Jump to content

Commenti su film appena visti


Recommended Posts

Potere assoluto (1997) di Clint Eastwood

 

Film piacevole di Eastwood che interpreta un ladro dal cuore generoso che assiste ad un misfatto ad opera del presidente degli USA (interpretato da Gene Hackman) e si mette in testa di fare giustizia. Eastwood in questo senso anticipa un tema ricorrente nel cinema degli ultimi anni, quello dell'uomo onesto e dignitoso che cerca di fare la cosa giusta. Lo svolgimento del film è piuttosto classico e il lieto fine è assicurato, anche se mi sono rimasti dei dubbi

Spoiler

riguardanti ad esempio in base a quali accuse la Russell viene alla fine arrestata dalla polizia (avevano scoperto la cimice nel telefono di Seth Frank?) e i motivi del suicidio di Burton. Diciamo che sono stati punti in cui il finale del film si è fatto affrettato.

 

Voto: 7

Link to post
Share on other sites
  • Replies 7.1k
  • Created
  • Last Reply

Top Posters In This Topic

La ragazza nella nebbia

 

Visto ieri sera, ne avevo sentito parlare come di un caso prima editoriale e poi cinematografico.

Purtroppo invece ci troviamo di fronte al solito film italico con gli atavici problemi dei film italici.

Innanzitutto la vicenda, che avrebbe degli spunti per essere interessante, ma poi per come è rappresentata nel film (nel libro non ho idea spero sia migliore) diventa fin troppo nebulosa e mette sin troppa carne al fuoco. Risultato meh con il forte sospetto che dietro a tutti quei virtuosismi narrativi si nasconda qualcosa che non è troppo sensato. A ben vedere infatti il movente cui ruota intorno tutta questa intricata vicenda è assai deboluccio.

SPOILER

Spoiler

Il professore compie l'omicidio solo perché ispirandosi alla vicenda del mutilatore spera di ottenere un risarcimento?

E quindi per questo compie l'omicidio di una ragazzina dove gli indizi sono costruiti in modo da portare a lui ma fino a un certo punto sapendo che lo incolperanno e poi scarcereranno così potrà chiedere il risarcimento e potrà pure diventare famoso?

Sinceramente è vero che i soldi spesso sono causa di omicidi ma questo mi pare un giro davvero troppo largo e azzardato.

Oltretutto come poteva sapere del killer della nebbia dato che la giornalista dice che nessuno le dava retta?

Non so a me pare tutto davvero troppo tirato per i capelli.

Per non parlare poi dello psichiatra appassionato di trote. Ovviamente.

E la storia sembra venire di volta volta infarcita e rincalzata di altro

Spoiler

Riferimenti ad altro caso precedente seguito dal detective, riferimenti al rapporto coi media di quest'ultimo, sua tendenza a forzare le prove, l'avvocato untuoso di cui mi sfugge l'utilità, ci mancano poi lo psichiatra, la setta religiosa, le corna della moglie del professore, la tendenza della società ad additare il mostro... etc etc

quasi per far passare questa non tanto lieve mancanza in secondo piano. Di fatto tutto pare piuttosto costruito col pretesto di trattare diversi temi e non per supportare la vicenda in sé, anche a causa di un intreccio temporale sfasato poco incisivo.

Questo almeno l'effetto che si ha vedendo il film che appunto presenta dei difetti forse ereditati dalla storia mentre altri sono proprio legati alla messa in scena. 

In primo luogo la regia, tipicamente italiana, perciò pesante nel suo voler fare virtuosismi senza riuscirci (chiedessero suggerimenti alla magnifica regia che si può ammirare nella serie di film hinterland/y gwyll, tra le migliori che abbia osservato negli ultimi anni), in secondo luogo ho notato una colonna sonora completamente inadatta al tipo di film che si stava rappresentando, pomposa, pesate persino fastidiosa in certi tratti.

Fortunatamente compensano gli interpreti, anche se i difetti di cui sopra non aiutano certo la loro performance.

Insomma film molto deludente, inutilmente escatologico, con una trama debole e insensata, pure pesante a tratti.

Un bel 5.

Link to post
Share on other sites

Come giallo italiano costruito in modo particolare ti consiglio allora l'ottimo il testimone invisibile, questo si ben girato e con una vicenda molto intrigante. Molte spanne sopra al film sopracitato.

Link to post
Share on other sites

The Lighthouse - 2019 - Robert Eggers

 

Film suggestivo, che non necessitava necessariamente del bianco e nero per evocare atmosfere cupe e claustrofobiche. Interessanti alcuni giochi di illuminazione, da quel punto di vista il film é incredibilmente tecnico (per quel poco che me ne intendo :unsure:).

Il film racconta della relazione psicotica e 

Spoiler

della inevitabile discesa nella pazzia,

dei due protagonisti, prima in servizio, e poi abbandonati su un faro in mezzo al mare.

 

Tra dipendenza alcoolica, allucinazioni (malattie psichiche?), perversioni ittiche (Fantozzi docet) e passati oscuri, il film non ce ne risparmia una, mettendo a dura prova gli attori, che interpretano alla grande due ruoli difficili e impegnativi. Se Robert Pattinson mette lo stesso impegno nel suo Batman, c'é da stare allegri.

 

Non aggiungo un voto, il film semplicemente non é nelle mie corde, troppo sofferto e cervellotico, manca l'elemento intrattenimento, per me essenziale quando si parla di cinema.

Link to post
Share on other sites

The Town (2010) di Ben Affleck

 

Secondo film da regista di Affleck basato sul romanzo Il principe dei ladri di Chuck Hogan, l'ho visto perché ho avuto modo di apprezzare Affleck come attore in molti suoi film tra cui quelli di Zack Snyder in cui interpreta Batman, e volevo vederlo anche all'opera come regista. Il film è di base un classico poliziesco urbano ambientato in una zona degradata (in questo caso il quartiere Charlestown di Boston) e procede in maniera abbastanza lineare senza sorprese. Tuttavia alcuni temi di interesse emergono, come la difficoltà di lasciarsi alle spalle in passato e il peso dell'ambiente in cui cresciamo e viviamo. Nel complesso comunque la regia di Affleck è buona, e fra l'altro vengo a sapere che esiste pure una Extended Cut di due ore e mezza che aggiunge 25 minuti alla versione normale da me vista, e a questo punto sarei curioso di sapere cosa hanno aggiunto in questo lasso di tempo.

Solo un aspetto di trama non ho colto, forse per distrazione mia:

Spoiler

a un certo punto l'ex fidanzata di Doug, Krista, spiffera all'agente dell'FBI il prossimo piano della banda. Non ho capito come faceva lei a sapere quale fosse l'obiettivo del colpo di Doug e soci, perché non ricordo una scena in cui lei ne viene a conoscenza.

 

Voto: 7

Link to post
Share on other sites

Il principe cerca moglie (1988) di John Landis

 

Storica commedia di John Landis, già autore di Animal HouseUna poltrona per due e The Blues Brothers, e molto simile a questi ultimi nella comicità molto anni '80 e surreale (per non dire grottesca) tipica del regista. Il film ha una struttura molto semplice e un soggetto potenzialmente abusato (il protagonista ricco che vuole conoscere la vita vera e il vero amore facendo la vita dei proletari), e ovviamente nonostante le difficoltà finali il lieto fine è assicurato. Di conseguenza, al di là della tematica sulla libertà di decidere il proprio destino le parti migliori sono le gag comiche spesso incentrare sui squallidi ambienti in cui si deve immergere il duo protagonista, in cui hanno un ruolo di spicco (e divertente) il proprietario dell'appartamento preso in affitto dal personaggio di Akeem e il barbiere conosciuto dallo stesso Akeem (sempre interpretato dal camaleontico Eddie Murphy). Un vero film cult degli anni '80: promosso.

Particina per Samuel L. Jackson del ruolo del rapinatore del negozio di fast food e apparizione eccezionale

Spoiler

dei personaggi dei fratelli Duke, già apparsi in Una poltrona per due e qui nel ruolo di due barboni (si ricorderà che nel finale del film precedente erano finiti in bancarotta). Si può definire ciò uno dei primissimi esempi di continuity nella storia del cinema moderno.

 

Voto: 8

Link to post
Share on other sites

Avengers: Infinity War (2018) di Anthony e Joe Russo

 

Diciannovesimo film del MCU, è, per usare un'espressione abusata, l'inizio della fine. Il film in sé ha una qualità nella media del MCU quindi non si può certo parlare di alto cinema o capolavoro (anche se il montaggio è usato sapientemente), di conseguenza non rimane altro che goderselo come un grande luna park cinematografico, in cui tutti i personaggi del MCU hanno il loro ruolo, piccolo o grande, e in cui si spera fino all'ultimo che Thanos non ce la faccia.

Spoiler

La scena che mostra le conseguenze dello schiocco di dita di quest'ultimo tuttavia mette davvero i brividi, soprattutto grazie all'assenza di musica. Quando la vidi al cinema ricordo che ero rimasto esterrefatto in senso negativo e mi sentivo preso in giro, ma già ad una seconda visione la apprezzai maggiormente, e ora la considero la scena migliore del film.

Continuo a non capire le innumerevoli discussioni su Internet riguardo la presunta filosofia di Thanos e il fatto che il personaggio risulterebbe svilito in Endgame rispetto alla sua messa in scena in Infinity War. Come dissi pure a suo tempo qui sul forum, non stiamo parlando di un personaggio di alta letteratura, e questo film di certo non è un'opera di Kubrick o Scorsese. Tuttavia è un film indubbiamente molto divertente, e si vede che gli sceneggiatori Marvel hanno saputo orchestrare con una certa maestria tutti i personaggi, le sottotrame e le situazioni di dieci anni di universo cinematografico. 

 

Voto: 7

Link to post
Share on other sites

Avengers: Endgame (2019) di Anthony e Joe Russo

 

È la mia terza visione (le prime due al cinema, questa al PC) e questa volta mi sento di dare un giudizio definitivo sulla pellicola, dopo che inizialmente l'avevo definita capolavoro e poi appena sufficiente. Il mio giudizio è intermedio rispetto ai primi due: è un'opera con molte incongruenze e forzature, e in generale con fatti e accadimenti che vanno accettati per forza (si pensi alla faccenda dei viaggi del tempo). Ma un aspetto del film è centrato: la coralità e il senso di chiusura di un ciclo, e anche il senso di chiusura attorno al personaggio di Tony Stark/Iron Man.

Spoiler

Lui che aveva paura dello spazio e del sacrificio personale, alla fine sconfigge un nemico proveniente dallo spazio e si sacrifica per il bene di tutti.

Un aspetto che invece continua a sembrarmi poco azzeccato è la versione sfatta e ridicola di Thor ingrassato e tracannatore di birra, anche se forse è propedeutica

Spoiler

al prossimo film incentrato su di lui e a Guardiani della Galassia Vol. 3.

In ogni caso, nel campo dei cinecomic, è sicuramente un filmone da vedere assolutamente, ma solo se si è pratici di tutti i film precedenti. Nella mia personale classifica di cinecomic preferiti rimane al terzo posto, dopo Batman vs Superman (che è al primo posto) e X-Men: Days of Future Past, ma potrebbe scivolare al quarto posto se la Zack Snyder's Cut di JL dovesse soddisfarmi e passare al primo posto.

Momenti migliori del film:

Spoiler

- Il sacrificio di Natasha;

- Il ritorno di tutte le persone sparite per colpa di Thanos;

- Il sacrificio di Iron Man;

- La scena finale, con Capitan America che finalmente è riuscito ad arrivare in tempo all'appuntamento con Peggy.

Il film fu candidato all'epoca all'Oscar per i miglior effetti speciali, ma a me pare tutto artificioso, non vi è la concretezza che vi era nella trilogia del Signore degli Anelli, girato ben 20 anni prima. Un altro indizio che il MCU è un enorme luna park da godere senza troppe pretese.

 

Voto: 7

Link to post
Share on other sites

I mercenari 3 (2014) di Patrick Hughes

 

Terzo e ultimo capitolo di una trilogia di cui ancora mi sfuggono le ragioni del successo, ma che ho finito di vedere per inerzia. Al di là delle tante comparsate eccellenti (in questo capitolo oltre a Statham e Stallone sono presenti Wesley Snipes, Harrison Ford, Antonio Banderas e Mel Gibson) la trama di questo capitolo (come dei precedenti) è piuttosto debole, il cattivo stereotipato e l'atmosfera generale è ovviamente americanocentrica, nel senso che ogni nazione al di fuori degli USA è dipinta come corrotta e manovrata segretamente da criminali. L'unica cosa che rimane da giudicare a questo punto è la qualità degli effetti speciali, ma anche qui tutto sa di già visto e a volte è difficile mantenere la sospensione dell'incredulità, come dimostra il finale in cui

Spoiler

contro ogni previsione il personaggio di Stallone si salva dal crollo di un palazzo.

 

Voto: 5

Link to post
Share on other sites

Rivisto Tenet per la terza volta, questa volta in BD.

Confermo le mie opinioni positive, mi si sono chiariti alcuni punti (non tutti) ma penso a questo punto di non essere in grado di comprendere davvero cosa accade a meno che non mi metta lí con carta e penna ad analizzare le sequenze di eventi. É come per la fisica moderna: si puó avere una comprensione intuitiva e approssimativa della relativitá o della meccanica quantistica, ma é solo facendo i calcoli che se ne possono apprezzare i dettagli.

E, come per la fisica, non credo che lo faró :ehmmm:

 

Link to post
Share on other sites

Watchmen (2009) di Zack Snyder

 

Premessa doverosa: nonostante le mie buone intenzioni, non ho ancora letto il fumetto originale di Moore e Gibbons, e sono consapevole che per un nerd come me è una mancanza grave. Tuttavia ho voluto vedere il film, anche per apprezzare meglio la cinematografia di Snyder in previsione della sua Cut di prossima uscita di Justice League. E il film è un raro esempio di cinecomic adulto e scevro da facili soluzioni. La trama in sé a dirla tutta si sarebbe retta in piedi anche con un film molto più corto (ho visto la versione di 162 minuti, ma un giorno cercherò di rimediare la director's cut di 3 ore), ma Snyder lo riempie con divagazioni, approfondimenti, flashback e dialoghi che lo rendono davvero interessante e maturo. In sostanza è il ritratto del fallimento del Sogno Americano, ambientato in una realtà distopica ma che potrebbe essere benissimo la nostra. Il tono è quello tipico dei film di Snyder: cupo, fluviale, con molte scene anche robuste dal punto di vista della violenza e un paio di intermezzi erotici come in 300 (in uno di questi fra l'altro c'è in sottofondo la canzone Hallelujah di Leonard Cohen, la stessa usata per il primo trailer del prossimo film sulla Justice League!). La caratterizzazione dei personaggi è ottima e il finale è piuttosto amaro, ma coerente con lo spirito dell'opera anche se non so se coincidente con quello del fumetto. È probabilmente al momento il miglior film di Snyder, ed è un peccato che al box office abbia incassato meno di quanto ci si aspettava. Ma se teniamo conto che l'anno prima era uscito Iron Man della Marvel, film portatore di un'idea radicalmente diversa di cinecomic, direi che lo scarso incasso è comprensibile.

Ottima fotografia dai toni notturni di Larry Fong (lo stesso di 300 Batman vs Superman) e ottimo e difficile montaggio di William Hoy.

 

Voto: 9

Link to post
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now

×
×
  • Create New...