Jump to content
Sign in to follow this  
Brynden "PesceNero"

Consigli sulla lettura

Recommended Posts

Di Gemmel ho letto la saga di Alessandro Magno... decisamente troppo romanzata, così come lo è la saga arturiana di Lawhead (Taliesin - Merlin - Arthur) che non mi ha convinto del tutto, perché c'era una forzatura di tipo religioso nella conversione di Merlin al cristianesimo, che non regge... <img alt=" />

Insomma è mille volte meglio la grande saga di Avalon della Zimmer Bradely, che è un capolavoro e una pietra miliare nella storia del fantasy. Consiglio a chi non l'ha letta di rimediare quanto prima.

Inoltre suggersico come consiglio di lettura la saga vichinga di Harry Harrison, editrice notrd: "la via degli dei", "Il trono di Asgard" e "Il re e l'impero": è veramente avvincente! ;)<img alt=" /><img alt=" />

Share this post


Link to post
Share on other sites

oddio, io la braedley proprio non la reggo <img alt=" />;)<img alt=" /><img alt=" />

Share this post


Link to post
Share on other sites

lo dirò fino alla morte: se non l'avete ancora fatto leggete gemmel, è impossibile che non piaccia <img alt=" /><img alt=" /><img alt=" /><img alt=" />

consiglio la saga dei drenai, anche se pure quella dei rigante è stupenda.

unico problema: i libri di gemmel non sono facili da trovare in giro <img alt=" />

 

Non mi trovi completamente d'accordo con te.

 

E' possibilissimo che Gemmell non piaccia....o almeno che non soddisfi del tutto, come è successo a me.

 

Gemmell è capace di creare situazione epiche come nessun'altro (a parte Erikson). Ma per quanto riguarda la magia non è mai stato capace di renderla un filo coerente. Il fattore magico nei suoi libri interviene a casaccio, giusto per far comodo all'autore. Resta comunque un'autore ottimo. Ma non soddisfa completamente tutti. <img alt=" />

 

Bry <img alt=" />

 

oddio, io la braedley proprio non la reggo

QUOTO!!!! ;)

Share this post


Link to post
Share on other sites

Beh, in molti la trovano un po' troppo femminista. E magari non hanno proprio torto <img alt=">

Share this post


Link to post
Share on other sites

 

 

oddio, io la braedley proprio non la reggo

QUOTO!!!! <img alt=" />

 

Anche a te chiedo: come mai non reggi la bradley? <img alt=" /><img alt=" /><img alt=" />

 

Ho avuto il dispiacere di leggere "Le nebbie di Avalon" ed oltre ad averlo trovato ricco delle "solite cose" sono riuscito a malapena a finirlo. In effetti il femminismo regna da padrone <img alt=" /> No, la Bradley proprio non fa per me.

 

Tuttavia ha un grande pregio....senza alcun dubbio!!! E' l'unica scrittrice che riesce a pubblicare libri a rullo anche da morta <img alt=" />

Share this post


Link to post
Share on other sites

quoto brynden....

e poi scrive troppo da donna, non so se mi spiego.....

Share this post


Link to post
Share on other sites

Il suo femminismo era per me il grande elemento di originalità della sua versione sul ciclo arturiano. La storia non è più vista dal solito merlino o dal solito artù, ma dalle grandi figure femminili come Viviana, la dama del lago; sua sorella Igraine, la madre di artù; e sopratutto Morgana, la sorella del re, che qui finalmente appare in una luce positiva dopo che per secoli era stata considerata una strega e una incestuosa volontaria, manco fosse Cersei Lannister... Io lessi le nebbie di avalon a 12 anni e mi piacquero molto, tanto che poi ho letto anche gli altri libri del ciclo, compresi, recentemente, quelli postumi.

Pur rispettando, ovviamente, i pareri contrari di Neschira, Brynden e Drogon, ribadisco che il femminismo della bradley è proprio l'ingrediente migliore dei suoi romanzi, e lo dico da maschio!

Io sono aperto a tutte le voci, sia quella virile e ironica di Martin, sia quella femminile e delicata della Bradley. Comunque, de gustibus non est disputandum, a meno che qualcuno non voglia fare un topic di cofronto tra questi autori, ma penso che, giustamente, Martin stravincerebbe. E questo non perché la Bradely valga poco, ma perché zio Martin è insuperabile... e su questo credo che siamo tutti d'accordo!

<img alt=" /><img alt=" /><img alt=" />

Share this post


Link to post
Share on other sites

E questo non perché la Bradely valga poco, ma perché zio Martin è insuperabile... e su questo credo che siamo tutti d'accordo!

<img alt=" /><img alt=" /><img alt=" />

 

ehm...'nsomma...detto fra noi...

<img alt=" />

riesco a non essere d'accordo su entrambe le affermazioni.

sono anch'io parecchio allergica al femminismo militante (e stucchevole) della bradley e non considero martin insuperabile e neppure il migliore scrittore fantasy attualmente attivo.

di certo, rispetto alla bradley, è un asso.

<img alt=" />

Share this post


Link to post
Share on other sites

Il femminismo della vecchietta non è una tragedia certo...del resto anche lei ha cominciato a scrivere quando i racconti firmati da donne nemmeno venivano accettati, ovvio che sentisse un po' il bisogno di rivalsa <img alt=">

 

Però è un gran peccato che spesso soffochi degli spunti migliori nei suoi libri (soprattutto quelli a metà della sua produzione..agli ultimi non ci sono arrivata!).

 

E' un po' come se nei libri meno riusciti rimanesse quest'unico argomento - anche perchè a molti critici poco aperti aveva davvero dato fastidio la cosa e le polemiche fanno vendere :P -ma una che scrive così tanti libri non può limitarsi così.

Share this post


Link to post
Share on other sites

non considero martin insuperabile e neppure il migliore scrittore fantasy attualmente attivo.

di certo, rispetto alla bradley, è un asso.

<img alt=" />

 

quali autori di fantasy preferisci? <img alt=" /><img alt=" /><img alt=" /><img alt=" />

 

E' un po' come se nei libri meno riusciti rimanesse quest'unico argomento - anche perchè a molti critici poco aperti aveva davvero dato fastidio la cosa e le polemiche fanno vendere :P -ma una che scrive così tanti libri non può limitarsi così.

 

Io non ho letto la saga di Darkover, per cui mi limito alla saga di Avalon. Credo che almeno "Le nebbie di Avalon" possa considerarsi un grande romanzo di fantasy, e a mio avviso un vero capolavoro. E' strano come il femminismo della Zimmer Bradley urti quasi di più le lettrici dei lettori. Io, da maschio, ho trovato molto interessante questo approfondimento del punto di vista femminile. <img alt=" /><img alt=" /><img alt=" />

Share this post


Link to post
Share on other sites

beh, meglio di martin direi erikson... poi c'è chi mette sopra jordan, per me sono cmq pari.

e non dimentichiamo tolkien <img alt=" />

certo, se siamo qui è perchè lo zione è un grande, e su questo non si discute <img alt=" /><img alt=" />

Share this post


Link to post
Share on other sites

beh, meglio di martin direi erikson... poi c'è chi mette sopra jordan, per me sono cmq pari.

e non dimentichiamo tolkien <img alt=" />

certo, se siamo qui è perchè lo zione è un grande, e su questo non si discute <img alt=" /><img alt=" />

 

erikson non lo conosco, mi puoi dare qualche indicazione su questo autore? <img alt=" /><img alt=" /><img alt=" />

jordan, per me, è decisamente peggio di martin: più va avanti con la saga, più i libri diventano noiosi e prolissi, e i personaggi sono poco coinvolgenti, le conversazioni sono bambinesche, c'è troppa magia, troppi mostriciattoli, troppi reietti... insomma, io ho ancora due romanzi suoi nel cassetto, ma non ho voglia di mettermi a leggere, mentre aspetto sempre con ansia ogni minima cosa pubblicata da martin... <img alt=" />

tolkien è fuori concorso: è come omero, o come dante... non è possibile paragonarlo con gli altri, come è emerso dal topic al riguardo, a cui rimando i lettori... <img alt=" /><img alt=" /><img alt=" />

Share this post


Link to post
Share on other sites

tolkien secondo me non è poi così fuori corso....

parliamo cmq di 50 anni fa, non poi tanto.... jordan io sono al quarto libro della saga della ruota del tempo e finora mi piace, non so dirti se andando avanti peggiora... nel caso cambierò il mio parere, si è sempre a tempo. <img alt=" />

erikson è piuttosto complesso come autore ma è vermente bello da leggere.....

i giardini della luna (primo della caduta di malazan) è un ottimo libro, un po' pesante solo l'inizio ma poi diventa bellissimo.

consiglio; se leggi fantasy da un po' è veramente bello, in caso contrario secondo me non lo apprezzi.

cmq a mio parere è un autore che non dà spazio a mezze misure, o si ama o si odia.

ciao <img alt=" />

Share this post


Link to post
Share on other sites

Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Guest
Reply to this topic...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

Sign in to follow this  

×
×
  • Create New...