Jump to content

Archived

This topic is now archived and is closed to further replies.

Eddard Seaworth

Sogno sulla saga - riassunto

Recommended Posts

la dama ti implora: non cambiare pizza, nè birra!

leggere i tuoi sogni è un ottimo modo per supplire alla carenza di nuovi libri e alleviare l'astinenza da martin!

Share this post


Link to post
Share on other sites

dovrei bere birra anche io...l'unica volta che ho sognato al saga è stato un sogno brevissimo che nemmeno posso raccontare causa spoiler AAfC ;)

Share this post


Link to post
Share on other sites

Questo dovrebbe essere il proseguo del precedente....ma la cagnetta mi ha tirato giù dal letto a metà... <img alt=" />

 

Alla barriera, in una sala del Forte Orientale, la discussione è feroce, serrata: Davos Seaworth è arrivato con tre navi cariche di cipolle e pesce salato, armi e prigionieri per risanguare le fila dei Guardiani, e con notizie tutt'altro che incoraggianti - ma altre notizie sono arrivate sulle alidei corvi.

Dany è morta lasciando il regno nel caos. A King's Landing i Dorniani hanno occupato il trono, forzando Doran a prendere il titolo di reggente in nome della sua parentela con Elia, ma alcuni dei prigionieri sono scappati; Tyrion, rimasto anche lui presso il trono, ha proposto che Doran riconosca come sovrano Jon, e si è sentito rispondere che "Dorne non intende riconoscere alcun bastardo Stark" e che "se Reaghar avesse rispettato Elia come avrebbe dovuto, tutto questo non sarebbe successo". I Tyrrel sono ancora imprigionati, ma Darkstar ha rotto gli indugi e Nymeria Sand sta attaccando Higharden.

Asha Greyjoy, presente all'incontro, mostra la lettera giunta con il corvo: Euron e Melisandre sono fuggiti insieme (amanti?), e sono riusciti a portare con sé uno dei draghi, ed ora richiamano a Pyke tutti gli Ironborn per sferrare un nuovo attacco sia a Westeros sia contro gli Altri. Cotter Pyke risponde che lui se ne sbatte di Euron e delle sue pretese, che i soli ordini a cui intende obbedire sono quelli del suo lord comandante e che se Asha ta pensando a piantare in asso i GdN dopo aver portato loro aiuto lui è ancora capaci di metterla sulle ginocchia e di rifilarle una bella sculacciata.

Emmet il Ferrigno chiede se ci siano notizie di lord Snow, e gli viene risposto che è ancora convalescente per la ferita inflittagli alla schiena dal traditore. Davos chiede di Stannis, si sente dire che è sotto assedio presso la dimora di Craster, dove ha condotto un gruppo misto di suoi soldati e di GdN.

Si sa che gli Altri stanno attaccando nuovamente: Denys Mallister e parecchi dei suoi sono morti nel tentativo disperato di difendere il loro forte, che ora è tenuto con le unghie e i denti da un manipolo di pochi uomini. l'Esercito degli Stark, o quel che ne resta, è assottigliato in centinaia di pattuglie che di volta in volta portano soccorso, ma non può far molto.

Cotter Pyke guarda veloce la lista dei prigionieri consegnatigli da Davos, e stabilisce di inviare immediatamente un gruppo a soccorrere i superstiti di Mallister. Stabilisce anche il nome del comandante che dovrà prendere il comando al forte, sperando che Jon lo confermi: Jaime Lannister. E aggiunge una raccomandazione: di fare molta attenzione perché tra i condannati ai GdN di quel forte c'è un certo Roose Bolton...

Share this post


Link to post
Share on other sites

Wow...

Difficile commentare altro...

E' ufficiale, se per un qualsiasi motivo il BVZM lasciasse le cronache a metà, la Dama ti propone come suo continuatore ufficiale!

Share this post


Link to post
Share on other sites

Dunque in seguito ad irregolari quanto involontari suggerimenti del buon Beric ed a richieste più o meno esplicite, sono ricorso nuovamente alla pizza (la birra no, ma solo perché non avevo quella buona a tiro). Devo aver sbagliato quacosa perchè ho dormito male, sognato poco e male, e peggio di tutto ad interruzioni. Inoltre il soggetto del sogno è cambiato...spostandosi su qualcosa di relativamente + "periferico", e presumo che nello sviluppo entrino sia i miei personali desideri che il sottofondo delle unghie della cagnetta che ogni tanto entrava in camera (a cercare un'altra fetta di porchetta, immagino)

 

SPOILER SU TUTTA LA SAGA!!

 

d47426a6102c8ac8eec14e111249bc58'd47426a6102c8ac8eec14e111249bc58

 

"La scena si svolge alle Torri Gemelle, in una delle sale più appartate. Ad un tavolo, davanti a loro le coppe ed il vino accuratamente sorvegliato da tutti, siedono Lothar lo Storpio, Walder il Nero, Raymund, Aenys e Walder Rivers. Voci basse ma tese, mani contratte, e gli sguardi guizzano spesso verso la porta. Lothar suggerisce e punzecchia, ma non porta avanti la conversazione: lascia che a farlo siano Walder il nero ed Aenys, Raymund interviene poco e Walder Rivers sta semplicemente zitto e aspetta.

Ad un certo punto Lothar sbotta dicendo che è inutile perdere tempo, che bisogna agire prima di essere scoperti, e Walder gli risponde come fa a credere che tutti lo seguiranno e gli consegneranno le Torri; quando Lothar fa notare che senza di lui le Nozze Rosse sarebbero rimaste un sogno, Raymund gli ricorda chi è stato a sgozzare Catelyn, ed Aenys ribatte a sua volta senza Bolton e i Lannister Lothar sarebbe ancora solo il figlio storpio, non il grande cospiratore che si crede.

Rivers afferma che per quanto lo concerne, le armate dei Frey obbediranno solo a lui, e che niente di quanto ha sentito lo ha ancora convinto. Lothar gli domanda se preferisce continuare a servire sotto un vecchio puttaniere come lord Walder, e Rivers risponde che da suo padre o dal suo fratellastro Stevron non ha mai rischiato di essere pugnalato alle spalle, mentre non è affatto sicuro che le cose restino uguali sotto Walder il Nero o Lothar lo storpio. Raymund fa notare che anche Lothar lo storpio potrebbe ritrovarsi con la gola tagliata all'improvviso, se dovesse continuare ad alzare la cresta.

[...]

L'ultima moglie di lord Frey bussa alla porta del consorte, che le ordina con malgarbo di entrare e far presto: lei obbedisce, e mentre si sta sfilando lentamente la vestaglia Walder il Nero e Raymund entrano dalla porta lasciata aperta. Distratto dalle grazie della moglie, lord Walder vede troppo tardi i figli che gli piombano nel letto, e senza tanti problemi lo avvolgono nelle lenzuola, lo legano con un paio di corde e lo trascinano via. Walder si ferma a palpeggiare la donna, ed Aenys deve tornare indietro e trascinarlo via di forza.

Walder il Nero, Raymund ed Aenys avanzano attraverso qualche passaggio fino alle porte, preceduti da Lothar che regge una torcia. Alla postierla non trovano nessuno e le porte sono aperte, ma mentre Lothar si trattiene e fa cenno ai fratelli di uscire, Raymund si trattiene e borbotta che Rivers avrebbe sì dovuto provvedere a far sparire la guardia, ma anche attenderli e seguirli. Lothar gli ordina di non badarci e proseguire, ma Walder si blocca e gli chiede chi li assicura che, una votla fuori, lo storpio non chiuderà nuovamente le porte alle loro spalle per poi dare l'allarme. Lothar gli chiede se gli pare il momento di farsi simili problemi, ed alla risposta affermativa di Walder Aenys propone di restare lui ad attendere il ritorno degli altri, sì che lo storpio possa andare con loro a finire il lavoro. Raymund tira fuori il coltello e lo punta alla gola di Lothar, e gli ordina di decidersi in fretta.

[...]

Da qualche parte, lungo la riva del fiume, Lothar spiega a lord Walder, legato e imabavagliato, come lui sia ormai troppo vecchio e sia tempo di lasciare il posto ad altri. Gli assicura che sarà compianto e rispettato, ma che il suo corpo deve purtroppo fare la fine di quello di Catelyn Stark e dli altri uomini del Nord. Lord Frey non può rispondere, ma una voce secca risponde per lui che non ci sarà bisogno di insozzare il fiume, ci sono alberi a sufficienza: i Frey si voltano e si trovano davanti un cerchio di arcieri con le frecce incoccate, e al centro un grosso uomo con un mantello giallo che tiene tra le mani la spada e l'elmo di Walder Rivers; Tom Sette salta fuori accanto a Lem e spiega ai Frey che il fratellastro li stava aspettando fino a poco prima, in compagnia di una dozzina di lanceri.

Walder il Nero insulta gli arcieri sfidandoli a tirare, e li invita a farsi da parte e a lasciare che i Frey si facciano i propri affari familiari. Tom risponde che gli affari dei Frey sono un po' troppo affari di tanti altri, come hanno già imparato diversi di loro, e che soprattutto sono affari della loro signora...e si scosta lasciando avanzare Catelyn, il cappuccio abbassato e la corona di Robb posata in testa.

Raymund si butta per terra in ginocchio e striscia fino a Cat, implorando perdono, affermando che sono stati gli altri a costringerlo, che lui non voleva ma che è stato Walder il Nero a mettergli in mano il coltello: Cat, per tutta risposta, lo prende per i capelli, gli alza la testa e gli taglia la gola da un orecchio all'altro.

Lothar e Walder non fanno in tempo a muoversi: frecce solcano l'aria e li colpiscono in punti non vitali, prima che i fuorilegge li afferrino e li trascinino brutalmente verso un albero dove già sono appesi il corpo di Rivers e dei suoi uomini.

Catelyn si avvicina a Walder Frey che ha frattanto perso il controllo dei visceri...

 

 

 

e qui ha suonato la sveglia!

 

NdSpettro: Eddard più che mai su Approdo usa il tag spoiler, pensa a chi non è arrivato alla fine dei sette libri e si mette a leggere il tutto, a metà del primo paragrafo smetterebbe di leggere e verrebbe a cercarti a casa <img alt=" />

Share this post


Link to post
Share on other sites

Giusto per curiosità: ma quando fai 'sti sogni, da che punto di vista li vedi? Sei un osservatore esterno oppure uno dei personaggi? E ti riaddormenti come se nulla fosse, dopo?

La Dama passerebbe una buona mezz'ora col cuore martellante a rigirarsi nel letto, divisa tra il desiderio di chiudere gli occhi per riprendere a sognare e sapere come va a finire e la paura di essere la prossima vittima...

Però continua a sognare... E non privarti della birra, la prossima volta chè magari quella conciliava un più lungo sonno... Lilli permettendo... <img alt=" />

Share this post


Link to post
Share on other sites

pensa a chi non è arrivato alla fine dei sette libri e si mette a leggere il tutto, a metà del primo paragrafo smetterebbe di leggere e verrebbe a cercarti a casa

Ci penso...ma loro dovrebbero anche pensare che stiamo parlando di sogni, quindi non necessariamente seguono lo sviluppo narrativo del libro dato da Martin: per quanto ne so, il prossimo potrebbe essere un gigantesco meteorite che piomba su Westeros il giorno delle nozze di Robert e Cersei! O la riedizione della battaglia del Tridente con Raeghar che infila la spada nell'elmo di Robert e torna vincitore...

 

ma quando fai 'sti sogni, da che punto di vista li vedi? Sei un osservatore esterno oppure uno dei personaggi?

variano...gli ultimi erano come osservatore, anche se non proprio esterno...nell'ultimo caso mi sembrava di essere dentro il corpo di qualcuno presente, ma non partecipe della discussione.

 

E ti riaddormenti come se nulla fosse, dopo?

 

Non proprio: semplicemente scivolo in un sonno più profondo e senza sogni. Se poi sono fortunato, il sogno mi resta in mente abbastanza tempo per metterlo per iscritto, ma normalmente lo dimentico a breve...

Share this post


Link to post
Share on other sites

Ok, e dopo i sogni da "pizza e birra" passiamo agli effetti da "sogni da peperonata"...anzi a dire il vero dovrebbe essere un "sogno da pomodori ripieni"...eppure erano buoni - devo cheidere alla mamma cosa ha messo nella maionese...

 

"Sulla Barriera suona l'allarmee Jon snow viene strappato al riposo (sta sognando Ygritte e le loro notti di passione), prende la spada e corre fuori, quasi scontrandosi con Stannis e Melisandre che,seguiti da diverse delle loro guardie, si stanno precipitando sugli spalti. Voci e allarmi si sussuegono, ombre passano attraverso glialberi della foresta, suoni e rumori si sussuegono: tutti attendono gli Estranei, preparano le armi, le ombre si delineano..

Dall foresta emergono varie figure di animali immensi: un branco di mammuth lanuti che puntano dritti verso la Barriera, mentre figure molto più piccole si muovono in mezzo a loro, strillando ed agitando bastoncini che mandano scintille. In groppa al mammuth che guida il branco si agita un affare giallo, con grandi denti e unghie, saltellando ed incitando tutti ad avanzare: "Avanti Mennie! Non sarà quel muricciolo a fermarci!"

Il mammuth di testa sbuffa e tira dritto.

Una tigre dai denti a sciabola gli cammina accanto con gli occhi socchiusi e fissi alla Barriera, brontolando: "Spero che tu sappia dove ci stai portando, bradipo, perché altrimenti potrei davvero scordarmi che siamo amici!"

"Ma sì, ma sì, Diego! stai tranquillo! La porta dovrebbe essere proprio..ehm...dunque...se non ricordo male...."

Gli stupefatti GdN fissano il branco che ondeggia come cercando un passaggio, senza smettere di avanzare, mentre un'orda di minuscoli bradipi avanza e, invocando re-fuoco, cerca di piantare bastoncini nella Barriera e di accenderli per farla sciogliere!

Stannis e Jon si guardano, poi guardano melisandre che è rimasta (una volta tanto) congelata dalla sorpresa..."

 

L'ho detto che era un sogno demenziale.... <img alt=" />

Share this post


Link to post
Share on other sites

mitico!!!

"Mille anni di sfiga se tu uccidere re fuoco!!!"

e dopo puffi e improbabili burbe, ecco l'arrivo di manny & co.

ma c'era anche un'opossum di 9t ;)

...w i pomodori ripieni di tua mamma, e la sua mayonese dagli effetti "stupefacenti"!

più sogni, più sogni...

Share this post


Link to post
Share on other sites

Non fa che sognare strane letterine di messaggi cifrati, vero?

Più o meno...ma non solo. L'altra sera ho sognato di essere uno dei protagonisti di Camerà Cafè, in una puntato in cui continuavano a girare dappertutto piatti di pasta (ravioli, tortellini, bucatini, spaghetti, mezze penne...) alla ricotta e spinaci :)

Share this post


Link to post
Share on other sites

E' sicuramente un segno: per continuare a far sogni sulla saga devi mangiare pasta alla ricotta e spinaci!

Avanti, Primo Sognatore, dacci dentro, chè qui si aspetta con impazienza...

Share this post


Link to post
Share on other sites

Non so se è l'astinenza da nuovo Martin o se la pizza di ieri sera era particolarmente pesante....più la seconda che la prima, credo...cmq questo è quanto è passato stanotte per la mia mente addormentata.

 

Asha è tornata dal Lettore per chiedergli consiglio: a Deepwood Motte ha trovato degli strani accenni su qualcosa di oscuro e pericoloso, che non fa distinzione tra amici e nemici. Il Lettore può solo mostrarle un documento che parla di qualcosa di inarrestabile che scende dall'estremo settentrione, ma il documento è vecchio e mutilo e non dice di cosa si tratta né di come affrontarlo; le suggerisce di inviare qualcuno alla Barriera, dove forse i Confratelli Neri dovrebbero sapere qualcosa di più. Asha decide di andare lei stessa, dopo aver affidato ad i suoi fidi la difesa di Deepwood Motte ed al Lettore stesso l'incarico di rifornirli. Tristifer ha però ascoltato tutto di nascosto e come Asha si allontana sparisce anche lui...con l'intenzione di avvertire Euron.

La scena si sposta nella sala del trono del mare: Tristifer racconta ad Euron quanto ha sentito, ed Occhio di Corvo lo ringrazia e lo invia ad inseguire Asha, con l'ordine di riportarla e di scoprire cosa i Guardiani possono dirle. Quando Tristifer gli chiede se può tenere Asha per sé, Euron gli ricorda che sua nipote è sposata...quindi se lui vuole portarsela a letto sono affari suoi, ma se la vuole anche dopo dovrà fare i conti con il marito.

Congedato Tristifer, Euron rivolge l'attenzione a tre emissari inviatigli da Ramsay Bolton di Dreadfort, che gli consegnano due denti ed un pezzo di pelle strappati a Theon, e lo informano che se gli Ironborn non se ne andranno subito dal Nord saranno spazzati via. Euron ride ed ordina ai suoi uomini di prendere gli emissari: uno da consegnare ai sacerdoti perché sia annegato in sacrificio, uno da decapitare rimandandone la testa mozza con il terzo che, mutilato di mani, denti, orecchie e naso, dovrà rispondere testualmente che "Nessun uomo accetta consigli da Ramsay Snow, uno che ha ancora tutto da imparare!"

L'ultima scena riguarda gli Umber, gli zii di Grande Jon che, tornati ad Ultimo Focolare, trovano la fortezza devastate e la guarnigione massacrata, i cadaversi sparsi in giro, ma con poco sangue. Avanzando lentamente, con poche guardie, nella sala grande, devastata e con parecchi morti al pari di tutto il resto, trovano seduto sul seggio più alto un uomo vestito di nero, con il volto coperto da un cappuccio. prima che possano dire qualunque cosa, l'uomo in nero dice loro che l'avidità e l'ambizione sono cattivi consiglieri, che c'era e c'è una ragione se da sempre sono stati gli Stark i re e protettori del Nord, e che il loro motto era tutt'altro che casuale, ma i due Umber l'hanno volutamente dimenticato, al pari dei Bolton e di tanti altri, ed ora devono pagarne lo scotto o, se possibile, trovare il modo di rimediare.

una nebbia strana sembra avvolgere la sala, l'uomo in nero sparisce, ma gli Umber vedono emergere da quella stessa nebbia delle ombre dagli occhi azzurri....

Share this post


Link to post
Share on other sites

Cavoli! Vogli fare anch'io sogni sulle Cronache! <img alt=" />

 

Quindi il tuo inconscio dice che

Spoiler fino all'Ombra della Profezia

2c579c579a7582189125c3084377c37c'2c579c579a7582189125c3084377c37c

Theon è ancora vivo e sta venendo torturato a Forte Terrore? E' plausibile, io non me lo sono più chiesto dopo quell'ultima notte a Grande Inverno. Però sarebbe interessante se Martin lo ripescasse dopo così tanto tempo.

 

 

N.d. Qho

 

Ricordiamoci di segnalare anche i presunti spoiler. Meglio metterne uno in più che uno in meno <img alt=" />

Share this post


Link to post
Share on other sites

Ho sognato che Jaqen H'ghar mi aveva affidato la missione di uccidere della gente. Ogni persona apparteneva ad una casata diversa e dovevo ucciderla una per volta. Ogni uccisione diventava sempre più difficile da compiere (come livello di difficoltà dell'impresa). Dopo ogni uccisione dovevo tagliare la testa alla vittima e andare a incastrarla dentro una specie di grande ruota, in una nicchia apposita. Vicino a ogni nicchia era dipinto il simbolo di una casata e dovevo metterci dentro la testa corrispondente. Dopo averlo fatto, dovevo ogni volta andare a cercare Jaqen in un punto (ogni volta diverso) della metropolitana di Milano <img alt=" /> , incontrarlo e farmi dare le istruzioni per la prossima uccisione.

Ricordo che man mano portavo a termine le imprese più difficili, mi sentivo soddisfatta e orgogliosa delle mie abilità. Però delle volte davvero cercare Jaqen per tutta la metropolitana era scocciante <img alt=" />

Il sogno è finito dopo che sono arrivata a un livello abbastanza avanzato della missione. Dopo l'ennesima uccisione ho trovato Jaqen nella linea rossa della metro, in cima a delle scale (io ero in fondo alle scale e lo guardavo dal basso verso l'alto). Però lui mi ha detto che mi ero dimenticata di incastrare nella ruota l'ultima testa. Allora io sapevo che dovevo tornare indietro per metterla e tornare solo dopo da Jaqen.

Basta, è finito così.

 

... boh <img alt=" />

Share this post


Link to post
Share on other sites

×
×
  • Create New...