Jump to content
Sign in to follow this  
Darklady

Covers & Unplugged: Quando una Canzone diventa Leggenda....

Recommended Posts

In tema di cover confesso di aver seguito l'ultima edizione del programma di cover per eccellenza, ovvero X-Factor (a parziale giustificazione devo dire che l'abbiamo seguito perché conosciamo i genitori di Martina Attili una diciassettenne cantautrice che sta avendo un bel successo con la canzone Cherofobia).

 

In ogni caso, seguendo il programma mi sono innamorato dei Bowland (trio composto da tre ragazzi iraniani che vivono a Firenze) i quali si sono esibiti in una serie di cover di pezzi famosi in cui hanno letteralmente stravolto le versioni originali dei brani rendendoli al tempo stesso "nuovi" e "diversi"... in poche parole dandogli una nuova vita...

 

Qui la cover di No roots di Alice Marton

Share this post


Link to post
Share on other sites

Avevo promesso la cover di Rock me Amadeus, brano dell'austriaco Falco, rifatto dagli Edguy di Tobias Sammet......ed eccolo qui (e non è l'unica song targata anni '80 che ha coverizzato con gli Edguy o il suo progetto Avantasia)

Pare che il genietto di Fulda sia un fan scatenato di Falco, tanto da asserire di ascoltare le sue hits prima di salire sul palco alle volte......

 

 

 

 

 

Share this post


Link to post
Share on other sites

Parlando sempre di Sammet, noto amante della musica anni 80, ma spostandoci nel suo "All Star Project" Avantasia, recuperiamo un'altra cover questa volta niente meno che degli Abba!

 

 

Share this post


Link to post
Share on other sites

Parlando di cover di canzoni già celeberrime, questa versione di Live and Let Die dei Guns'n Roses, pur rispettando molto l'originale, ha un'arrangiamento interessante e molto d'impatto; quando erano in stato di grazia Axl e soci erano capaci di cose meravigliose......

 

 

Share this post


Link to post
Share on other sites

Molti anni fa studiai violino per tre anni. Fu una esperienza solo in parte positiva e mi rimase poco. Tra le cose positive conobbi il lavoro di Astor Piazzolla. Oblivion è il tango più famosi dell’artista (dopo il famosissimo Libertango) questa interpretazione di  Luka Sulic & Stjepan Hause è forse un po’ toppo enfatica, ma è giusto per segnalare il brano. Ci sono tantissime versioni sul Tubo.

 PS se avete il cuore tenero procuratevi un fazzoletto 

 

Share this post


Link to post
Share on other sites

Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Guest
Reply to this topic...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

Sign in to follow this  

×
×
  • Create New...