Jump to content

Commenti su film appena visti


Recommended Posts

Solo sotto le stelle, di David Miller, con Gena Rowlands, Kirk Douglas, Michael Kane, Walter Matthau. Un cowboy che non riesce ad adattarsi al progresso finisce in carcere e poi evade. La sua fuga sulle montagne in cerca della libertà è ostacolata da un grande dispendio di uomini e mezzi, alle dipendenze dello sceriffo locale. E' un drammatico addio a due ere, quella della vita da mandriani e quella del western classico, in cui realtà e cinema una volta tanto si fondono completamente. Se la prima parte è più psicologica e punta sull'abbandono di certi valori tipici dell'uomo dell'Ovest, la seconda è giocata su un lungo inseguimento tra ardui picchi e immense foreste. E chi meglio di Douglas, eroe del genere, poteva delineare un personaggio così disilluso e testardo? Malinconico. Voto 3 / 5 &gt;_&gt;&gt;_&gt;<img alt=" />
Link to post
Share on other sites
  • Replies 7.5k
  • Created
  • Last Reply

Top Posters In This Topic

Wanted - Scegli il tuo destino, Timur Bekmambetov. Con Angelina Jolie, James McAvoy, Morgan Freeman, Thomas Kretschmann, Terence Stamp, Chris Pratt, Lorna Scott, Common, David O'Hara. Weasley Gibson è un tranquillo impiegato dalla vita non certo rosea : odia il suo lavoro ed è cornificato dal suo migliore amico. Ma un giorno scopre che suo padre, mai conosciuto e ritenuto morto, era un temibile assassino appartenente a una fantomatica setta del Fato. Viene così reclutato dall'organizzazione, che cerca di difenderlo da un traditore rinnegato pronto a uccidere tutti i membri. Diventa così un killer infallibile, addestrato perfettamente nell'arte della guerra. Che Bekmambetov avesse classe da vendere lo si era già capito coi due capitoli dei Guardiani della notte, e non fa che confermarla col suo esordio hollywoodiano. Il regista kazako si rivela uno dei più carichi di stile visivo nell'ambito degli action movie, e complice anche la splendida graphic novel di Millar da cui prendere ispirazione il film, confeziona una pellicola di tutto rispetto nel genere, con alcuni momenti di grande ispirazione quasi poetica. Esagerato senza risultare ridicolo, Wanted ci accompagna per cento minuti in una storia avvincente, carica di segreti e con un colpo di scena finale di non poco conto. Il cast annovera buone interpretazioni, da una Jolie mai così a suo agio in un ruolo d'azione al protagonista McAvoy, perfetto nel calarsi in un personaggio in costante trasformazione. Rispetto ai classici prodotti hollywoodiani sul genere, il film ha un fascino del tutto particolare col quale riesce a emergere prepotentemente dalla massa. Roboante. Voto 3.5 / 5 &gt;_&gt;&gt;_&gt;<img alt=" />
Link to post
Share on other sites

Indiana Jones e il Teschio di Cristallo - avventura

 

L'ultima avventura del grande, inimitabile Indiana Jones questa volta alle prese con la ricerca della fantomatica El Dorado, dispersa nella foresta amazzonica del perù.

Alla caccia della città e dei suoi arcani segreti saranno anche un gruppo di compagni bolscevichi del KGB.

 

Dinamico, divertente e avventuroso.

 

Voto 9,5 su 10.

Link to post
Share on other sites

Paura primordiale - horror

 

E' la storia vera del gigantesco coccodrillo Gustav, coccodrillo mangia uomini cresciuto a dismisura divorando i cadaveri di Tutsi e Hutu caduti nel lago Vittoria durante il tristemente noto genocidio.

Una troup di scenziati decide di catturare il coccodrillo ma le cose non vanno esattamente come sperano.

 

Buoni gli effetti speciali (il coccodrillo è ben fatto), buona la trama e l'ambientazione della storia ai cui margini si combatte una guerra civile.

 

Adrenalnico, crudo.

 

Voto 7/8 su 10.

Link to post
Share on other sites

TWILIGHT - vampiri &gt;_&gt;

 

sono andata al cinema aspettandomi una delusione...per me che ho letto il libro (anzi,l'intera serie) non potevo che aspettarmi una delusione...invece sono rimasta sorpresa,il film è molto bello...emozionante e da il giusto peso ad ogni parte, ovvero combattimento,scherzo,romanticismo...davvero carino e ottima scelta musicale (W i muse!!) punto ke l'attore che interpreta edward non è sufficientemente bello...di sicuro è bravissimo! e come lui anche il personaggio di Bella...emozionante...solo una trama troppo veloce...ma in due ora cosa si può pretendere...e qualche effetto speciale un pò...discutibile...

 

8/10

 

<img alt=" />

Link to post
Share on other sites

Twilight di Catherine Hardwicke con Kristen Stewart, Robert Pattinson, Peter Facinelli, Elizabeth Reaser

Ragazza liceale dell'Arizona di nome Bella si trasferisce in uno sperduto paesino innevato. Qui fa la conoscenza di Edward, misterioso giovanotto del posto di cui si innamora e con il quale viva una tormentata storia d'amore. Il ragazzo è infatti un vampiro. Rispetto al noiosissimo libro di Stephanie Meyer, bestseller internazionale, il film rappresenta sicuramente un passo in avanti. Le scene più melense e ripetitive vengono brutalmente tagliate e questo rappresenta il merito principale del film. Il secondo merito è la scelta dei due attori principali che colgono al meglio lo spirito dei lori protagonisti. Buona anche l'ambientazione e i personaggi secondari. Poco curati gli effetti speciali, interessante la regia. Non mancano alcune parti in cui si assiste a scene che generano un'involontario senso del ridicolo, ma la responsabilità è tutta del materiale di partenza, il libro. VOTO: 3/5

Link to post
Share on other sites

l'alba dei morti viventi

 

prendete 100000 zombie assetati di sangue umano. prendete un gruppo di umani chiusi in un centro commerciale,aggiungeteci tante armi, sangue e colonna sono trash metal, e avete gli ingredianti per il classico film action-survival americano.

 

una ragazza vive tranquillamente la vita da infarmiare nella sua tranquilla cittadina americana, quando, non si sa come, il mondo viene scosso da un micidiale virus, che tramuto in zombie gli uomini, tramite morsi.

siamo al 2 minuto di film ,e la storia già entra nel vivo. la donna supertstite si uisce ad altri sopravvissuti e si chiude in un centro commerciale abbandonato, accerchiato da zombie.

tanta azione, forse troppa, e alla fine una trama vuota e piatta. ma che compiacerà gli appasisonati delle classiche americanate.

comunque il film è divertente e a mio avviso valido.

ovviamente i personaggi del gruppo di superstiti,è formato da tutti tiratori infallibili e cecchini, pur essendo questi vecchi, storpi, cechi e senza braccia,

e guardie giurate che sembrano dei marines. da come sparano.

 

voto: 7 su 10

Link to post
Share on other sites
La scala a chiocciola, di Robert Siodmak, con George Brent, Kent Smith, Dorothy McGuire, Ethel Barrymore, Sara Allgood. In un piccolo paesino un assassino uccide donne che soffrono di un qualche tipo di infermità fisica. La prossima vittima sembra essere una giovane ragazza muta, che lavora come infermiera nella villa di un ricco professore. Una casa, un killer e una fanciulla in pericolo: un thriller di grande fascino firmato Siodmak, che ci regala ottanta minuti di altissima tensione, con una suspence presente in ogni singolo fotogramma. Complice anche una splendida fotografia, che riesce a rendere il bianco e nero ancora più inquietante e spaventoso. Finale (e colpevole) forse scontato a oggi, viste le varie evoluzioni del genere, ma per i tempi (1946) inaspettato. Strepitosa la prova della McGuire in un personaggio che, privo della voce, trasmette con sguardi e gesti tutte le sue emozioni. Perfetto. Voto 4.5 / 5 &gt;_&gt;<img alt=" /><img alt=" />
Link to post
Share on other sites
Il prigioniero della miniera, di Henry Hathaway. Con Susan Hayward, Gary Cooper, Cameron Mitchell, Richard Widmark, Hugh Marlowe. Tre cowboys vengono assoldati da una combattiva donna affinchè la aiutino nel salvataggio del compagno, rimasto intrappolato sotto una miniera. L'impervio luogo però è sotto il controllo degli Apaches... Solido western che ibrida stereotipi classici a una storia in parte atipica e dotata di una forte componente drammatica, giocando molto sulle psicologie dei protagonisti. L'impennata d'azione nel burrascoso finale è coinvolgente al punto giusto, e si rivela il miglior epilogo per una pellicola forse poco innovativa ma sicuramente godibile e di indubbio interesse per gli amanti del genere. Cast strepitoso, con una bella sfida Cooper - Widmark. Giusto. Voto 3 / 5 <img alt=" /><img alt=" /><img alt=" />
Link to post
Share on other sites
Il gigante, di George Stevens. Con Rock Hudson, Elizabeth Taylor, Mercedes McCambridge, Carroll Baker, James Dean, Rod Taylor, Dennis Hopper, Jane Withers, Chill Wills, Sal Mineo, Judith Evelyn, Earl Holliman, Paul Fix, Alexander Scourby, Robert Nichols. Un ricco proprietario terriero del Texas sposa una giovane e bella ragazza del Maryland. Ma questo sconvolge tutto il suo stile di vita, dal burrascoso rapporto con la sorella alle inclinazioni umanitarie della novella moglie con la popolazione indigena, da lui sempre sfruttata. E la figura di un suo ex mandriano, ora diventato magnate grazie alla scoperta del petrolio in un piccolo pezzo di terra di sua proprietà, ricorre come un incubo per tutta la sua vita. E' un'epopea magnifica e potente, la storia di una famiglia attraverso lo scorrere del tempo e delle generazioni, e rispecchia anche la trasformazione dell'America di quegli anni, dall'entrata in guerra dopo Pearl Harbor alle legge razziali per la gente di colore. Ed è soprattutto il cambiamento di un uomo, dei suoi ideali ancorati dapprima alla terra, costretti a mutare per l'evolversi della società. Sorretto da una splendida fotografia, lo stile di Stevens esce maestoso, con splendidi scorci di un mondo alla deriva su cui si stagliano personaggi ambigui, cinici e disillusi, in eterno contrasto tra loro. La Leslie interpretata da una superba e splendida Liz Taylor è il centro focale di tutto il mondo, di una lotta tra due uomini per il potere spinti solo dal proprio orgoglio. Hudson è perfetto nel ruolo, magistrale nel gestire un personaggio non facile, ma la parte del leone la fa James Dean, per cui fu l'ultimo film, che tratteggia una figura indimenticabile nei suoi tormenti, e da semplice servo si trasforma in un dio peggiore anche del suo precedente boia. Una pagina di Cinema, un'assoluta estasi cinefila difficile da eguagliare. Gigantesco. Voto 5 / 5 <img alt=" /><img alt=" /><img alt=" />
Link to post
Share on other sites
Non siamo angeli, di Michael Curtiz. Con Peter Ustinov, Humphrey Bogart, Basil Rathbone, Aldo Ray, Joan Bennett. Tre galeotti si intrufolano nell'emporio di una famiglia francese con l'intento di derubarli. Rimanendo però a contatto con loro alla vigilia di Natale, trattati nel migliore dei modi,decidono di aiutarla contro il perfido e avaro cugino, intenzionato a portare il negozio al fallimento. Da una piece di chiaro stampo teatrale, Curtiz sforna una commedia deliziosa e imperfetta allo stesso tempo. Se il lato verboso alterna dialoghi stancanti a gag riuscitissime, soprattutto nella parte finale, le interpretazioni sono di livello superbo, con un Bogart magnifico mattatore accompagnato da due compagno d'eccezione come Ustinov e Ray. Si ride con garbo, e pur non risultando il suo miglior film, Curtiz sforna un'altra pellicola più che dignitosa meritevole di visione. Preciso. Voto 3 / 5 <img alt=" /><img alt=" /><img alt=" />
Link to post
Share on other sites
La vergogna, di Ingmar Bergman. Con Max von Sydow, Liv Ullmann, Gunnar Björnstrand, Sigge Furst. Durante la guerra una coppia di sposi , che vive isolata in campagna, viene portata all'esasperazione dal conflitto. Troveranno aiuto in un ambiguo funzionario sociale. Il Maestro svedese dipinge un ritratto straziante e violento della guerra, non tanto nell'atto in sè, comunque visibile e brutale, ma nelle conseguenze che si ripercuotono su chi ne cade vittima. Come persone normalissime possano diventare delle belve dopo aver assistito a orrori indicibili, e perdano ogni contatto con la realtà. Con un'attentissimo ritratto psicologico dei due protagonisti, interpretati magnificamente da von Sydow e la Ullmann (e senza dimenticare un altrettanto bravo Bjornstrand nei panni del "terzo incomodo"), Bergman firma una delle pagine più crude del suo Cinema, capace di colpire duro e a fondo. Macabro gioiello. Voto 4 / 5 <img alt=" /><img alt=" /><img alt=" />
Link to post
Share on other sites

Ratatouille (2007)

 

Regia di Brad Bird e Jan Pinkava.

Il piccolo roditore Remy é un cuoco appassionato. Per una serie di coincidenze, si ritrova a dover aiutare l'impacciato ma simpatico umano Linguini, alle prime armi come cuoco, nel famoso ristorante francese Gusteau. I due si dovranno confrontare con la pesante ereditá di Linguini, con cuochi invidiosi, ratti esigenti e critici culinari in cerca di gloria.

 

Brad Bird ritorna al lavoro con la Pixar, e dopo il mediocre 'Gli Incredibili' (confrontato agli altri successoni della casa cinematografica citata), e ci presenta questo cartone animato brillante e divertente, con una storia tutt'altro che banale. Ottimi alcuni dialoghi (p. es. la critica finale di Anton Ego).

Come al solito la Pixar riesce ad appassionare grandi e piccini. L'unico rischio che corre, secondo me, é quello di inflazionarsi da sola, visto la quantitá di cartoni, pubblicati ormai a distanze sempre piu brevi.

Voto3,5/5

Link to post
Share on other sites
La febbre del sabato sera, di John Badham. Con Barry Miller, John Travolta, Karen Gorney, Joseph Cali, Fran Drescher, Paul Pape, Donna Pescow, Bruce Ornstein, Julie Bovasso, Martin Shakar. Tony Manero è un giovane ribelle nella Brooklyn degli anni '70. Scorrazza con gli amici in cerca di donne, droghe e risse, e la sua unica valvola di sfogo è il ballo, nel quale si scatena il sabato sera in una discoteca della zona. L'incontro con un'impiegata, molto più matura mentalmente di lui, gli aprirà finalmente gli occhi. Ritratto drammatico e cinico di una gioventù senza ideali, che ha qualche alleggerimento solo nelle splendide scene di ballo, con un Travolta ai massimi della sua carriera "danzante". I classici dei Bee Gees entrati nella storia, accompagnano il viaggio di formazione di un ragazzo con problematiche familiari e interiori. E il personaggio di Tony Manero è entrato nella Leggenda. Mascherato. Voto 3.5 / 5 <img alt=" /><img alt=" /><img alt=" />
Link to post
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now

  • Upcoming Events

  • Member Statistics

    • Total Members
      5,891
    • Most Online
      1,394

    Newest Member
    Hero of Sky
    Joined
  • Forum Statistics

    • Total Topics
      16,154
    • Total Posts
      752,252
×
×
  • Create New...