Jump to content

Il Cancello Nero, la prigione della Notte


Recommended Posts

Questo thread rappresenta il seguito di Symeon "Star-Eyes" Stark, il Re delle Notte.

 

Nella discussione precedente avevo ipotizzato che la figura mitologica del Re della Notte corrispondesse a quella di Symeon Star-Eyes, personaggio dell’Età degli Eroi.

 

Stavolta, invece, parlerò di ciò che credo sia avvenuto dopo che il Re della Notte è stato sconfitto:

 

Lo spirito del Re della Notte è stato intrappolato nel Cancello Nero, condannato a sorvegliare il passaggio fra le terre a nord e a sud della Barriera per l’eternità.

 

*****

 

Ricordiamo cos’è il Cancello Nero:
 

Cita

"How did you get through the Wall?" Jojen demanded as Sam struggled to his feet. "Does the well lead to an underground river, is that where you came from? You're not even wet . . . "

"There's a gate," said fat Sam. "A hidden gate, as old as the Wall itself. The Black Gate, he called it."

The Reeds exchanged a look. "We'll find this gate at the bottom of the well?" asked Jojen.

Sam shook his head. "You won't. I have to take you."

"Why?" Meera demanded. "If there's a gate… "

"You won't find it. If you did it wouldn't open. Not for you. It's the Black Gate." Sam plucked at the faded black wool of his sleeve. "Only a man of the Night's Watch can open it, he said. A Sworn Brother who has said his words."

[...]

A turn or two later Sam stopped suddenly. He was a quarter of the way around the well from Bran and Hodor and six feet farther down, yet Bran could barely see him. He could see the door, though. The Black Gate, Sam had called it, but it wasn't black at all.

It was white weirwood, and there was a face on it.

A glow came from the wood, like milk and moonlight, so faint it scarcely seemed to touch anything beyond the door itself, not even Sam standing right before it. The face was old and pale, wrinkled and shrunken. It looks dead. Its mouth was closed, and its eyes; its cheeks were sunken, its brow withered, its chin sagging. If a man could live for a thousand years and never die but just grow older, his face might come to look like that.

The door opened its eyes.

They were white too, and blind. "Who are you?" the door asked, and the well whispered, "Who-who-who-who-who-who-who."

"I am the sword in the darkness," Samwell Tarly said. "I am the watcher on the walls. I am the fire that burns against the cold, the light that brings the dawn, the horn that wakes the sleepers. I am the shield that guards the realms of men."

"Then pass," the door said. Its lips opened, wide and wider and wider still, until nothing at all remained but a great gaping mouth in a ring of wrinkles. Sam stepped aside and waved Jojen through ahead of him. Summer followed, sniffing as he went, and then it was Bran's turn. Hodor ducked, but not low enough. The door's upper lip brushed softly against the top of Bran's head, and a drop of water fell on him and ran slowly down his nose. It was strangely warm, and salty as a tear.

 

Bran IV, A Storm of Swords

 

Il Cancello Nero è un portale situato nel Forte della Notte che, a dispetto del nome, è costituito da un grande e vecchio volto parlante fatto di legno di albero-diga. Per poter attraversare il passaggio bisogna recitare il giuramento dei Guardiani della Notte.

 

Perché il Cancello Nero potrebbe essere in realtà il Re della Notte? Gli indizi a favore della teoria sono:

 

1) Il portale si trova nel Forte della Notte, la capitale del reame del Re della Notte;

2) Il volto di albero-diga è antichissimo, così come la leggenda sul Re della Notte;

3) Nonostante sia bianco, il portale è chiamato Cancello Nero, colore associato all’oscurità e al male;

4) Per accedere al portale non viene pronunciata la parte del giuramento dei Guardiani della Notte in cui si fa riferimento al non avere mogli e al non indossare corone (I shall take no wife, hold no lands, father no children. I shall wear no crowns and win no glory), due fra i peccati del Re della Notte;

5) L’albero-diga apparentemente piange, segno che soffre per la sua condizione;

6) L’idea del Re della Notte condannato a sorvegliare la Barriera fa il paio con la leggenda delle settantanove sentinelle del Forte della Notte, un gruppo di disertori murati vivi nel ghiaccio della Barriera;

7) L’idea che il Re della Notte si trovi nel Cancello Nero è speculare alla teoria secondo cui lo spirito di Brandon il Costruttore si trova nell’albero del cuore di Grande Inverno (leggenda vuole che anche il Re della Notte sia uno Stark).

Link to post
Share on other sites
  • Replies 23
  • Created
  • Last Reply

Top Posters In This Topic

Teoria breve ma efficace. Tutto ciò che riguarda il Re della Notte e gli sviluppi in TWOW mi interessa, soprattutto in ottica Stannis: rimango convinto che l'Unico Vero Re possa convertirsi all'oscurità, e il fatto che in ASOS dica di voler prendere residenza al Forte della Notte è un indizio in questo senso pesante.

Altro dubbio: lo spirito del Re della Notte potrebbe risvegliarsi in qualche modo e "contagiare" qualcuno? Non dimentichiamo che gli Estranei presto raggiungeranno la Barriera.

Link to post
Share on other sites

Credo ci sia un parallelismo di fondo tra Stannis e Jon:

 

Stannis è convinto di essere Azor Ahai, ma in realtà finirà per emulare il Re della Notte, compiendo un sacrifico umano presso il Forte della Notte aiutato da una "regina rossa" (anziché blu).

 

Jon, invece, potrebbe essere omonimo del Re della Notte, secondo una teoria di cui parlerò a breve, ma al contempo è il nuovo Azor Ahai.

 

12 minuti fa, Euron Gioiagrigia ha scritto:

Altro dubbio: lo spirito del Re della Notte potrebbe risvegliarsi in qualche modo e "contagiare" qualcuno? Non dimentichiamo che gli Estranei presto raggiungeranno la Barriera.

 

Secondo me quando la Barriera cadrà il Cancello Nero verrà distrutto, quindi addio al Re della Notte!

Link to post
Share on other sites

Può darsi. Comunque in questo caso il contrasto bianco-nero sa anche di contrapposizione bene-male, almeno per me.

 

Che gli weirwood siano "posseduti" è un dato di fatto, ormai.

 

Ciò che mi colpisce del portale, è che è un weirwood anomalo, capace di parlare, e che apparentemente versa lacrime. È in un certo senso il "nume tutelare" del castello, così come lo è Brandon the Builder per Winterfell. E chi meglio del Night's King come nume del Nightfort?

Link to post
Share on other sites

Il Black Gate lo vedo più un riferimento al Nero dei guardiani che all'oscurità del Re della Notte o al male, quest'ultimo assoluto poco martiniano.

Sul giuramento si era ipotizzato In un vecchio topic sui GdN (ma c'era qualcosa di simile anche su quello ufficiale da parte di uno dei soliti noti - forse cantuse ma vai a ricordare...) che potesse essersi stratificato nel tempo: una parte più antica, ovverosia quella con cui la porta si apre, alla quale sono stati accorpati parti successive secondo l'esperienza nel tempo della confraternita e delle difficoltà che potessero minarne l'esistenza. Non dimentichiamoci che i GdN nascono in seguito alla battaglia per l'alba, per cui è plausibile che il giuramento su cui sono nati non includesse delle restrizioni, soprattutto dopo una generazione di scontro totale contro gli estranei. 

 

È invece molto plausibile che ci sia lo spirito di qualcuno nell'albero diga, se del Re della Notte chissà, ma dalla descrizione di Bran sembra qualcuno di molto antico. Più che spirito però azzarderei a dire corpo: mi aspetterei che nelle profondità della terra alle sue radici, in analogia a quanto vediamo per Bran e Brynden, vi sia un corpo intronato su cui queste si aggrovigliano e intersecano. 

Da capire la linea temporale relativa a quanto è durata la costruzione della Barriera nella quale l'albero diga è stato inglobato rispetto alle vicende del Re della Notte, non si può escludere un personaggio antecedente.

 

Link to post
Share on other sites
13 ore fa, ***Silk*** ha scritto:

Sul giuramento si era ipotizzato In un vecchio topic sui GdN (ma c'era qualcosa di simile anche su quello ufficiale da parte di uno dei soliti noti - forse cantuse ma vai a ricordare...) che potesse essersi stratificato nel tempo: una parte più antica, ovverosia quella con cui la porta si apre, alla quale sono stati accorpati parti successive secondo l'esperienza nel tempo della confraternita e delle difficoltà che potessero minarne l'esistenza. Non dimentichiamoci che i GdN nascono in seguito alla battaglia per l'alba, per cui è plausibile che il giuramento su cui sono nati non includesse delle restrizioni, soprattutto dopo una generazione di scontro totale contro gli estranei.

 

È plausibile.

 

Forse il voto di castità e di neutralità politica è stato aggiunto proprio in seguito ai crimini commessi dal Re della Notte.

Link to post
Share on other sites
14 ore fa, Jacaerys Velaryon ha scritto:

E chi meglio del Night's King come nume del Nightf

C'era qualcosa che non mi tornava: se è il Night King mi sa che non è molto indicato come nume tutelare dato che sta dalla parte opposta, come minimo cascherebbe in testa a ogni guardiano se potesse e si spalancherebbe felicemente all'arrivo dei WW  :ehmmm:

Link to post
Share on other sites

È vero, non è un nume benaugurante. :blink:

 

Infatti tutte le storie sul Forte della Notte sono tragiche o macabre: il Cuoco dei Topi, le settantanove sentinelle, Danny Flint, e tante altre. La storia del Night's King è quella più famosa.

 

Per un castello maledetto un nume maledetto è appropriato.

Link to post
Share on other sites

Un conto è che abbia una brutta fama per vari motivi non ultimo l'essere un baluardo alla frontiera tra noto e ignoto (caratteristica tipica di molte culture), un conto è un nume tutelare che significa entità protettrice. Se lo scopo del Castello Nero è essere un baluardo degli uomini contro l'esterno, l'ignoto etc. rappresentato anche dai WW e la Barriera serve a tenere qualcosa fuori (che i Guardiani siano appunto Guardiani e abbiano il compito di proteggere i regni degli uomini ce lo dicono loro stessi) non può avere come suo protettore lo spirito che tifa per l'altra squadra. È come mettere il portiere della Lazio nella squadra della Roma quando le 2 squadre giocano tra loro: non ha senso.

Link to post
Share on other sites

Forse lo spirito del Re della Notte è costretto suo malgrado a fare la guardia alla Barriera nonostante il suo passato, come se la magia della Barriera lo costringesse. Comunque tutto ciò che ruota attorno al Forte della Notte puzza molto, io rimango dell'idea che in TWOW vi accadrà qualcosa di brutto.

 

Link to post
Share on other sites

È proprio quello che penso, cioè che lo spirito del Re della Notte è stato relegato nel portale. 

 

Non è un nume nel senso "benigno" del termine, è all'opposto: per lui è una punizione. È un po' come le creature mitologiche che sono poste a guardia dei cerchi infernali nella Divina Commedia.

Link to post
Share on other sites

Ci sarebbe anche il paragone, molto meno nobile di quello fatto da te, con un noto manga, Hellsing.

Spoiler

Nel fumetto Alucard (Dracula al contrario) difende il Regno Unito da vampiri, zombie e creature malvagie varie, ma questo dopo essere stato sconfitto da Van Helsing. Nel fumetto non è chiaro se dopo la sconfitta si è sottomesso di sua volontà o è in qualche modo costretto, ma in ogni caso l'analogia rimane.

 

Link to post
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now

  • Upcoming Events

  • Member Statistics

    • Total Members
      5,856
    • Most Online
      1,394

    Newest Member
    Giulia51
    Joined
  • Forum Statistics

    • Total Topics
      16,082
    • Total Posts
      743,032
×
×
  • Create New...