Jump to content
Sign in to follow this  
***Silk***

Val. La donna. Il rapporto con Jon. Il rango. La strategia.

Recommended Posts

A mio avviso Jon è a tutti gli effetti morto e il suo spirito si è trasferito in Ghost, esattamente come successo a Robb con Grey Wind. Il coma di Bran è un caso a parte, lui è caduto perdendo l'uso delle gambe, è un diverso tipo di trauma rispetto alle ferite mortali subite da Jon e Robb.

 

Val avrà un ruolo nella sua probabile resurrezione.

Share this post


Link to post
Share on other sites

La penso come te sul fatto che Summer abbia contribuito in maniera determinante alla sopravvivenza di Bran in virtù del loro legame telepatico, ma ritengo si tratti di una circostanza diversa da quella di Robb e Jon. Lo spirito di Bran era ancora nel suo corpo, ancorché in un limbo pre-morte, mentre quello di Robb (e presumo anche Jon) ha oltrepassato quel limite e si è trasferito nell'animale di riferimento.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Eh non conosciamo il lato tecnico della cosa ,ed è fatto apposta ,Non dare troppe regole al funzionamento di magia e natura narrativamente aiuta lo scrittore 

Share this post


Link to post
Share on other sites

Tornando alla superstizione di Val verso il Morbo grigio, vorrei aggiungere che questo è considerato un forte stigma anche a sud della Barriera. 

 

In particolare, è meglio descritto finalmente in ADWD, specialmente durante il passaggio a Chroyane. La malattia viene definita come originata dalla maledizione di Garin. Possiamo anche assumere che questa derivazione dalla magia possa non essere giunta al popolo libero oltre la Barriera, anche se è evidente che ci siano contatti tra il popolo libero e i sette regni. Ci sono anche altre varianti di questa leggenda, o almeno dell'origine dello Shrouded Lord ed è interessante quella che Duck racconta a Tyrion:

 

The one that says he's not like t'other stone men, that he started as a statue till a grey woman came out of the fog and kissed him with lips as cold as ice. 

 

Questa storia ricorda molto da vicino caratteristiche degli estranei. Personalmente, oserei dire che il pensiero corre subito alla leggenda del Re della Notte. 

Gli stessi malati per come descritti nel POV di Tyrion rimandano alla mente le movenze degli estranei, per cui credo che la maggiore attenzione data dai Bruti alla malattia possa originarsi in questa similitudine di condizione. 

Anche a Westeros, per gli adulti, le cure proposte non sono molto più clementi. Come ci riporta Tyrion:

 

Axe and sword and cleaver. 

Share this post


Link to post
Share on other sites

E se per caso i figli della foresta avessero creato gli estranei non come arma offensiva, ma come una sorta di vaccino magico nei confronti delle malattie portate dagli uomini (tra le quali il morbo grigio). La cose sarebbe andate storte, non creando soggetti immuni, ma creando degli esseri che sono tutto un altro tipo di creatura completamente differente. Poi un pò come in "Io sono leggenda", in maniera naturale si sono organizzati in dei proto-gruppi sociali.

 

Se cosi fosse, potrebbe in parte spiegare questo atteggiamento nei confronti del morbo grigio da parte di Val, cioè superstizione dovuta ad una situazione che ha portato alla catastrofe in tempi remoti, e che il popolo libero conserva nella memoria come simbolo di morte e di sventura.

Share this post


Link to post
Share on other sites
Il 29/1/2019 at 23:31, Jacaerys Velaryon dice:

La penso come te sul fatto che Summer abbia contribuito in maniera determinante alla sopravvivenza di Bran in virtù del loro legame telepatico, ma ritengo si tratti di una circostanza diversa da quella di Robb e Jon. Lo spirito di Bran era ancora nel suo corpo, ancorché in un limbo pre-morte, mentre quello di Robb (e presumo anche Jon) ha oltrepassato quel limite e si è trasferito nell'animale di riferimento.

 

In effetti il legame metamorfico arriva ad essere d'aiuto anche ad Arya quando viene accecata dai FL a Braavos, quando riesce a vedere tramite i gatti, e lo fa da sveglia, in tempo reale.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Esatto...nessuno degli zombie di R'llhor aveva un 'posto' dove conservarla nell'intervallo di morte.

E nemmeno nessuno dei wight, a parte forse Manifredde (SE è zio Benjen e SE aveva un cucciolo preferito).

Peccato che non sappiamo niente di Varamyr dopo il prologo.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Ho letto questo topic con avido interesse. *-*

Val è uno dei miei personaggi secondari preferiti in assoluto e sì, non siete sole, anche io shippo tantissimo la JonVal.

Molte delle cose che hai scritto le avevo pensate e notate anche io, mentre su altre mi hai fornito un punto di vista nuovo e interessante che ho molto apprezzato! Per esempio, non avevo mai pensato al fatto che Val potesse essere a conoscenza dello scambio Mance-Rattleshirt, ma devo ammettere che il tuo ragionamento regge perfettamente: io ho sempre pensato che l’atteggiamento sottomesso di Val nei confronti di Stannis fosse dovuto a un desiderio di Val di fare il bene del suo popolo tenendolo lontano dagli Estranei, in quanto è logico pensare che si possa ritenere più sicuro e nettamente preferibile venire meno ai propri principi e mostrarsi “sottomessi” a Stannis piuttosto che rischiare di essere rispediti al di là della Barriera con la minaccia degli Estranei alle porte.

Invece quello che hai scritto tu ha senso e penso che farò mia questa teoria!

Riguardo al rapporto con Jon, io ho notato da sempre un'affinità fra i due che me li ha fatti amare come papabile coppia (non solo a livello sentimentale, ma proprio come spiriti e menti affini).

Riguardo allo status di Val, quello che hai scritto è molto interessante: anche io ho sempre pensato che Val avesse un ruolo importante fra la sua gente, ma non sono mai riuscita a darmi una risposta definitiva circa quale potesse essere… la teoria della donna sacerdotessa/portatrice dell’antica sapienza mi piace molto!

Anche io penso (e spero!) che Val finirà per avere un ruolo centrale nel prossimo libro riguardo alla risurrezione/risveglio di Jon. A tal proposito, interessantissimo il ragionamento di Loki!

 

Cita

Diciamo che chiunque sarebbe morto al posto di Jon adesso,  e di Bran a Grande Inverno,  senza la presenza dei metalupi. 

Da notare l' osservazione di Tyrion sui lupi che ululano tutta la notte sotto la finestra di Bran : sembra quasi che lo tengano in vita ! Oppure l' indebolirsi di Bran ogni volta che gli chiudevano la finestra e non poteva sentire gli ululati .

Spettro non è solo il parcheggio temporaneo della mente di Jon (ultime parole :spettro, poveretto invece Robb , ultime parole : vento grigio, che però viene subito fatto fuori anche lui )ma la chiave per la rianimazione, Non , resurrezione, di Jon

 

Non ci avevo mai pensato! Avevo dato per scontato che, con una ferita del genere, Jon fosse morto… non avevo fatto il collegamento con Bran, che essendo precipitato da una torre avrebbe dovuto essere morto anche lui…

Spettro anche io l’ho sempre visto come un tramite per il ritorno di Jon alla vita, ma avevo pensato sarebbe stato solo un tramite per lo spirito di Jon (permettendogli anche di scoprire la propria natura di Metamorfo), ma non avevo pensato a Bran in AGoT e al fatto che la presenza dei lupi contribuisca a tenere in vita il bambino.

Bellissima discussione: dopo finirò di leggere anche l’ultima pagina!

Share this post


Link to post
Share on other sites

Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Guest
Reply to this topic...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

Sign in to follow this  

×
×
  • Create New...