Jump to content
Sign in to follow this  
Lady Monica

Clima, Friday for Future e simili: a che punto siamo? Come andare avanti?

Recommended Posts

Da quanto capisco si tratta di una serie di documentari sui cambiamenti climatici che racconterà i viaggi di lei in quanto attivista. Se non scivola nel format “reality celebrativo” potrebbe anche essere interessante. Si parla del coinvolgimento di esperti, studiosi ecc. Chissà...

 

Comunque, lo scetticismo è lecito: c’è anche tanto marketing dietro il “fenomeno Greta Thunberg”. 

Share this post


Link to post
Share on other sites
4 hours fa, Lyra Stark dice:

E si scoprono gli altarini

http://www.bestmovie.it/bestserial/greta-thunberg-sara-protagonista-di-una-serie-televisiva-ecco-tutti-i-dettagli-sul-prossimo-progetto-dellattivista/736047/

Sará contenta la madre attrice, e magari le dirigerà il padre regista... in un colpo solo sistemata tutta la famiglia!

 

Chi ha mai avuto la voglia di vedere le serie documentaristiche prodotte da BBC Studios, sa benissimo il tipo di taglio e la professionalità che le anima. Non sono di certo robe fatte per piazzare amici e parenti.

Ma a parte questo...il problema di una serie di documentari (DI DOCUMENTARI...non l'hanno presa per fare un ri-adattamento di Mean Girls) con protagonista uno dei personaggi più in vista del mondo, esattamente, quale sarebbe?

"Vuole i soldi?"

Greta è ormai un fenomeno mediatico che attira a sè una mole di donazioni tali per cui i soldi della BBC gli rimbalzano.

"Vuole la visibilità?"

Idem come sopra. E poi....certo che vuole visibilità! Santo cielo, quello di ottenere visibilità sul tema del cambiamento climatico è praticamente il senso stesso dell'esistenza del personaggio Greta Thunberg.

 

Che poi basterebbe leggere gli articoli per capire che si tratterà di una serie in cui la seguiranno mentre fa quello che fa già di solito, cioè girare per manifestazioni, chiacchierare con esperti di clima e incontrare possibili testimonial e spingerli ad abbracciare la causa.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Ti rispondo citando Maya

3 hours fa, Maya dice:

lo scetticismo è lecito: c’è anche tanto marketing dietro il “fenomeno Greta Thunberg”

 

Share this post


Link to post
Share on other sites
19 minutes fa, joramun dice:

 

Chi ha mai avuto la voglia di vedere le serie documentaristiche prodotte da BBC Studios, sa benissimo il tipo di taglio e la professionalità che le anima. Non sono di certo robe fatte per piazzare amici e parenti.

 

E solo gli eventi di questi ultimi mesi (incendi in Amazzonia, Africa Centrale, Siberia, Australia, primo caso di gennaio senza neve a Oslo ed Helsinki - mica a Roma - da quando si tengono le serie storiche, il gigantesco problema dello scioglimento dei ghiacciai montani e della terrificante crisi idrica che ne conseguirebbe - il solo Po sostiene un bacino di 21 milioni di persone, l'Indo 10 volte tante, per dirne una) sarebbero argomenti più che degni per una serie di documentari da qui all'anno prossimo, Greta o non Greta.

Qualsiasi cosa porti attenzione sul tema è la benvenuta.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Ok, però, non attribuitemi un pensiero che non ho espresso. :ehmmm:

A scanso di equivoci, il mio punto di vista è sul caso specifico e sul fenomeno "Thunberg" in generale è il seguente: a Greta Thunberg va riconosciuto il coraggio di portare avanti da tempo e senza troppi peli sulla lingua la discussione su un tema "scottante" (nel vero senso della parola). Le va attribuito anche il merito di essere riuscita a far avere alla questione climatica un'attenzione che - tanto per dire - neppure Leonardo Di Caprio era riuscito a fargli avere. Aggiungo anche che, in un mondo in cui non mancano gli adolescenti con pochi valori, riempie il cuore vedere una teenager che ne ha così in abbondanza. 

L'iniziativa della BBC non solo non mi fa storcere il naso ma anzi, conoscendo la qualità dei loro prodotti, ho ottime speranze che ne venga fuori un prodotto di divulgazione scientifica accurato e completo. E se la molla scatenante per far nascere un contenuto di questo tipo (leggi, far spuntare un budget per realizzarlo) è la "popolarità" della Thunberg, ben venga.

 

Detto questo, il fenomeno "Thunberg" - inutile negarlo - è anche frutto di un buon lavoro di marketing. E badate bene che non sto dando un'accezione negativa al concetto (perché il concetto in sé non ce l'ha). 

Share this post


Link to post
Share on other sites
4 hours fa, Maya dice:

Comunque, lo scetticismo è lecito: c’è anche tanto marketing dietro il “fenomeno Greta Thunberg”. 

Ma se hai parlato di scetticismo lecito... :ehmmm: sarebbe con accezione positiva? :wacko:

Share this post


Link to post
Share on other sites

E' il concetto di "marketing" a non avere in sé una connotazione negativa. 

 

Il lecito scetticismo - inteso come "atteggiamento che implica il dubbio" - lo collego qui alla possibilità che questa serie di documentari possa scivolare "...nel format “reality celebrativo”...", vale a dire un contenuto focalizzato più sul "fenomeno Greta" che non sulla discussione climatica. Considerato che ci sono anche logiche di marketing che sostengono la realizzazione stessa del documentario e così pure il fenomeno "Thunberg" (anche se questo non è necessariamente da vedere come un "male"), il dubbio che questo lavoro possa prendere una piega non del tutto soddisfacente in termini di divulgazione documentaristica è lecito. 

Share this post


Link to post
Share on other sites

Ho letto cose poco lusinghiere sugli impianti solari non fotovoltaici, sembra che ci siano difficoltà nella resa.

Un esempio è il grande impianto Crescent Dunes, attualmente spento.

https://en.wikipedia.org/wiki/Crescent_Dunes_Solar_Energy_Project

 

ho cercato ulteriori info ma si trova soprattutto robaccia anti-Obama e pochissimi articoli indipendenti. Non ho ben capito se la tecnologia é troppo costosa. oppure è il prezzo dell’energia elettronica è esser troppo basso, (almeno in USA) ponendo questi impianti fuori mercato. Comunque non sono bune notizie.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now
Sign in to follow this  

×
×
  • Create New...