Jump to content

Politica internazionale


Recommended Posts

Come ormai noto, pochi giorni fa sono rimasti uccisi in un agguato l'ambasciatore italiano in Congo Luca Attanasio, il carabiniere Vittorio Iacovacci e il loro autista Mustapha Milambo mentre il loro convoglio privo di scorta procedeva lungo una strada considerata sicura nell'Est del Paese. Ancora sconosciuti gli autori dei delitti e le motivazioni, anche se pare si sia trattato di un tentativo di rapimento andato male.

 

https://www.ansa.it/sito/notizie/mondo/africa/2021/02/22/attacco-in-congo-morto-lambasciatore-italiano-luca-attanasio_7fd541f4-76ef-4f7f-8f49-cae681e7c1a3.html

 

Link to post
Share on other sites
  • Replies 2.6k
  • Created
  • Last Reply

Top Posters In This Topic

12 minuti fa, Euron Gioiagrigia ha scritto:

Come ormai noto, pochi giorni fa sono rimasti uccisi in un agguato l'ambasciatore italiano in Congo Luca Attanasio, il carabiniere Vittorio Iacovacci e il loro autista Mustapha Milambo mentre il loro convoglio privo di scorta procedeva lungo una strada considerata sicura nell'Est del Paese. Ancora sconosciuti gli autori dei delitti e le motivazioni, anche se pare si sia trattato di un tentativo di rapimento andato male.

 

https://www.ansa.it/sito/notizie/mondo/africa/2021/02/22/attacco-in-congo-morto-lambasciatore-italiano-luca-attanasio_7fd541f4-76ef-4f7f-8f49-cae681e7c1a3.html

 

Ovviamente i sovranisti non si sono stati zitti

 

Stanno tutti inneggiando alla guerra contro il Congo e riempiendo di insulti Mattarella e Di Maio. 

 

 

Link to post
Share on other sites

Ovviamente ai sovranisti sfugge che è morto (come da me riportato) anche l'autista congolese del convoglio, ma per loro ovviamente non conta nulla.

Tra parentesi, non si capisce contro chi fare la guerra visto che è probabile che l'agguato sia stato fatto da banditi comuni, o comunque da gruppi ribelli/terroristici che di certo non sono rappresentati da uno stato ufficiale.

@King Glice ovviamente mi aspetto da te immagini e post dalle suddette pagine social sovraniste :stralol:

Link to post
Share on other sites
10 ore fa, joramun ha scritto:

Io però non capisco questa ostinazione nel dare risonanza a questi contenuti da pagine dell'Ultra destra.
Cioè quale sarebbe il senso, l'obiettivo?

Far vedere come ragiona certa gente. 

 

C'è un motivo se Salvini e la Meloni sono arrivati dove sono. 

 

 

Ma pure Trump

Link to post
Share on other sites

Si ma lo sappiamo che esiste gente che ragiona così, non vedo come il ripostare a ripetizione i loro contenuti possa aiutare. Temo anzi che possa portare a una normalizzazione e a una memeificazione del tutto.

Link to post
Share on other sites
  • 2 weeks later...

La Corte Suprema brasiliana, o meglio un suo Giudice, ha annullato (per vizio di rito, da quel che ho capito) le condanne dell'ex Presidente Lula (che potrebbe quindi ricandidarsi nel 2022) scaturite dalla Tangentopoli verdeoro.

 

 

E' importante notare che questa vicenda giudiziaria ("Operazione Autolavaggio") gli ha impedito di partecipare, da favorito (dopo aver già vinto quelle del 2002 e 2006), alle Elezioni Presidenziali 2018. La Costituzione BRA (sulla falsa riga di quella USA) prevede che un Presidente possa ricandidarsi dopo 2 mandati, purchè non consecutivamente. Nel 2010 e 2014 a candidarsi e vincere era perciò stata una sua stretta collaboratrice, la Rousseff, anche lei del PT e anche lei coinvolta nell'inchiesta, a causa della quale ha subito impeachment e deposizione.

Insomma, di fatto quell'operazione ha interrotto un periodo di 4 (e potenzialmente più) mandati presidenziali consecutivi vinti da candidati "di sinistra" (per questa volta mi concedo anche io il lusso), spianando la strada a un populista di estrema destra come Bolsonaro, ex militare (l'ultima dittatura da quelle parti è andata avanti dai Sessanta agli Ottanta). Non solo, Bolsonaro ha poi prontamente nominato Ministro della Giustizia proprio il potente giudice Sergio Moro che aveva condotto la Autolavaggio.

 


Ora, io ovviamente non posso conoscere i fatti nel merito. Nè vorrei farmi sviare da un pregiudizio positivo nei confronti di Lula(&co) in quanto "brav'uomo di sinistra". Può darsi che corruzione ci sia stata. Però qua mi sembra che indizi per avanzare qualche sospetto (di golpe giudiziario), in effetti ce ne siano.

 

 

 Intanto ieri mi sono imbattuto in questo tweet :
 

 

Link to post
Share on other sites

Ieri è stato il decimo anniversario delle prime proteste in Siria contro il regime di Assad. Oggi la Siria è un paese distrutto e "balcanizzato", come afferma il seguente articolo, e la pandemia ha ulteriormente peggiorato le cose: https://www.ilpost.it/2021/03/15/guerra-in-siria-dieci-anno/

 

Linko anche un'immagine tratta dall'articolo che illustra la situazione di divisione politica e militare del Paese.

 

siria.png?x72029

Link to post
Share on other sites

Gli USA sono sempre stati nemici della Russia. Soltanto con Trump si era passati oltre, perchè Donald era pappa e ciccia con Putin (ma non perdeva occasione per attaccare Cina e Iran)

Link to post
Share on other sites

In realtà USA e Russia sono diventante nemiche "solo" nella seconda metà del Novecento, per giunta molto più ideologicamente che geopoliticamente. E' stato un lungo (ma neanche così lungo) copione, recitato più o meno bene da entrambe (con la differenza che una era l'attrice protagonista, l'altra faceva da sparring partner), necessario per "vendere" all'esterno, così come al proprio interno, il rispettivo impegno imperialista globale.

 

Ma è il Regno Unito, la superpotenza mondiale che gli Stati Uniti hanno sostituito nel Ventesimo secolo, ed è la Cina, quella che potrà tentare (con difficoltà molto maggiori) di fare lo stesso nel Ventunesimo. E soprattutto la ricca, produttiva, industrializzata preda contesa, quella che si è ritrovata nel bel mezzo del ring, letteralmente occupata da entrambe, che oggi come allora è quella realmente esposta geograficamente, militarmente e non ultimo energeticamente, è l'Europa continentale (insieme al Giappone). Tutti campi in cui gli Stati Uniti godono invece di una pressochè totale indipendenza strategica (motivo per cui possono permettersi di parlare e agire molto più liberamente).

Link to post
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now

×
×
  • Create New...