Jump to content

La politica del Bel Paese


Recommended Posts

eh ma tipo chi? Es. Letta per…? Con i nomi e cognomi è più facile contestualizzare errori di valutazione, mancanze ecc. Se mi dici Enrico Letta già ho più chiaro il film. Ma al suo posto? E chi altro dovrebbe cedere il posto a chi? 

Link to post
Share on other sites
  • Replies 1.4k
  • Created
  • Last Reply

Top Posters In This Topic

Letta poverino è un po' una vittima della situazione ma tutto sommato può essere un esempio. Ci sono poi i vari alti papaveri del PD tipo Bettini, Emiliano, Bersani e Speranza (per me resteranno sempre PD), Orlando, d'Alema (uno che credeva di aver capito tutto e invece non ha capito una mazza) ma pure la Serracchiani è stata una grande delusione. Sorvolo poi su quelli ereditati dalla CGIL. Tanto per far qualche nome. È proprio la casta dirigente che dovrebbe lasciare il posto a qualche faccia giovane più concreta e legata ai territori.

Il problema è che anche questi ultimi sono sempre più allineati al mood del PDino tipo spocchiosi, saccenti, utopisti e soprattutto ipocriti perché alla fine fanno i paladini dei deboli, criticano gli imprenditori ma loro sono ricchi e si fanno la bella vita.

Link to post
Share on other sites

Enrico Letta ha già pronto un biglietto di sola andata per parigi.. :unsure:E' tipico del pd cannibalizzarsi.. Enricostaisereno lo stanno pensando i vari bonaccini, orlando, schlein e ci metto pure guerini.. Bettini è un trafficone ma alla fine conta poco e nulla. 

Link to post
Share on other sites

 

 

18 ore fa, Lyra Stark ha scritto:
19 ore fa, Maya ha scritto:

Ma io ho trovato che, tanto per dire, +Europa abbia articolato delle proposte. E lo stesso Fratoianni.

Chissà perché mi aspettavo che sarebbe saltato fuori il nome di Fratoianni... 

 

Perdonate se mi inserisco. Qualunque sia la propria idea e simpatica, io non penso che il problema di PD&Co(alizione) con Fratoianni, in questo caso, sia il Fratoianni in sè. Intendiamoci, può darsi che io non condivida la metà o più delle sue idee, ma non lo ritengo neanche lontanamente il peggiore o un pericolo ecc. Mi basterebbe non votare per loro. Se PD (e il resto degli altri piccolini sparsi) ritiene di virare a sinistra e/o recuperare consenso e astenuti andandosene con Conte e i 5S, buon per loro e "buon" per gli elettori. Ognuno fa le sue scelte, si assume le sue responsabilità, se la vede con la sua coscienza, eccetera eccetera. Il problema, gargantuesco, è se con Fratoianni & co ci fai una coalizione (che, e su questo spero si sia finalmente raggiunto il consenso*, è già di base qualcosa di non reale), costringi i loro simpatizzanti a votare Casini la, Di Maio qua (per restare a quei 2 esempi), però poi condisci il tutto con, anzi ne fai proprio il tuo grido di battaglia elettorale : "Questa è la squadra per difendere la Costituzione (??). Noi però non vogliamo governare e non governeremo con Fratoianni ! (Ma votateci lo stesso per favore :( )". O sono scemi loro o (pensano che) siamo scemi noi. A questo punto non so cosa credere, potrebbe persino essere verosimile che qualcuno abbia suggerito questa linea a Letta apposta per farlo bruciare.


* Sta discussione si stava imborghesendo troppo, anche per colpa mia temo, invece nelle ultime pagine vedo che è tornato bello ruspante il sentimento popollare . E ieri sera anche in palestra ho avuto la fortuna di respirare una bella aria sudaticcia che sapeva di 2018/19 : 
"5 Stelle unici onesti, almeno hanno fatto lo spazzacorrotti e il taglio dei Parlamentari".
"Io odio Zelensky".
 

Chat coi parenti, mia Zia, da sempre mezza orientaleggiante, mezza novax (e green pass) : "Avete pensato alla possibilità di votare Italia Sovrana e Popolare per difendere la nostra Costituzione e i Diritti?"

 

Parlando di cui, Marco Rizzo e compagni, in risposta alla mi(s)tica questione della sinistra via smarrita e o non rappresentata adeguatamente : Fassina si pronuncia per Conte. Invece dopo Melenchon (e Iglesias), De Magistris incassa il favore di Corbyn. La Meraviglia questa Sinistra Internazionale. Superata forse solo da Aragorn (Pino Insegno) meloniano.

 

 

 

19 ore fa, Maya ha scritto:

Comunque, il discorso mi pare semplice, ma provo a sintetizzarlo: posto che votare è un dovere civico (oltre che un diritto), le ragioni per andare a votare sono tante, ma la più importante è che con il voto e solo con il voto si cambia il Parlamento e quindi il Paese.

 

Se negli ultimi anni non avete visto realizzare determinati provvedimenti legislativi che ritenevate cruciali per il Paese (e ne cita diversi) è perché non c'era un Parlamento che potesse/volesse realizzarli.


Per carità eh, andiamo tutti a votare. Spero di eludere subito fraintendimenti. Ma finchè le bizantine leggi elettorali italiane continueranno ad essere qualcosa di appena appena meno di una truffa, i Parlamenti continueranno ad essere parecchio astratti dalla realtà del Paese (bella o brutta che sia ovviamente), totalmente slegati dal principio di azione e reazione, causa e conseguenza, dominati invece da logiche di giochini dietro le quinte e correnti e correntine, eletti che non rispondono mai davvero agli elettori, perchè tanto chi li ha mai visti o sentiti, ma ai propri capi in segreteria e direzione eccetera.

 

"Voto 1 (con le mani legate e una benda sugli occhi), eleggo 2 (senza manco saperlo) ... ma solo se quello sceglie di non andare a farsi eleggere a quel Paese". E hanno pure il coraggio di parlare di maggioritario, proporzionale, voto utile. Ma mi facciano il piacere. Lo schifo. Ma purtroppo a noi sembra tutto normale. Anche per questo in questi anni vi ho rotto le scatole ogni volta che capitava un'elezione straniera :unsure:

Link to post
Share on other sites
11 minuti fa, Mar ha scritto:

Perdonate se mi inserisco. Qualunque sia la propria idea e simpatica, io non penso che il problema di PD&Co(alizione) con Fratoianni, in questo caso, sia il Fratoianni in sè.

Diciamo che quello che sottolinei tu è più che un problema, è una portaerei in una vasca da bagno! Però mi chiedo se il problema gigante cioè fare una coalizione con gente con cui non vuoi governare non sia diventato di tale epica portata proprio anche per la natura del soggetto con cui ti coalizzi. Spiego meglio: se non fosse stato Fratoianni il problema gigante del PD sarebbe stato lo stesso? (a me pareva di aver capito che con Calenda l'accordo era differente per dire).

Risposta mia: a quanto capisco no, perché il quid è dovuto al fatto che in tanti votanti Fratoianni non lo vorrebbero per il suo estremismo (gli estremismi non piacciono a nessuno, anzi in realtà ci sono alcune community in cui vengono molto apprezzati) ma soprattutto che è un alleato bifronte e biforcuto che voterebbe la metà forse dei provvedimenti. Quindi perché portarsi a casa una mina vagante? Per l'allure di sinistra chic? Ne vale la pena?

Ovvio che facendo il discorso a ritroso per Fratoianni chiaramente si.

Link to post
Share on other sites
21 ore fa, Maya ha scritto:

un po' meno "fuffosi" di tanti altri. 

 

In quanto a fuffa io ho visto un'intervista a Bonelli a SkyTG24 in cui il bravissimo Alessandro Marenzi ha fatto una faticaccia boia a farsi dire come i Verdi propongano di gestire l'immediata emergenza energetica anche in riferimento al loro rifiuto al rigassificatore di Piombino. Alla fine le uniche risposte ottenute credo siano stete "le rinnovabili" e "il rigassificatore no perchè è pericoloso". Non proprio edificante, come spettacolo.

 

Ci sono un sacco di proposte che meritano, ma che meritano per davvero, il problema sono i politici e il loro atteggiamento. Abbiamo una coalizione in cui c'è gente che ci è entrata pur specificando che non vogliono governare assieme ai loro alleati. Ma che razza di modo di far politica è questo? :ehmmm:

Non aggiungo altro, perchè Mar le ha cantate meglio di me, sul tema.

Link to post
Share on other sites
Il 24/9/2022 at 17:31, Lyra Stark ha scritto:

Quindi perché portarsi a casa una mina vagante? Per l'allure di sinistra chic? Ne vale la pena?

Ovvio che facendo il discorso a ritroso per Fratoianni chiaramente si.

 

Condividendo o meno il resto del giudizio su Frat, il perché portarsi lo ha ripetuto fin troppo Letta in persona : per contrastare elettoralmente il fronte opposto, nient'altro. Ed è proprio questo che contesto io, Menevyn e altri: se tu fai una "coalizione", come MINIMO la devi presentare come una convergenza politica il più possibile coesa. E se proprio non ci vuoi avere a che fare in prospettiva, ALMENO ti stai muto, non che schifi il tuo compare davanti a tutti. E certamente non ti permetti di parlare di prendere 1/3 dei seggi (o meno, visto che già i 5S, poi anche ItAz, comunque non andranno con te quindi sono da includere nei seggi non della destra che vuole stravolgere la costituzione secondo la tua narrazione) contro i 2/3 del centrodestradestra. Follia. 

 

L'altra coalizione non è mica meno fasulla di quella del PD+amici, ma con la gigantesca differenza che quella la propagandano da decenni e con la precisa intenzione di governare insieme tutti e 3-4 quelli che sono.

 

 

Sulla convenienza. Se l'accordo originale era qualcosa di reale, ammettendo cioè che ci fosse davvero intenzione per quanto disastrosamemte portata avanti, che ci credessero eccetera (perché a questo punto io non riesco mica a escludere al 100% che sia davvero così), se ho capito bene l'accordo era ai Calendboniniani il 30% degli uninominali e al PD il 70 (Poi da quel 70 il PD ne avrebbe scontati altri, per darne non so quanti a uomini di Frat e Bon ? Era così?).

 

Beh, in questo caso tu pensa i poveracci che vogliono votare Sinistra Italiana / Verdi per i loro legittimi motivi. Allora, ogni 5 anni per il Sindaco della tua Città vale il voto utile, perché ovviamente uno solo può farlo.

Per il Presidente della tua Regione idem, stessa logica e stessa durata.

Il Presidente della Repubblica neanche lo eleggi direttamente tu ma lo fa, maldestramente, il Parlamento ogni 7 anni (sempre se non fanno la porcata di chiedere a quello uscente di restare un altro pochetto).

Allora, caspita, almeno il Parlamento, ogni 5 anni, glielo lasci eleggere come dio comanda, al povero elettore ?

No.

Già la legge prevede un inaudito e idiota miscuglio proporzionale maggioritario, in cui nel primo ti presentano liste di nomi bloccati, e il secondo te lo legano a queste, quindi nei fatti impedendoti alcuna reale scelta.

A questo punto che fa il buon vecchio PD ? Ti costruisce in 30 minuti una coalizione traballante durata 15, ti schifa pubblicamente, ti costringe a votare in un terzo dei casi la gente che odi più dell'estrema destra (almeno quelli sono socialisti e non liberali, pur se nazionalisti) e nel resto dei casi i candidati del Partito da cui sei scappato perché troppo annacquato, tu che sei elettore in cerca della sinistra.

 

 

Ci sono gli estremi per il reato di tortura psicologica?

Circonvenzione di incapace?

Link to post
Share on other sites

Diciamo che si potrebbe anche teorizzare che pur non essendoci nessuno che lo rispecchi, uno può votare per non concedere un vantaggio all'altro. Però col tuo post hai sintetizzato perchè la campagna del PD è fallita.

Link to post
Share on other sites

A me sembra chiaro che il PD sia fallito. La sua voglia di non fare sinistra, ma di stare più al centro possibile, ha fatto scappare troppe persone. La Sinistra è sfasciata perchè deve riprendere il filo di quella che era la vecchia sinistra: le fabbriche, i lavoratori, gli ultimi e i penultimi. Invece sono tutte cose che vengono lasciate alla destra che si lecca i baffi. 

Link to post
Share on other sites

del resto già c'erano perplessità quando il pd è nato, come fusione di 2 realtà (DS e margherita) che semplicemente non potevano stare assieme.

poi sulle tematiche ormai sono diventati una specie di democratici USA in salsa italiana, snaturando quella che era la loro storia. sono il partito degli intellettuali coi soldi e non più degli operai. ok i diritti civili ma non si può puntare solo su quelli e tra l'altro che riguardano una % risibile degli italiani, soprattutto in ottica delle elezioni. ma finiti quei 2-3 argomenti non hanno proposto uno straccio di programma.

poi se i tuoi sostenitori più famosi sono i ferragnez si capisce come la situazione si sia totalmente capovolta, e già da anni.

l'unica possibilità è chiudere questo partito che ormai non ha più niente da dire e ripartire da una nuova classe politico/dirigenziale che sia veramente un partito di sinistra su modello europeo. cosa che dovrebbe succedere anche a destra con FI (dopo fallimento del Pdl).

tornando alle elezioni per me visti i risultati la solo vincitrice è la Meloni. c'è poco da fare malgrado i lamenti e le assurde paure di un ritorno al fascio...

FI è un partito morto.

La lega ancora non è riuscita a fare quel passo fondamentale di diventare un partito maturo e con salvini dubito possa farlo.

Pd già detto. Renzi e Calenda per me sono inaffidabili e poco credibili.

I 5s poi sbandierano il risultato ottenuto come una grande vittoria ma alla fine hanno recuperato un 3-4 punti puntando su rdc e facendo il pieno di voti al sud, ma sostanzialmente promettendo delle politiche di assistenzialismo insostenibili. e cmq rispetto a 4 anni fa hanno perso più della metà dei voti.

poi rimango dell'idea che vista la situazione, oltretutto dopo gli anni del covid, sia necessaria una fase veramente di collaborazione tra le forze politiche (maggioranza e minoranza), perchè i prossimi mesi saranno duri e gli italiani sono stanchi di continue polemiche e screzi infantili. e il dato della affluenza è preoccupante, come del resto anche per altri stati europei.

forse sarebbe il caso di fare una riflessione sull'europa e sulle democrazie occidentali, che stanno entrando in una crisi evidente. e i risultati svedesi dovrebbero fare riflettere.

Link to post
Share on other sites

Direi che abbiamo anche avuto la dimostrazione ulteriore (caso mai fosse stata ancora necessaria) che non si può costruire un'intera campagna sul "voto contro" o sul "voto utile". La mia sensazione (non solo mia credo) è che il PD abbia puntato tutto su "votate noi perché gli altri sono peggio".

 

La mancanza di idee è stata una caratteristica molto diffusa, ma con concentrazione altissima sul fronte PD.

 

 

Link to post
Share on other sites
1 ora fa, rhaegar84 ha scritto:

forse sarebbe il caso di fare una riflessione sull'europa e sulle democrazie occidentali, che stanno entrando in una crisi evidente. e i risultati svedesi dovrebbero fare riflettere.

 

È indubbiamente un periodo di crisi, ma non è certo il primo. Durante il periodo del terrorismo negli anni Settanta credo che la situazione fosse altrettanto difficile, senza considerare la crisi petrolifera del 1973. Anche gli anni Novanta con le stragi di mafia, l'elefantiaco indebitamento pubblico e l'austerity imposta per entrare nella zona Euro, non credo siano stati facili. Il problema è che ora le crisi stanno diventando sempre più globali (Covid, clima, energia, immigrazione) e la classe politica è quello che è, diretto riflesso (ahimè) di una mediocrità generale sempre più diffusa all'interno della società. La parabola di Di Maio, che in 4 anni passa da leader del primo partito d'Italia, diventa titolare in tre governi di tre ministeri e dopo tutto questo torna disoccupato (ma con le tasche piane, non dimentichiamolo), direi che dice tutto. La Lega che sotto Salvini passa dal 18% del 2018, al 34% del 2019 e al 9% di ieri è invece la metafora della tendenza ormai cronica a masticare e risputare in maniera compulsiva presunti eroi salvatori della Nazione, senza invece mettersi con pazienza e buona volontà a risolvere i problemi, uno alla volta e con le giuste competenze.

 

Detto questo, la giornata di ieri non è stata completamente negativa. Letta ha dichiarato che non si ricandiderà come segretario e se ai piani alti del PD è rimasto un minimo di intelligenza questa volta eleggeranno un personaggio con un minimo di serietà e competenza. Sono anni che si parla di un segretario donna: lo facessero una buona volta, invece di parlare e lasciare che sia la destra sociale ad anticiparli. Ovviamente tutto questo insieme ad una sana rigenerazione valoriale e ideologica. Il PD ha la grandissima capacità di incunearsi in maggioranze di governo nonostante mediocri risultati elettorali, ma non so se riuscirà a farlo anche durante questa legislatura.

Mi ha fatto anche piacere l'elezione di Ilaria Cucchi al Senato, considerando la tragedia occorsa alla sua famiglia e il suo impegno successivo. Sono anche moderatamente soddisfatto per l'elezione di Elly Schlein, nonostante non condivida tutto quello che dice e una certa retorica di sinistra nel dirlo.

 

10 minuti fa, Maya ha scritto:

La mia sensazione (non solo mia credo) è che il PD abbia puntato tutto su "votate noi perché gli altri sono peggio".

 

Non è solo la tua. Anzi, non esagero nel dire che una simile strategia è stata a dir poco scandalosa.

Link to post
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now

  • Upcoming Events

  • Member Statistics

    • Total Members
      5,885
    • Most Online
      1,394

    Newest Member
    Carlo67
    Joined
  • Forum Statistics

    • Total Topics
      16,143
    • Total Posts
      751,180
×
×
  • Create New...