Jump to content

La politica del Bel Paese


Recommended Posts

Mi sembra eccessivo paragonare l'impeachment del PdR a Capitol Hill; la messa in stato d'accusa è prevista dalla Costituzione, non richiede un golpe.

 

La cosa paradossale è stata che fu un'iniziativa del "moderato" Di Maio, mentre fu il "radicale" Grillo a mettere un freno. :stralol:

Link to post
Share on other sites
  • Replies 1.1k
  • Created
  • Last Reply

Top Posters In This Topic

Con l'impeachment a Napolitano (dev'essere una qualche strana tradizione dei grillisti, chiedere la messa in stato d'accusa di ogni nuovo PdR) invece partì tutto da Grillo.

Link to post
Share on other sites

Ma avete letto le dichiarazioni di Berlusconi di oggi. Raggelanti, e onestamente, da corte marziale.

 

Qui il link, l'articolo è dietro paywall quindi non lo posso riportare tutto, ma mi limito a citare un paio di virgolettati salienti.

 

E a un certo punto si lascia sfuggire una vera e propria rivelazione: "Ho parlato con  l'ambasciatore russo in Italia Razov. Mi ha spiegato le loro ragioni,  cosa ha fatto Zelensky". Di più: "Mi ha raccontato che è stata l'Ucraina a provocare ventimila vittime nelle zone contese. E che l'invasione era necessaria perché il rischio era che l'Ucraina attaccasse la Russia".

 

D'altra parte, già a maggio Silvione nostro aveva detto, ad un evento di FI a Napoli:

 

A Napoli per un evento di Forza Italia, l'ex premier critica la Nato e rilancia: "L'Europa deve fare una proposta di pace cercando di far accogliere agli ucraini le domande di  Putin. Inviare armi significa essere cobelligeranti".

 

 

 

In sostanza, abbiamo la candida ammissione che uno dei leader che hanno sfiduciato Draghi non solo si pone su posizioni filoputiniane, cosa già nota, ma ha avuto contatti diretti con l'ambasciatore russo.

L'articolo della Stampa che ipotizzava un mandante russo nella caduta del governo acquista, direi, ancora più credibilità, corroborato dalle segnalazioni del Copasir, fatte pervenire ai presidenti delle Camere, sulle possibili infiltrazioni russe sul prossimo voto.

Allargando il quadro, non è un caso che come riporta sempre Repubblic(hin)a, le truppe mercenarie russe in Libia stiano caricando i barconi di migranti per spostare l'opinione pubblica italiana.

 

 

In tutto questo, è divertente come la Meloni che appena ieri si faceva garante dell'atlantismo dell'Italia sia stata smentita in meno di ventiquattro ore.

Link to post
Share on other sites
2 ore fa, Lord Beric ha scritto:

Raggelanti, e onestamente, da corte marziale.

 

Si spera che riescano ad essere utili, in qualche modo.

 

2 ore fa, Lord Beric ha scritto:

In tutto questo, è divertente come la Meloni che appena ieri si faceva garante dell'atlantismo dell'Italia sia stata smentita in meno di ventiquattro ore.

 

A destra, la sola che può rivendicare di non aver mai avuto legami con Putin e la Russia è proprio la Meloni (legami, poi anche lei ha avuto parole di apprezzamento per Vlad, ma non mi sembra sia mai andata oltre), mentre Salvini c'è verosimilmente dentro fino al collo e Berlusconi con Putin ha intrattenuto rapporti personali, oltre che istituzionali, le sue spiccate simpatie per leader autoritari sono ben note, e ora se ne esce con queste dichiarazioni. In queste condizioni, c'è da sperare in due cose: primo, che tra il non volere Madre Giorgia come PdC da parte di Salvini e Berlusconi e i sabotaggi di questi ultimi alla linea "fortemente atlantista e filoccidentale" della bionda, la coalizione di dx inizi ad incrinarsi per implodere poco prima delle elezioni od immediatamente dopo. Secondo, ma qui mi rendo conto di star sognando, gli elettori di centrodestra (molti dei quali non vedono di buon occhio la Russia e tantomeno Putin) uniscano l'opposizione allo zar alla delusione per la caduta di Draghi (che è ancora fresca) e non votino Lega e FI (e M5S, aggiungo). Ma, ripeto, forse è sperare troppo.

Link to post
Share on other sites
16 ore fa, Jacaerys Velaryon ha scritto:

Mi sembra eccessivo paragonare l'impeachment del PdR a Capitol Hill; la messa in stato d'accusa è prevista dalla Costituzione, non richiede un golpe.

Sarebbe stato un possibile scenario a posteriori

3 ore fa, Lord Beric ha scritto:

Ma avete letto le dichiarazioni di Berlusconi di oggi. Raggelanti, e onestamente, da corte marziale.

Sinceramente mi stupiscono poco: si sa che lui, Salvini e anche Conte e i 5 stelle hanno legami coi Russi (cosa fa Di Battista in Russia da 2 mesi?)

Qualche pagina fa avevo giusto scritto che forse non era tutto complottismo. 

31 minuti fa, Menevyn ha scritto:

alla delusione per la caduta di Draghi

Ma guarda che è Draghi che è andato via perché era stanco... anzi è stata la sinistra a farlo cadere!

Cit. 1 Berlu cit.2 Salvini

Cmq sui muri di Venezia potete leggere i graffiti Draghi dittatore quindi non è che lo amassero proprio tutti tutti.

 

Link to post
Share on other sites
1 minuto fa, Lyra Stark ha scritto:

Cmq sui muri di Venezia potete leggere i graffiti Draghi dittatore quindi non è che lo amassero proprio tutti tutti.

 

Nessuno è amato o apprezzato da tutti, ma la maggior parte dell'opinione pubblica sembra d'accordo sul fatto che Draghi dovesse continuare a governare, e stando ai sondaggi, Salvini e Conte sono considerati i due responsabili principali.

 

7 minuti fa, Lyra Stark ha scritto:

cosa fa Di Battista in Russia da 2 mesi?

 

L'influencer.

Link to post
Share on other sites

Mi chiedevo una cosa: Grillo festeggia tanto per la regola dei 2 mandati, ma perché per lui non vale? Padre padrone del Movimento che alla fine ha l'ultima parola su tutto e decide da solo, bella prova di democrazia!

Link to post
Share on other sites
Il 29/7/2022 at 12:38, Menevyn ha scritto:

Secondo, ma qui mi rendo conto di star sognando, gli elettori di centrodestra (molti dei quali non vedono di buon occhio la Russia e tantomeno Putin) uniscano l'opposizione allo zar alla delusione per la caduta di Draghi (che è ancora fresca) e non votino Lega e FI (e M5S, aggiungo). Ma, ripeto, forse è sperare troppo.

 

Il problema è che trovo improbabile che un elettore di centrodestra, per i motivi da te citati che pure sono rilevanti, finisca per votare PD. Al limite potrebbe spostare il proprio voto su Calenda e Renzi che dal punto di vista politico sono poco diversi da FI, ma è anche probabile che molti di loro finiranno per votare FdI.

Link to post
Share on other sites
1 ora fa, Euron Gioiagrigia ha scritto:

finisca per votare PD

 

Non necessariamente PD, al Centro si sta formando una vera e propria galassia, se il csx risultasse indigesto. Semplicemente votare qualcun altro. Non stiamo parlando di giochini politici o di scandalucci qualsiasi.

 

1 ora fa, Lyra Stark ha scritto:

Mi chiedevo una cosa: Grillo festeggia tanto per la regola dei 2 mandati, ma perché per lui non vale? Padre padrone del Movimento che alla fine ha l'ultima parola su tutto e decide da solo, bella prova di democrazia!

 

Complimenti a lui, certo, ma anche a tutti i militanti grillisti che non si sono mai posti il problema di avere un autocrate a dettar leggi e regole che non valgono mai per lui. Se i militanti fossero stati i primi a dire "no, scusa..." forse perfino Grillo si sarebbe dato una regolata. Forse.

Link to post
Share on other sites

Salvo ricuciture dell'ultimo minuto, Calenda non andrà alle elezioni in alleanza con il csx.

 

Come prevedibile, ha sbattuto sul tavolo condizioni che politicamente possono anche essere centrate dal suo punto di vista ma che sono di fatto inaccettabili per qualsiasi altro membro della coalizione.

Sostanzialmente lui entra in coalizione se si fa esattamente il suo programma, e mette il veto alle candidature all'uninominale (quindi di coalizione) di esponenti dei partiti che non hanno votato la fiducia a Draghi.

Chiaramente suoi compromessi verso gli altri partiti della coalizione: zero.

Sostanzialmente la stessa tecnica usata per le comunali di Roma.

 

Quindi colpa di Letta che non accetta le ragionevoli condizioni di Calenda in 3... 2... 1... :D:D:D

 

 

Lo scenario che si apre è quindi il seguente.

In coalizione, tra Camera e Senato il csx poteva avere una ventina di seggi sicuri e un'altra quarantina contendibili all'uninominale.

Se Calenda va da solo o con Renzi, loro come centro ne prenderanno forse uno, il csx una decina sicuri e un'altra in forse, e la restante quarantina va a centrodestra.

 

Al tempo stesso un centro non in coalizione con nessuno potrebbe pescare forse qualcosa da FI, ma non più di un punto percentuale (a meno che non si muovano Toti e Brugnaro, che però hanno il "tengofamiglia" di non far cadere le rispettive giunte e quindi resteranno ben ancorati al cdx)... quindi alla fine di questa storia il saldo è ampiamente positivo per il centrodestra, che a questo punto vede ben vicino l'obiettivo dei due terzi dei seggi e il cambio della Costituzione in autonomia.

Link to post
Share on other sites

Speriamo che la Bonino (l'unica ragione per la quale Letta e Calenda stanno ancora negoziando, pare) riesca a farli andare d'accordo. C'è da dire che Calenda non ha torto quando dice che le ammucchiate aiutano (forse) a vincere ma non a governare, e vincere le elezioni con una specie di armata Brancaleone che rischia di frantumarsi in capo a pochi mesi non è proprio una gran prospettiva...

 

12 ore fa, Lord Beric ha scritto:

a meno che non si muovano Toti e Brugnaro

 

Che insieme arrivano a quanto, però? Perchè nei sondaggi dovrebbero essere "Altro cdx" e mi pare non arrivino all'un per cento...

Link to post
Share on other sites
23 minuti fa, Menevyn ha scritto:

C'è da dire che Calenda non ha torto quando dice che le ammucchiate aiutano (forse) a vincere ma non a governare, e vincere le elezioni con una specie di armata Brancaleone che rischia di frantumarsi in capo a pochi mesi non è proprio una gran prospettiva...

Direi... non capisco l'incaponirsi di andare con Fratoianni che ha votato contro un sacco di volte ai provvedimenti Draghi. 

Il PD se la tira tanto che non andrà con chi era contrario a Draghi, e 5 minuti prima stavano ancora appresso ai grillini, 5 minuti dopo vanno a fare il governo con uno che faceva pure peggio dei grillini.

E che oltretutto porterà quanto? L'1%?

È questo che non capisco.

12 ore fa, Lord Beric ha scritto:

di fatto inaccettabili per qualsiasi altro membro della coalizione.

Dipende... fino a 3 giorni fa erano più accettabili robe uscite dai Cinquestelle?

12 ore fa, Lord Beric ha scritto:

mette il veto alle candidature all'uninominale (quindi di coalizione) di esponenti dei partiti che non hanno votato la fiducia a Draghi.

Su questo non gli do torto. Data la pubblicistica del PD degli ultimi giorni per loro non dovrebbe essere un problema dato che non vogliono andare con chi era contrario a Draghi. Almeno lui è coerente.

12 ore fa, Lord Beric ha scritto:

Chiaramente suoi compromessi verso gli altri partiti della coalizione: zero.

Perché gli altri partitini che compromessi offrono a lui? I 5 stelle 9ffrivano compromessi? Eppure ci si è calati le mutande senza un minimo proprio di dignità.

12 ore fa, Lord Beric ha scritto:

Sostanzialmente la stessa tecnica usata per le comunali di Roma.

Dove infatti venne candidato Gualtieri perché aveva perso il posto come ministro e quindi andava ripagato.

Oltretutto com'è la situazione a Roma? Mi pare che abbiano fatto passi da gigante.

Suvvia il paragone con le comunali lasciamolo stare.

Oltretutto il PD le ha fatte coi grillini in Sicilia. Quindi se si vuole si fa.

12 ore fa, Lord Beric ha scritto:

Quindi colpa di Letta che non accetta le ragionevoli condizioni di Calenda

Letta io lo lascerei stare che tanto nel PD lui non decide niente. 

È chiaramente la linea del PD Articolo 1 (quei geni di Orlando, Speranza, Bersani ed infatti dal giaguaro siamo passati agli occhi della tigre, o signor!) che vuole spostarsi "a sinistra" convinto di intercettare chissà che voti (quelli dei populisti e dei rivoluzionari), quando invece è nel centro che dovrebbero pescare. Anche perché piaccia o non piaccia nel centro qualche testa pensante e agente c'è, nell'estrema sinistra non mi risulta ci siano novità, idee attuabili o esperienze sensate di governo. Ma minacce per la stabilità tante.

Link to post
Share on other sites
1 ora fa, Lyra Stark ha scritto:

E che oltretutto porterà quanto? L'1%?

 

Sono al 3,8% e qualcosina continuano a guadagnare, ma appunto, come abbiamo detto, resta il fatto politico. Quando voleranno stracci per il programma (perchè voleranno, figurati se non voleranno), le percentuali varranno fino ad un certo punto.

 

1 ora fa, Lyra Stark ha scritto:

Perché gli altri partitini che compromessi offrono a lui? I 5 stelle 9ffrivano compromessi? Eppure ci si è calati le mutande senza un minimo proprio di dignità.

 

Ad un certo punto mi sono chiesto anch'io, visti i precedenti di Letta, che gli costi cedere. Hai visto mai che stavolta la scelta paghi...

In più adesso c'è il nuovo partito di Di Maio (il cui programma penso si riassuma in "fatemi restare in Parlamento") e anche Santoro ha minacciato di fondarne uno e di allearsi con Conte. In ogni caso lo stanno corteggiando in molti.

Link to post
Share on other sites
2 ore fa, Lyra Stark ha scritto:

È chiaramente la linea del PD Articolo 1 (quei geni di Orlando, Speranza, Bersani ed infatti dal giaguaro siamo passati agli occhi della tigre, o signor!) che vuole spostarsi "a sinistra" convinto di intercettare chissà che voti (quelli dei populisti e dei rivoluzionari), quando invece è nel centro che dovrebbero pescare.

 

Sono vent'anni che il PD segue questo fantomatico centro, spostandosi progressivamente sempre più a destra, al punto che a rappresentare la sinistra, anche solo moderata, non è rimasto nessuno e difatti i risultati sono sempre peggiori.

Il blairismo, l'idea che il massimo che la sinistra potesse fare era di ingentilire il capitalismo, di governarlo per "limitare i danni" da macelleria sociale, invece che proporre una visione alternativa di società e di mondo,  ha fatto i suoi danni e si è dimostrata una teoria del tutto fallace e perdente, in italia e non solo.

Prima a sinistra lo capiscono e meglio è.

 

2 ore fa, Lyra Stark ha scritto:

Anche perché piaccia o non piaccia nel centro qualche testa pensante e agente c'è, nell'estrema sinistra non mi risulta ci siano novità, idee attuabili o esperienze sensate di governo.

 

C'era la proposta per combattere la delocalizzazione selvaggia delle imprese, tanto per dirne una. O quella per la tassazione dei patrimoni superiori a 500.000 euro, per dirne un'altra. Il PD vuole spostare la soglia a 5.000.000 (CINQUE MILIONI) e te ancora dici che "sta inseguendo la sinistra". Ma robe da matti.

 

34 minuti fa, Menevyn ha scritto:

E che oltretutto porterà quanto? L'1%?

 

Valgono la gran parte dell'astensionismo, visto che la gran parte di quelle persone sono elettori di sinistra che attualmente non votano in quanto non rappresentati da nessuno.

 

 

Link to post
Share on other sites
3 ore fa, joramun ha scritto:

proporre una visione alternativa di società e di mondo,  ha fatto i suoi danni e si è dimostrata una teoria del tutto fallace e perdente, in italia e non solo.

Sono d'accordo con te ma in modo opposto :ehmmm:cioè partendo a leggere la frase dalla fine. Anche perché vorrei vederla attuata da qualche parte questa visione alternativa di società e mondo.

Russia? Cina? Qualche paesello del Sud America? Storicamente esiste un esempio?

3 ore fa, joramun ha scritto:

e te ancora dici che "sta inseguendo la sinistra". Ma robe da matti.

Fratoianni non ha certo principi di destra. I noTAV e quelle robe là non saranno mica moderati?

Comunque non mi pare molto furbo in nessun luogo del globo parlare di patrimoniali prima delle elezioni. Vuol dire proprio darsi la zappa sui piedi.

Se ci votate mettiamo le tasse a tutti!!

È: se ci votate diamo soldi gratis a tutti!! che gli italiani vogliono sentirsi dire.

3 ore fa, joramun ha scritto:

Valgono la gran parte dell'astensionismo, visto che la gran parte di quelle persone sono elettori di sinistra che attualmente non votano in quanto non rappresentati da nessuno.

Io mi riferivo al contributo di Fratoianni & co. Evidentemente o questi elettori non si sentono rappresentati neanche da chi sta più a sinistra o non appartengono a quell'area politica.

E qui si inserisce anche il discorso che facevo tempo fa: magari quei partiti dovrebbero rinnovarsi invece di avere sempre gli stessi leader da 35 anni facendo sempre le stesse cifre.

Comunque che venga questo spostamento a sinistra, vediamo cosa succede. Secondo me i voti non li intercettano lo stesso perché da un certo punto in poi alcuni estremismi non vogliono venire a patti con niente, e questi è meglio restino fuori dal parlamento (come ha dimostrato il caso dei 5 stelle).

Link to post
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now

  • Upcoming Events

  • Member Statistics

    • Total Members
      5,875
    • Most Online
      1,394

    Newest Member
    James231295
    Joined
  • Forum Statistics

    • Total Topics
      16,127
    • Total Posts
      748,854
×
×
  • Create New...