Jump to content
Sign in to follow this  
Metamorfo

Eccesso di politically correct?

Recommended Posts

36 minutes fa, joramun dice:


E io che pensavo che la Disney fosse un ente no-profit attivo nella promozione della parità di genere.

 

Appunto. Il PC è una nuova strategia di marketing, non vi è nulla di sincero dietro.

 

EDIT: @Lyra Stark mi sono accorto solo ora che abbiamo usato la stessa espressione :yeah:

Share this post


Link to post
Share on other sites

Perché di quello si tratta. 

Quindi non capisco perché il WhiteWashing sarebbe esecrabile ma il marketing no. Nessuno dei 2 fenomeni ha dietro buone intenzioni a meno che uno non pensi che le intenzioni non contano ma solo i risultati. Per la mia esperienza però se le intenzioni non sono nobili non lo è nemmeno il risultato, e difatti anche in questo caso alla fine così facendo si promuove un'apertura a minoranze idealizzate e brandizzate, insomma finte e costruite non le vere minoranze. E anzi forse il fenomeno è ancora peggiore del passato.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Guardate che è un concetto semplicissimo: le case di produzione orientano la propria produzione in base a quello che l'audience recepisce o di quello che loro ritengono possa essere meglio recepito. Nessuno scende dalla montagna del sapone, quindi il discorso del marketing è talmente ovvio da essere risibile.

La differenza è che mentre prima, per soldi, propagandavano un messaggio WASP, machista, misogino e velatamente razzista, adesso, sempre per soldi, ne propagandano uno multiculturale, inclusivo, tollerante ed orientato alla parità razziale e di genere.

Share this post


Link to post
Share on other sites
23 minutes fa, joramun dice:

adesso, sempre per soldi, ne propagandano uno multiculturale, inclusivo, tollerante ed orientato alla parità razziale e di genere.

 

Quindi trasformare il sano femminismo di Mulan, Terminator 2 e Alien in quella "roba" che ho visto in Birds of Prey è un progresso? Accidenti, mi dev'essere sfuggito qualcosa.

Share this post


Link to post
Share on other sites
41 minutes fa, joramun dice:

La differenza è che mentre prima, per soldi, propagandavano un messaggio WASP, machista, misogino e velatamente razzista, adesso, sempre per soldi, ne propagandano uno multiculturale, inclusivo, tollerante ed orientato alla parità razziale e di genere.

Immagino che vedere questo come un processo dipenda dai punti di vista. Tuttavia dove lo vedi tu messaggio inclusivo tollerante ed orientato alla parità razziale? Questo è sfruttamento e ancora peggio traslazione di modelli tipicamente bianchi su persone appartenenti ad altre etnie, non c'entra niente la multiculturalitá inclusiva, nè la parità.

Share this post


Link to post
Share on other sites
3 minutes fa, Lyra Stark dice:

Questo è sfruttamento e ancora peggio traslazione di modelli tipicamente bianchi su persone appartenenti ad altre etnie

 

Non solo, ma sembra che questo nuovo sistema delle quote stia diventando un'esigenza in qualsiasi tipo di produzione, tipo John Boyega che qualche anno fa si è lamentato che in GoT o Il Signore degli Anelli non ci fossero abbastanza attori di colore. Non importa se nel processo creativo di un'opera popoli ed etnie diverse hanno una loro collocazione geografica e sociale ben precosa, bisogna che ogni categoria (etnica, culturale ecc..) abbia la sua quota sullo schermo.

 

E al diavolo se bisogna buttare all'aria un pò di coerenza. :ehmmm:

 

Share this post


Link to post
Share on other sites
4 hours fa, Lyra Stark dice:

Perché di quello si tratta. 

Quindi non capisco perché il WhiteWashing sarebbe esecrabile ma il marketing no. Nessuno dei 2 fenomeni ha dietro buone intenzioni a meno che uno non pensi che le intenzioni non contano ma solo i risultati. Per la mia esperienza però se le intenzioni non sono nobili non lo è nemmeno il risultato, e difatti anche in questo caso alla fine così facendo si promuove un'apertura a minoranze idealizzate e brandizzate, insomma finte e costruite non le vere minoranze. E anzi forse il fenomeno è ancora peggiore del passato.

Quindi tu sopravvivi per fotosintesi, perché nella tua esperienza il commerciante non ti vende beni alimentari con la buona intenzione di nutrirti ma con la volgare intenzione di intascarsi i tuoi soldi?

Riallacciandomi alla discussione che facevate sui libri LGBT, avete tirato fuori i libri con "bollino gay-friendly"  che è una poracciata di prima categoria! Ma così come è una poracciata il bollino gay-friendly, è una poracciata anche il "bollino politicamente corretto" che appiccicate dappertutto con una facilità disarmante: basta che un attricetta di secondo rango, senza alcun legame con la casa di produzione, che non ha evidentemente mai letto il materiale di partenza affermi che vorrebbe che un personaggio che non dovrebbe apparire manco di striscio venga interpretato da una donna per farvi entrare nel panico e gridare ai "danni del politicamente corretto"... Mi spiace ma finché non sarà la Amazon a dirmi che metteranno Gandalf a verga di segugio nella seconda era e che sarà interpretato da una donna non penso si possa accusare un eccesso di politicamente corretto.

Nessuno nega che ci siano eccessi, ma tra questi eccessi ci siete anche voi che criticate a strascico e, infatti, per sostenere le vostre tesi dovere prendere posizioni così rigide che vi pongono in una condizione di forte incoerenza perché di fronte ad un attore esponente di una minoranza assortita ci son dietro solo "le brutte intenzioni, la maleducazione, gli stereotipi fasulli", per un attore bianco e maschio c'è solo "l'ammmore, ruoli originali e per nulla artefatti"... Il problema in genere è sempre a monte, ossia nella scrittura, Ghostbusters non ha fatto schifo perché era un remake al femminile, ma perché era scritto da schifo, fantastic4 non faceva schifo perché la torcia Umana era di colore ma perché la sceneggiatura era pattume, al contrario Nick Fury di colore ha avuto successo nonostante non rispettasse la lore perché Iron Man era scritto relativamente bene (e perché Samuel l. Jackson non era il protagonista, son sicuro che se ci fosse stato il Robert Downey Jr di tropic thunder qualcuno le vesti se le sarebbe stracciate), sottolineare sempre politicamente corretto qua politicamente corretto la, non è soltanto mancare il nocciolo del problema ma più in generale è dannoso perché aiuta chi realmente è animato da "le brutte intenzioni, la maleducazione" distogliendo l'attenzione da quelle situazioni in cui il problema è invece reale. Insomma la favoletta di al lupo al lupo.

Share this post


Link to post
Share on other sites
14 hours fa, Euron Gioiagrigia dice:

Quindi trasformare il sano femminismo di Mulan, Terminator 2 e Alien in quella "roba" che ho visto in Birds of Prey è un progresso?

 

Ti ha risposto il Lord...anzi, scegliendo tre film scritti da dio, anche nel trattare il ruolo della donna all'interno della storia, e paragonandoli a una ca***a, ti sei risposto da solo: Birds of Prey fa schifo perchè fa schifo, non perchè "c'è il girl power ostentato che adesso ce lo ficcano a forza dappertutto, signora mia."

Share this post


Link to post
Share on other sites

MODE MOD ON

 

Chiedo a tutti di contenere i toni e di evitare le provocazioni.

Potete dare spazio alle vostre legittime opinioni, ma dovete mettere da parte inutili "punzecchiature". Oltre a essere espressamente vietate dal regolamento, queste ultime non favoriscono affatto lo sviluppo di una discussione partecipata, interessante e costruttiva. Tutto il contrario.

 

Buon proseguimento.

 

MODE MOD OFF

Share this post


Link to post
Share on other sites
2 hours fa, joramun dice:

 

 Birds of Prey fa schifo perchè fa schifo, non perchè "c'è il girl power ostentato che adesso ce lo ficcano a forza dappertutto, signora mia."

 

Non so se hai visto il fim, ma il "girl power ostentato" è proprio il problema principale del film.

Il mio paragone con gli altri tre film intendeva mostrare che lì il femminismo era genuino, ben strutturato e funzionale alla trama, mentre in Birds of Prey...:ehmmm:

Share this post


Link to post
Share on other sites

Mi sembra di capire che non andando a vederlo abbia risparmiato i soldi della benzina e del biglietto :victory:

Il punto è che fra 30 anni nessuno di noi si ricorderà di Ghostbusters 2016 o birds of prey, così come oggi non ci ricordiamo di tutti quei film orrendi coevi di Terminator ed Alien.

 

 

Share this post


Link to post
Share on other sites

Via col Vento rimosso dal catalogo HBO Max. 

Li perdono solo perché l'anno prossimo pubblicano la Snyder's Cut di Justice League, ma rimane una decisione senza senso.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Sembra che verrà reintegrato in futuro ma che presenterà una specie di disclaimer iniziale, se ho ben capito.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now
Sign in to follow this  

×
×
  • Create New...