Jump to content
Sign in to follow this  
Euron Gioiagrigia

L'economia ai tempi del Coronavirus

Recommended Posts

Osservazioni sparse sull'impatto economico a livello turistico: poiché io abito vicino alla costa (anche se per questo non sono possidente come sosteneva qualcuno per cui chi ha casa sul litorale è per forza uno con multiproprietà) posso osservare l'andamento post lockdown: abbiamo colonne di auto in coda dalle 8 di mattina (con conseguente blocco delle vie stradali ogni santo sabato e domenica d'estate), compresi numerose vetture, camper e roulotte anche di targa tedesca. Ovviamente le automobili in coda si discostano parecchio dalla cinquecento scassata. 

Proprio un panorama da Italia alla fame.

Share this post


Link to post
Share on other sites

E c'è da lamentarsi? Per fortuna che qualcuno in vacanza ci va, anche con eventualmente il bonus se è possibile, visto che l'Italia vive parecchio di turismo. Pure io vorrei farmi qualche week end fuori, ufficio permettendo e ho una clio scassata. 

Share this post


Link to post
Share on other sites
25 minutes fa, Lyra Stark dice:

Proprio un panorama da Italia alla fame.

 

Non guardi abbastanza programmi trash su Rete4 allora :indica:

Share this post


Link to post
Share on other sites
51 minutes fa, Lady Monica dice:

E c'è da lamentarsi? Per fortuna che qualcuno in vacanza ci va, anche con eventualmente il bonus se è possibile, visto che l'Italia vive parecchio di turismo. Pure io vorrei farmi qualche week end fuori, ufficio permettendo e ho una clio scassata. 

Non sono certo io quella che si lamenta parlando di "persone ridotte alla fame" o turismo in ginocchio. Sarà che qua siamo abituati, ogni anno gli albergatori e i ristoratori piangono e si strappano i capelli o per il maltempo o per la tromba d'aria modello tornado o per questo o per quello, poi però girano sempre con le Porsche. Misteri...

Share this post


Link to post
Share on other sites

Prime impressioni su un paio di tranquille cittadine turistiche marine del Lazio: bagnini a spese del comune per assegnare i posti distanti in spiaggia libera, come avevano promesso (non ci speravo, seriamente). Stabilimenti tutti riaperti, rinnovati, rispettosi delle norme...tranne quella sugli ombrelloni, che sono sì un po' più distanti del solito ma non mi sono sembrati certo a 3mt.

Prezzi per ombrellone parecchio più alti sia per le entrate giornaliere che per gli abbonamenti, aumenti consistenti anche per le pizzerie e i gelati e simile.

Nessun bar/ristorante/gelateria chiuso, anche loro hanno rinnovato e ripulito tutto e cercato di introdurre novità.

Per inciso le solite fiere/circhi/lunapark annuali quest'anno non sono previsti. 

Proliferazione incredibile - ma forse prevedibile? - di camper oO.

Colonia estiva bimbi e casa anziani chiusa.

 

La maggioranza dei 'bagnanti' erano sportivi: surfisti, canoisti, sub, nuotatori (solitari), pescatori - i corsi sono anche loro tutti riaperti, anzi sono aumentati in numero e offerta e variazioni.

 

Lunedì scorso sono ricomparse tutte le navi da crociera nel porto ma non ho visto turisti stranieri in giro...boh forse quel corcuito è ancora in rodaggio.

 

In tutto questo scenario più o meno pronto ... decisamente poca, pochissima gente rispetto agli anni passati. Forse anche a causa del meteo, ma non era mai stato un deterrente a questo livello (ed è zona di trombe marine eh!)

 

Non si respira ancora aria di tragedia e bancarotta, ma di 'scommessa' con il fiato parecchio sospeso si.

 

Teniamo conto che sono 'andata a mare' per una settimana in orario non proprio normale (tutte le mattine ben prima delle 10, alcune sere dopo le 7) più questi due sabati e la scorsa domenica. Normalmente a metà giugno di sabato e domenica non si trovava proprio parcheggio...questa volta i pagamenti delle strisce blu sono addirittura sospesi.

 

La novità più straniante? C'ero SOLO IO a camminare  sul bagnasciuga. Tanto che mi è venuto il dubbio che fosse proibito (non lo è, secondo i bagnini almeno). 

 

La prossima settimana faccio il confronto con zona Viareggio e San Rossore...

 

 

Share this post


Link to post
Share on other sites

Ti consiglio di venire qui sulla costa Nordadriatica :blink: ammesso che riesci ad arrivare.

Comunque quest'anno boom di camper e roulotte perché le persone si sentono più sicure in quanto hanno l'alloggio disinfettato che utilizzano solo loro. 

Share this post


Link to post
Share on other sites

...Non è che tutte le code in nordadriatica sono di turisti che se ne vanno in Croazia - paese vagamente Covid Free - vero?

Share this post


Link to post
Share on other sites
11 hours fa, Lyra Stark dice:

Ti consiglio di venire qui sulla costa Nordadriatica :blink: ammesso che riesci ad arrivare.

Comunque quest'anno boom di camper e roulotte perché le persone si sentono più sicure in quanto hanno l'alloggio disinfettato che utilizzano solo loro. 

Ci avevo pensato, in effetti è una soluzione che, praticamente e psicologicamente, offre più sicurezza.

Al paesino dove vado sempre in Umbria e dintorni sono previste più case in affitto rispetto al solito, perché l'idea di avere la propria casa evidentemente fa sentire più sicuri rispetto ai vari agriturismi.

Share this post


Link to post
Share on other sites
14 hours fa, Neshira dice:

...Non è che tutte le code in nordadriatica sono di turisti che se ne vanno in Croazia - paese vagamente Covid Free - vero?

Dalla gente che si vede in giro non penso. Mi sembra anche abbastanza ingenuo pensarlo :unsure:Oltretutto non farebbero queste strade.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Ieri sera mi sono azzardata a fare la prima uscita mondana post lockdown. Impressioni: perplessità.

Ristorante pieno con un sacco di gente che senza prenotazione veniva respinta. Misure di sicurezza non proprio adeguate, per non dire praticamente inesistenti. 

Dopo cena fatto un giro per il centro con altri ristoranti e pizzerie tutti ugualmente pieni così come i parcheggi, tutti con cinquecento scassate naturalmente :blink:

Posti in spiaggia in overbooking per tutta la costa.

Sempre alla faccia della crisi. 

A onore del vero ho visto però alcuni hotel che erano chiusi.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Relazione di quest'altro weekend su due posticini di mare alta Toscana:

 

spiagge libere principali con la gestione 'prenota via app' e i bagnini comunali (ci sono davvero!) che ti assegnano il posto per l'ombrellone (NON a distanza 4 metri però...meno).

Nelle spiagge libere secondarie, distanziamento autogestito e per ora incredibilmente funziona. Vediamo se in altissima stagione la cosa regge...

Stabilimenti anche loro con ombrelloni un po' più distanziati ma non di tanto :/

Campeggi tutti chiusi! B&B più di metà chiusi, alberghi e strutture 'gestite' tutti aperti (non pienissimi, ma aperti e pubblicizzano un sacco di servizi nuovi).

 

Questa mi sembra una tendenza già mezza consolidata: una spinta verso una vacanza di qualità più alta e costosa, anche se la fa meno gente e per meno tempo? Via all-you-can-eat, cibo da strada, rifornimento al self e campeggi - dentro benzinaio al servito, servizio al tavolo anche per un'aranciata, appartamenti con giardino privato e suite? Del resto se non puoi 'assembrarti' con gli amici davanti al gelataio tanto vale sedersi?

 

Prezzi, diversamente che nel Lazio la scorsa settimana, stabili o addirittura ribassati dell'estate scorsa. Credo che la differenza in questa regione la stia facendo la pesante assenza dei turisti stranieri, che erano parecchi.

 

Comunque non troppo male dai; anche qui non si respira aria di bancarotta ma solo di 'attenzione alta', e la stanno prendendo anche con lo spirito canzonatorio toscano che mi aveva colpito dieci anni fa ^^

Share this post


Link to post
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now
Sign in to follow this  

×
×
  • Create New...