Jump to content

Ashara Dayne : da Harrenhal a Starfall, tutta la verità


Recommended Posts

Benvenuti in questa nuova discussione :)
 

Sarò brevissimo, almeno nell'introdurla. Il personaggio in questione ha un'importanza significativa per ASOIAF, anche aldilà del suo ruolo diretto o indiretto negli eventi più misteriosi ed importanti della saga: pochi altri infatti impersonificano meglio il Martin TM, visto che il poco che sappiamo di lei (il nome di Ashara compare molto presto nella storia ma appena 10 volte in totale, più uno o due altri riferimenti tra tutti i libri) ci viene rivelato attraverso tanti pov, situazioni e tecniche differenti. 

 

Quelli che seguono sotto spoiler sono tutti i passaggi necessari, la maggior parte dei quali stra-conosciuti (tanto rileggere attentamente Martin non fa mai male); l'idea è di razionalizzarli per avere una visione d'insieme più chiara possibile e sopratutto rigorosamente fedele ai fatti.

 

 


Iniziamo !

 

 

Spoiler

 

"I was with her when she died" Ned reminded the king. "She wanted to come home, to rest beside Brandon and Father."

He could hear her still at times. Promise me, she had cried, in a room that smelled of blood and roses. Promise me, Ned. The fever had taken her strength and her voice had been faint as a whisper, but when he gave her his word, the fear had gone out of his sister's eyes. Ned remembered the way she had smiled then, how tightly her fingers had clutched his as she gave up her hold on life, the rose petals spilling from her palm, dead and black. After that he remembered nothing. They had found him still holding her body, silent with grief. The little crannogman, Howland Reed, had taken her hand from his. Ned could recall none of it.

"I bring her flowers when I can," he said. "Lyanna was … fond of flowers."

 

The king touched her cheek, his fingers brushing across the rough stone as gently as if it were living flesh. "I vowed to kill Rhaegar for what he did to her."
 

"You did," Ned reminded him.
 

AGOT - Eddard I

 

In questo breve passaggio veniamo per la prima volta a sapere di una promessa misteriosa e disperata, chiesta da Lyanna morente a Ned. Già all'epoca del primo libro, dal contesto e dai tanti promise me che tormentano ancora Ned a distanza di anni, era chiaro che la promessa non riguardasse il luogo di sepoltura. Semmai, l'esca a cui si poteva abboccare più facilmente (ma in realtà anche in questo caso c'erano già precoci indizi rivelatori di segno opposto) era la causa della sua morte, l'ipotetico stupro di Raeghar.

Importante ai fini del topic, il successivo riferimento a quei they che trovano Eddard stretto al corpo della sorellina. Subito dopo leggiamo per la prima volta di Howland, il cui nome compare 13 volte nei primi tre libri e bon, in frasi come ... Father's old friend ...  was a great friend to your father ... had been one of Father's staunchest companions during the war for King Robert's crown ... My father knew the worth of Howland Reed ... . Eppure " had not set foot outside his swamps for many a year ". Perchè questo autoisolamento, chi o cosa nasconde? Un oggetto? Una persona? Un segreto?

 

 

 


 

Spoiler

 

"Brandon. Yes. Brandon would know what to do. He always did. It was all meant for Brandon. You, Winterfell, everything. He was born to be a King's Hand and a father to queens. I never asked for this cup to pass to me."

 

(...)


"What of Jon Snow, my lord?" Maester Luwin asked.


Catelyn tensed at the mention of the name. Ned felt the anger in her, and pulled away.
 

Many men fathered bastards. Catelyn had grown up with that knowledge. It came as no surprise to her, in the first year of her marriage, to learn that Ned had fathered a child on some girl chance met on campaign. He had a man's needs, after all, and they had spent that year apart, Ned off at war in the south while she remained safe in her father's castle at Riverrun. Her thoughts were more of Robb, the infant at her breast, than of the husband she scarcely knew. He was welcome to whatever solace he might find between battles. And if his seed quickened, she expected he would see to the child's needs.  
 

He did more than that. The Starks were not like other men. Ned brought his bastard home with him, and called him "son" for all the north to see. When the wars were over at last, and Catelyn rode to Winterfell, Jon and his wet nurse had already taken up residence.
 

That cut deep. Ned would not speak of the mother, not so much as a word, but a castle has no secrets, and Catelyn heard her maids repeating tales they heard from the lips of her husband's soldiers. They whispered of Ser Arthur Dayne, the Sword of the Morning, deadliest of the seven knights of Aerys's Kingsguard, and of how their young lord had slain him in single combat. And they told how afterward Ned had carried Ser Arthur's sword back to the beautiful young sister who awaited him in a castle called Starfall on the shores of the Summer Sea. The Lady Ashara Dayne, tall and fair, with haunting violet eyes. It had taken her a fortnight to marshal her courage, but finally, in bed one night, Catelyn had asked her husband the truth of it, asked him to his face.
 

That was the only time in all their years that Ned had ever frightened her. "Never ask me about Jon," he said, cold as ice. "He is my blood, and that is all you need to know. And now I will learn where you heard that name, my lady." She had pledged to obey; she told him; and from that day on, the whispering had stopped, and Ashara Dayne's name was never heard in Winterfell again.
 

Whoever Jon's mother had been, Ned must have loved her fiercely, for nothing Catelyn said would persuade him to send the boy away. It was the one thing she could never forgive him. She had come to love her husband with all her heart, but she had never found it in her to love Jon. She might have overlooked a dozen bastards for Ned's sake, so long as they were out of sight. Jon was never out of sight, and as he grew, he looked more like Ned than any of the trueborn sons she bore him. Somehow that made it worse. "Jon must go," she said now. 

 

AGOT - Catelyn II

 

La prima volta in assoluto, il nome di Ashara compare in esplicito riferimento alla possibilità che sia lei la madre di Jon. E al riguardo Ned ha una reazione emotiva decisamente "out of characther". Perchè? Dopotutto se la N+A=J fosse vera (o fosse spacciata per vera), non ci sarebbe nessuna particolare minaccia per nessuno!
In questa occasione peraltro, ci vengono forniti alcuni dei più sinceri e decisivi indizi su Jon stesso : è del sangue di Ned (Stark), Ned amava (fraternamente) sua madre, crescendo gli assomiglia più dei loro figli legittimi (com'è noto tutti con i caratteri Tully tranne Arya faccia-da-Stark, che più avanti lo stesso Ned paragonerà alla sua defunta sorellina).

 

 

 


 

Spoiler


"You were not there," Ned said, bitterness in his voice. Troubled sleep was no stranger to him. He had lived his lies for fourteen years, yet they still haunted him at night. "There was no honor in that conquest."
 

"The Others take your honor!" Robert swore. "What did any Targaryen ever know of honor? Go down into your crypt and ask Lyanna about the dragon's honor!"
 

"You avenged Lyanna at the Trident," Ned said, halting beside the king. Promise me, Ned, she had whispered.

 

(...)
 

"You were never the boy you were," Robert grumbled. "More's the pity. And yet there was that one time … what was her name, that common girl of yours? Becca? No, she was one of mine, gods love her, black hair and these sweet big eyes, you could drown in them. Yours was … Aleena? No. You told me once. Was it Merryl? You know the one I mean, your bastard's mother?"
 

"Her name was Wylla," Ned replied with cool courtesy, "and I would sooner not speak of her."
 

"Wylla. Yes." The king grinned. "She must have been a rare wench if she could make Lord Eddard Stark forget his honor, even for an hour. You never told me what she looked like …"
 

Ned's mouth tightened in anger. "Nor will I. Leave it be, Robert, for the love you say you bear me. I dishonored myself and I dishonored Catelyn, in the sight of gods and men." 
 

 "Gods have mercy, you scarcely knew Catelyn."
 

"I had taken her to wife. She was carrying my child." 
 

"You are too hard on yourself, Ned. You always were. (...) "Well, I'll not press you if you feel so strong about it.

 

AGOT - Eddard II

 

Ned convive con le sue bugie da 14 anni (cioè esattamente da quel 284 AC in cui è terminata la Guerra) e subito fa riferimento al concetto di onore. Robert (e il resto del mondo) assecondato da Ned stesso, è convinto che Raeghar abbia prima rapito e poi causato la morte di Lyanna. Ed ecco che, si parla di Raeghar, Robert, Lyanna, vendetta e Ned non può fare a meno di ripensare al promise me. Interessante.

Si parla poi del suo carattere (è lui il vero Edd l'addolorato di Asoiaf) e ... di Wylla ! , la presunta popolana con cui ha concepito Jon. nell'unica occasione in cui avrebbe dimenticato quell'onore per cui è diventato "famoso". Mi chiedo se la Aleena di cui parla Re Rob, non sia proprio Ashara (la cui vicenda è evidentemente sepolta da qualche parte nella sua memoria annebbiata dal passato e dal bere). Attenzione anche a Ned che non ha mai parlato dell'aspetto della mamma di Jon; la sua reazione (di nuovo) rabbiosa; l'ultima frase. Quale peso si porta dietro da anni, che non ha mai condiviso nè col suo ex migliore amico, nè con sua moglie?

 

 

 


 

Spoiler


"Tell him that when you see him, milord, as it … as it please you. Tell him how beautiful she is."


"I will," Ned had promised her. That was his curse. Robert would swear undying love and forget them before evenfall, but Ned Stark kept his vows. He thought of the promises he'd made Lyanna as she lay dying, and the price he'd paid to keep them.

 

AGOT - Eddard IX

 

Poco prima di subire l'agguato da parte di Jaime (nel frattempo Cat ha rapito Tyrion perchè Ditocorto l'ha accusato di essere il mandante del tentato omicidio di Bran, nonostante quello sia stato un affare interamente Lannister), Ned è in compagnia di Ditocorto stesso alla ricerca dei bastardi di Robert (per risolvere il mistero della morte di Jon Arryn, di cui Lysa ha accusato i Lannister su istigazione, ancora, del solito Dito).

Occhio alla scelta delle parole: le promesse di Ned (sopratutto il mantenerle) sono la sua maledizione. E subito ripensa al prezzo che ha pagato (quale?) per quelle (quali?) fatte a Lyanna morente!

 

 

 

 

Spoiler


He dreamt an old dream, of three knights in white cloaks, and a tower long fallen, and Lyanna in her bed of blood.
 

In the dream his friends rode with him, as they had in life. Proud Martyn Cassel, Jory's father; faithful Theo Wull; Ethan Glover, who had been Brandon's squire; Ser Mark Ryswell, soft of speech and gentle of heart; the crannogman, Howland Reed; Lord Dustin on his great red stallion. Ned had known their faces as well as he knew his own once, but the years leech at a man's memories, even those he has vowed never to forget. In the dream they were only shadows, grey wraiths on horses made of mist.


They were seven, facing three. In the dream as it had been in life. Yet these were no ordinary three. They waited before the round tower, the red mountains of Dorne at their backs, their white cloaks blowing in the wind. And these were no shadows; their faces burned clear, even now. Ser Arthur Dayne, the Sword of the Morning, had a sad smile on his lips. The hilt of the greatsword Dawn poked up over his right shoulder. Ser Oswell Whent was on one knee, sharpening his blade with a whetstone. Across his white-enameled helm, the black bat of his House spread its wings. Between them stood fierce old Ser Gerold Hightower, the White Bull, Lord Commander of the Kingsguard.


"I looked for you on the Trident," Ned said to them.


"We were not there," Ser Gerold answered. 


"Woe to the Usurper if we had been," said Ser Oswell.


"When King's Landing fell, Ser Jaime slew your king with a golden sword, and I wondered where you were." 


"Far away," Ser Gerold said, "or Aerys would yet sit the Iron Throne, and our false brother would burn in seven hells."


"I came down on Storm's End to lift the siege," Ned told them, "and the Lords Tyrell and Redwyne dipped their banners, and all their knights bent the knee to pledge us fealty. I was certain you would be among them." 


"Our knees do not bend easily," said Ser Arthur Dayne.


"Ser Willem Darry is fled to Dragonstone, with your queen and Prince Viserys. I thought you might have sailed with him." 


"Ser Willem is a good man and true," said Ser Oswell.


"But not of the Kingsguard," Ser Gerold pointed out. "The Kingsguard does not flee."


"Then or now," said Ser Arthur. He donned his helm.


"We swore a vow," explained old Ser Gerold. 


 Ned's wraiths moved up beside him, with shadow swords in hand. They were seven against three.


"And now it begins," said Ser Arthur Dayne, the Sword of the Morning. He unsheathed Dawn and held it with both hands. The blade was pale as milkglass, alive with light.


"No," Ned said with sadness in his voice. "Now it ends."

 

As they came together in a rush of steel and shadow, he could hear Lyanna screaming. "Eddard!" she called. A storm of rose petals blew across a blood-streaked sky, as blue as the eyes of death. 


"Lord Eddard," Lyanna called again.


"I promise," he whispered. "Lya, I promise …"


(..)
 

"I gave them over to the silent sisters, to be sent north to Winterfell. Jory would want to lie beside his grandfather."


It would have to be his grandfather, for Jory's father was buried far to the south. Martyn Cassel had perished with the rest. Ned had pulled the tower down afterward, and used its bloody stones to build eight cairns upon the ridge. It was said that Rhaegar had named that place the tower of joy, but for Ned it was a bitter memory. They had been seven against three, yet only two had lived to ride away; Eddard Stark himself and the little crannogman, Howland Reed. He did not think it omened well that he should dream that dream again after so many years.

 

AGOT - Eddard X

 

Nel suo capitolo successivo, Ned ferito (e sedato) post agguato, sogna e ricorda: una torre che Raeghar chiamava "della Gioia" (ma come !?), Lyanna nel suo letto insanguinato, lo scontro 7 vs 3 - i migliori cavalieri della Guardia del Re ... lontanissimi dal Re, dal Principe e dal resto della famiglia reale (mentre Robert ammazzava Raeghar sul Tridente, Jaime uccideva il Re che aveva giurato di proteggere e il resto degli uomini Lannister si occupava dei membri restanti).
Notare come Robert venga apostrofato Usurpatore (e Jaime condannato all'inferno) non solo da un ragazzo psicopatico come Viserys, ma persino dai più "nobili" Ser di Westeros !
La guerra è finita, di Dany non si parla perchè non ancora nata all'epoca (importante dettaglio cronologico che spesso nelle varie teorie si perde per strada), eppure loro sono la, da qualche parte tra le montagne settentrionali di Dorne. Cosa hanno giurato? E se Ned e Howland sono gli unici sopravvissuti dei dieci duellanti, allora chi altro era presente nella stanza?

 

 

 


 

Spoiler


"I shall wear that as a badge of honor," Ned said dryly.


"Honor," she spat. "How dare you play the noble lord with me! What do you take me for? You've a bastard of your own, I've seen him. Who was the mother, I wonder? Some Dornish peasant you raped while her holdfast burned? A whore? Or was it the grieving sister, the Lady Ashara? She threw herself into the sea, I'm told. Why was that? For the brother you slew, or the child you stole? Tell me, my honorable Lord Eddard, how are you any different from Robert, or me, or Jaime?"


"For a start," said Ned, "I do not kill children.

 

AGOT - Eddard XII

 

Nella seconda occasione in cui compare esplicitamente il nome di Ashara, anche Cersei insinua che Jon sia suo figlio (che Ned le avrebbe quindi portato via, dopo già averle ammazzato il fratello). Questa volta scopriamo che "addolorata" era anche la Dayne, tanto da suicidarsi; torna in ballo l'onore a cui Ned tiene tanto e per cui è così famoso tra amici e nemici (in pratica Cersei lo accusa letteralmente di sentirsi immotivatamente migliore di loro).

Ed ecco un altro indizio, sincero, decisivo: Ned non uccide bambini (siano essi Lannister o Targaryen come Dany, ma non solo), è per questo che litigò la prima volta con Robert, è per questo che la seconda volta ha rinunciato alla carica di Hand of the King, è per questo che rivela a Cersei di essere a conoscenza dei suoi crimini.

 

 

 


 

Spoiler


The memory came creeping upon him in the darkness, as vivid as a dream. It was the year of false spring, and he was eighteen again, down from the Eyrie to the tourney at Harrenhal. He could see the deep green of the grass, and smell the pollen on the wind. Warm days and cool nights and the sweet taste of wine. He remembered Brandon's laughter, and Robert's berserk valor in the melee, the way he laughed as he unhorsed men left and right. He remembered Jaime Lannister, a golden youth in scaled white armor, kneeling on the grass in front of the king's pavilion and making his vows to protect and defend King Aerys. Afterward, Ser Oswell Whent helped Jaime to his feet, and the White Bull himself, Lord Commander Ser Gerold Hightower, fastened the snowy cloak of the Kingsguard about his shoulders. All six White Swords were there to welcome their newest brother.  


Robert had been jesting with Jon and old Lord Hunter as the prince circled the field after unhorsing Ser Barristan in the final tilt to claim the champion's crown. Ned remembered the moment when all the smiles died, when Prince Rhaegar Targaryen urged his horse past his own wife, the Dornish princess Elia Martell, to lay the queen of beauty's laurel in Lyanna's lap. He could see it still: a crown of winter roses, blue as frost.

 

AGOT - Eddard XV


Ned, ormai prigioniero e febbricitante nelle celle buie, sogna e ricorda, ancora. Si parla per la prima volta dell'Anno della Falsa Primavera (omen nomen), del Torneo di Harrenhal vinto da Raeghar e del momento in cui "morirono" tutti i sorrisi: quando il Principe Targaryen superò la principessa e incoronò Lyanna con la corona di rose blu invernali (le stesse che lei avrà con se in punto di morte).

Come sappiamo le "blue/winter roses" compaiono altre volte in ASOIAF, specialmente in Clash e in riferimento a Jon : prima in una delle tante visioni ("A blue flower grew from a chink in a wall of ice, and filled the air with sweetness") di Dany (cap. IV) nella Casa degli Eterni, poi nella canzone della Winter/fell Rose raccontata da Ygritte a Jon stesso (coincidentalmente un attimo dopo avergli chiesto di sua madre) sul leggendario rapimento della figlia di Lord Stark da parte di Bael il Bardo (a cui si ispira Mance naturalmente e prima di lui lo stesso Rhaegar, arpa e tutto) in Jon VI.

 

 

 

 


 

Spoiler


"Was there one who was best of all?"


"The finest knight I ever saw was Ser Arthur Dayne, who fought with a blade called Dawn, forged from the heart of a fallen star. They called him the Sword of the Morning, and he would have killed me but for Howland Reed." Father had gotten sad then, and he would say no more. Bran wished he had asked him what he meant.

 

ACOK - Bran III

 

Ned (ormai morto) aveva raccontato di Ser Arthur al piccolo Bran, definendolo il migliore (nonostante lo abbia combattuto e quasi ucciso!); scopriamo qualche dettaglio sulla mitica spada che ha riconsegnato a Casa Dayne e sul ruolo di Howland. Ma quelli della ToJ sono ricordi tristi per Ned, che infatti smette immediatamente di parlarne.

 

 

 

 


 

Spoiler


Her own children had more Tully about them than Stark. Arya was the only one to show much of Ned in her features. And Jon Snow, but he was never mine. She found herself thinking of Jon's mother, that shadowy secret love her husband would never speak of. Does she grieve for Ned as I do? Or did she hate him for leaving her bed for mine? Does she pray for her son as I have prayed for mine?


They were uncomfortable thoughts, and futile. If Jon had been born of Ashara Dayne of Starfall, as some whispered, the lady was long dead; if not, Catelyn had no clue who or where his mother might be. And it made no matter. Ned was gone now, and his loves and his secrets had all died with him.

 

ACOK - Catelyn VI

 

Siamo passati dal primo al secondo libro e di nuovo Martin, quasi a rinfrescarci la memoria e puntualizzare, ci mostra i pensieri di Cat, ancora in riferimento al look Stark / Tully, alla somiglianza tra Arya - Jon - Ned, alla mamma di Jon e all'amore di Ned per lei.

 

 

 

 

 


 

Spoiler


"There was one knight," said Meera, "in the year of the false spring. The Knight of the Laughing Tree, they called him. He might have been a crannogman, that one." 


"Or not." Jojen's face was dappled with green shadows. "Prince Bran has heard that tale a hundred times, I'm sure."


"No," said Bran. "I haven't. And if I have it doesn't matter. Sometimes Old Nan would tell the same story she'd told before, but we never minded, if it was a good story. Old stories are like old friends, she used to say. You have to visit them from time to time." 


"That's true." Meera walked with her shield on her back, pushing an occasional branch out of the way with her frog spear. Just when Bran began to think that she wasn't going to tell the story after all, she began, "Once there was a curious lad who lived in the Neck. He was small like all crannogmen, but brave and smart and strong as well. He grew up hunting and fishing and climbing trees, and learned all the magics of my people."


Bran was almost certain he had never heard this story. "Did he have green dreams like Jojen?"


"No," said Meera, "but he could breathe mud and run on leaves, and change earth to water and water to earth with no more than a whispered word. He could talk to trees and weave words and make castles appear and disappear."


"I wish I could," Bran said plaintively. "When does he meet the tree knight?" 


Meera made a face at him. "Sooner if a certain prince would be quiet."


"I was just asking." 


"The lad knew the magics of the crannogs," she continued, "but he wanted more. Our people seldom travel far from home, you know. We're a small folk, and our ways seem queer to some, so the big people do not always treat us kindly. But this lad was bolder than most, and one day when he had grown to manhood he decided he would leave the crannogs and visit the Isle of Faces."


"No one visits the Isle of Faces," objected Bran. "That's where the green men live." 


"It was the green men he meant to find. So he donned a shirt sewn with bronze scales, like mine, took up a leathern shield and a three-pronged spear, like mine, and paddled a little skin boat down the Green Fork."


Bran closed his eyes to try and see the man in his little skin boat. In his head, the crannogman looked like Jojen, only older and stronger and dressed like Meera. 


"He passed beneath the Twins by night so the Freys would not attack him, and when he reached the Trident he climbed from the river and put his boat on his head and began to walk. It took him many a day, but finally he reached the Gods Eye, threw his boat in the lake, and paddled out to the Isle of Faces."


"Did he meet the green men?"


"Yes," said Meera, "but that's another story, and not for me to tell. My prince asked for knights."


"Green men are good too." 


"They are," she agreed, but said no more about them. "All that winter the crannogman stayed on the isle, but when the spring broke he heard the wide world calling and knew the time had come to leave. His skin boat was just where he'd left it, so he said his farewells and paddled off toward shore. He rowed and rowed, and finally saw the distant towers of a castle rising beside the lake. The towers reached ever higher as he neared shore, until he realized that this must be the greatest castle in all the world."


"Harrenhal!" Bran knew at once. "It was Harrenhal!"


Meera smiled. "Was it? Beneath its walls he saw tents of many colors, bright banners cracking in the wind, and knights in mail and plate on barded horses. He smelled roasting meats, and heard the sound of laughter and the blare of heralds' trumpets. A great tourney was about to commence, and champions from all over the land had come to contest it. The king himself was there, with his son the dragon prince. The White Swords had come, to welcome a new brother to their ranks. The storm lord was on hand, and the rose lord as well. The great lion of the rock had quarreled with the king and stayed away, but many of his bannermen and knights attended all the same. The crannogman had never seen such pageantry, and knew he might never see the like again. Part of him wanted nothing so much as to be part of it."


Bran knew that feeling well enough. When he'd been little, all he had ever dreamed of was being a knight. But that had been before he fell and lost his legs.


"The daughter of the great castle reigned as queen of love and beauty when the tourney opened. Five champions had sworn to defend her crown; her four brothers of Harrenhal, and her famous uncle, a white knight of the Kingsguard."


"Was she a fair maid?"


"She was," said Meera, hopping over a stone, "but there were others fairer still. One was the wife of the dragon prince, who'd brought a dozen lady companions to attend her. The knights all begged them for favors to tie about their lances." 

 
"This isn't going to be one of those love stories, is it?" Bran asked suspiciously. "Hodor doesn't like those so much."


"Hodor," said Hodor agreeably. 


"He likes the stories where the knights fight monsters."


"Sometimes the knights are the monsters, Bran. The little crannogman was walking across the field, enjoying the warm spring day and harming none, when he was set upon by three squires. They were none older than fifteen, yet even so they were bigger than him, all three. This was their world, as they saw it, and he had no right to be there. They snatched away his spear and knocked him to the ground, cursing him for a frogeater."


"Were they Walders?" It sounded like something Little Walder Frey might have done. 


"None offered a name, but he marked their faces well so he could revenge himself upon them later. They shoved him down every time he tried to rise, and kicked him when he curled up on the ground. But then they heard a roar. 'That's my father's man you're kicking,' howled the she-wolf."


"A wolf on four legs, or two?"


"Two," said Meera. "The she-wolf laid into the squires with a tourney sword, scattering them all. The crannogman was bruised and bloodied, so she took him back to her lair to clean his cuts and bind them up with linen. There he met her pack brothers: the wild wolf who led them, the quiet wolf beside him, and the pup who was youngest of the four.


"That evening there was to be a feast in Harrenhal, to mark the opening of the tourney, and the she-wolf insisted that the lad attend. He was of high birth, with as much a right to a place on the bench as any other man. She was not easy to refuse, this wolf maid, so he let the young pup find him garb suitable to a king's feast, and went up to the great castle.


"Under Harren's roof he ate and drank with the wolves, and many of their sworn swords besides, barrowdown men and moose and bears and mermen. The dragon prince sang a song so sad it made the wolf maid sniffle, but when her pup brother teased her for crying she poured wine over his head. A black brother spoke, asking the knights to join the Night's Watch. The storm lord drank down the knight of skulls and kisses in a wine-cup war. The crannogman saw a maid with laughing purple eyes dance with a white sword, a red snake, and the lord of griffins, and lastly with the quiet wolf . . . but only after the wild wolf spoke to her on behalf of a brother too shy to leave his bench.


"Amidst all this merriment, the little crannogman spied the three squires who'd attacked him. One served a pitchfork knight, one a porcupine, while the last attended a knight with two towers on his surcoat, a sigil all crannogmen know well."


"The Freys," said Bran. "The Freys of the Crossing."


"Then, as now," she agreed. "The wolf maid saw them too, and pointed them out to her brothers. 'I could find you a horse, and some armor that might fit,' the pup offered. The little crannogman thanked him, but gave no answer. His heart was torn. Crannogmen are smaller than most, but just as proud. The lad was no knight, no more than any of his people. We sit a boat more often than a horse, and our hands are made for oars, not lances. Much as he wished to have his vengeance, he feared he would only make a fool of himself and shame his people. The quiet wolf had offered the little crannogman a place in his tent that night, but before he slept he knelt on the lakeshore, looking across the water to where the Isle of Faces would be, and said a prayer to the old gods of north and Neck . . ."


"You never heard this tale from your father?" asked Jojen.


"It was Old Nan who told the stories. Meera, go on, you can't stop there."


(...) 
 

"late on the afternoon of that second day, as the shadows grew long, a mystery knight appeared in the lists."


Bran nodded sagely. Mystery knights would oft appear at tourneys, with helms concealing their faces, and shields that were either blank or bore some strange device. Sometimes they were famous champions in disguise. The Dragonknight once won a tourney as the Knight of Tears, so he could name his sister the queen of love and beauty in place of the king's mistress. And Barristan the Bold twice donned a mystery knight's armor, the first time when he was only ten. "It was the little crannogman, I bet.  


"No one knew," said Meera, "but the mystery knight was short of stature, and clad in ill-fitting armor made up of bits and pieces. The device upon his shield was a heart tree of the old gods, a white weirwood with a laughing red face."  


"Maybe he came from the Isle of Faces," said Bran. "Was he green?" In Old Nan's stories, the guardians had dark green skin and leaves instead of hair. Sometimes they had antlers too, but Bran didn't see how the mystery knight could have worn a helm if he had antlers. "I bet the old gods sent him."


"Perhaps they did. The mystery knight dipped his lance before the king and rode to the end of the lists, where the five champions had their pavilions. You know the three he challenged."

"The porcupine knight, the pitchfork knight, and the knight of the twin towers." Bran had heard enough stories to know that. "He was the little crannogman, I told you."

"Whoever he was, the old gods gave strength to his arm. The porcupine knight fell first, then the pitchfork knight, and lastly the knight of the two towers. None were well loved, so the common folk cheered lustily for the Knight of the Laughing Tree, as the new champion soon was called. When his fallen foes sought to ransom horse and armor, the Knight of the Laughing Tree spoke in a booming voice through his helm, saying, 'Teach your squires honor, that shall be ransom enough.' Once the defeated knights chastised their squires sharply, their horses and armor were returned. And so the little crannogman's prayer was answered . . . by the green men, or the old gods, or the children of the forest, who can say?"


It was a good story, Bran decided after thinking about it a moment or two. "Then what happened? Did the Knight of the Laughing Tree win the tourney and marry a princess?"
  

"No," said Meera. "That night at the great castle, the storm lord and the knight of skulls and kisses each swore they would unmask him, and the king himself urged men to challenge him, declaring that the face behind that helm was no friend of his. But the next morning, when the heralds blew their trumpets and the king took his seat, only two champions appeared. The Knight of the Laughing Tree had vanished. The king was wroth, and even sent his son the dragon prince to seek the man, but all they ever found was his painted shield, hanging abandoned in a tree. It was the dragon prince who won that tourney in the end."


"Oh." Bran thought about the tale awhile. "That was a good story. But it should have been the three bad knights who hurt him, not their squires. Then the little crannogman could have killed them all. The part about the ransoms was stupid. And the mystery knight should win the tourney, defeating every challenger, and name the wolf maid the queen of love and beauty."


"She was," said Meera, "but that's a sadder story."


"Are you certain you never heard this tale before, Bran?" asked Jojen. "Your lord father never told it to you?"


Bran shook his head. The day was growing old by then, and long shadows were creeping down the mountainsides to send black fingers through the pines. If the little crannogman could visit the Isle of Faces, maybe I could too. All the tales agreed that the green men had strange magic powers. Maybe they could help him walk again, even turn him into a knight. They turned the little crannogman into a knight, even if it was only for a day, he thought. A day would be enough..

 

ASOS - Bran II

 

I due fratelli Reed raccontano a Bran le vicende del Torneo di Harrenhal durante l'anno della Falsa Primavera. Immagino che prima o poi attraverso un suo pov vedremo qualcosa di quanto accaduto sull'Isola delle Facce, forse persino il "Patto", oltre alle interazioni con i personaggi più recenti.

Comunque: Howland viene attaccato, Lyanna interviene in suo aiuto e lo introduce alla cucciolata Stark, Raeghar fa piangere Lyanna con la sua canzone malinconica (potrebbe essere proprio la Canzone di Bael? oppure un'altra ancora scritta da lui sulla tragedia di Summerhall?), Ned timidone balla con Ashara, il Cavaliere dell'Albero vendica Howland, Aerys manda Raeghar a cercarlo, poi lo stesso Raeghar vince il Torneo e incorona Lyanna con le rose blu invernali.

Notare anche come Bran, convinto di aver capito la reale identità del Cavaliere Misterioso, suggerisca che avrebbe dovuto incoronare lui la lupacchiotta. In quel momento Martin deve aver ammiccato talmente forte verso di noi da farsi venire un tic all'occhio.

 


 

 

 

 

Spoiler


"My father was called Ned too," she said.


"I know. I saw him at the Hand's tourney. I wanted to go up and speak with him, but I couldn't think what to say." Ned shivered beneath his cloak, a sodden length of pale purple. "Were you at the tourney? I saw your sister there. Ser Loras Tyrell gave her a rose."


"She told me." It all seemed so long ago. "Her friend Jeyne Poole fell in love with your Lord Beric."


"He's promised to my aunt." Ned looked uncomfortable. "That was before, though. Before he . . ."


. . . died? she thought, as Ned's voice trailed off into an awkward silence. Their horses' hooves made sucking sounds as they pulled free of the mud.


"My lady?" Ned said at last. "You have a baseborn brother . . . Jon Snow?"


"He's with the Night's Watch on the Wall." Maybe I should go to the Wall instead of Riverrun. Jon wouldn't care who I killed or whether I brushed my hair . . . "Jon looks like me, even though he's bastard-born. He used to muss my hair and call me 'little sister.'" Arya missed Jon most of all. Just saying his name made her sad. "How do you know about Jon?"


"He is my milk brother."  


"Brother?" Arya did not understand. "But you're from Dorne. How could you and Jon be blood?"


"Milk brothers. Not blood. My lady mother had no milk when I was little, so Wylla had to nurse me."


Arya was lost. "Who's Wylla?"


"Jon Snow's mother. He never told you? She's served us for years and years. Since before I was born."


"Jon never knew his mother. Not even her name." Arya gave Ned a wary look. "You know her? Truly?" Is he making mock of me? "If you lie I'll punch your face."


"Wylla was my wetnurse," he repeated solemnly. "I swear it on the honor of my House."


"You have a House?" That was stupid; he was a squire, of course he had a House. "Who are you?"


"My lady?" Ned looked embarrassed. "I'm Edric Dayne, the . . . the Lord of Starfall."


Jon has a mother. Wylla, her name is Wylla. She would need to remember so she could tell him, the next time she saw him. She wondered if he would still call her "little sister." I'm not so little anymore. He'd have to call me something else. Maybe once she got to Riverrun she could write Jon a letter and tell him what Ned Dayne had said. "There was an Arthur Dayne," she remembered. "The one they called the Sword of the Morning."


"My father was Ser Arthur's elder brother. Lady Ashara was my aunt. I never knew her, though. She threw herself into the sea from atop the Palestone Sword before I was born."


"Why would she do that?" said Arya, startled.


Ned looked wary. Maybe he was afraid that she was going to throw something at him. "Your lord father never spoke of her?" he said. "The Lady Ashara Dayne, of Starfall?"


"No. Did he know her?"


"Before Robert was king. She met your father and his brothers at Harrenhal, during the year of the false spring." 


"Oh." Arya did not know what else to say. "Why did she jump in the sea, though?"


"Her heart was broken."


Sansa would have sighed and shed a tear for true love, but Arya just thought it was stupid. She couldn't say that to Ned, though, not about his own aunt. "Did someone break it?"


He hesitated. "Perhaps it's not my place . . ."


"Tell me."


He looked at her uncomfortably. "My aunt Allyria says Lady Ashara and your father fell in love at Harrenhal—"


"That's not so. He loved my lady mother."

"I'm sure he did, my lady, but—" 

"She was the only one he loved."

"He must have found that bastard under a cabbage leaf, then," Gendry said behind them. 


Arya wished she had another crabapple to bounce off his face. "My father had honor," she said angrily. "And we weren't talking to you anyway. Why don't you go back to Stoney Sept and ring that girl's stupid bells?"


Gendry ignored that. "At least your father raised his bastard, not like mine. I don't even know my father's name. Some smelly drunk, I'd wager, like the others my mother dragged home from the alehouse. Whenever she got mad at me, she'd say, 'If your father was here, he'd beat you bloody.' That's all I know of him." He spat. "Well, if he was here now, might be I'd beat him bloody. But he's dead, I figure, and your father's dead too, so what does it matter who he lay with?"


It mattered to Arya, though she could not have said why. Ned was trying to apologize for upsetting her, but she did not want to hear it.

 

ASOS - Arya VIII

 

Arya attraversa le Terre dei Fiumi con la BWB e lo scudiero del (nostro) Lord Beric, Edric "Ned" Dayne, le parla sia di Wylla che di Ashara. Queste due sono le uniche candidate "ufficiali" al titolo di *Miss Mamma di Jon* ... solo che sino ad ora non sapevamo mica fossero collegate, nè si era ancora mai parlato esplicitamente di amore corrisposto. In particolare abbiamo visto che Catelyn e Cersei hanno entrambe fatto riferimento alla N+A=J, mentre Eddard stesso aveva (più o meno controvoglia) parlato di N+W=J a Robert. La "versione Dayne" è quasi una fusione delle due versioni :  N <3 A ... ma N+W=J . Qualcosa non torna, no?

L'importanza di questo passaggio risiede però anche in quanto ci è rivelato indirettamente : Eddard trascorse un certo lasso di tempo a Casa Dayne (perchè?) e sopratutto, i Dayne hanno chiamato il loro futuro Lord come lui (perchè?). Nei 5 libri di ASOIAF esistono soltanto altri due "Ned" oltre all'originale, ed entrambi sono chiamati così in suo onore: il giovane Dayne appunto, più un certo Ned Woods, soldato della Foresta del Lupo al servizio dei Glover (a loro volta vassalli degli Stark), che compare in un singolo capitolo di Dance. Anche in Fire&Blood è nominato un tale Ned ... Bean, chiaro riferimento a Sean Bean, colui che in GoT ha interpretato proprio Eddard "Ned" Stark.
 

Divertente il momento in cui Gendry definisce un ubriacone il suo (s)conosciuto padre.


 

Nello stesso capitolo, Arya parla (dopo il tentativo di fuga) con un winterfelliano in persona, Harwin.
 

Spoiler


"That boy Ned said . . ."


"Aye, he told me. Lady Ashara Dayne. It's an old tale, that one. I heard it once at Winterfell, when I was no older than you are now." He took hold of her bridle firmly and turned her horse around. "I doubt there's any truth to it. But if there is, what of it? When Ned met this Dornish lady, his brother Brandon was still alive, and it was him betrothed to Lady Catelyn, so there's no stain on your father's honor. There's nought like a tourney to make the blood run hot, so maybe some words were whispered in a tent of a night, who can say? Words or kisses, maybe more, but where's the harm in that? Spring had come, or so they thought, and neither one of them was pledged."


"She killed herself, though," said Arya uncertainly. "Ned says she jumped from a tower into the sea."


"So she did," Harwin admitted, as he led her back, "but that was for grief, I'd wager. She'd lost a brother, the Sword of the Morning." He shook his head. "Let it lie, my lady. They're dead, all of them.
 

 

La "vecchia storia" è la stessa che aveva turbato Cat a suo tempo; in questo caso però viene esplicitato qualcosa che già avremmo potuto capire implicitamente: all'epoca dei fatti, Ned era totalmente libero di innamorarsi e/o andare a letto (e/o persino promettersi in fidanzamento), senza disonore alcuno per nessuno.

 

 

 

 

 

Quasi a sorpresa, ad anni e libri di distanza compare un nuovo (e ultimo) riferimento ad Ashara.
 

Spoiler


Ser Barristan stepped out alone onto the terrace gardens. I am not made for this, he reflected as he looked out over the sprawling city. The pyramids were waking, one by one, lanterns and torches flickering to life as shadows gathered in the streets below. Plots, ploys, whispers, lies, secrets within secrets, and somehow I have become part of them.  

 

Perhaps by now he should have grown used to such things. The Red Keep had its secrets too. Even Rhaegar. The Prince of Dragonstone had never trusted him as he had trusted Arthur Dayne. Harrenhal was proof of that. The year of the false spring.  


The memory was still bitter. Old Lord Whent had announced the tourney shortly after a visit from his brother, Ser Oswell Whent of the Kingsguard. With Varys whispering in his ear, King Aerys became convinced that his son was conspiring to depose him, that Whent's tourney was but a ploy to give Rhaegar a pretext for meeting with as many great lords as could be brought together. Aerys had not set foot outside the Red Keep since Duskendale, yet suddenly he announced that he would accompany Prince Rhaegar to Harrenhal, and everything had gone awry from there.  


If I had been a better knight … if I had unhorsed the prince in that last tilt, as I unhorsed so many others, it would have been for me to choose the queen of love and beauty …

Rhaegar had chosen Lyanna Stark of Winterfell. Barristan Selmy would have made a different choice. Not the queen, who was not present. Nor Elia of Dorne, though she was good and gentle; had she been chosen, much war and woe might have been avoided. His choice would have been a young maiden not long at court, one of Elia's companions … though compared to Ashara Dayne, the Dornish princess was a kitchen drab.


Even after all these years, Ser Barristan could still recall Ashara's smile, the sound of her laughter. He had only to close his eyes to see her, with her long dark hair tumbling about her shoulders and those haunting purple eyes. Daenerys has the same eyes. Sometimes when the queen looked at him, he felt as if he were looking at Ashara's daughter …


But Ashara's daughter had been stillborn, and his fair lady had thrown herself from a tower soon after, mad with grief for the child she had lost, and perhaps for the man who had dishonored her at Harrenhal as well. She died never knowing that Ser Barristan had loved her. How could she? He was a knight of the Kingsguard, sworn to celibacy. No good could have come from telling her his feelings. No good came from silence either. If I had unhorsed Rhaegar and crowned Ashara queen of love and beauty, might she have looked to me instead of Stark?


He would never know. But of all his failures, none haunted Barristan Selmy so much as that.

 

ADWD - The Kingbreaker



Tra il ribrezzo per segreti e complotti, il tormento di ricordi amari e fallimenti passati, sembra quasi di essere tornati nuovamente nella testa di Ned. Scopriamo che anche Barry era innamorato di lei (nota en passant: colui che si chiede " might she have looked to me instead  " è non solo un Cavaliere della Guardia Reale obbligato a non prender moglie e generare figli come lui stesso nota, ma anche più banalmente un 45enne all'epoca del Torneo, di oltre 20 anni più anziano rispetto alla sua fiamma) e che la bella dorniana aveva dato alla luce una femminuccia, morta ! Anche Cersei a suo tempo aveva parlato di dolore per la perdita di un figlio (in quel caso insinuando che Ned le avesse portato via Jon dopo averle ammazzato il fratello, quasistigandola al suicidio), questa volta si tratta di una bambina appunto e di un uomo che l'avrebbe disonorata (indirettamente istigandola al suicidio) !

Se poi ci aggiungiamo i riferimenti agli occhi di Dany e allo Stark senza nome ... ecco perchè il fandom abboccò in pieno all'epic bait immaginando le teorie più strampalate (tipo B/E/R + A/L = J/D  e ovviamente Mance=Rhaegar, Lemore=Ashara, Jyana=Lyanna).
Ad aumentare la confusione nelle teste, nella versione italiana il povero Altieri tradusse quel  'Stark'  con  'Eddard Stark' (facendo gridare molti all'altierata 'cervo'  -> 'unicorno').
Considerando che in Dance erano presenti molte info sul carattere di Brandon (ringraziando Barbrey Dustin), prese piede l'ipotesi (se non altro meno assurda delle altre) che fosse stato il primogenito Stark a disonorare la Dayne.


Poche righe sono bastate per spazzare via anni di insegnamenti ed esperienza, compreso il primo comandamento di ASOIAF :
<< Mai fidarsi dei Personaggi ! >>
men che meno se sono un vecchio "Ser" geloso con una visione del mondo distorta, oppure una vedova che serba rancore da decenni.

 

Se Eddard ha veramente disonorato Ashara (aldilà dell'essere una azione totalmente contraria a tutto ciò che sappiamo di lui) perchè tra tutte le possibilità, sono proprio i Dayne a non mostrare alcun risentimento (anzi) nei suoi confronti?

Se Brandon ha veramente "sedotto" Ashara, addirittura dopo aver lui stesso incoraggiato i sentimenti del fratellino (a parte che un conto è essere il lupo alfa del branco, altro è essere un sadico abusivo alla Ditocorto), perchè proprio Ned non pensa mai male di lui (anzi), lo onora con una statua (contro la tradizione) e da al suo secondo figlio maschio lo stesso nome?

 

 

 

 

 

Termino questo primo post (finalmente, direte voi) con gli ultimi due piccoli contributi :)

 

Spoiler


The False Spring of 281 AC lasted less than two turns. As the year drew to a close, winter returned to Westeros with a vengeance. On the last day of the year, snow began to fall upon King's Landing, and a crust of ice formed atop the Blackwater Rush. The snowfall continued off and on for the best part of a fortnight, by which time the Blackwater was hard frozen, and icicles draped the roofs and gutters of every tower in the city.


As cold winds hammered the city, King Aerys II turned to his pyromancers, charging them to drive the winter off with their magics. Huge green fires burned along the walls of the Red Keep for a moon's turn. Prince Rhaegar was not in the city to observe them, however. Nor could he be found in Dragonstone with Princess Elia and their young son, Aegon. With the coming of the new year, the crown prince had taken to the road with half a dozen of his closest friends and confidants, on a journey that would ultimately lead him back to the riverlands. Not ten leagues from Harrenhal, Rhaegar fell upon Lyanna Stark of Winterfell, and carried her off, lighting a fire that would consume his house and kin and all those he loved—and half the realm besides.
 

But that tale is too well-known to warrant repeating here.

 

TWOIAF - The Fall of the Dragons: The Year of the False Spring

 

Il world book ci rivela alcuni interessanti dettagli temporali prima incerti: il "rapimento" avviene ad una cinquantina di km da Harrenal (Lyanna evidentemente era rimasta in zona per l'imminente matrimonio di Brandon), intorno all'inizio del 282 AC e (circa 2-3 mesi dopo il Torneo), periodo di tempo sufficiente per il ritorno dell'inverno a Westeros e sopratutto di Rhaegar nelle Riverlands insieme a circa "sei dei suoi amici e compagni più fidati".


 

 
Infine, anche nell'app (AWOIAF) ci sono numerose conferme di quanto già sapevamo o potevamo intuire, tra cui :
Spoiler


Rhaegar ha "rapito" Lyanna con l'aiuto di Oswell Whent e Arthur Dayne (sono citati espressamente loro due) e trascorso i primi mesi della Guerra con lei nella ToJ;

Aerys ha mandato Gerold Hightower a cercarlo, in compenso Rhaegar ha ordinato a tutti e 3 i Cavalieri di restare li;


e poi vabbè, Rhaegar è morto col nome di Lyanna sulle labbra.
 

 

 

Link to post
Share on other sites
  • Replies 196
  • Created
  • Last Reply

Top Posters In This Topic

il fatto che i dayne, almeno apparentemente, non ce l'avessero con ned e che howland reed abbia "qualcosina" da raccontare mi ha sempre fatto ipotizzare, tra le varie teorie, che ashara potesse essere ancora viva e sia finita per diventare sua moglie, anche se meera e jojen non hanno praticamente niente di ashara come aspetto quindi è una teoria con poche basi...

 

pero non mi ha mai convinto la storia del salto dalla torre...

Link to post
Share on other sites

Che bell'analisi @Mar! Rileggere tutti questi passaggi insieme è stato molto interessante, devo dire... 

Riguardo alla presenza di più persone all'interno della stanza di Lyanna, è un dettaglio a cui non avevo fatto caso, ma magari potrebbe essere qualche cameriera della stessa Lyanna, anche se per ricordare più persone dovrebbe essere qualcuno che Ned conosceva e di cui si ricordava. 

Ashara stessa la escluderei, non avrebbe avuto senso per Ned riportarle una spada che lei avrebbe visto dal posto in cui alloggiava. 

Il dubbio è, quando Ned riporta la spada di Arthur alla sorella, questa ha già partorito o partorisce poco dopo (ammesso che fosse incinta), e poi si butta? E in base a questo sarebbe interessante risalire alla data del concepimento della figlia, e capire quindi se lei era ad Harrenhal o a Starfall. Se fosse stata nel suo castello, ai tempi, pochi sarebbero i candidati.

Dando credito a Barristan, questo sarebbe avvenuto ad Harrenhal, e il possibile candidato sarebbe dunque uno dei due Stark. Probabilmente il fatto che Ned l'abbia amata, a fatto sì che il ricordo di questo fosse positivo da parte di Ashara e di riflesso da parte di coloro che le stavano attorno, tanto da non portare rancore da parte dei Dayne agli Stark.

Link to post
Share on other sites

Lo scenario più credibile che ho trovato in giro sarebbe più o meno questo :

1) ned conosce ashara ad harrenhall, si innamorano e dato che non sono promessi  a qualcun altro in quanto non eredi, probabilmente ci scappa una mezza promessa di nozze da parte di almeno una delle due casate. Ashara resta incinta (anche se il bambino forse non nascerà neanche) e la cosa non sarebbe quindi un problema (data la mezza promessa di matrimonio) se non fosse per la ribellione. 

2) dopo aver fatto terminare l'assedio di capo tempesta eddard è libero di cercare lyanna. Con Arthur Dayne finora assente, Stark intuisce che il dorniano sia rimasto a guardia di lyanna e va quindi a cercare tracce a casa Dayne. Ashara rivela di aver mandato wylla da aerhur per aiutare lyanna 

3)ned torna dai Dayne con jon. Ashara si suicida per disperazione (per la morte di Arthur di cui sente un po' colpevole, per aver perso eddard e pure loro figlio). 

Sul perché i Dayne abbiano un buon ricordo di ned potrebbe essere che questi vedano eddard come un uomo divenuto quasi loro parente se non fosse stato  per cause del tutto fuori dal loro controllo, oltre a condividere con lui il lutto per ashara. 

Link to post
Share on other sites

Per quanto riguarda Edric, non ricordo se venga detto da chi ha ricevuto il nomignolo Ned, ma lui finisce come paggio (e poi scudiero) a Blackheaven a sette anni sotto la protezione di Beric Dondarrion, e non è da escludere che quell'appellativo se lo sia beccato lì, visto anche che i Dondarrion sono vassalli dei Baratheon, e che Ned Stark era stato uno dei loro comandanti in capo, nella Ribellione.

Link to post
Share on other sites

O forse Ned è il nomignolo che Wylla ha dato ad Edric. Io sono sempre più convinta che lei sia la levatrice di Lyanna, e che abbia contribuito attivamente a mantenere il segreto su Jon. È probabile che i tre (lei, Howland, Ned) abbiano stabilito una forma di amicizia a distanza. Oltretutto per me una relazione tra Ned e Ashara con tanto di concepimento di figlio morto non solo umanizzerebbe il personaggio, ma renderebbe anche la scelta di sposare Catelyn più sofferta (in maniera simile a quanto è accaduto con Jon e Ygritte). Ci sarebbe inoltre un significato simbolico: Ned avrebbe perso il figlio che aspettava da Ashara (oltre ad Ashara stessa), ma acquistato una diversa paternità con Jon e poi con Robb e gli altri.

Tenderei invece ad escludere Brandon per i motivi indicati da @Mar.

In ogni caso mi complimento per l'ottimo argomento, i personaggi morti durante la Ribellione ( i "fantasmi di ASOIAF" come li chiamo io) hanno sempre suscitato un grande fascino su di me.

Link to post
Share on other sites

Bellissimo topic e interessante analisi @Mar! Ci voleva! :)

 

Su molte cose la penso come te e i passaggi che hai citato - deo gratias - in versione originale aprirebbero una discussione fiume su molti argomenti. Anche perché, diciamoci la verità, come si intuisce dalla "breve" introduzione di @Mar, uno dei tratti più affascinanti della scrittura di Martin è la capacità di tratteggiare quelli che @Figlia dell' estate chiama i fantasmi di ASOIAF, ma anche molti dei personaggi minori.

 

Cercando di focalizzare l'attenzione solo su The Lady Ashara dai purple haunting eyes un dubbio legittimo che viene, sapendo di non poter considerare Barristan un narratore affidabile, è se la figlia di Ashara sia veramente nata morta, poiché, se ben ricordo, l'età di Allyria, la zia di Edric/Ned Dayne, porterebbe a fare pensare che, per salvare il salvabile, sia stata data questa versione.

 

Quindi dobbiamo chiederci se Ashara fosse davvero incinta o questa non fosse una scusa per coprire la sua uscita di scena dalle dame di corte di Elia per poter rientrare a Starfall e coordinare le necessità di R+L residenti alla Torre della gioia. Un tale disonore può essere usato come pretesto per questo?

Qualora non lo fosse resta il mistero di chi possa avere quindi messo incinta Ashara. Improbabile Rhaegar, ancora più improbabile Brandon. Altrimenti non si spiegherebbe il ruolo di Arthur (che per quanto ce la racconti col suo voto tra Rhaegar e Aerys appare ben più fedele al primo e anche alcune considerazioni da parte di Jaime), né la buona relazione tra Stark e Dayne. Questa porterebbe anche a escludere eventuali paternità di Ned, anche se è facile credere che qualcosa tra i due ci sia stato a Harrenhal. Quell'everything was meant for Brandon, al di là dell'esprimere quanto Ned non avrebbe voluto essere Lord, esprime soprattutto il costo di tutto questo. Qualora Ashara fosse davvero rimasta incinta e questo fosse stato il motivo del suo ritiro da corte, a parte la tenda con Ned, mi è sempre sembrato più probabile che dietro ci fosse stato Aerys. In un certo senso, spiegherebbe anche perché Arthur nonostante i suoi voti fosse così Rhaegar oriented.

È comunque vero che Ned resta per un lasso di tempo a Starfall. E quindi resta lì per avere un ultimo periodo con Ashara? Con Ashara e la figlia? È questo ciò a cui Ned ha dovuto rinunciare per mantenere la promessa fatta a Lyanna? Oppure resta a Starfall solo per attendere che il piccolo Jon sia pronto al viaggio?

 

Appurato questo, avvolta nel mistero è anche la morte di Ashara: si getta da una torre in preda al dolore. Ma dolore per cosa? 

Un figlio inesistente, il figlio rubato da Ned, la figlia morta, il fratello ucciso, l'addio di Ned. Questa confusione porta a pensare che la si possa ritrovare in Lemore, perché Ashara è un personaggio che prima o poi vuoi incontrare nei libri per come Martin costruisce questo fantasma. 

Che abbia finito per unirsi a Howland Reed sembra molto difficile, essendo egli colui che ha ucciso Arthur. Ma anche l'ipotesi Lemore non è pienamente convincente: Tyrion non parla mai del suo attributo maggiore, gli haunting purple eyes, ma non si accorge neanche di quelli di fAegon, finché non lava via il blu dai capelli. E viene fatto intendere che Lemore sia una Lady del sud, di cui il Grifone conosce l'identità.

Quindi la domanda è anche se Ashara provasse sufficiente dolore da sentire di doversi buttare dalla torre, ma soprattutto se Martin non voglia scardinare anche questo topos riservandoci qualche sorpresa.

 

 

Link to post
Share on other sites

Come noto Ashara è uno dei miei misteri preferiti :figo: 

Sono stati finora nominate tutte le prove solitamente tirate in ballo, così come le teorie standard per cercare di risolvere il mistero (cfr. le discussioni storiche sul tema) che tuttavia temo rimarrà tale perché gli indizi sono troppo pochi e nebulosi per riuscire ad arrivare a qualcosa di concreto, quindi haivoja tutta la verità :ehmmm:

Per quanto mi riguarda mi ha sempre affascinato molto l'ipotesi Ned che si prende una cotta per Ashara (una promessa di matrimonio mi pare un tantino esagerata dopo 2 giorni) ma il fratello maggiore che ci broccola a tradimento (instead of Stark, chissà come mai non è stato messo il nome, a me è sempre parso strano che Barrystan rimanesse così vago).

Per quanto riguarda l'ipotetico suicidio per disperazione, che è la versione che preferisco (invece che tutti questi dati per morti che poi spuntano fuori), potrebbe essere dovuto a molte cose. Spiegabilissimo nel caso di un figlio morto, ancor di più se scopri che nel frattempo il tuo innamorato ha sposato un'altra per dovere (e che quindi nemmeno ama) e ha ucciso tuo fratello (direi che non servono altre motivazioni ^^"), magari addirittura se vieni a sapere che quello con cui hai giaciuto chiamandolo Ned era invece un altro Stark (ma questa è un'ipotesi molto romanzata).

Quanto al fatto che i Dayne sembrano comunque aver una buona opinione di Ned non ci trovo nIlla di strano: in primo caso per analogia perché è la stessa cosa che accade per Ned nei riguardi di Rhaegar, nonostante quello che è accaduto lui non pare avercela a morte col principe né volerne una damnatio memoriae eppure qualche ragione ci sarebbe. In seconda battuta per inferenza perché sempre ragionando per ipotesi Ned non ha mai fatto nulla di male contro Ashara nè contro il resto della famiglia Dayne, l'uccisione di Arthur è avvenuta mentre entrambi compivano il loro dovere e anzi Ned ne ha pure onorato la memoria riportando la spada.

Link to post
Share on other sites

Tra le varie teorie mi pare che invece non sia stata menzionata l'altra grandemente dibattuta (e per fortuna perché non mi piace proprio) ovvero quella secondo cui tutti i dolori della povera Ashara sarebbero stati causati dai suoi legami coi Targaryen. 

C'è infatti chi crede che il suo ipotetico bambino (figlio di Ned/Brandon/Aerys/Rhaegar o addirittura Arthur!) non fosse nato morto ma fosse stato usato per sostituire Aegon a causa della somiglianza e del fatto che lei era vicina ad Elia. 

Come anticipato c'è quindi pure chi crede che lei fosse stata il bersaglio di Rhaegar nel tentativo di avere il principe promesso (dubito molto), o persino finita nelle mire di Aerys.

E appunto la teoria per cui il dolore incolmabile di Ashara fosse dovuto ad un legame più che fraterno con il fratello.

Tutta roba che ritengo altamente improbabile (citata solo per completezza) perché al contrario delle ipotesi già enunciate sopra non si basa sulla minima prova.

Per quanto mi riguarda è indubbio un coinvolgimento da parte di Ned, non si può sapere quanto profondo, direi che sono piuttosto portata a chiedermi come lei dama di corte e bellissima, abituata a essere corteggiata possa essersi presa una sbandata di tali proporzioni per il timido lupo del Nord.

Penso sia indubbio pure che a un certo punto Ashara sia rimasta incinta, è una voce troppo grossa per essere solo inventata e difficile da nascondere se vera, che peraltro ci arriva da varie fonti molto distanti tra loro. 

Ovviamente tra questi 2 elementi è scontato pensare a un collegamento, motivo per cui tenderei a pensare a una sorpresa finale che scombina le carte in tavola.

C'è però anche un'altro parallelismo interessante: se le cose fossero andate come ritengono i più e Ned avesse finito per "disonorare" Ashara (tecnicamente la cosa accade anche con damigella consenziente perché la questione è l'onore della suddetta) promettendo però di riparare con un matrimonio, la vicenda potrebbe ricordare quanto accaduto in seguito col primogenito di Ned, e la cosa a posteriori potrebbe essere quindi letta quasi come un'ulteriore strizzata d'occhio. 

Link to post
Share on other sites

Non ci ho mai capito molto di tutta questa storia... Troppe poche informazioni e sparse così lontane l'una dall'altra che per me è sempre stato difficile cogliere il benché minimo senso logico in questo che è IL mistero di ASOIAF, le vicissitudini di Rhaegar, Lyanna e Baby Jon. Cercare di capirci qualcosa, d'altra parte, è stato il motivo per cui mi sono iscritto al forum :ehmmm:

So di non poter aggiungere nessun contributo fondamentale, non leggo ASOIAF da molto tempo e ormai ho dimenticato quasi tutto... Ma ci proverò, consapevole di sparare probabilmente cose a caso...

 

Che Ned possa aver avuto qualche avventura prima del matrimonio mi sembra confermato da ciò che il Lord di Sisterton (mi pare) disse a Davos in ADWD (forse): Ned avrebbe avuto un figlio con la figlia di un pescatore. Lord Borrell ci dice che quel figlio è proprio Jon Snow, ma al 100% è un'altra falsa pista che Martin getta ai lettori. Ma comunque, ciò che possiamo desumere dal POV di Davos è che Ned potrebbe benissimo aver avuto un'avventura con Ashara e  averla messa incinta. La morte della loro figlioletta e il destino matrimoniale di Ned mi paiono buone ragioni dell'estremo gesto di Ashara, che, per quanto mi piacerebbe che fosse Septa Lemore, per me è morta e sepolta (anche perché sarebbe l'ennesimo caso di gente creduta morta ma ancora viva... e Mance e Aegon e Jon Connigton... e basta! :ehmmm:)

 

Quanto a Edric Dayne mi pare che riferisca che lui e Jon siano "fratelli di latte" (se non sbaglio). Non so quanto può essere utile, ma sto passaggio mi è balenato nella mente e può essere utile ricordarlo... Wylla era una balia? Non ricordo... In ogni caso ci deve essere un legame tra Jon e i Dayne. Non è figlio di Ashara, che ha avuto una figlia morta prematuramente. È probabilmente passato a Starfall da piccino picciò portato da Ned e qui potrebbe essere stato allattato da Wylla (sempre che sia una balia :ehmmm:)

Link to post
Share on other sites
23 hours fa, Mar dice:

Se Eddard ha veramente disonorato Ashara (aldilà dell'essere una azione totalmente contraria a tutto ciò che sappiamo di lui) perchè tra tutte le possibilità, sono proprio i Dayne a non mostrare alcun risentimento (anzi) nei suoi confronti?


Se Brandon ha veramente "sedotto" Ashara, addirittura dopo aver lui stesso incoraggiato i sentimenti del fratellino (a parte che un conto è essere il lupo alfa del branco, altro è essere un sadico abusivo alla Ditocorto), perchè proprio Ned non pensa mai male di lui (anzi), lo onora con una statua (contro la tradizione) e da al suo secondo figlio maschio lo stesso nome?

 

Secondo me è stato Brandon a mettere incinta Ashara. Io non ci vedo nulla di sadico né tantomeno abusivo in ciò: semplicemente Brandon mi dà l'impressione di essere una testa calda menefreghista, una persona che aiuta affettuosamente Ned a farsi avanti con Ashara ma che allo stesso tempo non si fa nessun problema a sedurre Ashara per una notte, dando per scontato che tanto alla ragazza Ned non interessi e che, come si suol dire, "occhio non vede, cuore non duole". Secondo me, se Ashara non fosse rimasta incinta, probabilmente nessuno avrebbe saputo della tresca.

 

Per certi aspetti caratteriali Brandon ricorda il personaggio di Robert: malgrado la probabile delusione, credo che Ned non avrebbe mai potuto odiare  il fratello, allo stesso modo in cui non ha odiato il migliore amico a dispetto del suo declino morale.

Link to post
Share on other sites

Come dicevo pare anche a me un po' strano che Ashara, bellissima e stracorteggiata, sia rimasta così colpita dall'imbranato Ned che probabilmente non sapeva manco cosa fare fossero arrivati al momento clou. 

Brandon invece era uno che apprezzava le donne, ci sapeva fare e non si faceva problemi a prendersele (non intendo con la forza) fossero semplici donne del popolo o Lady, infischiandosene della loro virtù. 

E l'episodio di Lady Dustin non è messo là a caso per me.

Non è neanche da escludere che sia avvenuto una specie di scambio di persona. 

Ad ogni modo non è detto che Ned potesse sapere delle azioni del fratello, e d'altronde anche scoprendo la verità ormai aveva preoccupazioni e dispiaceri ben più gravi.

Link to post
Share on other sites

Per me il racconto di Lady Dustin è collegato a Domeric, primo figlio di Roose. Viene detto che sapeva cavalcare meglio di Lyanna Stark, è probabile che sia figlio di Brandon. Personalmente credo che Ashara fosse innamorata di Ned, perchè solo lei può aver detto a Ned dove si trovava Lyanna. In tal modo si sarebbe sentita responsabile della morte del fratello e tradita due volte dall'uomo che amava, perciò si suicida. Poi non è detto che sia stato lui a metterla incinta, l'ipotesi Aerys ha senso, non ci avevo pensato.

Link to post
Share on other sites

Grazie a voi per la partecipazione :)

 

 

Per me Lemore =/= Ashara
 
Il particolare degli occhi è troppo importante per non essere notato, ma anche soprassedendo su di esso, c'è di mezzo la questione dell'età. Tyrion la giudica oltre i quaranta, mentre Ashara nel presente di Asoiaf sarebbe nei suoi trenta (coetanea di Ned tra l'altro, ho dimenticato di dirlo quando ho fatto riferimento all'età di Barristan, che all'epoca ne aveva già più di quanti ne avrebbe lei ora). Ancor più di questo, non credo ci siano basi sufficienti, sia per lei all'interno della storia che per Martin a livello di scelta narrativa, per pensare che lei avrebbe finto la morte e si sia poi ricongiunta alla banda Varys/Illyrio, in incognito per tutti questi anni, per stare vicina al presunto figlio, anche lui finto morto, di Rhaegar ed Elia. Daje

In questo la penso come Lyra Stark, credo cioè che Ashara avesse abbondanti motivi per essere spinta al suicidio. Il "double baby swap" però, se c'è stato, ha riguardato il "Pisswater prince" di Varys, sostituito da Illyrio (probabilmente a insaputa del compare) col suo figlioletto avuto da Serra, motivo per cui il c.d. fAkegon sarebbe un Blackfyre. Ma meglio non continuare qui questo OT.


 

 

Non penso neanche, nonostante l'assonanza, che Lyanna (e tanto meno Ashara) sia Jyana, cioè la crannogwoman-moglie di Howland Reed, nominata per la prima e unica volta nell'Appendice di AFFC. Intendiamoci, non mi stupirei (anzi!) se a suo tempo Howland si fosse innamorato della lupa. Ma proprio non riesco a trovare spiegazioni plausibili (logiche & narrative) per cui Lyanna sarebbe un'altra dei finti morti (detto tra parentesi, questi abbondano ben più nelle fan-teorie, che in quanto realmente scritto da Martin) e che ha attraversato in incognito l'intero Continente, per poi restarsene in decennale isolamento nelle paludi ... nonostante nel testo si parli esplicitamente della sua morte e del suo corpo morto, riportato da Ned a Winterfell :ehmmm:

 

 

 

 

Sopratutto, respingo la B+A.

La percezione di un Brandon "simil" Jaime/Robert e di Ned imbranato, purtroppo è diffusa ma inesatta, basata su fonti non autorevoli e non imparziali, smentite dal testo (per intenderci, questa è la maniera in cui ragionano le Cersei e le Barbrey del mondo). Nel secondo caso, trasformando la semplice timidezza di un quiet wolf (in seguito solenne e malinconico) e la sua presunta incapacità "politica", in mezza ritardataggine o pressapoco. Nel primo caso, caricando a mille il lato "selvaggio" del lupo in questione, lo stesso personaggio che accetta di risparmiare la vita a Ditocorto se Catelyn glielo chiede, che corre all'inseguimento di Rhaegar quando questi gli "rapisce" la sorellina, che viene definito Gallant Fool da Hoster Tully, che ha la leggerezza di "minacciare" un Re soprannominato Folle. Voler far combaciare questo identikit all'altro del seduttore e/o stupratore macho bad boy, è un pò voler adattare i fatti alle ipotesi, anzichè il contrario.
Ma evidentemente su questo dovremo limitarci a concordare di non concordare :)

 

 


 

La parte più problematica di tutti gli sballati ragionamenti di Barristan Selmy, è quel riferimento alla figlia morta di Ashara. Da un lato lui all'epoca era lontano temporalmente e geograficamente dagli eventi, dall'altro, pur essendo l'unica volta in cui viene citata per giunta da un pov così così, si tratta di un riferimento troppo preciso ... per essere messo sullo stesso piano degli altri.

Cioè lo Stark senza nome e il presunto disonoramento di Ashara.
Come interpretarli?

Io penso che Barry abbia (s)ragionato più o meno in questo modo: (anche) Ashara era innamorata di Eddard Stark / ne ricambiava l'amore (noi ovviamente abbiamo l'ulteriore conferma grazie agli stessi Dayne). Non sappiamo se il Cavaliere Reale fosse a conoscenza di ulteriori dettagli intimi riguardo la nuova coppia, cioè se il fatto che avessero "dormito insieme" nella tenda, fosse più o meno di pubblico dominio.
Può anche darsi.

Dopodichè la situazione è quella nota, scoppia cioè una crisi (e poi una guerra) al riguardo di quell'altra coppia ancora più famosa, e tutto va a quel paese. Dopodichè ciò che lui sa di Ashara, è che nel frattempo lei ha perso la figlia (avuta da noi iniziamo ad immaginare chi) e l'ultima volta che ha incontrato Ned, lui è ormai sposato, padre, ha ammazzato suo fratello.
E quando Ned se ne va, Ashara si butta.
Tragedia finita. 
 

Allora Barristan fa 2+2, con quelli che crede siano i termini dell'operazione, e arriva al risultato più facile per quello che è il suo cervellino. Ripeto, questo è lo stesso uomo che crede, incoronando Ashara, che sarebbe riuscito ad evitare il rapimento di Rhaegar (che ormai sappiamo essere avvenuto a distanza di mesi) e sopratutto a "conquistarla", in qualche maniera distogliendola dai suoi pensieri per Ned, impedendo così di farle fare la triste fine che ha fatto.
Non so se è chiaro.
I nessi logici son mica roba da Ser.

 

 

 

 

Per il resto, concordo con molto di quanto avete detto e appena ho tempo provo ad unire meglio tutti i puntini a nostra disposizione ;)

Link to post
Share on other sites
6 minutes fa, Mar dice:

Ripeto, questo è lo stesso uomo che crede, incoronando Ashara, che sarebbe riuscito ad evitare il rapimento di Rhaegar (che ormai sappiamo essere avvenuto a distanza di mesi) e sopratutto a "conquistarla", in qualche maniera distogliendola dai suoi pensieri per Ned, impedendo così di farle fare la triste fine che ha fatto.

 

Però stando a Barristan e al ragionamento che fa, ossia lo svolgimento del torneo e a chi disarciona chi, lo Stark dal quale vincendo avrebbe potuto distogliere l'attenzione di Ashara probabilmente era Brandon, non Ned, visto che quest'ultimo non partecipò al torneo.

Link to post
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now

×
×
  • Create New...