Jump to content
Lord Beric

Epidemia di Coronavirus

Recommended Posts

Alla faccia delle impennate... oggi il numero di contagiati in Italia è raddoppiato rispetto a ieri. 

Share this post


Link to post
Share on other sites

 

17 hours fa, Metamorfo dice:

Lettera da un gruppo di scienziati svedesi sul Covid-19: «Non fate come noi, non funziona»

25 medici e scienziati svedesi hanno pubblicato un appello su Usa Today: «Abbiamo dato l’esempio su come non affrontare una malattia infettiva mortale. La strategia ha portato alla morte, al dolore e alla sofferenza e non ha aiutato l’economia»

 

Praticamente un disclaimer "mi raccomando: non provate a farlo anche a voi a casa". :wacko:

 

Da noi c'è stato un rialzo dei numeri ma non siamo nemmeno lontanamente ai valori tragici cui ci eravamo tristemente abituati. Inoltre, io continuo a sentire medici che ripetono che per gravità i nuovi casi non sono paragonabili a quelli di Marzo e Aprile. Boh!

 

Secondo me, ci sta sicuramente mantenere lo stato di allerta e invitare i cittadini a continuare ad avere comportamenti adeguati così come sviluppare una narrazione ridimensionata nei toni. Abbiamo visto che la gente facilmente "svacca" appena si molla il guinzaglio, ma anche che altrettanto facilmente si fa prendere da panico e psicosi incontrollabili.

 

Tra l'altro, piccola curiosità: giusto ieri ho letto il Rapporto Annuale 2020 di Istat uscito nei giorni scorsi. A quanto pare gli italiani si sono dimostrati piuttosto responsabili durante l'emergenza. Non so se l'avrei detto. Chiaro che a far notizia sono state soprattutto le eccezioni. :ehmmm:

 

Share this post


Link to post
Share on other sites
1 hour fa, Lyra Stark dice:

Alla faccia delle impennate... oggi il numero di contagiati in Italia è raddoppiato rispetto a ieri. 

Che strano, qua si dice il contrario:

 

 

Share this post


Link to post
Share on other sites

Stamattina al tg dicevano l'esatto contrario però :ehmmm:

Cita

Sono 282 i nuovi pazienti positivi, più che raddoppiati rispetto ai 129 registrati ieri

https://www.ilmessaggero.it/salute/focus/bollettino_coronavirus_italia_contagi_morti_oggi_22_luglio_2020-5361788.html

(tengo a precisare che i dati sono quelli ufficiali del ministero)

Share this post


Link to post
Share on other sites

I dati dei casi confermati, dei morti e dei test nell'ultima settimana sono questi:

230, 20, test 50mila  (16 luglio)

231, 11, test 50mila

249, 14, test 48mila

218, 3,  test 35mila

190, 13,  test 24mila

128, 15,  test 43mila

280, 9,   test 49mila (22 luglio)

Share this post


Link to post
Share on other sites

Appunto, prima in calando (ma comunque tanti), poi da 128 a 280 non ti pare un bel salto? :shock:

Share this post


Link to post
Share on other sites

Non so. Gli esperti dicono di guardare i trend settimanali e non i dati giornalieri, perchè ci sono tante variabili e quelli giornalieri non sono uno specchio affidabile.

In questo caso, il trend dice che si resta più o meno sulla linea di poco più di 200 casi giornalieri.

Se poi ci saranno aumenti anche nei prossimi giorni, si potrà parlare di trend in aumento.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Vero, tuttavia un raddoppio in un giorno con tutti questi nuovi focolai in giro a me inquieta un po'.

Tra l'altro novità di oggi: a Capri in cui sono stati individuati 3 positivi.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Non sono assolutamente un'esperta, ma non penso che un raddoppio dopo il dato più basso nel periodo di riferimento sia particolarmente significativo.

 

2 hours fa, Metamorfo dice:

I dati dei casi confermati, dei morti e dei test nell'ultima settimana sono questi:

230, 20, test 50mila  (16 luglio)

231, 11, test 50mila

249, 14, test 48mila

218, 3,  test 35mila

190, 13,  test 24mila

128, 15,  test 43mila

280, 9,   test 49mila (22 luglio)

 

Su sette rilevazioni, solo su due restituiscono un valore inferiore a 200. Inoltre, il valore più alto (280) è stato rilevato in una delle giornate con il maggior numero di test effettuati. Non ho fatto i conti, ma così a occhio e - ripeto - da profana, vedo una situazione sostanzialmente stabile. Ci vorrebbe qualcuno di esperto che ci "illuminasse". :ehmmm:

Piuttosto, si può discutere se questa stabilità sia o meno un fattore positivo, a questo punto.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Oggi 306 casi, ma anche più tamponi dei giorni precedenti: 60mila.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Giusto, meglio lasciare la parola agli esperti. Evidentemente Crisanti si preoccupa per nulla. 

Share this post


Link to post
Share on other sites

Il singolo dato giornaliero non è affidabile perché l'Italia, a differenza di altri Paesi, non retrodata i tamponi, quindi non sappiamo i tamponi esitati oggi a quale giorno effettivamente si riferiscano. Durante la crisi si processavano tamponi anche con settimane di ritardo.

 

Quelli che bisogna vedere sono i trend (al plurale).

I trend dicono che:

 - c'è una ripresa dei positivi correnti. Nella mia regione si è toccato il minimo il 2 luglio con un migliaio di positivi correnti e ora dopo tre settimane circa siamo a oltre 1.300.

 - la risalita dei positivi correnti non è però assolutamente paragonabile a quanto sta avvenendo nel resto d'Europa e del mondo. Anche lasciando perdere i grandi malati di questi mesi (USA, sudamerica in generale e Colombia e Brasile in particolare, India, zona del Golfo Persico), noi stiamo andando incredibilmente bene rispetto a Spagna, Romania, penisola balcanica, eccetera.

 - contrariamente a quanto avviene per i positivi, non si è fermato il calo degli ospedalizzati. Sempre nella mia regione, il 2 luglio avevamo 105 persone tra OSP e TI, ieri erano 85, il valore più basso in assoluto dal 28 febbraio.

 - questo significa che la malattia non è diventata meno grave, ma che ora si controlla meglio e più rapidamente di prima: sempre riferendomi alla mia regione, quando noi credevamo di avere in casa 13.000 positivi correnti probabilmente ce ne erano alti 40.000 che sfuggivano alle maglie dei controlli. Ora siamo ragionevolmente più sicuri di beccarli non dico tutti ma quasi.

 

Quindi?

Quindi Zangrillo che dice che il virus è morto per quanto mi riguarda dovrebbe avere il buon senso di stare zitto, ma non si può avere tutto dalla vita.

Però non siamo in una "seconda ondata", la stiamo combattendo bene stroncando i focolai sul nascere.

E questo implica che non bisogna abbassare la guardia, perché, come l'estero dimostra, la contagiosità del covid è tale che bastano uno-due focolai fuori controllo per devastare una provincia o una regione.

Infine, dovremo abituarci, se necessario, ad avere microzone rosse da istituire dal giorno alla notte dove verranno individuati i focolai più seri.

Share this post


Link to post
Share on other sites

più che i positivi il dato interessante da seguire è quello dei ricoveri e delle terapie intensive. il problema è gestire il covid ed evitare situazioni tipo marzo dove (parole dei dipendenti sanitari) gli ospedali non erano attrezzati ed erano senza protocolli. situazioni che già da aprile è via via migliorata.

poi andrebbero spiegati i dati: se guardate ieri in lombardia la maggior parte dei casi sono stati a bergamo e varese mentre 3-4 provincie avevano 0 casi. è chiaro che ci sono focolai e l'importante è riuscire ad intervenire subito.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Per la Lombardia ci sarebbe anche il caso dei debolmente positivi.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now

×
×
  • Create New...