Jump to content
Sign in to follow this  
sharingan

Politica internazionale

Recommended Posts

Ancora queste notizie di terza guerra mondiale?

Chi ne ha veramente interesse, a parte gli scarafaggi che credo siano gli unici esseri viventi capaci di sopravvivere a un disastro nucleare?

Share this post


Link to post
Share on other sites

Gli scarafaggi hanno piú cervello di noi umani ahimé, cmq leggetevi questo post sulle parole di Kissinger e poi non ditemi che sono solo io il gufo, ben inteso il sottoscritto si augura che siano tutte panzane....

 

11954582_872147522854749_173934275158780

Share this post


Link to post
Share on other sites

Ben ritrovati.

Mi sembra che questa sia la discussione giusta per chiedere cosa ne pensate del TTIP (Transatlantic Trade and Investment Partnership), il trattato di libero scambio fra UE ed USA il cui iter di ratifica sta procedendo in modo estremamente discreto presso la Commissione Europea.

I mezzi d'informazione di massa evitano accuratamente di parlarne, io sono venuta a conoscenza della sua esistenza e di quella del movimento che vi si oppone solo tramite Greenpeace ed il sito del periodico "Internazionale"

Edited by Alyssa Arryn

Share this post


Link to post
Share on other sites

Personalmente sono abbastanza preoccupata per questo TTIP. Ne sono venuta casualmente a conoscenza guardando una puntata di Report. Ufficialmente si tratta di un accordo per favorire gli scambi e le esportazioni tra USA e UE eliminando i vari dazi doganali e le varie norme, cosa che non sembrerebbe poi male di per se, ma il fatto che il tutto si stia svolgendo con accordi quasi segreti tra poche persone fa temere il peggio.

 

A quello che ho capito il problema è che i vari standard europei ed americani dovrebbero unificarsi, e questo vuol dire che gli standard europei si abbasserebbero (a tutto danno dei cittadini). Tra i settori più colpiti ci sarebbero l'agricoltura e l'alimentare, verrebbero tolte le norme europee sui pesticidi (in USA il principio di precauzione non esiste, una sostanza chimica è ritenuta sicura fino a prova contraria) e sull'etichettatura dei prodotti favorendo così principalmente i prodotti delle multinazionali. Questo significherebbe distruggere le produzioni agricole locali e la qualità del cibo che mangiamo, praticamente il contrario del messaggio che sta tentando di dare l'Expo di Milano!

Un'altra cosa preoccupante è poi l'istituzione di un tribunale per le multinazionali: se una di queste ritiene che le normative di uno Stato sono di intralcio ai suoi interessi può citare in giudizio lo Stato stesso. A quanto pare cose di questo genere si sono già verificate. In Egitto una società straniera che aveva l'appalto per smaltire i rifiuti ha dovuto aumentare lo stipendio minimo ai lavoratori e perciò ha chiesto il risarcimento all'Egitto; l'Uruguay è stato citato per danni da una multinazionale del tabacco per la pubblicità antifumo.

In pratica per gli Stati sarà sempre più difficile far valere i principi di tutela del lavoro e difesa della salute e dell'ambiente, saranno sempre più inermi davanti al potere delle multinazionali.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Il TTIP è un'autentica iattura io direi anche peggio ma mi debbo contenere.

 

Il Ttip consentirebbe alla finanza internazionale e alle multinazionali di piegare le leggi degli stati nazionali ai loro interessi, compromettendo la tutela dell’ambiente e della salute, la riconoscibilità dei prodotti alimentari italiani, i diritti dei lavoratori già molto compromessi e tanto altro ancora. Leggetevi questi due articoli e cominciate a preoccuparvi:

 

http://www.ilfattoalimentare.it/ttip-ue-usa-sicurezza.html

 

http://www.corriere.it/inchieste/reportime/economia/ogmormoni-antibiotici-rischi-trattato-segreto-usa-europa/85481b02-56ec-11e4-ad9c-57a7e1c5a779.shtml

Share this post


Link to post
Share on other sites

Riporto questa notizia che se avesse conferme future vedrebbe gli USA come finanziatori dietro a questa ondata attuale migratoria senza precedenti in europa volta a portare il caos nel vecchio continente. Dato che l'articolo riporta rimandi e fonti secondo me serie ve lo propongo pronto a eventuali aggiunte o smentite:

 

http://www.maurizioblondet.it/negri-e-scafisti-finanziati-dagli-usa/

Share this post


Link to post
Share on other sites

Parla Edward Snowden l'ex agente della NSA che ha rivelato gli scandali di spionaggio compiuti dal suo paese ed ora sotto protezione in Russia; se ciò che dice fosse vero saremmo difronte alla più grande macchinazione e cospirazione della Storia. Secondo Snowden Bin Laden è vivo, si trova alle Bahamas nei lussi e negli agi:

 

http://worldnewsdailyreport.com/bin-laden-is-alive-and-well-in-the-bahamas-says-edward-snowden/

Share this post


Link to post
Share on other sites

in GB c'è chi vorrebbe fare marcia indietro da Schengen: http://www.corriere.it/esteri/15_agosto_30/migranti-londra-schengen-causa-stragi-stop-anche-europei-da3442ae-4f0b-11e5-ad01-b0aa98932a57.shtml?cmpid=SF020103COR

 

Personalmente, l'ho sempre ritenuta una grande prova di apertura e di unione tra Paesi Europei (EU e non). Da quanto leggo si gettano invece le basi di una selezione all'ingresso sul modello statunitense. Che ne pensate?

Share this post


Link to post
Share on other sites

In verità non saprei che dire; posso solo portare l'esperienza indiretta avuta da due inglesi che ho conosciuto in vacanza quest'anno e che mi hanno raccontato che anche da loro l'immigrazione è un problema. Loro vivono a Londra e quotidianamente si leggono sui giornali o si sente ai TG di persone morte nel tentativo di attraversare il tunnel sotto la Manica a piedi. Addirittura ci sono stati casi di persone nascoste nei carrelli degli aerei che o sono morte assiderate o, all'apertura dei carrelli, sono caduti sfracellandosi al suolo o sui tetti delle case....

Anche Francia e Germania hanno simili problemi migratori, per non parlare della Grecia......quest'anno in vacanza mi sono fatta una certa "cultura" in merito e, tutti coloro con cui ho parlato dicono le stesse cose, a prescindere dalla nazione da cui provengono. E' ora che l'Europa affronti la cosa in modo coerente e responsabile.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Riguardo i TTIP: sarebbero positivi solo se gli standard (bassi) americani si uniformassero agli standard (alti) europei in materia di qualità e sicurezza dei prodotti. Ma ovviamente questo è assurdo, quindi sì, c'è da preoccuparsi

Share this post


Link to post
Share on other sites

Una notizia curiosa oggi sulla scena internazionale: pare che dopo oltre un secolo la Nuova Zelanda voglia cambiare bandiera per abbandonare l'attuale vessillo simbolo del colonialismo inglese e così simile alla bandiera australiana. Personalmente ne sarei contento, non vedo perché una nazione debba avere nella sua bandiera l'immagine di un altro paese che per di più era il tuo padrone. Se cambiano fanno solo bene come fece alcuni decenni fa il Canada che anch'essa aveva nella sua bandiera quella della GBR. Voi che ne pensate?

 

 

http://www.formiche.net/2015/09/01/quale-sara-la-nuova-bandiera-della-nuova-zelanda/

Share this post


Link to post
Share on other sites

Non sono d'accordo al 100%.

 

Capisco il motivo per cui possa non piacere. Tuttavia, dopo tanto tempo la bandiera, qualche che sia la sua origine, diventa simbolo di identità e storia di una nazione, oltre che traccia di un passato da non dimenticare. Non sono però australiana per cui non riesco a mettermi nei loro panni.

 

Penso che, per esempio, sarebbe strano per me avere una bandiera diversa.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Boh, mi spiace sempre quando una vecchia bandiera viene sostituita ma comprendo le motivazioni... Non so voi ma a me piace un sacco recuperare vecchie mappe, altlanti, mappamondi ecc... e andare a vedere i vari cambiamenti avvenuti nel corso del tempo, bandiere incluse...

Share this post


Link to post
Share on other sites

Parla Edward Snowden l'ex agente della NSA che ha rivelato gli scandali di spionaggio compiuti dal suo paese ed ora sotto protezione in Russia; se ciò che dice fosse vero saremmo difronte alla più grande macchinazione e cospirazione della Storia. Secondo Snowden Bin Laden è vivo, si trova alle Bahamas nei lussi e negli agi:

 

http://worldnewsdailyreport.com/bin-laden-is-alive-and-well-in-the-bahamas-says-edward-snowden/

Bufala di proporzioni esagerate :P

 

Vedi Butac (Bufale un tanto al chilo) per tutti i riferimenti.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now
Sign in to follow this  

×
×
  • Create New...