Jump to content

TWOW – Melisandre e la "fortuna" di Davos Seaworth


Recommended Posts

Fonte: https://asoiaf.westeros.org/index.php?/topic/62658-a-bag-of-fingerbones/

 

Piccola teoria nata poco tempo dopo l’uscita di A Dance with Dragons, ma salita alla ribalta nel fandom italiano di A Song of Ice and Fire solo recentemente (ne ha parlato, in particolare, il canale YouTube Il Mondo del Ghiaccio e del Fuoco).

 

Nell’unico capitolo in cui viene presentato il suo punto di vista, Melisandre illustra a Jon Snow il funzionamento dei glamor, facendo alcuni esempi di effetti personali che possono essere utilizzati da un mago per replicare l’aspetto di un individuo: gli stivali di un morto, una ciocca di capelli e un sacchetto di ossa di dita:

 

Cita

"The bones help," said Melisandre. "The bones remember. The strongest glamors are built of such things. A dead man's boots, a hank of hair, a bag of fingerbones. With whispered words and prayer, a man's shadow can be drawn forth from such and draped about another like a cloak. The wearer's essence does not change, only his seeming." Melisandre I, ADWD

 

È da notare che i tre esempi fanno tutti riferimento a oggetti e personaggi presenti in ADWD:

 

1) Gli stivali di un morto sono quelli di Janos Slynt:

 

Cita

Janos Slynt twisted his neck around to stare up at him. "Please, my lord. Mercy. I'll … I'll go, I will, I …" No, thought Jon. You closed that door. Longclaw descended. "Can I have his boots?" asked Owen the Oaf, as Janos Slynt's head went rolling across the muddy ground. "They're almost new, those boots. Lined with fur." Jon glanced back at Stannis. For an instant their eyes met. Then the king nodded and went back inside his tower. Jon II, ADWD

 

2) Le ciocche di capelli sono souvenir delle donne che si è portato a letto Varamyr Sixskins:

 

Cita

Its owner had been dead, the back of her head smashed into red pulp flecked with bits of bone, but her cloak looked warm and thick. It was snowing, and Varamyr had lost his own cloaks at the Wall. His sleeping pelts and woolen smallclothes, his sheepskin boots and fur-lined gloves, his store of mead and hoarded food, the hanks of hair he took from the women he bedded, even the golden arm rings Mance had given him, all lost and left behind. I burned and I died and then I ran, half-mad with pain and terror. The memory still shamed him, but he had not been alone. Others had run as well, hundreds of them, thousands. The battle was lost. The knights had come, invincible in their steel, killing everyone who stayed to fight. It was run or die. Prologue, ADWD

 

3) Le ossa di dita in un sacchetto sono quelle di Davos Seaworth, le quali sono andate perdute in seguito alla Battaglia delle Acque Nere (evento accaduto in A Clash of Kings) e che lui considerava il suo portafortuna:

 

Cita

There were other places he might get his ears filled: an inn famous for its lamprey pies, the alehouse where the wool factors and the customs men did their drinking, a mummer's hall where bawdy entertainments could be had for a few pennies. But Davos felt that he had heard enough. I've come too late. Old instinct made him reach for his chest, where once he'd kept his fingerbones in a little sack on a leather thong. There was nothing there. He had lost his luck in the fires of the Blackwater, when he'd lost his ship and sons. Davos II, ADWD

 

Fra i tre oggetti citati da Melisandre, quello che desta maggiormente l’attenzione è proprio il sacchetto: i capelli e le scarpe sono effetti personali generici, mentre la “fortuna” di Davos è qualcosa di molto specifico. Perché la strega rossa ha fatto proprio quell’esempio?

 

Tenendo pure conto del fatto che l’ex contrabbandiere non sembra affatto essere vittima della sfortuna dopo ACOK, dato che, in occasione della Battaglia delle Acque Nere e successivamente, è scampato più volte alla morte e Stannis lo ha addirittura promosso a lord e Primo Cavaliere, il sospetto è che l’amuleto di Davos non sia andato perduto in mare, bensì sia finito proprio nelle mani di Melisandre.

 

La strega rossa, infatti, potrebbe essersi impadronita di nascosto delle ossa di Davos prima della Battaglia delle Acque Nere, sostituendole con le falangi di un’altra persona, allo scopo di utilizzarle per un futuro glamor.

 

A ben vedere, Davos è già stato protagonista di uno scambio di persona, quando Wyman Manderly ha giustiziato un suo sosia per far credere ai Frey che il Cavaliere delle Cipolle fosse morto:

 

Cita

Davos shifted uncomfortably. It was a queer feeling, being dead. "If it please my lord, who died in my place?"

 

"Does it matter? You have a common face, Lord Davos. I hope my saying so does not offend you. The man had your coloring, a nose of the same shape, two ears that were not dissimilar, a long beard that could be trimmed and shaped like yours. You can be sure we tarred him well, and the onion shoved between his teeth served to twist the features. Ser Bartimus saw that the fingers of his left hand were shortened, the same as yours. The man was a criminal, if that gives you any solace. His dying may accomplish more good than anything he ever did whilst living. My lord, I bear you no ill will. The rancor I showed you in the Merman's Court was a mummer's farce put on to please our friends of Frey." Davos IV, ADWD

 

In The Winds of Winter, pertanto, dobbiamo aspettarci che a un certo punto Melisandre prenderà le sembianze di Davos. Ma per fare cosa? Un’ipotesi è quella di sfruttare la fiducia che Stannis ripone nel suo Primo Cavaliere per convincerlo a compiere un gesto controverso, per esempio il sacrificio di Shireen Baratheon per fermare gli Estranei.

 

Qualunque sarà il fine del glamor, la previsione fatta da Melisandre in A Storm of Swords si rivelerà, indirettamente, veritiera: Davos servirà per la seconda volta il Signore della Luce, attraverso l'operato della strega rossa, per mezzo della sua "fortuna":

 

Cita

"It is night in your Seven Kingdoms now," the red woman went on, "but soon the sun will rise again. The war continues, Davos Seaworth, and some will soon learn that even an ember in the ashes can still ignite a great blaze. The old maester looked at Stannis and saw only a man. You see a king. You are both wrong. He is the Lord's chosen, the warrior of fire. I have seen him leading the fight against the dark, I have seen it in the flames. The flames do not lie, else you would not be here. It is written in prophecy as well. When the red star bleeds and the darkness gathers, Azor Ahai shall be born again amidst smoke and salt to wake dragons out of stone. The bleeding star has come and gone, and Dragonstone is the place of smoke and salt. Stannis Baratheon is Azor Ahai reborn!" Her red eyes blazed like twin fires, and seemed to stare deep into his soul. "You do not believe me. You doubt the truth of R'hllor even now... yet have served him all the same, and will serve him again. I shall leave you here to think on all that I have told you. And because R'hllor is the source of all good, I shall leave the torch as well." Davos II, ASOS

 

Link to post
Share on other sites
  • Replies 15
  • Created
  • Last Reply

Top Posters In This Topic

1 ora fa, Jacaerys Velaryon ha scritto:

Un’ipotesi è quella di sfruttare la fiducia che Stannis ripone nel suo Primo Cavaliere per convincerlo a compiere un gesto controverso, per esempio il sacrificio di Shireen Baratheon per fermare gli Estranei.

Perchè non sfruttare direttamente lei stessa la fiducia in Davos di Shireen andandola a prendere? E' ovvio che la bambina si fiderebbe di Davos molto più che di Melisandre. 

Link to post
Share on other sites

Idea interessante e ben argomentata, come sempre. Fra l'altro spiegherebbe un'altra teoria diffusa (o almeno così mi pare di ricordare) nel fandom, ossia che quando Stannis capirà l'inutilità del sacrificio di Shireen ucciderà di suo pugno Melisandre. In questo caso la motivazione, più che l'inutilità del sacrificio, sarebbe l'essere stato ingannato.

Tuttavia questa teoria stride con quelle che vorrebbero che invece Stannis facesse il sacrificio con convinzione di fronte all'avanzata inarrestabile degli Estranei, a meno che alla convinzione personale non si sovrapponga l'inganno. Sarebbe interessante capire le dinamiche che si verrebbero a creare.

Link to post
Share on other sites
1 ora fa, Euron Gioiagrigia ha scritto:

Tuttavia questa teoria stride con quelle che vorrebbero che invece Stannis facesse il sacrificio con convinzione di fronte all'avanzata inarrestabile degli Estranei

 

Penso che sarebbe molto più tragico e cruento questo scenario, ossia che sia Stannis in autonomia a decidere il sacrificio. Se Mel assumesse le sembianze di Davos, che Stannis sa bene essere diffidente e dubbioso sulla Rossa, probabilmente qualche dubbio gli verrebbe.

 

Forse le ossa di Davos torneranno utili a Melly con Jon, magari.

Link to post
Share on other sites

Concordo. Se fosse tutto un inganno a Stannis farebbero fare la figura del fesso. Molto più drammatico se la decisione la prende autonomamente. Oltretutto come dici tu se Davos si mettesse a dire a Stannis di seguire Rollo qualche dubbio magari gli verrebbe.

Ad ogni modo che tristezza, sono tutte teorie destinate a non vedere conferma. 

Link to post
Share on other sites
55 minuti fa, Lyra Stark ha scritto:

Ad ogni modo che tristezza, sono tutte teorie destinate a non vedere conferma. 

Esatto !!>_>

A parte questo, Mel che assume le sembianze di Davos potrebbe essere uno scenario interessante; non ricordavo il dettaglio dei capelli, stivali e ossa di dita, ma è probabile che questo potere di Melisandre mostrato in Dance avrà una funzione in futuro, con una nuova sostituzione di persone.

 

Link to post
Share on other sites

Il fatto curioso è che, oltre a Mance, potrebbero esserci stati a nostra insaputa altri tre casi di glamor, se diamo credito a tutte le teorie di cui mi sono occupato negli scorsi mesi: Brynden Rivers/Maynard Plumm (praticamente canonico), Mors Umber/Roger Ryswell e Sandor Clegane/Byron :blink:

 

Per non parlare anche dei Faceless Men, i quali ricorrono a una trasformazione magica più profonda.

Link to post
Share on other sites

Io penso (e spero) che Mance sia stato il solo, come soluzione rischia di diventare davvero troppo banale - oltre che ad intricare una trama già bella annodata di suo... :ehmmm:

Link to post
Share on other sites

Non necessariamente. Sandor Clegane/Byron, per esempio, andrebbe a risolvere la situazione di Sansa nella Valle e Mors Umber/Roger Ryswell il mistero del l'Incappucciato di Grande Inverno (anche se in questo caso penso che la verità non verrà mai svelata).

Link to post
Share on other sites

In effetti è considerato comunemente il punto debole di quella teoria, sebbene ossa e rubini per fabbricare un glamor abbondino sull'Isola Silenziosa.

 

Metto il link per chi fosse interessato a ridiscutere della teoria:

 

https://www.labarriera.net/forum/index.php?/topic/19241-twow-–-shadrich-morgarth-e-byron-uno-strano-trio-per-sansa-stark/

 

Link to post
Share on other sites

per come è il personaggio di stannis, sarei sinceramente deluso se in questa vicenda dovesse spuntar fuori un sotterfugio, come magari melisandre nei panni di davos, la decisione di sacrificare shireen, se dovesse capitare, dovra essere presa solo da stannis e, in base al suo smisurato senso del dovere,potra essere giustificabile solamente dall'arrivo dei WW che penso sara il primo a dover affrontare...

Link to post
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now

×
×
  • Create New...