Jump to content
Lord Beric

Coordinate geografiche dei luoghi di ASOIAF

Recommended Posts

14 hours fa, Jacaerys Velaryon dice:

Mi piacerebbe fosse una mia creazione, ma in realtà proviene dal sito UtopiaUcronia:

:stralol: scusa.

 

Stamattina ho cercato un po' di siti anch'io per controllare la fascia "fitoclimatica" di Dorne, e mi sono accorto che le varie cartine che ci sono in giro non sono tutte uguali nella rappresentazione di sothoryos (fondamentalmente perché fare una mappa sulle base di descrizioni testuali è parecchio difficile).

 

Sulla questione ulivi a Dorne e non sull'altopiano (e citando in parte il lungo ragionamento di @Lord Beric comparso adesso, punto 6), direi che il clima dell'altopiano è Oceanico, mentre quello di dorne, considerando le montagne e la lunga insenatura del mare di Dorne, di tipo mediterraneo. Quindi Ulivi si a Dorne e no sull'altopiano.

 

Sulla questione fitoclimatica e latitudine, aggiungo che ci sono variabili che non possiamo conoscere: ad esempio non sappiamo se su planetos ci sia una corrente del golfo che, ad esempio, rende verde il regno unito mentre la groenlandia è (era?) ghiacciata.

 

Sulle proiezioni e in generale sulle coordinate astronomiche sono proprio un po' ignorante, comunque direi anch'io considerando lo sviluppo tecnologico di westeros di non utilizzare Mercatore.

 

Sul punto di tangenza, non saprei, l'equatore è parecchio distante dai territori abitati dai Maestri, quindi potrebbero aver adottato un metodo che comporti meno deformazioni nei loro territori. Anzi, io credo che il punto di tangenza dell'ellissoide (??? sferoide??) sulla proiezione possa essere proprio Vecchia Città.

Share this post


Link to post
Share on other sites
27 minutes fa, Lord Beric dice:

Il punto 3 idem, ma vorrei capire da qualche astrofilo/astronomo qui sul forum se può essere un'assunzione corretta oppure se le maggiori dimensioni (e minore densità conseguente) di Planetos rispetto alla Terra comportano necessariamente un fattore di schiacciamento polare differente.

Io terrei lo stesso fattore...per convenienza ok: diciamo che per quello che sappiamo non abbiamo prove che Planetos sia davvero tanto tanto meno denso, e questa minore densità potrebbe anche essere distribuita tutta in un nucleo meno pesante e sentirsi un po' meno al limite. Stiracchiata lo so ma valida fino a prova contraria :P.

 

Altrimenti dobbiamo comunque ritornare al discorso della gravità totale di Planetos, che sembra uguale alla nostra ma potrebbe anche essere un po' superiore (draghi a parte non ho mai letto nemmeno un accenno a tentativi di volo, nemmeno con un aquilone, magari un motivo è quello XD)

 

Non mi ricordo sinceramente quanto lo schiacciamento ha a che fare con la presenza e le caratteristiche di satelliti e forze di marea + inclinazione dell'asse solo sull'inclinazione dell'asse c'era un topic intero mi sa. Anche lì possiamo partire con un 'quello che NON sappiamo probabilmente si compensa'  

Share this post


Link to post
Share on other sites

Sono riuscito a recuperare gli articoli di Stanford, e se sono veramente interessanti dal punto di vista geologico, purtroppo si basano sull'assunto "nelle mappe la dimensione verticale di Westeros è 10 volte la lunghezza della Barriera quindi Westeros è lungo 3.000 miglia".

 

Questo fa andare un po' in loop il tutto, perché gli studi partono dalla lunghezza di Westeros e dalle fasce climatiche per determinare la latitudine di alcuni punti focali e da lì il raggio di Planetos... tutti fattori che però a loro volta introducono distorsioni nella mappa tali per cui i pixel che servono a fare 300 miglia di arco di parallelo alla latitudine della Barriera non sono gli stessi che servono a fare 300 miglia di arco di meridiano, inficiando quindi il fatto che Westeros sia lungo 3.000 miglia e tutte le conclusioni che ne derivano.

 

Credo che a questo punto l'unica strada sia quella di costruire da zero delle formule che tengano conto di questo effetto di feedback e andare un po' per tentativi...

 

Cerco di tornare quanto prima con alcune proposte per la formula.

 

 

 

PS: l'idea del cilindro secante alla latitudine di Vecchia Città (e alla sua equivalente nell'emisfero sud)  la trovo semplicemente geniale, vale la pena fare una prova con questo tipo di proiezione, anche se complica un po' i calcoli.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now

×