Jump to content

romanzi storici


Recommended Posts

  • Replies 351
  • Created
  • Last Reply

Top Posters In This Topic

Pooooorca miseriacciaaaa...dimenticavo un autore. gisbert haefs!

bravo, coinvolgente, accurato. il suo Annibale è qualcosa di strepitoso....

 

Be' Io ho letto il suo Alessandro ed è davvero molto bello...

Link to post
Share on other sites
  • 4 weeks later...

Bhe, visto che la mettiamo sul "classico", come non citare lo scrittore considerato dai più il creatore del romanzo storico:

Walter Scott: tra i migliori, il celeberrimo Ivanhoe,

ed I Misteri del Castello ambientato nell'Inghilterra del '600 sconvolta dalla Guerra civile, dove i realisti fedeli alla corona aiutano Carlo II a riconquistare il trono dopo l'esecuzione del padre ad opera di Oliver Cromwell il cui scopo è "trasformare" l'Inghilterra in una Repubblica.

C'è un'altro romanzo storico, molto bello ambientato al tempo della rivolta dei sepoys contro gli inglesi in India, si intitola L'Ombra della Luna, ma sfortunatamente non riesco a ricordarmi il nome dell'autrice.... <img alt=" />

 

In effetti tra i vari autori che avete citato ce ne sono veramente pochi le cui opere considero romanzi storici "veri e propri" (a parte ovviamente quelli che non ho letto.... <img alt=" /> ), in genere no, ma in questo caso, sono molto restrittiva (mio limite.... <img alt=" /> ) e riesco a considerare Romanzi Storici solo quei libri che, nonostante una trama di base "inventata", riescono a mantenere più che veritiero lo sfondo storico e storico-culturale all'interno del quale la vicenda narrata viene inserita.

 

 

Kisses <img alt=" />

 

 

 

 

quoto a pieno

Link to post
Share on other sites
  • 4 weeks later...

ma davvero nessuno ha letto la trilogia di Magdeburg scritta da Alan D. Altieri???!!!

 

dai è assolutamente bellissima!un pugno nello stomaco per la sua crudezza e realismo!Ambientata durante la guerra dei 30anni nel 600 tedesco parla della guerra dagli okki di numerosi punti di vista,un cardinale italiano un nobile tedesco una madre superiore e un misterioso guerriero in nero tedesco con una storia misteriosa ricoperto di cicatrici di cui non si sà nulla se nn che stà tornando dalla terra delle lacrime e per finire l'ambasciatore in germania di Richelieu legato al uomo in nero!

 

sono usciti tutti i libri:

 

l'eretico

 

4e520f7d0b7c3a11226a24d039a589f2'4e520f7d0b7c3a11226a24d039a589f2

Tenebre. Non esiste altro nella Germania dell’anno Domini 1630. Tenebre, carestia, morte, pestilenza causate da una guerra che pare eterna. Ma nemmeno questo assurdo bagno di sangue è in grado di fermare Reinhardt Heinrich von Dekken, principe di Turingia, uno dei nobili cattolici più potenti e temuti del sacro Romano Impero. Nella sua mente ha preso forma un disegno di potere assoluto e nulla e nessuno lo fermerà. Sulla strada che sembra scendere nelle viscere più oscure dell’inferno un solo uomo oserà contrastarlo. Un guerriero senza nome, enigmatico e letale, feroce e misericordioso, proveniente da una terra ignota, armato di un’arma che nessuno ha mai visto. Un viandante in nero, un eretico…

 

 

 

la furia

 

 

0a4e994c77cdf0faabcb673f32af755f'0a4e994c77cdf0faabcb673f32af755f

Turingia, Nazione germanica, Anno Domini 1631, ventre nero e congelato del tredicesimo, terribile inverno della guerra eterna. Disgregazione, devastazione, consunzione hanno dominio incontrastato su quello che appare come un mondo in inarrestabile agonia. Ma nemmeno i molti, troppi segni di un’apocalisse annunciata fermano Reinhardt von Dekken, l’implacabile principe cattolico di Kragberg, nel perseguimento del suo disegno di potere assoluto. Al suo fianco, si schiera un nuovo, potente alleato: Albrecht von Wallenstein, subdolo demiurgo della guerra eterna alla ricerca di una resurrezione egemonica. Un’alleanza, la loro, fin troppo simile a un patto concepito all’inferno. Eppure, perfino l’inferno sembra recedere di fronte Wulfgar, l’eretico in nero, letale guerriero-ombra. Così, mentre Reinhardt von Dekken esegue le mosse conclusive della sua sinistra strategia e Wulfgar si erge nell’estrema difesa di quella che potrebbe essere l’ultima valle della terra, i loro destini si incrociano, si artigliano, si contorcono uno dentro l’altro, scivolando verso l’orlo dell’abisso.

 

 

 

In questa doppia spirale di annientamento, un tormentato cardinale è costretto ad abbandonare la quiete ingannevole della Santa Sede per intraprendere un viaggio che lo porterà fino a un perverso cuore di tenebra; i possessori degli enigmatici simboli dei cinque elementi primari convergono verso un fulcro tanto labirintico quanto inesorabile; un’indomabile donna di fede deve confrontarsi con gli spettri di un passato più spaventoso di qualsiasi incubo, e il distaccato Osservatore continua a essere testimone di eventi destinati a sprofondare la Germania nella devastazione terminale[/color]

 

 

 

 

il demone

 

 

95e79831fd7d127f4d632b80702193f7'95e79831fd7d127f4d632b80702193f7

Nazione Germanica, anno Domini 1631, maggio. L’effimera illusione di pace svanisce assieme alle nevi dell’inverno. Sulla terra tedesca, ridotta a una desolazione desertica, la guerra eterna torna a esplodere. Il nuovo fronte: Magdeburg, città del destino e della dannazione. A disperata difesa, le forze luterane sostenute dal Re di Svezia; in feroce attacco, l’armata dell’Impero cattolico. Disgregato il suo disegno di potere assoluto, Reinhardt von Dekken, principe di Turingia, compie la scelta estrema: trascinare il proprio esercito — e se stesso — nel dilagare di questo ennesimo, immane rogo. Al suo fianco, onnipresente, ormai inestricabile nemesi oscura, c’è Wulfgar, il micidiale eretico in nero. E sarà nel cratere di Magdeburg –— tra le stragi di un’apocalisse annunciata e il risorgere di una verità rimasta troppo a lungo sepolta — che Wulfgar e Reinhardt troveranno il loro fato, in un unico, demoniaco olocausto di corpi e anime.

 

Link to post
Share on other sites

il demone

 

b8afbcd11ad990c977e1508bf89c0c5f'b8afbcd11ad990c977e1508bf89c0c5f

Nazione Germanica, anno Domini 1631, maggio. L’effimera illusione di pace svanisce assieme alle nevi dell’inverno. Sulla terra tedesca, ridotta a una desolazione desertica, la guerra eterna torna a esplodere. Il nuovo fronte: Magdeburg, città del destino e della dannazione. A disperata difesa, le forze luterane sostenute dal Re di Svezia; in feroce attacco, l’armata dell’Impero cattolico. Disgregato il suo disegno di potere assoluto, Reinhardt von Dekken, principe di Turingia, compie la scelta estrema: trascinare il proprio esercito — e se stesso — nel dilagare di questo ennesimo, immane rogo. Al suo fianco, onnipresente, ormai inestricabile nemesi oscura, c’è Wulfgar, il micidiale eretico in nero. E sarà nel cratere di Magdeburg –— tra le stragi di un’apocalisse annunciata e il risorgere di una verità rimasta troppo a lungo sepolta — che Wulfgar e Reinhardt troveranno il loro fato, in un unico, demoniaco olocausto di corpi e anime.

 

 

 

Non l'ho letto e non so se lo farò...ma spero che lo sviluppo narrativo non corrisponda a verità, perché se no Altieri sta battendo i record: dopo le cavolate come traduttore, compie errori storici macroscopici...

Link to post
Share on other sites

????

 

guarda ho letto i primi 2 e son davvero bellissimi il terzo l'ho appena iniziato e mi stà inkiodando prima che il traduttore delle cronache per me altieri è l'autore di alcuni dei thriller e action più belli che ci sono in circolazione e la saga di magdeburg non tradisce di certo

Link to post
Share on other sites

ma davvero nessuno ha letto la trilogia di Magdeburg scritta da Alan D. Altieri???!!!

 

dai è assolutamente bellissima!un pugno nello stomaco per la sua crudezza e realismo!Ambientata durante la guerra dei 30anni nel 600 tedesco parla della guerra dagli okki di numerosi punti di vista,un cardinale italiano un nobile tedesco una madre superiore e un misterioso guerriero in nero tedesco con una storia misteriosa ricoperto di cicatrici di cui non si sà nulla se nn che stà tornando dalla terra delle lacrime e per finire l'ambasciatore in germania di Richelieu legato al uomo in nero!

 

sono usciti tutti i libri:

 

l'eretico

 

8df20cbcbb440dfa5b270f9f0bb1191c'8df20cbcbb440dfa5b270f9f0bb1191c

Tenebre. Non esiste altro nella Germania dell’anno Domini 1630. Tenebre, carestia, morte, pestilenza causate da una guerra che pare eterna. Ma nemmeno questo assurdo bagno di sangue è in grado di fermare Reinhardt Heinrich von Dekken, principe di Turingia, uno dei nobili cattolici più potenti e temuti del sacro Romano Impero. Nella sua mente ha preso forma un disegno di potere assoluto e nulla e nessuno lo fermerà. Sulla strada che sembra scendere nelle viscere più oscure dell’inferno un solo uomo oserà contrastarlo. Un guerriero senza nome, enigmatico e letale, feroce e misericordioso, proveniente da una terra ignota, armato di un’arma che nessuno ha mai visto. Un viandante in nero, un eretico…

 

 

 

la furia

 

 

60bcc1638c9086d5b9ac2c0312f2c9a7'60bcc1638c9086d5b9ac2c0312f2c9a7

Turingia, Nazione germanica, Anno Domini 1631, ventre nero e congelato del tredicesimo, terribile inverno della guerra eterna. Disgregazione, devastazione, consunzione hanno dominio incontrastato su quello che appare come un mondo in inarrestabile agonia. Ma nemmeno i molti, troppi segni di un’apocalisse annunciata fermano Reinhardt von Dekken, l’implacabile principe cattolico di Kragberg, nel perseguimento del suo disegno di potere assoluto. Al suo fianco, si schiera un nuovo, potente alleato: Albrecht von Wallenstein, subdolo demiurgo della guerra eterna alla ricerca di una resurrezione egemonica. Un’alleanza, la loro, fin troppo simile a un patto concepito all’inferno. Eppure, perfino l’inferno sembra recedere di fronte Wulfgar, l’eretico in nero, letale guerriero-ombra. Così, mentre Reinhardt von Dekken esegue le mosse conclusive della sua sinistra strategia e Wulfgar si erge nell’estrema difesa di quella che potrebbe essere l’ultima valle della terra, i loro destini si incrociano, si artigliano, si contorcono uno dentro l’altro, scivolando verso l’orlo dell’abisso.

 

 

 

In questa doppia spirale di annientamento, un tormentato cardinale è costretto ad abbandonare la quiete ingannevole della Santa Sede per intraprendere un viaggio che lo porterà fino a un perverso cuore di tenebra; i possessori degli enigmatici simboli dei cinque elementi primari convergono verso un fulcro tanto labirintico quanto inesorabile; un’indomabile donna di fede deve confrontarsi con gli spettri di un passato più spaventoso di qualsiasi incubo, e il distaccato Osservatore continua a essere testimone di eventi destinati a sprofondare la Germania nella devastazione terminale[/color]

 

 

 

 

il demone

 

 

65c5653123f6a86b1972a8fef040a4c7'65c5653123f6a86b1972a8fef040a4c7

Nazione Germanica, anno Domini 1631, maggio. L’effimera illusione di pace svanisce assieme alle nevi dell’inverno. Sulla terra tedesca, ridotta a una desolazione desertica, la guerra eterna torna a esplodere. Il nuovo fronte: Magdeburg, città del destino e della dannazione. A disperata difesa, le forze luterane sostenute dal Re di Svezia; in feroce attacco, l’armata dell’Impero cattolico. Disgregato il suo disegno di potere assoluto, Reinhardt von Dekken, principe di Turingia, compie la scelta estrema: trascinare il proprio esercito — e se stesso — nel dilagare di questo ennesimo, immane rogo. Al suo fianco, onnipresente, ormai inestricabile nemesi oscura, c’è Wulfgar, il micidiale eretico in nero. E sarà nel cratere di Magdeburg –— tra le stragi di un’apocalisse annunciata e il risorgere di una verità rimasta troppo a lungo sepolta — che Wulfgar e Reinhardt troveranno il loro fato, in un unico, demoniaco olocausto di corpi e anime.

 

 

Leggendo i sunti sembrerebbe interessante, ma poiché la mia conoscenza storico-geografica e socio-culturale del periodo che fa da sfondo alla saga, non è delle migliori, chiedo: esiste una qualche attinenza storica?

Anche Altieri, come Cornwell, inserisce una nota storica alla fine dei volumi per spiegare le eventuali "licenze" che si è preso?

 

Se lo trovo, sicuramente lo leggerò, ma prima, forse, sarebbe meglio munirsi di conoscenze adeguate....

 

Kisses <img alt=">

Link to post
Share on other sites

ha passato gli ultimi 10 anni a informarsi sul periodo compiendo viaggi sul luogo e istruendosi sulle discipline orientali come zen buddhismo arte della spada giapponese e tanto altro ci ho trovato un ottima attinenza storica anche se per incastrare il tutto qualche licenza storica l'ha presa!

 

se sei interessata è appena uscito il primo volume in edizione economica Tea!!

Link to post
Share on other sites

Cornwell, inserisce una nota storica alla fine dei volumi per spiegare le eventuali "licenze" che si è preso?

Alt! Le licenze di Cornwell sono abbastanza relative (ho trovato esagerate solo quelle in L'Arciere del Re), e cmq non riguardano mai lo svolgimento cronologico degli avvenimenti, non rischi di vedere un anticipo di due o tre anni su quanto realmente accaduto. Per esempio in

 

La Sfida della Tigre

0d0653c79773b1b2bac25d015161b791'0d0653c79773b1b2bac25d015161b791

Non si sa realmente chi abbia ucciso Tippu, il signore del Mysore, né in mano a chi siano finiti i gioielli che portava. A questo punto attribuirne la morte a Sharpe per spiegarne la carriera e la ricchezza è una licenza irrisoria

 

 

Già solo leggendo i sunti, mi pare che Altieri alteri molto più pesantemente

il demone

 

b76a5e77b02c9acf955100c0fb3822f5'b76a5e77b02c9acf955100c0fb3822f5

 

Nazione Germanica, anno Domini 1631, maggio. L’effimera illusione di pace svanisce assieme alle nevi dell’inverno. Sulla terra tedesca, ridotta a una desolazione desertica, la guerra eterna torna a esplodere. Il nuovo fronte: Magdeburg, città del destino e della dannazione. A disperata difesa, le forze luterane sostenute dal Re di Svezia; in feroce attacco, l’armata dell’Impero cattolico. Disgregato il suo disegno di potere assoluto, Reinhardt von Dekken, principe di Turingia, compie la scelta estrema: trascinare il proprio esercito — e se stesso — nel dilagare di questo ennesimo, immane rogo. Al suo fianco, onnipresente, ormai inestricabile nemesi oscura, c’è Wulfgar, il micidiale eretico in nero. E sarà nel cratere di Magdeburg –— tra le stragi di un’apocalisse annunciata e il risorgere di una verità rimasta troppo a lungo sepolta — che Wulfgar e Reinhardt troveranno il loro fato, in un unico, demoniaco olocausto di corpi e anime.

 

Bello...peccato solo che

64cba90e67332af58343200ce6227269'64cba90e67332af58343200ce6227269

Gustavo II Adolfo di Svezia, il leone del Nord che a Vienna era stato schernito con il nomignolo di "re delle nevi" non sostenne affatto la difesa di Magdeburg: ne fu impedito proprio dai suoi alleati tedeschi e protestanti che ne temevano l'espansione ed avrebbero preferito che lui si fosse limitato ad inviare qualche truppa. Fu solo dopo la distruzione ed il saccheggio di Magdeburg che i protestanti si unirono in blocco dietro di lui.

E per fare un riferimento anche al primo libro...Wallenstein era già fuori dai giochi, e vi rientrò solo nel 1632, quando l'imperatore lo richiamò proprio nella speranza di fermare Gustavo II Adolfo che minacciava di marciare fino a Vienna.

 

Link to post
Share on other sites

Cornwell, inserisce una nota storica alla fine dei volumi per spiegare le eventuali "licenze" che si è preso?

Alt! Le licenze di Cornwell sono abbastanza relative (ho trovato esagerate solo quelle in L'Arciere del Re), e cmq non riguardano mai lo svolgimento cronologico degli avvenimenti, non rischi di vedere un anticipo di due o tre anni su quanto realmente accaduto. Per esempio in

 

La Sfida della Tigre

6717ac5ae48d4360f8d6ccf7c656f1e7'6717ac5ae48d4360f8d6ccf7c656f1e7

Non si sa realmente chi abbia ucciso Tippu, il signore del Mysore, né in mano a chi siano finiti i gioielli che portava. A questo punto attribuirne la morte a Sharpe per spiegarne la carriera e la ricchezza è una licenza irrisoria

 

 

Già solo leggendo i sunti, mi pare che Altieri alteri molto più pesantemente

il demone

 

aab66528dff49cef5282c53e9038633b'aab66528dff49cef5282c53e9038633b

 

Nazione Germanica, anno Domini 1631, maggio. L’effimera illusione di pace svanisce assieme alle nevi dell’inverno. Sulla terra tedesca, ridotta a una desolazione desertica, la guerra eterna torna a esplodere. Il nuovo fronte: Magdeburg, città del destino e della dannazione. A disperata difesa, le forze luterane sostenute dal Re di Svezia; in feroce attacco, l’armata dell’Impero cattolico. Disgregato il suo disegno di potere assoluto, Reinhardt von Dekken, principe di Turingia, compie la scelta estrema: trascinare il proprio esercito — e se stesso — nel dilagare di questo ennesimo, immane rogo. Al suo fianco, onnipresente, ormai inestricabile nemesi oscura, c’è Wulfgar, il micidiale eretico in nero. E sarà nel cratere di Magdeburg –— tra le stragi di un’apocalisse annunciata e il risorgere di una verità rimasta troppo a lungo sepolta — che Wulfgar e Reinhardt troveranno il loro fato, in un unico, demoniaco olocausto di corpi e anime.

 

Bello...peccato solo che

ff4b57693967eb11cf73a646731e6162'ff4b57693967eb11cf73a646731e6162

Gustavo II Adolfo di Svezia, il leone del Nord che a Vienna era stato schernito con il nomignolo di "re delle nevi" non sostenne affatto la difesa di Magdeburg: ne fu impedito proprio dai suoi alleati tedeschi e protestanti che ne temevano l'espansione ed avrebbero preferito che lui si fosse limitato ad inviare qualche truppa. Fu solo dopo la distruzione ed il saccheggio di Magdeburg che i protestanti si unirono in blocco dietro di lui.

E per fare un riferimento anche al primo libro...Wallenstein era già fuori dai giochi, e vi rientrò solo nel 1632, quando l'imperatore lo richiamò proprio nella speranza di fermare Gustavo II Adolfo che minacciava di marciare fino a Vienna.

 

 

Grazie delle precisazioni!!!

<img alt="> A questo punto però comincia a venirmi qualche dubbio.....

Sicuramente prima di leggermi la saga approfondirò il contesto storico......

 

Per ciò che concerne Cornwell, il mio intento era solo quello di far capire meglio ciò che intendevo <img alt="> infatti mi piacciono molto i suoi romanzi proprio per la cura e l'attenzione volti a non stravolgere gli eventi storici sullo sfondo dei quali si dipana la trama dei libri......

 

Kisses <img alt=">

Link to post
Share on other sites

Cornwell, inserisce una nota storica alla fine dei volumi per spiegare le eventuali "licenze" che si è preso?

Alt! Le licenze di Cornwell sono abbastanza relative (ho trovato esagerate solo quelle in L'Arciere del Re), e cmq non riguardano mai lo svolgimento cronologico degli avvenimenti, non rischi di vedere un anticipo di due o tre anni su quanto realmente accaduto. Per esempio in

 

La Sfida della Tigre

50a4198f99365d03972eed63b1a5ae46'50a4198f99365d03972eed63b1a5ae46

Non si sa realmente chi abbia ucciso Tippu, il signore del Mysore, né in mano a chi siano finiti i gioielli che portava. A questo punto attribuirne la morte a Sharpe per spiegarne la carriera e la ricchezza è una licenza irrisoria

 

 

Già solo leggendo i sunti, mi pare che Altieri alteri molto più pesantemente

il demone

 

08fb8df7819076c6e53510e4821aa9ab'08fb8df7819076c6e53510e4821aa9ab

 

Nazione Germanica, anno Domini 1631, maggio. L’effimera illusione di pace svanisce assieme alle nevi dell’inverno. Sulla terra tedesca, ridotta a una desolazione desertica, la guerra eterna torna a esplodere. Il nuovo fronte: Magdeburg, città del destino e della dannazione. A disperata difesa, le forze luterane sostenute dal Re di Svezia; in feroce attacco, l’armata dell’Impero cattolico. Disgregato il suo disegno di potere assoluto, Reinhardt von Dekken, principe di Turingia, compie la scelta estrema: trascinare il proprio esercito — e se stesso — nel dilagare di questo ennesimo, immane rogo. Al suo fianco, onnipresente, ormai inestricabile nemesi oscura, c’è Wulfgar, il micidiale eretico in nero. E sarà nel cratere di Magdeburg –— tra le stragi di un’apocalisse annunciata e il risorgere di una verità rimasta troppo a lungo sepolta — che Wulfgar e Reinhardt troveranno il loro fato, in un unico, demoniaco olocausto di corpi e anime.

 

Bello...peccato solo che

cab64c7748a704bc54f6a0e18ff1f9c2'cab64c7748a704bc54f6a0e18ff1f9c2

Gustavo II Adolfo di Svezia, il leone del Nord che a Vienna era stato schernito con il nomignolo di "re delle nevi" non sostenne affatto la difesa di Magdeburg: ne fu impedito proprio dai suoi alleati tedeschi e protestanti che ne temevano l'espansione ed avrebbero preferito che lui si fosse limitato ad inviare qualche truppa. Fu solo dopo la distruzione ed il saccheggio di Magdeburg che i protestanti si unirono in blocco dietro di lui.

E per fare un riferimento anche al primo libro...Wallenstein era già fuori dai giochi, e vi rientrò solo nel 1632, quando l'imperatore lo richiamò proprio nella speranza di fermare Gustavo II Adolfo che minacciava di marciare fino a Vienna.

 

 

 

 

aspetta aspetta nn confondere la quarta di copertina con la trama del libro!le cose vanno esattamente come dici tu nel romanzo! <img alt=" />

Link to post
Share on other sites
<img alt=" /> E va bene! Concederò a questo disgraziato un ennesimo beneficio del dubbio, e domani preleverò dalla biblioteca il primo librio della trilogia.... Ma sarà una lettura attenta e non gliene lascerò passare una... <img alt=" />
Link to post
Share on other sites

<img alt=" /> E va bene! Concederò a questo disgraziato un ennesimo beneficio del dubbio, e domani preleverò dalla biblioteca il primo librio della trilogia.... Ma sarà una lettura attenta e non gliene lascerò passare una... <img alt=" />

 

 

<img alt=" />

 

non te ne pentirai è un pò sincopato nello scrivere ma ti catturerà se nn altro per i personaggi e il periodo!

Link to post
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now

×
×
  • Create New...