Jump to content
Sign in to follow this  
Neshira

Rilettura AFFC/ADWD

Recommended Posts

Eccomi tornata, sono state due settimane un po' movimentate visto che ho cambiato lavoro. Recupero innanzitutto il capitolo di Tyrion della prima settimana di settembre che mi mancava.

 

ADWD05 - Tyrion

 

In questo capitolo vediamo quanto idiota e indottrinato nel lato peggiore dei Targeryen sia Viserys. 

 

"Viserys might have undone years of planning" Ma planning di cosa esattamente? Secondo me ci mancano ancora diversi pezzi per capire bene i piani di Illyrio e Varys. Vogliono far sposare Aegon e Dany? Incoronare uno e lasciare l'altro come ruota di scorta? Ma chi dei due? Secondo me vogliono la riconquista Blackfyre e puntano ad Aegon Blackfyre. Anche Tyrion capisce che c'è qualcosa che desidera più di oro o castelli.

E ovviamente da Dorne Doran cerca anche di favorire Aegon per metterlo contro a Daenerys e far scoppiare il caos. And chaos is a ladder come ben sappiamo. Ma diamo tempo al tempo. I piani di Illyrio li scopriremo solo vivendo.

 Tornando al capitolo, la Compagnia Dorata conferma i sospetti Blackfyre I suppose. Some contracts are writ in ink, and some in blood. Direi che questa frase riassume tutto. Così come è significativa la precisazione che con la morte di Maelys il Mostruoso è morta la linea MASCHILE di casa Blackfyre. Se ne è discusso a sufficienza di tutto ciò, Serra compresa, quindi mi fermo qui e passo oltre, aggiungendo solo che sono più propensa a credere che di discendenza Targaryen sia lui e non lei.

 

Un minuto di riflessione per il libro The Seven Pointed Star che viene citato. Potrebbe riapparire.

 

 

 

Ora vado con i capitoli della settimana scorsa. Quindi direttamente dall'ultimo romanzo di Jane Austen abbiamo il capitolo di Sansa nella Valle.

 

AFFC10 - Sansa

 

@***Silk*** Anche a me sembra di ricordare che Mance fosse a Winterfell durante il banchetto in onore di Re Robert.

 

"We shall serve him lies and Arbor gold, and he'll drink them down and ask for more, I promise you." Far bere e abbuffarsi una persona quando vuoi distrarla dai dettagli, anche durante un interrogratorio ad esempio, è il trucco più vecchio del mondo. Sappiamo che funzionerà e, attraverso Alayne, abbiamo uno scorcio al modo di agire di Ditocorto. Devo ammettere che più leggo i capitoli di Sansa, più sono curiosa. Trovo anche carino che dopo il matrimonio di Joffrey abbiamo Sansa e Tyrion, i principali sospettati, in due parti diverse del mondo, uno che ci permette di avere qualche scorcio dei barbapiani di Varys e Illyrio, l'altra di quelli di Ditocorto. E' un parallelismo molto carino secondo me, anche se non significa nulla.

In ogni caso Sansa sta imparando il Gioco del Trono da chi quel gioco l'ha inventato e sta imparando molto bene direi. Il fatto che capisca il piano di Ditocorto è notevole rispetto alla Sansa dei primi libri.

 

Il fatto che Sansa non pensi né a Jon né ad Arya l'ho notato anche io, è semplicemente la dimostrazione che si è sempre sentita distaccata da loro, sono sempre stati i diversi.

 

Ditocorto ha qualche problema di ossessione con Cat e con sua figlia, questo è poco ma sicuro. Potrebbe reagire come Viserys con Daenerys se questa dovesse un giorno sposarsi?

 

Comunque amo i capitoli di Sansa/Alayne in questo libro.

 

 

AFFC14 - Brienne.

 

Ammetto che non mi fanno impazzire i capitoli di Brienne.

 

Hyle Hunt secondo me è indubbiamente al soldo di qualcuno, non credo sia messo lì a caso. Secondo voi a chi fa rapporto? Ditocorto? I Tyrell? Qyburn? 

 

Ho trovato molto interessante l'analisi sulla condizione della donna fatta in uno dei commenti precedenti comunque e anche il passaggio con la riflessione di Brienne sulle donne. Secondo voi Lady Catelyn era solo cortese e mascherava le sue opinioni in parte negative su Brienne o davvero la apprezzava per il suo coraggio e magari le ricordava Arya?

 

 

 

Share this post


Link to post
Share on other sites

AFFC21 (Dominio21 - Aryanne)

 

Secondo pov di Dorne dopo quello di ser Arys Oakheart, interessante soprattutto perché ci permette di iniziare a contestualizzare i nobili di Dorne: alleanze, vecchi rancori e nuovi dissidi.

Una volta pagato il debito di sangue generato dal principe Oberyn , gli Yronwood sembrano essere diventati primi alleati dei Martell. Visto che Cletus Yronwood accompagna Quentyn nel suo viaggio a est mi viene da pensare che Doran abbia condiviso parte del suo piano per il restauro dei Targaryen quantomeno con lord Andres Yronwood (attuale lord) . Questo li mette in una posizione interessante, visto che gli Yronwood hanno appoggiato tutte le ribellioni Blackfyre e un certo Aegon sta per mostrarsi.

 

Non è la prima volta che qualcuno pensa di incoronare Myrcella. Qualche capitolo fa era toccato a Tyrion, ora ad Aryanne.

Lo spirito di vendetta verso i Lannister che animava Oberyn e ora fomenta le Serpi delle Sabbie è meno forte in lei. In primis, è la voglia di ottenere ciò che le spetta a spingerla. E quale miglior modo per innalzare se stessa se non estendere la legge di Dorne a tutto il reame?  Peccato che qualcuno l'abbia tradita... 

Ma su tutto il complotto ci sono da dire alcune cose non troppo lusinghiere verso Aryanne.

Innanzitutto i suoi complici: Sylva Santagar e Drey Dalt, per quanto eredi dei rispettivi seggi di famiglia, non hanno sufficiente potere politico-militare per appoggiare la sua rivendicazione al trono di Dorne. Garin degli orfani invece non pare essere nemmeno un combattente

Cita

"E questo è Garin degli orfani, che mi tiene di buonumore"

Scorta piuttosto povera per una futura regina...

 

Capitolo Gerold Dayne. Aryanne stessa ammette di averlo invitato solo per la sua abilità con la spada (e forse anche un po' perché lo desidera). Discendente di un ramo cadetto di casa Dayne, brama la spada dell'Alba e sembra nutrire del rancore verso ser Arthur. E pare avere con il suo soprannome lo stesso rapporto che Jaime ha con il nomignolo Sterminatore di Re.

Sul fatto che possa essere lui la spia di Doran tendo a concordare. Quello che un po' mi lascia perplesso sono le sue motivazioni. Per quanto mi riguarda Stella Nera non ha intenzione di uccidere Myrcella. Ti pare che un cavaliere come lui (che per Aryanne potrebbe battere ser Arys Oakheart, una guardia reale) manca il colpo su una ragazzina spaventata? La morte di ser Arys può servire ugualmente allo scopo: i Lannister non possono perdonare l'assassinio di una guardia reale. Inoltre Dayne non dice mai esplicitamente di voler uccidere Myrcella.

Cita

"Il leone è morto. Chi sa qual è il cucciolo preferito dalla leonessa?"

"Quello che resta nella tana." Ser Gerold estrasse la spada che scintillò al chiarore delle stelle, affilata come la menzogna. "E' così che si inizia una guerra. Non con una corona d'oro, ma con una lama d'acciaio."

"Rimettila nel fodero. Myrcella è sotto la mia protezione. E ser Arys non permetterà che venga fatto del male alla sua preziosa principessa, lo sai bene."

"Quello che so è che i Dayne uccidono gli Oakheart da migliaia di anni"

Ci sono alcuni punti poco chiari in questo scambio.

1. Con "il leone è morto" credo che Aryanne si riferisca a Joffrey visto che ser Arys non le ha ancora detto di Tywin. (spero non ci sia qualche errore di traduzione)

2. Darkstar in nessun momento parla di uccidere Myrcella. Dice solo che il miglior modo per iniziare una guerra è uccidere qualcuno. Tutti siamo tentati di identificare questo qualcuno in Myrcella perché più prossima ma Dayne stava riferendosi a Tommen con "quello che resta nella tana".

3. Perché i Dayne dovrebbero uccidere gli Oakheart da migliaia di anni? Ok, Dorne e l'Altopiano non sono mai stati amici ma High Hermitage e Old Oak (i rispettivi seggi) non sono poi così vicini da giustificare una rivalità millenaria come ad esempio quella tra i Bracken e i Blackwood.

 

Quindi si, Darkstar ha tradito Aryanne, ma non Doran. Anzi ferendo Myrcella e dandosi alla fuga ha permesso al principe di Dorne di avere un capro espiatorio dietro al quale nascondersi in attesa che Dorne sia pronta alla vera guerra contro i Lannister.  

Darkstar is not so dark ^_^

 

Share this post


Link to post
Share on other sites

JON I:

Questo capitolo mi è piaciuto più di quanto mi aspettassi. Si inizia con un sogno da lupo, il primo da ACOK, e si nota subito la particolarità di Spettro: mentre gli altri lupi ululano alla luna, lui cerca di nascondersi da lei. In un libro sugli animali ho letto che l'ululato dei lupi serve a comunicare con gli altri membri dal membro, il silenzio di spettro simboleggia il carattere schivo e introverso di Jon Snow e la sua condizione di bastardo, ma si ricollega anche alla neve. Tuttavia Spettro non è propriamente un lupo solitario, in quanto mantiene un legame molto forte con il suo branco: Nymeria, Cagnaccio e "il lupo grigio che odorava d'estate". A proposito di Cagnaccio, è interessante questo passaggio:

Una gelida pioggia flagellava il suo fratello nero intento a squarciare le carni di un capro enorme, lavando il sangue che gli colava dal fianco, dove il lungo corno della bestia aveva scavato un solco

 

Sappiamo che in TWOW ci saranno gli unicorni (conoscendo Martin è assai probabile che saranno degli unicorni malvagi mangia-bambini), e che questi si trovano proprio a Skagos, è possibile che il capro enorme sia in realtà proprio un unicorno?

 

In ogni caso Jon Snow ha definitivamente preso coscienza della sua natura da metamorfo, e si chiede se la coscienza di Bran e Rickon sia sopravvissuta nei loro metalupi. 

Da notare come in tutto il capitolo si ponga l'accento sul corvo di Lord Mormont:

"Quell'uccello è davvero troppo furbo."

 

Personalmente credo che il corvo sia in realtà Brynden Rivers "metamorfizzato", ma la domanda è: "Perché?"

Alcuni credono che in realtà il Corvo con tre occhi sia un alleato degli Estranei, ciò renderebbe la faccenda del corvo di Lord Mormont estremamente inquietante, tuttavia bisogna ancora considerare che il corvo ha aiutato Jon a diventare Lord Comandante, quindi sembrerebbe che voglia aiutarlo. A meno che l'elezione di Jon Snow non faccia parte del piano dei Figli della Foresta per far cadere la Barriera :huh:

In ogni caso c'è un parallelismo tra Brynden Rivers e Jon Snow: entrambi bastardi Targaryen, entrambi metamorfi, entrambi figli di un Targaryen, entrambi Lord Comandanti dei Guardiani della Notte... sto iniziando a chiedermi se Brynden Rivers non sia una delle tre teste del drago.

In ogni caso anche Brynden ha compiuto un abominio, se è vero che ha mangiato la faccia di Lord Mormont (ma in ogni caso come fa Jon a saperlo?)

In questo capitolo veniamo anche a conoscenza dei piani di Melisandre: bruciare padre e figlio per risvegliare il drago. Molti pensano che "risvegliare il drago" voglia dire resuscitare Jon Snow, ma io trovo più probabile che Melisandre veramente risvegliare un drago perché questo è stato il suo piano dall'inizio. Il problema è che Melisandre non possiede uova di drago, anche se SPOILER FIRE&BLOOD:

Spoiler

Ci potrebbero essere delle uova a Grande Inverno lasciate da Vermax, e Melisandre invia Mance proprio a Grande Inverno 

In ogni caso Melisandre ha visto la morte di Jon e cerca di avvertirla, ma lui niente.

Molto bello anche il confronto con Stannis:

"Dimmi, Snow, chi ti credi di essere?"

"Il guardiano della Barriera, la spada nelle tenebre."

 

Jon Snow si rifiuta di cedere le fortezze a Stannis, con l'eccezione del Forte della Notte, che è proprio il più antico e magico. Jon Snow l'ha scartato perché è il castello più vecchio, o è stato Stannis a insistere per averlo (alla fine di ASOS chiede a Sam di mostrargli il Portale delle Tenebre)?

Share this post


Link to post
Share on other sites

Scusate ma per cause di forza maggiore riesco solo ora a postare il commento il capitolo di Arianne. È uno dei miei preferiti e sapete come sono coi capitoli di Dorne. Comunque mi metto in pari un capitolo alla volta pian pianino in questi giorni. 

 

AFFC21 - The Queenmaker

 

Allora innanzitutto in uno degli ultimi commenti è stato fatto notare come non sia la prima volta che l'idea dell'incoronazione di Myrcella venga tirata in ballo. È stata accennata da Oberyn a Tyrion e da Nymeria (o era Obara?) a Doran. Un'altra cosa che è molto curiosa è la famosa lettera di Doran a Quentyn che Arianne trova. Considerando i tempi, Quentyn aveva circa 9 anni ed era dagli Yronwood. La lettera prima di essere stata spedita sarebbe stata letta dal maestro di Lancia del Sole e da quello degli Yronwood. Oltre al fatto che nei capitoli di Quentyn lui mai fa riferimento al fatto di governare Dorne, quindi la lettera probabilmente mai gli è arrivata. Ah poi non so se sbaglio io, ma il periodo in cui Arianne trova questa famosa lettera, non coincide col periodo della nascita di Myrcella? Segnale che il Queenmaking sia un piano da lungo tempo? Coincidenze? 

 

Comunque arriviamo al dunque. 

"Beneath the burning sun of Dorne, wealth was measured as much in water as in gold, so every well was zealously guarded. The well at Shandystone had gone dry a hundred years before..." 

SPOILER LA SPADA GIURATA

 

La causa di questa siccità in quel territorio, potrebbe essere collagata dalla diga di cui di parla nei racconti di Dunk e Egg? Non è ambientato circa 100 anni prima?

 

 

Capitolo Darkstar. Perché Doran dovrebbe disapprovare Dayne? Forse per la sua poca fiducia in quella casata? 

 

Allora in questo capitolo Arianne dice che la madre di Garin ha visto Quentyn travestito da mercante assieme ad un maestro molto bravo con le lingue. Ora. Se in quel frangente era Quentyn che parlava ed erano tutti travestiti, come cavolo facevano a sapere che il tipo con lui era un maestro e soprattutto che era moto dotato nelle lingue? Non vi sembra troppo specifica come informazione? Come se fosse quello che vogliono far sapere ad Arianne. E quali sono i documenti importanti sigillati che il tipo che irrompe dalla finestra trova? L'unico documento fondamentale che ha, se lo tiene nello stivale. E non da sottovalutare il fatto che a portare le informazioni siano gli orfani, che sono tra i beniamini di Doran. Ma sulle casate fidate o menk ci ritorno dopo esplicando bene. 

 

Arriva Arys e si è vestito in modo assolutamente riconoscibile e vistoso, a che pro? Voleva essere visto perché sa che Myrcella non è davvero Myrcella? E le guardie Lannister che sono arrivate a Dorne con Myrcella che fine hanno fatto? 

Molto significato a riguardo è un dialogo presente nel capitolo. 

"[Rosamund is] A Lannister of Lannisport, not a Lannister of Casterly Rock. Her hair is the same color as mine, but straight instead of curly. Rosamund doesn't truly favor me, but when she dresses up in my clothes people who don't know us think she's me."

"You have done this before, then?" 

"Oh, yes. [...]"

Allora chiede se hanno già fatto QUESTO. Ma questo cosa? Lo scambio in atto in questo momento? Ma si intende quello dove Rosamund si finge malata, sempre sia vero, o quello in atto di Rosamund che sta posando come Myrcella mentre quest'ultima è via perché she's safest if no one knows just where she is. 

Cosa ne pensate? 

 

Chi è il Re Corsaro nelle isole del Basilisco? Probabilmente nessuno di rilevante. 

 

Comunque la domanda è, chi è la spia? Io personalmente mi sento di escludere Darkstar, ha troppo l'aria da capro espiatorio. 

 

P.S.: nel capitolo viene di nuovo nominata una sirena. 

 

 

Comunque avevo detto che avrei fatto un nero su bianco delle casate più leali a Doran. Tutto il masterplan che esplico man mano, comunque, è preso dalla serie di video su YouTube THE DEEPER DORNE di Preston Jacobs. In ogni caso torniamo a noi. 

Le casate che accompagnano Oberyn ad Approdo: Wyl, Manwoody, Blackmont, Fouler, Qorgule, Uller, Jordayne, Toland, Allyrion, Gargalen e Dalt (spero di aver scritto tutti i nomi giusti). 

All'inizio del primissimo capitolo di Dorne, quello di Aero, vediamo Doran che saluta tre bambini, che sono uno della casata Dalt, uno della casata Blackmont e un orfano. Non fidandosi Doran del suo maestro, probabilmente usa questi bambini come messaggeri. Dunque si potrebbe supporre che Orfani, Dalt e Blackmont siano i più fedeli a Doran e parte della rete di comunicazione. 

C'è un altro elemento da considerare. Quando a Dorne arriva Balon Swann ad un banchetto viene fatto un brindisi che ora non ricordo, ma comunque per Tommen o i Lannister o così e però non tutti alzano il calice. Quelle che brindano, per coprire le apparenze, sono Jordayne, Taland, Allyrion e Dalt. Queste casate, dunque, possiamo considerarle fidate, ma non strettamente nel circolo do informazioni. 

Non vengono citate o non risultato citate perché fallito ol test del brindisi Yronwood, Santagar, Vaith e Dayne. 

Comunque vediamo che le più legate a Doran sono principalmente casate di Dorniani discendenti dai Rhonyar, ad eccezione dei Blackmont, che però sono guidati da una donna e hanno un erede femminile, quindi favoriscono le leggi dorniane. 

Share this post


Link to post
Share on other sites

BRAN I:

È il primo capitolo di Bran! :victory::victory:

In questo capitolo Bran compie il suo secondo abominio e incontra anche il branco di Varamyr:

Tre lupi che ora appartenevano al meta-lupo. Il suo branco.

"No" sussurrò il ragazzo "noi abbiamo un altro branco. Lady è morta, e forse anche Vento Grigio, ma da qualche parte ci sono ancora Cagnaccio, Nymeria e Spettro. Ti ricordi Spettro?"

<_<<_<<_<

 

Bran dimostra anche una maggiore intelligenza rispetto a ASOS, infatti si accorge della vera natura di Manifredde. Per tutto il capitolo i nostri si sono chiesti chi è Manifredde, ma la vera domanda è da che parte sta.

A mio avviso ci sono tre opzioni:

1) Manifredde, il Corvo con tre occhi e i Figli della Foresta stanno dalla parte degli umani, contro gli Estranei e i non-morti. A sostegno di quest'ipotesi c'è il fatto che Manifredde ha combattuto contro i non-morti in ASOS e il fatto che la grotta del Corvo con tre occhi sia impenetrabile ai non-morti;

2) Manifredde, il Corvo con tre occhi e i Figli della Foresta stanno dalla parte degli Estranei, contro gli umani. A sostegno di questa ipotesi c'è il tono cupo di questo capitolo (con Jojen che sembra ammettere di essere caduto in una trappola) e il fatto che Manifredde sia praticamente un non-morto. Qualora anche nei libri SPOILER GOT 6:

Spoiler

gli Estranei fossero creazioni dei Figli della Foresta, potremmo pensare a Manifredde come a una "versione alternativa" di Estraneo. Da notare anche che a differenza degli Estranei Manifredde cavalca un alce vivo, e non un animale morto.

3) Manifredde, il Corvo con tre  non stanno né dalla parte degli umani, né dalla parte degli Estranei, ma vogliono vendicarsi di entrambe le fazioni. In questo caso resta da capire:

a) Qual è il loro piano;

b) Come si inserisce Bran nel loro piano;

c) Come si inserisce SPOILER GOT 8:

Spoiler

l'inconorazione di Bran nel loro piano. È il loro obiettivo? I Figli della Foresta vogliono al Gioco dei Troni? Non ci sto capendo più niente, ma la cosa non mi dispiace.

Tra l'altro io non ho ancora abbandonato del tutto la teoria secondo cui Manifredde sia Benjen Stark. 

In fondo non lo abbiamo mai visto in faccia.

Ma se Manifredde fosse Benjen Stark e fosse schierato con gli Estranei, ci potrebbe essere uno scontro con Jon Snow! :wacko:

Share this post


Link to post
Share on other sites

SAMWELL I:

Questo capitolo mi è piaciuto molto. Il dialogo con Jon Snow è molto bello, e ci mostra anche l'affetto di Jon Snow verso Bran e Rickon e il rancore che prova verso i Lannister:

"Io voglio gettare sui Lannister morte e distruzione, non vergogna"


Jon invia Samwell alla Cittadella, Sam rifiuta dicendo che ha paura del sangue, ma la vera ragione è che Randyll non vuole che suo figlio porto una catena (e quando Sam l'aveva proposto, gli ha dato una punizione in stile Tywin). Da un lato quindi i Maestri sono un'élite potentissima, dall'altro molti Lord si oppongono all'idea che i loro figli prendano questa strada. Oltre a Randyll Tarly abbiamo anche Maekar, il padre di Maestro Aemon, e SPOILER FIRE&BLOOD:

Spoiler

lo stesso Jaehaerys il Conciliatore.

Divertente anche il fatto che Jon dice che Sam potrà esercitarsi con l'arco anche alla Cittadella. Prevedo grandi amicizie tra Sam e Alleras/Sarella alla Cittadella, prima che SPOILER TWOW:

Spoiler

Euron arrivi e li ammazzi tutti

Molto interessante anche il discorso che fa Sam sulle fonti sulla Lunga Notte e sulla loro attendibilità. È un problema che si pone anche per la storia antica, e si è visto come non sempre le fonti tarde vadano scartate a priori, di conseguenza l'eccessivo scetticismo della Cittadella non è un atteggiamento saggio. 

Nel frattempo la faccenda del Corvo di Lord Mormont si fa ancora più inquietante:

Quando Sam entrò, Jon stava leggendo una pergamena. Il corvo appartenuto al lord comandante Mormont era appollaiato sulla sua spalla, e gli occhi di ossidiana scrutavano in basso come se anche lui stesse leggendo

 

Il saluto finale è veramente struggente, ma temo che possa essere un addio definitivo. Bello questo passaggio su Gilly:

"Ha più coraggio di quanto non dia a vedere"

 

Interessante anche il brano de Il Compendio di Giava che Maestro Aemon ha evidenziato per Jon Snow. Alla fine Jon lo ha letto? Qualcuno se lo ricorda?

 

JON II:

Questo capitolo ricalca molto il precedente e perciò ho deciso di commentarli insieme, tuttavia si nota la differenza di punti di vista. Per esempio la digressione dotta di Sami viene sostituita da questa riflessione di Jon:

Parlare di seni, metteva Sam visibilmente a disagio, e all'improvviso iniziò a parlare di storia, e dei giovani lord comandanti vissuti e morti secoli prima.

:stralol:

 

Si capisce anche che Jon pensava di rendere felice Sam mandandolo alla Cittadella. Il loro rapporto è più che mai ambiguo: da un lato Jon si comporta come un suo superiore, con freddezza e distacco, dall'altro si preoccupa per lui e continua a proteggerlo, da un lato mette in pericolo il bambino che lui ha salvato, dall'altro vuole garantire al piccolo di Gilly un'istruzione in onore di Sam. 

La parte più interessante è l'incontro con Gilly (personaggio sottovalutato), in cui emerge l'affetto che lei prova già per il piccolo Aemon. Significativo è anche questo passaggio su Val:

Val ha implorato il re di risparmiarlo. Ha detto che è disposta a sposare un suddito e non gli taglierà la gola, basta che lui può vivere

 

Si nota la differenza con Ygritte, che invece era molto chiusa nel suo disprezzo verso i "sottomessi".

Lo scambio dei bambini da un lato ci mostra un Jon più dark e machiavellico, dall'altro ricorda anche ciò che Ned ha fatto con Jon: Aemon Steelsong verrà cresciuto come bastardo e la sua vera identità sarà nascosta (a tal proposito c'è un video su YouTube del Mondo del ghiaccio e del Fuoco sulle analogie tra Jon e il piccolo Aemon). Ciò potrebbe essere utile utile quando Jon scoprirà i suoi natali: inizialmente proverà astio nei suoi confronti, ma allo stesso tempo la sua coscienza gli ricorderà cosa ha fatto. D'altronde in questo capitolo i riferimenti a Ned si sprecano: si inizia con lui che pulisce la spada e si finisce con lui che decapita personalmente Janos Slynt. 

Per quanto riguarda il bambino di Gilly ho letto una teoria secondo cui verrà bruciato da Melisandre per resuscitare Jon. Spero non sia così, ma il sogno in cui bambini vengono decapitati da Jon potrebbe anche essere profetico: il figlio di Gilly potrebbe morire a causa di Melisandre e il piccolo Aemon a causa di Randyll o SPOILER TWOW

Spoiler

di Euron:shock:

Non ci voglio minimamente pensare.

Molto commovente la scena tra Jon e Maestro Aemon, non solo per il riferimento a Egg (), ma anche per il gesto di Aemon di sfiorare il viso di Jon Snow:

"Egg aveva nel profondo un'innocenza, una delicatezza che noi tutti amavamo" [...] Il vecchio aveva sfiorato il volto di Jon Snow. "Tu hai la metà degli anni che aveva Egg, e il tuo fardello è ancora più crudele, temo. [...] Uccidi il ragazzo che è in te, Jon Snow. L'inverno incombe su di noi. Uccidi il ragazzo che è in te e permetti all'uomo di nascere."

<_<<_<<_<

 

Penso che Jon si sentirà distrutto quando saprà della morte di Maestro Aemon, specie quando saprà delle sue origini e vorrà confidarsi con l'unico Targaryen che conosce. Tra l'altro io credo che se Rhaegar aveva già scelto un nome per Jon quello sarà Aemon, per i seguenti motivi:

1) Tradizionalmente Aemon è il nome del secondogenito;

2) Rhaegar era vicino a Maestro Aemon, con cui condivideva la passione per le profezie;

3) Potrebbe essere un'anticipazione SPOILER GOT 8:

Spoiler

del destino di Jon Snow: rinunciare alla corona e partire per il Nord. Se poi risultasse vera la teoria secondo cui Hodor è discendente di Dunk avremmo il triangolo Hodor-Bran-Jon che in qualche modo allude al triangolo Dunk-Egg-Aemon delle novelle.

 

Share this post


Link to post
Share on other sites

Rieccomi!

Scusate, ero rimasta un po’ indietro, adesso mi rimetto in pari coi 3 POV nuovi e con un po’ di commento ai post precedenti.

Intanto grazie a @Figlia dell' estate che mi ha ricordato il debito di sangue tra Martell e Yronwood! Certo una cessione su queste basi mi fa presumere che ambo le parti possano lecitamente aspettarsi che a un certo momento il povero ostaggio possa essere seccato...

 

Il 16/9/2019 at 19:25, Figlia dell' estate dice:

tratti valyriani di Gerold (comuni anche ad altri Dayne) fanno pensare: alcuni sostengono che i Dayne risalgono a un antica stirpe proto-valeriana dell'Età dell'Alba, ma io penso che il loro aspetto derivi da un matrimonio recente con i Targaryen (magari con una delle sorelle di Egg, considerando anche che la moglie di Maekar era una Dayne), o con i Martell ( i quali hanno sangue Targaryen). La prima ipotesi spiegherebbe anche la vicinanza tra Arthur e Rhaegar.

Notare che Gerold sembra quasi geloso del fatto che Arthur abbia ricevuto Alba, secondo alcuni il suo obiettivo è rubare la spada.

Non sono del tutto sicura che sia stato lui a fare la spia: se il suo obiettivo era uccidere Myrcella perché aiutare Doran? Come poteva prevedere che ci sarebbe stato un momento di confusione che gli avrebbe permesso di agire?

 

I Dayne sono considerati Primi Uomini. La questione proto Valyriana potrebbe anche avere un senso, le teorie più acclamate li vorrebbero discendere da YiTi, la amethist emperess, etc. Sicuramente sui Dayne, Martin ci dice poco apposta, non sappiamo neanche il motto... e Gerold ci lascia intendere che la reputazione di Arthur è una goccia d’acqua nell’oceano della storia e rilevanza della casata. Mi viene da chiedermi se non ci sia una parte anche per l’oro nella battaglia dell’alba, o se si tratti solo di un red herring. Vedremo...

Per quanto riguarda, l’aspetto dei Dayne ero convinta che si potesse evincere da stralci di testo qualcosa, ma al momento non trovo nulla. Escluderei che i loro tratti da dragonlords derivino dai Martell, altrimenti li troveremmo anche tra i Martell stessi ma non è questo il caso. Ho dei dubbi anche sul matrimonio recente coi Targaryen. La teoria proto-Valyriana non mi dispiace per quanto si legge in TWOIAF attribuito a Septon Barth: secondo lui dei dragonlords si erano installati a Westeros già in tempi molto più antichi rispetto alla venuta dei Targaryen, poiché i loro sacerdoti avevano predetto che il doom of men sarebbe arrivato da Westeros. Forse è un po’ poco, ma Barth è attendibile. XD

 

Una teoria alternativa sulla spia che non concorda con la mia è quella che vede in Drey la spia per questioni di convenienza ereditaria. Potrebbe starci.

Share this post


Link to post
Share on other sites
Il 20/9/2019 at 17:16, Lady DragonSnow dice:

sono più propensa a credere che di discendenza Targaryen sia lui e non lei.

Temo di essere d’accordo.

 

Il 20/9/2019 at 17:16, Lady DragonSnow dice:

Hyle Hunt secondo me è indubbiamente al soldo di qualcuno, non credo sia messo lì a caso. Secondo voi a chi fa rapporto? Ditocorto? I Tyrell? Qyburn? 

A istinto, direi o Ditocorto, o Tyrell. Spero che lo si capisca più avanti!

 

Il 20/9/2019 at 17:16, Lady DragonSnow dice:

Secondo voi Lady Catelyn era solo cortese e mascherava le sue opinioni in parte negative su Brienne o davvero la apprezzava per il suo coraggio e magari le ricordava Arya?

Credo si fosse creato un sodalizio casuale obbligato dovuto al contesto della morte di Renly da cui Cat abbia potuto apprezzarla per il coraggio e la lealtà. Non credo le ricordasse Arya, o almeno da ciò che ricordo dal testo non mi pare. L’unico commento negativo lo aveva fatto definendoli cavalieri dell’estate, ma valeva per la maggior parte della corte di Renly, che aveva trovato futile e idealista, ben lontana ancora dalla realtà della vera battaglia.

 

Il 23/9/2019 at 23:24, Lady DragonSnow dice:

Allora chiede se hanno già fatto QUESTO. Ma questo cosa? Lo scambio in atto in questo momento? Ma si intende quello dove Rosamund si finge malata, sempre sia vero, o quello in atto di Rosamund che sta posando come Myrcella mentre quest'ultima è via perché she's safest if no one knows just where she is. 

Cosa ne pensate?

Al momento è un dubbio che ho anche io quale sia la vera Myrcella, ma non avendo bene presenti i dettagli dei prossimi POV non riesco ancora sbilanciarmi per l’una o l’altra opzione.

 

Il commento ai nuovi POV arriva a breve! Stasera ho fatto tardi. XD

Share this post


Link to post
Share on other sites

ADWD 03 - Jon I

Ha ragione Varamyr nel riconoscere che il potere di Jon da metamorfo è grande: in Ghost riesce a percepire Nymeria, Shaggydog, e Summer dalla distanza. Ma ha anche ragione nel riconoscerne il mancato addestramento, perché si limita a chiedersi se i suoi fratelli creduti morti proseguano la loro vita nel loro lupo, se fosse addestrato dovrebbe essere in grado di percepirli, proprio come fa Bran nel POV successivo trovandosi di fronte a Varamyr in One Eye.

 

Il corvo di Mormont viene da chiedersi se sia metamorfizzato da BR, o no. E il sovrapporsi dell’essere in Ghost e del risveglio col corvo rende molto rarefatto il confine tra chi abbia pronunciato snow durante il sogno di lupo: era il corvo, o qualcos’altro in presenza di Ghost?

 

Sempre sulla questione di genere del tempo. Per quanto totalmente in linea con il contesto, è inquietante il modo di essere della maggior parte dei soldati: gli uomini erano uomini e quelle erano le uniche donne nel giro di miglia. Non ci sono distinzioni: uomini del re, della regina, confratelli. Tutti ridotti a una sorta di stato animalesco primordiale dell’accoppiamento.

 

Interessanti le frasi riportate di Maester Aemon:


“There is power in a king’s blood,” the old maester had warned, “and better men than Stannis have done worse things than this.”


Questa è quella che ha fatto diffondere le teorie relative ai possibili accadimenti di Sala dell’estate e addirittura il tema relativo al fatto che il rito andato storto potesse comprendere il sacrificio di alcuni Targaryen, tra cui il povero piccolo Maegor, per volere di Egg.

 

Stannis sa che i bruti seguono solo Mance e afferma di aver parlato con lui a lungo e di averne apprezzato l’intelligenza. Ricordiamocelo perché sono convinta che Mance, Val, Stannis, Mel e alcuni capi dei bruti tramino qualcosa vista la missione di Abel e le spearwives.
Altra cosa interessante i gdn hanno ceduto il Nightfort a Stannis: re della Notte 2.0? Punto o su di lui o su Jon.

 

A differenza del corvo, Melisandre dice di poter parlare a re del passato e bambini che devono nascere, le fiamme non sbagliano mai, ma sono i loro interpreti che talvolta sbagliano ad interpretare ciò che verrà, pensando che si tratti di una possibilità. Questo vale per la sconfitta di Stannis alle acque nere per mano dell’armatura di Renly. Ma se andiamo a vedere le visioni di Dany alla Casa degli Eterni, sembra che esistano anche visioni inerenti al may più che al must come, come quella di Rhaego che non potrà più avvenire perché morto nel rito della Maegi. A dire il vero, sappiamo anche che Bran può parlare nel tempo attraverso gli alberi: ci è riuscito con Jon e con Theon, se ben ricordo, certo non sono personaggi a lungo andati come Daeron e Shiera. Mi chiedo se BR a riguardo dica la verità... 
Il potere di Melisandre è percepibile, Jon sente il calore che emana, provocazione: che sia lei lightbringer? Alla fine secondo maester Aemon deve emanare calore…
Melisandre ha visto la morte di Jon nelle fiamme probabilmente e cerca di avvertirlo e quando lui fa orecchie da mercante lo affonda con un bel you know nothing.

 

 

 

ADWD 04 – Bran I
Coldhands: mi chiedo se non possa essere BR wargato anch’egli. Non so. Sicuramente è nello stormo di corvi che accompagna il loro cammino.
Carne morta, sangue secco, un leggero sentore di decomposizione e freddo. È un morto vivente. Però è diverso dagli altri zombie che abbiamo incontrato. 


Chiaramente la cosa più importante è che Bran arrivi sano e salvo a BR.
Bran nonostante non sia ancora arrivato a BR, fa concorrenza a Varamyr seipelli. Passa più tempo nei corpi di Summer e Hodor che nel suo: e Hodor sarà pure un abominio ma è anche una dimostrazione del suo grande potere.
Difatti percepisce Varamyr in one eye. 
E lo vediamo anche compiere un altro abominio, oltre al possedere Hodor. La cosa interessante è che i corvi lo osservano mentre lo compie quindi, se è vero ciò che ci dice Varamyr, che tra metamorfi si percepiscono, e in effetti i due lupi si percepiscono, si potrebbe desumere che almeno BR sia in grado di percepire Bran in Summer mentre mangia carne umana e anche mentre è dentro Hodor. 
 Interessante il finale in cui BR viene definito da Bran un mostro, a cui Coldhands rimarca il tuo mostro, concetto rimarcato anche da Jojen che afferma ineluttabile di dover proseguire il viaggio verso il mostro di Bran perché non riuscirebbero a tornare indietro vivi ormai.

 

AFFC 05 - Samwell I

Draghi. Interessante l’inserimento del breve excursus su questi animali alla barriera, Queen  Alysanne e King Jaeharys. Da FaB sappiamo che silverwing si rifiuta di oltrepassare la barriera. Qua non se ne fa menzione.
Interessante anche il rimando alle uova di drago a Nord e a Roccia del drago.
Ma tutto ciò che i Targaryen hanno ricevuto dal tentare di riportare in vita i draghi si è rivelato essere una farsa o una tragedia, basti pensare a Aeron Brightflame, o a Summerhall (e questo pensiero ci era già venuto nel POV di Jon). Tutti i Targaryen tranne Danaerys, anche se il ritorno dei draghi è stato comunque costellato dalla tragedia: la morte di Rhaego, di Drogo, di Mirri arsa viva. A dire il vero anche dalla farsa, se pensiamo al sacrificio di Rheago per la vita-non vita di Drogo. 
Il sangue di un re per svegliare il drago: è l’incantesimo che Melisandre vuole compiere, usando Mance. Ora sapendo che questa è una farsa, come pensa Mel di svegliare davvero il drago? È un diversivo, oppure ha qualcosa/qualcun altro in mente? Se Mance è vivo non può neanche scalare al figlio come gli altri sospettano. 

 

Jon ha saggiamente ristabilito la pratica dell’arco, vista la composizione della confraternita e probabilmente visto anche che è più plausibile riescano ad avere molte frecce di ossidiana, piuttosto che lame di Valyria. Nonostante cerchi di lavorare duro ed essere esemplare, i suoi amici soffrono e criticano la sua assenza da amico. Il suo ruolo di comando lo allontana anche dai suoi sostenitori.
Vuole vendicarsi dei Lannister e questo lo porta un po’ a convincersi delle potenzialità di Stannis. Diciamo che i due si tollerano perché hanno chiaro di avere bisogno l’uno dell’altro.

Sam sa che Bran è vivo ma non informa Jon, mi chiedo se questo in futuro possa determinare una frattura tra i due...

Notevole il livore e la preoccupazione con cui Gilly saluta Jon, ma la cura con cui mantene in qualche modo il segreto per proteggere il suo vero figlio che resta alla barriera. Amara anche la considerazione che fa Jon sul primo incontro con Gilly, non era Ghost di cui doveva temere infine, ma il suo stesso padrone a cui al tempo si era rivolta perché salvasse suo figlio da Craster e che finisce per essere colui che glielo toglie.

 

Interessanti i dubbi che Sam porta sugli antichi resoconti, tramandati millenni dopo dagli andali. Ancor più interessante il numero che desume dalla lista rinvenuta di lord commander: Jon non sarebbe il 998, ma il 674. Ma non capisco a cosa alludesse quando stava per affermare che il nome più vecchio della lista risale a un evento specifico. Voi avete qualche idea?
Gli estranei sono vulnerabili al fuoco e all’ossidiana. Riporta inoltre che la spada dell’eroe è fatta di acciaio di drago.

Per la partenza, maester Aemon ha fatto prendere a Sam anche una serie di libri di cui pensa che la cittadella sia mancante: buono perché prima o poi Sam potrebbe leggerli, ma anche perché qualcosa potrebbe saltare fuori più avanti alla barriera visto che il 75% pare che Sam non lo abbia rinvenuto.

 

Certo col senno di poi è terribilmente commovente leggere Maester Aemon che dice:


“It is always warm in Oldtown. There is an inn on an island in the Honeywine where I used to go when I was a young novice. It will be pleasant to sit there once again, sipping cider.”


(Abbiate pazienza ma il maestro è stato il primo personaggio che abbia davvero amato delle cronache)
Lascia anche un passaggio del jade compendium evidenziato per jon:


 “Knowledge is a weapon, Jon. Arm yourself well before you ride forth to battle.”


Questo rapporto tra i due e alcune battute dei tomi passati mi fanno essere convinta che il vero nome di Jon sia proprio Aemon.

Share this post


Link to post
Share on other sites

THEON I:

Questo capitolo si intitola Reek. Theon ha raggiunto il suo punto più basso: non ricordavo che fosse costretto a mangiare i topi:

"No" pensò "per favore, sacri dei, non adesso, non adesso." Ci aveva messo così tanto a catturare quel topo. "Se lo trovano, me lo portano via e poi lo vanno a riferire, e lord Ramsay mi fa del male."

 

Ormai tra lui e Ramsey si è stabilito un rapporto malsano:

Finora aveva perso due dita della sinistra e il mignolo della destra, ma solo l'ultimo dito del piede destro con tre del sinistro. A volte Ramsey scherzava sulla necessità di riequilibrare le perdite . "Il mio lord sta solo scherzando" cercò di convincersi. "Non vuole farmi del male, me l'ha detto, lo fa solo quando gliene do motivo." Il suo lord era misericordioso e gentile.

 

Allo stesso tempo è significativo che lui trovi più difficoltà a ricordare il nome Reek che non la sua vita precedente, segno che il lavaggio del cervello di Ramsey non ha funzionato del tutto.

Mi ha anche colpito il disprezzo che gli altri due lord mostrano verso Theon:

"Avresti fatto meglio a tagliargli la gola" disse il lord con la cotta di maglia. "Un cane che si rivolta contro il padrone merita solo di essere scuoiato."

 

Vediamo inoltre che, proprio come Aeron, Theon è terrorizzato dal chiavistello. Questo dettaglio avvicina Theon allo zio, e infatti sappiamo che l'Aeron pre-conversione era molto simile al Theon pre-Ramsey.

 

P.S: Se voi volete possiamo prenderci un'altra pausa o diminuire il numero di capitoli settimanali. Per me è uguale.

Share this post


Link to post
Share on other sites
6 hours fa, Figlia dell' estate dice:

P.S: Se voi volete possiamo prenderci un'altra pausa o diminuire il numero di capitoli settimanali. Per me è uguale.

 

Sì, hai ragione, e mi scuso se non riesco proprio a seguire il ritmo.

Sono inchiodato ancora ai capitoli di Sansa mentre qui si sta arrivando ad alcuni dei capitoli più belli e densi di avvenimenti e dicose importanti. Anche a me Maestro Aemon e in genere i capitoli dei/sui maestri piacciono molto. Aemon è un gran personaggio.

 

Spero di riuscire a rimettermi non dico in pari, ma almeno "in moto", la settimana prossima.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Eccomi qui ad iniziare il recuperone di tutto quello che mi sono persa. Scusatemi, ma tra cambio lavoro e semi trasferimento sto impazzendo qui.

Comincio con tutto quello che ho lasciato in sospeso e conto di recuperare in questi giorni.


 

ADWD03 – Jon

@Figlia dell' estate molto interessante la tua teoria sul fatto che la bestia sia un unicorno. Non ci avevo mai pensato! In realtà non ricordavo questo passaggio. Comunque per completezza metto il passo anche in inglese "A wild rain lashed down upon his black brother as he tore at the flesh of of an enormous goat, washing the blood from his side where the goat's long horn had raked him."

In questa frase ci sono due cose che non mi quadrano. La prima: per quanto sia grande, come si fa a scambiare una capra con un cavallo? La seconda: le capre non mi risulta abbiamo corna particolarmente lunghe, perché specificarlo? Questo per dire che è un unicorno di Schrodinger, potrebbe come non potrebbe esserlo. A me personalmente la teoria piace molto.


 

Per quanto riguarda la parte sotto spoiler di F&B, io non l'ho ancora letto, forse @***Silk*** ha qualcosa da aggiungere a riguardo. Però non la vedo improbabile come cosa comunque.

In ogni caso Melisandre non la capirò mai fino in fondo.


 

Per quanto riguarda il corvo, io ho sempre pensato che non fosse un semplice corvo, ma che ci fosse dietro Brynden o comunque qualche altro tipo di magia. Sul parallelismo meh, forse sono più propensa a credere che la terza testa di drago potrebbe essere Bran più che Brynden, perché ne assume il ruolo. Però se devo essere sincera io sono fermamente convinta che la terza testa di drago sia Griif il giovane, mi sembra abbastanza boh, scontato?

In ogni caso credi davvero che i Figli della Foresta vorrebbero far crollare la Barriera? Perché dovrebbero? Non credo comunque che l'elezione di Jon Snow sia stata truccata da qualcuno.


 

P.S.: Leggendo la frase "Laws should be made of iron, not of pudding" mi è venuto da ridere pensando a Stannis che dice pudding.


 


 

ADWD04 – Bran


 

Allora su questo capitolo ho poco da dire. Continuo a pensare che Manifredde = Benjen sia un po' stupida come cosa, in ogni caso credo che Coldhands sia un prodotto di qualche esperimento da parte dei Figli della Foresta sugli umani,

@Figlia dell' estate anche secondo me BR è nello stormo di corvi che accompagna il loro viaggio.


 

@figlia osservavo il tuo elenco sulle possibili alleanze di BR, personalmente credo che sia lui che di FdF siano dalla parte degli umani contro gli Estranei. Che siano una lega a sè rispetto alle altre fazioni è molto carina come idea, ma sinceramente non so dove un plot twist del genere possa portare.

Share this post


Link to post
Share on other sites

ADWD03 (Guerrieri03 - Jon)

 

Per riprendere il filo della storyline del nord sono andato a rileggere gli ultimi pov della Barriera di ASOS.

Jon, grazie all'astuzia di Sam, è diventato lord comandante dei Guardiani della Notte. Nel momento in cui sembrava propenso ad accettare l'offerta di Stannis di diventare Jon Stark, l'arrivo di Spettro gli ha ricordato chi è.

Ormai Jon è consapevole dei suoi poteri da metamorfo e riesce anche ad interpretare i sogni di lupo. Spettro è fuori a caccia e percepisce i suoi fratelli ancora in vita dando a Jon una visione di quello che sta accadendo in altre parti del continente. Spettro riesce perfino a capire che Estate è a nord della Barriera. 

 

Il discorso con Stannis dimostra che Jon Snow è pronto per il ruolo per il quale è stato scelto e nasconde anche una certa astuzia quando vende a Stannis la storia di Gilly e del piccolo di Mance. Lato di Jon estremamente sottovalutato dalla serie.

Jon ha le capacità per trattare con un re ed uscire vincitore dallo scambio.

Interessante come Stannis abbia passato ore a colloquio con Mance Rayder. L'unico vero re non lascia niente al caso. Sa bene che Mance può essergli molto utile, come lo sa Jon, ma sa anche che concedergli il perdono istigherebbe altri a seguire le sue orme. Per questo credo che sia complice dello scambio con Rattleshirt.

 

Il capitolo si chiude con l'avvertimento di Melisandre. Avvertimento che Jon prende piuttosto alla leggera perché scettico riguardo ai poteri di Melisandre. Più che gli avvertimenti quello che Melisandre davvero cerca di fare è conquistarsi la fiducia di Jon dimostrandogli che sa cose del suo passato che non dovrebbe conoscere. Le parole di Ygritte hanno un significato molto profondo per Jon, visto che le ricorda quasi in tutti i pov. Il fatto che a pronunciarle sia un'estranea per quanto inquietante deve avere un certo effetto.

 

 

ADWD04 (Guerrieri04 - Bran)

 

Manifredde continua a guidarli verso il profondo nord e la caverna del corvo con tre occhi. Il gruppo è scortato da uno stormo di corvi che sembrano comunicare con il ranger. Chiaramente Bloodraven sta seguendo il percorso di Bran con attenzione. Ma perché si serve di un morto per scortare la persona che dovrà imparare come salvare il mondo dai morti? La risposta più plausibile sarebbe che... SPOILER SERIE TV

Spoiler

Manifredde è in realtà Benjen Stark e i figli della foresta lo hanno in qualche modo salvato per servirsi di lui.

 

Manifredde lascia il gruppo per occuparsi di alcuni inseguitori che Bran scopre essere dei guardiani della notte. Plausibile che il ranger uccida quelli che una volta erano i suoi confratelli per impedire che possano ostacolarli. Ma cosa ci fanno dei guardiani della notte così a nord? Non ricordavo ci fossero ranger in missione.

Bran nel frattempo continua a compiere abomini. Scivola in Hodor quando gli pare e cacciando con Estate si ciba proprio dei guardiani della notte uccisi da Manifredde.

 

Quando i ragazzi scoprono che Manifredde è un non-morto (non che il ranger lo nasconda eh) cominciano a diffidare di lui e anche del corvo con tre occhi dal quale li sta portando. Tutti tranne Jojen nonostante la spiegazione di Manifredde su chi sia davvero il corvo non è per niente chiara. 

 

 

AFFC05 (Dominio05 - Samwell)

 

Per ordine di Jon, Sam sta scavando negli annali dei guardiani delle notte e tra i libri antichi del Castello Nero alla ricerca di più informazioni possibili sugli estranei. Dal suo rapporto le informazioni che ha messo insieme sono piuttosto esaustive.

1. Gli Estranei arrivano quando c'è il gelo o sono loro a portarlo e odiano la luce del sole.

2. Cavalcano animali morti.

3. La loro armatura non può essere scalfita da lame convenzionali e le loro spade disintegrano l'acciaio.

4. Il fuoco li spaventa e sono vulnerabili al vetro di drago.  

5. L'ultimo degli eroi li combatteva usando una spada in acciaio di drago, probabilmente acciaio di Valyria.

In pratica le uniche cose che non sanno sono: da dove vengono e quali motivazioni li spingono. 

 

Paradossalmente, scopriamo più cose su Jon Snow in questo pov di Sam che in quello precedente di Jon stesso.

Jon ha iniziato a comportarsi diversamente con i suoi amici ora che è il loro lord comandante memore di uno degli insegnamenti di suo padre. "Un lord può voler bene ai suoi uomini ma non può essere loro amico perché un giorno potrebbe essere costretto a metterlo a morte". 

Per Grenn e Pyp, si è semplicemente montato la testa ma Samwell è abbastanza sveglio da capire che c'è dell'altro.

 

Jon sta facendo quello che Ned Stark ha fatto con lui. Sta proteggendo il figlio di Mance Rayder da Stannis esattamente come Ned difese lui da Robert, facendolo passare come il bastardo di qualcun altro. Ma sotto tutti gli inganni e le bugie, quello che sta facendo davvero è mettere al sicuro il suo migliore amico e la sua famiglia. Jon sa che l'inverno arriverà prima che Sam possa forgiare la sua catena e tornare al nord ma lo costringe comunque ad andare. Ha pensato addirittura a come sistemare Gilly.

 

Cita

"Che tu possa avere un viaggio rapido e sicuro. Abbi cura di lei, del bimbo e di Aemon" Jon sorrise, un sorriso strano e triste. "E tira su il cappuccio. I fiocchi di neve ti stanno bagnando i capelli"

Jon sta perdendo il suo migliore amico. Gli sta probabilmente dicendo addio ma si preoccupa comunque per lui più che per se stesso. 

Questo velo di malinconia mi ricorda l'aura che circonda la figura di Rhaegar. Entrambi amati da tanti, ma comunque soli nell'andare in contro al proprio destino. 

Share this post


Link to post
Share on other sites

Bentornati! :D:D

@Lady DragonSnow: L'idea che i Figli della Foresta fossero alleati degli Estranei mi era venuta dalla visione di Melisandre e dal topic su Bran e la fiaba, dove si notavano alcune analogie tra Bloodraven e l'antagonista delle eroe nelle fiabe. Leggendo meglio però, mi sembra improbabile che i Figli della Foresta vogliano far cadere la Barriera, visto che in tempi antichi rifornivano i Guardiani della Notte di ossidiana. In ogni caso il rapporto tra la Casa Stark e i Figli della Foresta è più ambiguo di quanto sembri. Leggendo TWOIAF possiamo osservare che SPOILER:

Spoiler

Da un lato Bran the Builder è presentato come l'artefice dell'alleanza con i Figli della Foresta, dall'altro gli Stark sono considerati responsabili della cacciata dei giganti dal Nord e di numerose stragi di metamorfi e Figli della Foresta (in particolare la strage di Punta del Drago Marino).

 

JON III:

In questo capitolo c'è il finto rogo di Mance. Col senno di poi appare evidente lo scambio di persone, ci viene letteralmente urlato in faccia. Stannis appare piuttosto contrariato quando Jon fa scoccare le frecce per uccidere Mance e si nota anche la profonda diffidenza di Jon verso Melisandre e i suoi riti. Sappiamo che una delle ragioni per cui non accetta l'offerta di Stannis risiede nel suo legame con gli dei del nord e gli alberi-diga. Tuttavia è molto accorto a non far scoppiare "guerre di religione" alla Barriera:

"Prendersi gioco delle preghiere degli altri, Pyp, è sciocco. E pericoloso."

 

In questo capitolo c'è il primo confronto tra Bowen Marsh e Jon Snow. Il consiglio di Bowen ha una sua logica strategica, in quanto sappiamo che il punto debole della Barriera è proprio il tunnel, tuttavia presenta due problemi. Il primo di natura morale, in quanto vuol dire abbandonare al loro destino tutti i bruti, il secondo di natura pratica in quanto vuol dire la fine delle spedizioni oltre la Barriera, che sono la principale funzione dei ranger. Difatti la Barriera è stata costruita per permettere il passaggio ai Guardiani, sia attraverso il tunnel sia attraverso il Portale delle Tenebre. Alcuni ritengono che l'originaria funzione del Portale era legata a sacrifici umani, simili a quelli compiuti da Craster, personalmente non so.

Jon si isola sempre di più dai suoi amici, è una scena che spezza il cuore, soprattutto perché Grenn aveva cercato di mettere fine alla discussione tra Jon e Pyp, dimostrando di essere uno dei più leali Jon, ma lui rifiuta di pranzare con loro e in seguito li spedisce in altri castelli. Mi chiede se sia stato saggio allontanare le persone fidate e tenere al Castello Nero personaggi come Bowen Marsh, anche considerando la fine di ADWD. Inoltre mi chiedo quale sarà la reazione Grenn e Pyp alla morte di Jon: Faranno scoppiare una rivolta? Si sentiranno in colpa per non aver potuto aiutare Jon? E dopo la resurrezione (o il risveglio dal coma) i rapporti si ricuciranno oppure considereranno Jon un mostro?

Se nei precedenti capitoli Jon sembrava aver accettato la sua natura di metamorfo, in questo capitolo mostra ancora delle resistenze:

Jon sentì in bocca il sapore del sangue caldo e capì che quella notte Spettro aveva ucciso. "No" pensò "io sono un uomo, non un lupo."

 

Divertentissimo il fatto che pensa che il corvo di Lord Mormont sia il suo ultimo amico! :indica:

Ci viene fornita anche la risposta sul passo indicato da Maestro Aemon:

La Portatrice di luce era la sua spada, temprata nel sangue della moglie, secondo quanto dice Votar. Da allora la Portatrice di luce non era mai fredda al tatto, ma calda come era stata Nissa Nissa. In battaglia, la lama bruciava come fuoco.

 

Qualcuno sa se Alba ha caratteristiche simili? Oppure è il segno che non dobbiamo guardare a una spada reale ma a una spada metaforica?

Share this post


Link to post
Share on other sites

Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Guest
Reply to this topic...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

Sign in to follow this  

×
×
  • Create New...