personaggio che entra in scena successivamente nella produzione letteraria e che si adatta comodamente a quel passaggio di ACOK18.

Ma il personaggio esisteva già dal 1998 nella testa di Martin con quelle precise caratteristiche, oppure Martin lo ha disegnato successivamente affinché quella che aveva pensato unicamente come una frase evocativa - e che avrebbe avuto senso indipendentemente dalla presenza di Brynden Rivers - potesse essere letta a posteriori come un indizio?


Non abbiamo una risposta, quindi francamente un'ipotesi vale l'altra.

Personalmente ritengo più probabile che Brynden Rivers si sia sviluppato dopo perché Martin, nelle sue innumerevoli interviste, ha sempre definito sé stesso come uno scrittore "giardiniere" e non come uno scrittore "architetto", ovvero che molto spesso sono i personaggi stessi - soprattutto i non protagonisti - che si sviluppano in maniere inaspettate anche per lui stesso e reclamano la loro parte di storia.

Questo mi fa pensare che non ci fosse una vera e propria pianificazione.

Ma, per l'appunto, siamo nel campo delle opinioni. :)

 

Quello che mi sento di poter dire con una buona dose di sicurezza, è che anche nel caso in cui si tratti di un innesto, è stato gestito con ottima perizia: Brynden Rivers come corvo a tre occhi non è una forzatura, il tipo di personaggio si concilia bene con un traguardo di questo tipo (non che fosse una strada obbligata, ma la storia non è per nulla strattonata per arrivare a quel punto).

Share this post


Link to post
Share on other sites
Il 2/5/2018 at 10:29, Lord Beric dice:

Il ragionamento fatto da ***Silk*** poco sopra, sul passaggio di ACOK18, pecca a mio parere di inversione della cronologia, o per meglio dire presuppone che nella testa di Martin, prima che noi potessimo averne alcuna evidenza, Brynden Rivers fosse già l'albino guercio maestro delle spie con mille occhi al suo servizio.

Questo, a meno che non mi sfuggano specifiche dichiarazioni dell'autore, non lo possiamo sapere.

Se vediamo i fatti, vediamo un personaggio che entra in scena successivamente nella produzione letteraria e che si adatta comodamente a quel passaggio di ACOK18.

Ma il personaggio esisteva già dal 1998 nella testa di Martin con quelle precise caratteristiche, oppure Martin lo ha disegnato successivamente affinché quella che aveva pensato unicamente come una frase evocativa - e che avrebbe avuto senso indipendentemente dalla presenza di Brynden Rivers - potesse essere letta a posteriori come un indizio?


Non abbiamo una risposta, quindi francamente un'ipotesi vale l'altra.

 

Ci tengo a specificare che il discorso che avevo fatto a supporto di questa possibilità era per l'appunto possibilista. Come dici tu non è possibile dare una risposta sulla base dei soli fatti. Però mi piaceva entrare nel dettaglio anche di questa possibilità che potenzialmente apre degli sviluppi di trama collaterali, che vanno oltre la sola trama fantasy relativa al Nord, riprendendo delle cose più terrene relative alla storia Targaryen, che, se dovessero materializzarsi, accoglierei con entusiasmo, per quanto fossero escluse dai più, sia per dati, sia per gusto personale.

Visto anche l'amore di Martin per l'inserimento di trame collaterali, anche se questa idea potesse non essere presente fin dall'inizio, non è detto che non possa scegliere di percorrerla a un certo punto della stesura. Lo scopriremo con TWOW, forse, se lo scrive.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Ho da poco terminato la lettura delle avventure di Dunk ed Egg ne Il Cavaliere dei Sette Regni, racconti molto piacevoli e scorrevoli, in puro stile martiniano, seppur calati in un universo meno cupo di quello a cui ci hanno abituati le Cronache, essendo questi ambientati in un periodo di relativa quiete; tra le tante informazioni che i racconti ci forniscono, spicca fra le altre la figura enigmatica ed affascinante di Brynden Rivers, uno dei tre grandi bastardi Blackfyre che nelle Cronache conosciamo meglio come Corvo triocchiuto. 

Anche io ho avuto l'impressione che l'identificazione tra Brynden Rivers ed il Corvo con tre occhi fosse embrionale ai tempi della stesura di AGOT, e che solo successivamente esso sia divenuto una parte rilevante del disegno di Martin per attribuire una specifica caratterizzazione ad un personaggio così fondamentale, dotandolo di un passato specifico e - probabilmente, o almeno è quello che mi auguro vista la mole dello stesso - di un futuro parimenti determinante.

Come rilevato poi da Lord Beric, solo dopo la pubblicazione di ASOS, nel racconto La Spada Giurata, BR trova stabile e definitiva collocazione, e quello che veniamo a sapere su di lui, unitamente a ciò che ci viene narrato in TWOIAF è ciò che ci permette di tracciare un profilo di questo grande personaggio, che ad oggi rimane ancora per molti versi avvolto nel mistero, non tanto per quanto riguarda la sua vita umana ma sicuramente per quel che concerne il suo ruolo ed i suoi obiettivi come TEC.

 

Indubbiamente il suo innesto in pianta stabile nel grande disegno martiniano, come rilevato da molti di voi, è avvenuto come di consueto con perizia ed efficacia, sembra infatti da sempre presente come figura aleggiante, ma che soltanto in Bran II, ADWD, trova pieno compimento ("Ti ho osservato a lungo, ti ho guardato con mille e un occhio. Ho assistito alla tua nascita e prima ancora a quella del lord tuo padre. Ho visto i tuoi primi passi, ho ascoltato le tue prime parole. Ho partecipato al tuo primo sogno. Ti guardavo mentre cadevi dalla torre. Adesso sei finalmente arrivato, Brandon Stark, anche se il tempo è breve").

Tuttavia anche per me è impossibile non notare come invece nei primi libri non fosse presente una caratterizzazione così marcata di BR=TEC, il che mi porta a credere che solo successivamente ad ASOS Martin abbia deciso di identificare le due figure; quello che mi domando, a questo punto, è come Martin avrebbe gestito la fusione, passatemi il termine, se non introducendolo ne Il Cavaliere dei Sette Regni ed utilizzando a questo scopo le vicende del cavaliere errante e del suo illustre piccolo scudiero.

Di certo, quanto leggiamo su di lui in ADWD è ciò che si lega in maniera inequivocabile a questi racconti e che ci permette di identificare BR con il TEC; in ADWD troviamo infatti per la prima volta riferimenti precisi sia alla sua vita precedente, della quale parla con malcelata malinconia, che al suo essere stato un Guardiano della Notte ("abiti neri e sangue nero"), ma il mio dubbio rimane sulla questione seguente: era necessario che Martin facesse ricorso a racconti per così dire esterni, nel senso di non riferibili direttamente alle Cronache, anche se a queste legati indissolubilmente, per creare questo ponte di collegamento ed introdurre una figura così importante? O, detta in maniera molto spicciola, chi non legge questi racconti, come anche chi non legge TWOIAF, come fa ad avere un quadro completo di chi e cosa è stato Brynden Rivers, posto che questo pare essere un tassello importantissimo per quanto riguarda la narrazione degli eventi futuri, e penso in particolare alla lotta contro gli Estranei?

A meno che - e non lo escluderei - Martin non abbia deciso di tratteggiarlo in maniera tanto accurata ma di inserirlo in racconti che delle Cronache sono un puro contorno ed ampliamento narrativo, non dico per mero  fanservice ma perché resosi conto che la cosa avrebbe funzionato, però di fatto nel suo grande disegno, del quale ancora non è dato sapere molto di più di ciò che già sappiamo, il ruolo del TEC precedente, quindi BR, si esaurisce con l'addestramento di Bran, che ne diverrà definitivamente successore.

 

Share this post


Link to post
Share on other sites

Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Guest
Reply to this topic...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

Sign in to follow this  

×
×
  • Create New...