Jump to content
Darrosquall

Commenti su film appena visti

Recommended Posts

Ho visto Domino, di Tony Scott con Keira Knightley e Mickey Rourke..

Dovrebbe essere un film d'azione barra drammatico barra più o meno biografico, ma personalmente ho riso dall'inizio alla fine, perchè ero in serata positiva, se magari stavo nervoso/triste mi sa che reagivo diversamente.. ;)

voto azione/drama 1/5 voto comico 4/5

<img alt=" />

Share this post


Link to post
Share on other sites

Segnali dal futuro di Alex Proyas, con Nicholas Cage nella parte di uno scettico professore di astrofisica il cui figlio entra in possesso di un documento scritto 50 anni prima da una bambina della sua stessa scuola. Sul foglio è indicata una sequenza di numeri che l'occhio allenato dello scienziato comincia a decifrare per caso scoprendo che indicano giorno e numero di vittime dei principali disastri accaduti negli ultimi anni (compreso quello in cui ha perso la vita sua moglie) e di alcuni che devono ancora verificarsi.

La storia inizialmente è molto avvincente, offre molte belle inquadrature ed è recitato in modo convincente ma poi il tutto si perde in troppo già visto ed in troppe banalità.

Peccato.

 

2,5/5

Share this post


Link to post
Share on other sites

Delitto perfetto di Alfred Hitchcock con Ray Milland, Grace Kelly, Robert Cummings, John Williams

Un tennista inglese in pensione, dopo aver scoperto che la sua ricca moglie ha una relazione amorosa con un giallista americano, progetta di ucciderla per ricavarne una cospicua eredità. Ne esce fuori un piano ingegnoso, dettagliato e perfetto che sembra non aver alcun punto debole. Ma gli imprevisti del caso renderanno il suo compito più difficile di quanto pensasse. Film manifesto del grande Hitchcock, come sempre maestro nel creare suspance dall'inizio alla fine del con una sceneggiatura perfetta, un montaggio altrettanto all'altezza e una regia molto funzionale alla vicenda, meno "estrosa" del solito e con pochi stacchi di macchina. Considerando che quasi tutte le scene si svolgono in un'unica stanza/set il risultato è pregevole. Tra gli attori il migliore è il gelido Milland, provetto assassino con classe da vendere e il gusto della competizione. VOTO:4/5

Share this post


Link to post
Share on other sites
Bullet in the head, di John Woo. Con Tony Leung, Jacky Cheung, Waise Lee, Simon Yam, Fennie Yuen. Tre amici sono costretti a lasciare Hong Kong e fuggono a Saigon, dove è in corso la guerra. L'amore per una donna e per un mucchio d'oro metterà a dura prova il loro legame. Se l'America ha avuto il Cacciatore, Hong Kong non può certo lamentarsi con questo splendido film targato John Woo. Una pellicola sì sulla guerra ma anche sull'amicizia e di come possano essere distrutti rapporti creduti immortali. La scena delle torture nei campi di prigionia è intensa e straziante, in mezzo alla solita, frenetica e avvincente azione tipica del regista. Cast strepitoso, su cui spicca un magnifico Tony Leung. Spietato. Voto 4 / 5

Share this post


Link to post
Share on other sites

Tokyo march - La marcia di Tokyo, di Kenji Mizoguchi,con Ichiki Reiji, Irie Takako, Ito Takaya, Kanahira Gunnosuke, Kanda Shunji, Kosugi Isamu. E' la storia di una ragazza che, per le difficoltà economici degli zii, è costretta a diventare una geisha. Si innamora di lei un giovane impiegato, ma a contenderle il suo amore trova il padre e un suo amico. Intanto un segreto del passato comincia ad emergere. Cortometraggio muto di Mizoguchi, breve ma appassionato che cattura appieno le più profonde emozioni, in una vicenda paradossale capace di commuovere. Tokyo è la citta dei vizi, come citato dai primi intertitoli, e la donna è solo un oggetto, gettata a destra e manca dagli interessi, finanziari e passionali, degli uomini. Un'opera che merita di essere vista anche per scoprire un cinema orientale, seppur arcaico, ancora pieno di fascino. Secolare. Voto 4.5 / 5

 

Shuffle, di Sogo Ishii, con Nakajima Yosuke, Mori Tatsuya, Muroi Shigeru, Arato. Un ragazzo scappa disperatamente da un poliziotto, in una corsa forsennata che lo vede incontrare, in uno stato semi-allucinogeno, diversi personaggi. Tramite alcuni flashback veniamo a sapere il motivo del bizzarro inseguimento. Delirante, forsennato, cyberpunk, sicuramente memore del cinema di Tsukamoto pur senza raggiungerne la grandezza. Il corto di Ishii ha però delle ottime carte, una regia avvincente che tiene incollati nonostante l'apparente nonsense della vicenda, fino a un bruciante finale. Trenta minuti assolutamente folli, per tutti gli amanti di quel cinema sperimentale completamente fuori dai canoni. Isterico. Voto 3 / 5

Share this post


Link to post
Share on other sites

Il nome della rosa...anche se l'ho visto un sacco di volte continua a picermi sempre di più...dopottutto non dice altro che la verità...che naturalmente faceva scomodo...un film su cui riflettere... <img alt=" />

Share this post


Link to post
Share on other sites
Shangai Baby, di Berengar Pfahl. Con Bai Ling, Katja Riemann, Luke Goss, Gregory Wong, Seiko Matsuda. Shangai: la giovane Coco, autrice di un romanzo autobiografico, si innamora di due uomini: il timido e gentile Tian Tian e lo spregiudicato inglese Mark. Ma che fine faranno i suoi personaggi? Tratto da un libro di grande successo alla fine degli anni ì90, il film di Pfahl pecca di presunzione, cercando di "copiare" il cinema orientale di maestri come Kar-Wai senza averne un briciolo della classe. Ecco così che la storia di Coco si trascina stancamente per oltre novanta minuti, accompagnati da un insopportabile voice over e da un ritmo al limite dello sbadiglio. Unica nota positiva la splendida e suadente Bai Ling, brava e bella in mezzo al nulla. Inconcludente. Voto 1.5 / 5

Share this post


Link to post
Share on other sites

Barbarossa

voto: 3\10

 

Leggendo varie recensioni in giro per la rete, ho constatato che i miei "mah" e "che roba è" di ieri sera al cinema sono piu che legittimi. Il film davvero sembra girato coi piedi. Attori pessimi ( kasia smutniak in primis) alcune scelte poi davvero lasciano a desiderare, come per es la quasi totale assenza di scene di combattimento eccetto l'assedio di Milano che cmq è appena mediocre. Le scene a la BIUTIFULLL tra Alberto\RazDegan e Eleonora\KasiaSmutniak affossano completamente la parte romantica del film. Si salvano solo le ambientazioni. Pessimi anche gli effesti "poco" speciali.

 

Pollice giu.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Jeepers Creepers - Il canto del diavolo di Victor Salva con Gina Philips, Justin Long, Jonathan Breck, Eileen Brennan

Due fratelli, Tricia e Danny, sono in viaggio per le vacanze quando entrano in contatto con "The Creeper" un'essere semi-mitologico che si ciba di carne umana. Il mostro sembra attratto da qualcosa che i due ragazzi hanno, qualcosa che solo uno di loro possiede. Film horror piuttosto strano, che sembra mescolare un po' dei vari clichè di genere soprattutto di film come "Non aprite quella porta" o serie TV alla "Buffy". Il risultato è ambiguo perchè il film oscilla tra elementi originali (pochi) ed altri piuttosto scontati e "già visti" (forse troppi) e con altri deboli elementi quali gli effetti speciali un po' artigianali e la recitazione degli attori un po' scolastica. Un film curioso, in parte interessante ma non particolarmente bello, anzi. Il finale poi pare decisamente affrettato. VOTO: 2/5

Share this post


Link to post
Share on other sites

Il mercante di Venezia di Michael Radford con Al Pacino, Jeremy Irons, Joseph Fiennes, Lynn Collins

Tratto dall'omonima opera teatrale di William Shakespeare, è la storia del giovane veneziano Bassanio che, per ottenere la mano della bella e ricca Porzia, chiede del denaro al suo amico Antonio. Poichè questi non ha contante disponibile, chiede un prestito all'usuraio ebreo Shylock il quale però, come clausola in caso di mancato pagamento, chiede di poter prelevare una libbra di carne dal corpo di Antonio. Ritmo basso, scarso coinvolgimento emotivo e mancanza di una visione d'assieme. Questi i tre difetti principali del film che lo rendono piuttosto pesante e noioso, decisamente poco appassionante. Anche gli attori, che presi singolarmente sono tutti molto validi, non riescono ad interagire al meglio così come le varie sequenze del film non sempre sembrano seguire un coerente filo narrativo. Le note positive sono di carattere tecnico (costumi, trucco, ambientazione, fotografia) oltre alla notevole performance di Al Pacino nel ruolo di Shylock. VOTO: 2/5

Share this post


Link to post
Share on other sites

Barbarossa

voto: 3\10

Oddio, all'inizio ho pensato che fosse un voto per Barbarossa di Kurosawa e mi stavo scandalizzando :-P

 

VOTO: 2/5

 

Oh, allora non sono l'unica a cui non ha entusiasmato, molti ne parlano bene...

 

Motel Woodstock di Ang Lee

A me questa commedia ha fatto morire dal ridere, troppo forte <img alt=" />

8

 

Nick Mano Fredda Stuart Rosenberg

Un bellissimo film sui prigionieri e i lavori forzati. Divertente e triste insieme. Molto belle anche le scene di fuga e grandi attori. Il protagonista è un personaggio ottimo e originale.

9

Share this post


Link to post
Share on other sites

La fiamma del peccato di Billy Wilder con Fred MacMurray, Barbara Stanwick, Edward G.Robinosn, Porter Hall

L'assicuratore Walter Neff viene sedotto dalla sensuale e perfida Phyllis Dietrichson, sposata con un'uomo che non ama e che vuole invece eliminare. I due convincono il marito di lei a stipulare una polizza d'assicurazione sulla vita (con l'inganno), studiano un piano e lo uccidono facendo sembrare il caso un'incidente. Ma un collega di Neff, Barton Keyes, non è del tutto convinto e comincia a sospettare della donna. Perfetto esempio di film noir, il primo di Billy Wilder, esemplare per molti aspetti e meritevole di stare nell'Olimpo del genere. Su tutti spicca il personaggio di Barbara Stanwick, Phyllis, donna del tutto "materiale", amorale e manipolatrice; lei stessa dice dice di sè "No, io non ti ho mai amato, non ho mai amato nessuno. Sono guasta dentro". Questo stato d'essere è subito evidente dal fatto che la donna/domina indossa e ama mostrare una catenella alla caviglia, verso la quale Neff sembra come spinto da una pulsione morbosa e feticista. L'uomo non è quasi mai artefice del proprio destino ed è costantemente dominato dall'universo femminile: prima Phyllis che lo spinge a compiere un'atto criminale, poi Lola, figliastra di Phyllis e contraltare positivo della matrigna, verso la quale egli nutre sentimenti di affetto paterno. Da un punto di vista tecnico è ottima la resa delle luci, della fotografia e, più in generale, la resa della torbida atmosfera in cui i personaggi si muovono. Attori tutti molto bravi e in parte. Unico appunto: il film è raccontato come un'unico grande flashback (tranne il finale) per bocca di Neff e quindi le sorprese e i colpi di scena sono per forza di cose depotenziati. VOTO: 4,5/5

Share this post


Link to post
Share on other sites

Saw IV di Darren Lynn Bousmann con Tobin Bell, Scott Patterson, Betsy Russel, Costas Mandylor

Rispetto ai tre episodi precedenti, il quarto capitolo della saga dell'Enigmista è quello più introspettivo, quello dove si vuol far capire quali sono le motivazioni dell'assassino e dove si raccontano alcuni frammenti della sua vita passata, quando ancora non era diventato un sadico. Questo punto di vista è da un lato interessante, perchè svela comunque una parte ignota che non può che interessare lo spettatore; ma dall'altro lato rende la figura di Jigsaw più umana ma anche tremendamente banale e scontata. I soliti omicidi, i misteri da risolvere e le corse contro il tempo sono solo un corollario all'introspezione psicologica del killer, ora mentore e demiurgo del presente ma che agisce dal passato, e anche per questo si tratta forse del capitolo meno eccitante e pauroso di tutti. La soluzione finale poi è tremendamente banale, indice di poche e confuse idee (soprattutto per chi ha visto tutti i film). Probabilmente si tratta di un'episodio di transizione verso i prossimi film, ma affinchè la serie mantenga credibilità si deve trovare qualche nuovo espediente. VOTO: 2/5

Share this post


Link to post
Share on other sites

 

VOTO: 2/5

 

Oh, allora non sono l'unica a cui non ha entusiasmato, molti ne parlano bene...

 

Se parli del Mercante di Venezia, ci sono anch'io: speravo molto in questo film, e invece... Nemmeno il monologo famoso ("... non ha un ebreo occhi?..."), fatto dall'adoratissimo Al Pacino, mi è piaciuto.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Bastardi senza Gloria

di Q. Tarantino con B. Pitt, C. Waltz

 

 

ATTENZIONE! CAPOLAVORO! Capolavoooooooooooro!!! <img alt=" />

 

Che spettacolo di film... questa sera mi sono divertito veramente come un pazzo.

Tarantino provoca, le prova tutte per sconvolgere e scombussolare il pubblico, alternando scene lente e meditate, altre comiche, altre tragiche, altre violente e splatter, senza che lo spettatore abbia idea di cosa lo stia aspettando...

Ma io conosco Tarantino e mi diverto insieme a lui e alla sua carrellata di folli senza morale <img alt=" /><img alt=" />

Che regista, signori.

 

E che attore questo Christoph Waltz, venuto dal teatro e premiato al festival di Cannes... il colonnello Hans Landa rimarrà nell'Olimpo dei migliori villains.

 

Confermata ancora una volta la mia teoria: i nazisti sono inimitabilmente, straordinariamente scenografici. Da Indiana Jones a Schindler List, da Casablanca a Tutti insieme Appassionatamente, passando per il Pianista e la Vita è Bella, non passano mai di moda...

 

lo consiglio vivamente a tutti.

 

istruzioni per l'uso: non lasciatevi coinvolgere e non cercate di trovare un significato in questo film, limitatevi a godere gli strabilianti virtuosismi del buon Tarantino ;)

Share this post


Link to post
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now

×
×
  • Create New...