Jump to content
Lord Beric

Epidemia di Coronavirus

Recommended Posts

No ,infatti non voglio nuovi contagiati da fuori  .

Cosa ci sia di difficile non si capisce .

Il virus non è autonomo ,ha bisogno delle persone 

Share this post


Link to post
Share on other sites
6 minutes fa, Zio Frank dice:

Ma se a parte a Messina e Catania in maniera circostanziate, Non sta male nessuno da sei mesi ,quanto deve stare in incubazione sto virus ?

Se qualcuno lo ha preso manco se n'è accorto ed è pure guarito 

 

Ok, avendo questa certezza proponi di chiudere la tua regione. Dal punto di vista sanitario potrebbe essere una precauzione. Ti chiedo però ancora: pensi che questa soluzione sia un bene o un male per le aziende, le attività commerciali, ecc. della Sicilia? Le due cose fanno proprio a botte: se chiudi i confini regionali non fai un bene all'economia locale.

Share this post


Link to post
Share on other sites

@Maya

Intanto non dimezzo i posti al ristorante ne chiudo niente ne mascherine , così i siciliani magari tornano al ristorante, pizzeria ecc.....(in pratica non ci vanno per "lo scassamento di m....) invece di riunirsi in casa o organizzare feste clandestine in spiaggia in mancanza di discoteche  (Non li fermi gli esseri umani liberi, al massimo fai fallire i ristoratori) 

In più si può aprire ai turisti ,Ma con un solo punto di entrata, niente turisti fai da te in macchina. 

Solo turisti tamponati che essendo sani possono vivere tranquillamente la loro vacanza essendo covid free

 

Share this post


Link to post
Share on other sites
9 minutes fa, Zio Frank dice:

No ,infatti non voglio nuovi contagiati da fuori  .

Cosa ci sia di difficile non si capisce .

Il virus non è autonomo ,ha bisogno delle persone 

Ma se chiudi danneggi l'economia.

Share this post


Link to post
Share on other sites

@Zio Frank

no la critica non è al consumismo e all'individualismo/egoismo, la critica è al non saperci in alcun modo rinunciare, neanche davanti al rischio di un vero disastro umanitario e non solo.

Siamo prigionieri del nostro stile di vita e del nostro sistema economico, non siamo in alcun modo flessibili, o le cose vanno come devono andare (cioè bene) o non abbiamo gli strumenti per adattarci alle nuove condizioni. Non esiste un piano B per le situazioni di crisi: o si continua a produrre e comprare, frullando come le trottole, oppure non sappiamo che pesci pigliare. E non sempre si può produrre come i pazzi (es. se inizia a intaccare le risorse), comprare o frullare (es. classico: pandemia)

Siamo darwinianamente stagnanti, bloccati, ergo spacciati nel lungo periodo.

 

Più nello specifico: siamo stati lenti a reagire, sperando fideisticamente che fosse meno grave del previsto (vedi i nazisti cinesi, quelli che fanno ogni anno 100mila morti sul lavoro, che chiudono intere metropoli, ma pensi "una banale influenza, dai"... grande pensata). La strategia è stata quella del cerbiatto in autostrada, che vede arrivare il camion clacson spianato e rimane paralizzato, sperando che devii all'ultimo momento.

 

Una volta arrivato il camion, le contromisure sono state disorganizzate e sconnesse, ogni Stato europeo è andato per la sua strada (a volte ogni regione), in USa uguale. C'è chi è stato bravino e chi meno bravo, ma non c'è un disegno di insieme. Non ci sono punti fissi, pensieri condivisi, non ci si fida neanche della logica o della scienza (anzi c'è gara a chi la spara più grossa), ognuno naviga a vista. Molto male.

 

Adesso che la situazione è parzialmente migliorata, e per non vanificare tutti i sacrifici ci vorrebbe un po' di prudenza, piccole attenzioni, rinunciare a qualche vizietto, non siamo capaci di auto-imporci un minimo di disciplina, e ci siamo messi nelle condizioni di far ripartire l'epidemia. Perché di fatto è un liberi tutti, tutti a divertirsi, entrano e escono cani e porci senza controlli, mascherine ormai solo per decorazione, distanziamento nullo...

 

Se non riparte l'epidemia non è perché siamo stati furbi o bravi.

E' perché siamo stati fortunati e il virus ci grazia. Un virus del 20% più contagioso e letale per i giovani come per gli anziani, a quest'ora ci aveva già tagliato le gambe. E non è detto che non ce le tagli se continuiamo così.

 

 

Share this post


Link to post
Share on other sites
1 minute fa, Zio Frank dice:

Intanto non dimezzo i posti al ristorante ne chiudo niente ne mascherine , così i siciliani magari tornano al ristorante, pizzeria ecc.....(in pratica non ci vanno per "lo scassamento di m....) invece di riunirsi in casa o organizzare feste clandestine in spiaggia in mancanza di discoteche  (Non li fermi gli esseri umani liberi, al massimo fai fallire i ristoratori) 

In più si può aprire ai turisti ,Ma con un solo punto di entrata, niente turisti fai da te in macchina. 

Solo turisti tamponati che essendo sani possono vivere tranquillamente la loro vacanza essendo covid free

 

Io dubito fortemente che un'economia regionale possa reggersi solo grazie al fatto che i cittadini residenti vanno al ristorante, al bar o in discoteca una volta di più perché non devono mettere la mascherina o stare a distanza. Anche perché dubito che dopo un po' i suddetti cittadini - chiusi dentro la propria regione e con le proprie attività diversamente prossime all'implosione - possano permettersi il ristorante, la discoteca, ecc. (o anche solo abbiano tempo e voglia di pensare a queste cose). 

 

Aprire "solo" ai turisti è un controsenso assurdo (il tampone, lo abbiamo detto, se fatto prima di partire vale ma fino a un certo punto e farlo all'arrivo è complicatissimo). A quel punto poi apriamo anche "solo" a chi trasporta merci dentro e fuori. E poi "solo" a chi è residente e torna a casa. Ecco qui che in due righe tutta la regola va a farsi benedire.

 

Ma poi... un unico punto di accesso??? Seriamente??? Immagini un "check point Charlie" dove migliaia di persone si devono presentare con un tampone negativo e/o  per farsi un controllo? Ma hai presente i tempi e le strutture fisiche, economiche ed organizzative necessarie per una cosa del genere?

 

Tutto questo poi per non mettere una mascherina e non distanziare i tavoli in pizzeria? Tutto questo perché c'è gente così egoista - perdona il termine, ma non riesco a trovarne uno migliore - che pur di fare quello che vuole non si ferma davanti a nulla, compresa la salute di chi ha intorno?  

Share this post


Link to post
Share on other sites

Che vi devo dire continuate così a non ottenere nessuno dei risultati sperati ,fermare il contagio e salvare l'economia 

Share this post


Link to post
Share on other sites
27 minutes fa, Zio Frank dice:

I confini ,Non i bar 

Stesso discorso, che ne sai che non ci siano contagiati ?

Share this post


Link to post
Share on other sites

Considerato il tempo in cui viviamo e il mondo in cui viviamo, trovo assolutamente surreale questa suddivisione manichea e un pò sempliciotta tra "fuori" e "dentro".

Share this post


Link to post
Share on other sites

Si si ,sempliciotto sono di sicuro ma non mi bevo ne la Cina ne l'OMS. 

Vediamo cosa inventeranno per smentire Joseph Tritto ed il suo libro ,e le sue prove ,sulla nascita del virus 

Share this post


Link to post
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now

×
×
  • Create New...