Jump to content
Darrosquall

Commenti su film appena visti

Recommended Posts

Hellboy 1 e 2

 

non amo molto i supereroi, ma direi che hellboy ha poco da spartire con spiderman e superman... il primo più stile indiana jones, il secondo più fantasy, mi è piaciuta l'attenzione al folklore e le citazioni fiabesche. Un pò stucchevoli le scene d'amore, mi sono sembrate un pò forzate, così come alcune scene troppo tamarre, ma molto godibili.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Batman The Dark Knight e secondo me davvero non c'è più altro da aggiungere su questo film: 5/5 con lode!!! <_<

 

Un amore di testimone, commedia allegra, frizzante e col solito lieto fine! Tuttavia Patrick Dempsey nel ruolo di Damigella d'onore era davvero troppo troppo divertente!!! 4/5 <img alt=" />

 

Ornella. <img alt=" />

Share this post


Link to post
Share on other sites

The Dark Knight

 

Evito di ripetere cose dette e stradette (o meglio scritte e strascritte <img alt="> ) e poi c'é un topic apposito.

Film davvero godibile, il Joker strabiliante.

Personalmente a me é piaciuta moltissimo la scena dove il Joker si presenta ai capi mafiosi con il trucco di magia: semplice ma effettivo! &lt;_&lt;

 

Voto 4,5/5

Share this post


Link to post
Share on other sites

L'uomo dell'anno di Barry Levinson con Robin Williams, Laura Linney, Christopher Walken

Un comico televisivo annuncia di volersi candidare alla Presidenza degli USA. La campagna elettorale si trasforma in una farsa e il comico riesce ad ottenere una certa attenzione mediatica anche se le sue possibilità di vittoria sono pressochè nulle. Ma il sistema di voto è regolato da un complesso sistema informatico che funziona male e che per sbaglio attribuisce la vittoria al comico che diventa quindi Presidente. Una funzionaria della ditta informatica si accorge dell'errore ma viene spinta dai capi a non rivelare nulla perchè se la verità fosse scoperta per loro ci sarebbe il fallimento. Scialba commedia con pochi punti di onore e molti di disonore. Il ritmo è piuttosto blando e Williams sembra diventato l'ombra dell'attore che era, in certi momenti sembra quasi scimmiottare i personaggi dei suoi film passati. Inoltre la trama è piuttosto piatta, priva di tensione narrativa e anche confusa. Il regista vuole da un lato divertire, dall'altro denunciare il sistema dei mass-media e della politica. Riesce a far poco di questo. VOTO: 2/5

Share this post


Link to post
Share on other sites

Inside Man.

Che dire, gran bel film, non me lo aspettavo. Ottima recitazione da parte di tutti: Denzel Washington, Clive Owen, ovviamente Jodie Foster.

Belle musiche, giusto ritmo, niente sparatorie senza senso. Insomma da vedere secondo me

 

4,5/5

Share this post


Link to post
Share on other sites

La patata bollente di Steno con Renato Pozzetto, Edwige Fenech, Massimo Ranieri

Operaio comunista salva gay da pestaggio da parte di squadraccia fascista. Lo ospita a casa sua ma quando scopre la sua tendenza sessuale comincia a diffidare di lui. Nasce comunque una buona amicizia che causa però tutta una serie di equivoci e problemi con la fidanzata e i colleghi dell'operaio. Divertente commedia di Steno tripartita tra il puro divertimento, il tema seria della tolleranza e quello semiserio del bigottismo sessuale del Partito Comunista. Diverse le gag esilaranti con Pozzetto in prima linea e in gran forma. Un cult della commediaccia all'italiana. Assolutamente da vedere. <img alt="> VOTO: 3+/5

Share this post


Link to post
Share on other sites

I Fantastici 4 e Silver Surfer

 

Di Tim Story, con Ioan Gruffudd, Jessica Alba, Chris Evans, Michael Chiklis.

I Fantastici 4 sono diventati un'istituzione, tanto che Mr. Fantastic e la donna invisibile non riescono nemmeno a celebrare il loro matrimonio in santa pace, inseguiti come sono da paparazzi e giornalisti; complice anche la torcia umana, che cerca sempre di attirare l'attenzione dei mass media.

In questa atmosfera, piuttosto spensierata, si inserisce un oscuro personaggio. Viene da un altro mondo e cavalca una tavola da surf argentea, dalla quale trae i suoi poteri. La sua missione, é preparare la terra all'avvento del suo mandante, il distruttore, un essere che inghiotte interi pianeti.

I Fantastici 4, abbandonando i progetti matrimoniali, si preparano alla lotta con l'alieno argentato, per salvare la terra. Verranno aiutati anche dall'esercito e dall'ex nemico Victor Von Doom, e alla fine riescono a catturare il Silver Surfer, e a privarlo dei suoi poteri.

Interrogato dalla bella donna invisibile, il Silver Surfer rivela i piani del distruttore, essere che solo lui può fermare...

 

Il primo film dei Fantastici 4 mi aveva un po deluso. Forse anche perchè era uscito in un periodo, dove i film dei supereroi erano 'inflazionati'. Mi ricordo che all'epoca tra Spiderman II, Catwoman, Electra, Batman Begins e Superman in arrivo, non se ne poteva piu.

Per questo secondo film, le critiche erano piuttosto buone, e puntavano molto sul personaggio del Silver Surfer, che avrebbe aggiunto un po di 'profondita' alla pellicola.

Dopo aver visto il film, devo dire che il personaggio del Silver Surfer é definito molto bene (anche visivamente), ed é vero, la sua tristezza gli da una tocco di malinconia. Questo lo fa risaltare nei confronti dei fantastici 4, che invece non riescono a convincere appieno, complice una trama abbastanza semplice e una durata di soli 90 minuti. Questi elementi svalutano un film, che secondo me si sarebbe potuto fare meglio. Silver Surfer o no, non basta per uscire dall'anonimato.

Un colpo di genio invece (e questo vale 0,5 del mio voto <img alt=">) é la comparsa di Stan Lee, che questa volta recita se stesso, come cerca di intrufolarsi al matrimonio. "Lasciatemi entrare, sono Stan Lee, STAN LEE." <img alt=">

Voto 2,5/5

Share this post


Link to post
Share on other sites

Resident Evil Extinction

 

Grande film che entra a pieno diritto nell'olimpo del trash ^^.

Recitazione nulla...perchè non c'è nulla da recitare poverini, non per sola colpa degli attori. Sceneggiatura così profonda e articolata che per seguirlo in inglese senza sottotitoli mentre si cucina necessita di ben 4 neuroni attivi. Però molto coerente nella sua assoluta banalità e prevedibilità, quindi non raggiungerebbe il minimo dei voti se non fosse per la serie sconcertante di, chiamiamole così, 'citazioni': in sostanza dall'inizio alla fine si passa ininterrottamente per brutte copie di scene di qualche altro film...vademecum del primo tempo soltanto: The Bourne Identity->Terminator->Mad Max->Mezzogiorno di Fuoco->Gli Uccelli->il primo REvil OO->28 giorni dopo->Aliens. La piccola Morticia poi lo porta trionfalmente al suo ben meritato 1/5. Se avessero riciclato anche qui gli attori che fanno gli zombie sarebeb stato uno 0 pieno, peccato.

Vedremo se Underworld 2 riuscirà a fare di meglio ^^

Share this post


Link to post
Share on other sites

The constant gardener con Ralph Fiennes e Rachel Weisz.

 

Discreta pellicola di denuncia sullo strapotere delle multinazionali farmaceutiche, ispirata ad un romanzo di John Le Carrè.

Gli interpreti sono molto bravi (specialmente il protagonista Fiennes) e la storia, narrata in modo asciutto, pur se prevedibile è interessante, anche se inizialmente viene sviluppata con un uso eccessivo del flashback.

 

voto: 3/5

Share this post


Link to post
Share on other sites

DOOM, con Karl Urban, Dwayne "The Rock" Johnson, Rosamunde Pike.

 

Live Action del popolare e omonimo videogioco, Doom segue il filone già tracciato da Resident Evil e Tomb Rider per questo tipo di pellicola: protagonisti superfighi che la fanno in barba ai mostri/cattivi di turno senza quasi sporcarsi.

 

Qui siamo su Marte, dove una colonia di archeologi manda una richiesta d'aiuto alla Terra, dicendo che il solito "qualcosa di grosso, brutto e cattivo" li ha attaccati e li sta facendo a pezzi.

In aiuto viene mandata una squadra di marines, al cui comando c'è un The Rock in super forma.

Quando arrivano, i soldati trovano la solita scena da macelleria, e ovviamente iniziano a cadere uno dopo l'altro, fino a quando non rimangono i due più pheeghi

Più la bonazza di turno, ovviamente, la quale oltre ad essere la sorella di uno dei due superstiti, è anche una scienziata che mentre i marines morivano come mosche scopre che a causare tutto il casino sono stati alcuni virus geneticamente modificati sperimentati su esseri umani: chi veniva infettato e aveva un'animo buono diventava un superfigo ancora più super, chi invece aveva un'animo cattivo diventava brutto e malvagio, gli crescevano le squame e iniziava a rompere qualsiasi cosa (chissà come mai i cattivi non sono mai calmi e tranquilli...mah!)

 

Il finale è una lotta all'ultimo sangue tra i due superstiti, i quali infettati entrambi dal virus rivelano infine la loro vera natura.

 

Commenti personale:

-il motivo per cui alla fine The Rock perde, è che durante il film non alza mai (e dico mai) il sopracciglio, nel gesto che lo ha reso celebre come wrestler, così

-da orgasmo gli ultimi 20 minuti di film: quando il marines sopravvissuto buono viene infettato dal virus, parte alla ricerca della sorella dispersa, e la visuale cambia come nel gioco, passando dalla terza alla prima persona. Meraviglioso vedere i mostri spuntare da tutte le porte, lanciare due versi contro il buono armato fino ai denti e morire senza nemmeno dargli un bufetto.

 

Voto: 3.5/5 IMPERDIBILE

Share this post


Link to post
Share on other sites

Resident Evil Extinction

 

Grande film che entra a pieno diritto nell'olimpo del trash ^^.

Recitazione nulla...perchè non c'è nulla da recitare poverini, non per sola colpa degli attori. Sceneggiatura così profonda e articolata che per seguirlo in inglese senza sottotitoli mentre si cucina necessita di ben 4 neuroni attivi. Però molto coerente nella sua assoluta banalità e prevedibilità, quindi non raggiungerebbe il minimo dei voti se non fosse per la serie sconcertante di, chiamiamole così, 'citazioni': in sostanza dall'inizio alla fine si passa ininterrottamente per brutte copie di scene di qualche altro film...vademecum del primo tempo soltanto: The Bourne Identity->Terminator->Mad Max->Mezzogiorno di Fuoco->Gli Uccelli->il primo REvil OO->28 giorni dopo->Aliens. La piccola Morticia poi lo porta trionfalmente al suo ben meritato 1/5. Se avessero riciclato anche qui gli attori che fanno gli zombie sarebeb stato uno 0 pieno, peccato.

Vedremo se Underworld 2 riuscirà a fare di meglio ^^

 

a me è piaciuto molto

le scene che mi hanno colpito sono state:

quando il ragazzo di colore punta l'arma verso la donna ma non sapeva che l'aveva dietro ed era uno specchio...

quando cercano di addomesticare lo zombie facendogli fare il gioco dei bambini e lui invece si infuria

3 quando la bonazza combatte contro i cani <img alt=" />

Share this post


Link to post
Share on other sites

a me è piaciuto molto

le scene che mi hanno colpito sono state:

quando il ragazzo di colore punta l'arma verso la donna ma non sapeva che l'aveva dietro ed era uno specchio...

quando cercano di addomesticare lo zombie facendogli fare il gioco dei bambini e lui invece si infuria

3 quando la bonazza combatte contro i cani <img alt=" />

 

 

E' da qui che si capisce quanto (poco) bello è il film <img alt=" />

Share this post


Link to post
Share on other sites

 

a me è piaciuto molto

le scene che mi hanno colpito sono state:

quando il ragazzo di colore punta l'arma verso la donna ma non sapeva che l'aveva dietro ed era uno specchio...

quando cercano di addomesticare lo zombie facendogli fare il gioco dei bambini e lui invece si infuria

3 quando la bonazza combatte contro i cani ;)

 

 

E' da qui che si capisce quanto (poco) bello è il film <img alt=" />

 

<img alt=" />

vabè comunque ho visto al cinema batman the darknight...bello...almeno è meglio del primo e guida una moto(la mia passione)

Share this post


Link to post
Share on other sites
Uno dei due, di Patrice Leconte, con Jean-Paul Belmondo, Alain Delon, Vanessa Paradis. Giovane ladra d'auto appena uscita di prigione dopo la morte della madre si mette alla ricerca del vero padre, a lei sconosciuto. I candidati sono due, un placido (in apparenza) uomo d'affari sospettato in passato di diverse rapine, e il proprietario di un autosalone (ed ex-eroe di guerra). Le cose però si complicano quando la ragazza ruba per sbaglio l'auto di un pericoloso trafficante, con 50 milioni di dollari nel bagagliaio. Spetterà ai due non più giovani uomini proteggere la "possibile" figlia. Affidare due mostri del cinema, seppur attempati, come Belmondo e Delon a uno dei registi più talentuosi della scena francese non poteva deludere le attese. Eppure è vero che il film è fracassone, esagerato e improbabile, ma la simpatia e il carisma delle due icone del cinema d'Oltralpe, e la freschezza di una deliziosa Paradis, unite a una storia divertente e senza troppe pretese, divertono per cento minuti. Non latitano i momenti malinconici, in cui le due vecchie glorie si prendono bonariamente in giro, e anche le scene puramente action sono giostrate con abilità e dovizia, risultando avvincenti. Non è perfetto, ma è un prodotto che adempie bene al suo compito. E vedere ancora una volta Belmondo e Delon insieme è un piacere per gli amanti del grande cinema. Nostalgico. Voto 3 / 5 <img alt=" /><img alt=" /><img alt=" />

Share this post


Link to post
Share on other sites

L'ultimo film che ho visto di recente è stato "Pirati dei Caraibi 3: Ai confini del Mondo" e poco prima "Pirati dei Caraibi 2: La maledizione del forziere Fantasma".

 

Nel primo capitolo de "Pirati dei Caraibi" non nutrivo particolare ammirazione per Lord Catler Beckett, tuttavia ho duvuto cambiare opinione nei 2 sequel.

 

Ho persino deciso di utilizzare il Comandante della Compagnia Inglese delle Indie Orientali come avatar!

 

Mi è poi piaciuto molto il personaggio di Davy Jones, interpretato magistralmente dall'attore britannico Billy Nighy, questo pirata maledetto capitano dell'Olandese Volante che vaga inquieto solcando i sette mari tormentato dal tradimento della sua amata Calipso che puntualmente ritorna dal regno nebuoso dei ricordi strappandogli una lacrima.

 

Una storia molto triste e struggente quella tra Davy Jones e la dea Calypso; alla fine però si ricongiunge all'amata, nelle profondità degli abissi oceanici.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now

×
×
  • Create New...