Jump to content
Sign in to follow this  
Drogon

serie tv

Recommended Posts

Anche se in effetti chissà perchè il mito arturiano deve essere sempre rimaneggiato e pasticciato. Chissà se anche questa volta ci sarà la derivazione romana.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Ho guardato la prima di Curon. Penso che sarà anche l'ultima.

 

Disclaimer: sono allergico al cinema/tv italiani. Un brivido mi corre lungo la schiena quasi sempre quando iniziano a parlare, e anche dal punto di vista tecnico, anche se sono migliorati parecchio, ho sempre la sensazione che cerchino di scimmiottare gli americani con un decennio di ritardo.

 

Detto questo, potevo non guardare una serie ambientata presso il suggestivo "campanile di Resia", a 45 minuti da qui? Certo che no! Munito di forza di volontà e di mezzo chilo di cortisone mi sono cimentato. E il resto lo metto sotto spoiler.

 

Spoiler

Dal punto di vista tecnico, nulla da dire. Sembra una tra le tante serie tv europee recenti, vedi Dark e compagnia. Non mi sono assolutamente chiare alcune scelte fotografiche, come nel prologo dove ci sono una dozzina di lampade accese, e oltre a queste, luci nascoste di tutti i colori che pare di essere al luna park. Come ambientazione poteva ricordare Hill House, ma non lo dico perchè il confronto sarebbe impietoso. Ops.

 

La recitazione. Niente, non riesco ad abituarmici, mi spiace. Frasi biascicate, o appena mormorate, penso di non aver capito una frase ogni 3. La protagonista sembra cavarsela, nonostante i dialoghi che le danno (vedi dopo), ma gli altri, mamma mia. Non voglio essere eccessivamente impietoso, deve essere anche una mia forma mentale.

 

I dialoghi. I DIALOGHI!!!! Santo cielo, I DIALOGHI!!! Ma che roba è??? La prima scena che vede i protagonisti in auto, la prima scena in assoluto, infodump come se piovesse!!! Ma che bisogno c'era??? 5 minuti dopo sono a casa del nonno che non sapeva del loro arrivo, ogni spiegazione allo spettatore poteva essere data in quella occasione, mentre lo si spiegava al nonno!!! Che bisogno c'era di fare infodump nella primissima scena, tra l'altro persino la madre ad un certo punto dice "ne abbiamo già parlato tante volte"!!

Ora, i polli gonfiati saranno anche più grossi, ma non sono più buoni. Inserire una parolaccia ogni 5 parole normali non aumenta la qualità dei dialoghi. Come in praticamente ogni serie tv italiana in cui mi sono imbattuto, i dialoghi sono bizzarri: per nulla interessanti, capacità di sintesi 0 e non sembrano focalizzarsi sull'economia della scena. Non è che perchè è un teenager e ci butti dentro qualche c***o allora hai un buon dialogo. Da questo primo episodio potresti togliere il 50% dei dialoghi e funzionerebbe benissimo. Infatti, le scene che funzionano meglio sono quelle silenziose.

 

La fiera dei luoghi comuni: la figlia ribelle e molto "teenager", i bulli il primo giorno di scuola, il nonno che fa il misterioso, l'ex amore che non si vedeva da tempo, etc etc. Poi, lo dico per completezza, a Curon i "nativi" non parlano con cadenza veneta: si chiama Sùdtirol-Alto Adige per una ragione.

 

L'ambientazione dov'è? Ci sono alcuni scorci del lago, perlopiù notturni, ma altro non si vede! Lo confronto con altre serie, vedi Black Spot, La foresta, Bordertown, se ben ricordo anche Dark, sono piene di paesaggi: l'ambientazione è un personaggio a sè stante, serve a trasmettere minaccia, claustrofobia o, al contrario, meraviglia e bellezza. In una serie chiamata Curon, Curon la devi far vedere subito! Non credo di aver visto neppure l'albergo da fuori, nonostante metà dell'episodio si svolga là e quello è il centro del mistero. Come se in Hill House non facessero vedere L'esterno di Hill House!

 

Comportamenti insensati a catinelle. La sorella che la prima cosa che fa appena arrivata a scuola è attaccare briga, la mamma che si preoccupa di mettere la felpa al figlio e che la figlia non stia troppo con il cellulare ma che poi non dice nulla ai figli che sono fuori tutta la notte in un posto nuovo con chissà chi. C'è il padre dei ragazzi da cui la protagonista sembra scappare, ma non si capisce assolutamente perchè (centrerà qualcosa? O è solamente un modo per inserire la "povera famiglia vittima di un marito/compagno violento"?)

Quando la protagonista vede il lupo fa notare al padre, che cerca di addestrarlo, che non è un cane, ma un "c***o di lupo"). Bene, evidentemente lei che è via da 17 anni sa meglio di lui cosa può e non può fare con un lupo.

I ragazzi che fanno un rave party in un bunker (mai sentiti, non escludo che li facciano davvero) e che vanno in massa con le auto nel bosco. Siccome quelli sono compagni di classe e hanno 17 anni, chi guida? Perchè non siamo negli USA..

 

Mah, non lo so. Fosse stato americano sarei probabilmente meno critico, ma non necessariamente mi sarebbe piaciuto. La storia potrà anche intrigare, ma l'esecuzione proprio non riesco a digerirla. Dialoghi poco efficaci, alcuni momenti registici involontariamente umoristici, personaggi nè simpatici nè (in gran parte) antipatici.

 

Non lo so: qualcuno lo ha visto? Migliora? Per quanto mi riguarda, mi sono tolto la curiosità e non andrò avanti. Peccato: alcuni elementi interessanti c'erano senz'altro.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Uhm mamma! Dalla tua recensione sarei curiosissima di vedere un tale disastro (mi fa pensare ai recenti tentativi di scimmiottare appunto le serie TV americane visti per esempio in Il nome della rosa - orrendo!) ma purtroppo il mio rinnovo a Netflix aspetterà ancora parecchio. C'è anche il film sui Fire Saga disponibile ora :blink:

Share this post


Link to post
Share on other sites

I know this much is true

 

Miniserie tratta da un romanzo di Wally Lamb, di cui interpete principale è Mark Ruffalo, nel ruolo di due gemelli identici di cui uno però soffre di schizofrenia.

 

Vi dico solo che ho visto per ora tre puntate su sei e ho praticamente pianto tutto il tempo :ehmmm:

L'interpretazione di Ruffalo mi ha davvero colpita, lo avevo sempre visto in ruolo "sciocchini" come Hulk, mai in uno così drammatico. Si merita un premio.

La storia ti fa riflettere perché riesci ad empatizzare sia col fratello malato che con il peso dell'essere il fratello che se ne deve occupare. La serie viaggia su diversi archi temporali in modo da farti conoscere anche l'infanzia, l'adolescenza dei due fratelli e come le vicende familiari hanno influito su di loro.

 

Voto 9

Share this post


Link to post
Share on other sites
%d/%m/%Y %i:%s, Lyra Stark dice:

Dalla tua recensione sarei curiosissima di vedere un tale disastro

 

Non lo definirei davvero un disastro e in ogni caso la mia opinione é decisamente biased. Sono assolutamente convinto che chi é piú avvezzo di me al cinema/tv italiani potrebbe anche trovarlo interessante. Come detto, escludendo l'audio e sorvolando su alcune sequenze un pó meh, potrebbe anche sembrare "roba buona".

 

A parte i terrificanti dialoghi (avete presente gli assoli improvvisati? Saranno anche "naturali", ma spesso mancano di struttura, di climax, di quella efficacia che hanno gli assoli studiati e preparati con cura per integrarsi nella canzone. Ecco, i dialoghi di queste serie tv italiane sembrano cosí).

Quello che non mi capacito é la recitazione: attori esperti che pronunciano frasi a cui é impossibile credere, con intonazioni ed enfasi fuori contesto, dizione opinabile. Attori secondari che, in pasoliniana memoria, sembra sia la prima volta che recitano perché presi direttamente sul posto. Scene non giustificate come ad esempio:

 

Spoiler

La madre che in un attacco di nervosismo incontrollabile, molla il volante dell'auto per chiudere il finestrino opposto "vuoi chiudere quel c***o di finestrino!?" facendo sbandare la macchina e causando quasi un incidente. Una scena cosí sarebbe accettabile solo come climax di un crescendo di tensione: ma chi mai, sano di mente, farebbe una cosa cosí se non in evidente, enorme crisi di nervi? Eppure la madre, fino a poco prima, aveva conversato normalmente con i figli, 10 secondi prima aveva anche "giocato" con il figlio. Cosa vuoi dirmi con questa scena? Che é una psicolabile che potrebbe far fuori tutti in un qualsiasi episodio? Ma stona con tutte le altre scene, con la caratterizzazione del personaggio. E allora una azione cosí maldestra e improvvisa come la giustifichi?

 

Share this post


Link to post
Share on other sites

mah guarda ho presente questo tipo di problematiche in altre serie (ma anche film) italiane recenti ispirate a quelle "europee o americane" e in effetti l'effetto finale è piuttosto buffo ^^". Poi se mi dici che hanno pure tentato di scimmiottare l'accento veneto, devo vederla assolutamente! 

Share this post


Link to post
Share on other sites

Ho visto la ottava (mi pare?) di Suits. Pensavo che andato via il personaggio di Mike e moglie la serie avrebbe seriamente perso, un pó come, ad esempio, le ultime stagioni di Misfits etc. Sono rimasto sorpreso nel vedere come siano riusciti a ricreare nuovi equilibri usando nuovi personaggi, dando nuovo spessore a vecchi, e facendone evolvere altri (uno su tutti Luis, che da antipaticissimo personaggio nelle prime stagioni lo hanno fatto diventare proprio interessante e divertente).

 

Sono peró contento che con la prossima finiscano, penso che stiano abbondantemente riciclando le idee e l'alchimia tra i personaggi non puó bastare in eterno.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Ah allora potrai dare un'opinione con cognizione di causa sulla recitazione di Meghan Markle :blink:

Share this post


Link to post
Share on other sites

Ho visto per caso uno spezzone di un film per la tv in cui c'era lei... Mamma mia, sicuramente non ha conquistato il principe per le sue doti attoriali :excl2:

Share this post


Link to post
Share on other sites

Ad essere sincero, guardando film e serie doppiati mi é un pó difficile fare questo tipo di valutazioni... :ehmmm:

Share this post


Link to post
Share on other sites
7 hours fa, Zio Frank dice:

Non finirò mai di ringraziare chi me l'ha segnalata 

The Boys 

Mi auto aggiorno, ho finito la stagione 1 ,unica uscita ,e in attesa della 2 in uscita il 4 settembre su Amazon prime 

Per amanti dei supereroi, anche solo conoscenza parziale da cinecomic,  è una grande cosa .

Immaginate un mondo dove i super esistono , mandati con poteri alle loro madri da Dio (si si non vi spoilero ma insomma ) . La criminalità è ai minimi , social network, tv, cinema sono invasi dai veri super .

Il nostro protagonista è con la sua fidanzata per strada quando qualcosa la travolge riducendola ad una poltiglia, lasciandoal nostro solo le sue mani fra le sue , è stato A-train  (versione di questa serie di flash) a travolgerla a 1000 km l'ora , diciamo che era non proprio sobrio .

Il nostro protagonista incontrerà gli altri protagonisti. 

Un uomo ,ex servizi,a cui patriota (versione fusione di Superman cap America e giudice dredd) Ha stuprato la moglie 

Starlight, Annie, una giovane super selezionata per entrare nei "sette" (justice League o avengers)  a cui viene chiesto sesso orale da un superiore al primo giorno 

Ed altri da scoprire in questo magico mondo raccontato in uno stile crudissimo ma scanzonato il giusto 

Share this post


Link to post
Share on other sites
18 minutes fa, Zio Frank dice:

justice League

I 7 sono proprio ispirati alla Justice League, gli Avengers sono altri nel fumetto.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now
Sign in to follow this  

×
×
  • Create New...