Jump to content

La Fisica moderna: idee e speculazioni


Recommended Posts

  • Replies 38
  • Created
  • Last Reply

Top Posters In This Topic

  • 1 month later...

Leggiucchiato rapidamente e se ho capito bene Susskind pensa che il multiverso quantistico e quello cosmologico possano essere equivalenti. Dopo EP = EPR, é chiaro che a Susskind ci piacciono le simmetrie e le equivalenze :blink:

Ipotesi affascinante, ma le visioni riguardo al multiverso sono cosí tante e cosí lontane dall'essere dimostrabili, che per ora sono solo ardite speculazioni.

Link to post
Share on other sites
  • 2 weeks later...

Risolto dopo 150 anni uno dei più grandi problemi matematici, ossia la congettura di Riemann che permette di predire con una grande accuratezza la distribuzione dei numeri primi.

 

Il risultato, pubblicato sul Journal of Statistical Mechanics, si deve ai fisici Giuseppe Mussardo, della Scuola Internazionale Superiore di Studi Avanzati (Sissa), e Andrè Leclair, della Cornell University.

A sorpresa, i due fisici sono riusciti a trovare la soluzione del mistero utilizzando le leggi di probabilità che regolano i movimenti caotici, come quelli degli atomi di gas.
 
 
Link to post
Share on other sites

In verità la storia è un po' diversa, la congettura non è stata ancora dimostrata: https://www.lescienze.it/news/2021/11/24/news/ipotesi_di_riemann_non_dimostrata-4983445/

Ricordo di aver letto in passato in un libro sui numeri primi che Riemann si era avvicinato alla soluzione della congettura ma che molti suoi appunti finirono distrutti. Tutto ciò mi ricorda la storia dell'ultimo teorema di Fermat che è stato dimostrato recentemente con strumenti di matematica avanzata mentre Fermat asseriva di averlo dimostrato ma il procedimento non entrava nel margine della pagina.

Link to post
Share on other sites
Il 24/11/2021 at 18:38, Euron Gioiagrigia ha scritto:

Tutto ciò mi ricorda la storia dell'ultimo teorema di Fermat che è stato dimostrato recentemente con strumenti di matematica avanzata mentre Fermat asseriva di averlo dimostrato ma il procedimento non entrava nel margine della pagina

 

Mi sono sempre domandato se fosse una storia vera o inventata: ho la sensazione che un matematico non avrebbe rinunciato a pubblicare in un modo o nell'altro la dimostrazione di un suo teorema, e che contemporaneamente non se la sarebbe sentita di affermare come vero un teorema di cui non potesse  fornire la dimostrazione. 

Soluzione: dire di averlo dimostrato ma di non poterlo pubblicare :ehmmm:

Link to post
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now

×
×
  • Create New...