Jump to content
Darrosquall

Commenti su film appena visti

Recommended Posts

Futurama: La bestia con un miliardo di schiene (2008) di Matt Groening e David X. Cohen

 

Secondo dei quattro lungometraggi che compongono la S5, è dei quattro quello che mi piace di meno, o quantomeno che trovo meno geniale, ma è comunque molto godibile. I veri protagonisti della storia sono Fry e Bender, entrambi molto soli ed entrambi alla ricerca di qualcuno da amare.

Spoiler

Per Fry, fresco di delusione amorosa, sarà Yivo, per Bender l'umanità nel suo complesso, ma alla fine solo Bender avrà soddisfazione.

Moltre trovate hanno un umorismo cinico come ci ha abituati Futurama

Spoiler

ad esempio, la morte splatter di Kif, a causa della solita superficialità del capo Zapp Brannigan, ma anche Bender che trasgredisce le regole nel duello a singolar tenzone contro Calculon.

Ovviamente come in tutti e quattro i film della S5 c'è un colpo di scena

Spoiler

in questo caso i veri scopi di Yivo, che voleva solo "farsi una sveltina" con tutto l'Universo.

Ovviamente da antologia il discorso finale di Bender sull'amore che merita di essere riportato:

 

Cita

Perché Bender conosce l'amore! E l'amore non si condivide con il mondo intero! L'amore è sospetto, l'amore è bisogno, l'amore è timore, l'amore è passione. Amici miei, non c'è mai nessun grande amore senza una grande gelosia. Ah, quanto vi amo insaccati miei.

 

In generale un lungometraggio che, a causa di una trama meno ispirata, non raggiunge la complessità geniale del primo film, l'importanza a livello di continuity del terzo o l'emozionalità del quarto, ma è comunque molto divertente.

 

Voto: 8

Share this post


Link to post
Share on other sites

Birds of Prey e la fantasmagorica rinascita di Harley Queen (2020) di Cathy Yan

 

Ottavo film del morente DCEU (sono presenti alcuni labili collegamenti a Suicide Squad), è un film assolutamente imbarazzante nella sua mediocrità. Tutte le trovate sono penose, i personaggi labili, il cattivo stereotipato (quanto mi manca il generale Zod!), e alla fine la trama si riassume in "donne cazzute pestano di botte maschi idioti e cattivi". Se questo film deve inaugurare il futuro di ciò che resta del DCEU, è meglio veramente che tale progetto termini e si ritorni al modello stand-alone.

In definitiva, una totale perdita di tempo.

 

Voto: 4

Share this post


Link to post
Share on other sites
%d/%m/%Y %i:%s, Euron Gioiagrigia dice:

donne cazzute pestano di botte maschi idioti e cattivi

 

Mi sa che è la nuova filosofia dominante ad Hollywood, da un pò di tempo, e guai a fiatare. :ehmmm:

Share this post


Link to post
Share on other sites
13 hours fa, Lyra Stark dice:

Sei anche stato coraggioso ad andarlo a vedere :blink:

 

Io del DCEU vedo tutto, ma di questo me ne sono pentito.

 

13 hours fa, Menevyn dice:

 

Mi sa che è la nuova filosofia dominante ad Hollywood, da un pò di tempo, e guai a fiatare. :ehmmm:

 

Con buona pace di Ellen Ripley e Sarah Connor.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Il nazifemminismo dilaga ormai dappertutto.

10 hours fa, Euron Gioiagrigia dice:

Con buona pace di Ellen Ripley e Sarah Connor.

 

Ahimè sì

Share this post


Link to post
Share on other sites

più che altro non sta portando grossi guadagni al botteghino questo nuovo filone femminista. per me è proprio il pubblico femminile il meno interessato a questi film.

aggiungo alle 2 eroine anche beatrix kiddo.

Share this post


Link to post
Share on other sites
18 hours fa, Euron Gioiagrigia dice:

quanto mi manca il generale Zod!)

condivido. uno dei migliori villain di tutti i cinecomic. poi a me è piaciuto un sacco man of steel. tra mce e dcu l'ho trovato uno dei migliori come stand alone

Share this post


Link to post
Share on other sites
Il 24 February 2020 at 14:57, rhaegar84 dice:

aggiungo alle 2 eroine anche beatrix kiddo.

Erano bei tempi :wub:

Share this post


Link to post
Share on other sites

Guardie e ladri (1951) di Mario Monicelli e Steno

 

Uno dei migliori film della coppia Totò-Fabrizi. Ambientato nella povera ma speranzosa Italia dell'immediato dopoguerra (prima del boom economico), è una pellicola che riesce a mescolare bene la comicità delle situazioni coinvolgenti la coppia protagonista con la maggior serietà dovuta alla difficile situazione economica delle famiglie dei protagonisti (in sostanza si tratta di due poveracci). Ne emerge un affresco divertente ma anche accurato dell'Italia di quei tempi, in cui la leggerezza non ostacola mai la profondità delle varie situazioni.

 

Voto: 8

Share this post


Link to post
Share on other sites

The Greatest Showman (2017) - Michael Gracey

 

Massí.. Mi piace guardare un musical ogni tanto, e alla fine quanto proposto é stato gradevole, ma nulla più. Troppi ammmore, prima di tutto. Gli innamoramenti, platonici, colpi di fulmini e i momenti love forever si sprecano e rendono il film adatto ad una certa fetta di pubblico e basta. Non mi é piaciuto per niente il protagonista, Hugh Jackman lo fa sembrare un tontolone in balia degli eventi. Molto meglio allora Zac Efron, che per quanto "giochi in casa" si é distinto bene, soprattutto come attore. A loro agio la splendida Rebecca Fergusson e la giovane Zendaya.

Visivamente il film é abbastanza spettacolare anche come fotografia. La colonna sonora invece é mediocre, non ci sono momenti veramente elevanti, neanche l'assolo di "Jenny Lind", momento preparato bene, ma fiacco come risultato.

 

Credo di non fare parte propriamente del pubblico target di questo film. Personalmente comunque non mi ha suscitato le emozioni di un Moulin Rouge o di un Rock Of Ages.

 

Voto 6/10

Share this post


Link to post
Share on other sites

Io Moulin Rouge! Cmq mi hai risolto un dubbio perché mi ero sempre chiesta come fosse questo Showman, niente di eccezionale insomma.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Non so magari ai teenager pare un capolavoro. A me non ha preso molto.

 

@Oathkeeper

a Chicago ci avevo pure pensato, ma personalmente, sebbene fosse ottimo come musiche, attori e coreografie, non mi ha coinvolto tanto.

 

Share this post


Link to post
Share on other sites

Black Panther (2018) - Ryan Coogler

 

Sto finendo di tappare i buchi del MCU, dopo Black Panther mi rimane da vedere solo Spider Man.

L'ho trovato un film fiacco, privo di particolari guizzi, tra l'altro poco collegato alla trama principale del MCU.

Ne le prove degli attori (Andy Serkis a parte, brillante in tutti i ruoli), ne quella registica si sono rivelati all'altezza della candidatura a best picture :shock:da parte della Academy.

Sono belle le coreografie (anche delle battaglie tribali), i costumi e la fotografia (e voglio anche vedere con questi paesaggi :unsure:).

Anche la tanto menzionata tematica dell'Africa mi ha lasciato piuttosto deluso, pensavo fosse l'argomento principale o almeno correlato ad esso, invece ha una presenza marginale e quindi non capisco davvero il perché della nomination di questo film.

 

Insomma, delusione su tutti i fronti, troppi. Se non fosse stato gonfiato in tal modo dalla Academy e dai numeri da capogiro agli incassi gli avrei forse dato un voto più alto. Ma così non é stato, mi sono approcciato al film con una certa aspettativa, e tale aspettativa é stata delusa. Non riesco a dargli più di un

Voto 6/10

Share this post


Link to post
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now

×
×
  • Create New...