Jump to content

Eccesso di politically correct?


Recommended Posts

  • Replies 1.4k
  • Created
  • Last Reply

Top Posters In This Topic

3 ore fa, -Littlefinger- ha scritto:

Sto cercando di spiegare che secondo me quella frase è offensiva in sé, perché accosta in maniera dispregiativa una caratteristica fisica all'azione di "buttare fuori" la persona.

 

Ma che davvero? Cioè la parte brutta di quella frase sarebbe il "buttare fuori"? Quindi se il quarto uomo avesse detto "no, quello nero non ha fatto nulla" sarebbe stato ok?

 

 

Link to post
Share on other sites
12 ore fa, joramun ha scritto:

 

Ma che davvero? Cioè la parte brutta di quella frase sarebbe il "buttare fuori"? Quindi se il quarto uomo avesse detto "no, quello nero non ha fatto nulla" sarebbe stato ok?

 

 

Per "butta fuori quel nero" il problema è che nero viene usato in senso dispregiativo (come al posto di un insulto), mentre nella tua è un paragone. Detto questo, in frasi come "quello nero non ha fatto nulla" o "quello nero è veramente un fenomeno" secondo me bisogna vedere quanto è indispensabile usare il termine "nero" come paragone. Se l'avesse detto il tizio della Champions sarebbe comunque stata  discriminatoria, perché aveva a disposizione il nome del giocatore, il numero o il colore della maglia. Poi è un professionista, gli arbitri chiamano il numero per regolamento, o il nome se conosciuto. Se lo chiamasse per il colore della pelle non avrebbe scuse e ci vedrei del razzismo latente nella migliore delle ipotesi. 

Se però siamo in una situazione del tipo: Marco e Simone camminano per strada, vedono più in là 4 tizi di cui tre bianchi e un nero di cui non conoscono il nome e Marco dice "oh, quello nero l'ho visto giocare, è un fenomeno a calcio". Non sa il nome, non ha un numero, magari sono pure vestiti simili...il fatto che uno è di colore salta agli occhi e lo usa come termine di paragone inequivocabile.
Fossero stati 4 di colore e il fenomeno fosse stato il bianco avrebbe detto "oh, quello bianco è un fenomeno". In questo caso farei veramente fatica a dargli del razzista, perché usa senza disprezzo una caratteristica fisica immediata senza la quale non sarebbe riuscito a far capire subito di chi parlava.

Link to post
Share on other sites
Se però siamo in una situazione del tipo: Marco e Simone camminano per strada, vedono più in là 4 tizi di cui tre bianchi e un nero di cui non conoscono il nome e Marco dice "oh, quello nero l'ho visto giocare, è un fenomeno a calcio". Non sa il nome, non ha un numero, magari sono pure vestiti simili...il fatto che uno è di colore salta agli occhi e lo usa come termine di paragone inequivocabile.
 
"Quello in mezzo".
"Quello con "(inserire indumento a piacere)".
"Quello che sta (inserire azione a piacere)".
"Quello alto".
"Quello magro".
 
Però si...diciamo che se Marco non è in grado di determinare la posizione dei corpi nello spazio, se si sta riferendo a corpi nudi, se tali corpi sono perfettamente immobili e muti, se tali corpi sono esattamente della medesima statura e composizione, ed il colore della pelle sia l'unico, ma proprio l'unico elemento capace di distinguerli l'uno dall'altro allora si...può dire "quel ragazzo di colore". Fermo restando che se il suddetto ragazzo gli si avvicina e gli dice "guarda che a me da fastidio se dici 'quello di colore'", Marco educatamente abbozza e chiede scusa, senza stare a fare troppe arrampicate sugli specchi.
 
Fossero stati 4 di colore e il fenomeno fosse stato il bianco avrebbe detto "oh, quello bianco è un fenomeno". In questo caso farei veramente fatica a dargli del razzista, perché usa senza disprezzo una caratteristica fisica immediata senza la quale non sarebbe riuscito a far capire subito di chi parlava.
 
No. La frase "quello bianco è un fenomeno" non è razzista perchè non esiste il razzismo verso i bianchi.

Link to post
Share on other sites

@joramun

Ascolta, il colore della pelle esiste e ci distingue come il colore dei capelli o di qualsiasi altra caratteristica. Per te è evidentemente un taboo, una cosa da tenere nascosta e non nominare. Per me no e ne posso parlare anche con persone di colore, senza ipocrisie. Amen.

Ti do un consiglio spassionato dopodiché questa discussione per me è chiusa: iniziare un post con 

20 ore fa, joramun ha scritto:

Ma che davvero?

 

darmi del benaltrista o cercare di ridicolizzare

4 ore fa, joramun ha scritto:

Però si...diciamo che se Marco non è in grado di determinare la posizione dei copri nello spazio, se si sta riferendo a corpi nudi, se tali corpi sono perfettamente immobili e muti

mostrando una superiorità intellettuale auto-attribuita, non dispone favorevolmente l'interlocutore.

Link to post
Share on other sites

Sono sostanzialmente d'accordo con quanto dice @Littlefinger e penso che l'utilizzo della parola "nero", in assoluto, non dovrebbe essere associato al razzismo.

 

Mi rendo comunque conto che è un argomento molto delicato e che molto dipende dalla percezione della persona che viene indicata come "nera". Nel caso in cui qualcuno si senta offeso è giusto che riceva delle scuse ma al tempo stesso non si può dire che chi ha usato quell'appellativo sia necessariamente razzista.

 

Diverso (secondo me) è il caso in cui si utilizzi la parola "negro" che ritengo sia del tutto dispregiativa.

 

Link to post
Share on other sites

Sembra che ci sia stato un chiarimento fra l'attaccante Demba Ba e il quarto uomo Coltescu:

 

https://sport.sky.it/calcio/champions-league/2020/12/14/demba-ba-coltescu-telefonata-razzismo-psg-basaksehir

 

Cita

L'iniziativa sarebbe partita dall'ex centrocampista senegalese Ousmane N'Doye, di cui Rosu riferisce queste parole: "Demba non ha mai detto che si sia trattato di razzismo. Ha solo pensato che Coltescu non avrebbe dovuto usare la parola 'nero' in uno stadio (in romeno "negru" definisce il colore nero - ndr). Coltescu ha capito. Sono un grande sostenitore della pace. Sia Coltescu che Demba mi hanno chiamato dopo aver parlato, sono rimasti colpiti dalla bella conversazione che hanno avuto. Sono sicuro che sia stato solo un malinteso. So come sono i romeni, non ho mai avuto problemi con il razzismo quando giocavo nel loro paese. Ho cercato di ottenere il numero di Coltescu appena ho potuto per incoraggiarlo, so che non è razzista"

 

A quanto pare la parola incriminata non sarebbe stata pronunciata inizialmente da Coltescu ma da un'altra persona:

 

Cita

La telefonata è soltanto l'ultimo capitolo di una vicenda che, soprattutto grazie alle indiscrezioni raccolte da Rosu, si è arricchita di vari particolari. A cominciare da chi avrebbe pronunciato, almeno per primo, il termine incriminato, e cioè non Coltescu - che l'avrebbe poi ripetuto - ma l'assistente Sovre, per invitare l'arbitro Hategan a espellere il vice-allenatore Webo, altro protagonista ormai noto della vicenda, e che già dai primi minuti della partita avrebbe ripetutamente contestato le decisioni arbitrali.

 

Link to post
Share on other sites

si però non si da molto risalto alla notizia. alla fine bastavano 5 min per risolvere il fraintendimento al posto che fare tutta quella scena con tanto di inginocchiamento il gg dopo. intanto però la vita del quarto uomo è stata rovinata dal punto di vista professionale. basterebbe un attimo di pazienza al posta che urlare razzismo.

Link to post
Share on other sites
La telefonata è soltanto l'ultimo capitolo di una vicenda che, soprattutto grazie alle indiscrezioni raccolte da Rosu, si è arricchita di vari particolari. A cominciare da chi avrebbe pronunciato, almeno per primo, il termine incriminato, e cioè non Coltescu - che l'avrebbe poi ripetuto - ma l'assistente Sovre, per invitare l'arbitro Hategan a espellere il vice-allenatore Webo, altro protagonista ormai noto della vicenda, e che già dai primi minuti della partita avrebbe ripetutamente contestato le decisioni arbitrali.
 
Aspetterei la conclusione dell'inchiesta uefa prima di dare per risolta la pratica.
Anche perché non si capisce in che modo una telefonata fatta tenendo fuori il soggetto cui era rivolta la frase (il vice Webo) possa essere considerato "risolutivo" di qualcosa.

Al netto del fatto che anche questa ricostruzione non nega ci sia stata una frase razzista, ma si limita a dire che il soggetto coinvolto non sarebbe Coltescu ma un'altro.
Link to post
Share on other sites

ma che razzismo dai. ma come si fa a confondere il pensare che uno per il colore della pelle sia inferiore e con meno diritti di te rispetto al normale indicare una persona per una sua caratteristica fisica. ma qui si sta perdendo il buonsenso. 

il problema che tante persone vogliono che sia così, giusto per sentirsi superiori moralmente. quindi ci si scandalizza per cose superflue, mentre sui veri problemi di carattere razzista e diritti si tace. di solito perchè c'è dietro un guadagno economico. per ennesima volta ricordo la figura pessima che fece l'nba ad ottobre 2019 in cina....

 

Link to post
Share on other sites
Il 16/12/2020 at 15:13, rhaegar84 ha scritto:

ma che razzismo dai. ma come si fa a confondere il pensare che uno per il colore della pelle sia inferiore e con meno diritti di te rispetto al normale indicare una persona per una sua caratteristica fisica. ma qui si sta perdendo il buonsenso. 

 

Qui si sta perdendo il senso delle parole, altro che buonsenso.

 

Nero è una parola che ha un portato storico, sociale e culturale imparagonabile, visto che identifica una comunità di persone che nella loro storia hanno subito soprusi e sopraffazioni di ogni genere; non mi risulta che le persone con gli occhiali siano state deportate per essere usate come schiave, nè che quelle con gli occhi verdi avessero degli scomparti degli autobus a loro dedicati, nè che quelli alti siano gambizzati ed accoppati dalla polizia in maniera randomica.

Quindi no, non è una caratteristica fisica come tante altre. Ma proprio no.

 

E razzismo non è solo quello da KKK che pensa che sia giusto e lecito sgregare le persone di colore perchè inferiori. Razzismo è anche dare del tu (involontariamente e senza manco farci caso) al benzinaio indiano, quando ad un benzinaio parietà italiano daresti del lei.

 

Il 16/12/2020 at 15:13, rhaegar84 ha scritto:

il problema che tante persone vogliono che sia così, giusto per sentirsi superiori moralmente. quindi ci si scandalizza per cose superflue, mentre sui veri problemi di carattere razzista e diritti si tace.

 

Si protesta anche su quelli e soprattutto su quelli invece, come dimostra l'ultimo anno negli Stati Uniti. Però sembrava che non vi andasse bene manco quello, a dirla tutta.

Perchè non fate una cosa...preparate un bel dacalogo,eh? Una bella lista dei modi tramite i quali queste minoranze possono chiedere diritti e rispetto senza che vi si dia troppo fastidio, nella maniera più educata e a modino che possono.

Link to post
Share on other sites
Il 18/12/2020 at 11:12, joramun ha scritto:

Nero è una parola che ha un portato storico, sociale e culturale imparagonabile, visto che identifica una comunità di persone che nella loro storia hanno subito soprusi e sopraffazioni di ogni genere; non mi risulta che le persone con gli occhiali siano state deportate per essere usate come schiave, nè che quelle con gli occhi verdi avessero degli scomparti degli autobus a loro dedicati, nè che quelli alti siano gambizzati ed accoppati dalla polizia in maniera randomica.

Quindi no, non è una caratteristica fisica come tante altre. Ma proprio no.

 

Leggo solo adesso questo passaggio, e mi ha fatto venire in mente una cosa.

Premesso che per quanto riguarda l'episodio incriminato accaduto nella partita di CL in generale sono d'accordo con te perché l'espressione usata dal quarto uomo (o da chiunque altro) suona proprio brutta e offensiva (e poco professionale), esiste tuttavia un esempio che mostra che la parola "nero" (o "black" in inglese) non è sempre percepita in modo sgradevole dai diretti interessati. Ed è un esempio che hai citato con ammirazione tanto spesso: il movimento Black Lives Matter. Secondo te, se gli appartenenti al movimento giudicassero la parola "black" offensiva nei loro riguardi, avrebbero chiamato il loro movimento così?

Poi magari vi può essere una giustificazione particolare, ma mi sembra strano che si offendano da soli.

 

Un altro esempio ancora: il movimento delle Pantere Nere, molto diffuso negli USA negli anni '70. Anche qui, i fondatori e i membri hanno usato di proposito una parola offensiva nei loro stessi confronti?

 

Link to post
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now

  • Upcoming Events

  • Member Statistics

    • Total Members
      5,891
    • Most Online
      1,394

    Newest Member
    Hero of Sky
    Joined
  • Forum Statistics

    • Total Topics
      16,154
    • Total Posts
      752,252
×
×
  • Create New...